Stampa
Categoria: 2014
Visite: 627

Tipologia: Regolamento OPT
Data firma: 7 marzo 2014
Parti: Confservizi Cispel e Cgil, Cisl, Uil
Settori: Servizi, Servizio pubblico locale, Toscana
Fonte: confservizitoscana.it

Sommario:

 

Art. 1 Funzioni dell’organismo
Art. 2 Composizione dell’OPT
Art. 3 Riunioni dell’OPT
Art. 4 Modalità di svolgimento dei compiti e delle funzioni di cui all’art. 5 del Protocollo

  Art. 5 Prescrizioni agli enti attuatori ed alle imprese in ordine alla modalità di redazione dei progetti e/o delle attività formative
Art. 6 Durata e sede
Allegato A
Allegato B

Regolamento dell’Organismo Paritetico Territoriale per il settore delle aziende di servizio pubblico locale

Art. 1 Funzioni dell’organismo
L’OPT, in conformità a quanto previsto dall’art. 2, comma 1, lettera ee) del D.Lgs. 81/08 svolgerà attività di supporto alle aziende toscane per la “programmazione di attività formative e l’elaborazione e la raccolta di buone prassi a fini prevenzionistici; lo sviluppo di azioni inerenti alla salute e alla sicurezza sul lavoro; l’assistenza alle imprese finalizzata all’attuazione degli adempimenti in materia; ogni altra attività o funzione assegnata loro dalla legge o dai contratti collettivi di riferimento”.
L’OPT fornirà indicazioni alle aziende circa il contenuto delle iniziative che intendono intraprendere.
L’OPT favorirà la diffusione e conoscenza delle buone prassi e linee guida in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Inoltre POPT ai sensi dell’art. 51, comma 2, D.Lgs. 81/08, su richiesta delle parti, sarà prima istanza di riferimento in merito alle controversie sorte sui l’applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione previsti dal D.Lgs. 81/08 e successive integrazioni e modifiche. La relativa procedura dovrà concludersi entro il termine di 30 giorni.
Secondo quanto previsto dall’adeguamento e linee applicative degli accordi ex articolo 34, comma 2, e 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni e integrazioni, su richiesta dell’azienda/e l’OPT potrà pianificare e realizzare attività di formazione direttamente o avvalendosi degli Enti di formazione di diretta emanazione delle parti sociali.
L’OPT, in base alla rilevazione di fabbisogni formativi, può proporre progetti formativi in materia di salute e sicurezza del lavoro, direttamente o avvalendosi degli Enti di formazione di diretta emanazione delle parti sociali, anche in accordo con le azioni formative previste dalla Regione Toscana e le attività e gli interventi promossi e/o finanziati parzialmente o integralmente dall’Inail.
L’OPT, promuove il coordinamento con eventuali organismi paritetici di settore delle aziende di servizio pubblico locale.

Art. 2 Composizione dell’OPT
L’Organismo è composto da sei membri nominati in base all’art. 2 del Protocollo d’intesa siglato in data 18 marzo 2013. Nel caso in cui una organizzazione componente l’Organismo intenda effettuare una sostituzione del proprio rappresentante dovrà inviare una comunicazione scritta alla segreteria di Confservizi Cispel Toscana (***).

Art. 3 Riunioni dell’OPT
L’OPT si riunirà una volta al mese, eccezion fatta per il mese di Agosto, ed ogni volta che si renda necessario, anche su richiesta di almeno 3 componenti, al fine di modificare e/o integrare i piani formativi allegati al progetto previa comunicazione a mezzo e-mail, che dovrà avere un preavviso di 15 giorni lavorativi, per l’inserimento di nuove imprese che vorranno innovare il sistema interno di competenze. Le riunioni dell’OPT si considerano valide in presenza di almeno 2 membri di parte datoriale e 2 membri di parte sindacale. Le deliberazioni vengono assunte all’unanimità dei presenti.

Art. 4 Modalità di svolgimento dei compiti e delle funzioni di cui all’art. 5 del Protocollo
Le attività formative e/o la elaborazione dei progetti dovranno essere sottoposti alla valutazione da parte dell’OPT e dovranno essere inviato all’Organismo a mezzo e-mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.ì almeno 30 giorni prima della scadenza dei relativi avvisi e/o avvio dell’attività formativa, in modo da consentire all’OPT una valutazione effettiva.

Art. 5 Prescrizioni agli enti attuatori ed alle imprese in ordine alla modalità di redazione dei progetti e/o delle attività formative
Si raccomanda agli enti di inserire nel progetto tutte le informazioni necessarie alla presentazione dei piani formativi e/o attività formative come da allegato (Vedi allegato A e B) in modo da consentire all’OPT una valutazione integrata effettiva dell’efficacia dell’attività che dovrà essere autorizzata.

Art. 6 Durata e sede
L’OPT avrà una durata illimitata salvo rinuncia e/o disdetta da parte dei soggetti firmatari del Protocollo d’intesa datato 18 marzo 2013. La sede degli incontri sarà di norma presso Confservizi Cispel Toscana in Firenze, Via Paisiello n. 8. Variazioni al presente regolamento sono sempre possibili, con votazione a maggioranza assoluta.

Firenze, 07 marzo 2014