Stampa
Categoria: 2011
Visite: 2551

Tipologia: Accordo
Data firma: 7 novembre 2011
Parti: Polidoro Spa e RSU
Settori: Metalmeccanici, Polidoro spa
Fonte: ADAPT

Sommario:

Premessa
1)
2)
3)
4)
5) [anticipazione del Tfr]
6) [evoluzione professionale dei lavoratori]
7) [premio di produzione]
8)
9) [premio annuale di risultato]
10)
11)
Allegati
Allegato 1 - Parametro sulla redditività
Allegato 2 - Parametro sul fatturato
Allegato 3 - Parametri sulla produttività

Addì 7 novembre 2011 presso la sede di "Schio dell'Associazione Industriali di Vicenza si sono incontrati la ditta Polidoro Spa […], assistiti dalla predetta Associazione, e la RSU assistita da Firn Cisl, Fiom CgiI e Uilm Uil […] per ratificare l'intesa raggiunta il 17 ottobre in relazione al negoziato già avviato in data 5 aprile 2011.

Premesso che con accordo 27 giugno 2006 si è proceduto alla definizione di un testo unico di tutti gli accordi aziendali precedenti collazionando le sole parti considerate a tale data ancora in vigore e salvi restando gli effetti già prodotti ed esauritisi degli accordi successivi 30/6/2009, 28/10/2009 (mobilità), 12/7/2010 e 28/7/2011, - qui non riportati perché ad essi è stata data compiuta esecuzione-, le parti si danno atto che il presente accordo costituisce unica fonte di disciplina collettiva contrattuale di livello aziendale unitamente all'accordo 27/6/2006 e ai suoi allegati, escluso tuttavia il richiamo in quest'ultimo all'accordo 2/5/2005 superato dalla presente intesa.
Dopo ripetuti incontri e ampia discussione si è convenuto quanto segue.

1) - Direzione e RSU si incontreranno periodicamente indicativamente due volte l'anno. In tali occasioni la Direzione illustrerà i programmi produttivi e di investimento, il loro stato a consuntivo, l'andamento complessivo dell'Azienda, le dinamiche di mercato e gli interventi previsti anche sul piano organizzativo per migliorare la competitività: in tale ottica le parti avvieranno un confronto sul tema del miglioramento dell'efficienza organizzativa e produttiva anche al fine di ottimizzare i tempi di produzione effettiva e di meglio strutturare gli interventi manutentivi di necessità, inoltre individueranno le opportune forme di strutturazione degli orari per giungere, quando necessario, ad un maggior utilizzo degli impianti. Qualora tale confronto non dovesse produrre effetti nei tempi ritenuti congrui da ciascuna di esse, questa potrà richiedere che il confronto prosegua con l'assistenza delle rispettive parti sindacali territoriali. L'andamento degli indici relativi al premio di risultato sarà oggetto di esame trimestrale. Gli incontri, a richiesta della RSU, saranno programmati ad inizio d'anno con determinazione indicativa delle date di incontro.

2) - Nell'ottica di un continuo miglioramento delle professionalità presenti in Azienda sia nella prospettiva di una valorizzazione qualitativa della produzione e della efficienza di fabbrica, sia per fornire ai collaboratori opportunità di crescita professionale utilmente impiegabile in azienda, Direzione e RSU in occasione degli incontri di cui al punto 1) potranno pianificare iniziative di formazione sulla base di programmi formativi congiuntamente ritenuti utili all'addestramento e all'aggiornamento professionale dei lavoratori e in linea con le esigenze aziendali, tenendo conto anche dei progetti attivati dall'apposita Commissione paritetica territoriale ed avendo riguardo alle opportunità offerte dalla possibilità di utilizzo di Fondimpresa, favorendo il coinvolgimento del maggior numero di lavoratori.
L'opportunità di partecipazione ai corsi di formazione professionalizzante o di aggiornamento, compatibilmente con le esigenze formative dell'azienda, sarà estesa a tutti i lavoratori delle aree professionali interessate; l'azienda valuterà i progressi formativi ai fini delle progressioni di carriera.
Compatibilmente con le esigenze tecniche-organizzative aziendali, e ove strettamente funzionale a favorire la partecipazione alle iniziative formative di cui sopra, potranno essere accordate ai lavoratori interessati modifiche di orario di lavoro.
Iniziative concordate, ove non funzionali alle specifiche esigenze aziendali e non impegnative per i lavoratori ed offerte anche come opportunità di crescita professionale e culturale, potranno egualmente prevedere un loro parziale svolgimento in ambito di orario di lavoro ed in tal caso i lavoratori interessati concorreranno, per la partecipazione, con una quota parte dei par o delle ore accantonate in conto ore.

3) - L'azienda conferma che il rapporto a tempo indeterminato costituisce la forma contrattuale prevalente e di riferimento per il raggiungimento degli obiettivi di efficienza, qualità e produttività aziendale, nonché per la valorizzazione delle professionalità dei dipendenti.
La Direzione darà periodicamente informazioni alle RSU sull'entità dell'utilizzo di contratti a termine e di lavoro temporaneo nonché sulle esigenze aziendali che sottendono all'utilizzo di tali forme di impiego ed in ordine alla loro durata temporale; darà altresì informazioni sull'incidenza percentuale delle eventuali assunzioni a tempo indeterminato attingendo dai lavoratori a termine ed a lavoratori temporanei. Una volta che la materia sia disciplinata a livello di CCNL, Direzione e RSU si incontreranno per dare eventuale applicazione a quanto eventualmente rinviato alla sede Aziendale.

4) - L'azienda conferma che la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori e dell'ambiente interno ed esterno, fanno parte della propria cultura aziendale.
Sull'argomento Direzione e RLS potranno concordare eventuali corsi di formazione tenendo anche conto dell'offerta formativa proposta dalla apposita Commissione Paritetica provinciale e da Fondimpresa. L'azienda si rende disponibile a mettere a disposizione dei lavoratori un'ora di assemblea retribuita oltre alle dieci previste annualmente a condizione che ad essa partecipi la RSPP, che il tema all'ordine del giorno sia esclusivamente quello della sicurezza ed ambiente e che l'ordine del giorno sia preventivamente comunicato con 48 ore lavorative di anticipo alla Direzione. La partecipazione di personale estraneo, e comunque con competenza tecnica al riguardo, potrà avvenire solo previa espressa autorizzazione della Direzione. L'effettuazione di tale assemblea è subordinata al fatto di essere preceduta in corso d'anno da analoga assemblea a carico del monte ore di dieci ore annuali, con gli stessi temi e con le stesse modalità.

8) - Ricorrendo i presupposti di utilizzo dell'orario plurisettimanale" previsto dal CCNL e considerate le esigenze produttive e di mercato dell'azienda le parti convengono:
a) In caso di mancata prestazione, per comprovati motivi, delle ore di supero pur partecipando alla riduzione, qualora le condizioni organizzative dell'azienda lo consentano, il lavoratore potrà essere chiamato ad effettuare il recupero della mancata attività lavorativa in altro periodo nell'ambito del ciclo di utilizzo della flessibilità positiva. In caso non sia effettuabile il recupero, potranno essere effettuate compensazioni con altri istituti contrattuali, utilizzando in quanto disponibili, ore di PAR, ore di ferie ovvero ore accantonate in conto ore o banca ore, ovvero anche permessi non retribuiti, tenendo conto al riguardo della preferenza espressa dal lavoratore.
b) Il regime di flessibilità determina una particolare distribuzione dell'orario normale contrattuale e, di conseguenza, sono applicabili tutte le norme che fissano gli obblighi e i diritti delle parti durante l'orario contrattuale e i relativi istituti (ad esempio: in caso di assenza per malattia nel periodo di supero, il trattamento economico di malattia sarà rapportato all'orario contrattuale e non a quello aziendalmente attuato).
c) L'attuazione della flessibilità è impegnativa per tutti i lavoratori interessati, salvo deroghe individuali a fronte di comprovati impedimenti.
d) L'utilizzo dell'orario flessibile sarà direttamente concordato tra Direzione aziendale e RSU, nelle modalità di attuazione, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla norma contrattuale anche riferitamente ai limiti quantitativi.

10) - Entro fine del corrente anno la RSU verrà dotata in comodato da parte dell'azienda di un personal computer e di una stampante da utilizzarsi esclusivamente a fini sindacali interni. Entrambi i mezzi resteranno di proprietà dell'azienda e dovranno essere utilizzati secondo normale diligenza esclusivamente nell'ambito dello spazio messo a disposizione della RSU.