Stampa
Categoria: Prassi amministrativa
Visite: 2067

INAIL
Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro
Direzione regionale Piemonte
Avviso Pubblico per la presentazione di proposte progettuali finalizzate allo sviluppo dell’azione prevenzionale nell’ambito regionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Criteri di valutazione. Anno 2017.

 

Premessa
Nell’ambito delle strategie prevenzionali dell’Istituto, delineate dal Consiglio di indirizzo e vigilanza, le Linee di indirizzo operative per la prevenzione 2017, predisposte dalla Direzione centrale prevenzione e consultabili sul sito Inail istituzionale www.inail.it sezione “Prevenzione e sicurezza”, definiscono le priorità per lo sviluppo delle politiche di prevenzione, finalizzate a valorizzare le azioni di "sistema” e a consolidare la rete di rapporti sia a livello centrale che territoriale e si basano sulle seguenti due direttrici:
> Interazione con le Istituzioni
> Sinergia con le Parti sociali.
Per quanto riguarda il versante delle interazioni con le Istituzioni, lo sviluppo delle politiche prevenzionali dell’INAIL, per il ruolo attribuito dal D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i., è indirizzato in termini di consolidamento e potenziamento nel sistema istituzionale, a livello territoriale, in particolare, con la partecipazione nelle attività dei Comitati regionali di coordinamento (ex art. 7 del citato D.Lgs.), quali punti di riferimento e di snodo delle iniziative e degli interventi per l’attuazione di azioni di sistema.
Nella più ampia prospettiva della “tutela integrata” perseguita dall’Istituto, che ha trovato conferma nel sopra citato D.Lgs. 81/2008, al fine di garantire il coinvolgimento e la condivisione degli altri attori istituzionali e delle Parti sociali e di svolgere appieno il ruolo di sostegno alla bilateralità, è considerato prioritario lo sviluppo di specifici accordi sul territorio.
Le proposte progettuali avanzate dai soggetti di cui all’art. 2 del presente Avviso dovranno essere quindi finalizzate all’individuazione dei possibili interventi di assistenza e consulenza, informazione e promozione finalizzati alla prevenzione degli infortuni e malattie professionali, da attuare in riferimento agli ambiti individuati all’art. 1.
1) Ambiti di intervento
Gli ambiti di intervento, in armonia con il Piano nazionale di prevenzione (PNP) 2014-2018, approvato dal Ministero della Salute in sede di Conferenza Stato-Regioni in data 13 novembre 2014, e con il Piano regionale della prevenzione 2014-2018, approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 25-1513 del 03-06-2015, sono i seguenti:
- Infortuni su strada;
- Agricoltura;
- Edilizia;
- Infortuni in ambiente sanitario;
- Malattie professionali;
2) Soggetti proponenti
Possono proporre manifestazioni di interesse per la realizzazione di progetti prevenzionali, in regime di compartecipazione, da formalizzare mediante Accordi di collaborazione, soggetti operanti nel territorio regionale (non ricompresi tra i soggetti qualificati già individuati dall'art. 10 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., per i quali non è richiesta la previa manifestazione di interesse ai sensi del presente Avviso pubblico): enti ed organismi pubblici, privati quali gli Enti non profit, le Associazioni di categoria, le Organizzazioni sindacali, sia singolarmente che in regime di associazione, secondo le modalità indicate al successivo punto 9). Qualora alcuni dei proponenti in regime di associazione siano compresi tra quelli individuati dall'art. 10 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. e altri non lo siano, le proposte progettuali dovranno pervenire ai sensi del presente Avviso.
3) Progetti
Le proposte devono mirare alla realizzazione di progetti che rispondano alle finalità e agli obiettivi indicati in premessa.
Tali proposte devono essere presentate mediante il modello di cui all'allegato n. 1 e contenere:
- finalità, obiettivi, risultati attesi e strumenti di verifica;
- destinatari dell'intervento (non preventivamente individuati e terzi, rispetto ai proponenti);
- descrizione delle attività da svolgere e cronoprogramma;
- eventuali ulteriori partner;
- budget previsto;
- modalità di comunicazione, divulgazione del progetto e dei risultati raggiunti.
Non sono ammissibili progetti rivolti a singole imprese, per evitare disparità di trattamento, conflitti di interesse e alterazione della concorrenza.
Ogni proposta deve prevedere la compartecipazione delle risorse di tutti i partner; pertanto dovrà essere evidenziata la natura associativa della convenzione, con l'indicazione puntuale degli eventuali oneri finanziari, della suddivisione di compiti e delle responsabilità delle parti.
Non sono ammissibili proposte progettuali, da parte di medesimi soggetti proponenti, che abbiano trovato accoglimento in relazione agli Avvisi emanati dalla Direzione centrale prevenzione.
4) Individuazione dei progetti
L'Istituto provvede a definire puntualmente le strategie operative da attivare, evitando repliche di progetti che hanno ormai esaurito tutte le valenze esplicabili e la loro significatività prevenzionale, indirizzandosi quindi sull’individuazione di interventi sempre più aderenti alle specificità territoriali e/o alle realtà ad elevato impatto sociale.
5) Commissione di valutazione
La Commissione di valutazione delle proposte progettuali presentate, che verrà nominata successivamente alla pubblicazione del presente Avviso, sarà composta da almeno 3 (tre) componenti, di cui uno di livello non inferiore a Dirigente di II fascia e con funzioni di Presidente, individuati nell’ambito della Direzione regionale.
La valutazione delle proposte progettuali è effettuata dalla Commissione, che procederà alla selezione comparativa sulla base dei seguenti criteri, elencati in ordine di priorità:
- attinenza del progetto agli ambiti di intervento di cui all’art. 1;
- attinenza con le tipologie di attività di cui al successivo art. 10;
- numero dei destinatari dell’intervento;
- originalità degli interventi proposti;
- coinvolgimento di altri partner;
- realizzazione su tutto il territorio regionale.
6) Criteri di spesa
La Direzione regionale, in conformità a quanto definito nelle Linee di indirizzo operative per la prevenzione 2017, compartecipa con i soggetti di cui all’art. 2 alla progettazione e realizzazione delle attività prevenzionali, nella misura tendenzialmente pari al 50% degli oneri complessivamente considerati (relativi alle risorse finanziarie, professionali, strumentali).
7) Liquidazione, verifica dei risultati, spese ammissibili
Ai fini della liquidazione delle spese e della verifica dei risultati, i soggetti partner nella realizzazione del progetto dovranno presentare un rendiconto analitico delle entrate e delle spese sostenute, la copia conforme della documentazione di spesa e ogni altro documento utile alla verifica.
Le modalità di gestione delle spese ammissibili assumono particolare rilevanza sia in sede di progettazione degli interventi sia in sede di rendicontazione in corso d’opera o a conclusione degli stessi.
È escluso qualsiasi rimborso a compensazione delle spese che possa comprendere un margine di profitto.
In relazione ai principi e ai criteri generali relativi all’ammissibilità e alla regolarità della spesa, ai fini del presente Avviso pubblico, si fa esclusivo riferimento alle disposizioni contenute nella Circolare n. 2 del 2 febbraio 2009 del Ministero del Lavoro (cfr. 4° cpv: “Le disposizioni di cui alla presente Circolare possono essere recepite, attraverso opportuni atti, anche da altre Amministrazioni centrali e territoriali").
8) Risorse finanziarie
L’entità delle risorse messe a disposizione per il presente Avviso pubblico è pari complessivamente ad Euro 300.000,00(trecentomila) comprensivo dell’eventuale I.V.A, per ciascuna proposta progettuale il massimo è pari ad Euro 50.000,00.
Con particolare riferimento all’IVA, si fa espresso rimando a quanto previsto nella circolare n. 2 del 2 febbraio 2009 del Ministero del lavoro della Salute e delle Politiche Sociali.
9) Trasmissione delle manifestazioni di interesse
Le manifestazioni di interesse andranno trasmesse via PEC alla Direzione regionale all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro e non oltre il 07 dicembre 2017 e corredate dalla scheda di proposta progettuale allegata al presente Avviso (allegato 1), nonché da tutta la documentazione ritenuta utile ai fini della valutazione secondo i criteri esposti nel presente Avviso pubblico.
Dell’esito della valutazione verrà comunque fornita comunicazione a ciascun soggetto richiedente esclusivamente tramite PEC.
10) Tipologie di attività
I progetti dovranno essere attivati secondo una delle seguenti tipologie di attività:
- promozione e informazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro e cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro;
- assistenza e consulenza alle imprese in tema di prevenzione degli infortuni e malattie professionali attraverso, ad esempio, il supporto alla elaborazione e/o alla implementazione di buone prassi, anche ai fini della raccolta secondo il modello definito dalla Commissione consultiva permanente, o il supporto all’adozione di linee-guida e norme tecniche.
11) Casi di esclusione
Non possono essere presentati, a pena di esclusione, progetti di mero adempimento normativo e progetti di ricerca.
12) Tempistica dei progetti
Ai fini della coerenza con la tempistica istituzionale delle previsioni economiche finanziarie ed anche al Sistema di gestione dei Piani per la prevenzione, nella proposta progettuale dovranno essere indicati i tempi di realizzazione, assicurandone il rispetto, che potranno riguardare anche più annualità. In quest’ultimo caso la prosecuzione delle attività sarà subordinata alla verifica del raggiungimento degli obiettivi annuali allo scopo prestabiliti.
13) Informazioni sul procedimento amministrativo e tutela della privacy
Ogni comunicazione dell’INAIL Direzione regionale Piemonte, inerente le manifestazioni di interesse proposte da ciascun interessato, avverrà esclusivamente mediante l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), da indicare obbligatoriamente al punto n. 2 della scheda di sintesi del progetto, allegata al presente Avviso.
L’unità organizzativa cui è attribuito il procedimento di valutazione è:
INAIL - Direzione regionale Piemonte
Responsabile del procedimento: Responsabile dell’Ufficio POAI dott.sa Vita Rocca Romaniello.
I dati personali raccolti saranno trattati, nel rispetto della normativa vigente (D.Lgs. 196/2003), anche con strumenti informatici ed utilizzati nell’ambito del procedimento.
Il Titolare del trattamento dei dati forniti è: INAIL.
Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini della stipula degli Accordi di collaborazione di cui al presente Avviso pubblico. L’eventuale mancato conferimento comporta l’irricevibilità della manifestazione di interesse di cui al precedente art. 9. I dati acquisiti verranno trattati con modalità manuali e informatiche e saranno utilizzati esclusivamente per le finalità relative al procedimento per il quale gli stessi sono stati comunicati, secondo le modalità previste dalle norme vigenti.
14) Informazione e pubblicità
Al presente Avviso pubblico viene data la più ampia diffusione e pubblicità.
L’Avviso, completo degli allegati, sarà pubblicato nel portale istituzionale, nella sezione “Avvisi e scadenze”.

Allegato 1: SCHEDA PROPOSTA PROGETTUALE per lo sviluppo di azioni prevenzionali in ambito regionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro - Anno 2017

Torino,16 ottobre 2017

F.to IL DIRETTORE REGIONALE
Dott.ssa Alessandra Lanza