Stampa
Categoria: 2014
Visite: 1602

Tipologia: Accordo
Data firma: 24 luglio 2014
Validità: 31.12.2016
Parti: Theobroma/Unindustria, e Flai-Cgil e RSU
Settori: Agroindustriale, Theobroma Como
Fonte: flai.lombardia.it

Sommario:

  1. Informazioni
2. Relazioni sindacali
3. Ambiente, igiene e sicurezza del lavoro
4. Organizzazione del lavoro
  5. Occupazione
6. Premio per obiettivi
7. Dichiarazione sulla decontribuzione e detassazione
8. Durata dell'accordo

Addì 24 luglio 2014, presso la sede aziendale; tra Unindustria Como […], che assiste la ditta Theobroma sas di Villaguardia […], e la Flai - Cgil di Como […], presenti le RSU, si è convenuto quanto segue.

1. Informazioni
L’azienda, ha fornito alla RSU e alle Organizzazioni Sindacali nel corso degli incontri informazioni sulla situazione di mercato, sulle prospettive commerciali e produttive nonché sull’andamento occupazionale, nonché sui futuri programmi d’investimento; ciò anche in relazione all’andamento della produttività al cui incremento, unitamente a quello dell’efficienza, le parti attribuiscono particolare rilevanza ai fini della crescita della competitività.

2. Relazioni sindacali
Le parti dichiarano il reciproco impegno a mantenere e alimentare un valido sistema di relazioni industriali improntato sul dialogo e sullo scambio positivo d’informazioni pertanto la Direzione aziendale in apposito incontro annuale fornirà informazioni in merito all’andamento produttivo e commerciale, alla situazione occupazionale suddivisa per livello d’inquadramento, agli orari di lavoro con particolare riferimento all’utilizzo dello straordinario, agli investimenti, alle eventuali attività in appalto esterno, nonché ai precipuo ricorso ai contratti di lavoro a tempo determinato in luogo del lavoro in somministrazione, anche a seguito dei mutamenti introdotti dalla legge n. 78 del 16 maggio 2014.

3. Ambiente, igiene e sicurezza del lavoro
Nel confermare l’impegno dell’azienda e dei lavoratori al rispetto delle norme di sicurezza fondamentali per la tutela della salute degli stessi, le parti concordano che i soggetti interessati alla prevenzione collaborino nell’ambito delle rispettive competenze e responsabilità al miglioramento continuo dell’ambiente di lavoro.
Viene, pertanto, confermata la possibilità di effettuare un’ora all’anno di assemblea retribuita da tenersi a cura dell’RSPP e dell’RLS con il contributo del medico competente per fornire formazione e informazione relativa alle problematiche aziendali ed alle novità normative in tema di igiene e sicurezza sul lavoro.
In un’ottica di miglioramento, l’azienda s’impegna ad implementare metodi efficaci per mantenere la corretta pulizia dei macchinari e degli ambienti di lavoro, inclusi i locali destinati ad esclusivo utilizzo dei lavoratori (spogliatoi e servizi igienici), tramite, per questi ultimi, periodici interventi calendarizzati.
L’azienda s’impegna a garantire continuità nel funzionamento degli impianti di ventilazione affrontando, se del caso, Il problema con un intervento strutturale entro il prossimo anno.
Viene altresì riconfermato l’impegno della direzione aziendale ad estendere la pratica di manutenzione preventiva su tutti gli impianti, inclusi quelli termici, situati in locali il cui accesso sarà riservato unicamente al personale espressamente autorizzato.
Le parti raccomandano il rispetto delle prescrizioni di legge per quanto riguarda la movimentazione dei carichi, che andrà sempre effettuata nel rispetto delle corrette modalità, come da formazione impartita da ns. RSPP, con particolare riferimento al limite di riempimento dei bancali e/o cassette di semilavorato che andrà sempre mantenuto entro carichi accettabili.

4. Organizzazione del lavoro
Nell’ottica di attivare un sistema di relazioni industriali ispirato al criterio del reciproco riconoscimento dei ruoli e di rispetto delle reciproche prerogative, le parti s’incontreranno con periodicità annuale per valutare congiuntamente gli adattamenti necessari a mantenere e/o migliorare l’attuale assetto organizzativo.
La direzione aziendale al fine di garantire una migliore ed efficiente organizzazione del lavoro con attenzione anche all’utilizzo di tecnologie che comportino riflessi sulle professionalità, favorirà la rotazione del personale sui macchinari al fine di permettere l’acquisizione delle competenze che consentano la rotazione dei lavoratori sia sulle varie postazioni di lavoro che sulle diverse linee produttive, in modo da ridurre la ripetitività delle mansioni.
Per i lavoratori che prestano la propria attività a turni, la direzione aziendale potrà eccezionalmente prendere in considerazione eventuali istanze di cambio del turno programmato, qualora le stesse siano attribuibili a comprovate ed indifferibili urgenze di carattere medico - ospedaliero.