Stampa
Categoria: Documentazione istituzionale
Visite: 9969

 

PIANO D’AZIONE NAZIONALE

SULLA RESPONSABILITA’ SOCIALE D’IMPRESA

2012-2014


Indice

I.       La strategia nazionale

II.     Il quadro di riferimento

1.       La strategia europea

2.       L’evoluzione internazionale della RSI e gli impegni del Governo

3.       La dimensione territoriale della RSI

4.       Gli altri attori coinvolti

III.         Il Piano d’Azione 2012 – 2014

L’ambito di intervento

Tabella 1- Riepilogo degli obiettivi, delle linee prioritarie e degli  interventi 2012-2014

A.      OBIETTIVO: Aumentare la cultura della responsabilità sociale presso le imprese,  i cittadini e le comunità territoriali

1.       Diffusione della RSI come approccio integrato e strategico dell’impresa

a)       Azioni di informazione e formazione delle imprese e diffusione delle buone pratiche

b)       Integrazione della RSI nell’ambito dell’istruzione, della formazione e della ricerca

2.       Rendere consapevoli i cittadini e evitare pratiche sleali

a)       Strumenti per la visibilità delle imprese responsabili

b)       Azioni per migliorare il livello di fiducia dei consumatori

c)       Miglioramento dei processi di autoregolamentazione e co-regolamentazione

d)       Il contributo della PA: trasparenza e legalità

B.      OBIETTIVO: Sostenere le imprese che adottano la RSI

1.       Sostegno dal lato dell’offerta pubblica

a)       Incentivi, sgravi fiscali, premialità e semplificazione

C.      OBIETTIVO: Contribuire al rafforzamento degli “incentivi di mercato per la RSI”

1.       Il contributo del mondo finanziario

a)       Promozione delle iniziative per gli investimenti e il credito sostenibili

b)       Finanza etica

2.       Appalti pubblici

a)       Promozione di appalti pubblici che integrino criteri sociali e ambientali

3.       Consumatori

a)       Reti e forum di consumatori

D.      OBIETTIVO: Promuovere le iniziative delle imprese sociali, delle organizzazioni  di  Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

1.       Promozione delle potenzialità sociali ed economiche delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

a)       Diffusione della RSI presso le organizzazioni di Terzo settore e sostegno al dialogo con le imprese

E.      Favorire la trasparenza e la divulgazione delle informazioni economiche, finanziarie, sociali e ambientali

1.       Informazione, trasparenza e reporting delle imprese

a)       Diffusione e coerenza dei quadri di riferimento e degli indicatori

b)       Sostegno per l’adozione di standard di sostenibilità e per il reporting extra-finanziario

F.      OBIETTIVO: Promuovere la RSI attraverso gli strumenti riconosciuti a livello internazionale e la cooperazione e la solidarietà internazionale

1.       Le Linee Guida OCSE per le imprese multinazionali

a)       Attuazione delle Linee Guida OCSE

2.       Promozione di standard e iniziative internazionali

a)       Global Compact delle Nazioni Unite

b)       ISO 26000

c)       Extractive Industries Transparency Initiative (EITI)

d)       Gruppo di lavoro del G20 sulla lotta alla corruzione

3.       Cooperazione internazionale

a)       Attrarre le imprese verso i Paesi prioritari della cooperazione italiana e della solidarietà internazionale


 

I.                  La strategia nazionale

 

La crisi economica internazionale ha richiamato l’attenzione sull’importanza di una crescita sostenibile inclusiva e stabile, basata sulla lotta alla povertà, il rispetto dei diritti umani, del lavoro e dell’ambiente. Allo stesso tempo, in risposta alle  sfide competitive per l’accesso alle materie prime, alle conoscenze e alle risorse finanziarie, occorre evitare pratiche sleali e  promuovere  occupazione di qualità, innovazione tecnologica e efficienza  nell’utilizzo delle risorse.

Le conseguenze della crisi hanno minato la fiducia de cittadini e anche delle imprese rispetto alle prospettive future ed è pertanto necessario rinsaldare il rapporto di  fiducia e di scambio tra la Pubblica Amministrazione,  l’impresa, quale primario attore economico, e la socie­tà, sempre più colpita dagli effetti negativi della crisi.

In risposta alla crisi, a livello europeo e internazionale, sono state valorizzate e rilanciate dai Governi le iniziative e gli strumenti per favorire la condotta responsabile delle imprese, dalla rinnovata strategia europea per la Responsabilità Sociale delle Imprese[1] (di seguito RSI o CSR) agli orientamenti ONU e OCSE.

In questo quadro, la strategia del Governo italiano pone l’accento sull’importanza del ruolo dell’impresa nella società e sulla gestione responsabile delle attività economiche quale veicolo di creazione di valore, a mutuo vantaggio delle imprese, dei cittadini e delle comunità. Questa convinzione è confortata da due caratteri tipici delle imprese italiane, la capacità di radicamento e di relazione con il territorio in cui operano e la dimensione sociale in termini di relazioni industriali e impegno sociale. Un patrimonio delle nostre imprese che rischia di deteriorarsi sotto la pressione delle dinamiche internazionali e che il Governo intende valorizzare e sostenere attraverso azioni strategiche condivise con tutti i portatori di interesse.

Oltre ad avere ricadute positive sui lavoratori e sul territorio, un corretto approccio strategico alla CSR comporta un vantaggio per la competitività delle imprese, in termini di gestione del rischio, riduzione dei costi, accesso al capitale, relazioni con i clienti, gestione delle risorse umane e capacità di innovazione. Agendo sui temi della sostenibilità nella relazione con i portatori di interesse (stakeholders) interni ed esterni, l’impresa può prevedere e meglio rispondere alle aspettative della società e  anticipare le trasformazioni dei contesti in cui opera differenziandosi, prioritariamente attraverso l’innovazione, rispetto agli altri concorrenti internazionali e accedendo, in questo modo, a nuove risorse, nuovi mercati e a nuove prospettive di crescita.

Nel quadro delle politiche nazionali per la crescita e l’occupazione è riconosciuto, dunque, il ruolo della RSI quale elemento qualificante dei processi aziendali e delle produzioni italiane, favorendo la permanenza nel medio-lungo periodo delle imprese sui mercati globali. E’, infatti, attraverso investimenti in risorse umane e conoscenze, relazioni industriali, tutela ambientale, rapporti con il territorio e gli stakeholders, lotta alla corruzione - tutti elementi essenziali della RSI – che il Made in  Italy può rafforzarsi e distinguersi sui mercati.

Fermo restando che la RSI riguarda comportamenti volontari delle imprese che vanno oltre il semplice rispetto degli obblighi giuridici, il Governo, con la sua azione, può creare un contesto più propizio ai comportamenti volontari delle imprese e alle attività del terzo settore, per favorire il raggiungimento degli obiettivi pubblici orientati allo sviluppo dell’economia e della società e alla tutela dell’ambiente.

Il Piano d’Azione nazionale è attuato sotto l’indirizzo delle due Amministrazioni capofila, ossia il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e il Ministero dello Sviluppo Economico, nel rispetto delle autonomie e prerogative delle Amministrazioni pubbliche (centrali, regionali e locali) e  dei soggetti imprenditoriali, sindacali, delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile che contribuiscono al raggiungimento dei suoi obiettivi. Tale ruolo di indirizzo si inserisce in  un’ampia azione, in essere da tempo, delle Amministrazioni pubbliche nazionali, a livello centrale e locale, cui si affiancano, accompagnando l’azione pubblica, le attività delle imprese e le iniziative degli  stakeholders.

Il Piano d’Azione nazionale si fonda, dunque, concretamente su tutto quanto già realizzato a livello nazionale e, valorizzando le buone pratiche, mira a fornire orientamenti condivisi per le azioni future.

Data la natura multidisciplinare e integrata della CSR è necessario procedere con un’azione sinergica tra le istituzioni - ai diversi livelli settoriali e territoriali. Un ruolo chiave hanno naturalmente le imprese ma anche i portatori di interesse (sindacati, lavoratori, consumatori, organizzazioni di terso settore, società civile), che attraverso un coinvolgimento attivo e la compartecipazione (cd. approccio multistakeholders) possono favorire i processi in atto. Allo stesso modo, il coinvolgimento del settore finanziario è necessario per favorire l’accesso  delle imprese, in particolare PMI, al capitale e al credito.

Nella definizione e attuazione del Piano un’attenzione particolare è dedicata alle PMI che spesso non dispongono delle risorse finanziarie e delle conoscenze sufficienti ma sono fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi del Governo data la loro numerosità, il radicamento nelle comunità, i legami con le grandi imprese nella catena di fornitura e il ruolo  crescente che assumono nell’internazionalizzazione delle produzioni.

Viene, inoltre, riconosciuto il contributo delle imprese sociali e delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile per la loro attenzione al territorio e il diretto rapporto con la cittadinanza.

Nel definire i contenuti degli interventi è stato preso a riferimento l’intero ciclo di vita aziendale dalla definizione della strategia aziendale, alle azioni e investimenti fino alla rendicontazione, finanziaria e extra finanziaria, delle attività. Inoltre sono previste azioni volte a rafforzare i contesti in cui operano le imprese per rinsaldare la fiducia dei cittadini, favorire il contributo delle forze di mercato,  proiettare le azioni nella dimensione  internazionale. Più in dettaglio il Piano d’Azione si articola nei seguenti obiettivi.

Obiettivo A: Aumentare la cultura delle responsabilità presso le imprese,  i cittadini e le comunità territoriali

Nell’ottica della crescita congiunta delle imprese e della società occorre innalzare il livello di conoscenza e consapevolezza in materia di RSI favorendo la creazione di  una cultura condivisa e partecipativa che risponda alle esigenze  dei diversi attori coinvolti, in particolare le imprese e i cittadini.

Questo obiettivo è perseguito attraverso due linee prioritarie, la prima orientata a diffondere il convincimento presso le imprese e presso i giovani circa l’importanza dell’approccio “strategico” alla  RSI nella gestione aziendale, passaggio fondamentale nella riuscita di qualsiasi pratica di responsabilità, la seconda finalizzata a rendere i cittadini e i consumatori consapevoli rispetto alle pratiche   responsabili delle imprese e ad evitare comportamenti sleali da parte di queste ultime (ad es. green e social washing) e a rinsaldare il rapporto di fiducia tra Pubblica Amministrazione, imprese e cittadini.

Obiettivo B: Sostenere le imprese che adottano la RSI

Riconoscendo che corrette pratiche di RSI basate sui migliori standard e strumenti internazionali, producono, nel medio-lungo periodo, un vantaggio di competitività per le imprese, i lavoratori e la società in generale, l’azione di sostegno pubblica deve facilitare l’adozione della  RSI da parte di queste ultime, in particolare delle PMI, che non sempre sono in grado di reperire le risorse finanziarie e immateriali necessarie all’avvio e alla durevolezza di un percorso di sostenibilità.

Gli interventi possono essere di varia natura (incentivi, premialità, semplificazioni) e - come indicato dalla Commissione europea -sono volti a sostenere  azioni che “creano un valore aggiunto” sociale ed economico sia per i proprietari/azionisti che per i soggetti interessati e la società in generale; così come azioni mirate a prevenire e mitigare i possibili effetti negativi sull’ambiente, sui lavoratori e sulla società delle attività economiche, generando un impatto positivo complessivo.

Obiettivo C: Contribuire al rafforzamento degli “incentivi di mercato” per la RSI

Un aspetto chiave nell’adozione di comportamenti responsabili da parte delle imprese è rappresentato dall’equilibrio tra sostenibilità e ritorno economico delle attività, ritorno che è favorito dall’apprezzamento da parte del mercato delle imprese virtuose.

Gli incentivi di mercato per la RSI possono essere rappresentati dalla domanda privata dei consumatori, dalla domanda pubblica attraverso gli appalti, dal miglioramento dell’accesso ai capitali e al credito. Attraverso l’azione pubblica si intende, dunque, agire su queste leve per favorire il ritorno economico della RSI.

Obiettivo D: Promuovere le iniziative delle imprese sociali, delle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

Alla base dell’economia delle organizzazioni che svolgono attività non profit vi è il principio di “reciprocità”, che costituisce uno dei fondamenti delle organizzazioni della società civile, e va inteso come relazione cooperativa tra le persone appartenenti alla medesima comunità. Il Terzo settore assicura la sostenibilità dei processi di sviluppo nel lungo periodo, perché è impegnato a rimuovere gli ostacoli che generano insicurezza sociale nei soggetti esclusi e vulnerabili. Per incidere maggiormente in maniera più efficiente ed efficace il Terzo settore deve rafforzare la propria efficienza, trovare nuovi segmenti di mercato e finanziatori, allo stesso tempo, è importante che esso dialoghi con le imprese profit. Le linee prioritarie di azione sono strettamente collegate a quest’ultimo punto di vista: è importante che le organizzazioni di Terzo settore dialoghino con le imprese profit e offrano ai potenziali investitori il massimo della trasparenza illustrando le loro attività, i loro progetti, la destinazione dei fondi ricevuti e adottando la rendicontazione sociale.

Obiettivo E: Favorire la trasparenza e la divulgazione delle informazioni economiche, finanziarie,  sociali e ambientali

Occorre contribuire al miglioramento della chiarezza e completezza di informazioni fornite dalle imprese in materia di CSR, elemento importante nelle relazioni con i Governi, i portatori di interesse, la comunità finanziaria, i lavoratori e la società. Inoltre, un corretto sistema di rendicontazione consente alle imprese di misurare i vantaggi della RSI altrimenti di difficile percezione in quanto spesso si sostanziano in asset immateriali. Ci si riferisce, in particolare, oltre che alla trasparenza delle informazioni finanziarie e a quelle relative agli assetti societari e alle strutture di governo delle imprese, alle informazioni extra-finanziarie legate alle performance sociali e ambientali dell’azienda.

Si opererà, pertanto, da un lato, per sostenere e rendere coerenti i quadri di riferimento e gli indicatori in uso e, dall’altro, per agevolare le imprese, in particolare PMI, nell’adozione di forme di rendicontazione extra-finanziaria che tengano conto di aspetti socio-ambientali delle attività economiche.

Obiettivo F: Promuovere la RSI attraverso gli strumenti riconosciuti a livello internazionale e la cooperazione e la solidarietà internazionale

Diversi sono gli impegni internazionali del Governo in materia di promozione della condotta d’impresa responsabile, prioritariamente in ambito OCSE, Nazioni Unite e G20 e attraverso le iniziative di cooperazione economica e allo sviluppo e solidarietà internazionale.

Attraverso questo obiettivo si intende, dunque, intensificare l’azione del Governo nella promozione e diffusione degli orientamenti e standard internazionali e attrarre le imprese che adottano gli strumenti di CSR riconosciuti internazionalmente nelle attività di cooperazione internazionale.


II.              Il quadro di riferimento

1.            La strategia europea

La strategia europea parte dalle indicazioni in materia di RSI contenute in Europa 2020, nell’Iniziativa faro per la politica industriale e nell’Atto unico per il mercato interno.

Essa si articola attorno alla tre priorità per la crescita di Europa 2020 che delineano un quadro dell'economia europea per il XXI secolo.

  • crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione;
  • crescita sostenibile: promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva;
  • crescita inclusiva: promuovere un'economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale.

Il Piano d’Azione nazionale si colloca all’interno della rinnovata strategia europea per la RSI Strategia rinnovata dell’UE per il periodo 2011-2014 in materia di responsabilità sociale delle imprese[2] e contribuisce alla sua realizzazione.

La Commissione, sollecitata dal Parlamento europeo e dal Consiglio, ha rilanciato il tema della responsabilità sociale delle imprese, inserito nelle politiche europee sin da Libro verde del 2001[3] e sviluppato con la Comunicazione del 2006[4].

Rinnovando gli sforzi per promuovere la CSR, la Commissione europea intende creare condizioni favorevoli per una crescita sostenibile, un comportamento responsabile delle imprese e una creazione di occupazione durevole nel medio e lungo termine. Il proposito della strategia europea è quello di rafforzare la politica in atto, riaffermare l’influenza globale dell’Europa in questo settore e, altresì, guidare e coordinare l’azione degli Stati membri in modo da ridurre il rischio di approcci divergenti.

La Commissione propone una nuova definizione di RSI come "responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società". Confermando la volontarietà dell’azione delle imprese in questo ambito, essa invita le imprese a mettere in atto un processo per integrare le questioni sociali, ambientali, etiche, i diritti umani e le sollecitazioni dei consumatori nelle loro operazioni commerciali e nella loro strategia di base, in stretta collaborazione con i rispettivi interlocutori con l’obiettivo di:

La stessa Commissione riconosce che il rispetto della legislazione applicabile e dei contratti collettivi tra le parti sociali rappresenta un presupposto indispensabile  per far fronte a tale responsabilità. Si identificano, poi, particolari categorie di imprese precisando  che, per gran parte delle piccole e medie imprese, in particolare le micro-imprese, il processo della RSI è destinato a rimanere informale e intuitivo.

Inoltre, alcuni tipi di imprese, come le cooperative, le imprese mutue e quelle a conduzione familiare, hanno assetti proprietari e di governance che possono essere particolarmente favorevoli a un comportamento responsabile. Importante è anche il ruolo del volontariato, pertanto le istituzioni comunitarie incoraggiano le imprese, nell’ambito della CSR, a sostenere finanziariamente le iniziative del volontariato.

L’iniziativa della Commissione sulla CSR è complementare alla comunicazione della Commissione sull’imprenditoria sociale[5] adottata nella stessa data, che contribuisce a far valere il valore aggiunto che queste imprese hanno per le comunità locali. Seppur sono presenti diversi elementi che le distinguono dalle “imprese for profit”, le “imprese sociali e il mondo non profit” offrono generalmente un livello particolarmente elevato di responsabilità sia sociale sia ambientale, con un impatto economico non trascurabile.

La strategia europea è attuata in una prima fase attraverso il Piano d’Azione della Commissione europea per il 2011-2014 che si sviluppa  attorno alle seguenti linee:

  • promozione della visibilità della RSI e diffusione delle buone pratiche;
  • miglioramento e monitoraggio dei livelli di fiducia nelle imprese;
  • miglioramento dei processi di autoregolamentazione e co-regolamentazione;
  • aumento del "premio di mercato" per la RSI;
  • migliore divulgazione da parte delle imprese delle informazioni sociali e ambientali;
  • ulteriore integrazione della RSI nell'ambito dell'istruzione, della formazione e della ricerca;
  • accentuazione dell'importanza delle politiche nazionali e subnazionali in materia di RSI;
  • migliore allineamento degli approcci europei e globali alla RSI.

 

2.            L’evoluzione internazionale della RSI e gli impegni del Governo

Le imprese adottano nuovi e complessi modelli di crescita in continuo cambiamento con una crescente distribuzione della catena del valore a livello mondiale e si trovano ad operare in contesti territoriali fortemente differenziati in termini di tutela dei diritti, situazioni locali e ambientali.

Gli orientamenti internazionali richiamano a degli standard di condotta responsabili cui le imprese possono ispirarsi nella loro azione globale evitando danni alle popolazioni e all’ambiente e riducendo gli squilibri, nel sistema internazionale, che non consentono di operare ad “armi pari” (level playing field). Questo è tanto più importante alla luce della recente crisi economica e finanziaria internazionale che richiama i Governi ad un maggiore impegno comune per uno sviluppo sostenibile,  equo e solidale.

Per quanto riguarda il tema dei diritti umani, è alla base dell’impegno del Governo il quadro  delle Nazioni Unite sui diritti umani e le imprese “Proteggere, Rispettare e Rimediare”(2008) con le sue linee guida operative “Principi Guida su Imprese e Diritti umani”[6](2011),  entrambi approvati dal Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU.  Gli orientamenti ONU si fondano su tre pilastri fondamentali: il dovere degli Stati di garantire la protezione dei diritti umani dalle violazioni perpetrate da terzi, incluse le imprese; la responsabilità delle imprese nel rispettare i diritti umani e l’accesso ai meccanismi, giudiziali e non giudiziali, di garanzia e risarcimento per le vittime.

Il tema impresa e diritti umani sarà oggetto di un Piano nazionale dedicato, elaborato sotto gli indirizzi del Ministero degli Affari Esteri, con il coinvolgimento delle Amministrazioni centrali e regionali negli ambiti di rispettiva competenza, e basato sulla cornice delle Nazioni Unite.

Sotto il profilo della tutela dei diritti del lavoro il governo è impegnato a rispettare e a promuovere le Convenzioni fondamentali ILO e la dichiarazione tripartita ILO sulle multinazionali.

La Conferenza dell’ONU sullo Sviluppo Sostenibile (UNCSD), nota anche come Rio+20 (20-22 giugno 2012), ha, per la prima volta, riconosciuto il concetto di “economia verde”, ritenendolo uno dei principali strumenti di crescita economica e sociale e, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, uno dei modi per combattere la povertà. Rio+20 ha dato quindi un input decisivo ai Governi, ma anche alle imprese e agli altri stakeholders, affinché tutti insieme collaborino alla adozione e messa in pratica di politiche di economia verde che, per questa via, diventano un elemento significativo della futura RSI.

A livello ONU si sta lavorando intensamente, e su più fronti, per ridisegnare la c.d. Agenda sviluppo post-2015 che vede la rivisitazione degli Obiettivi di sviluppo del Millennio (MDGs) ma includerà anche dei nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”.

Direttamente dedicate al tema della responsabilità sociale delle imprese sono le Linee Guida   OCSE per le imprese multinazionali, parte integrante della Dichiarazione OCSE sugli investimenti internazionali. Si tratta dell’unico codice intergovernativo, multilaterale e completo per la condotta responsabile che i Governi OCSE, oltre a nove Governi non OCSE[7], si sono impegnati a promuovere per favorire il contributo positivo delle imprese multinazionali - anche di dimensioni ridotte seppur nei limiti delle loro capacità - al progresso economico, sociale e ambientale in tutto il mondo. Le LG sono state aggiornate con il coinvolgimento degli stakeholders e approvate dalla Ministeriale OCSE del 2011 per rispondere ai cambiamenti nel quadro internazionale degli investimenti e rafforzarne il ruolo di strumento leader a livello internazionale. Gli orientamenti concernono tutti gli ambiti della vita delle imprese - divulgazione delle informazioni; diritti umani; occupazione e relazioni industriali; ambiente; lotta all’istigazione alla corruzione ed alla concussione; interessi del consumatore; scienza e tecnologia; libera concorrenza; fiscalità - tutti temi declinati considerando gli standard internazionali più elevati, i principi dell’ONU in materia di diritti umani e dell’ILO in materia di lavoro.

Costituiscono, inoltre, un punto di riferimento gli standard e le iniziative internazionali multilaterali quali i dieci principi del Global Compact (GC) delle Nazioni Unite, la Extractive Industries Transparency Initiative e lo standard ISO 26000.

Il GC incoraggia le imprese di tutto il mondo a creare un quadro economico, sociale ed ambientale atto a promuovere un’economia sana e sostenibile che garantisca a tutti l’opportunità di condividere i benefici. I dieci principi del Global Compact sanciscono i diritti fondamentali, relativi a diritti umani, standard lavorativi, tutela dell'ambiente e lotta alla corruzione.

La Extractive Industries Transparency Initiative è uno standard globale orientato alla trasparenza dei pagamenti nelle transazioni concernenti le materie prime. Lo standard opera attraverso un approccio multistakeholders e la trasparenza è richiesta sia alle imprese che ai Governi beneficiari dei pagamenti.

Lo standard ISO 26000 è frutto di un lungo lavoro portato avanti in cinque anni dall’ISO/TMB/WG "Social responsibility" con un approccio “multistakeholder”, con l’intento di aiutare le organizzazioni - indipendentemente dalle loro dimensioni - a contribuire concretamente allo sviluppo sostenibile. La posizione italiana, è stata rappresentata dalla Commissione Tecnica UNI[8] "Responsabilità sociale delle organizzazioni".

Importante è anche l’azione del Governo italiano in materia di lotta alla corruzione in seno al gruppo di lavoro anti-corruzione del G20 istituito nel 2010. Il gruppo intende promuovere gli strumenti delle Nazioni Unite e dell’OCSE per la lotta alla corruzione internazionale, prevenire l’accesso di funzionari corrotti al sistema finanziario, combattere il riciclaggio di denaro e i paradisi fiscali, rafforzare i meccanismi intergovernativi, migliorare la protezione delle persone lese e scambiare buone pratiche.

 

3.            La dimensione territoriale della RSI

Coerentemente con il riparto di competenze tra Stato e Regioni, il Piano d’Azione include l’azione delle Amministrazioni centrali e quelle delle Regioni e delle altre Amministrazioni locali.

La RSI pone l’accento sulle relazioni interne ed esterne dell’impresa nei confronti dei portatori di interesse e del territorio, dunque, in ragione della conoscenza delle realtà aziendali e del dialogo costante tra istituzione e imprese, a livello di amministrazioni regionali e locali possono essere affrontati con efficacia i temi e le  problematiche specifiche. Possiamo parlare in questo caso di Responsabilità Sociale del Territorio (RST) dove le politiche pubbliche promuovono sinergie e partenariati. L’interdipendenza tra attori e comunità territoriali è un elemento necessario che consente di promuovere anche processi d’internazionalizzazione del territorio non soltanto economici e commerciali ma anche culturali e sociali.

Le Regioni italiane hanno inviato un contributo per la definizione delle priorità e l’identificazione delle azioni del Piano d’Azione.

Il contributo delle Regioni è stato  validato dalla XI Commissione politica “Attività produttive” e dalla IX Commissione politica “Istruzione, Formazione, Lavoro, Ricerca e Innovazione” della Conferenza delle Regioni e Province autonome. Tale contributo è stato predisposto facendo seguito a quanto concordato con i rappresentanti del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e del Ministero dello Sviluppo Economico  e con il rappresentante delle Regioni presso il Punto di Contatto Nazionale per la diffusione delle Linee Guida OCSE, nella riunione di Coordinamento tecnico interregionale congiunto (IX e XI Commissione) del 16 maggio 2012.

Le Regioni hanno proceduto ad una ricognizione sulle azioni regionali, fornendo il dettaglio sulle tipologie di interventi maggiormente significativi (realizzati negli ultimi 5 anni, in corso di realizzazione o in corso di definizione) e sulle buone prassi, come riportato negli allegati[9].

Gli ambiti entro i quali si muovono gli interventi di RSI delle Regioni sono l’imprenditoria e il lavoro e, in misura minore, l’istruzione, la formazione, le politiche sociali, le attività internazionali e l’impresa sociale.

Per ciò che concerne la cornice istituzionale, gli interventi in materia di RSI realizzati dalle Regioni/PA hanno il proprio riferimento normativo nelle leggi regionali/provinciali, per lo più a partire dal 2005. Si tratta di leggi che regolano, in generale, la materia del lavoro nei suoi vari aspetti e/o che contengono misure per la crescita, lo sviluppo territoriale, la valorizzazione dell’artigianato, la promozione della cooperazione mutualistica, o ancora che disciplinano i sistemi dei servizi sociali, nell’ambito delle quali, quasi ovunque, sono stati previsti articoli specifici sulla RSI. Solo in due casi si tratta di leggi regionali che disciplinano ad hoc il tema della RSI: per la Regione Umbria, attraverso la previsione di interventi per la certificazione di sistemi della qualità, del rispetto ambientale, della sicurezza e dell’etica nelle imprese umbre (L.R. 21/2002) e l’istituzione di un Albo delle imprese con certificato di conformità allo standard SA 8000 (L.R. 20/2002 e 27/2002); per la Regione Toscana, attraverso la previsione di disposizioni che promuovono la RSI (L.R. 17/2006). Inoltre, in tre realtà (Emilia Romagna, Lombardia e Toscana), la responsabilità sociale di impresa rappresenta una delle finalità prioritarie da perseguire, sancita anche a livello di Statuto regionale.

Ancora, nella quasi totalità dei casi (ad eccezione della Provincia autonoma di Trento) la RSI è un tema espressamente citato in diversi atti di programmazione regionale. Infatti, in 8 casi è contemplata nei programmi operativi cofinanziati dai Fondi Strutturali: o nei PO FSE (4 Regioni), o nei PO FESR (1 Regione) o in entrambi (3 Regioni); in 7 casi, la RSI è anche, o solamente, prevista in altri documenti, quali: piani e programmi annuali o pluriennali di sviluppo economico e produttivo, piani annuali o pluriennali sulle politiche del lavoro, documenti strategici, piani di azione, libri verdi regionali, protocolli d’intesa.

Se si analizza la fonte di finanziamento utilizzata per tutte le iniziative segnalate (nel complesso 55 iniziative già realizzate, in corso di realizzazione o in fase di definizione), ciò che emerge è che le Regioni danno attuazione a quanto previsto nei propri documenti normativi e programmatici in tema di RSI prevalentemente attraverso l’utilizzo di risorse proprie (57%) e comunitarie (43%), in particolare del FESR e del FSE; seguono iniziative a valere su programmi comunitari, quali MED o SEE o altre call comunitarie.

Nel 2012 è stato lanciato il progetto interregionale “Creazione di una rete per la diffusione della responsabilità sociale d’impresa”, al quale hanno aderito tredici Regioni italiane, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e il Ministero dello Sviluppo Economico. Il progetto si pone la finalità principale di aumentare la diffusione della responsabilità sociale  tra le imprese attraverso un processo di scambio e apprendimento reciproco tra le Pubbliche amministrazioni coinvolte  sugli approcci e programmi di intervento adottati, sulle esperienze realizzate, sulle principali problematiche connesse agli strumenti di intervento. Tale progetto contribuirà alla realizzazione delle priorità del Piano d’Azione e all’integrazione delle azioni tra i diversi livelli di Governo.

Il Piano d’Azione contribuirà a definire le misure di intervento che potranno essere finanziate con i Fondi strutturali nell’ambito della prossima programmazione della politica di coesione europea 2014-2020.

Nell’ambito delle politiche regionali un’attenzione specifica sarà data alle Regioni del Sud che saranno coinvolte in progetti congiunti e di scambio di esperienze con le Regioni del Centro-Nord.

 

4.            Gli altri attori coinvolti

L’azione dell’Amministrazione si accompagna con quella degli altri attori coinvolti nei processi di condotta responsabile.

Le imprese sono al centro delle politiche di promozione della RSI e ne sono il motore principale. In tale direzione le associazioni di categoria rivestono un ruolo chiave nel fornire agli associati l’impostazione strategica e gli strumenti utili, in particolare con riferimento alle PMI.

Anche il sistema camerale, tramite Unioncamere e le camere di commercio, coadiuva le imprese attraverso attività di informazione e formazione.

Sul fronte del lavoro, le organizzazioni sindacali nazionali sono attive nel promuovere accordi e intese volte al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla valorizzazione del contributo dei lavoratori alle produzioni nazionali.

Tra le organizzazioni non governative particolare rilevanza assumono le organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile,  nonché le reti e i coordinamenti di dette organizzazioni sia a livello nazionale che internazionale.

Infine, il sistema finanziario contribuisce attraverso l’azione del Forum per la finanza sostenibile, della banche, anche tramite ABI, e della finanza etica.

 

III.           Il Piano d’Azione 2012 – 2014

L’ambito di intervento

Per dare una definizione di CSR ci si riferisce alla Comunicazione della Commissione europea ossia: “responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società[10], che si fonda sul convincimento che affrontare il tema della RSI è nell’interesse delle imprese e della società.

In linea con gli orientamenti internazionali e con la strategia europea, gli ambiti della vita delle imprese coperti dalla RSI possono essere sinteticamente riassunti in[11]:

La promozione della RSI nella catena di fornitura e la trasparenza e la divulgazione delle informazioni finanziarie e non finanziarie sono riconosciute come importanti azioni trasversali.

Inoltre, la Commissione ha adottato una comunicazione sulle politiche dell'UE e il volontariato, in cui riconosce il volontariato d'impresa come espressione della responsabilità sociale delle imprese[12];

sia il settore pubblico che quello privato possono svolgere un ruolo importante nel promuovere attività di volontariato come espressione della loro responsabilità sociale, contribuendo allo sviluppo della comunità locale e migliorando, allo stesso tempo, il clima di fiducia e la gratificazione sul lavoro a beneficio della produttività.

Particolare attenzione verrà dedicata all’impresa sociale ossia l’impresa che fornisce servizi sociali e/o beni e servizi a soggetti esclusi socialmente e/o vulnerabili, e/o imprese le cui modalità di produzione di beni e servizi perseguono un obiettivo di natura sociale (es. integrazione sociale e professionale di persone svantaggiate).

Occorre a riguardo evidenziare che la RSI/CSR ha una natura multidisciplinare e richiede un’integrazione strategica e organica a tutta la vita aziendale, sebbene possa essere declinata in operazioni di maggiore e minore intensità, in relazione ai diversi ambiti sopra delineati.

Come specificato anche dalla Commissione europea  le imprese, su base volontaria, dovrebbero integrare la RSI nelle operazioni commerciali - che includono le relazioni di partenariato e nella  catena di fornitura direttamente legate alle attività, ai prodotti o ai servizi dell’impresa - e nella propria strategia aziendale, in stretta collaborazione con i propri interlocutori.

Le azioni delle imprese dovrebbero essere volte a:

Alla luce della natura multidisciplinare della RSI e della varietà delle azioni che le imprese possono mettere in campo, per attuare le azioni del Piano, le Amministrazioni e gli altri soggetti pubblici potranno fare ricorso agli strumenti ritenuti maggiormente idonei al perseguimento degli obiettivi prefissati, anche adottando un mix di tipologie di intervento e un’integrazione tra le diverse azioni.

L’efficacia dell’azione, tanto pubblica che privata, è potenziata dall’approccio multistakeholder con  il coinvolgimento attivo di tutte le forze sociali e la gestione delle attività in modo coerente con le aspettative e i bisogni degli interlocutori, approccio che sarà  trasversale all’attuazione del Piano.

Data la struttura produttiva italiana, occorre considerare che la portata dell’applicazione della condotta responsabile sarà declinata in relazione alla dimensione delle imprese. La RSI si è sviluppata all’origine prevalentemente presso le grandi aziende - in particolare multinazionali - e presso le aziende quotate; ciò vale anche a livello nazionale, ove queste pratiche di condotta sono maggiormente riscontrate presso aziende di grandi dimensioni. Tuttavia, negli ultimi anni, diverse sono le imprese di dimensioni più piccole, in particolare medie, che si sono orientate verso questi temi, mentre si riconosce che  per le micro-imprese il processo è destinato a rimanere informale.

In considerazione delle ridotte risorse umane e finanziarie, la strategia nazionale dedica una particolare attenzione alle PMI. In questa ottica, oltre a sostenere le azioni delle singole imprese, nelle azioni del Piano d’Azione, particolare attenzione sarà data a forme di accompagnamento e sostegno rivolte ad aggregazioni di imprese (ad es. reti di impresa[13] e distretti produttivi) per superare i limiti dimensionali delle singole aziende e incrementare l’impatto delle azioni nelle catene di fornitura e nelle filiere produttive.

Tabella 1- Riepilogo degli obiettivi, delle linee prioritarie e degli  interventi 2012-2014

A. OBIETTIVO - AUMENTARE LA CULTURA DELLA RESPONSABILITA’ PRESSO LE IMPRESE, I CITTADINI  E LE COMUNITA’ TERRITORIALI

LINEE PRIORITARIE

AZIONI

INTERVENTI 2012-2014

  1. Diffusione della RSI come approccio integrato e strategico dell’impresa

a)       Azioni di informazione e formazione delle imprese e diffusione delle buone pratiche

 

Creazione di un tavolo multistakeholders presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

 

Partecipazione alle piattaforme europee multistakeholders

 

Partenariato strutturato  pubblico-privato settoriale e/o territoriale per il perseguimento di obiettivi condivisi

 

Partenariato tra sindacati e imprese per la definizione di accordi quadro volti a promuovere la CSR anche nella catena di subfornitura

 

Strumenti multimediali, eventi, seminari e workshop tematici/settoriali per diffondere la cultura strategica della RSI e le migliori pratiche

 

Azioni di formazione delle imprese, delle istituzioni, delle organizzazioni di terzo settore e  degli stakeholders

 

Azioni di sensibilizzazione su filiere tecnologiche e distretti per lo sviluppo di progetti congiunti

 

Creazione e implementazione del canale CSR/Terzo settore nel SIONP- sistema informativo delle organizzazioni non profit del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

b)       Integrazione della RSI nell’ambito dell’istruzione, della formazione e della ricerca

Iniziative per il collegamento scuole-università-imprese sui temi della RSI, favorendo il partenariato pubblico-privato e la partecipazione dei sindacati, delle cooperative sociali e delle imprese sociali

 

Iniziative per la formazione continua dei lavoratori in coordinamento con gli enti bilaterali e i fondi interprofessionali di formazione continua

 

Coordinamento degli interventi nazionali con i programmi europei “gioventù in azione” e “lifelong learning”

  1. Rendere consapevoli i cittadini e evitare pratiche sleali

a)       Strumenti per la visibilità delle imprese responsabili

Azioni per la valorizzazione e la visibilità delle imprese virtuose (premi, albi ecc.)

 

Valorizzazione e supporto alla realizzazione in Italia dell’ “European CSR Award”

b)       Azioni per migliorare il livello di fiducia dei consumatori

Efficace applicazione della normativa sulle pratiche sleali

 

Rafforzamento della tutela dei consumatori

 

Diffusione e applicazione del “rating di legalità”

 

Lotta al transfer pricing e ai paradisi fiscali

 

Promozione di buone pratiche di legalità del mondo privato, delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva, della società civile  e di altri stakeholders

 

Coordinamento Stato-Regioni per rafforzare la lotta all’illegalità e alle infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici

c)       Miglioramento dei processi di autoregolamentazione e co-rego lamentazione

Azioni di accompagnamento ai processi di autoregolamentazione e co-regolamentazione

 

Individuazione di procedure di monitoraggio e controllo indipendenti

 

Definizione di Accordi Quadro tra le parti sociali

d)       Il contributo della PA: trasparenza e legalità

Diffusione e applicazione dei principi, delle norme e delle buone pratiche di trasparenza e legalità nella Pubblica Amministrazione

 

Promozione di buone pratiche in materia di legalità e lotta alla corruzione

 

Coordinamento Stato-Regioni per rafforzare la lotta all’illegalità, alla corruzione e alle infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici

B. OBIETTIVO - SOSTENERE LE IMPRESE CHE ADOTTANO LA RSI

LINEE PRIORITARIE

AZIONI

INTERVENTI 2012-2014

 

  1. Sostegno dal lato dell’offerta pubblica

 

 

a)       Incentivi, sgravi fiscali, premialità e semplificazione

 

Definizione di indicatori, criteri e meccanismi di valutazione per “premiare” le imprese nell’accesso ai finanziamenti pubblici o forme di semplificazione amministrativa in linea con gli strumenti internazionali sottoscritti dal Governo

 

Ricorso a strumenti stabili per il finanziamento delle iniziative (quali ad es. misure inserite nella programmazione dei fondi strutturali europei, fondi regionali per la flessibilità del lavoro ecc.)

 

Incentivi alle PMI per il sostegno agli investimenti in RSI

 

Meccanismi di premialità e semplificazioni per l’accesso alle risorse pubbliche e alle procedure autorizzative

 

Procedure di monitoraggio e controllo dei progetti

C. OBIETTIVO - CONTRIBUIRE AL RAFFORZAMENTO DEGLI “INCENTIVI DI MERCATO” PER LA RSI

LINEE PRIORITARIE

AZIONI

INTERVENTI 2012-2014

  1. Il contributo del mondo finanziario

a)       Promozione delle iniziative per gli investimenti e il credito sostenibili

Iniziative per favorire  la trasparenza delle informazioni da parte delle istituzioni finanziarie, dei  fondi di investimento e dei fondi pensione

 

Promozione della due diligence nel settore finanziario anche sulla base dei lavori OCSE in  materia

 

Collaborazione nelle iniziative del settore bancario e dei fondi di investimento per incrementare la quota di risorse finanziarie investite in imprese “virtuose”

 

Promozione della “Carta dell’Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana”

b)       Finanza etica

Promozione dei principi della Finanza etica

 

Sostegno alle iniziative per il finanziamento delle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

 

Sostegno e promozione delle iniziative di microcredito del settore bancario

 

Raccolta, diffusione e pubblicazione di buone pratiche ed esempi di successo di partnership tra imprese e/o organizzazioni del Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

  1. Appalti pubblici

a)       Promozione di appalti pubblici che integrino criteri sociali e ambientali

Integrazione delle iniziative nazionali e regionali per la definizione di criteri socio-ambientali negli appalti pubblici

 

Promozione dell’applicazione dei criteri sociali  e ambientali negli appalti pubblici

 

Definizione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, con riferimento alla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

 

Linee guida per l’inserimento di clausole sociali riguardanti le persone disabili nelle procedure di appalto della PA nell’ambito del progetto europeo CSR+D

  1. 3. Consumatori

a)       Reti e Forum di Consumatori

Campagne di sensibilizzazione dei consumatori

 

Promozione del dialogo imprese-consumatori e delle reti dei consumatori

D. OBIETTIVO PROMUOVERE LE INIZIATIVE DELLE IMPRESE SOCIALI, DELLE ORGANIZZAZIONI DI TERZO SETTORE, DI CITTADINANZA ATTIVA E DELLA SOCIETA’ CIVILE

LINEE PRIORITARIE

AZIONI

INTERVENTI 2012-2014

  1. Promozione delle potenzialità sociali ed economiche delle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

a)       Diffusione della RSI presso le organizzazioni di  terzo settore e sostegno al dialogo con le imprese

Promozione del dialogo imprese-organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

 

Promozione di attività formative sulla trasparenza (rendicontazione sociale, bilanci sociali e di sostenibilità ecc.)

 

Promozione di esperienze di “Sportelli CSR e volontariato” nei centri servizio per il volontariato

 

Pubblicazione su supporto informatico  di buoni esempi di partnership tra imprese e/o organizzazioni di Terzo settore, in particolare imprese sociali, cooperative sociali, organizzazioni che si occupano della cooperazione e della solidarietà internazionale

 

Promozione della cultura della legalità con la compartecipazione delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

E. OBIETTIVO- FAVORIRE LA TRASPARENZA E DIVULGAZIONE DELLE INFORMAZIONI ECONOMICHE, FINANZIARIE, SOCIALI E AMBIENTALI

LINEE PRIORITARIE

AZIONI

INTERVENTI 2012-2014

1.   Informazione, trasparenza e reporting delle imprese

a)       Diffusione e coerenza dei quadri di riferimento e degli indicatori

Promozione della divulgazione e della trasparenza delle informazioni finanziarie e extra-finanziarie

 

Raccordo delle iniziative nazionali sugli indicatori e il reporting

 

Strumenti per le imprese per il ricorso agli standard di reporting tenendo conto delle specificità settoriali e dimensionali delle aziende

b)       Sostegno per l’adozione di standard di sostenibilità e per il reporting extra-finanziario

Sostegno pubblico  all’adozione di forme di rendicontazione e reporting sulla RSI da parte delle PMI e nelle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile (in particolare cooperative sociali e imprese sociali)

 

F. OBIETTIVO - PROMUOVERE LA RSI ATTRAVERSO GLI STRUMENTI  RICONOSCIUTI A LIVELLO INTERNAZIONALE, E LA COOPERAZIONE E LA SOLIDARIETA’ INTERNAZIONALE

LINEE PRIORITARIE

AZIONI

INTERVENTI 2012-2014

  1. Le Linee Guida OCSE per le imprese multinazionali

a)       Attuazione delle Linee Guida OCSE

Diffusione e implementazione delle Linee Guida OCSE a livello nazionale e internazionale, in coordinamento con le Amministrazioni nazionali, le Agenzie per l’internazionalizzazione, le imprese, i sindacati e gli altri stakeholders

 

Promozione della tutela dei diritti umani in collegamento con le iniziative nazionali e internazionali

 

Sperimentazioni sulla due diligence nella catena del valore per le imprese nei diversi settori economici, con particolare attenzione alle PMI

 

Produzione di toolkit  e altri strumenti  operativi  per le imprese da diffondere anche tramite le Ambasciate italiane

 

Partecipazione alle iniziative OCSE per la  proactive agenda e alle iniziative di outreach delle Linee Guida

 

Collaborazione con i soggetti istituzionali e gli stakeholders per l’attuazione del Piano di Azione nazionale in materia di RSI

  1. Promozione di standard e iniziative internazionali

a)       Global Compact delle Nazioni Unite

Promozione dell’adesione volontaria delle imprese e delle organizzazioni di terzo settore  al Global Compact

 

Consolidamento e diffusione delle buone pratiche

 

Partecipazione attiva ai processi del GC

b)       ISO 26000

Promozione dell’adesione volontaria  delle imprese e delle organizzazioni allo standard ISO 26000

 

Definizione, con il supporto dell’INAIL, di Linee Guida semplificate per le PMI e di settore in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro  con il contributo delle  parti sociali

c)       Extractive Industries Transparency Initiative

Sostegno all’iniziativa EITI per la definizione di uno standard minimo globale

 

Coordinamento con le Linee Guida  OCSE e con il Global Compact dell’ONU

d)       Gruppo di lavoro del G20 sulla lotta alla corruzione

Sostegno alle iniziative di lotta alla corruzione di tipo legislativo e di accompagnamento delle imprese

 

  1. Cooperazione internazionale

a)       Attrarre le imprese verso i Paesi prioritari della cooperazione   e della solidarietà internazionale

Iniziative per la compartecipazione delle imprese agli obiettivi e alle azioni  di cooperazione internazionale allo sviluppo e di solidarietà internazionale

 

Promozione delle partnership tra imprese, organizzazioni non governative di cooperazione internazionale e di solidarietà internazionale  e organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

Promozione della sinergia tra internazionalizzazione responsabile e cooperazione allo sviluppo sostenibile attraverso le reti istituzionali nazionali (Ambasciate, Agenzie per l’internazionalizzazione, Camere di Commercio,  ecc.)


A.               OBIETTIVO: Aumentare la cultura della responsabilità sociale presso le imprese,  i cittadini e le comunità territoriali

1.            Diffusione della RSI come approccio integrato e strategico dell’impresa

Un primo importante aspetto da evidenziare nell’adozione delle pratiche di responsabilità sociale è che la loro efficacia deriva dall’approccio adottato nella gestione aziendale. Una gestione della CSR relegata a limitate aree di business e non integrata nell’insieme della gestione e organizzazione dell’azienda, attraverso un approccio strategico, non produce i risultati attesi in termini di valore aggiunto sociale e di ritorno economico. Come indica la stessa Commissione europea, un approccio strategico a lungo termine nei confronti della CSR consente di esplorare le opportunità per lo sviluppo di prodotti, servizi e modelli innovativi che contribuiscano al benessere della società e portino ad una maggiore qualità e produttività dei posti di lavoro[14].

Diverse sono le analisi scientifiche e sul campo, su casi concreti, volte a definire il legame tra comportamenti responsabili delle imprese e competitività le cui risultanze generali vanno diffuse per incentivare la condotta responsabile come motore della competitività delle imprese, cercando di aumentarne l’attrattività per le imprese facendo  emergere i vantaggi dell’essere responsabile[15].

Per contribuire alla diffusione della RSI occorre informare e sensibilizzare le imprese anche attraverso il ricorso ad esperienze e buone pratiche e, allo stesso tempo, investire sulle  nuove generazioni di imprenditori, manager e lavoratori. Occorre coinvolgere attivamente le imprese virtuose nei percorsi di formazione, infatti, attraverso lo storytelling, l’impresa responsabile può ricostruire e dimostrare, con efficacia, credibilità e dati alla mano, la sussistenza del citato nesso.

Sempre più spesso le aziende all'avanguardia nell'adozione di comportamenti socialmente responsabili identificano e coinvolgono i propri stakeholder, vale a dire coloro che (come i lavoratori, i consumatori, le Ong, i rappresentanti della pubblica amministrazione e le comunità locali) hanno un interesse in qualunque delle attività o decisioni dell'impresa. Il processo di identificazione e coinvolgimento degli stakeholder è, tuttavia, spesso difficile da attuare nella pratica per una vasta parte del sistema imprenditoriale italiano sia per la sua portata molto innovativa sia per i costi che comporta per un'impresa. Un'azione pubblica di informazione e sensibilizzazione può favorire la diffusione di un approccio multistakeholder nell'adozione di iniziative socialmente responsabili, in linea con quanto prevedono i principali strumenti internazionali e, di conseguenza, aumentare in qualità e in quantità il contributo delle imprese italiane nel campo della responsabilità sociale.

a)                            Azioni di informazione e formazione delle imprese e diffusione delle buone pratiche

A partire dal libro verde della Commissione del 2001[16], diverse azioni di sensibilizzazione sono state messe in campo dall’Italia sia dalla Amministrazioni centrali  e dalle Regioni oltre che da altri soggetti, quali: le Camere di Commercio, le Università le Associazioni di categoria e il sistema bancario, i sindacati e le organizzazioni della società civile. Tali azioni hanno riguardato le attività informative, gli interventi formativi e la diffusione delle buone pratiche. L’insieme di queste azioni ha consentito la diffusione dei concetti di base e dei principali strumenti di riferimento, in particolare presso le PMI.

Per la diffusione di comportamenti etici e responsabili nelle imprese e nel sistema, l’azione pubblica si concentrerà nel 2012-2014 sulla creazione di valori condivisi che comportano, conseguentemente, l’assunzione di una reale politica multistakeholder, la revisione dei modelli di governance e un ripensamento di contenuti e strumenti con il superamento dell’approccio unilaterale da parte delle singole aziende con particolare riguardo alla filiera e al dialogo pubblico-privato.

Le Regioni e le Amministrazioni centrali ritengono importante proseguire nell’impegno per mettere in campo un sistema a rete multistakeholders per la diffusione della RSI, di concerto con le Camere di Commercio, le Associazioni imprenditoriali e sindacali e gli altri portatori di interesse, declinando gli approcci e gli strumenti gestionali di CSR nelle singole filiere tecnologiche e per distretti, con attività laboratoriali finalizzate a progettare interventi di CSR in partnership tra imprese, e tra imprese ed enti pubblici, fortemente coerenti con la cultura del territorio. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali intende procedere alla creazione di un tavolo multistakeholders formato dalle Amministrazioni centrali e regionali interessate, dagli stakeholders più rilevanti quali, ad esempio, ABI, Confidustria, Cgil, Uil e Cisl, Inail, Unioncamere, Adiconsum, Fondazione Sodalitas,  Impronta Etica, reti e coordinamenti delle organizzazioni di  Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile, perché attraverso il confronto si possano trovare modalità che garantiscano l’eliminazione del lavoro minorile, del lavoro nero e della diversità di trattamento tra sessi oltre al rispetto dei diritti dei lavoratori nella catena di subfornitura. Il  tavolo sarà aperto agli stakeholders particolarmente attivi in azioni di RSI. Viene, inoltre, accolta la proposta della Commissione europea di “Creare nel 2013 piattaforme di CSR di multistakeholder in un numero di importanti settori di business, per le imprese, i loro dipendenti e gli altri stakeholder al fine di rendere gli impegni pubblici in tema di CSR pertinenti per ciascun settore e monitorare congiuntamente i progressi”.

Lo sviluppo di partenariati pubblico-privato, altresì, si rivela strumentale al fine di infondere maggiore propulsione al processo globale di sviluppo sostenibile e per far fronte alla crisi economica, realizzando processi virtuosi di accountability. La partnership pubblico-privato può essere uno strumento vincente per far fronte alle sfide ambientali e sociali poste dal contesto attuale. Sfide che sempre di più richiedono abilità e know-how diversificati e specifici e che possono quindi essere meglio affrontate se diversi attori contribuiscono con le proprie competenze al raggiungimento di un obiettivo comune.

Alcuni progetti realizzati mostrano che la collaborazione tra soggetti pubblici e privati può rappresentare una leva di successo per sviluppare risposte comuni e condivise alle problematiche ambientali attuali e per la creazione di valore e di benefici sia interni, per i partner, sia esterni, per la comunità e il territorio. Impronta Etica, associazione senza scopo di lucro per la promozione e lo sviluppo della responsabilità sociale d’impresa (RSI), nata nel 2001 per volontà di alcune imprese cooperative  emiliano-romagnole,  ha realizzato diverse attività in questa direzione. Il progetto GAIA, coordinato dal Comune di Bologna  (iniziato nell’ottobre 2010), è un progetto europeo finanziato dal Fondo LIFE+ che mira a contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici attraverso la creazione di partnership pubblico-privato per la realizzazione di aree verdi urbane.  Impronta Etica è partner del progetto, insieme ad Unindustria, all’IBIMET (Istituto di Biometeorologia del CNR) e a CITTALIA - Fondazione ANCI Ricerche. Il Protocollo Microkyoto Imprese è stato sottoscritto nel 2008 e si è concluso nel 2012 e ha visto la collaborazione di Provincia di Bologna, CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa), Impronta Etica, Unindustria e (dal 2010) Legacoop. Il progetto si è sviluppato con lo scopo di contribuire a raggiungere gli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto.

Le circa 100 imprese che hanno aderito al progetto (in modo volontario e gratuito) hanno realizzato, con il supporto di Provincia e delle Associazioni di imprese, un audit, seguito da un Programma di risparmio energetico, per identificare le azioni da concretizzare per ottenere una riduzione delle emissioni. Il piano delle imprese è stato successivamente monitorato.

Occorre poi sostenere le imprese con iniziative di accompagnamento e guide operative che aiutino e accompagnino le imprese stesse a meglio impostare le loro azioni. Gli strumenti di supporto e di orientamento per le imprese in questo ambito sono di diversa natura e tipologia a seconda degli obiettivi perseguiti. Tali strumenti, per poter essere sostenuti sul piano pubblico, devono essere sviluppati in coerenza con gli strumenti e il  lavoro già in atto a livello di Nazioni Unite, dell’OCSE (cfr. capitolo sugli orientamenti internazionali) e i lavori della Commissione europea. Occorre poi anche considerare  gli approcci internazionali per i diversi settori produttivi sviluppati dal mondo privato.

Dal 2006, l’INEA (Istituto Nazionale di Economia Agraria), su finanziamento del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, ha sviluppato un insieme articolato di strumenti a favore delle imprese e degli operatori del settore  tra cui le Linee Guida per “Promuovere la responsabilità sociale delle imprese agricole e agroalimentari e la raccolta di buone pratiche di settore: “Le esperienze italiane sulla responsabilità sociale”.

Le Amministrazioni centrali hanno messo in campo diverse iniziative settoriali sui temi dell’ambiente e della lotta alla corruzione; un ruolo particolare lo hanno svolto il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, sui temi del lavoro e dell’occupazione, e il Ministero dello Sviluppo Economico in relazione all’implementazione alle Linee Guida dell’OCSE sulla condotta responsabile delle imprese.

Le Regioni e le altre Amministrazioni locali hanno anch’esse realizzato numerose attività di cui si citano le iniziative che seguono:

Il Progetto CSR-Piemonte, avviato nel 2009 e realizzato in collaborazione con Unioncamere Piemonte, ha portato alla creazione di un’area web (www.csrpiemonte.it), all’organizzazione di seminari, workshop, laboratori territoriali, incontri e ad iniziative  per divulgare le buone prassi.

La Regione Toscana ha realizzato “Fabrica Ethica”, una piattaforma multimediale dove vengono riassunte tutte le iniziative della regione in tema di RSI (www.fabbricaethica.it)  oltre alle informazioni sul dibattito nazionale e internazionale in materia. In Liguria, il Centro ligure produttività della Camera di Commercio di Genova, in collaborazione con la provincia, ha realizzato EticLab, un laboratorio sperimentale finalizzato alla diffusione sul territorio della cultura della RSI attraverso la sperimentazione e condivisione di buone pratiche e la promozione del dialogo tra imprese e istituzioni.

La Regione Veneto, con il progetto “Veneto e imprese: un futuro responsabile”, in collaborazione con Unioncamere Veneto, ha attivato una serie di attività sui requisiti minimi di CSR, la raccolta delle buone pratiche[1], la promozione  presso il settore pubblico e privato per aumentare la cultura della CSR.

In Regione Emilia Romagna sono state realizzate, a livello provinciale,  diverse iniziative che hanno coinvolto enti pubblici, in collaborazione con università e imprese, e che hanno generato iniziative di premi sulle pratiche e l’innovazione sociale, osservatori, sportelli CSR, club e laboratori promossi da organizzazioni di imprese  e attività di formazione e certificazione.

Dal 2011 Regione Lombardia si è dotata di Programma Operativo Sperimentale dal titolo: “Responsabilità sociale di impresa: persone, mercati e territorio” che prevede la diffusione dei principi per il comportamento responsabile delle imprese attraverso la sottoscrizione di due protocolli d’intesa, uno con il Ministero dello Sviluppo Economico – Punto di contatto Nazionale per la diffusione delle Linee guida OCSE – e, l’altro, con Unioncamere Lombardia che prevede l’adesione al protocollo anche delle Associazioni di categoria; si segnala in particolare la realizzazione nel 2012 del Repertorio delle buone Prassi sul sito http://csr.unioncamerelombardia.it, quale vetrina on line delle buone prassi lombarde.

Passando alle attività del sistema camerale, dal 2004 il sistema camerale ha avviato azioni in tema di responsabilità sociale d’impresa attraverso le quali assicurare la massima diffusione della “cultura della CSR” presso gli interlocutori sociali, economici e istituzionali.

Da un’indagine svolta risulta che, nel 2011, sono state 44 le Camere di commercio e numerose le Unioni Regionali che hanno svolto attività inerenti alla RSI, di cui 17 avvalendosi della collaborazione della propria Azienda speciale e 6 con altre strutture del sistema; 33 Camere di commercio hanno attivo uno sportello dedicato. L’attività di diffusione sulle tematiche suddette vengono oggi fatte attraverso il portale. Le attività operative delle Camere si realizzano, in diversi casi, in collaborazione con le Regioni (cfr infra).

Tra gli interventi effettuati dal sistema camerale quello più significativo rimane quello di informare il territorio attraverso seminari, convegni e workshop, condotti nel 2012 da oltre il 60% delle Camere di commercio a cui vanno sommati altri servizi di informazione, di carattere generale,  forniti da oltre il 40% delle strutture camerali. Significative sono state anche le attività di supporto ai percorsi di certificazione per le imprese, soprattutto la SA8000, l’OHSAS 18001, le ISO 26000e la registrazione EMAS (per maggiori informazioni (www.crs.unioncamere.it).

Nel 2011 significativi sono stati anche gli incontri sul territorio per la diffusione delle Linee Guida OCSE presso gli stakeholders realizzati, su incarico del MiSE, dall’Istituto G. Tagliacarne.

Sul fronte delle Associazioni di categoria, una cultura d’impresa socialmente responsabile è presente da tempo nel sistema delle imprese associate a Confindustria, in particolare di grande dimensione, e si sta progressivamente rafforzando anche tra le PMI.  In particolare, per le imprese del settore industriale, Confindustria ha svolto e continua a svolgere non solo  un importante ruolo propulsore ma anche di raccolta delle esperienze in materia di RSI dalle proprie associate, promuovendo e diffondendo la cultura d’impresa su tutto il territorio nazionale.

In seno a Confindustria, un ruolo centrale è svolto dalla Commissione Cultura, organismo che ha il compito di sviluppare progetti e attività di supporto, di stimolo e guida alla promozione della cultura d’impresa, facendo leva sulle sinergie con i vari interlocutori (università, centri di ricerca, fondazioni d’impresa, terzo settore, ecc.) e sulla diffusione delle buone pratiche, anche attraverso la costituzione di reti territoriali. Al suo interno è costituito un gruppo di lavoro sulla Responsabilità Sociale d’Impresa, che, a sua volta, dando vita, nel 2010, al Forum Italia CSR, ha creato un contenitore di iniziative, sviluppate anche dai 20 Forum territoriali, finalizzate alla diffusione della RSI e  delle buone pratiche delle PMI  a livello locale. In questa direzione, con l’intento di promuovere la sostenibilità tra le imprese, soprattutto nelle realtà di minori dimensioni e di nature diverse, le attività del Gruppo di Lavoro sulla CSR sono state rivolte su tre principali filoni di intervento: la rendicontazione di sostenibilità per le PMI; la promozione della cultura della CSR a livello territoriale tramite i Forum CSR; l’avvio di un progetto sperimentale sulle Fondazioni di impresa con lo scopo di valutare la possibilità di collaborazione e massimizzare le loro potenzialità nel diffondere la CSR.  Per dare maggiore concretezza ai risultati, il gruppo di lavoro ha ritenuto importante non trattare in maniera esaustiva tutta la CSR bensì approfondire solo alcune tematiche prioritarie e nel dettaglio: sostenibilità ambientale; processi di governance e di rendicontazione; valorizzazione del capitale umano; terzo settore (collaborazioni vincenti tra imprese, non profit e amministrazioni locali).

Il SIS, Sviluppo Imprese in Sicurezza, è un progetto realizzato  da Confindustria, in collaborazione con Inail, Federmanager, Fondirigenti,  e Associazioni industriali, nel periodo 2009-2012, per promuovere un cambiamento culturale e operativo nella gestione aziendale della salute e sicurezza sul lavoro, raccogliere e diffondere le esperienze positive delle imprese associate nella prevenzione dei rischi lavorativi.

Sul fronte delle PMI, Confapi (e anche le API locali), è da tempo impegnata  a promuovere la responsabilità sociale d’impresa tra le piccole e medie imprese. Inoltre, Confapi sostiene da sempre l’inserimento del tema della RSI nei CCNL (cfr. infra).

Sul fronte delle iniziative promozionali e di rappresentanza, nel 2004, Confapi ha siglato un Protocollo d’Intesa  con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali atto a diffondere tra i propri associati i principi della CSR. Nel 2008 Confapi è stata capofila per la promozione della CSR in Europa attraverso lo sviluppo di un progetto europeo nell’ambito del “Business Support Programme”, nonché ha partecipato allo “Steering Commitee” costituito nell’ambito del progetto delle Nazioni Unite “Sviluppo sostenibile attraverso il Global Compact” per la promozione delle buone relazioni industriali e del rispetto dei diritti del lavoro, dell’ambiente e della responsabilità sociale di impresa. Nel 2010 la Confapi ha deciso di rafforzare e innovare l'idea di gestione d'impresa puntando sullo sviluppo di Linee Guida Confapi per le PMI sulla responsabilità amministrativa d'impresa, in attuazione del D.lgs 231/2001.

Altre associazioni, soprattutto a livello territoriale, contribuiscono alla promozione della RSI, quale ad esempio la CNA (cfr. infra) e, tra le associazioni professionali, la FLEPAR (Associazione degli Avvocati dell’Istituto Nazionale contro gli infortuni sul lavoro).

I sindacati Cgil, Cisl e Uil si sono impegnati, negli ultimi quindici anni, a favorire iniziative di responsabilità sociale a livello nazionale ed aziendale che fossero frutto di un negoziato con le aziende. Questo dialogo tra i sindacati e le imprese, caratteristico del contesto nazionale, ha prodotto dei risultati importanti sul fronte delle azioni positive delle imprese volte a garantire standard elevati di responsabilità sociale lungo il ciclo produttivo  e anche nelle catene di fornitura.

Per il futuro sarà importante sostenere la definizione di Accordi Quadro tra imprese e/o settori e le organizzazioni sindacali, che includano anche il rispetto delle Linee OCSE e degli UN Principles su Business e diritti umani.

Con riferimento ai grandi gruppi industriali, nel gennaio 2009, è stato firmato l’accordo fra il gruppo Gucci, Confindustria Firenze, CNA Firenze e le Organizzazioni Sindacali Filtea-Cgil, Femca-Cisl, Ugl e RSU Gucci. L’intesa – la prima del settore in Italia – prevede la costituzione di un Comitato paritetico permanente per le politiche di filiera, allo scopo di adottare buone pratiche per la compatibilità e la sostenibilità economica dell’intera catena di fornitura Gucci. L'accordo, inoltre, intende promuovere modelli di comportamento che garantiscano ad ogni livello l’adozione degli standard della responsabilità sociale, promuovere un’efficace pianificazione dei diversi periodi del ciclo produttivo, valorizzare lo sviluppo del patrimonio culturale e di iniziative di formazione e innovazione tecnologica e studiare la fattibilità di percorsi che facilitino l’accesso al sistema bancario per le piccole e medie imprese. Con tale intesa il gruppo Gucci prosegue, insieme con i sindacati, un cammino iniziato nel campo della responsabilità sociale con un accordo firmato nel giugno 2004.  Il protocollo sulla responsabilità sociale, firmato il 27 aprile 2009 fra l'Enel, i tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil e i tre segretari generali di Filctem, Flaei e Uilcem, prevede iniziative aggiuntive rispetto a quelle previste dalle leggi e dai contratti in materia di salute e sicurezza del lavoro, formazione, pari opportunità e tutela della diversità. Vanno segnalati gli Accordi stipulati tra i sindacati metalmeccanici e il Gruppo LUXOTTICA, nel periodo 2009- 2010 a Belluno, in materia di Welfare Aziendale – RSI Trasversale (carrello della spesa, fondo per l’acquisto di libri scolastici, fondo di assistenza sanitaria ). L’Accordo Luxottica (sul carrello della spesa ) è stato il primo in Italia in materia di Welfare Aziendale.

Sul fronte dei CCNL si segnalano gli accordi che seguono.

Il CCNL del settore assicurativo, firmato il 17/9/2007, istituisce con l’Allegato 9 l’Osservatorio Paritetico per il monitoraggio della diffusione e applicazione dei principi in materia di RSI. Inoltre il CCNL assicurativo ha istituito, fin dal 1991, il Comitato Nazionale di Pari Opportunità.

Il CCNL gomma e plastica, firmato il 18 marzo 2010 fra l'Associazione industriali gomma e plastica e Filctem, Femca e Uilcem, prevede un impegno delle aziende a realizzare delle iniziative socialmente responsabili nel campo della salute e sicurezza del lavoro, della formazione continua e della tutela delle fasce deboli di occupati. L’accordo in materia di Linee Guida su responsabilità sociale nella contrattazione di secondo livello, firmato il 18 novembre 2010 nei settori chimica e farmaceutica fra Federchimica e Filctem, Femca e Uilcem, prevede iniziative nei settori della conciliazione dei tempi vita-lavoro, tutela della diversità, sostegno del reddito, interscambio generazionale fra lavoratori anziani e giovani, occupabilità, pari opportunità e salute e sicurezza del lavoro.

Infine, per quanto riguarda le PMI, CCNL sono stati siglati tra le OO.SS di categoria Cgil, Cisl, Uil e gli aderenti a Confapi gli accordi che seguono: UNIONTESSILE (rinnovato il 22 luglio 2010), UNIONALIMENTARI ( rinnovato il 16 settembre 2010), UNITAL (rinnovato il 19 luglio 2010), UNIONCHIMICA (rinnovato il 17 dicembre 2009).

Per quanto riguarda il settore bancario, ABI e Sindacati hanno firmato, il 19 gennaio 2012, l’accordo per il nuovo contratto nazionale che vede in primo piano la tutela e lo sviluppo dell’occupazione, il recupero della redditività e la crescita della produttività e che valorizza la solidarietà generazionale e l’impiego stabile dei giovani, nell’interesse comune di imprese e lavoratori. Il contratto dedica una maggiore attenzione al tema della conciliazione dei tempi di vita e lavoro, a dimostrazione dell’interesse sociale che l’Accordo persegue.

La UIL al 15° Congresso nazionale UIL (2010), ha illustrato la filosofia del sindacato in materia di CSR.

La Cgil dal 2003 ha responsabili politiche di RSI a livello di confederazione nazionale, di strutture territoriali e di federazioni nazionali di categoria. La Cgil collabora attivamente con la Commissione europea e con numerose organizzazioni internazionali sul tema della responsabilità sociale e ha contribuito alla stesura di alcuni importanti strumenti internazionali.

Tra le organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile numerose sono le attività realizzate .  La “Fondazione per la Diffusione della Responsabilità Sociale delle Imprese” (I-CSR), ente senza scopo di lucro i cui fondatori promotori sono il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, INAIL e UNIONCAMERE, opera attraverso attività di sensibilizzazione, informazione, formazione e analisi. L’associazione “Valore Sociale”,  nasce nel 2006 per contribuire alla definizione, alla diffusione ed alla realizzazione attraverso strumenti pratici, di una nuova cultura della RSI.

Inoltre, l’associazione Anima per il Sociale, nata nel 2001,  lavora in rete e in stretta collaborazione con le Istituzioni, Confindustria e  le associazioni del territorio, nell’ottica della triangolazione e della implementazione di progettualità verso il mondo imprenditoriale e la società civile.

La Fondazione I-CSR ha realizzato, nel 2012, due progetti riferibili al tema della Salute e Sicurezza sul Lavoro e Responsabilità Sociale entrambi co-finanziati dal Ministero del Lavoro e della Politiche sociali: il Progetto FIRSST, condotto in partnership con l’Universitas Mercatorum  e  Obiettivo Lavoro, ha puntato alla diffusione delle buone pratiche in materia di informazione e formazione per i lavoratori stranieri per la riduzione degli infortuni sul lavoro; il progetto SIC et SIMPLICITER, realizzato in partnership con l’Universitas Mercatorum, il Centro Produttività Veneto - Fondazione Giacomo Rumor di Vicenza e il Distretto della Meccatronica di Vicenza, ha progettato, sperimentato, validato e diffuso un Modello di Organizzazione e Gestione (MOG) per la Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro a livello di Distretto.

L’Associazione Valore Sociale è composta da rappresentanti di alcune tra le più importanti Organizzazioni della Società Civile operanti in Italia, da Istituzioni accademiche e da Istituzioni pubbliche. Tra i suoi soci fondatori si possono annoverare Action Aid Italia, Amnesty International Italia, ARCI (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana), Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Mani Tese, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Oxfam Italia. Dal 2009 sono, inoltre, partner di Valore Sociale anche l'Associazione Italiana per il Contratto Mondiale dell’Acqua e l’Università degli studi di Milano Bicocca.

Anima  per il Sociale riunisce  un gruppo di manager e aziende che condividono la missione di diffondere tra le imprese la cultura della responsabilità sociale d’impresa e della sostenibilità, sul piano economico, sociale e ambientale. Annovera al proprio interno circa 60 soci, tra professionisti e imprese, molte delle quali grandi aziende di valenza nazionale ed internazionale, come Accenture, Autostrade per l’Italia, BNL, Deloitte, Enel, ENI, Ferrovie dello stato, Johnson & Johnson Medical, KPMG, Lottomatica, Poste Italiane, Procter & Gamble, Telecom Italia, Terna e Vodafone Italia.

La rete della Regione Toscana SA-Rete (network di imprese responsabili) è un’associazione ONLUS che, partendo dall’esperienza comune degli associati, diffonde la cultura della RSI, la condivisione di buone pratiche e  le iniziative comuni di imprese ma anche di altri soggetti interessati[17].

A tal proposito il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sta realizzando un’ attività conoscitiva finalizzata alla creazione del canale CSR/Terzo settore all’interno dell’esistente sistema informativo delle organizzazioni non profit, che rientra tra le attività del Piano statistico nazionale 2014-2016 dell’ISTAT[18].

Sul fronte degli eventi di portata nazionale, si citano il Forum CSR[19] dell’ABI-Associazione Bancaria Italiana che si tiene ogni anno, dal  2005, in partnership con il Forum per la Finanza Sostenibile, il Global Compact Network Italia e il CSR Manager Network e il Salone “Dal dire al Fare” - organizzato annualmente dall’Università Bocconi, Regione Lombardia e altri enti locali, Agenzie e Fondazioni - dedicato alla Responsabilità Sociale d’Impresa[20] cui partecipano  imprese, Pubbliche Amministrazioni ed organizzazioni non profit. Nel 2013 (5-13 aprile) si terrà a Napoli la prima edizione del Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa, realizzata dall’Associazione Spazio alla Responsabilità, per favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di comportamenti responsabili al centro del Mediterraneo.

Interventi 2012-2014

  • Creazione di un tavolo multistakeholders presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
  • Partecipazione alle piattaforme europee multistakholders
  • Partenariato strutturato pubblico-privato settoriale e/o territoriale per il perseguimento di obiettivi condivisi
  • Partenariato tra sindacati e imprese per la definizione di accordi quadro volti a promuovere la CSR anche nella catena di subfornitura
  • Strumenti multimediali, eventi, seminari e workshop, tematici/settoriali per diffondere la cultura strategica  della  RSI e le migliori pratiche
  • Azioni di formazione delle imprese, delle istituzioni, delle organizzazioni di terzo settore e degli stakeholders
  • Azioni di sensibilizzazione su filiere tecnologiche e distretti per lo sviluppo di progetti congiunti
  • Creazione e implementazione del canale CSR/Terzo settore nel SIONP – sistema informativo delle organizzazioni non profit del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

b)            Integrazione della RSI nell’ambito dell’istruzione, della formazione e della ricerca

Investire sui giovani che entreranno a far parte della vita delle aziende è un elemento chiave per rafforzare la cultura della responsabilità sociale, così come è importante agire sulla formazione continua dei lavoratori.  Occorre, dunque, agevolare il collegamento scuola-università-impresa per favorire la diffusione di una consapevolezza in materia di imprenditorialità orientata a valori sostenibili. In questo ambito sarà favorito il partenariato pubblico-privato e la collaborazione con i sindacati sulle materie inerenti alle condizioni dei lavoratori.

Le Università italiane svolgono numerose attività di formazione, ricerca e analisi, in collaborazione con istituzioni pubbliche e imprese, che contribuiscono alla comprensione degli effetti dei com-

Si citano, a titolo indicativo: Altis – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica di Milano -, che ha l’obiettivo di sviluppare manager responsabili e, in particolare, il corso Professione CSR”, organizzato in collaborazione con il CSR Manager Network,  arrivato alla nona edizione; Bocconi – CreSV “Center for Research on Sustainability and Value”-; EconomEtica, Centro interuniversitario per l’etica economica e la responsabilità sociale d’impresa, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che realizza attività didattiche sul tema “impresa e diritti umani” mentre l’Istituto di Management della Scuola ha un’area di ricerca sul “Management della Sostenibilità”.  Presso l’Università LUISS di Roma è impartito un corso biennale multidisciplinare  in Responsabilità Sociale dell’Impresa; presso l’Università Tor Vergata di Roma si tiene un corso per la “Corporate social responsibility e rendicontazione sociale” cui partecipano anche docenti del il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

L’AICCON – Associazione Italiana per la Promozione della Cultura della Cooperazione e del non profit (Centro Studi dell’Università di Bologna) - realizza, in collaborazione con la Facoltà di Economia di Forlì-Cesena e organizzazioni di Terzo settore, corsi di formazione post-lauream e approfondimenti scientifici sui temi afferenti alla CSR.

portamenti delle imprese e delle pubbliche amministrazioni in questo ambito e alla cultura della responsabilità sociale. Diverse Università italiane e Scuole di Management includono corsi in materia di RSI nei loro programmi di studio[21].

Importante è agire anche sul fronte delle scuole, in particolare degli istituti tecnici specializzati e delle scuole professionali. Un ambito di intervento per il 2013-2014 può riguardare l’introduzione dei temi della RSI nella proposta formativa degli Istituti Tecnici Superiori[22], ossia  "scuole speciali di tecnologia"  che costituiscono un canale formativo di livello post secondario, formando tecnici nelle aree tecnologiche strategiche per lo sviluppo economico e la competitività.

In queste attività formative potrebbe essere impegnato anche il sistema delle Camere di Commercio in accordo con le istituzioni e gli Uffici scolastici locali.

Alcune sperimentazioni sono già in corso, ad esempio in Veneto è stato realizzato, per il triennio 2007- 2010, un progetto rivolto agli studenti delle classi quarte degli Istituti Tecnici, con la finalità di sensibilizzare le scuole ai temi della Responsabilità Sociale d’Impresa e di favorire la creatività dei giovani. Nella Provincia di Vicenza è  in corso l’attività di informazione, formazione degli studenti delle scuole secondarie superiori condotta dal Centro Produttività Veneto - Fondazione Giacomo Rumor  con il supporto della Fondazione I-CSR sulle tematiche della sostenibilità, dell’etica e del consumo responsabile.

La Fondazione I-CSR ha realizzato un progetto, denominato CREaTION, co-finanziato dalla Commissione Europea e condotto in Italia, Inghilterra e Romania in partnership con la Provincia di Milano, la Fondazione Clerici, Business in the Community e il sindacato dei lavoratori rumeni CSDR, finalizzato a diffondere ed integrare il concetto della CSR nei curricula formativi delle scuole secondarie superiori a vocazione professionale e tecnica. Inoltre, nel  2011, si è concluso il Progetto “Job Seekers Young People on the Move”, co-finanziato dalla Commissione europea e condotto dalla Provincia di Milano in partnership con la Fondazione Clerici, la Fondazion I-CSR, il network Città dei Mestieri, le  Municipalità di Bucarest (Romania) e Spisska Nova Ves (Slovacchia), finalizzato a migliorare le opportunità di lavoro per i giovani attraverso lo scambio di buone prassi in materia di sostegno all'occupabilità giovanile.

Un recente progetto pilota lanciato dal MiSE-PCN si rivolge agli istituti tecnici specializzati per diffondere i valori del “gioiello etico” sensibilizzando i giovani, futuri operatori del settore, ai valori della RSI nella catena di fornitura dell’oro e dei metalli preziosi.

Il progetto “Educarsi al futuro”, un’esperienza di informazione e sensibilizzazione degli studenti su tematiche riguardanti l’energia, l’ambiente e lo sviluppo sostenibile, ideato da ENEA, è realizzato da diversi anni nelle scuole.

L’interesse mostrato dagli studenti ha portato l’ENEA ad intraprendere con le scuole anche progetti di solidarietà internazionale finalizzati a finanziare l’elettrificazione di scuole rurali africane prive di energia con Kit fotovoltaici donati dagli stessi studenti (Campagna SUSTAIN – SUstainable future STudents African Italian Network).

Ulteriormente potrebbero crearsi corsi di formazione ad hoc per le figure specifiche previste dal d. lgs. n.81/2008 e s.m.i. sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; l’INAIL potrebbe proporsi, nel lungo termine, quale soggetto di attività formative in tema di salute e sicurezza e dare supporto nella definizione di percorsi didattici e pacchetti formativi ad hoc, da elaborare congiuntamente e/o in collaborazione con le Amministrazioni competenti. I destinatari sarebbero gli istituti di  istruzione secondaria, le università, le imprese, i consulenti e/o liberi professionisti.

Oltre ai giovani è importante agire sui lavoratori attraverso gli strumenti della formazione continua, in collaborazione con gli enti bilaterali e i fondi interprofessionali. Alcune delle iniziative delle Regioni italiane hanno già inglobato la CSR nella formazione continua.

Si cita il progetto “Focs - Formazione continua in Sardegna” 2011-2012, finalizzato ad azioni formative in favore dei titolari e del personale delle imprese della Sardegna. Nell’Avviso pubblico è stata prevista una premialità attribuita, in sede di valutazione, ai progetti che ponevano attenzione alla diffusione delle conoscenze in ambito RSI; circa 14 progetti hanno presentato proposte che prevedono moduli formativi appositamente dedicati alla tematica. La Regione Sardegna intende attivare ulteriori interventi, attraverso la pubblicazione di un prossimo avviso a valere sul POR FSE, per la formazione continua di grandi e medie imprese o imprese associate. La Regione del Friuli Venezia Giulia finanzia, per gli anni 2011 e 2012, un modulo formativo obbligatorio di 2 ore in azienda su Europa 2020 e sulla RSI per la formazione continua dei lavoratori.

Occorre anche ricordare che la riforma Fornero, [23] attraverso sistemi di premialità e stanziamento alla formazione, può essere un’occasione per qualificare il mondo lavorativo puntando sull’individuo e rispondendo alle nuove esigenze che emergono dalla globalizzazione.

Le azioni a livello nazionale si integrano con i programmi a livello comunitario. Il programma Gioventù in Azione 2007-2013 è un programma della Commissione europea che promuove l'educazione non formale, i progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale attraverso gli scambi e il servizio volontario europeo, l'apprendimento interculturale e le iniziative dei giovani. Il Programma sostiene il nuovo quadro di politiche di cooperazione europea nel settore della gioventù, adottato nel 2009. Esso contribuisce, inoltre, a sostenere “Youth on the move[24], l’iniziativa faro della strategia Europa 2020. In Italia il programma è attuato dalla Agenzia Nazionale per i Giovani. L'Autorità Nazionale del Programma è il Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Nuovo Programma d’azione per l’apprendimento permanente - cd. “Programma Lifelong Learning” dell’Unione europea -   accogliendo in pieno gli indirizzi della Strategia di Lisbona, intende contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo dell'Unione europea quale società avanzata basata sulla conoscenza, per realizzare uno sviluppo economico sostenibile, maggiore coesione sociale e posti di lavoro più qualificati.

Interventi 2012-2014:

  • Iniziative per il collegamento scuole-università-imprese sui temi della RSI, favorendo il partenariato pubblico-privato e la partecipazione dei sindacati, delle cooperative sociali e delle imprese sociali
  • Iniziative per la formazione continua dei lavoratori in coordinamento con gli enti bilaterali e i fondi interprofessionali di formazione continua
  • Coordinamento degli interventi nazionali con i programmi europei “gioventù in azione” e “lifelong learning”

 

2.            Rendere consapevoli i cittadini e evitare pratiche sleali

Per dare maggiore forza alle azioni di sensibilizzazione occorre, a corollario degli interventi sul fronte delle imprese, agire presso i consumatori e i cittadini con il duplice obiettivo di dare visibilità alle imprese “virtuose” e di evitare comportamenti sleali da parte delle imprese (ad es. “green washing”). Inoltre, la valorizzazione dei processi di autoregolamentazione messi in atto dalle imprese e della co-regolamentazione rafforza la credibilità dei processi di CSR.

Allo stesso tempo la Pubblica Amministrazione, puntando sulla trasparenza e la legalità contribuisce a rinsaldare il rapporto di fiducia PA-imprese-cittadini. Nell’attività di informazione verso i cittadini un ruolo importante lo hanno le associazioni dei consumatori e le organizzazioni di cittadinanza attiva che realizzano attività formativa nelle scuole.

a)                            Strumenti per la visibilità delle imprese responsabili

Il Governo accoglie con favore l’iniziativa della Commissione europea di istituire un Premio sulla CSR/RSI dedicato al partenariato tra imprese e stakeholder (“European CSR Award Scheme”: inspiring partnership for innovation and impact”) e supporterà il successo della sua realizzazione in Italia, contribuendo alla sua massima visibilità per favorire un’ampia mobilitazione del contesto imprenditoriale e degli stakeholder.

La Commissione UE ha affidato l’organizzazione dell’ “European CSR Award Scheme” al consorzio costituito da CSR Europe e dai suoi partner nazionali, per l’Italia Fondazione Sodalitas. Questa gestirà l’ European CSR Award nel contesto del già affermato “Sodalitas Social Award”, di cui rappresenterà una importante aggiunta per il focus sulle partnership imprese-stakeholder, a fianco delle altre categorie dedicate alle manifestazioni chiave della responsabilità sociale.

Il Sodalitas Social Award è il premio che ogni anno, dal 2002, la Fondazione Sodalitas, cui aderiscono 88 imprese leader del mercato italiano[1], assegna ad imprese, associazioni imprenditoriali, distretti industriali ed organizzazioni che si siano concretamente impegnate in progetti di Sostenibilità d'Impresa. Le 6 categorie in cui si articola il Sodalitas Social Award coprono ambiti significativi della Sostenibilità d’impresa: ambiente; comunità; valore della Persona e Lavoro; mercato; Responsabilità Sociale realizzata da PMI; Responsabilità Sociale realizzata da ente locale, istituzione pubblica o scolastica. Sodalitas nasce da un’iniziativa lanciata nel 1995 da Assolombarda. Complessivamente, le prime 10 edizioni del Sodalitas Social Award hanno visto la partecipazione di circa 1.400 aziende con oltre 2.000 progetti. All'ultima edizione del Premio sono stati portati all'attenzione di Commissioni e Giuria ben 253 progetti da parte di 199 imprese.

Sarà inoltre valorizzato quanto realizzato in questo ambito da parte della PA, delle associazioni di categoria, del terzo settore e dai network esistenti per valorizzare le imprese e aumentarne la visibilità. A riguardo si citano alcune iniziative di premi e albi in corso.

 

 

Il Comune di Rovigo nel 2005, con il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, ha istituito un “Premio nazionale per la responsabilità sociale delle imprese (Città di Rovigo)”in cui sono state premiate grandi medie, piccole e microimprese. L’iniziativa ha avuto l’adesione delle associazioni di categoria tra cui CNA, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, ABI, CIA, Confagricoltura, Casartigiani, Confcooperative. Coldiretti, ecc., INAIL e la Camera di commercio. Il 27 ottobre 2011, a conclusione della Campagna europea sulla manutenzione sicura, promossa dall’Agenzia europea per la salute e sicurezza sul lavoro nel biennio 2010-2011, sono state premiate a Napoli numerose buone pratiche (Enel, Iscar Italia, Tarkett, Centro Ricerche Casaccia dell'Enea, Assosistema-Confindustria, Usl di Modena e Reggio Emilia con Confindustria Ceramica, Spisal dell'Ulss 6 di Vicenza, Aifos (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro), Fulgar, Ineos Manufacturing Italia, lo stabilimento di Garessio di Sanofi, il Gruppo Ferrovie dello Stato, ForesEngineering, Studio Odontoiatrico Di Blasio di Guardia Sanframondi di Benevento e del Centro Odontoiatrico Casertano s.r.l.).

Sempre in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, Confindustria ha  realizzato, nel 2012, con l’Inail e con il supporto tecnico di  APQI ed Accredia,  il Premio Sicurezza sul luogo di lavoro, al fine di offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura della sicurezza, che coinvolge tutto il sistema produttivo italiano"

Numerose altre buone prassi sono in fase di valutazione da parte dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro. Il Premio “Organizzazioni verso Valore Sociale” individua le migliori pratiche presentate, sulla base di criteri contenuti nello standard Valore Sociale, dalle  organizzazioni pubbliche, private e non profit di qualunque settore produttivo o di servizi. Un’ ulteriore azione sviluppata per aumentare la visibilità delle imprese responsabili è offerta dalla Regione Liguria che prevede la creazione di un Albo dei datori di lavoro socialmente responsabili, disponendo per questi soggetti agevolazioni e criteri di premialità a partire dal 2012. Anche il Piemonte si è mosso nella stessa direzione, istituendo un registro che raccoglie tutte le aziende piemontesi che hanno implementato iniziative di RSI. Il registro sarà attivo a partire dal 2013. La Regione Lombardia in collaborazione con ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano -, ha lanciato nel 2008 il Premio Famiglia- Lavoro con la finalità di valorizzare le realtà imprenditoriali, la PA e i soggetti del territorio che si sono distinti per aver pensato e attuato progetti di valorizzazione del personale e conciliazione vita familiare e vita lavorativa. Inoltre, dal 2012, Unioncamere Lombardia sottopone  le  buone prassi delle Imprese Responsabili al vaglio della pubblica evidenza con i  profili aziendali consultabili on line sul sito http://csr.unioncamerelombardia.it.

Sempre sul fronte sindacale, il Premio “Etica e impresa” – è stato promosso nel 2006 dalle Associazioni dei Quadri e delle Alte Professionalità di Cgil, Cisl Uil e dalle Associazioni dei Manager e dei Direttori del Personale (Federmanagement e Aidp) – e ha anche avuto uno spazio di visibilità nelle edizioni 2008/2009/2010 al festival Internazionale di Ravello.  Il Premio - che ha coinvolto imprese di ogni dimensione e settore, Enti Locali e Scuole di secondo grado – promuove un nuovo modello di impresa etica e responsabile in cui la cultura del lavoro sia basata sulla centralità della persona e sull’equilibrio tra profitto e responsabilità sociale in un contesto di positivo accordo tra i diversi protagonisti sociali.

Interventi 2012-2014

  • Azioni per la valorizzazione e la visibilità delle imprese virtuose (premi, albi ecc.)
  • Valorizzazione e supporto alla realizzazione in Italia dell’ “European CSR Award”

b)                            Azioni per migliorare il livello di fiducia dei consumatori

Esiste una certa distanza tra le aspettative e la percezione delle realtà aziendali da parte dei cittadini-consumatori e il reale comportamento delle imprese. Questo divario può dipendere da diversi fattori, alcuni dei quali verranno affrontati in altre parti del Piano d’Azione (cfr. par sulla “trasparenza” e sul “premio di mercato”), tra questi è di particolare rilievo la fiducia e l’affidabilità del prodotto nelle relazioni tra impresa e consumatore. Fiducia che viene minata da comportamenti irresponsabili (es. incidenti rilevanti causati da attività industriale), ma anche da pratiche commerciali sleali volte a ingannare il consumatore circa il contenuto “sociale e ambientale” del prodotto (cd. “green and social washing”).

Sotto questo profilo, è in primo luogo importante l’effettiva ed efficace applicazione della normativa generale e settoriale con riferimento alle pratiche sleali. In Italia, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), istituzione indipendente, che prende le sue decisioni sulla base della legge, ha tra le sue funzioni, dal 2007, il compito di tutelare i consumatori (e dal 2012 anche le microimprese) dalle pratiche commerciali scorrette delle imprese e dalla pubblicità ingannevole.

Alla tutela e al rafforzamento della posizione dei consumatori contribuisce il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (CNCU), organo rappresentativo delle associazioni dei consumatori e degli utenti a livello nazionale, che ha sede presso il Ministero dello Sviluppo Economico ed è presieduto dal Ministro o da un suo delegato (legge 30 luglio 1998, n. 281) che ha il compito di  contribuire al miglioramento e al rafforzamento della posizione del consumatore/utente nel mercato.

Per favorire la legalità nei comportamenti per le imprese il Governo ha adottato un’importante azione volta ad attribuire un rating di legalità alle aziende[25]che ne fanno richiesta. L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (AGCM) definisce il regolamento al fine di promuovere l’introduzione di principi etici nei comportamenti aziendali con l’attribuzione del rating di legalità, su istanza volontaria dell’impresa operante sul territorio nazionale e che raggiunga un fatturato minimo di due milioni di euro.

Il regolamento prevede i requisiti di base per poter accedere al rating di legalità e  anche l’attribuzione di un punteggio aggiuntivo qualora l’impresa preveda, tra le altre cose: l’adozione di processi volti a garantire forme di Corporate Social Responsability, anche attraverso l'adesione a programmi promossi da organizzazioni nazionali o internazionali e l'acquisizione di indici di sostenibilità; il rispetto dei contenuti del Protocollo di legalità sottoscritto dal Ministero dell’Interno e da Confindustria in data 10 maggio 2010 e rinnovato il 19 giugno 2012;  l’adesione a codici etici di autoregolamentazione approvati dall’AGCM.

La legge stabilisce che del rating attribuito si terrà conto in sede di concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, nonché in sede di accesso al credito bancario, secondo le modalità che saranno stabilite con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze e del Ministro dello Sviluppo Economico. Gli istituti di credito che omettono di tener conto del rating attribuito in sede di concessione dei finanziamenti alle imprese sono tenuti a trasmettere alla Banca d'Italia una dettagliata relazione sulle ragioni della decisione assunta.

Sotto il profilo fiscale sarà altrettanto importante rafforzare la lotta contro il transfer pricing e i paradisi fiscali che richiede un forte coordinamento a livello internazionale dei soggetti istituzionali preposti alla lotta contro l’evasione fiscale.

Importante è anche il protocollo di collaborazione, sottoscritto il 10 ottobre 2012, dal Ministero dell’Interno,  ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità am-bientale) e CCASGO (Comitato di coordinamento per l’altra sorveglianza grandi opere), finalizzato a rafforzare il coordinamento delle attività dello Stato e delle Regioni per il contrasto dell’illegalità e la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel mercato degli appalti pubblici . L'obiettivo è anche quello di integrare le attività dei due organismi e rendere disponibili linee guida e buone prassi a tutte le stazioni appaltanti per rendere più efficace l'azione di contrasto delle mafie ma anche per qualificare la gestione della spesa pubblica dello Stato, delle Regioni e degli Enti locali nel campo dei contratti pubblici.

Tra i progetti finalizzati alla legalità, che vedono il coinvolgimento anche delle organizzazioni del Terzo settore, si citano i seguenti.

Il progetto SCORE: Stop Crimes On Renewables and Environment  (Fermare la criminalità organizzata nel settore ambientale e in quello delle energie rinnovabili)". Questo progetto, realizzato dalla Fondazione Culturale Responsabilità Etica, vede il coinvolgimento di Arci Lombardia, Associazione Saveria Antiochia Omicron, Associazione Valore Sociale, Banca Popolare Etica, Centro di Iniziativa Europea Soc. Coop., Forest Stewardship Council Italia, TESAF - Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali, Università di Padova -. Il progetto  si propone di: promuovere l'impegno diretto di imprese, Pubbliche Amministrazioni, Associazioni di categoria, società civile nel contrasto al crimine organizzato e alla illegalità, nei settori foresta/legno ed energie rinnovabili; di fornire agli attori interessati metodologie, modelli e strumenti di valutazione, controllo e prevenzione dei rischi di illegalità nei settori oggetto del Progetto; di creare un network degli attori interessati per lo scambio di buone prassi, esperienze, informazioni provenienti da ricerche e sperimentazioni.

Gli Accordi che le Unioncamere territoriali hanno fatto con Libera (organizzazioni di Terzo settore), per promuovere la cultura della legalità nell'economia e per combattere le infiltrazioni criminali con azioni concrete. Gli accordi fissano le modalità di collaborazione per la lotta alla criminalità organizzata ed alle infiltrazioni mafiose nell'economia. Libera si occuperà di realizzare progetti di formazione per l'affermazione della cultura della legalità a supporto del sistema camerale. Fra le varie misure, si prevede anche la promozione del progetto "SOS Giustizia", un servizio di ascolto e di assistenza alle vittime della criminalità organizzata", che sarà gestito da Libera la quale si impegna a garantirne l'operatività nelle sedi delle Camere di commercio aderenti. Le Unioncamere territoriali si impegnano a supportare Libera nell'attività di monitoraggio e mappatura dei beni confiscati alla mafie nel territorio regionale, con particolare riferimento alla gestione di beni produttivi ed aziendali, ed a mettere a disposizione le informazioni e gli studi di natura economico-statistica elaborati dai propri uffici.

Interventi 2012-2014

  • Efficace applicazione della normativa sulla pratiche sleali
  • Rafforzamento della tutela dei consumatori
  • Diffusione e applicazione del “rating di legalità”
  • Lotta al trasfer pricing e ai paradisi fiscali
  • Promozione di buone pratiche  in materia di legalità del mondo privato, delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva, della società civile e di altri stakeholders
  • Coordinamento Stato-Regioni per rafforzare la lotta all’illegalità e alle infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici

c)                             Miglioramento dei processi di autoregolamentazione e co-regolamentazione

Le imprese adottano codici di condotta, ad esempio a livello settoriale i codici si concentrano su questioni rilevanti per il settore di riferimento. Per rendere tali codici efficaci e credibili, occorrono adeguati strumenti di monitoraggio e controllo.  In questo processo al fine di superare i suddetti limiti è importante il ruolo dell’Amministrazione pubblica, in linea con gli orientamenti internazionali, anche nell’ottica di definire processi di co-regolamentazione pubblico-privata. Saranno, inoltre, promossi Accordi quadro tra le parti sociali.

A riguardo si cita il decreto legislativo n 81/2008 in materia di riordino e riforma delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro, che, all’articolo 6, comma 8, lettera h, detta l’opportunità di “valorizzare sia gli accordi sindacali sia i codici di condotta ed etici, adottati su base volontaria, che, in considerazione delle specificità dei settori produttivi di riferimento, orientino i comportamenti dei datori di lavoro, anche secondo i principi della responsabilità sociale, dei lavoratori e di tutti i soggetti interessati, ai fini del miglioramento dei livelli di tutela definiti legislativamente”.

In tale quadro normativo, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha istituito appositi comitati, costituiti ai sensi dell’articolo 6 del D.Lgs. n 81/2008, tra i quali, uno specifico per l’elaborazione di criteri unici che individuino i requisiti dei codici etici, di condotta e accordi sindacali, al fine di evidenziarne i tratti comuni.

Si è provveduto, quindi, ad esaminare un campione non esaustivo di soggetti, al fine di classificarli secondo la diversa tipologia giuridica - settore pubblico, settore privato, incluse le piccole e medie industrie, terzo settore - e  si sono individuate 5 macroaree: tutela della salute e sicurezza sul lavoro, promozione di buone pratiche lavorative, gestione dell’organizzazione, tutela dell’ambiente, rispetto dei diritti umani.

Si sta procedendo ad acquisire le singole autorizzazioni degli enti e imprese esaminate al fine di giungere alla pubblicazione dei dati acquisiti e dei singoli codici etici.

La Commissione consultiva ha effettuato la raccolta di un primo campione di accordi sindacali, codici etici e di condotta al quale dare massima divulgazione tramite il sito istituzionale e, quindi, in linea con la previsione di legge. Sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (www.lavoro.gov.it), nell’ area “Commissione consultiva permanente”, sono pubblicati e resi disponibili per la consultazione gli accordi sindacali, i codici di condotta ed etici selezionati, anche con l’obiettivo di favorire, nel tempo, l’implementazione dell’area dedicata attraverso l’acquisizione e la pubblicazione di ulteriori accordi sindacali, codici di condotta ed etici (ex art. 6, comma 8, lett. h) del d.lgs. n.81/2008).

Confindustria, nell’ambito del Comitato dedicato ai Codici etici, ha fornito diversi esempi di Codici ispirati ai principi di responsabilità sociale adottati da imprese associate di media e grande dimensione.

Confapi, in qualità di organizzazione datoriale presente nella Commissione Consultiva permanente per la sicurezza, ha collaborato attivamente ai lavori della stessa in attuazione dell’art. 6 comma 8 lett. l) del D.lgs. 81/2008 coinvolgendo alcune piccole e medie imprese associate nella valorizzazione dei Codici etici ispirati alla Responsabilità sociale d’impresa.

Tra le buone pratiche individuate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali si cita il  Codice Etico e la Carta Valori di Confcommercio - Imprese per l'Italia Provincia di Cosenza. Attraverso questi due documenti, la Confcommercio di Cosenza intende sostenere ed affiancare i propri Associati nel contrasto all'illegalità, in quanto è solo attraverso un contesto di legalità e di sicurezza che si può garantire la libertà d'impresa e contribuire ad un sano sviluppo sostenibile.

Interventi 2012-2014

  • Azioni di accompagnamento a processi di autoregolamentazione e co-regolamentazione
  • Individuazione  di procedure di monitoraggio e controllo  indipendenti
  • Definizione di Accordi Quadro tra le parti sociali

d)                            Il contributo della PA: trasparenza e legalità

Per rinsaldare il rapporto di fiducia tra Pubblica Amministrazione, imprese e cittadini è di grande importanza il comportamento e il ruolo della Pubblica Amministrazione per quanto attiene a due aspetti essenziali della responsabilità sociale ossia la trasparenza e la legalità.

La legislazione italiana, soprattutto dell’ultimo decennio, ha dato molta importanza alla trasparenza amministrativa, che è ormai divenuta uno dei cardini delle recenti riforme dell’amministrazione pubblica assieme alla semplificazione amministrativa, al ciclo della performance e al merito.

Il concetto di trasparenza amministrativa è inteso, nella sua accezione più ampia, come garanzia della massima circolazione possibile delle informazioni e dei documenti sia all'interno della pubblica amministrazione  sia all’esterno, nei confronti dei cittadini e dei fruitori finali dell’azione amministrativa (stakeholders); costituisce, quindi, lo strumento più importante  a garanzia della   imparzialità e del buon andamento  della Pubblica Amministrazione ed è di ausilio  agli organi di direzione politica degli enti,  ai cittadini e agli utenti per esercitare un controllo diffuso sull’azione amministrativa.

L’intervento riformatore introdotto dal d.lgs. 27 ottobre 2009, n.150, e successive modifiche ed integrazioni, finalizzato ad incidere sull’intero governo dell’azione amministrativa,  introduce nell’ordinamento positivo una definizione di trasparenza (art.11 co.1) legata al concetto di accessibilità totale, anche attraverso la pubblicazione sui siti istituzionali delle amministrazioni di una serie di documenti, dati ed informazioni concernenti l’operato delle pubbliche amministrazioni - puntualmente indicati  nel medesimo articolo 11 co. 8 e specificati dalla delibere della Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l’Integrità delle amministrazioni pubbliche (CiVIT) n.105/2012 e n. 2/2012 -, secondo il modello anglosassone della total disclosure e dell’ open government.

L’adempimento degli obblighi di trasparenza da parte di tutte le pubbliche amministrazioni rientra, secondo la legge (art.11 d.lgs. 150/2009) nei livelli essenziali delle prestazioni disciplinati nella Costituzione (art. 117, co. 2, lett. m) per cui l’attuazione di tale disciplina richiede modalità tendenzialmente uniformi in ciascuna amministrazione su tutto il territorio nazionale.

La trasparenza presenta, nella logica del decreto, un duplice profilo: un profilo “statico”, consistente essenzialmente nella pubblicità  di dati attinenti alle pubbliche amministrazioni per finalità di controllo sociale, e un profilo “dinamico”, direttamente correlato alla performance. La pubblicazione on line dei dati, infatti, consente, da un lato, a tutti i cittadini un’effettiva conoscenza dell’azione delle pubbliche amministrazioni,   sollecitando e agevolando modalità di partecipazione e coinvolgimento della collettività, dall’altro, è un’importante spia dell’andamento della performance delle pubbliche amministrazioni e del raggiungimento degli obiettivi espressi nel più generale ciclo di gestione della performance.  Uno degli aspetti più rilevanti nella fase di pianificazione strategica all’interno del ciclo della performance è rappresentato dal Programma triennale per la trasparenza e l’integrità previsto dall’art. 11 co. 2 d.lgs n.150 /2009 (di seguito Programma) che ogni Amministrazione è tenuta ad adottare ed aggiornare annualmente. Il Programma permette di rendere pubblici ai portatori di interesse (cittadini e stakeholder) gli outcome e i risultati conseguiti o desiderati, nonché i contenuti del Piano della performance delle amministrazioni, ed è definito dall’organo di indirizzo politico-amministrativo, su impulso dell’Organismo indipendente di valutazione della performance (OIV) e sulla base delle delibere di indirizzo della CiVIT.

Il d.lgs. n. 150/2009 assegna alla trasparenza anche la funzione di garanzia della legalità (art. 1, co. 2) con la conseguenza che la relativa disciplina gioca un ruolo strategico nella promozione della cultura della legalità e nella prevenzione di fenomeni corruttivi, risultando un utile strumento per l’emersione di situazioni di conflitto di interessi o di illecito.

In materia di trasparenza negli appalti pubblici le leggi più importanti promosse dall’Italia hanno riguardato la legge n. 136/2008 “Piano straordinario contro il crimine organizzato” e la legge n. 217/2010  e il decreto legge n. 187/2010 “Misure urgenti per la sicurezza nazionale.” In attuazione di questa normativa, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici (AVCP) ha definito il CIG (CIG, Codice Identificativo Gara) per la tracciabilità dei pagamenti, e fornito delle Linee Guida dedicate.

Le politiche del Governo sono state caratterizzate, negli ultimi tempi, da un’attenzione costante alla cultura della legalità e alla lotta agli illeciti perpetrati in ambito politico-amministrativo anche alla luce dei dati emergenti sul  fenomeno corruzione .

Le ultime rilevazioni del Corruption Perception Index (CPI), compiute da  Transparency International - basate sulle opinioni di esperti e professionisti - collocano l’Italia al sessantanovesimo posto (a pari merito con il Ghana e la Macedonia), con un progressivo aggravamento della corruzione percepita negli ultimi anni. Le rilevazioni effettuate da Transparency International attraverso il Global corruption barometer consentono, altresì, di valutare la percezione del fenomeno corruttivo da parte dei cittadini con riferimento a specifiche istituzioni con  il risultato che, per il biennio2010/2011, in Italia, il primato spetta alla corruzione politica, seguita da quella del settore privato e della pubblica amministrazione.

Venendo, per l’appunto, ai costi del fenomeno, la Corte dei Conti ha stimato, per il 2009, quelli “economici” in diversi miliardi di euro. Costi ai quali si aggiungono quelli – di ancor meno agevole quantificazione - sempre economici ma “indiretti”: si pensi ai costi connessi ai ritardi nella definizione delle pratiche amministrative, al cattivo funzionamento degli apparati pubblici ovvero   alla inadeguatezza se non inutilità delle opere pubbliche, dei servizi pubblici e delle forniture pubbliche realizzati o  alla non oculata allocazione delle già scarse risorse pubbliche.

Il danno indiretto è   anche quello   all’economia nazionale, perché la corruzione allontana le imprese dagli investimenti e, minando alla radice la fiducia dei mercati e degli operatori economici, causa una perdita di competitività del sistema Paese, produce costi enormi e destabilizza  le regole dello Stato di diritto e del libero mercato.

La recente legge  n. 190/2012 recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella Pubblica Amministrazione”, ha come obiettivo  la prevenzione e la repressione del fenomeno della corruzione attraverso un approccio multidisciplinare, nel quale gli strumenti sanzionatori si configurano solamente come alcuni dei fattori per la lotta alla corruzione e all’illegalità nell’azione amministrativa.

Viene confermata, quindi, l’attenzione dell’Italia alla promozione, anche attraverso la produzione normativa, della  cultura della legalità nell’attività amministrativa e dell’etica pubblica per ridurre il rischio di maladministration e  per riaffermare la qualità e l’autorevolezza della pubblica amministrazione.

Interventi 2012-2014

  • Diffusione e applicazione dei principi, delle norme e delle pratiche di trasparenza e legalità nella Pubblica Amministrazione
  • Promozione di buone pratiche in materia di legalità e lotta alla corruzione
  • Coordinamento Stato-Regioni per rafforzare la lotta all’illegalità, alla corruzione e alle infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici


B.               OBIETTIVO: Sostenere le imprese che adottano la RSI

1.            Sostegno dal lato dell’offerta pubblica

Partendo dalle esperienze acquisite la PA procederà avendo presente che la responsabilità sociale, come evidenziato nel capitolo sull’ambito di intervento, ha una natura multidisplinare e concerne diritti umani, lavoro e occupazione, tutela dell’ambiente e efficiente utilizzo delle risorse naturali, lotta alla corruzione, tutela dei consumatori, sviluppo delle collettività, buona governance fiscale, sviluppo e trasferimento di conoscenze a beneficio degli stakeholders e delle comunità locali, oltre a necessitare di azioni trasversali inerenti  alla catena di fornitura e alla trasparenza e alla divulgazione delle informazioni finanziarie e non finanziarie.

Un approccio multidisciplinare comporta l’attivazione da parte della Pubblica Amministrazione di azioni coordinate e integrate tra le diverse strutture competenti per materia.

a)                            Incentivi, sgravi fiscali, premialità e semplificazione

Nell’ambito degli strumenti di supporto pubblico un’attenzione particolare è dedicata alle PMI che non sono spesso in grado di reperire le ricorse necessarie per avviare e sostenere un percorso di sostenibilità. Inoltre sarà importante il sostegno a progetti congiunti tra più imprese, di rete o di filiera produttiva, poiché importante, nei rapporti di filiera, è il ruolo di “traino” che le grandi aziende possono avere nei confronti delle PMI partner attraverso attività di vario tipo, quali la diffusione delle pratiche sostenibili anche attraverso azioni di accompagnamento nonché la diffusione di buone pratiche già sperimentate, ad esempio, nell’ambito di azioni di due diligence o forme di reporting. . Da un’analisi condotta nel 2011[26] emerge che gli sforzi aziendali di comportamenti responsabili nei rapporti di filiera tendono allo sviluppo congiunto di prodotti e servizi, all’adozione di processi e tecnologie funzionali alla minimizzazione dell’impatto socio-ambientale ed all’incentivazione dei processi di trasferimento di conoscenze e competenze, lungo la filiera, che contribuiscono all’innovazione e alla creazione di valore.

Per favorire i processi volontari delle imprese e sostenere le imprese nell’avvio e consolidamento di corrette azioni di CSR, si farà ricorso ad un insieme di tipologie di strumenti dell’offerta:   incentivi, sgravi fiscali, premi monetari, premialità -  anche nell’ambito di misure a carattere più generale, ad esempio in tema di innovazione, internazionalizzazione, appalti pubblici – e semplificazioni autorizzative. Le semplificazioni e le premialità di tipo orizzontale consentirebbero anche di superare la scarsità di risorse pubbliche da destinare agli incentivi alle imprese.

Le azioni messe in campo a livello di Amministrazioni centrali e regionali sono state spesso rivolte a singoli ambiti della RSI/CSR (ad esempio sicurezza sul lavoro, investimenti ambientalmente sostenibili, inclusione sociale, conciliazione famiglia-lavoro). Numerose sono le iniziative in materia di  efficientamento  energetico e fonti rinnovabili.

Il tema della conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di cura della famiglia rappresenta una delle priorità su cui l’Unione Europea ha invitato gli Stati membri ad intervenire, al fine di sostenere la strategia comune per la piena occupazione attraverso la rimozione delle barriere che ostacolano, in particolare, l’occupazione femminile.

Per rendere efficaci le iniziative di work-life balance occorre un contesto territoriale in cui la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro formi oggetto di interventi del Governo, delle Regioni e degli Enti locali, rivolti in particolare alle infrastrutture e ai servizi pubblici, secondo le rispettive competenze e risorse, alla regolamentazione di nuovi tempi delle città nonché alla definizione di adeguati incentivi economici e normativi per il sostegno della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia ha proceduto all’Avvio della sperimentazione su base nazionale dello standard Family Audit. L’Intesa Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, sancita dalla Conferenza il 29 aprile 2010,ed entrata in piena operatività a fine 2010, e la successiva intesa del 25 Ottobre 2012, prevedono che le Regioni, con il coordinamento del Dipartimento per le Pari Opportunità, attuino sui propri territori iniziative in favore delle donne e  degli uomini  che lavorano e, nel contempo, svolgano compiti di cura dei bambini o delle persone adulte in difficoltà. Un Gruppo di lavoro nazionale, coordinato del Dipartimento per le Pari Opportunità, e costituito dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia, dai rappresentanti regionali designati dalla Conferenza unificata, dall’Anci e dall’UPI, ha messo a punto un sistema unitario di rilevazione degli interventi e monitora l’utilizzo delle risorse e la realizzazione dei servizi di conciliazione programmati.

Le politiche di conciliazione hanno riguardato l’avvio di attività formative per le donne adulte uscite dal mercato del lavoro per esigenze di conciliazione (Toscana ed Emilia Romagna). In altre Regioni (Puglia) vengono erogate forme di sostegno alla genitorialità attraverso una integrazione al reddito delle lavoratrici madri in astensione facoltativa per garantire loro il 100% dei contributi. In altre ancora (Piemonte e Lombardia) sono riconosciuti alle imprese incentivi per favorire il rientro al lavoro delle donne fuoriuscite per impossibilità a conciliare vita e lavoro. Sempre nell’ambito dell’Intesa Conciliazione, le Regioni hanno introdotto nuove modalità di prestazione di lavoro e tipologie contrattuali facilitanti, promuovendo, nel settore privato e in quello pubblico,  modelli organizzativi  flessibili (telelavoro, part-time, job sharing e job rotation) per la conciliazione dei tempi dei lavoratori e delle lavoratrici (Piemonte, Abruzzo, Toscana) e alcune città stanno hanno organizzato gli orari dei servizi compatibilmente con le esigenze di cura rappresentate dalle donne (Puglia).

Occorre anche ricordare che, per il periodo 2011-2013, la Regione Lombardia ha lanciato un’iniziativa denominata “Welfare Aziendale”, con stanziamento di 850.000 euro, rivolta alle PMI, per sostenere progetti sperimentali di welfare aziendale complementare, la promozione di approvvigionamento da fornitori locali qualificati in termini di RSI, reti di solidarietà tra imprese in crisi operanti nello stesso ambito territoriale.

Rispetto a tale tematica, uno strumento per favorire la conciliazione potrebbe essere rappresentato dalla costituzione di Fondi regionali per la flessibilità nel lavoro, mutuando l’esperienza della Regione Puglia che prevede la loro costituzione presso gli Enti Bilaterali. Il Fondo risponde al bisogno di conciliazione dei tempi di vita-lavoro delle lavoratrici e lavoratori che hanno necessità sia di maggiore flessibilità negli orari di lavoro sia di servizi versatili e di qualità in grado di semplificare la gestione degli impegni professionali e dei carichi di cura familiare, finanziando diverse misure quali: il sostegno alla contribuzione per il part time, l’integrazione al reddito per congedo parentale, l’integrazione al reddito per astensione facoltativa a seguito di maternità.

In materia di salute e sicurezza sui  luoghi di lavoro, l’INAIL - Istituto Nazionale per gli infortuni sul lavoro - persegue una tutela globale ed integrata, promuovendo politiche a favore di un’azione preventiva in materia di salute e sicurezza sempre più mirata e strutturata, nella convinzione che agire sul terreno della prevenzione voglia dire soprattutto proteggere e valorizzare il capitale umano come conservazione e valorizzazione del capitale sociale.

Dal 2004 l’Istituto riconosce la riduzione del premio assicurativo[27] alle imprese che abbiano intrapreso percorsi responsabili, definibili secondo requisiti e mediante parametri che sono stati modificati nel corso degli anni e secondo gli sviluppi dello scenario europeo ed internazionale. Nel 2012 la percentuale di sconto riconosciuta ha assunto un peso maggiore[28], pari addirittura al 30% per le microimprese. Si precisa che il riconoscimento del beneficio è interamente basato sui principi e gli aspetti specifici declinati nella UNI ISO 26000:2010 e rimodulati sulle specifiche esigenze dell'Ente, prevedendo già, ad esempio, punteggi di merito per “le aziende che abbiano privilegiato e privilegiano, nella selezione dei fornitori e/o per la gestione di appalti, anche per quanto attiene alla tutela della SSL, criteri di Sustainable Public Procurement o Green Public Procurement”. Per il 2013 l’INAIL prevede il riconoscimento del beneficio ex DM 12/12/2000 art. 24 e s.m.i. alle imprese che avranno realizzato buone prassi o adottato buone prassi implementate da altri. Tale azione avrà come destinatari tutte le aziende in possesso dei requisiti per il rilascio della regolarità contributiva ed assicurativa ed in regola con le disposizioni obbligatorie in materia di prevenzione degli infortuni e di igiene del lavoro (pre-requisiti).

Le Regioni e l’INAIL potranno raccordarsi per la stipula di accordi, per quanto attiene agli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro nella costituzione di partnership pubblico-privato per la definizione di accordi di settore o di accordi territoriali, che prevedano il coinvolgimento delle parti sociali e delle associazioni di categoria. Tali accordi, verrebbero riconosciuti per il beneficio ex DM 12/12/2000 art. 24 e s.m.i., come già avviene per analoghi Accordi in materia di Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza (SGSL).

Proseguendo sulla strada intrapresa occorre promuovere, per il futuro, un approccio strategico e integrato che dovrebbe riguardare l’insieme delle attività di business e gestione dell’impresa e coinvolgere i diversi settori della PA, incluse le istituzioni preposte alla internazionalizzazione.

Interessante sotto il profilo della organicità del sostegno pubblico alle imprese è il progetto della Regione Marche I.Re.M (Imprese Responsabili delle Marche) che ha comportato il coinvolgimento di tutti gli stakeholders e la sperimentazione su un panel di 42 aziende, in maggioranza piccole, dei settori calzaturiero, alimentare, metalmeccanico e del mobile. Partendo da un codice di comportamento, dalla elaborazione di linee guida regionali e dalla creazione di una baca dati regionale, è stato elaborato un cruscotto per la rendicontazione della RSI da parte delle aziende e, su queste premesse, sono stati definiti gli strumenti di “incentivo” dedicati al sistema I.Re.M quali finanziamenti specifici, sgravi fiscali, premialità nei bandi pubblici fino ad arrivare a specifiche attività di sensibilizzazione dei consumatori.

Come ricordato, la Regione Toscana, ha avviato dal 2002 una serie di azioni per sostenere le PMI nella realizzazione di strategie di responsabilità sociale, racchiuse sotto “Fabrica Ethica”, un’iniziativa che ha fornito contributi alle PMI a fondo perduto per acquisire le certificazioni di responsabilità sociale e/o ambientale (premiando processi di certificazione integrata). Nell’attuale periodo di programmazione dei fondi strutturali i contributi riguardano le consulenze per le certificazioni ma anche azioni di riorganizzazione interna, mappatura e monitoraggio della catena di fornitura, redazione di bilanci di sostenibilità. Inoltre, dal 2004, alle imprese certificate secondo gli schemi SA8000 oppure IS014000 oppure registrate EMAS, viene riconosciuto uno sgravio dell’IRAP. Sul versante delle premialità, le imprese con certificazioni, bilanci di sostenibilità o con azioni concrete di responsabilità sociale (es. conciliazione tempi di vita/tempi di lavoro; inserimento lavorativo fasce deboli ecc.) ricevono dei punteggi aggiuntivi nei processi di valutazione per la concessione di contributi per investimenti a valere sul POR FESR 2007-2013. Infine, l’ottenimento delle certificazioni richiamate oppure la redazione di un bilancio di sostenibilità sono criteri validi per poter usufruire di semplificazioni dei  procedimenti amministrativi, in termini di riduzione dei tempi del procedimento.

Per rispondere all’esigenza di condividere gli approcci, rendere olistico il sostegno alla RSI e avere un quadro comune di riferimento, le Regioni, nell’ambito del progetto interregionale sulla CSR, hanno espresso la volontà ed opportunità di condividere con le Amministrazioni centrali e con gli stakeholders quanto realizzato per arrivare ad una piattaforma nazionale di indicatori di responsabilità sociale a cui tutte le pubbliche amministrazioni possano attingere quando si intende incentivare o premiare la RSI. Si prevede dunque, partendo da esperienze e analisi già realizzate,  la definizione di una “griglia” di indicatori, articolata nei diversi ambiti (quali ad esempio: lavoro, ambiente, comunità e mercato …), a cui le Amministrazioni possano far riferimento per la scelta di criteri di ingresso o di preferenza nelle procedure di selezione di varia natura, ivi comprese le procedure di appalti laddove la normativa lo consenta. Questa griglia potrà essere a sua volta strutturata in diversi livelli dimensionali delle imprese  (micro-piccole – medie o grandi imprese) e accompagnata da esempi concreti e linee guida di utilizzo (es. appalti, procedure di valutazione per la concessione di contributi a valere sui fondi strutturali o su altri fonti finanziarie, procedimenti amministrativi, ecc.).

Un aspetto cruciale nell’azione pubblica sarà quello di garantire l’affidabilità dei comportamenti responsabili delle imprese, in particolare nei casi in cui tali comportamenti sono collegati a benefici di tipo finanziario, e, a tal fine, in parallelo con gli strumenti di incentivazione, dovranno essere sviluppati adeguati meccanismi di monitoraggio e controllo dei progetti.

Interventi 2012-2014

  • Definizione di indicatori, criteri e meccanismi di valutazione per premiare le imprese nell’accesso ai finanziamenti pubblici o forme di semplificazione amministrativa in linea con gli strumenti internazionali sottoscritti dal Governo
  • Ricorso a strumenti stabili per il finanziamento delle iniziative (quali ad es. misure inserite nella programmazione dei fondi strutturali europei, fondi regionali per la flessibilità del lavoro ecc.)
  • Incentivi alle PMI per il sostegno agli investimenti in RSI
  • Meccanismi di premialità e semplificazioni per l’accesso alle risorse pubbliche e alle procedure autorizzative
  • Procedure di monitoraggio e controllo dei progetti


C.               OBIETTIVO: Contribuire al rafforzamento degli “incentivi di mercato per la RSI”

1.            Il contributo del mondo finanziario

Alla luce della recente crisi finanziaria internazionale, occorre agire sul settore finanziario affinché sia più trasparente e responsabile e allo stesso tempo contribuisca, con stanziamento di capitale e di credito, ad un sistema economico sostenibile.

Sotto il profilo della trasparenza e integrità delle informazioni il Governo italiano ha promosso, in diverse sedi internazionali, la trasparenza delle transazioni finanziarie, come ad esempio in occasione della Ministeriale OCSE del 2010  quando si è fatto portatore della “Declaration on Propriety, Integrity and Transparency in the Conduct of International Business and Finance”.

Sul mercato globale le strategie di investimento sostenibili e responsabili (SRI), secondo quanto rileva anche la Borsa italiana, stanno acquisendo crescente forza e quote di mercato, man mano che aumenta la consapevolezza dei rischi e delle opportunità collegati all’impatto delle aziende sull’ambiente e sulla società. La valutazione delle performance ambientali, sociali e di governance (ESG) delle società quotate risulta, pertanto, di importanza vitale per gli investitori. La capacità di un emittente di affrontare le problematiche ESG - dal rapporto con dipendenti, fornitori e azionisti al suo impatto ambientale fino al rispetto degli standard di governance - può costituire un indicatore di qualità e livello gestionale nonché della possibilità di garantire agli investitori un rendimento di lungo termine. La serie di indici FTSE ECPI Italia SRI è pensata per creare una classe di indici di sostenibilità per il mercato italiano in grado di descrivere le performance delle aziende che seguono i migliori standard ESG.

A livello mondiale i Dow Jones Sustainability World Indexes, lanciati nel  1999 come i primi indici globali di sostenibilità, tracciano le performance delle aziende leader a livello mondiale in termini di adozione di criteri economici, ambientali e sociali. Gli indici rappresentano dei benchmark per gli investitori che integrano considerazioni di sostenibilità nel loro portafoglio.

A livello nazionale si evidenzia che il 73% dell’industria bancaria italiana ha sviluppato una strategia che prende in considerazione i criteri ESG (Environmental, Social, Governance); nel 63,4% delle banche è presente una pianificazione strategica di CSR; il 71% del totale attivo di sistema, con riferimento all’operatività Corporate, adotta politiche che includono criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) (Fonte ABI- Associazione Bancaria Italiana)

Sul fronte dell’[29]Investimento Sostenibile e Responsabile (Sustainable and Responsible Investment – SRI), il mercato italiano è determinato da pochi grandi player, con la predominanza di strategie quali le esclusioni settoriali – pari a € 446,79 miliardi di AuM a fine 2011– e la selezione “norms-based” – €314,25 miliardi di AuM. Al contempo, si ravvisa un certo dinamismo tra i fondi pensione che mostrano una crescente consapevolezza in tema di SRI  sia da un punto di vista culturale che tecnico: l’adozione di benchmark SRI appare la pratica maggiormente diffusa e qualche progresso è stato compiuto anche sul fronte dell’azionariato attivo. Nel segmento retail la situazione appare in stallo, con pochi casi di best practice e un’industria dell’asset management ancora riluttante ad integrare le strategie SRI in prodotti di investimento supportati da un’efficace comunicazione e distribuzione.

Nel giugno 2012 con la “Carta dell’Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana”, le maggiori associazioni di categoria del settore, Abi, Ania, Assogestioni (associazioni, rispettivamente, delle banche, delle assicurazioni e del risparmio gestito) e Febaf (loro federazione) hanno riaffermato l’impegno comune a diffondere la cultura della sostenibilità e della responsabilità sociale presso i propri associati e all’interno della  business community, favorendo la diffusione di pratiche di finanza sostenibile e responsabile. La Carta incoraggia gli investitori istituzionali ad assumere le variabili extrafinanziarie ambientali, sociali e di governance come parte qualificante dell’analisi e dei processi di investimento per conto proprio e di terzi.

a)                            Promozione delle iniziative per gli investimenti e il credito sostenibili

Con riferimento al mondo bancario, l’ABI-Associazione Bancaria Italiana, Confindustria e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno rinnovato, per il biennio 2012-2013, il Protocollo d’intesa, già sottoscritto nel 2011, volto ad incoraggiare la diffusione della rendicontazione volontaria di sostenibilità come elemento integrativo di valutazione complessiva del rischio di credito delle imprese. Esso promuove azioni di supporto alla comunicazione degli aspetti legati alla sostenibilità – soprattutto alle PMI - e prende le mosse dagli “Indicatori di sostenibilità per le PMI” elaborati da Confindustria. In base a tale Protocollo l’ABI collabora ad un progetto pilota con un campione di istituti bancari e di PMI, allo scopo di verificare l’efficacia dell’utilizzo di alcune informazioni economiche, ambientali e sociali e di governance nel processo di affidamento.

Parallelamente, anche l’associazione Anima per il Sociale,  in collaborazione con KPMG, sta portando avanti un progetto pilota, con alcune aziende del Comitato Piccola Industria di Unindustria,  con l’obiettivo di dotare le imprese aderenti di un proprio report/executive summary sulla sostenibilità dell’impresa integrato nel bilancio d’esercizio o in accompagnamento allo stesso.

A livello nazionale, il Forum per la Finanza Sostenibile dal 2001 si occupa di promuovere “la cultura della responsabilità sociale nella pratica degli investimenti finanziari in Italia”.

Nella sua attività l’Associazione si rivolge sia al lato della domanda di prodotti finanziari (investitori privati e istituzionali) che a quello dell'offerta (istituzioni finanziarie) che agli intermediari (consulenti e reti di vendita), con l'obiettivo di accrescere la conoscenza e l'efficacia di questa pratica ed aumentare la massa dei risparmi investiti secondo criteri di responsabilità sociale.

I principali risultati ottenuti negli ultimi anni hanno riguardato: il lancio della “Carta dell’Investimento Responsabile” siglata da ANIA, Assogestioni, ABI e FeBAF, la produzione di ricerche in collaborazione con Eurosif (Es. European SRI Study, High Net Worth Individuals and Sustainable Investment), l’animazione dell’Intergruppo Parlamentare sulle Strategie Europee per la Crescita, l’Occupazione, la Democrazia economica e la Sostenibilità finanziaria, la pubblicazione di un manuale per i promotori finanziari e delle Linee Guida per l’integrazione dei fattori ambientali, sociali e di governo societario nei processi di investimento delle forme pensionistiche complementari.

Nel 2010 ABI è stata confermata alla Presidenza del Comitato bancario per gli Affari sociali europei della Federazione Bancaria Europea (BCESA). La nomina, triennale, avviene per il terzo mandato consecutivo che ABI ricopre dal 2004 e che ricoprirà fino al prossimo 2013.

Il BCESA è un organismo che riunisce le associazioni bancarie dei 27 Stati membri dell'Unione europea con compiti di rappresentanza degli interessi del sistema finanziario europeo verso l'UE e i sindacati europei. Inoltre il BCESA insieme alle Associazioni Europee delle Casse di Risparmio e delle Banche di Credito Cooperativo rappresenta l’industria finanziaria nel Comitato per il dialogo sociale. Il Comitato, che è un organismo di rilievo in ambito comunitario, è attualmente impegnato in un progetto di coinvolgimento dei Paesi candidati ad entrare nell'Unione allo scopo di rafforzarne le relazioni sindacali del settore bancario. Il BCESA, in oltre dieci anni di attività, ha infatti concluso numerosi accordi con i sindacati a livello europeo: dall'introduzione delle nuove tecnologie in banca, alla formazione professionale continua, agli aspetti sociali ed occupazionali della CSR.

Con riguardo a tale ultimo progetto, in particolare, il 18 maggio 2005 il BCESA, congiuntamente a European Savings Bank Group, European Association of Cooperative Banks e UNI-Europa, ha sottoscritto un accordo in materia di CSR (EU Bank Social Partner Joint Statement. Employment & Social Affairs in the European Banking Sector: Some aspects Related to CSR), nel quale viene definito un ampio programma che comprende i seguenti aspetti: core labourstandards, pari opportunità, comunicazione interna, formazione continua, work-life balance.

L’ABI realizza, inoltre, diverse iniziative in materia promuovendo, fra gli Associati e gli stakeholder di riferimento, l’integrazione strategico-gestionale della sostenibilità. Dal 2003, l’ABI ha un proprio Ufficio Responsabilità Sociale d’Impresa; dal 2011, sono costituiti in essa quattro Gruppi di Lavoro in materia di: Sostenibilità, Integrazione delle informazioni extra-finanziarie nella valutazione qualitativa delle imprese, Inclusione finanziaria e sociale e relazione banche-migranti, Investimenti sostenibili. È, inoltre, attivo il Comitato tecnico banche e attività sociali. Le azioni dell’ABI in materia di CSR contemplano lo sviluppo di ricerche ed analisi nonché di strumenti operativi a supporto delle imprese bancarie; la promozione e la creazione di reti di relazione e di partnership strategiche; l’organizzazione di eventi, seminari e iniziative di divulgazione. L’Abi opera anche sul tema dell’’inclusione finanziaria degli oltre 5 milioni di immigrati presenti in Italia.

Nel 2011, hanno pubblicato un bilancio di sostenibilità banche che rappresentano l’80% del totale attivo di sistema (dati 2010) ed è consolidata anche la prassi di allegare e di distribuire il Rendiconto con il bilancio di esercizio. Alcune banche inseriscono nella Relazione sulla Gestione parte del Rendiconto agli stakeholder. Le linee guida maggiormente diffuse tra le banche italiane sono quelle della Global Reporting Initiative  - GRI - usate anche in maniera complementare ad altri riferimenti. Per offrire al sistema bancario italiano un’interpretazione dei riferimenti del GRI più aderente alle proprie caratteristiche, l’ABI ha pubblicato il documento “Specifiche ABI per la redazione del bilancio di sostenibilità secondo le linee guida GRI G3.1”, con l’obiettivo di rendere possibile il confronto tra i bilanci di sostenibilità delle banche e incoraggiare l’ulteriore diffusione della rendicontazione di sostenibilità presso le banche. L’ABI, in collaborazione con le banche, proseguirà il lavoro di focalizzazione sugli indicatori GRI, seguendo lo sviluppo delle Linee Guida G4. (Fonte ABI)

Sul fronte della disclosure,già nel 2001, raccogliendo l’input del Libro Verde della Commissione europea sulla CSR, l’ABI ha pubblicato il “Modello di redazione del bilancio sociale per il setto re del credito”.

Nel quadro nazionale l’azione pubblica deve dunque favorire, da un lato, i processi di trasparenza e di gestione sostenibile del settore finanziario e sostenere e promuovere, dall’altro, le iniziative che il settore bancario e i fondi di investimenti possono mettere in campo per finanziare le imprese virtuose, in linea con quanto accade  a livello internazionale.

Interventi 2012-2014

  • Iniziative per favorire la trasparenza delle informazioni da parte delle istituzioni finanziarie, dei fondi di investimento e dei fondi pensione
  • Promozione della due diligence nel settore finanziario anche sulla base lavori OCSE in materia
  • Collaborazione nelle iniziative del settore bancario e dei fondi di investimento  per incrementare la quota di risorse finanziarie investite in imprese “virtuose”
  • Promozione della “Carta dell’Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana”

b)                            Finanza etica

Investire eticamente vuol dire tenere conto di principi etici nella scelta degli investimenti. Gli strumenti di cui si avvale la finanza etica sono:

In Italia, le principali istituzioni/strumenti della finanza etica sono le seguenti:

le Banche di Credito Cooperativo e le Casse Rurali, sono istituti di credito di piccole dimensioni che forniscono servizi finanziari a famiglie ed a piccole-medie imprese. Le caratteristiche della loro azione sono la cooperazione, la mutualità ed il localismo. Le Banche di Credito Cooperativo e le Casse Rurali alla fine del 2008 in Italia sono 439 ed operano in 2.576 comuni con 4.044 sportelli (l’11,9% degli sportelli bancari in Italia);

la Banca Etica, è un’organizzazione che ha per fine quello di gestire il risparmio orientandolo verso le iniziative economiche che perseguono finalità sociali e che operano nel pieno rispetto della dignità umana e della natura. La banca è stata fondata da 22 organizzazioni del Terzo Settore, del volontariato e della cooperazione internazionale ed ha 12 filiali in tutto il Paese. Al momento, l’Istituto ha circa più di 30.000 soci e sostiene più di 3.400 progetti dell’economia solidale;

si segnala la crescente importanza delle banche specializzate come Banca Prossima che, appoggiandosi all’expertise e alla presenza capillare sul territorio italiano di Banca Intesa Sanpaolo nonché alla tradizione filantropica delle Fondazioni  di origine bancaria, ha sviluppato una serie di strumenti innovativi e di servizi volti a facilitare l’accesso al credito del Terzo settore e ad aumentarne l’efficienza dal punto di vista della gestione finanziaria;

le Cooperative di finanza solidale che, di solito, finanziano singoli, associazioni ed altre cooperative che sono escluse dall’accesso tradizionale al credito e che svolgono attività di rilevanza sociale, culturale ed ambientale.

Attraverso il microcredito si concedono finanziamenti di modesta entità tesi alla realizzazione di piccoli progetti imprenditoriali, a favore di categorie svantaggiate e di soggetti esclusi dal sistema del credito istituzionale. E’ uno strumento finalizzato allo sviluppo locale delle microimprese, anche a conduzione familiare. In Italia non esistono istituti di credito specializzati in questo tipo di attività. Tuttavia, alcune associazioni di artigiani e piccoli imprenditori hanno siglato convenzioni con le banche tradizionali per favorirne lo sviluppo. La Rete Italiana di Microfinanza (RITMI), creata nel febbraio 2008, raccoglie i soggetti del territorio nazionale che, a vario titolo, sono impegnati nell’ambito della microfinanza e  il microcredito, al fine di rispondere alle esigenze prettamente operative delle stesse e per dare maggiore visibilità politica, economica e sociale al microcredito e alla microfinanza in Italia.

Interventi 2012-2014

  • Promozione dei principi della finanza etica
  • Sostegno alle iniziative per il finanziamento delle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile
  • Sostegno e promozione delle iniziative di microcredito del settore bancario
  • Raccolta, diffusione e pubblicazione di buone pratiche ed esempi di successo di parnership tra imprese e/o organizzazioni del Terzo settore di cittadinanza attiva e della società civile

 

2.              Appalti pubblici

Creare una “domanda” pubblica e quindi un nuovo mercato per le imprese responsabili è certamente un passo importante per la promozione della CSR.

A sostegno dell’azione nazionale, la proposta di revisione delle direttive sugli appalti pubblici della Commissione europea (dicembre 2011) include nuove disposizioni per l’utilizzo di criteri sociali ed ambientali nonché per l’accesso al mercato degli appalti delle PMI.

a)                            Promozione di appalti pubblici che integrino criteri sociali e ambientali

Il “Piano d’Azione per la sostenibilità dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione (PAN GPP)”, adottato dal Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM)[30] di concerto con i Ministri dell’Economia e delle Finanze e dello Sviluppo Economico, individua il quadro istituzionale di riferimento in questo settore.

Il Piano, adottato con il Decreto Interministeriale dell'11 aprile 2008 (G.U. n. 107 dell'8 maggio 2008), fornisce un quadro generale per gli acquisti verdi nella pubblica amministrazione e si pone l’obiettivo di massimizzarne la diffusione presso gli enti pubblici in modo da farne dispiegare in pieno le sue potenzialità in termini di miglioramento ambientale, economico ed industriale.

Sulla base dell’impatto ambientale prodotto e degli obiettivi di spesa coinvolti, il Piano di Azione individua 11 categorie di intervento: arredi, edilizia, gestione dei rifiuti, servizi urbani e al territorio, servizi energetici, elettronica, prodotti tessili e calzature, cancelleria, ristorazione, servizi di gestione degli edifici, trasporti. Attraverso una serie di Decreti Ministeriali sono stati individuati criteri ambientali minimi per una serie di prodotti, delle indicazioni generali volte ad indirizzare l’ente verso una razionalizzazione dei consumi e degli acquisti e forniscono delle “considerazioni ambientali” propriamente dette, collegate alle diverse fasi delle procedure di gara (oggetto dell’appalto, specifiche tecniche, caratteristiche tecniche premianti collegati alla modalità di aggiudicazione all’offerta economicamente più vantaggiosa, condizioni di esecuzione dell’appalto) volte a qualificare ambientalmente sia le forniture che gli affidamenti lungo l’intero ciclo di vita del servizio/prodotto.

Con Decreto 6 giugno 2012 (G.U. n. 159 del 10 luglio 2012) è stata emanata una Guida per l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici per offrire supporto alle Amministrazioni pubbliche disposte ad integrare negli appalti pubblici criteri conformi agli standard riconosciuti a livello internazionale in materia di diritti umani e condizioni di lavoro44.

Si tratta di un approccio conforme al quadro normativo vigente che consente alle stazioni appaltanti di richiedere condizioni di esecuzione contrattuale attinenti ad esigenze di carattere sociale[31]. In tal modo, infatti, si promuove la costruzione di un “dialogo strutturato” tra le Amministrazioni aggiudicatici e fornitori, realizzato per mezzo delle clausole contrattuali: si prevede che l’Amministrazione informi con adeguato anticipo gli operatori economici della volontà di integrare i criteri sociali nelle proprie attività contrattuali e  che, in seguito, l’aggiudicatario si impegni a rispettare gli standard sociali minimi e a collaborare con l’Amministrazione nel monitoraggio degli impegni assunti, attraverso la sottoscrizione di una “Dichiarazione di conformità a standard sociali minimi”.

In Lombardia l’Agenzia Regionale Centrale Acquisti (ARCA), dopo aver avviato nel 2011 un dialogo strutturato con gli operatori economici finalizzato ad introdurre gradualmente negli appalti pubblici regole per il raggiungimento di finalità sociali, si trova nella seconda fase di attuazione del progetto “Acquisti sostenibili”, che comporta l’inserimento nelle procedure di gara delle condizioni di esecuzione contrattuale attinenti ad esigenze di carattere sociale, così come previsto dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare nel Decreto del 6 giugno 2012 “Guida per l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici”.

Inoltre, dal 2009, Sistema Camerale lombardo e Regione Lombardia  hanno collaborato per promuovere il mercato degli acquisti pubblici “verdi” (GPP) sia dal lato della domanda che dell’offerta con bandi delle Camere di Commercio di Varese e Sondrio.

Sotto la guida del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, in applicazione del d. lgs. n 81/2008, la Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ha istituito un apposito Comitato, in applicazione dell’art. 27  del d. lgs. 81/2008, per individuare settori e criteri finalizzati alla definizione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, con riferimento alla tutela della salute e sicurezza sul lavoro, fondato sulla base della specifica esperienza, competenza e conoscenza acquisite anche attraverso percorsi formativi mirati (cfr. par su autoregolamentazione e coregolamentazione).

Il D.Lgs 81/2008 prevede inoltre, all’art. 26 comma 1, che la Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza elabori le modalità con cui il datore di lavoro verifica l’idoneità tecnico- professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori, ai servizi e alle forniture da affidare in appalto o mediante contratto d’opera o di somministrazione.

Il Progetto CSR + D (“Corporate social responsabilità plus Disability”), finanziato dal Fondo Sociale Europeo nel quadro del programma “Fight against discrimination 2007-2013”, vede il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali italiano quale Amministrazione di coordinamento con la collaborazione della  Fondazione ICSR, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap e la Federazione delle Associazioni Nazionali Disabili, Autorità Vigilanza Lavori Pubblici, INAIL (Istituto Nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro), Ministero dell’ Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Italia Lavoro, Isfol (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori). Il progetto ha tra i propri obiettivi quello di sviluppare una rete di soggetti con comuni interessi nel campo della CSR e della disabilità al fine del pieno sviluppo dell’obiettivo di promozione dei principi propri della responsabilità sociale delle imprese da parte delle Pubbliche Amministrazioni anche mediante lo strumento dell’appalto pubblico. Una prima fase ricognitiva ha riguardato  le esperienze relative all’inclusione di clausole sociali e ambientali nelle procedure d’appalto, con particolare riguardo ai lavori del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dell’Autorità di Vigilanza sui Lavori Pubblici.  Inoltre, è stata definita una serie di azioni da intraprendere per la promozione del progetto, in ambito nazionale e comunitario, preventivamente concordata con gli altri partner del progetto ( fondazione spagnola ONCE, Telefonica, l’Oreal ).

Si sta, dunque,  procedendo alla definizione di una prima bozza di linee guida per l’inserimento di clausole sociali riguardanti le persone disabili nelle procedure d’appalto delle pubbliche amministrazioni. Le linee guida dovranno essere contenute in un documento agile e snello e definire gli obiettivi sociali rilevanti come: a) promozione delle opportunità di occupazione; b) supporto all’inclusione sociale; c) promozione dell’accessibilità e progettazione per tutti.

Nel mese di aprile 2012 è stato organizzato in Madrid, dalla Fondazione spagnola ONCE, un evento di presentazione del progetto “Corporate social responsability & disability” , in occasione del quale, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha presentato l’iniziativa progettuale italiana, sopra descritta,  ed il suo stato di avanzamento.

In materia di appalti alle cooperative sociali, si  fa riferimento alla determinazione n. 3 “Linee guida per gli affidamenti a cooperative sociali ai sensi dell’art. 5, comma 1, della legge n. 381/1991”- Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici (AVCP).

Le Regioni contribuiranno con le loro azioni e attraverso il “progetto interregionale” all’introduzione di criteri ambientali e sociali negli appalti pubblici per facilitare le imprese socialmente responsabili.

Interventi 2012-2014

  • Integrazione delle iniziative nazionali e regionali per la definizione di criteri socio-ambientali negli appalti pubblici
  • Promozione dell’applicazione di criteri sociali e ambientali negli appalti pubblici
  • Definizione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, con riferimento alla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro
  • Linee guida per l’inserimento di clausole sociali riguardanti le persone disabili nelle procedure di appalto della PA nell’ambito del progetto europeo CSR + D

 

3.              Consumatori

Considerando che la spesa dei consumatori rappresenta il 56% del PIL dell’Unione europea, agire sui consumatori può avere un impatto significativo in termini di efficienza allocativa delle attività economiche e contribuire a rilanciare la crescita.  Tuttavia questi effetti positivi si producono solo se viene aumentato il potere e la consapevolezza dei consumatori nel giocare un ruolo attivo nel mercato e stimolare la competizione e l’innovazione.[32]

Sotto questo profilo, una ricerca a livello europeo, commissionata da Consumers' Forum intitolata “Europa, Responsabilità Sociale e Consumatori” e presentata nell’ottobre 2011, ha evidenziato una distonia tra domanda ed offerta: se, da un lato, i consumatori si mostrano propensi ad un acquisto “etico”, dall’altro, emerge una sfiducia nei confronti dei produttori e di quello che dichiarano; solo una minoranza ritiene che le aziende siano realmente sensibili agli interessi dei propri lavoratori, dell’ambiente, della comunità in cui operano nonché dei propri consumatori. Si apre, dunque, un importante spazio di dialogo per le aziende che vogliano cogliere questo “richiamo” da parte dei consumatori.

a)                            Reti e forum di consumatori

Come ricordato nella sezione sulla tutela dei consumatori, sul fronte istituzionale, ci sono luoghi di confronto per sensibilizzare i consumatori all’acquisto responsabile che possono essere ulteriormente stimolati in questa direzione. Si può inoltre agire con campagne di comunicazione mirate ai consumatori a livello centrale e regionale come stimolo alla domanda consapevole.

Al di fuori del quadro strettamente istituzionale, importante è il dialogo tra imprese e consumatori, si citano di seguito alcuni esempi.

Il Consumers' Forum nasce nel 1999 dalla convinzione che si possono superare la tradizionale diffidenza e le difficoltà di dialogo tra chi fa impresa e chi rappresenta la tutela dei diritti dei singoli. E’ un'associazione indipendente di cui fanno parte le più importanti Associazioni di Consumatori, numerose Imprese Industriali e di servizi e le loro Associazioni di categoria, Centri di Ricerca[1]. Importante è la collaborazione e l'impegno delle aziende e delle associazioni dei consumatori nella ricerca della qualità dei prodotti e dei servizi e le procedure di conciliazione delle controversie di consumo.

Tra le Organizzazioni del Terzo settore e di cittadinanza attiva, si cita l’Adiconsum che ha avviato il suo impegno in tema di CSR a partire dal 2001, con l’obiettivo di contribuire al confronto tra parti sociali e di valorizzare il ruolo del consumatore quale stakeholder in materia di responsabilità sociale delle imprese. Attraverso progetti, pubblicazioni, eventi, partecipazioni a Tavoli di lavoro, confronto con studiosi, imprese e decision makers, Adiconsum ha inteso promuovere un meccanismo virtuoso e di graduale crescita della consapevolezza in grado di coinvolgere consumatori ed imprese  nonché di favorire l’evoluzione della normativa anche attraverso la promozione di buone pratiche. L’approccio è stato duplice, da un lato, incentrato sulla realizzazione di campagne informative rivolte al pubblico ed ai consumatori, per sensibilizzare rispetto ai temi del consumo e del risparmio socialmente responsabile, eco-compatibile e solidale,  dall’altro, di analisi e  studi specifici sulle varie forme di misurazione ed attestazione della CSR. L’associazione si è anche adoperata per la conciliazione paritetica affinché diventasse una buona pratica e ha determinato la nascita dello sportello europeo per i consumatori (CEC).

Tra le esperienze, il Portale di NeXt www.nexteconomia.org è una piazza in cui aziende e cittadini si confrontano sulla strategia per la sostenibilità. NeXt Nuova economia per tutti è un network che ha elaborato un processo innovativo di responsabilità sociale in logica multistakeholder, attraverso il dialogo e lo scambio di informazioni sui temi della sostenibilità tra imprese e cittadini-consumatori, in un’ottica di trasparenza e co-costruzione delle informazioni. NeXt unisce diverse componenti impegnate per una nuova economia: alcune associazioni di imprese più attente ai problemi della responsabilità ambientale e sociale, un gruppo di accademici, rappresentanti dei maggiori sindacati nazionali, di associazioni ambientaliste, di consumatori, di agricoltori e reti e coordinamenti delle organizzazioni di  Terzo settore di cittadinanza attiva e della società civile.

Interventi 2012-2014

  • Campagne di sensibilizzazione dei consumatori
  • Promozione del dialogo imprese-consumatori e delle reti di consumatori

 

D.              OBIETTIVO: Promuovere le iniziative delle imprese sociali, delle organizzazioni  di  Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

 

1.            Promozione delle potenzialità sociali ed economiche delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

In Italia è sempre maggiore il riconoscimento delle potenzialità sociali ed economiche delle organizzazioni di Terzo settore di cittadinanza attiva e della società civile  che svolgono attività di utilità sociale senza fini di lucro.

I suddetti enti hanno, in linea generale, le seguenti caratteristiche:

Alla base dell’economia delle organizzazioni che svolgono attività non profit vi è il principio di “reciprocità” che costituisce uno dei fondamenti delle organizzazioni della società civile[33]e va inteso come relazione cooperativa[34] tra le persone appartenenti alla medesima comunità.

Una delle peculiarità di dette organizzazioni - nello specifico delle cooperative sociali[35]e delle imprese sociali[36] - è quella di mantenere legami fiduciari con le comunità, contribuendo allo sviluppo territoriale, non solo in senso quantitativo  ma, soprattutto, in termini qualitativi  ossia di benessere sociale ed economico. Rispetto alle altre organizzazioni di Terzo settore le cooperative sociali e le imprese sociali, oltre che per le finalità che perseguono, si dimostrano come modelli più adatti per impiegare i soggetti svantaggiati e vulnerabili come le donne, i giovani, i migranti, le persone con disabilità, tossicodipendenti ed ex tossicodipendenti, detenuti ed ex detenuti, zingari, sinti, rom, ecc., che tendono ad essere dalle imprese for profit esclusi o impiegate in modo residuale e frammentario.

Queste attitudini delle organizzazioni di Terzo settore hanno incontrato anche una corrispondenza sia a livello istituzionale che legislativo. La legge 328/2000 - “Realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”- , ha infatti riconosciuto un ruolo molto importante degli operatori sociali privati nell’erogazione dei servizi sociali alla persona e alle comunità. La riforma del Titolo V della Costituzione ha attribuito alle Regioni competenza esclusiva sul sociale, riconoscendo un ruolo ben preciso alle organizzazioni di Terzo settore sia nella progettazione e programmazione degli interventi sociali sia per l’affidamento e, quindi, l’erogazione dei servizi alla persona. A tal riguardo interessanti sono i dati Istat e di Iris Network elaborati e presenti nel Rapporto del Censis del 2010, nel quale sono stimati c.a. 650.000 operatori del welfare territoriale cui vanno aggiunti 1.450.000 addetti del micro-welfare familiare, in gran parte rappresentati da badanti e collaboratrici domestiche. Inoltre, esistono oltre 1.400.000 addetti alle imprese for profit impegnate nell’istruzione, nella sanità e assistenza sociale, cultura, sport e ricreazione. Tutte attività che hanno comunque una ricaduta territoriale e il cui confine con i servizi non profit non sempre è nettamente definito, tant’è vero che uno degli obiettivi che si prefigge la legge 118 del 2005 sull’impresa sociale è quello di far aderire alla forma dell’impresa sociale anche una vasta platea di imprese for profit.

Nonostante le diverse finalità le imprese (PMI e dei distretti) e le imprese sociali – ma anche altre organizzazioni di Terzo settore - danno rilevanza allo sviluppo endogeno locale: le prime,  producendo ricchezza materiale mentre, le seconde, creando un altro tipo di ricchezza, basata sull’erogazione di beni relazionali che hanno una funzione di redistribuzione del reddito all’interno della comunità; in tal senso le imprese sociali affiancano lo Stato e gli enti pubblici locali come attori delle politiche attive del welfare. A ciò si aggiunga che, sempre tenendo conto dei differenti obiettivi, le imprese dei distretti industriali e le imprese sociali hanno in comune il fatto di essere, nella quasi totalità dei casi, delle PMI e in quanto tali condividono molte caratteristiche proprie delle stesse: dalla flessibilità alla professionalità, alla necessità di dover continuamente creare innovazione di prodotto o di servizio; di processo e organizzativa sia per motivi di concorrenza sia per soddisfare meglio le esigenze/bisogni dei clienti/utenti/comunità[37].

a)                            Diffusione della RSI presso le organizzazioni di Terzo settore e sostegno al dialogo con le imprese

La complementarietà tra le organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile e le imprese (PMI e distrettuali) – come si è visto – rappresenta un tassello importante e peculiare per l’implementazione nelle imprese della responsabilità sociale in quanto dette imprese, in particolare quelle distrettuali, da sole, non sono più in grado di assicurare la coesione economica e il benessere sociale delle comunità del XXI secolo, in cui è fortemente cresciuta l’esigenza di fruire di beni sociali in modo personalizzato, e hanno bisogno di condividere i processi territoriali con il Terzo settore per rinsaldare il legame con le comunità di appartenenza, così potranno riaffermare le basi stesse della loro esistenza e le caratteristiche di originalità. Per incidere maggiormente in maniera più efficiente ed efficace il Terzo settore necessita anch’esso di operare in un ambiente efficiente e capitalizzato ossia deve rafforzare la propria efficienza, trovare nuovi segmenti di mercato e finanziatori.

Le linee prioritarie di azione – di seguito espresse nel dettaglio – del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sono strettamente collegate a quest’ultimo punto di vista: è importante che le cooperative sociali, le imprese sociali e le  organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile  offrano ai potenziali investitori il massimo della trasparenza, illustrando le loro attività, i loro progetti, la destinazione dei fondi ricevuti e la finale rendicontazione sociale nella quale saranno illustrati i risultati finali nel bilancio di rendicontazione sociale da parte di queste organizzazioni (ciò è strettamente correlato a quanto espresso nella sezione sulla finanza etica).

E’ in questa direzione che si colloca l’elaborazione della Carta della donazione, una sorta di codice di autoregolamentazione del settore, che stabilisce i diritti dei donatori e dei destinatari delle attività sociali, nonché la responsabilità delle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile.

Poiché è sempre più necessario e/o opportuno, anche per chi opera nel campo della solidarietà e del sociale, entrare in un’ottica di trasparenza nell’utilizzo del denaro che i cittadini donano alle ONG (Legge n. 48 del 1987) per fini sociali e/o umanitari, alle organizzazioni che si occupano del sostegno a distanza, alle altre organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile, saranno messe in campo azioni volte a promuovere la attuazione dei principi  di rendicontazione di bilancio da parte delle organizzazioni del Terzo settore.

In tal senso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali proseguirà nel sostegno e nella promozione della:

Per estendere la conoscenza del modello dell’impresa sociale nelle imprese for profit, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e con il coinvolgimento della Conferenza Stato Regioni, dell’ANCI e di UNIONCAMERE delle Fondazioni di origine bancaria – ACRI, promuoverà iniziative a sostegno delle organizzazioni di  Terzo settore attraverso premi, sgravi fiscali ed incentivi finanziari UE  rivolti unicamente alle Associazioni datoriali per promuovere la CSR.

A tal fine, si procederà all’elaborazione di una proposta normativa che intenda valorizzare l’impresa sociale riconoscendola e favorendone l’accesso a strutture negoziali, talvolta complesse, come gli appalti pubblici. Si procederà al riconoscimento giuridico delle varie tipologie di imprese sociali, nell’accesso agli appalti pubblici, anche eventualmente prevedendo l’etichettatura del prodotto o mediante certificazione statale. In tal modo si favorirà un’economia sociale di mercato altamente sostenibile e competitiva, ponendo l’economia sociale e l’innovazione sociale al centro dei propri obiettivi, anche come mezzo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale.

Facendo seguito ai buoni esempi espressi dalle organizzazioni di Terzo settore nelle sezioni precedenti del presente Piano, si portano a conoscenza le seguenti esperienze.

  • L’impresa sociale “Comunità Progetto Sud” di Lamezia Terme, che si caratterizza col "fare comunità sul territorio", individuando risposte concrete alle problematiche di esclusione sociale attraverso attività di formazione e d’inserimento lavorativo per persone con disabilità, tossicodipendenti, minori e i giovani, malati di aids;
  • L’impresa sociale la “Locanda dei Buoni e Cattivi” di Cagliari, si tratta di una struttura turistica a tutti gli effetti, cioè di un’attività commerciale vera e propria ma realizzata con lo scopo di dare lavoro a ragazzi e mamme in uscita da percorsi di recupero, in modo da facilitare il loro reinserimento sociale, affettivo e lavorativo.
  • la Fondazione ANT Italia Onlus che da anni porta avanti il Progetto Bimbi in ANT per l’assistenza professionale sociosanitaria gratuita a domicilio ai bambini sofferenti tumore con il contributo di alcune imprese come  Mellin, Assicurazione Alleanza Toro, UPS, Lottomatica; e l’attivazione di sportelli sulla CSR in alcuni Centri di Servizio per il Volontariato, nello specifico nella Regione Marche.
  • La Fondazione Flying Angels Onlus è il "Tour operator della vita". Fornisce biglietti aerei gratuiti, andata e ritorno, per e da qualunque posto del mondo, a bambini fino ai 18 anni, affetti da gravi patologie con carattere d'urgenza; al genitore (o tutore legale); e. in caso di necessità, anche al medico che li accompagna. Grazie ad accordi con imprese profit è in grado di aiutare anche le associazioni del Terzo Settore che si occupano di queste emergenze.
  • Progetti SaD – Sostegno a distanza realizzati dalla rete del FoumSad .

Le esperienze di partenariato tra  imprese, da un lato, e  settore pubblico e  mondo del non profit dall’altro, sono, inoltre, da promuovere e  valorizzare come momento di scambio e apprendimento reciproco e  risultano  particolarmente vantaggiose perché consentono di massimizzare i risultati attraverso l’utilizzo delle potenzialità degli attori coinvolti: la profonda conoscenza delle esigenze delle comunità locali, la disponibilità di infrastrutture, la presenza capillare sul territorio e la maggiore facilità di accesso a competenze tecniche e risorse finanziarie.

Le partnership con il settore pubblico e del non profit rappresentano una modalità operativa sempre più adottata dalle imprese per assicurare che le azioni nei confronti della comunità siano in linea con le esigenze degli stakeholder.

Il Gruppo Telecom Italia, ad esempio, ha realizzato il progetto Navigare Sicuri, dedicato alla promozione e alla diffusione della cultura dell’uso consapevole e responsabile di Internet e dei media digitali tra i bambini, i ragazzi e i loro educatori, si sviluppa in stretta collaborazione con il Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, la Fondazione Movimento Bambino e Save the Children. Nel biennio 2010–2012 il progetto è andato in tour nelle scuole e nelle piazze di 40 città, in 20 regioni italiane, percorrendo oltre 15.000 km in Italia e coinvolgendo oltre 100.000 ragazzi. Sul bus, allestito con cinque postazioni multimediali e una LIM (Lavagna Interattiva Multimediale), si sono svolti laboratori interattivi dedicati ai più giovani e attività di coinvolgimento del pubblico adulto (per maggiori dettagli: www. navigaresicuri.org).

Navigare insieme è il progetto ideato da Telecom italia per promuovere l’uso di internet tra gli anziani e sviluppato in collaborazione con la scuola pubblica italiana, il terzo settore e il mondo dell’associazionismo (tra cui Auser, Legacoop, Alatel e ANLA, ANAP – Confartigianato); Navigare Insieme conta sul coinvolgimento attivo delle municipalità delle città interessate, anche attraverso la stipula di Protocolli d’Intesa. Dal febbraio 2012, nelle scuole di diverse città italiane, sono stati avviati corsi gratuiti all’insegna dello scambio generazionale fra under 18 e over 60 per l’utilizzo del web. Nelle 16 città sedi dei corsi, Telecom Italia ha, inoltre, allestito una rete di palestre digitali permanenti in cui, gratuitamente e con l’assistenza di volontari, i partecipanti hanno la possibilità di consolidare le conoscenze acquisite in aula (per maggiori dettagli:www. navigareinsieme.org).

Sul fronte delle cooperative un importante contributo alla CSR viene dalle azioni di Legacoop, "Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue", che opera per promuovere lo sviluppo della cooperazione e della mutualità, dei rapporti economici e solidaristici delle cooperative aderenti e per favorire la diffusione dei princìpi e dei valori cooperativi.

Da diversi anni Legacoop è impegnata nella diffusione di pratiche di accountability nelle imprese cooperative e associate con l’adozione delle  prime esperienze di bilancio sociale, già a partire dal 1994, sulla base di un modello di bilancio sociale  tuttora in corso.

Tra le altre iniziative di Legacoop si segnalano di recente le seguenti: redazione di bilanci sociali nelle articolazioni territoriali di Legacoop (2004); attività formative in materia di bilancio sociale e CSR in collaborazione con CESVIP (ente di formazione). Inoltre, nel 2012, è stata creata la Commissione nazionale ANCD- Associazione Nazionale Cooperative fra dettaglianti Conad -, sulla CSR,  è stato inviato un questionario sulle prassi di CSR nelle Cooperative  CONAD e si sta procedendo alla definizione del Codice etico delle che è in attesa di deliberazione da parte degli organismi dirigenti  dell’ANCD.

A titolo di esempio si riporta l’esperienza di Federsolidarietà che, nel 2008, ha sviluppato una piattaforma online per la redazione del “Bilancio di Rendicontazione Sociale”.  Sono oltre 2.000 le cooperative sociali ed i consorzi aderenti che la utilizzano per redigere il bilancio sociale.

E’stata creata una applicazione le cui interfacce e logiche applicative guidano gli utenti nella compilazione supportandoli attraverso strumenti di aiuto in linea (help on-line); parallelamente, sono stati creati strumenti per il controllo e il monitoraggio delle compilazioni effettuate.

Percorsi di promozione e valorizzazione delle iniziative dei sistemi associativi si possono trasformare in vere e proprie azioni di Fund Raising, anche attraverso  l’operato congiunto e condiviso del sistema pubblico, di quello delle imprese e delle organizzazioni non profit, quale strumento di finanziamento della progettualità associativa per rendere sostenibile il benessere e lo sviluppo del welfare. Il coinvolgimento nelle azioni di tutti gli stakeholder promuove e comunica le iniziative ad un elevato numero di soggetti che possono porre in essere donazioni volontarie o partecipare direttamente nelle iniziative proposte. Tali azioni costruiscono in tal modo l’indicatore di Valore Aggiunto Sociale da inserire nel Bilancio Sociale annuale delle aziende, delle pubbliche amministrazioni e delle organizzazioni non profit che attivano – in base alle rispettive mission e vision - percorsi di CSR al loro interno. Il sistema imprenditoriale, le amministrazioni pubbliche e le organizzazioni non profit,  partecipano così ad una seria progettualità condivisa di fund raising, si impegnano nel garantire alla comunità adeguate azioni per costruire insieme ad altri attori il benessere sociale. In questo modo il Valore Aggiunto Sociale della raccolta fondi diventa  attore dello sviluppo sociale delle comunità territoriali rendendo efficace, e nel contempo efficiente, questa azione sotto la garanzia e la verifica da parte delle amministrazioni pubbliche.

Interventi 2012-2014

  • Promozione del dialogo imprese-organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile
  • Promozione di attività formative sulla “trasparenza” (rendicontazione sociale, bilanci sociali e di sostenibilità, ecc.)
  • Promozione di esperienze di “Sportelli CSR e volontariato” nei centri di servizio per il volontariato
  • Pubblicazione su supporto informatico di buoni esempi di partnership tra imprese e/o  organizzazioni di Terzo settore,in particolare imprese sociali, cooperative sociali, organizzazioni che si occupano della cooperazione e della solidarietà internazionale
  • Promozione della cultura della legalità con la compartecipazione delle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile

E.               Favorire la trasparenza e la divulgazione delle informazioni economiche, finanziarie, sociali e ambientali

1.            Informazione, trasparenza e reporting delle imprese

Sul fronte aziendale l’ultimo anello dell’azione responsabile, in quanto consequenziale alle azioni messe in campo, è la rappresentazione da parte delle imprese delle attività intraprese verso i portatori di interesse, interni ed esterni all’azienda, al fine di rendicontare sui risultati, le iniziative e i sistemi di gestione in essere in tema di sostenibilità.  Un’attività che, tuttavia, non può prescindere da un adeguato sistema di valutazione e monitoraggio delle azioni intraprese e di trasparenza nella raccolta e diffusione delle informazioni,  in coerenza con le azioni adottate.

Il reporting delle imprese dovrebbe essere coerente con gli standard internazionali di qualità in materia di rendicontazione finanziaria e extra-finanziaria - nei limiti della capacità delle aziende in relazione alla loro dimensione - poiché questo consente agli investitori e agli stakeholders di monitorare e confrontare le differenti performances.

Diverse sono le modalità e gli strumenti per la divulgazione delle informazioni sociali e ambientali e un numero crescente di imprese divulga tali informazioni; esistono, inoltre, vari quadri e riferimenti internazionali, in particolare rivolti alle imprese di grandi dimensioni, come la Global Reporting Initiative (GRI) cui fanno riferimento varie grandi e medie aziende italiane. Dai dati del “sustainability disclosure database” del GRI[40] , per l’esercizio finanziario 2010, sono stati presentati  57 report di sostenibilità da parte di imprese italiane nei settori automotive, energia, elettrico, bancario e delle telecomunicazioni.

Ferma restando la volontarietà delle imprese e la specificità delle realtà aziendali, ad esempio, settoriali o dimensionali, può essere utile favorire l’adozione di standard già in vigore  e tendere verso un’auspicata comparabilità tra casi aziendali analoghi.

a)                            Diffusione e coerenza dei quadri di riferimento e degli indicatori

Per agevolare la migliore divulgazione da parte delle imprese delle informazioni sociali ed ambientali sono state realizzate e sono in essere diverse iniziative in coerenza con gli orientamenti internazionali e con la realtà delle imprese italiane. Tali iniziative sono state portate avanti sia da attori pubblici che privati  anche in collaborazione.

Va segnalata, da ultimo, l’iniziativa internazionale “International Integrated Reporting Council”, finalizzata all’integrazione delle performance e dei risultati di sostenibilità con quelli economico finanziari nella reportistica d’Impresa. Tale iniziativa, cui partecipano istituzioni, accademia, imprese e enti regolatori , oltre a cittadini e organizzazioni della società civile, è volta alla elaborazione e diffusione di un framework di rendicontazione integrata fra gli aspetti financial e non financial del business. In tale ambito è stato sviluppato un pilot project a cui partecipano nove imprese Italiane su 88 partecipanti a livello internazionale.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e il Ministero dello Sviluppo Economico – per le rispettive parti di competenza - intendono seguire  e promuovere i lavori del Comitato Internazionale per il Reporting Integrato (IIRC), considerando che, nel medio-lungo periodo, la comunicazione integrata di informazioni finanziarie e non finanziarie sia un obiettivo rilevante, in particolare per le aziende di grandi dimensioni e quotate, per fornire una visione complessiva delle performance finanziarie e extrafinanziarie  sempre più richiesta sui mercati dei capitali.

Il Reporting Integrato sarà promosso e implementato – con i necessari adattamenti - anche nelle organizzazioni di Terzo settore  e, in particolare,  nelle imprese sociali.

Anche in questo ambito è necessario che l’azione pubblica diffonda i migliori standard internazionali e che sia  orientata ad un raccordo sul piano nazionale a livello centrale e regionale,  per favorire la coerenza dei diversi approcci.

In questa direzione va l’attività sulla “piattaforma di indicatori” che si sta realizzando all’interno del “progetto interregionale sulla CSR” (cfr. infra).

Il documento del sistema di Confindustria- Commissione Cultura sulla Responsabilità Sociale, elaborato nel 2011, con il supporto della Luiss, nato da una partnership tra grandi e piccole imprese: “Indicatori di sostenibilità per le PMI”, definisce un insieme di indicatori che - ripresi dagli standard internazionali - forniscono alle PMI una griglia per valutare il proprio livello di adesione ai principi della CSR, nell’ottica di produrre una documentazione strategica da affiancare, in forma volontaria, al classico bilancio di esercizio e capace di attestare l’eccellenza dell’impresa migliorandone, al contempo, anche il merito di credito (cfr. il capitolo sul sistema finanziario, in particolare il protocollo ABI-MiSE-Confindustria).

Dalla considerazione che allo stato attuale non esistono indicatori economici, ambientali e sociali che siano adeguatamente comparabili e che, a livello macroeconomico di Paese, non si può fare riferimento ad un indice aggregato del valore aggiunto prodotto da queste azioni,  è stato attivato un gruppo di ricerca sviluppato dal Csr Network - associazione che riunisce i responsabili Csr delle maggiori imprese italiane (promossa da Altis, Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica di Milano, e Isvi, Istituto per i valori d’impresa) -  e l’Istituto di statistica nazionale (ISTAT), il quale sta lavorando alla misurazione del benessere dei cittadini “Oltre il Pil”. Nel progetto sono coinvolte 12 aziende, sono stati presi a riferimento gli indicatori GRI e gli indici già esistenti all’interno del paniere dell’Istat,  per trovare le affinità. Su questi “parametri distillati” si lavorerà nella fase due del progetto Csr Network-Istat: uniformare la contabilità aziendale a questi indicatori statistici  per allargare il più possibile la base di adesione delle aziende in questa fase di collaborazione diretta con Istat.

In attuazione delle Linee Guida OCSE, il Ministero dello Sviluppo Economico ha elaborato un set di Key Perfomance Indicators con il supporto dell’Università Bocconi- Centro Ricerche Sostenibilità e Valore (CReSV)-. Si tratta di un set di indicatori modulabili sulla base delle realtà aziendali che consentono di misurare l’adozione delle LG OCSE.

 

Interventi 2012-2014

  • Promozione della  divulgazione e della trasparenza delle informazioni finanziarie e extra-finanziarie
  • Raccordo delle iniziative nazionali sugli indicatori e il reporting

Strumenti per le imprese per il ricorso agli standard di reporting tenendo conto delle specificità settoriali e dimensionali delle aziende

b)                            Sostegno per l’adozione di standard di sostenibilità e per il reporting extra-finanziario

Da un’indagine commissionata dal Ministero dello Sviluppo Economico all’Università Bocconi, con l’intento di descrivere lo stato dell’arte e le prospettive future nella misurazione della RSI, emerge, da un lato, la convinzione delle imprese che la RSI sia un presupposto necessario per divenire partner affidabili, dall’altro, la tendenza a trascurare la quantificazione monetaria delle attività implementate ed a sorvolare sui risultati negativi, con detrimento in termini di credibilità e trasparenza.  Per le PMI, in particolare, la ricerca ha evidenziato il fenomeno della “RSI sommersa (sunken CSR)”  ossia di comportamenti che, seppure in linea con i dettami della responsabilità sociale, non sono organizzati, identificati o comunicati agli stakeholder come tali attraverso il reporting. È anche emerso che le PMI collocate all’interno delle filiere (catene del valore) globali mostrano maggiore attenzione alla comunicazione della CSR, trainate dalle richieste delle grandi aziende multinazionali.

L’azione pubblica, oltre a realizzare le azioni indicate al precedente punto a), in relazione alla diffusione e promozione della divulgazione e trasparenza delle informazioni finanziarie e extra-finanziarie, deve dunque essere orientata a sostenere le piccole e medie imprese, che non sempre dispongono di risorse adeguate, attraverso azioni di accompagnamento e incentivi per favorire l’adozione di standard di sostenibilità e reporting extrafinanziario al fine di portare beneficio sia alle imprese che alla società. Le Amministrazioni partiranno dalle esperienze già realizzate; infatti, nel corso degli anni le amministrazioni centrali e regionali hanno finanziato in varie occasioni l’adozione di sistemi di certificazione ambientale e di qualità da parte delle imprese. Le azioni si sono estese, più di recente, a forme di certificazione e reporting di sostenibilità e sociale. Si citano di seguito alcune iniziative.

Dal 2010, l’INAIL ha previsto il finanziamento  (d. lgs. 81/08 e s.m.i.,  art.11, comma 5) di progetti per l'adozione di modelli di responsabilità sociale, erogando un contributo in conto capitale nella misura del 50% dei costi del progetto da realizzare. Sono stati finanziati sistemi di RSI certificati secondo la SA8000 e i più diffusi modelli di rendicontazione sociale riconosciuti a livello nazionale ed internazionale. Tale iniziativa si è ripetuta nel corso del 2011 consentendo di mettere a disposizione circa 270 milioni di euro (60 nel primo bando e 205 nel secondo, concluso nel 2012).

A livello regionale diversi incentivi pubblici sono dedicati al sostegno all’adozione di forme di rendicontazione extra finanziaria, ad esempio, per l’adozione di bilanci sociali. In questa direzione, la Regione Liguria ha realizzato, nel periodo 2009-2012, bandi pubblici destinati ad enti pubblici ed aziende private (L. R. 30/2007) per agevolare investimenti finalizzati all’adozione, oltre che di bilanci sociali, di certificazioni e di codici di condotta, anche di sistemi di gestione e marchi.

La Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia promuove dal 2008, con cadenza annuale, l'adozione del bilancio sociale. La Regione Toscana, come già ricordato, concede contributi alle PMI che acquisiscono servizi di consulenza finalizzati all’acquisizione di strumenti di gestione e comunicazione di responsabilità sociale sia nella forma di certificazioni che di bilanci di sostenibilità. La Toscana ha inoltre approvato le Linee Guida regionali per il bilancio di sostenibilità delle PMI finalizzate a semplificare i percorsi di rendicontazione. Tali linee-guida prevedono, infatti, un percorso graduale e la semplificazione degli indicatori previsti negli standard internazionali più diffusi (GRI e AA1000) e sono state redatte con la consultazione di tutti gli stakeholder partecipanti alla Commissione Etica Regionale e con la collaborazione dell’INAIL, Direzione Centrale Prevenzione.

Il sistema Camerale può dare il suo contributo: a titolo di esempio, la Camera di Commercio di Treviso nel 2012 e  2013 ha fornito il proprio supporto operativo per incentivare le imprese locali nell’adozione del loro primo Bilancio sociale. Mediante un bando specifico  si è data l’opportunità a 10 aziende trevigiane, sia profit che no profit, di realizzare il proprio Bilancio Sociale. Il percorso per portare a termine questo obiettivo prevede una formazione teorica e pratica specifica, gratuita, da parte di esperti del settore.

Italia Lavoro, s.p.a., interamente partecipata dal MEF, ha pubblicato il primo bilancio sociale in relazione all’esercizio finanziario 2002, privilegiando una costruzione del documento che, pur nel rispetto degli standard internazionali di predisposizione del Bilancio sociale, consentisse di illustrare in che misura fosse raggiunta la propria mission sociale, permettendo di verificare la coerenza e l’efficacia dell’azione svolta in modo da poterla valutare e conseguentemente migliorare. Una simile scel­ta ha determinato una metodologia che può essere messa a disposizione di soggetti analoghi.

 

Interventi 2012-2014

  • Sostegno pubblico  all’adozione di forme di rendicontazione e reporting sulla RSI  da parte delle PMI e nelle organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile (in particolare cooperative sociali ed imprese sociali)

 

F.               OBIETTIVO: Promuovere la RSI attraverso gli strumenti riconosciuti a livello internazionale e la cooperazione e la solidarietà internazionale

1.            Le Linee Guida OCSE per le imprese multinazionali

Uno strumento sottoscritto a livello internazionale da 48 Paesi e specifico sulla condotta d’impresa responsabile è rappresentato dalla Linee Guida dell’OCSE (di seguito LG) per le imprese multinazionali che il Governo attua attraverso un meccanismo comune a tutti i paesi aderenti.

L’attuazione delle LG avviene tramite il Punto di Contatto Nazionale (PCN)[41]istituito con legge n. 273/2002 presso il Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione – Direzione Generale per le politiche industriali e la competitività.

Il PCN promuove e sovraintende alla corretta applicazione degli orientamenti OCSE. La scelta di istituire il PCN presso il Ministero dello Sviluppo Economico è indicativa di una strategia di politica per  una crescita sostenibile basata sul convincimento che  una governance d’impresa responsabile è in grado di conseguire congiuntamente obiettivi competitivi e valore aggiunto sociale e ambientale.

Le Linee Guida si applicano alle imprese multinazionali a prescindere dalla loro dimensione, pur riconoscendo che le PMI possono mettere in atto pratiche di RSI nei limiti delle loro capacità finanziarie e organizzative. I temi dalla RSI contenuti nelle LG sono:

Alla Ministeriale OCSE, il 25 maggio 2011, è stato approvato il testo aggiornato delle LG per rispondere ai cambiamenti nei modelli di produzione e di consumo a livello mondiale e alle pressioni ambientali e sociali crescenti, anche in economie emergenti[42]. Un inserimento di particolare rilievo è il nuovo capitolo su impresa e diritti umani (capitolo IV), elaborato a partire dal framework delle Nazioni Unite Protect, Respect and Remedies e dai Guiding Principles for business and human rights, oltre all’aggiornamento in materia di occupazione e relazioni industriali con le evoluzioni registrate presso l’OIL a partire dalla  “Dichiarazione tripartita sulle imprese multinazionali e la politica sociale” e le raccomandazioni  sulle migliori condizioni salariali e di lavoro, in assenza di tutele e parametri di confronto (decent wage).

a)             Attuazione delle Linee Guida OCSE

Il PCN ha il compito di rendere efficaci le Linee Guida attraverso due azioni principali: informazione e promozione e attuazione delle LG in circostanze specifiche.

Importante organo del PCN è il Comitato, i cui membri rappresentano gli interessi delle istituzioni, delle imprese e degli stakeholders di rilievo che partecipano alle decisioni del PCN stesso.  Ne fanno parte esponenti dei Ministeri dello Sviluppo Economico-commercio estero, degli Affari Esteri, dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dell’Economia e delle Finanze, del Lavoro e delle Politiche sociali, della Giustizia, delle Politiche Agricole e Forestali, della Salute. Vi sono anche rappresentati: la Conferenza Stato-Regioni, Unioncamere (Unione delle Camere di Commercio italiane) e le sigle sindacali confederali: CGIL, CISL, UIL. L’imprenditoria è presente attraverso le associazioni – Confindustria e una associazione rappresentativa delle associazioni della piccola industria e dell’artigianato nominata di volta in volta - mentre CNCU riporta il punto di vista del consumatore e l’ABI rappresenta il settore bancario.

Sin dall’inizio della sua operatività il PCN ha realizzato attività di informazione e promozione presso le istituzioni, le imprese, gli stakeholders e le università. In questa opera si è avvalso della collaborazione delle altre istituzioni nazionali e dei membri del Comitato. In particolare, l’attenzione del PCN è rivolta in misura crescente, dal 2011, ad alcuni temi chiave quali la tutela dei diritti umani e dei lavoratori, le relazioni tra i soggetti operanti all’interno della catena di fornitura, le relazioni con gli stakeholders, il settore finanziario ed il suo ruolo.

Per favorire la divulgazione delle informazioni nel 2012 è stata creata una piattaforma multimediale con accesso a tutti i partner del PCN[43].

Una particolare attenzione alla collaborazione con il territorio attraverso la stipula di protocolli di intesa con le Regioni italiane. Il MiSE-PCN ha inoltre aderito al progetto interregionale“Creazione di una rete per la diffusione della responsabilità sociale d’impresa”.

Negli anni passati sono stati stipulati Protocolli anche con le Regioni Veneto, Lazio e Liguria.

Per il 2012-2013 sono stati al momento attivati i Protocolli con le Regioni Puglia, Lombardia, Emilia Romagnanell’ambito dei quali le attività riguardano: per la Lombardia, " Progetto pilota per l’impostazione di un modello di filiera produttiva responsabile e sostenibile nel settore dell’illuminazione" realizzato in collaborazione con Assoluce di Federlegno arredo; per l’Emilia Romagna, progetto formativo di diffusione e promozione, destinato agli operatori di istituzioni locali, con un focus  sugli Sportelli Regionali per l’Internazionalizzazione delle Imprese (SPRINT) e sostegno alla semplificazione amministrativa delle imprese  che adottano i principi delle LG, anche sulla base delle disposizioni contenute nel DL 5/2012 art. 14 “semplificazione dei controlli alle imprese”, attraverso un attività di stakeholders engagement; per la Puglia,  moduli di formazione destinati alle imprese e diffusione di buone pratiche. Nel 2011 sono anche stati realizzati due progetti per le Regioni, uno dedicato alle regioni del Sud destinato alle istituzioni e alle Agenzie di sviluppo degli investimenti, l’altro, destinato a tutte le regioni e realizzato in collaborazione con il Tagliacarne e le organizzazioni sindacali per la sensibilizzazione e la formazione degli stakeholders.

Azioni specifiche sono state realizzate in passato con riferimento a determinate realtà territoriali, e in collaborazione con le Regioni, per diffondere le LG in comparti specifici, ad esempio, nella filiera della nautica, nei distretti della ceramica, presso le aziende del packaging.

Diverse sono state le attività di analisi delle pratiche e dei fabbisogni delle imprese in materia di applicazione dei principi delle LG realizzate negli anni e le cui risultanze sono citate all’interno del Piano d’Azione.

In coerenza con gli indirizzi dell’OCSE, il PCN ha sviluppato, a partire dal 2011, degli strumenti di ausilio per le imprese per l’attuazione delle Linee Guida quali repertori di buone pratiche.

Un esempio in questa direzione è il progetto realizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico, in cooperazione con Centromarca-IBC (associazione dell’industria di marca dei beni di consumo con 30.000 industrie associate), che ha portato alla predisposizione di uno strumento informatico che consente alle imprese di reperire le pratiche comportamentali cui fare riferimento per identificare delle iniziative operative di RSI/CSR da mettere in campo (http://www.ibconline.it/corporate+responsibility/presentazione/1,292,1).

Allo stesso tempo il PCN ha predisposto delle linee guida operative per le PMI per la due diligence nella catena di fornitura, intendendo la due diligence, secondo l’accezione dell’OCSE[44]: un approccio continuativo sia di assessment del rischio che di definizione di possibili azioni preventive o di mitigazione dell’impatto negativo sui diritti umani e sugli altri beni tutelati dalle Linee Guida stesse, cagionati dalle attività delle imprese e dalle loro relazioni con i partner commerciali. Ulteriori strumenti orientati alla due diligence nella catena di fornitura sono in fase di elaborazione per il settore siderurgico e il settore orafo. In questa ottica, per il settore orafo, il Ministero dello Sviluppo Economico ha firmato nel 2012 un protocollo d’intesa con Federorafi e il Responsible Jewellery Council,un’organizzazione internazionale non profit che riunisce più di 370 membri impegnati a promuovere norme e prassi operative etiche e responsabili, nel rispetto dei diritti umani, dei principi sociali e dell'ambiente, con modalità trasparenti e affidabili, in tutto il comparto, dall'estrazione mineraria al commercio al dettaglio[45].

Sullo scenario internazionale il PCN collabora con il Ministero degli Affari Esteri per la diffusione dei principi delle LG, attraverso la rete diplomatica e consolare, nonché  con  La Direzione Generale Politiche per l’Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi dello stesso Ministero dello Sviluppo Economico  da sempre impegnata nel  promuovere il Made in Italy di qualità (cd. Italian concept).

Inoltre,  il PCN collabora con le Agenzie per l’internazionalizzazione (ICE, SACE, SIMEST) al fine di rendere le imprese che ottengono contributi e supporto all’esportazione consapevoli dei contenuti delle Linee Guida stesse e della posizione del Governo italiano in merito alla loro adozione. A tal fine sono stati realizzati, nella annualità 2011 e 2012[46], corsi di formazione per i funzionari della Agenzie per il trasferimento alle imprese dei contenuti delle Linee Guida.

Sempre sul fronte internazionale il PCN italiano collaborerà con il Comitato Investimenti dell’OCSE nell’ambito della proactive agenda, ossia un processo di collaborazione con gli stakeholders rappresentanti in ambito OCSE (BIAC, TUAC e OECD Watch) e altri stakeholders internazionali, per promuovere l’effettiva osservanza delle Linee Guida attraverso un’azione che incoraggi azioni positive da parte delle multinazionali nel perseguimento degli obiettivi di sostenibilità e nell’identificazione dei rischi di impatti negativi associati ad alcuni settori e aree geografiche.

Allo stesso modo il PCN intende partecipare in maniera attiva ai processi di outreach delle Linee Guida in Paesi non ancora aderenti, in particolare nell’area asiatica.

Una caratteristica peculiare delle Linee Guida è la possibilità dei PCN di intervenire in circostanze specifiche su istanza di un portatore di interesse (stakeholder) in casi di presunta violazione dei principi da parte di un’impresa italiana operante all’estero o straniera operante in Italia.

Si tratta di un meccanismo non giudiziale di mediazione, il cd. meccanismo delle istanze, accessibile da ogni soggetto che abbia un interesse legittimo nella questione. I PCN sono chiamati ad agire sulla base dei principi di  imparzialità, prevedibilità, equità e compatibilità con le Linee Guida. Sotto il profilo procedurale, per la gestione delle istanze si richiede ai PCN di emettere e pubblicare una Dichiarazione finale, alla chiusura del caso, che può contenere raccomandazioni per l’impresa sulla condotta responsabile attesa.

Interventi 2012-2014

  • Diffusione e implementazione delle Linee Guida OCSE a livello nazionale e internazionale, in coordinamento con le Amministrazioni nazionali, le Agenzie per l’Internazionalizzazione, le imprese, i sindacati e gli altri stakeholders
  • Promozione della tutela dei diritti umani in collegamento con le iniziative nazionali e internazionali
  • Sperimentazioni sulla due diligence nella catena del valore per le imprese nei diversi settori economici, con particolare attenzione alle PMI
  • Produzione di toolkit e altri strumenti operativi per le imprese da diffondere  anche tramite le Ambasciate italiane
  • Partecipazione alle iniziative dell’OCSE per la proactive agenda e alle iniziative di outreach delle Linee Guida
  • Collaborazione con i soggetti istituzionali e gli stakeholders per l’attuazione del Piano di Azione nazionale in materia di RSI

2.            Promozione di standard e iniziative internazionali

La Commissione europea intende intensificare la cooperazione con gli Stati membri, i Paesi partner e le opportune sedi internazionali per promuovere i principi e gli orientamenti riconosciuti a livello internazionale per assicurare la coerenza reciproca.

Oltre all’invito della Commissione occorre perseguire le azioni a livello nazionale per favorire l’adozione di questi orientamenti da parte delle imprese, in particolare, come chiede la Commissione stessa, presso le imprese di grandi dimensioni.

a)             Global Compact delle Nazioni Unite

Il Global Compact (GC) incoraggia le imprese di tutto il mondo all’adozione di 10 principi guida per creare un quadro economico, sociale ed ambientale atto a promuovere un’economia mondiale sana e sostenibile che garantisca a tutti l’opportunità di condividere i benefici. Esso prevede l’adesione volontaria dei soggetti, siano essi imprese o stakeholders, ai suoi principi e alla loro applicazione  ma, al tempo stesso, non esclude la loro responsabilità per il  mancato rispetto della normativa vigente.

Il Global Compact Network Italia (GCNI) ha 200 adesioni di cui il 70% sono imprese, esso nasce con lo scopo di contribuire allo sviluppo di una economia sostenibile, rispettosa dei diritti umani e del lavoro, della salvaguardia dell’ambiente e della lotta alla corruzione. Oltre ad azioni a livello locale il GC prevede le azioni collettive a livello mondiale, alcuni esempi di alto profilo che le aziende hanno di recente supportato sono: il "Caring for Climate: A Business Leadership Platform"; "The CEO Water Mandate"; "The Publishwhatyoupay iniziative"; "The Business Leaders Initiative on Human Rights", "The Voluntary Principles on Security and Human Rights".

Il Global Compact Management Model è un modo per entrare in una community mondiale del business sostenibile; è un tavolo di dialogo e lavoro, sempre aperto, con istituzioni nazionali e internazionali; è una fucina di nuove proposte per il business e per le società (ad es. imprese promuovono Global Compact nella catena di fornitura). Il GC offre altre numerose piattaforme di azione e innovazione che permettono ai partecipanti di dimostrare ruoli guida su argomenti critici e promuovere i dieci principi.

Va segnalato il Programma LEAD del GC, riservato alle imprese mondiali ritenute da Global Compact capaci di svolgere un ruolo di guida a livello internazionale per il proprio impegno per uno sviluppo sostenibile, non soltanto rispettando i dieci principi del Global Compact  ma anche promuovendo attivamente gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio dell'ONU. L’approccio di riferimento è contenuto nella "Blueprint for Corporate Sustainability Leadership", ENI  è una delle aziende italiane LEAD presenti.

A livello governativo, l’Italia ha appoggiato la Dichiarazione  “U.N. Declaration on the Role of Governments in promoting Corporate Responsibility and Private Sector Engagements in Development” (2010)  e la “Recommendations of the Global Compact Leaders Summit 2010” (25 giugno 2010). Il Governo italiano ha supportato il“Rio+20 Corporate Sustainability Forum (June 16th -18 2012)”  assicurando un elevato livello di partecipazione delle aziende italiane e organizzando workshop. Nel 2011 il MAE ha organizzato, in collaborazione con l’ufficio del Global Compact di New York (GCNI), il primo meeting di European GC Local Networks focalizzato su: iniziative pubblico-private in vista di Rio+20; sicurezza alimentare e agricoltura sostenibile; green jobs e inclusione sociale, città sostenibili. Nel 2012 il MAE ha presieduto il Global Compact Donors’ Retreat.

Sul piano dei progetti, nel periodo 2003-2006, il Ministero degli Affari Esteri ha sostenuto l’iniziativa in partnership con l’ufficio dell’OIL in Italia finanziando il progetto“Sustainable Development through Global Compact” finalizzato a diffondere il GC presso le PMI interessate ad operare in  Albania, Marocco  e Tunisia.  Nel progetto sono state coinvolte associazioni di categoria, sindacati e imprese locali.

Nel corso del 2013-2014 proseguiranno le azioni per: promuovere l’adesione volontaria delle imprese e il consolidamento dell’implementazione dei principi del GC; il consolidamento e la diffusione delle buone pratiche; la condivisione della visione aziendale della CSR come tema chiave nella gestione dell’impresa. Inoltre, sarà garantita una partecipazione proattiva ai prossimi appuntamenti del GC nel 2013 (Leaders Summit e l’European Global Compact Network’s meetings).

Interventi 2012-2014:

  • Promozione dell’adesione volontaria delle imprese e delle organizzazioni di Terzo settore al Global Compact
  • Consolidamento e diffusione delle buone pratiche
  • Partecipazione attiva ai processi del GC

b)            ISO 26000

Agli inizi del 2011  è stata pubblicata la versione in lingua italiana della norma ISO 26000 “Guida alla responsabilità sociale”. La scelta di rendere subito disponibile la traduzione di questo importante documento dà la misura di quanto il tema della responsabilità sociale sia avvertito come rilevante per il mercato.

Lo standard è frutto di un lungo lavoro portato avanti in cinque anni dall’ISO/TMB/WG "Social responsibility" con un approccio “multi-stakeholder”, con l’intento di aiutare le organizzazioni - indipendentemente dalle loro dimensioni - a contribuire concretamente allo sviluppo sostenibile. La posizione italiana  è stata rappresentata dalla Commissione Tecnica UNI[47] "Responsabilità sociale delle organizzazioni", organismo costituito nel 2003 come gruppo di lavoro, che annovera tra i suoi membri rappresentanti del Governo, delle associazioni imprenditoriali, dei sindacati, delle organizzazioni dei consumatori, delle ONG, del mondo della ricerca e della consulenza.

La UNI ISO 26000 sulla responsabilità sociale non è una norma di sistema di gestione e non è destinata a fini di certificazione.

In tale contesto l’INAIL, ritenendo necessario definire una forma di regolamentazione volontaria, utile a fornire un riferimento operativo univoco al mondo imprenditoriale italiano, si rende disponibile per la partecipazione attiva al  un tavolo multistakeholder da istituire presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, per l’ elaborazione di Linee Guida semplificate per le PMI e Linee Guida di Settore sugli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro. Nel realizzare questa attività sarà essenziale il contributo delle parti sociali, l’INAIL metterebbe a disposizione un solido know-how tecnico, forte dell'esperienza maturata al tavolo del Working Group ISO per la ISO 26000 e già sperimentata per l'accesso agli sconti tariffari[48] oltre che per la partecipazione ai Comitati Tecnici della Commissione Consultiva Permanente sulle buone prassi e sui codici etici[49], proponendosi quale soggetto di riferimento in materia di salute e sicurezza sul lavoro nel tavolo multistakeholder. Tale azione sarebbe realizzabile a partire dal 2013 e potrebbe concludersi entro il 2014 ed è rivolta a tutti le parti sociali.

Interventi 2012-2014

  • Promozione dell’adesione volontaria delle imprese e delle organizzazioni allo standard ISO 26000
  • Definizione, con il supporto dell’INAIL, di Linee Guida semplificate per le PMI e di settore in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, con il contributo delle parti sociali

c)             Extractive Industries Transparency Initiative (EITI)

Sin dal Summit G8 di Genova, il Governo italiano ha fornito un supporto proattivo all’Extractive Industries Transparency Initiative, considerata essenziale strumento anti-corruzione finalizzato a promuovere la trasparenza dei flussi di entrate provenienti dalle industrie estrattive. Nel 2007, durante il Summit G8 di  Heiligendamm, esso ha formalmente approvato, in qualità di Paese di Supporto, i principi EITI, divenendo membro della Sottocommissione C[50].

La visione sull’ETI del Governo Italiano è stata definita dal Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero degli Affari Esteri. Essa può riassumersi nella necessità di rispettare uno standard minimo globale e, contestualmente, di applicarlo, a livello nazionale, con ragionevole elasticità; di conseguire un sistema di  vigilanza sulle autorità minerarie; di sostenere l'allargamento del numero dei paesi di supporto e attuatori;  di promuovere lo scambio di  informazioni tra l’EITI, il Global Compact e l’iniziativa dell'OCSE sulla due diligence nella catena di fornitura del settore estrattivo.

Interventi 2012-2014

  • Sostegno all’iniziativa ETI per la definizione di uno standard minimo globale
  • Coordinamento con le Linee Guida OCSE e con il Global Compact dell’ONU

d)            Gruppo di lavoro del G20 sulla lotta alla corruzione

L’Italia ha partecipato, sin dall’adozione (Seoul G20, Novembre 2010) del Piano d’Azione, al gruppo di lavoro del G20 per la lotta alla corruzione (“G20 Anti-Corruption Working Group”)  favorendo a livello nazionale il dialogo pubblico-privato su questa tematica.

Come già ricordato,  in materia di trasparenza negli appalti pubblici  le leggi più importanti promosse dall’Italia hanno riguardato  la legge n. 136/2008 “Piano straordinario contro il crimine organizzato”  e la legge n. 217/2010  e il decreto legge n. 187/2010 “Misure urgenti per la sicurezza nazionale.” In attuazione di questa normativa, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici (AVCP) ha definito il CIG (CIG, Codice Identificativo Gara) per la tracciabilità dei pagamenti, e fornito delle Linee Guida dedicate.

Nel dicembre 2011, il Ministro per la funzione pubblica e la semplificazione ha istituito un Comitato ad hoc per la preparazione di una proposta legislativa in materia di trasparenza e prevenzione della corruzione nella PA. Nel febbraio 2012, il Comitato ha proposto un emendamento al disegno di legge anti-corruzione. (Si veda anche capitolo A.2.d).

Il Ministero degli Affari Esteri intende proseguire e rafforzare la collaborazione con il Global Compact e con le Linee Guida OCSE sul tema della lotta alla corruzione.

Interventi 2012-2014

  • Sostegno alle iniziative di lotta alla corruzione  di tipo legislativo legislativa e  di accompagnamento delle imprese

 

3.            Cooperazione internazionale

Sotto il profilo della cooperazione internazionale allo sviluppo le attività sono cresciute e moltiplicate con l'aumento del numero delle amministrazioni e degli attori privati coinvolti. Sono almeno dodici le amministrazioni centrali dello Stato coinvolte in interventi classificabili come aiuto pubblico allo sviluppo. Per quanto riguarda il mondo del privato, oltre alle ONG riconosciute dalla legge di cooperazione 49/1987, sono da tempo attive, nella cooperazione internazionale, molte associazioni di solidarietà internazionale, le realtà del commercio equo-solidale, il privato sociale, le cooperative, gli imprenditori immigrati e le comunità migranti con le rimesse.

Altro aspetto da sottolineare e sviluppare è la capacità delle aziende private di favorire l’utilizzo di imprese locali e l’acquisizione diretta di beni e servizi, contribuendo alla crescita dei settori che operano sui territori e al potenziamento delle filiere locali dei paesi e acquisendo così sempre  maggiore licenza ad operare.

Per un’efficace azione occorre partire dall’analisi dei fabbisogni delle comunità locali coinvolgendo i portatori di interesse, con un’attenzione particolare ai gruppi vulnerabili, e  allo stesso tempo  misurare i risultati delle iniziative intraprese.

Sono esempi positivi per la promozione del “sistema Italia” le  Iniziative delle Ambasciate Italiane, come il “club dei 30” in Uganda, e delle Camere di Commercio, come quella italiana in Messico che promuove iniziative di ONG italiane  presso le imprese.

Nel corso del 2012, sotto il coordinamento del Ministro per la Cooperazione Internazionale, è stato realizzato il Forum della Cooperazione internazionale. Al lavoro preparatorio e al dibattito è seguita la dichiarazione politica, il “Chair Summary”, presentata l’ultimo giorno del Forum - il 2 ottobre.

a)           Attrarre le imprese verso i Paesi prioritari della cooperazione italiana e della solidarietà internazionale

Il “Chair Summary” del Forum e i documenti preparatori, prodotti da 10 Gruppi di lavoro tematici, costituiscono un libro bianco di proposte per il rilancio della politica della cooperazione e della solidarietà  internazionale dell’Italia e la definizione di un nuovo approccio che ha, tra i suoi obiettivi, anche quello di attrarre il mondo produttivo verso i Paesi prioritari della cooperazione. Il Forum ha evidenziato la necessità di affrontare in modo nuovo il rapporto tra cooperazione e internazionalizzazione delle imprese, due processi che possono convergere e interagire in modo efficace.

In particolare, il Gruppo di lavoro tematico n. 6, che ha riflettuto sul ruolo del  privato profit e non profit nella cooperazione, ha sottolineato l’importanza dell’adozione da parte delle imprese di comportamenti di RSI per un’internazionalizzazione responsabile, vista come processo che permette all’impresa di contribuire di fatto allo sviluppo economico, ambientale e sociale dei PVS nei quali opera, diventando quindi partner di sviluppo, oltre a ricavarne vantaggi economici e finanziari in una relazione win-win. A tal fine, il Gruppo di Lavoro ha anche raccomandato di rafforzare la divulgazione nel sistema imprenditoriale, e soprattutto presso le PMI, delle Linee Guida OCSE sulla RSI e di valorizzare e premiare i comportamenti “responsabili” attraverso l’adozione di misure specifiche (ad es. istituzioni di premi e riconoscimenti ad hoc o concessione del sostegno pubblico per l’internazionalizzazione prioritariamente alle imprese che adottano o si impegnano ad adottare moduli comportamentali di RSI).

Infine, è importante favorire progetti d’internazionalizzazione responsabile delle imprese italiane che prevedano il coinvolgimento diretto dei propri lavoratori stranieri (imprenditore di ritorno). Il patrimonio di conoscenza e di relazione nel settore privato di tale forza lavoro può diventare il valore aggiunto per la realizzazione di un incubatore d’impresa nei paesi di origine.

Sul versante delle organizzazioni di Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile a titolo di esempio,  in quanto molte sono le attività realizzate, si citano i seguenti:

L’Associazione Volontari per il Servizio Internazionale (AVSI) è una ONLUS fondata nel 1972 che ha realizzato oltre 100 progetti in 38 paesi di Africa, America Latina e Caraibi, Medio Oriente, Est Europa e Asia, operando nei seguenti settori:  socio-educativo, formazione e inserimento lavorativo, sviluppo urbano,  sanità, lavoro,  agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria, migrazioni. In particolare, l’AVSI ha esperienza di progetti anche con le maggiori imprese italiane (Fiat, Eni, Enel), ha aderito al Global Compact e sta lavorando con varie DG della Commissione (Employment, Social Affairs and Inclusione Enterprise and Industry) e con CSR Europe.

Il Cesvi è un organizzazione non governativa e di solidarietà internazionale fondata nel 1985, opera in oltre 30 Paesi per affrontare ogni tipo di emergenza e ricostruire la società civile dopo guerre e calamità ma, soprattutto, interviene con progetti di lotta alla povertà  attraverso iniziative di sviluppo sostenibile  che fanno leva sulle risorse locali e sulla mobilitazione collettiva delle popolazioni beneficiarie. In Italia e in Europa Cesvi svolge attività di educazione per sviluppare la cultura della solidarietà mondiale, per allargare la base dei donatori e dei volontari e per influenzare imprese private e istituzioni pubbliche nel sostegno ai progetti di cooperazione per lo sviluppo. In più di 25 anni oltre 3.000 aziende hanno sostenuto Cesvi. Alla base dell’approccio di Cesvi nelle partnership con le imprese si segue il principio secondo cui uno sviluppo sostenibile si fonda su un equilibrio tra sostenibilità ambientale, sociale e economica. Il Cesvi accompagna le aziende nel percorso della partnership sin dall’individuazione della migliore tipologia di collaborazione e modalità di comunicazione fino alla misurazione empirica del Social Return of Investment (SROI).

La Focsiv ( Federazione di Organismi Cristiani di Servizio  Internazionale Volontario)  con le sue  65 Organizzazioni, che contano più di 7000 Soci e oltre 60.000 persone tra aderenti e sostenitori, insieme ad  Apurimac,  è  impegnata da tempo sulla responsabilità sociale nello sviluppo internazionale e sta cercando di costruire un modello italiano di RSI incentrato sul tema dell’internazionalizzazione cooperativa tra i territori. Sono oltre1.000 i volontari espatriati nei  660 progetti di sviluppo e circa 6.000 gli operatori locali quotidianamente  impegnati in Italia.

Tra le migliori pratiche, il progetto di volontariato internazionale d' impresa realizzato insieme a Terna e in collaborazione con la Società Salesiani di Kami, in Bolivia. Grazie al contributo di un gruppo di volontari Terna, attraverso diverse missioni sul campo, è stata realizzata una linea elettrica di 37 km in un’area estremamente impervia delle Ande a 4000 metri di altezza, ma soprattutto vi è stato un trasferimento di know how, con un processo di training on the job che ha portato alla formazione di circa 20 operai boliviani che sono ora in grado di provvedere alla manutenzione e alla possibile creazione di nuove linee elettriche rurali. Donati anche dall' azienda in kind tralicci e materiali vari dismessi, inviati a Kami per la realizzazione della rete.

Il Forum SAD è una rete di coordinamento che si occupa del sostegno a distanza anche attraverso accordi con imprese.

Il COOPI, Cooperazione Internazionale ONG Onlus, è  tra le più  grandi realtà di cooperazione internazionale italiana.  Laica e indipendente, sostiene ogni anno oltre 5 milioni di beneficiari in 23 paesi del Sud del mondo, assistendo le popolazioni in caso di emergenza e lavorando per favorire lo sviluppo contro ogni forma di povertà. Nel realizzare la propria mission si avvale di fondi messi a disposizione da finanziatori  istituzionali europei ed internazionali, come pure di donazioni da privati: individui, fondazioni e imprese.

Sul fronte del microcredito il 26 settembre 2012, è stato firmato a Quito (Ecuador) il nuovo accordo tra Federcasse (l’Associazione delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali italiane) e Codesarrollo (la banca di secondo livello del sistema delle oltre 800 piccole banche di villaggio), finalizzato a sostenere il processo di sviluppo dell’economia solidale e delle finanze popolari nel paese sudamericano, a dieci anni dalla precedente intesa con la quale si avviò il progetto “Microfinanza Campesina[51]”.

Occasione della firma, il convegno organizzato nella capitale ecuadoriana per celebrare il decennale del Progetto (la prima intesa in tal senso fu difatti firmata nell’ottobre del 2002). In dieci anni, oltre 200 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali hanno messo a disposizione di Codesarrollo (piccoli prestiti erogati dalle banche locali cooperative alle proprie comunità) oltre 40 milioni di dollari. L’intento è quello di promuovere - attraverso la microfinanza– la cooperazione di credito ed i valori che ne sono alla base: il primato della persona, l’auto-aiuto, la democrazia economica e, più in generale, il dialogo e lo scambio reciproco tra comunità all’interno del Paese e tra Paesi del Nord e del Sud del mondo.

Interventi 2012-2014

  • Iniziative per la compartecipazione delle imprese agli obiettivi e alle azioni di cooperazione internazionale allo sviluppo e di solidarietà internazionale
  • Promozione delle partnership tra imprese, organizzazioni non governative di cooperazione internazionale e di solidarietà internazionale e organizzazioni di terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile  
  • Promozione della  sinergia tra internazionalizzazione responsabile e cooperazione allo sviluppo sostenibile attraverso le reti istituzionali nazionali (Ambasciate, Agenzie per l’internazionalizzazione, Camere di Commercio, ecc.)


[1]Comunicazione della Commissione europea al Parlamento europeo e al Consiglio COM (2011) 681 definitivo

[2] Comunicazione della Commissione COM (2011) 681 definitivo. Bruxelles, 25.1.2011

[3] COM (2011) 366.

[4] COM (2006) 136 Il partenariato per la crescita e l’occupazione: fare dell’Europa un polo di eccellenza in materia di responsabilità sociale delle imprese.

[5]“ Iniziativa per l’imprenditoria sociale Costruire un ecosistema per promuovere le imprese sociali al centro dell’economia e dell’innovazione sociale” COM(2011) 682 definitivo.

[6] Guiding Principles on Business and Human Rights: Implementing the United Nations “Protect, Respect and Remedy” Framework http://www.business-humanrights.org/SpecialRepPortal/Home/Protect-Respect-Remedy-Framework

[7]Argentina, Brasile, Colombia, Egitto, Lettonia, Lituania, Marocco, Perù, Romania,Tunisia.

Cfr. http://www.oecd.org/daf/internationalinvestment/guidelinesformultinationalenterprises/; www.http://pcnitalia.mise.gov.it/

[8] UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione - è un’associazione privata senza fine di lucro fondata nel 1921 e riconosciuta dallo Stato e dall’Unione Europea, che studia, elabora, approva e pubblica le norme tecniche volontarie - le cosiddette “norme UNI” - in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario (tranne in quelli elettrico ed elettrotecnico). I soci UNI sono imprese, professionisti, associazioni, enti pubblici, centri di ricerca e istituti scolastici. UNI rappresenta l’Italia presso le organizzazioni di normazione europea (CEN) e mondiale (ISO).

[9]Allegati 1 e 2 del Piano d’Azione nazionale

[10]COM (2011) 681

[11] Il riferimento agli ambiti è indicativo e non necessariamente esaustivo delle possibili azioni che possono essere messe in campo.

[12] COM (2011) 568.

[13]Decreto-legge del 31 maggio 2010 n. 78 Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica. Convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010 n. 122.

[14]COM (2011) 681.

[15] Cfr a riguardo: “Does Corporate ResponsibilityPayOff?”, presentato nel 2011 dalla Facoltà di Economia e Commercio di Vienna alla Commissione Europea. Si citano a titolo indicativo i seguenti lavori realizzati dal MiSE in collaborazione con Università, centri e istituti di ricerca, quali: “La leva competitiva della responsabilità sociale nelle PMI”, Centro Studi Philanthropy; “Misurare per gestire e creare valore per gli stakeholder: lo stato dell’arte e le prospettive future nella valutazione della RSI”, Università Bocconi; “Le reti d’imprese come strumento privilegiato per la diffusione di una Sostenibilità di Sistema”, LUISS Guido Carli. Tutti i lavori sono disponibili sul sito web: http://pcnitalia.mise.gov.it.

[16] COM(2001)366

[17]www.sa-rete.it

[18] Il sistema informativo delle organizzazioni non profit si avvale dell’assistenza tecnica e statistica dell’ISFOL.

[19] Per informazioni sulle passate edizioni si rimanda al sito di ABIEventi:http://www.abieventi.it/

[20]http://www.daldirealfare.eu/index.php

[21] Per maggiori informazioni cfr: Formazione Manageriale e CSR: Indagine sulle recenti tendenze nell’insegnamento della CSR Nord America, Europa, Italia a confronto, I-CSR – Italian Center for Social Responsibility.

[22]Istituiti con DPCM del 25 gennaio 2008. http://www.indire.it/its/

[23]“Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”- Legge 28.06.2012, n. 92 del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali.

[24] Comunicazione della Commissione al parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato sociale ed economico Europeo e al Comitato delle regioni su “youth on move” COM (2010) 477 finale

[25] Art. 5-ter del decreto legge 24 gennaio 2012, n.1 (così come modificato dall’art.1, comma 1-quinquies, del decreto legge 24 marzo 2012, n. 29, convertito con modificazioni, dalla legge 18 maggio 2012, n. 62).

[26]"L'implementazione della CSR nei rapporti di filiera", Ministero dello Sviluppo Economico-PCN e Università Bocconi, 2011.

[27] D.M. 12/12/2000 art. 24.

[28] Decreto 3 dicembre 2010 - Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

[29] Per SRI si intende la pratica in base alla quale agli obiettivi tipici della gestione finanziaria, ovvero all’ottimizzazione del rapporto rischio-rendimento in un dato orizzonte temporale, si affiancano obiettivi di natura etica, ambientale, sociale e di governance. I soggetti che possono effettuare scelte di investimento SRI  si distinguono in due grandi categorie: gli investitori retail e gli investitori istituzionali. Gli investitori retail, attraverso la sottoscrizione di fondi comuni di investimento che si qualificano come etici, socialmente responsabili o sostenibili, o la definizione di gestioni patrimoniali ad hoc. Gli investitori istituzionali – fondi pensione, fondazioni, imprese assicuratrici, enti religiosi, enti non profit e le imprese del settore finanziario e non – attraverso l’attuazione di una politica SRI nella gestione del proprio patrimonio. In base allo “European SRI Study 2012” di Eurosif, le politiche SRI si declinano in sette strategie: esclusioni, selezione “norms-based”, selezione “best in class”, azionariato attivo, investimenti d’impatto, investimenti tematici, integrazione.

[30]D.M. 11 aprile 2008 (G.U. n. 107 dell’8 maggio 2008).

[31] Art. 69, commi 1 e 2 del D.Lgs. 163/06.

[32]Brussels, May 2012 SEC(2012) 165 final. COMMISSION STAFF WORKING DOCUMENT “Consumer Conditions Scoreboard”, Seventh edition.

[33] E’ stata l’International Society for Third Sector Research, nel congresso di Dublino del 2000, a provvedere a questa unificazione concettuale delle imprese e degli enti non profit; cfr. Bruni L., Zamagni S. (2004), Economia civile, il Mulino, Bologna.

[34]Le organizzazioni di volontariato – legge 266/1991 - e i volontari presenti in tutte le organizzazioni di Terzo settore sono gli erogatori del “bene relazionale”, ossia generano legami sociali di solidarietà nelle comunità.

[35] Legge sulla “Disciplina delle cooperative sociali”, n. 381 del 1991.

[36] Il Decreto Legislativo n.155 del 2006, in attuazione della Legge Delega n.118 del 13 giugno 2005, ha introdotto nell’ordinamento giuridico l’Impresa Sociale: non un nuovo soggetto di diritto, bensì una nuova veste giuridica finalizzata a costituire uno strumento di unione per due categorie di enti giuridici in apparenza dicotomici, importando il concetto di imprenditorialità quale elemento strutturale degli enti senza scopo di lucro. L’iter legislativo si è concluso nel gennaio del 2008, con l’emanazione dei decreti necessari a dare attuazione alla disciplina dell’Impresa Sociale. Trattasi di imprese, quindi, che forniscono servizi sociali e/o beni e servizi a uomini e donne esclusi socialmente e/o vulnerabili (come ad esempio: accesso all’alloggio e alle cure, assistenza a persone anziane o disabili, inclusione di gruppi vulnerabili, assistenza all’infanzia, accesso all’impiego e alla formazione, gestione della dipendenza …); e/o di imprese le cui modalità di produzione di beni o servizi perseguono un obiettivo di natura sociale (integrazione sociale e professionale tramite l’accesso al lavoro di persone svantaggiate soprattutto in ragione di una scarsa qualificazione o di problemi sociali o professionali che ne determinano l’esclusione e l’emarginazione), ma la cui attività può riguardare beni o servizi non di natura sociale. Attraverso dette attività le imprese sociali contribuiscono a una crescita intelligente, perché tengono in alta considerazione la crescita sostenibile ponendo l’accento sull’aspetto umano e sulla coesione sociale, componenti essenziali per la coesione sociale e per la crescita inclusiva.

E’ operativa anche “l’impresa sociale di comunità”, che “non rappresenta  una nuova soggettività istituzionale, identifica piuttosto un modello organizzativo e gestionale di impresa sociale, all’interno di un settore in cui “fare imprenditoria sociale” assume modalità e significati sempre più differenziati. Cfr. L’impresa sociale di comunità. Definizione, processi di sviluppo e struttura organizzativa, Demozzi M., Zandonai F., ISSAN.

[37]Cfr. Pasetto A., Imprese sociali e sistemi produttivi locali, Microimpresa, n. 26 – I quadrimestre 2011.

[38]Direttiva annuale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali rivolta alle organizzazioni di volontariato (iscritte negli appositi registri regionali/provinciali di volontariato ai sensi della legge 266/1991) che elaborano e propongono progetti sperimentali e innovativi -  in collaborazione con Enti pubblici territoriali, con imprese e con altre organizzazioni di Terzo settore - destinati a fronteggiare emergenze sociali ed a favorire l’applicazione di metodologie di intervento particolarmente avanzate

[39] La Carta della Donazione è il codice di autoregolamentazione degli Associati all’Istituto Italiano della Donazione. Pubblicata per la prima volta nel 1999 dal Forum Nazionale del Terzo settore, dalla Fondazione Sodalitas e dal Summit della Solidarietà, E’ il primo codice italiano di autoregolamentazione per la raccolta e l’utilizzo dei fondi nel non profit.  L’edizione 2011 della Carta della Donazione aggiorna la prima edizione, ed è stata inserita nel Piano Italia AEV 2011 – Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Per maggiori informazioni:http://www.istitutoitalianodonazione.it

[40] http://database.globalreporting.og

[41]La sua operatività è regolata dal DM del 30 luglio 2004 e successive modifiche

[42]Le Linee Guida sono disponibili sul sito del PCN e sul sito OCSE: www.oecd.org

[43]http://pcnitalia.mise.gov.it/

[44]Linee Guida OCSE, ed. 2011, Commenti ai principi generali, § 14

[45] Maggiori informazioni sul RJC sono disponibili sul sito:www.responsiblejewellery.com

[46]Nel 2011 il PCN ha realizzato corsi di formazione per il personale ICE e per i manager di Invitalia dedicati all’attrazione degli investimenti. Nel 2012 SACE ha realizzato una guida sintetica per il personale commerciale, inclusi gli uffici territoriali (Torino, Milano, Monza, Modena, Lucca, Pesaro, Roma, Bari) e il personale degli uffici all’estero.

[47] UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione - è un’associazione privata senza fine di lucro fondata nel 1921 e riconosciuta dallo Stato e dall’Unione Europea, che studia, elabora, approva e pubblica le norme tecniche volontarie - le cosiddette “norme UNI” - in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario (tranne in quelli elettrico ed elettrotecnico). I soci UNI sono imprese, professionisti, associazioni, enti pubblici, centri di ricerca e istituti scolastici. UNI rappresenta l’Italia presso le organizzazioni di normazione europea (CEN) e mondiale (ISO).

[48]D.M. 12/12/2000 art. 24 – mod. OT 24 all. I .

[49] D. Lgs. 81/08 e s.m.i., art. 6, comma 8 lett. d) ed h).

[50] Di cui, nel 2012, assumerà la vice presidenza e, nel 2014, la presidenza espressa, da ultimo in occasione della 5a Conferenza EITI, a Parigi (2-3 marzo 2011).

[51] Il progetto ha ottenuto i seguenti riconoscimenti :  Vincitore del Sodalitas Social Award nel 2003 per la sezione “finanza eticamente orientata”; Menzione speciale tra i dieci migliori progetti di sviluppo del “World Business Awards in support of the Millennium Development Goals” (ICC – ONU) 2004;Vincitore del Premio Takunda (Cesvi) 2004. Il Presidente di Codesarrollo, Bepi Tonello è stato insignito del Premio Ambiente delle Nazioni Unite (Pechino, 2002) e del Premio Internazionale di Responsabilità sociale (Bilbao, 2003).


Allegato 1 – Iniziative regionali in tema di RSI

Sono riportate nel presente allegato, le più significative azioni di RSI, segnalate dalle Regioni.

Si tratta nel complesso di 55 iniziative di diversa natura (progetti specifici, atti di programmazione o dispositivi di attuazione), realizzate, quasi esclusivamente, negli ultimi 5 anni, o in corso di realizzazione, o in corso di definizione.

Le iniziative fanno riferimento alle seguenti 11 Regioni:

  1. Emilia-Romagna
  2. Friuli-Venezia Giulia
  3. Liguria
  4. Lombardia
  5. Marche
  6. Piemonte
  7. Puglia
  8. Sardegna
  9. Toscana
  10. Umbria
  11. Veneto

Si fa inoltre presente che dieci delle undici Regioni che hanno segnalato iniziative in tema di RSI, partecipano alla realizzazione del progetto interregionale “Creazione di una rete per la diffusione della responsabilità sociale di impresa”, la cui scheda viene riportata alla fine del presente allegato.

 

Iniziative regionali in tema di RSI

 

Regione

Titolo e descrizione

Durata

Finanziamento

Link e contatti

 

EMILIA

ROMAGNA

1) Programma Triennale per le Attività Produttive

Misura 2.1 Az. A del Programma triennale: supporto, congiuntamente alle misure di adozione di strumenti aziendali per la qualità, l’applicazione dello Standard “sociale” SA8000 a garanzia del rispetto di fondamentali valori etici all’interno di tutta la filiera e del Regolamento UE EMAS come sistema di gestione ambientale (imprese certificate con il Reg. UE EMAS sono 182; ISO 14001 sono 1284; ECOLABEL sono 32; OHSAS 18001 sono 142; con lo standard internazionale SA8000 sono 52). La Regione ha promosso anche il piano regionale di azione ambientale 2008-2010 per il quale ha stanziato 148,7 milioni di Euro.

2003-2005

Risorse regionali

Direzione Generale Attività produttive,Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

EMILIA

ROMAGNA

2) L.R. 6/2006

La Regione ha promosso la stipula di accordi sottoscritti con le associazioni di rappresentanza regionale del mondo cooperativo per la presentazione di programmi integrati di sviluppo e promozione cooperativa. In questo contesto è stato siglato un accordo del 18 ottobre 2007 tra Regione, Legacoop, Confcooperative, Agci e Unci che ha permesso lo sviluppo di interventi attraverso la realizzazione di progetti per un importo complessivo di Euro 1 milione. In merito alla promozione dei suddetti accordi, rilevante è il progetto denominato: “Il codice etico: l’altra faccia della responsabilità sociale”, quale strumento per la gestione equa ed efficace delle transazioni e delle relazioni umane e quale strumento che sostiene la reputazione dell’impresa creando fiducia verso l’esterno.

2007-2009

 

Risorse regionali

Direzione Generale Attività produttive, Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

EMILIA

ROMAGNA

3) Protocollo d’intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ministero dello Sviluppo Economico - Linee guida OCSE

Il Protocollo, approvato dalla Regione Emilia-Romagna con delibera di Giunta n.979/08, promuove un progetto formativo destinato agli Sportelli Unici per le Attività Produttive e ai funzionari comunali con i quali si relazionano abitualmente le imprese, al fine di offrire un sostegno competente e professionale alle imprese italiane ed estere che desiderano insediarsi nel nostro Paese, valorizzando le attività legate alla crescita e competitività sostenibili. In particolare, si sono realizzati progetti finalizzati a valorizzare la diffusione delle Linee Guida OCSE e a promuovere e sensibilizzare le imprese sulle tematiche inerenti la valorizzazione di attività legate alla crescita e competitività sostenibili.

2008

Risorse regionali

Risorse nazionali

Risorse comunitarie

 

Direzione Generale Attività produttive, Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

EMILIA

ROMAGNA

4) Protocollo d'intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ministero dello Sviluppo Economico per promuovere la crescita e la competitività sostenibile delle PMI e dei territori

Il Protocollo, approvato dalla Regione Emilia-Romagna con le delibere di Giunta n.1487/2011 e n.1848/2011, mira a diffondere e promuovere ulteriormente le tematiche della responsabilità sociale presso le piccole e medie imprese, al fine di aumentarne la crescita e la competitività sostenibili, coinvolgendo gli Sportelli Unici per le Attività Produttive quali elementi (già attivi su azioni di sostegno alla diffusione della Responsabilità sociale d’impresa) determinanti per la promozione delle opportunità localizzate. Il fine è sensibilizzare le imprese sull’applicazione dei principi delle Linee Guida OCSE; fornire informazioni sui temi, le opportunità e agevolazioni legate alla responsabilità sociale, informare sulle iniziative, le buone pratiche e i progetti realizzati a livello territoriale.

2011

 

Risorse regionali e risorse nazioali

 

- info: Regione Emilia Romagna - Direzione Generale Attività produttive, Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

EMILIA

ROMAGNA

5) Iniziative a valere sul Programma Operativo Regionale del Fondo di Sviluppo Regionale 2007-2013

Il Programma operativo del Fondo di Sviluppo Regionale 2007-2013 supporta la diffusione dei principi e valori della RSI mediante:

  • lo sviluppo innovativo delle imprese, in particolare attraverso l’introduzione di nuovi strumenti di governance nelle PMI (attività II.1.1 e II.1.2 – Innovazione organizzativa, introduzione sistemi e strumenti ITC nelle imprese: 547 imprese ammesse al finanziamento; 86 milioni di Euro i finanziamenti ammessi; 30 milioni il contributo regionale);
  • la previsione di criteri premianti, che valorizzano la RSI, all’interno dei bandi (imprenditoria femminile, innovazione in campo ambientale e riduzione dei rischi sui luoghi di lavoro, conciliazione dei tempi di lavoro con la cura delle persone, imprenditoria giovanile, ricadute positive sull’occupazione);
  • lo sviluppo delle normative e delle sperimentazioni nelle Aree produttive ecologicamente attrezzate (63 milioni di Euro di contributo regionale);
  • i progetti di qualificazione energetico-ambientale nelle PMI (15 milioni di Euro di contributi regionali).

2007-2013

Risorse regionali

Risorse comunitarie

 

- Direzione Generale Attività produttive, Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

EMILIA

ROMAGNA

6) Patto per la crescita intelligente, sostenibile, inclusiva

Regione, forze sociali, economiche e istituzioni hanno firmato il “Patto regionale per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” con l'obiettivo di condividere le scelte strategiche generali volte a sostenere lo sviluppo della società emiliano romagnola.

Le priorità dell'accordo sono: la promozione della legalità e di un’economia sana con la lotta a ogni forma di attività economica illegale, dalle infiltrazioni criminali all'evasione fiscale; il sostegno a nuove e proficue relazioni industriali; investimenti nel sapere e nelle competenze, soprattutto dei giovani, con incentivi nei loro confronti sul versante occupazionale; azioni mirate ad aumentare l’occupazione femminile e a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

2012

 

Risorse regionali

 

Direzione Generale Attività produttive, Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.regione.emilia-romagna.it/bilancio-2012/03_Patto_per_la_crescita.pdf

 

 

EMILIA

ROMAGNA

7) Programma Regionale Attività Produttive

Il nuovo programma per le attività produttive pone la RSI come strumento per la competitività territoriale e d’impresa, trasversale alle strategie delle imprese e dei territori. La Regione promuove la responsabilità delle imprese verso il territorio, la propria organizzazione e i rapporti con fornitori, alzando la qualità delle relazioni in un contesto rispettoso della legalità e orientato alla trasparenza della propria azione.

Tutte le procedure ad evidenza pubblica attivate nell’ambito dei singoli programmi operativi, prevedono criteri di selezione e/o punteggi premiali a vantaggio di imprese femminili e giovanili. Saranno previsti criteri favorevoli alle imprese che, anche a seguito di azioni di partenariato, adotteranno azioni di responsabilità sociale e/o sistemi di rendicontazione sociale.

Il Programma Operativo 2 si rivolge all’adozione e diffusione dell’ICT. La Regione intende promuovere e sostenere processi di innovazione, qualificazione e responsabilità sociale nelle imprese, anche con il sostegno allo start-up ed alle nuove imprese innovative.

L’Attività 2.5 sostiene e realizza azioni in relazione all’attività del partenariato sociale e di altri organismi a livello regionale, nazionale e comunitario per diffondere pratiche e metodologie connesse alla responsabilità sociale e al capitale intangibile, alla promozione imprenditoriale, all’imprenditorialità femminile (divulgazione nuovi standard, sperimentazione e replica di buone pratiche, networking, attenzione a nuovi ambiti di sostenibilità quali il business reporting).

Si stanno predisponendo diverse azioni, tenuto conto anche conto della normativa regionale sul lavoro e sulla sicurezza (L.R.17/2005 – Patto per la crescita; L.R.11/2010 – Disposizioni per la promozione della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica e privata), volte alla diffusione di pratiche di RSI, in raccordo con i territori che, in questi ultimi anni, hanno promosso e realizzato diverse iniziative nel campo della RSI in collaborazione con Associazioni imprenditoriali, Ordini Professionali e Associazioni no profit.

2012

 

Risorse regionali

Risorse nazionali

Risorse comunitarie

 

- info: Regione Emilia Romagna - Direzione Generale Attività produttive, Commercio, Turismo

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://imprese.regione.emilia-romagna.it/programma-attivita-produttive/prap.pdf

 

 








 

Regione

Titolo e descrizione

Durata

Fonte di finanziamento

Link e contatti

FRIULI VENEZIA GIULIA

1) Concessione di incentivi economici a favore delle PMI per la promozione della diffusione dei principi della Responsabilità sociale di impresa

L’intervento consiste nella concessione da parte degli uffici regionali di un incentivo economico una tantum a favore delle piccole e medie imprese e delle microimprese della Regione in due ipotesi:

a) adozione, per la prima volta da parte dell’impresa, del bilancio sociale;

b) adozione, per la prima volta da parte dell’impresa, del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo il protocollo "SA 8000”.

L’incentivo consiste in un  cofinanziamento regionale che copre le seguenti tipologie di spese::

- nell’ipotesi a) (adozione del bilancio sociale) sono cofinanziabili, nella misura del 80% e comunque per un importo non superiore a 7000 euro, le spese di consulenza o di formazione del personale, sostenute successivamente alla presentazione della domanda di contributo, finalizzate all'adozione per la prima volta del bilancio;

- nell’ipotesi b) (adozione della certificazione “SA 800”), sono cofinanziabili, nella misura del 80% e comunque per un importo non superiore a 10.000 €, le spese di consulenza, di formazione del personale, di acquisto di programmi informatici e di rilascio della certificazione da parte di un ente accreditato dal SAI – Social Accountability International finalizzate all’adozione, per la prima volta, della certificazione di conformità del sistema di gestione della responsabilità sociale secondo la norma "SA 8000". Gli incentivi hanno natura di aiuti de minimis.

 

Da febbraio 2008 – in corso – non è prevista una data di conclusione dell’intervento che viene finanziato annualmente.

 

Risorse regionali

 

- Biserka Novak - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Luca Sanson Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- info: http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/AT16/ARG6/FOGLIA8/

 

 

FRIULI VENEZIA GIULIA

2) Iniziativa di sensibilizzazione attraverso un modulo formativo obbligatorio sulla RSI

L’iniziativa prevede, nell’ambito percorsi formativi finanziati con fondi L.236/93 per l’anno 2011,  un modulo formativo obbligatorio di 2 ore (nei percorsi con più di 24 ore) su Europa 2020 e sulla RSI. L’avviso specifico finanzia corsi di formazione svolti in azienda per la formazione continua dei lavoratori. E’ stato distribuito un questionario, ai lavoratori frequentanti detti corsi, sulle tematiche della RSI i cui risultati sono in fase di elaborazione.

 

Da Novembre 2011 a Dicembre 2012

Risorse nazionali - Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – L.236/93

- Alessandro Castenetto - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- http://bandiformazione.regione.fvg.it/fop2011/Bandi/Dettaglio.aspx?Id=1527

 

LIGURIA

1) Laboratorio sperimentale sulla rendicontazione sociale della Pubblica Amministrazione in Liguria: strumenti di gestione e partecipazione per un’amministrazione pubblica responsabile

L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Formez, ha consentito di avviare un percorso informativo e di sensibilizzazione volto a diffondere una cultura della P.A. orientata alla trasparenza e alla consapevolezza che l’adozione di pratiche socialmente responsabili produce effetti positivi sia sulla qualità dell’ambiente esterno e sui rapporti con tutte le parti interessate, sia sulle relazioni con i propri dipendenti e i collaboratori interni. In particolare sono stati realizzati seminari e laboratori territoriali di sensibilizzazione, sperimentazione e scambio di conoscenze con gli operatori della PA, al fine di produrre nuove competenze e materiali di supporto, utili allo sviluppo di percorsi di accountability da parte delle amministrazioni del territorio della Regione Liguria.

Per la realizzazione del progetto sono state coinvolte le quattro province liguri, i comuni capoluogo, l’Autorità portuale di Genova ed altri Enti che hanno già sperimentato strumenti di responsabilità sociale o hanno manifestato interesse in tal senso.

2008

Risorse regionali

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LIGURIA

2) Laboratorio regionale sulla responsabilità sociale d’impresa: Linee guida per le micro, piccole e medie imprese

E’ stata un’esperienza innovativa che, grazie all’attività di gestione e coordinamento di Unioncamere Liguria e alla preziosa collaborazione di tutte le associazioni datoriali che hanno  accompagnato lo sviluppo del percorso e favorito il coinvolgimento delle imprese, ha permesso di definire e testare le Linee guida per lo sviluppo di azioni di RSI concretamente applicabili nelle micro, piccole e medie imprese con l’obiettivo di dare la possibilità anche a tali categorie di imprese, che caratterizzano fortemente il tessuto economico della nostra regione, di acquisire consapevolezza e strumenti operativi sul tema della Responsabilità Sociale tali da renderle maggiormente competitive in un’ottica di sostenibilità e capacità innovativa.

la Regione Liguria ha voluto fornire alle imprese uno strumento efficace per guidarle e accompagnarle nel percorso strategico della Responsabilità Sociale, definendo una sorta di bussola in grado di orientare le micro, le piccole e le medie imprese in questo mondo che fino ad oggi ha riservato attenzione prioritariamente alle grandi imprese.

2008-2009

 

Risorse regionali

 

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LIGURIA

3) Iniziative su Bandi regionali

Sempre in attuazione della L.R. 30/2007 e a valere sulle risorse finanziarie collegate, la Regione, dal 2009 ad oggi, ha emanato specifici bandi, destinati a enti pubblici e aziende private per agevolare gli investimenti finalizzati all’acquisizione di codici di condotta etici, bilanci sociali e certificazioni, LIGURIA nonché per l’adozione di sistemi di gestione, marchi e codici di condotta. Gli interventi sono stati finalizzati alla promozione della Responsabilità sociale dei datori di lavoro (sia imprese che pubbliche amministrazioni) quale strumento per l’innalzamento della qualità del lavoro e il miglioramento della competitività del sistema produttivo.

A seguito di questi bandi sono state realizzate alcune iniziative di particolare interesse, quali “I mattoni responsabili”, una griglia valutativa sulla responsabilità sociale specifica per le imprese del settore edile.

2009-2012

Risorse regionali

 

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LIGURIA

4) Fiore giusto

La certificazione “FIORE GIUSTO” costituisce il primo importante passo a livello italiano nel settore floricolo verso il rispetto dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente.

Tale certificazione intende garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori (libertà di associazione, salari minimi garantiti, rispetto dell’orario di lavoro e non impiego di manodopera minorile), delle norme di buona condotta come la sicurezza dei lavoratori, il rispetto dell’ambiente, il ridotto impiego di fitosanitari e il rispetto delle buone prassi.

2010

Non specificato

 

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cristiano Calvi: tel. 010.265828

 

LIGURIA

5) Bilancio di sostenibilità dei parchi Liguri

Il progetto sarà predisposto entro dicembre 2012, con il supporto tecnico scientifico della Federazione Italiana Parchi e Risorse Naturali (Federparchi), e prevede la realizzazione di un percorso comune per la rendicontazione sociale dei Parchi Liguri quale strumento per:

  • migliorare all’esterno il rapporto con gli stakeholder dell’Ente, tramite innovative forme di coinvolgimento e partecipazione;
  • integrare, all’interno, il metodo e i contenuti del processo di rendicontazione sociale nelle diverse fasi in cui si articola il ciclo di gestione della performance.

a partire da Dicembre 2012

 

Risorse regionali

 

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cristina Caprioglio  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LIGURIA

6) Registro dei datori di lavoro socialmente responsabili

In ottemperanza a quanto previsto dalla legge regionale n. 30 del 2007 sulla sicurezza e la qualità del lavoro, la Regione Liguria ha attivato il registro delle imprese regionali socialmente responsabili, un elenco dei datori di lavoro che avviano iniziative a favore della sicurezza, salute, benessere dei lavoratori e politiche di conciliazione lavoro famiglia. La finalità è quella di incentivare i comportamenti socialmente responsabili delle imprese.

Il progetto è nato in collaborazione con l’Agenzia Liguria Lavoro e le pubbliche amministrazioni locali ed è partito a giugno 2012, con una sperimentazione di sei mesi.

Il Registro è stato impostato come un processo dinamico di autovalutazione che le aziende e gli Enti pubblici possono intraprendere per migliorare le loro strategie e la loro gestione in un’ottica di responsabilità sociale.

Le imprese interessate saranno valutate secondo cinque aree che riguardano rispettivamente:

  1. governo dell’organizzazione,
  2. ambiente di lavoro,
  3. mercato,
  4. ambiente,
  5. comunità locale.

Per gli enti pubblici, invece, le procedure di valutazione riguarderanno:

  1. rendicontazione e trasparenza,
  2. valorizzazione del capitale umano,
  3. tutela ambientale e gestione sostenibile,
  4. relazione con i fornitori.

Le imprese interessate possono avviare il percorso di presentazione della accedendo al portale ad hoc costituito, Responsabilitasocialeinliguria.it, attraverso il quale si può presentare la propria candidatura ed effettuare l’iscrizione.

Definizione e sperimentazione 2011-2012

Operatività dal 2013

 

Risorse regionali

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

1) Avviso DOTE IMPRESA – Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro

L’avviso, nella cui premessa è citata la Comunicazione COM (2011) 681 “Strategia rinnovata della UE per il periodo 2011-2014 in materia di RSI”, ha l’obiettivo di sostenere il miglioramento e l’innalzamento del livello delle conoscenze e competenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli interventi prevedono specifici percorsi formativi rivolti al personale competente ai quali è stata attribuita o si attribuirà una funzione in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

18 aprile 2012 – 31 dicembre 2012

 

Risorse nazionali – L. 236/93

Risorse comunitarie FSE ob2 - asse 1

Direzione Generale Occupazione e politiche del lavoro

Struttura Occupabilità ed Occupazione

Dott. Massimo Vasarotti – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

2) Programma Operativo Sperimentale – “Responsabilità sociale di impresa: persone, mercati e territorio”

La Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione è impegnata nella diffusione della RSI e ha realizzato numerose iniziative di promozione e sensibilizzazione sul tema. A dicembre 2011 ha approvato una delibera contenente il “Programma Operativo Sperimentale Responsabilità Sociale di Impresa: Persone, Mercati e Territorio”, per agevolare lo sforzo volontario e l’impegno delle aziende lombarde a perseguire obiettivi di crescita e di performance socialmente responsabili, con l’intenzione di implementare iniziative di sistema e interventi sul territorio, in una logica di sviluppo ed integrazione con le altre iniziative regionali sul tema. Finalità del programma:

  • Diffusione dei principi per il comportamento responsabile delle imprese attraverso la sottoscrizione di un protocollo di intesa con:
  1. Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione generale dello Sviluppo produttivo e competitività- Punto di Contatto Nazionale OCSE per la diffusione delle nuove linee guida Ocse sulla RSI (sottoscritto il 28 marzo 2012);
  2. Unioncamere Lombardia per la promozione della RSI (in fase di sottoscrizione).
  • Promozione delle “imprese responsabili” e partecipazione a eventi di diffusione e sensibilizzazione sulla RSI;
  • Diffusione e promozione del bilancio sociale;
  • Sostegno alle azioni di RSI delle MPMI lombarde e grandi imprese anche internazionali radicate sul territorio (Bando).

2012 – 2014

 

Risorse regionali

 

DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

Ufficio: – Unità Organizzativa - Imprenditorialità

Dott. Francesco Bargiggia tel. 02/67657388 fax 02/67658333 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.industria.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=DG_Industria%2FDGLayout&cid=1213414938736&p=1213414938736&pagename=DG_INDWrapper

 

LOMBARDIA

3) Vademecum "La Conciliazione Famiglia-lavoro: un’opportunità per le imprese e le Pubbliche Amministrazioni"

Nell’ambito di una proficua collaborazione fra Regione Lombardia e Sistema camerale lombardo è maturata la scelta di produrre, in collaborazione con ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, il Vademecum “La conciliazione famiglia-lavoro un’opportunità per le imprese e le pubbliche amministrazioni”, una guida operativa con l'obiettivo di coniugare l'elemento responsabilità sociale con quello della conciliazione famiglia-lavoro. Dalla Responsabilità Sociale delle Imprese può venire infatti un grande impulso per sostenere lo sviluppo della conciliazione famiglia-lavoro, per la costruzione di risultati duraturi e di una cultura della responsabilità e della parità, nell'ottica di una vera e propria responsabilità sociale di territorio.

 

2009

 

Risorse regionali

 

Direzione Generale: Famiglia Conciliazione Integrazione e Solidarietà sociale

Ufficio: Unità Organizzativa Programmazione

Dirigente: Paola Negroni 02.6765.5744 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

4) Premio Famiglia-Lavoro

Si tratta di un concorso ideato e promosso da Regione Lombardia in collaborazione con ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha la finalità di valorizzare le realtà imprenditoriali lombarde, le realtà della Pubblica Amministrazione e i soggetti del territorio che si sono distinti per aver ideato e attuato progetti di valorizzazione del personale e conciliazione vita familiare e vita lavorativa. Il concorso fa parte del più ampio progetto, che ha preso avvio nel 2008, con l’obiettivo di coinvolgere le imprese interessate in un percorso formativo di approfondimento di queste tematiche, di accompagnarle in un processo di crescita verso una progettualità più consapevole e di alto livello, di incentivare pratiche e politiche di conciliazione famiglia–lavoro in Lombardia. Oltre a Regione Lombardia e ALTIS, al progetto sta collaborando una fitta rete di centri di ricerca, istituzioni e professionisti. La IV edizione si è svolta quest’anno con carattere internazionale, hanno partecipato 147 enti e sono stati premiati un Ente per ogni continente, oltre a un Ente con sede in Lombardia.

Annuale

Risorse regionali

Direzione Generale: Famiglia Conciliazione Integrazione e Solidarietà sociale

Ufficio: Unità Organizzativa Programmazione

Dirigente: Paola Negroni 02.6765.5744 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LOMBARDIA

5) Avviso DOTE LAVORO – Tirocini per i giovani

L’avviso, che richiama negli obiettivi la strategia Europa 2020 e i principi della RSI, ha la finalità di promuovere interventi personalizzati di inserimenti lavorativo dei giovani tramite tirocini extracurriculari con finalità di inserimento o reinserimento di lavoro nelle imprese lombarde.

 

28 marzo 2012 – 31 maggio 2013

 

Risorse nazionali – Programma Nazionale “Welfare To Work”

Risorse FSE ob2 - asse 2

Direzione Generale Occupazione e politiche del lavoro

Struttura Occupabilità ed Occupazione

Dott. Massimo Vasarotti – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

6) Bando “Responsabilità sociale per la Competitività di impresa”

E’ un iniziativa nata per promuovere l’adozione di comportamenti responsabili da parte delle MPMI dei settori Manifatturiero, Edilizia e dei Servizi (appartenenti ai codici Ateco indicati). Gli interventi ammissibili, per i quali è stata prevista una dotazione finanziaria di 850.000,00 euro, riguardano i seguenti ambiti:

  • Ambito Progettuale 1: People Care

Interventi di supporto e sviluppo di forme di welfare complementare con particolare riguardo a strumenti di “health care”, progetti di “health presence”, interventi di mobilità sostenibile e benefit non monetari anche in collaborazione con i servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni del territorio.

  • Ambito Progettuale 2: Approvvigionamento Locale

Promozione della definizione e implementazione di politiche e strategie di approvvigionamento che, privilegiando fornitori lombardi e impegnati in attività connesse alla RSI, favoriscano lo sviluppo di attività economiche sul territorio.

  • Ambito Progettuale 3: Reti di Solidarietà tra Imprese e Territorio

Sviluppo di progetti di solidarietà tra imprese operanti nello stesso ambito territoriale in situazione di crisi o difficoltà, finalizzati a sostenere il reimpiego e la riqualificazione dei lavoratori nel contesto occupazionale territoriale di riferimento. Sarà valorizzato lo sviluppo di attività, investimenti e strumenti condivisi tra diverse aziende dello stesso territorio, o tra l’azienda e i propri dipendenti finalizzati a mantenere le risorse umane aggiornate e competitive rispetto all’evoluzione del mercato e a possibili ristrutturazioni e a rafforzare il contesto economico dell’area affinché possa generare sviluppo e innovazione.

2012-2014

 

Risorse regionali

 

DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

Dott. Francesco Bargiggia tel. 02/67657388 fax 02/67658333 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.industria.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=DG_Industria%2FDGLayout&cid=1213414938736&p=1213414938736&pagename=DG_INDWrapper

 

LOMBARDIA

7) Protocollo d’intesa tra il Ministero dello sviluppo economico e Regione Lombardia sulle tematiche delle Linee guida OCSE

Il protocollo è finalizzato alla diffusione delle Linee Guida OCSE in tema di RSI attraverso una serie di azioni di informazione e formazione rivolte a tutte le tipologie di imprese e la realizzazione di una sperimentazione sul tema della gestione virtuosa della supply chain in alcuni settori produttivi ritenuti prioritari.

Il protocollo non prevede oneri finanziari a carico delle parti.

2012-2014

 

Non previste

 

DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

Dott. Francesco Bargiggia tel. 02/67657388 fax 02/67658333 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

LOMBARDIA

8) Protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia

Il Protocollo intende promuovere e diffondere la Responsabilità Sociale di Impresa e sostenere l’adozione di comportamenti socialmente responsabili da parte delle imprese lombarde attraverso l’attuazione delle seguenti attività:

-     realizzazione presso le Camere di Commercio lombarde di Seminari itineranti sul tema CSR per mettere in rete competenze ed esempi concreti e replicabili;

-     realizzazione della Edizione 2012 della Raccolta di buone prassi di imprese impegnate in percorsi di Responsabilità Sociale;

-     aggiornamento in tema di CSR per gli addetti agli sportelli e le imprese, promuovendo e comunicando la Raccolta Buone prassi e dando visibilità alla rete degli Sportelli CSR lombardi;

-     prosecuzione delle iniziative di conciliazione famiglia-lavoro con la DG Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale di Regione Lombardia per la diffusione degli accordi territoriali e strumenti di incentivazione;

-     digitalizzazione della Raccolta di buone prassi e la predisposizione dello strumento web idoneo alla promozione e diffusione della stessa.

E’ prevista l’adesione al Protocollo anche da parte delle Associazioni di categoria.

Il protocollo non prevede oneri finanziari a carico delle parti.

 

2012-2014

Non previste

DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

Dott. Francesco Bargiggia tel. 02/67657388 fax 02/67658333 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

LOMBARDIA

9)  Programma Regionale Sperimentale “CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO”

Il programma è connesso all’Intesa sottoscritta in Conferenza Unificata il 29 aprile 2010 tra il Governo, Regioni, Province autonome, ANCI, UPL e UNCEM per favorire la conciliazione famiglia lavoro e in attuazione di un’apposita convenzione sottoscritta con il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Con successivi atti sono state definite le misure e si è provveduto alla costituzione di 13 reti territoriali conciliazione di dimensione di norma provinciale, affidandone alle Aziende sanitarie Locali il ruolo di capofila. Ciascuna Rete ha adottato un Piano di Azione a partire dalle esigenze del proprio territorio e in questo contesto sono in corso di sperimentazione diverse tipologie di interventi:

  • ampliamento e consolidamento delle reti
  • servizi interaziendali
  • dote conciliazione servizi alla persona (voucher ai genitori per accesso a servizi per la prima infanzia) e servizi alle imprese (bonus una tantum alle imprese che assumono madri disoccupate). La sperimentazione riguarda 6 territori.
  • consulenza alle imprese per piani di congedo e piani di flessibilità aziendale

In questo caso la RSI è solo uno degli elementi di attuazione, che si realizza sia nell’ambito della promozione nelle imprese di cultura e competenza favorevole alle esigenze della famiglia, sia attraverso la costituzione di reti di imprese orientate a promuovere servizi di welfare per i propri dipendenti. Il valore aggiunto è dato dall’incontro di attori diversi, sociali e del mondo economico, e dalla stretta relazione con il contesto territoriale di appartenenza.

 

2010 – 2013

 

Risorse nazionali - Dipartimento PPOO

Risorse comunitarie - FSE

Direzione Generale: Famiglia Conciliazione Integrazione e Solidarietà sociale Ufficio: Unità Organizzativa Programmazione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LOMBARDIA

10) Bando “WELFARE AZIENDALE”

Si tratta di una iniziativa rivolta alle PMI per sostenere progetti sperimentali di welfare aziendale e interaziendale, al fine di promuovere il benessere dei dipendenti e di sviluppare la conciliazione famiglia lavoro attraverso azioni integrate fra sistema impresa e sistema di welfare locale. In particolare i progetti sono volti a individuare azioni innovative per la conciliazione, a sperimentare modelli di welfare aziendale e territoriali integrati, a valorizzare la contrattazione di secondo livello.

I progetti finanziati sono 33, sono stati avviati a fine 2011 e si realizzeranno nell’arco temporale di 2 anni. Alcune testimonianze sono state portate nell’ambito del salone della RSI “Dal dire al fare”, edizione 2012.

 

2011 – 2013

 

Risorse regionali

Direzione Generale: Famiglia Conciliazione Integrazione e Solidarietà sociale

Ufficio: Unità Organizzativa Programmazione

Dirigente: Paola Negroni 02.6765.5744 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

11) Rilancio della figura del MOBILITY MANAGER d’area e aziendale in tema di mobilità-ambiente

La figura del Mobility Manager nelle pubbliche amministrazioni (Mobility d’Area) e nelle imprese private è stata introdotta in Italia dal decreto 27 marzo 1998 sulla Mobilità Sostenibile nelle Aree Urbane con lo scopo di:

  • trovare alternative all’uso della vettura privata dei dipendenti che si recano al lavoro
  • trovare alternative al trasporto su gomma per le merci in ingresso ed in uscita

Il raggiungimento di questi due obiettivi comporta un impegno particolare e quotidiano e permetterà di ottenere, nell’ottica della responsabilità sociale d’impresa:

  • un minor inquinamento ambientale
  • una riduzione degli incidenti stradali e delle loro conseguenze
  • un risparmio dei costi di carburante
  • un contributo alla razionalizzazione del trasporto merci
  • una riduzione dei ritardi nell’ingresso del personale nel luogo di lavoro.

 

La Direzione Generale Ambiente, Energia e Reti promuove il rilancio di questa figura attraverso un piano di collaborazione con l’Automobile Club Milano che si propone di realizzare iniziative di sensibilizzazione e promozione al fine di:

  • censire le nomine esistenti dei mobility manager pubblici e privati e promuoverne la crescita
  • favorire lo scambio di conoscenza e valorizzare le esperienze più significative
  • individuare alcune aree in cui coinvolgere imprese private, gestori di reti di mobilità e pubbliche amministrazioni locali per individuare soluzioni migliorative.

 

dicembre 2011-dicembre 2012

 

Risorse regionali

Altre risorse - Risorse di Automobile Club Milano

Direzione Generale: Ambiente, Energia e Reti

Unità Organizzativa Protezione aria e prevenzione inquinamenti fisici e industriali

Dirigente: Gian Luca Gurrieri tel. 02.6765.5461, fax 02.6765.4406

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

LOMBARDIA

12) Avviso DOTE IMPRESA – FORMAZIONE IMPRENDITORE

L’avviso, nella cui premessa è citata la Comunicazione COM (2011) 681 “Strategia rinnovata della UE per il periodo 2011-2014 in materia di RSI”, ha l’obiettivo di sostenere il riposizionamento competitivo degli imprenditori delle micro e piccole imprese mediante interventi formativi personalizzati.

 

maggio 2012 –  maggio 2013

 

Risorse comunitarie - FSE ob2 - asse 1 - Adattabilità

Direzione Generale Occupazione e politiche del lavoro

Struttura Occupabilità ed Occupazione

Dott. Massimo Vasarotti – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

13) Progetto Impresa sociale: strumento innovativo per la sussidiarietà di Regione Lombardia”

Progetto, studio e ricerca finalizzata all’applicazione dello strumento impresa sociale – rescue company in ambiti differenti tra loro per settore, dimensione dell’azienda, e territorio, al fine di  fornire un sostegno all’attuale crisi occupazionale, attraverso la creazione di nuove imprese.

Il progetto prevede di arrivare ad individuare soluzioni di finanziamento, interventi di riqualificazione dei lavoratori coinvolti, utilizzo degli ammortizzatori sociali, proposte di ridefinizione dell’attività produttiva, adattabilità della nuova forma societaria, predisposizione di Financial e Business Plan ed anche percorsi di sviluppo per la responsabilità sociale dell’impresa.

 

maggio 2012

Risorse regionali

 

Direzione Generale Occupazione e politiche del lavoro

Struttura Tutela del lavoro ed interventi per il reimpiego

Dott.ssa Paola Antonicelli – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOMBARDIA

14) Diffusione e promozione del bilancio sociale”

Regione Lombardia intende realizzare un documento su quanto emerso dall’analisi dei bilanci sociali delle Cooperative sociali iscritte all’Albo regionale, per mettere in luce la ricchezza delle attività e del lavoro svolto dalle cooperative stesse.

2012

 

Risorse regionali

 

DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

Dott. Francesco Bargiggia tel. 02/67657388 fax 02/67658333

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

PIEMONTE

1) Progetto CSRPiemonte

Dal 2009 ad oggi, il progetto si è sviluppato su quattro fronti:

  1. è stato effettuato il primo monitoraggio delle imprese responsabili in Piemonte e sono in continua mappatura esperienze, opportunità, case history e progetti sulla CSR. Disponendo degli elementi necessari (dati, casi, metodi, modelli) è stato possibile programmare un’efficace azione di “sistema”
  2. dall’analisi dello scenario piemontese e mutuando modelli provenienti da altre realtà socialmente avanzate sono stati elaborati i contenuti di un “modello Piemonte”, in termini di indirizzi e di case history, aperto alle altre Regioni, a reti nazionali e a realtà europee per promuovere la RSI
  3. è stata realizzata un’area web, sono stati organizzati seminari, workshop, laboratori territoriali, incontri e partecipazione a saloni per divulgare le buone prassi
  4. formare e sensibilizzare gli operatori e rafforzare la rete attraverso moduli di comunicazione/formazione.

 

I risultati sono ad oggi assolutamente in linea con le previsioni:

  • è stata costruita una comunità/network di oltre 200 imprese responsabili, che ogni giorno si arricchisce di nuove adesioni;
  • il portale web www.CSRPiemonte.it è diventato una vera vetrina delle imprese responsabili, mettendo in evidenza buone prassi, modelli, spunti di riflessione, filmati, benchmark internazionali, informazioni utili e materiali divulgativi
  • sono stati realizzati materiali promozionali e divulgativi per valorizzare i vantaggi relativi all’agire responsabile: folder di progetto, report della ricerca, report monitoraggio, vademecum “10volteCSR”, newsletter CSRPiemonte, quaderno welfare aziendale;
  • sono stati organizzati focus group con esperti e con imprenditori virtuosi; si è partecipato a eventi di sensibilizzazione e sono state attivate connessioni con vari nodi delle reti che a vario titolo si occupano di responsabilità sociale (CSR Manager Network, Dal Dire al Fare, Confindustria, Sodalitas Social Award, progetti interregionali e transnazionali, progetti Alcotra dell’Euroregione, filiere di imprese responsabili etc.).
  • sono stati realizzati 5 incontri, in collaborazione con le camere di commercio e le unioni industriali territoriali;
  • è stata avviata la campagna di comunicazione virale “ioaderisco”
  • si sta ultimando un percorso di co-proggetazione di laboratori territoriali (scambio di esperienze, turoraggio, peer education, microreti e filiere sostenibili);
  • è in fase di costruzione un modulo di comunicazione/formazione, sia in modalità e-learning sia con soluzioni innovative come i “brainshop”;
  • sta per essere realizzata la seconda fase del monitoraggio delle imprese responsabili, a tre anni dal primo monitoraggio.

Tutti i materiali sono disponibili su: www.csrpiemonte.it

 

2009-2013

 

Risorse comunitarie - Piano di Comunicazione POR FSE 2007/2013

 

Regione Piemonte - Settore Immagine e comunicazione

Piazza Castello 165, 10122 Torino

Dr. Riccardo Lombardo– tel. 011 4324836

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.csrpiemonte.it

 

PIEMONTE

2) Progetto “LOIEs- Lessons and option for an integrated european approach to corporate social responsability”

Il Progetto, promosso dal Centro estero per l’internazionalizzazione dell’Unione delle Camere di Commercio del Piemonte, si propone la realizzazione di attività informative, formative e di scambio di buone prassi con Amministrazioni pubbliche bulgare e spagnole e relative imprese del sistema profit e no profit. In questo quadro sono previsti focus group, giornate di studio e visite in loco.

 

2012-2013

Risorse comunitarie – Call europea

Regione Piemonte - Settore “Promozione e Sviluppo dell’imprenditorialità e della cooperazione”

Dirigente: d.ssa Silvana Pilocane. Funzionario di riferimento: dr Giuseppe Fogliati.

 

PIEMONTE

3) Registro/elenco delle imprese socialmente responsabili in Piemonte

La Regione Piemonte ha intenzione di provvedere alla modifica della Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34: “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro” introducendo al Capo IX un nuovo articolo che preveda l’istituzione e la gestione mediante apposito regolamento della Giunta Regionale, di un registro/elenco, in similitudine con lo stesso tipo di iniziativa promossa dalla Regione Liguria, che raccolga le imprese piemontesi che in base ad una serie di requisiti ritenga di possedere la qualità di impresa socialmente responsabile, anche al fine di un loro sostegno.

 

a partire dal 2013

 

Risorse regionali

Risorse comunitarie – POR FSE Asse I

 

Regione Piemonte - Settore “Promozione e Sviluppo dell’imprenditorialità e della cooperazione”

Dirigente: d.ssa Silvana Pilocane. Funzionario di riferimento: dr. Giuseppe Fogliati.

 

PUGLIA

1) Concessione di aiuti per imprese che adottano sistemi di gestione etica e sociale

Gli interventi progetti finanziabili nell’ambito di questa iniziativa fanno riferimento a due Linee di azione:

-       Azione 6.1.2 : Programmi integrati di agevolazione realizzati da medie imprese e da consorzi di PMI

-       Azione 6.10: Aiuti alle Medie Imprese ed ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento – PIA Turismo.

In particolare, con riferimento ai servizi relativi all’ambito “Responsabilità sociale ed etica” possono essere finanziate le attività riguardanti l’adozione ex novo di sistemi di gestione etica e sociale (SA8000). Le agevolazioni relative alle spese per gli investimenti in servizi di consulenza di cui all’articolo 6, comma 2, sono concesse nei seguenti limiti: a. 35% per le medie imprese; b. 45% per le piccole imprese.

 

2009-2013

 

Risorse comunitarie – PO FESR

 

Regione Puglia

Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l’Innovazione

Servizio Competitività, Corso Sonnino, 177, 70121 BARI

Per informazioni: Nicola Di Girolamo

Siti internet: www.regione.puglia.it;

www.sistema.puglia.it

 

Organismo intermedio

PUGLIA SVILUPPO SPA

Area Sviluppo e programmazione regionale

Via delle Dalie – 70026 MODUGNO (BA)

Tel. 080/5498811 – Dott.ssa Donatella Toni

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

PUGLIA

2) Riconoscimento di punteggi aggiuntivi in fase istruttoria per imprese che prevedono adozione di sistemi di certificazione etico-sociale

Il riconoscimento di punteggi aggiuntivi avviene nell’ambito delle seguenti azioni realizzate dalla Regione Puglia:

a)        Azione 1.1.3, attuata mediante avvisi finalizzati alla concessione di

  • Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione
  • Aiuti alle piccole imprese innovative operative

b)       Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

c)        Aiuti ai servizi di consulenza per l'Innovazione Tecnologica delle PMI

d)       Partenariati per l'Innovazione

e)        Aiuti alla diffusione delle tecnologie dell'informazione e comunicazione nelle PMI – Bando 2010

f)        Aiuti alla diffusione delle tecnologie dell'informazione e comunicazione nelle PMI – Bando 2010

In particolare, in fase di valutazione delle domande di agevolazione è possibile attribuire punteggi aggiuntivi laddove l’iniziativa imprenditoriale preveda l’ottenimento di certificazione etico-sociale e/o l’adozione di un modello organizzativo finalizzato alla conciliazione lavoro/famiglia e le pari opportunità per donne e persone disabili.

 

2008-2013

 

Risorse comunitarie – PO FESR

Regione Puglia

Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l’Innovazione

Servizio Ricerca e Innovazione

Corso Sonnino, 177, 70121 BARI

Per informazioni: : Francesco Clarizio Tel./Fax 0805405971

E mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Siti internet: www.regione.puglia.it;

www.sistema.puglia.it

 

Per intervento a):

Organismo intermedio

PUGLIA SVILUPPO SPA

Area Autoimprenditorialità ed Autoimpiego

Via delle Dalie – 70026 MODUGNO (BA)

Tel. 080/5498811 –  Dott. Alfredo Lobello

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per interventi b), c), d), e), f):

Organismo intermedio

INNOVAPUGLIA SPA

Divisione Consulenza e Assistenza Tecnica

SP. Per Casamassima Km 3

70010 Valenzano (BA)

Tel. 080/4670527 Ing. Francesco Surico

 

PUGLIA

3) Avviso per la presentazione di domande di agevolazione alle PMI associate per l’insediamento di unità locali nell’ambito di aree produttive extraurbane n. 9/2012L’Avviso per la presentazione di domande di agevolazione, ai sensi del Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis), alle PMI associate che intendono insediare unità locali nell’ambito di aree produttive extraurbane n. 9/2012, è rivolto al finanziamento di progetti integrati di localizzazione in aree produttive extraurbane, finalizzati anche all’ottenimento della certificazione ambientale e di responsabilità sociale, per i quali è prevista la concessione di aiuti maggiorati pari al 70% della spesa effettuata.

 

2012-2013

 

Risorse comunitarie – PO FESR

 

Regione Puglia

Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l’Innovazione

Servizio Competitività

Corso Sonnino, 177, 70121 BARI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4) Programma di attuazione del Protocollo di intesa con il Ministero per lo Sviluppo Economico per la diffusione delle Linee Guida OCSE per la responsabilità sociale delle imprese multinazionali

Il protocollo di intesa è stato sottoscritto ad inizio 2012 ed è in fase di definizione un programma di attività, orientato al coordinamento delle iniziative promosse dal governo regionale e di terzo settore).

 

2012 (rinnovabile)

 

Risorse regionali

 

Regione Puglia

Area Politiche per lo Sviluppo economico, il Lavoro e l’Innovazione

Servizio Ricerca Industriale e Innovazione, Corso Sonnino, 177, 70121 BARI

Dirigente: Dott.ssa Adriana Agrimi, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

SARDEGNA

 

1) Avviso “Focs - Formazione continua in Sardegna”

L’Avviso “Focs - Formazione continua in Sardegna” è stato pubblicato dalla Regione Sardegna nel giugno 2011, con la finalità di realizzare azioni formative in favore dei titolari e del personale delle imprese della Sardegna.

Nell’Avviso è stata prevista una premialità (max. 5 punti su 100) attribuita in sede di valutazione ai progetti che ponevano attenzione alla diffusione delle conoscenze in ambito RSI. Circa 14 progetti hanno presentato proposte in tal senso che prevedevano moduli formativi appositamente dedicati alla tematica, in alcuni casi di carattere introduttivo, in altri più direttamente finalizzati, ad esempio al conseguimento di una certificazione.

 

novembre 2011 -  dicembre 2012

 

Risorse regionali

Risorse nazionali – L. 236/93

 

Ufficio  Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale

Servizio Governance della formazione professionale

Settori Programmazione e Gestione (Carla Rachele e Maria Girau)

 

SARDEGNA

2) Avviso per la formazione continua

La Regione Sardegna intende attivare ulteriori interventi, attraverso la pubblicazione di un prossimo Avviso a valere sul POR FSE, per la formazione continua di grandi e medie imprese o imprese associate.

Analogamente a quanto sperimentato con l’Avviso FOCS-Formazione continua in Sardegna, sarà riproposta la premialità in sede di valutazione per i progetti che porranno attenzione alla diffusione delle conoscenze in ambito RSI, ma verrà anche prevista una specifica premialità per le imprese già socialmente responsabili che necessitano di interventi formativi ulteriori.

 

luglio 2012-giugno 2014

 

Risorse comunitarie - POR Sardegna FSE 2007-2013 Asse I

 

Ufficio  Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale

Servizio Governance della formazione professionale

 

TOSCANA

1) Incentivi alle imprese con contributi per l’acquisizione di servizi qualificati

Si tratta di una misura di intervento del POR CREO (FESR) attraverso la quale vengono concessi contributi alle PMI che acquisiscono servizi di consulenza finalizzati all’acquisizione di strumenti di gestione e comunicazione di responsabilità sociale, sia nella forma di certificazioni che di bilanci di sostenibilità. In sostanza, i servizi qualificati sono destinati a:

  • certificazioni (SA8000; ISO 14001; EMAS, Ecolabel)
  • redazione dei bilanci di sostenibilità
  • cambiamento organizzativo, gestione fornitori, internazionalizzazione

Sono oggetto di contributo anche le consulenze legate al cambiamento organizzativo od alla definizione di strategie di mercato improntante alla sostenibilità ed alla RSI che non necessariamente si traducano in strumenti formali.

 

2007-2013

 

Risorse comunitarie – POR CREO - FESR

 

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Serena Brogi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

TOSCANA

2) Premialità per le imprese con strumenti o pratiche di RSI nella valutazione dei progetti di investimento/richiesta contributi

Nella procedura di valutazione delle domande di contributo, presentate nell’ambito degli interventi a valere sul POR CREO-FESR, le imprese con certificazioni di responsabilità sociali e/o ambientali o con bilanci di sostenibilità asseverati alle linee guida ufficiali, ottengono punteggi di premialità ai fini della stesura della graduatoria finale. Punteggi premiali sono riconosciuti anche ad imprese che, in assenza di strumenti formali quali quelli sopra citati, abbiano realizzato azioni di responsabilità sociale in tema di pari opportunità ed uguaglianza di genere (es. iniziative in tema di flessibilità e conciliazione vita/lavoro), abbiano contribuito alla riduzione del proprio impatto ambientale, alla qualificazione del personale, abbiano assunto disoccupati di lunga durata,  etc..

 

2007-2013

 

Risorse comunitarie – POR CREO - FESR

 

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Giuseppina De Lorenzo (giuseppina.delorenzoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

TOSCANA

3) Bando relativo a contributi regionali per la promozione della Responsabilità Sociale delle imprese

Alla luce dell’esperienza maturata sul tema e delle difficoltà ed esigenze riscontrate dalle imprese di dimensioni più piccole nell’affrontare strumenti formali di RSI, l’intervento è stato realizzato per avvicinare le piccole e soprattutto microimprese al tema della responsabilità sociale, aiutandole nella sperimentazione di strumenti graduali, da attuarsi anche attraverso metodologie basate su approcci collettivi e su scala territoriale, anche tenuto conto dell’onerosità dal punto di vista economico ed organizzativo. Grazie a questo bando sono stati finanziati n. 7 progetti, che hanno avvicinato 74 imprese al tema della RSI.

 

2010-2011

 

Risorse regionali

 

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Giuseppina De Lorenzo (giuseppina.delorenzoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

TOSCANA

4) Iniziativa regionale Fabrica Ethica

Fabrica Ethica è il nome del progetto della Giunta Regionale della Regione Toscana per la diffusione e promozione della responsabilità sociale delle imprese.

La responsabilità sociale viene promossa come linea strategica delle politiche regionali di sviluppo economico nell’ottica di :

  • migliorare la competitività delle imprese;
  • contribuire alla coesione ed inclusione sociale;
  • limitare e prevenire i costi sociali della irresponsabilità;

 

Tutte le iniziative realizzate (es. sensibilizzazione presso le scuole superiori; contributi a corsi presso le Università; partecipazione ed organizzazione di convegni, seminari, corsi di formazione) sono riassunte sul sito internet www.fabricaethica.it, che racchiude anche informazioni sul dibattito nazionale ed internazionale (soprattutto UE), documentazione disponibile, link, elenco delle imprese con certificazione Sa8000 ed altro.

2002-2012 (in corso)

 

Risorse regionali

 

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Giuseppina De Lorenzo (giuseppina.delorenzoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

TOSCANA

5) Riduzione IRAP per le imprese con certificazione SA8000, ISO14001 e registrazione EMAS

Le imprese con le certificazioni indicate possono agevolare di una riduzione dell’aliquota Irap nelle seguenti modalità:

Aliquota base statale: 3,9%

Aliquote regionali:

n  3.21% per le imprese certificate EMAS

n  3.53% per le imprese certificate ISO14001

n  3.44% per le imprese certificare SA8000

 

2008 - in corso

 

Risorse regionali

 

Direzione generale Organizzazione e risorse

Settore Tributi e sanzioni

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

TOSCANA

6) Linee-guida Regionali per la definizione dei bilanci di sostenibilità per le PMI

Approvate con DGR n. 919 del 2010, le linee guida regionali cercano di coniugare un linguaggio internazionale con le esigenze locali e territoriali, avvicinando le imprese ad un processo di rendicontazione socio-ambientale che, in maniera graduale, le metta in grado di comunicare con gli stakeholder e di inserire la responsabilità sociale nella loro strategia di gestione e di comunicazione.

 

2009 - 2010

 

Risorse regionali

 

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Giuseppina De Lorenzo (giuseppina.delorenzoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

TOSCANA

7) Progetto “Responsible Med”

Il progetto RESPONSIBLE MED, co-finanziato dal programma di cooperazione MED e coordinato dalla Regione Toscana, ha la finalità di valutare il collegamento tra la RSI e il livello di innovazione e di competitività della zona mediterranea. Nove partner provenienti da 6 Stati Membri europei collaborano per scambiare conoscenze ed esperienze di RSI. Tramite seminari, visite-studio e coinvolgimento degli stakeholder, questo scambio mira ad individuare dei mezzi ottimali per dimostrare come la RSI incrementa la competitività. Il risultato del progetto è una metodologia comune per la valutazione e il monitoraggio dei livelli di competitività delle PMI impegnate nella RSI. La metodologia è stata collegata ad uno strumento informatico di valutazione consultabile on-line e liberamente accessibile che fornirà orientamento e informazioni alle imprese, aiutandole a scegliere la strategia di RSI più adatta a loro e con il miglior risultato in termini di rapporto tra benefici e costi. Lo strumento consente inoltre di misurare l’impatto di azioni già realizzate per le imprese già impegnate, che vogliono verificare se e come la RSI ha influito sulla propria competitività.

 

2010 - 2012

 

Risorse comunitarie – Programma MED

 

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Giuseppina De Lorenzo (giuseppina.delorenzoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

UMBRIA

1) Agevolazioni alle imprese per l’adozione di sistemi di gestione certificabili e rispondenti ai criteri della RSI (L.R. 21/2002)

Le PMI umbre, operanti nei più  diversi settori (industria, artigianato, servizi, commercio, turismo, economia sociale), sono state incentivate all’adozione della certificazione di responsabilità sociale secondo lo standard SA8000, con contributi a fondo perduto del 50% delle spese sostenute.

Tali contributi si riferiscono anche alle certificazioni di sistemi di gestione relativi all’ambiente ed alla qualità, e viene incoraggiata la loro integrazione. Le norme finanziabili ammesse ai benefici della Legge sono: ISO 9001, ISO 14001, OHSAS 18001 e SA8000.

 

dal 2007

 

Risorse comunitarie – POR FESR

 

Direzione Programmazione,innovazione e competitività

Servizio “Servizi Innovativi alle Imprese e diffusione dell’innovazione”

Dr.ssa Sabrina Paolini; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

UMBRIA

2) Inserimento della sostenibilità ambientale tra i criteri di valutazione per l’accesso agli aiuti finanziari per l’innovazione sul POR FESR 2007-2013

Nell’ambito dei Bandi finalizzati a sostenere gli investimenti in innovazione da parte delle PMI, la crescita della loro dimensione media e il consolidamento delle reti fra imprese, è stato inserito, fra i criteri di valutazione dei progetti presentati dalle imprese, quello relativo alla sostenibilità ambientale (intesa come capacità di massimizzare nel tempo il mantenimento della qualità e riproducibilità delle risorse naturali, di preservare la diversità biologica e di garantire l’integrità degli eco-sistemi anche in riferimento all’ottenimento o al possesso di certificazioni ambientali).

 

dal 2007 ad oggi

Risorse comunitarie – POR FESR

 

Direzione Programmazione,innovazione e competitività

Servizio “Servizi Innovativi alle Imprese e diffusione dell’innovazione”

Dr.ssa Sabrina Paolini; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

UMBRIA

3) Progetto “Responsible Med”

Il progetto – di cui è capofila la Regione Toscana e la Regione Umbria è partner insieme a: Università Tecnologica di Cipro (CY), Camera di Commercio di Marsiglia (F), Camera di Commercio di Terrassa (ES), Università di Girona (ES), ADRAL S.A Agenzia di Sviluppo dell’Alentejio (PT), Università di Economia e Commercio di Atene (GR), Prefettura di Larissa (GR) -  ha l’obiettivo di verificare il legame tra la responsabilità sociale e la competitività delle imprese.

Ad oggi il tema della RSI suscita molto interesse ma sono ancora poche le imprese, specialmente di piccole dimensioni che usano la responsabilità sociale come una strategia di mercato. Il progetto mira dunque a verificare quali siano i benefici economici che le PMI possono avere dall’adozione di comportamenti e strumenti orientati alla sostenibilità e a fornire i decisori pubblici dei necessari elementi per programmare, realizzare e valutare efficaci politiche per la sostenibilità.

Nel corso del progetto sono state realizzate attività di analisi, ricerche e sperimentazione di strumenti che vedranno il diretto coinvolgimento degli stakeholder economici e sociali e anche delle piccole e medie imprese che saranno chiamate in prima persona a confrontarsi con strumenti di misurazione e verifica.

 

2010 - 2012

 

Risorse comunitarie – Programma MED

 

Direzione Programmazione,innovazione e competitività

Servizio “Servizi Innovativi alle Imprese e diffusione dell’innovazione”

Dr.ssa Sabrina Paolini; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

UMBRIA

4) Progetto “Responsible SEE”

Il progetto, attualmente in fase avanzata di valutazione, prevede la cooperazione transnazionale tra 7 diversi Paesi del sud-est europeo al fine di realizzare e testare una metodologia e uno strumento comune on line per valutare l’efficacia delle politiche pubbliche in materia di sostegno alla RSI e monitorare il legame tra strategie di RSI e livelli di innovazione e competitività delle imprese.

 

settembre 2012 – settembre 2014

 

Risorse comunitarie – Programma SEE

 

Direzione Programmazione,innovazione e competitività

Servizio “Servizi Innovativi alle Imprese e diffusione dell’innovazione”

Dr.ssa Sabrina Paolini; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

VENETO

1) Istituzione Forum Veneto Multistakeholder

Il Forum Veneto Multistakeholder è stato istituito nell’ambito della Convenzione 2009/2011 (prorogata fino al 30.06.2012) stipulata tra Regione Veneto – Direzione Formazione e Unioncamere del Veneto.

Si configura come un Organismo aperto e punto d’incontro e confronto per la comprensione e l’attuazione volontaria delle pratiche di responsabilità sociale con lo scopo di incentivare il dialogo tra la comunità imprenditoriale, i sindacati, i consumatori, la società civile e gli altri stakeholder e coordinare le attività della convenzione.

Il Forum è composto da circa 50 rappresentanti della comunità imprenditoriale, sindacati, consumatori e società civile ed è strutturato in particolare da: un’Assemblea generale, con il compito di identificare i temi da sviluppare, definire gli obiettivi strategici e valutarne il relativo conseguimento, e un Comitato Tecnico Operativo, con il ruolo di condividere e partecipare allo sviluppo di iniziative e/o progetti nell’ambito degli obiettivi, dei temi e delle priorità individuati dall’Assemblea Generale, al fine ulteriore di diffonderne la realizzazione.

 

2007-2012

 

Risorse regionali

 

Direzione Regionale FORMAZIONE

Ufficio Progetti Speciali

D.ssa Lara Lupinc: telefono 041/2795072 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.progettoveneto.net

 

VENETO

2) Formazione per operatori e figure manageriali

Nel periodo ottobre 2010 – gennaio 2011, si è svolta l’ATTIVITA’ DI FORMAZIONE SULLA CSR PER LE IMPRESE: si sono svolti 7 incontri, uno per ciascuna provincia veneta, presso aziende portatrici di best practices nell’ambito tematico specifico, per un totale di 180 partecipanti (tra imprenditori, responsabili di risorse umane, salute e sicurezza, amministrazione e direzione).

 

2007-2011

 

Risorse regionali

 

Direzione Regionale FORMAZIONE

Ufficio Progetti Speciali

D.ssa Lara Lupinc: telefono 041/2795072 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.progettoveneto.net

 

VENETO

3) Progetto “Scuole&CSR”

E’ stato sviluppato il PROGETTO SCUOLE & CSR rivolto agli studenti delle classi quarte degli Istituti Tecnici di tutto il Veneto, con la finalità di sensibilizzare le scuole ai temi della Responsabilità Sociale d’Impresa e di impegnare attivamente gli studenti e le scuole in laboratori di idee innovative e creative.

Il progetto in numeri: 14 istituti coinvolti di 6 province venete; 10 progetti presentati; 20 classi partecipanti; 430 alunni; 17 docenti; 242 ore di laboratorio per singolo progetto.

 

2007-2010

 

Risorse regionali

 

Direzione Regionale FORMAZIONE

Ufficio Progetti Speciali

D.ssa Lara Lupinc: telefono 041/2795072 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.progettoveneto.net

 

VENETO

4) Requisiti per l’individuazione di imprese socialmente responsabili

Sono state individuate 9 categorie comprensive, in totale, di 20 indicatori (di cui 14 indicatori minimi e 6 indicatori ulteriori): 1. impegno della direzione aziendale: carta d’identità e sistemi di monitoraggio interno; 2. non discriminazione: pari opportunità, disabilità e minoranze, rapporto di lavoro: formazione e stage, qualità del clima aziendale e conciliazione vita-lavoro, rispetto dei diritti di associazione e contrattazione collettiva; 3. salute e sicurezza: infortuni e malattie; 4. ambiente: sistemi di gestione ambientale e bilancio di sostenibilità, materie prime e imballaggi, consumi di energia, materiali e emissioni, prodotti, clienti, fornitori: nuovi prodotto/servizi, informazioni ed etichettatura di prodotto/servizio, fornitori; sviluppo sociale: comunità, prodotti/servizi a connotazione etico-ambientale; trasparenza: customer satisfaction interna ed esterna, comunicazione e coinvolgimento

della comunità, credibilità/reputazione: contenziosi, sanzioni e provvedimenti, regole interne per rispetto della legge. La griglia di autovalutazione è basata sul modello Quality Scoring Framework, suddiviso in 5 fasi che descrivono i diversi possibili stadi di attuazione di ciascun requisito. La griglia permette a ciascuna azienda di valutare il proprio impegno in tema di CSR e comprende 2 classi di requisiti (indicatori minimi e indicatori ulteriori).

 

2007-2012

Risorse regionali

Direzione Regionale FORMAZIONE

Ufficio Progetti Speciali

D.ssa Lara Lupinc: telefono 041/2795072 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.progettoveneto.net

 

PROGETTO INTERREGIONALE/TRANSNAZIONALE SULLA RSI

 

Creazione di una rete per la diffusione della responsabilità sociale di impresa”

L’obiettivo del progetto è la creazione di una rete interregionale e transnazionale, istituita attraverso la sottoscrizione di un protocollo d’intesa, finalizzata a promuovere la diffusione della RSI tra le imprese e ad avviare un processo di scambio e apprendimento reciproco sul tema tra Pubbliche Amministrazioni.

Le finalità di tale Progetto, nato in collaborazione con la Regione Liguria e per il quale la Regione del Veneto è stata proposta con il ruolo di capofila nel corso di una delle prime riunioni tra referenti delle Regioni coinvolte, sono: Aumentare la diffusione della RSI tra le imprese lungo tre direttrici principali (1. sicurezza e qualità del lavoro; 2. risparmio energetico; 3. qualità dei prodotti a tutela dei consumatori); Avviare tra Pubbliche Amministrazioni un processo di scambio e apprendimento reciproco (sugli approcci e programmi di intervento adottati, sulle esperienze realizzate, sulle principali problematiche connesse agli strumenti elaborati sul tema); Sviluppare forme di collaborazione per lo sviluppo di prodotti comuni.

Il Progetto si sviluppa in quattro azioni: 1. Scambio di buone pratiche tra Amministrazioni Pubbliche regionali/provinciali attraverso incontri tematici e visite di studio: tali azioni possono essere realizzate anche a livello internazionale, qualora organismi e Amministrazioni straniere che abbiano maturato esperienze significative sul tema, manifestino l’interesse a definire un programma congiunto di scambio; 2. Promozione della RSI attraverso l’individuazione di agevolazioni/facilitazioni amministrative/punteggi premianti nella partecipazione a bandi per le imprese e le amministrazioni pubbliche socialmente responsabili e la diffusione della cultura di RSI attraverso la realizzazione di interventi formativi e/o di sensibilizzazione; 3. Istituzione di un premio nazionale per la creazione di una rete fra grandi imprese pubbliche e private e piccole imprese, creando un sistema integrato di reciproci vantaggi. Tra gli organizzatori e promotori del premio si prevede la presenza delle Associazioni di Categoria, delle Organizzazioni Sindacali, delle Unioni delle Camere di Commercio, delle Istituzioni Pubbliche. La partecipazione al premio sarà rivolta a tutte le piccole e medie imprese nazionali; 4. Promozione delle esperienze e dei risultati del progetto: potrà essere programmata l’attuazione di una specifica linea di intervento di comunicazione da realizzare attraverso pubblicazioni, seminari e convegni.

 

Nel progetto sono coinvolte le seguenti 14 Regioni: Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria, Toscana, Valle d’Aosta e Veneto.

A tale progetto ha già aderito formalmente anche il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, mentre il Ministero dello Sviluppo Economico ha espresso l’interesse a partecipare.

 

2012 – fine programmazione 2007-2013

 

L’iniziativa non prevede oneri a carico delle Amministrazioni coinvolte.

Per lo sviluppo di ulteriori attività progettuali di interesse comune ai partecipanti si potranno individuare specifiche risorse (regionali, nazionali, comunitarie).

 

Regione Veneto

Direzione Regionale FORMAZIONE

Ufficio Progetti Speciali

Lara Lupinc: telefono 041/2795072 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Regione Liguria

Dipartimento Istruzione, Formazione, Lavoro e Sport

Settore Sicurezza e qualità del lavoro, Immigrazione ed emigrazione

Giuseppina Vandini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Allegato 2 – Buone prassi regionali in tema di RSI

Sono riportate, nel presente allegato, le buone pratiche maturate nei singoli contesti, realizzate dalle Regioni stesse o da altre organizzazioni pubbliche o private del territorio (Province, associazioni di imprese, ecc.). Tali buone pratiche, in alcuni casi, coincidono con le medesime iniziative riportate nell’Allegato 2.

Non si tratta solo di interventi a carattere progettuale, ma di iniziative di diversa natura (atti di programmazione, dispositivi di attuazione, percorsi di collaborazione) che, in relazione ai risultati conseguiti, sono state segnalate dalle Regioni come esperienze di successo, in grado di contribuire alla definizione di una strategia nazionale di Responsabilità Sociale di Impresa.

Le buone prassi fanno riferimento alle seguenti 8 Regioni:

  1. Emilia-Romagna
  2. Liguria
  3. Lombardia
  4. Marche
  5. Piemonte
  6. Puglia
  7. Toscana
  8. Veneto

 

Regione

Organizzazione di riferimento e informazioni

Nome e descrizione

 

Ambito tematico di riferimento

EMILIA ROMAGNA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Enti pubblici in collaborazione con altri partner

1) Esperienze territoriali di RSI

Si tratta di diverse iniziative avviate nei singoli contesti provinciali, di cui si riportano la denominazione e i riferimenti di chi le ha realizzate

Provincia di Piacenza

  • Sportello di Responsabilità sociale d'impresa e indagine conoscitiva presso le imprese - Camera di Commercio
  • Rilevazione di Pratiche di RSI in area piacentina - Provincia

Provincia di Parma

  • Premio Qualità Sociale d’Impresa - Provincia
  • OsservaRSI - CNA Parma:
  • Parmaalimenta, imprese & Istituzioni locali: Sportello di Responsabilità sociale d'impresa –
  • Progetto Parmadona - CSV, Ordine Commercialisti & Facoltà di Economia

 

Provincia di Reggio Emilia

  • Premio innovazione Sostenibile – Confindustria Giovani Reggio
  • Corso sulla RSI - Ordine Commercialisti

Provincia di Modena

  • Premio RSI in provincia di Modena - 6 edizioni 2005-2011 - 180 imprese
  • Indagine sulla RSI nei distretti industriali - 2004, 2008 - Focus Lab e Provincia
  • Club Imprese modenesi RSI - dal 2009
  • Comune di Modena e 8 associazioni imprenditoriali

Provincia di Bologna

  • Ricerca indagine su buone pratiche di RSI - Provincia
  • Progetto Life GAIA - Comune di Bologna

Provincia di Forlì-Cesena

  • Progetto UGO, Certificazione di Innovazione Responsabile - CISE Camera di Commercio

Provincia di Rimini

  • Progetto PercoRSI - Camera di Commercio - Onlus Figli del Mondo

Lavoro, Imprenditoria, Impresa sociale, Organizzazione e bilancio (appalti)

EMILIA ROMAGNA

Organizzazioni del mondo imprenditoriale

Lavoro, Imprenditoria, Impresa sociale, Organizzazione e bilancio (appalti)

 

2) Esperienze territoriali di RSI

Si tratta di diverse iniziative messe in campo dal mondo imprenditoriale, di cui si riportano la denominazione e i riferimenti di chi le ha realizzate.

  • Progetto sul Bilancio Sociale - Unindustria Bologna Gruppo Giovani
  • Indagine pratiche di RSI - Confindustria Modena Gruppo Giovani
  • Guida alla RSI - Confindustria Modena Gruppo Giovani
  • Indagine RSI di distretto – Confindustria Ceramica
  • Repertorio Buone Pratiche di RSI - Confindustria Ceramica
  • Indagine Pratiche di RSI nel commercio  - Confesercenti
  • Impronta Etica – valutazione del valore aggiunto sul territorio da impegni di RSI

 

EMILIA ROMAGNA

Organizzazioni di imprese, associazioni di volontariato, enti locali

 

3) Laboratori d’imprese per la RSI promossi autonomamente da organizzazioni di imprese o in parallelo con gli enti pubblici

Si tratta di laboratori tematici promossi dalle imprese, su singoli ambiti di RSI, per approfondire problematiche di RSI, confrontare idee e possibili soluzioni tra imprese di varie dimensioni e di vari settori.

Parallelamente ad iniziative di mappatura, seminari di sensibilizzazione e corsi, vi sono anche iniziative di co-progettazione in rete da parte di imprese per “incubare” interventi-progetti di RSI. Si segnala ad esempio il Club Imprese modenesi per la RSI nato nel 2009. In tre anni sono state coinvolte 111 imprese di varie dimensioni, grandi, PMI, micro imprese, di diversi settori industriali, dalla meccanica alla logistica, dai servizi alla ceramica industriale, da banche cooperative a multi-utilities.

Le attività si svolgono in laboratori tematici a cadenza mensile, ospitati a rotazione dalle singole imprese partecipanti, che prevedono anche visite. L’impegno delle singole imprese è quello di realizzare un progetto di RSI all’anno, in partnership o individualmente, e progetti trasversali tra le organizzazioni del gruppo.

In tre anni sono stati promossi circa 70 progetti nel complesso, attinenti a diverse aree di RSI: miglioramento dei rapporti con il territorio, del benessere dei dipendenti e della qualità del lavoro, rendicontazione sociale-ambientale, innovazione ambientale tecnologica, asilo nido interaziendale, gruppi di acquisto e servizi ai dipendenti, progetti in partnership con associazioni di volontariato, ma anche attività di benchmarking rsi e valutazione del valore aggiunto creato per vari stakeholders. Le attività del Club sono promosse dal Comune di Modena in collaborazione con varie associazioni imprenditoriali quali Confindustria Modena, Confapi pmi Cna, Lapam, Confcommercio, Confesercenti, Confcooperative, Legacoop.

Si segnala anche un’esperienza simile tra CCIAA di Rimini e l’onlus Figli del Mondo di Rimini

 

Lavoro, Imprenditoria, Impresa sociale, Organizzazione e bilancio (appalti)

 

LIGURIA

Network di imprese della Provincia di Genova e Camera di Commercio di Genova (partner istituzionale).

Azienda Mixura: dr.ssa Isabella Cristina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; www.eticlab.org

 

1) EticLab

EticLab è il risultato di un percorso realizzato dal CLP – Centro Ligure produttività della Camera di Commercio di Genova – e dedicato allo sviluppo della cultura della Responsabilità Sociale d’Impresa per le piccole e medie imprese del territorio provinciale, attraverso azioni di informazione, formazione e consulenza.

Alcune delle aziende partecipanti hanno deciso di continuare il percorso, formalizzando maggiormente il fatto di essere “rete” e di volere contribuire a promuovere lo sviluppo del territorio, attraverso l’avvio di un laboratorio permanente de­dicato alla Responsabilità Sociale d’Impresa: EticLab.

 

EticLab è un laboratorio sperimentale finalizzato alla diffu­sione sul territorio ligure della cultura della Responsabilità Sociale delle Imprese attraverso la sperimentazione e con­divisione di buone pratiche, la promozione del dialogo tra imprese e tra istituzioni ed imprese.

Non indicato

LOMBARDIA

Regione Lombardia, enti pubblici in collaborazione con altri partner

1) Esperienze regionali di RSI

Si tratta di diverse iniziative, non a carattere progettuale, che, in relazione ai risultati conseguiti, si caratterizzano per esperienze di successo, delle quali si riportano i principali elementi:

  • Attivazione di una stretta collaborazione tra le varie direzioni al fine di presentare le diverse iniziative realizzate in tema di RSI in modo unitario e condiviso, sviluppando sinergie ed evitando possibili sovrapposizioni.
  • Inserimento di specifiche azioni e risorse dedicate alla diffusione della RSI nell’Accordo di Programma Competitività per gli anni 2011 e 2012 realizzati in collaborazione con Unioncamere Lombardia e con il sistema camerale lombardo.
  • Attivazione di una collaborazione con un altro ente locale: la Provincia di Milano con cui è stato organizzato il seminario “PA e RSI: valorizzare le imprese responsabili per favorire lo sviluppo sostenibile” all’interno del Salone dal dire al Fare 2012. Si segnala che la Provincia di Milano da anni gestisce il Premio “Impresa responsabile” a favore delle aziende iscritte al proprio Albo fornitori.
  • Inserimento nel regolamento per l’iscrizione all’albo regionale delle cooperative sociali del requisito di redazione del bilancio di responsabilità sociale per ottenere e mantenere l’iscrizione.

Non indicato

 

PIEMONTE

 

 

 

Union Camere del Piemonte, Confindustria Piemonte, OOSS regionale del Piemonte

www.csrpiemonte.it

 

 

1) Collaborazione con il sistema camerale e coinvolgimento delle parti sociale nella trattazione dei temi e degli obiettivi di RSI in Piemonte

Il Sistema camerale, essendo il principale referente del sistema produttivo, è tra i soggetti più idonei a promuovere e diffondere la cultura della CSR nel territorio, a partire da un monitoraggio delle pratiche già esistenti, per poter stimolare la diffusione e l’approfondimento non solo della cultura di responsabilità sociale d’impresa, ma anche degli strumenti concreti.

La Regione Piemonte, al contempo, ha tra le sue priorità lo sviluppo del territorio. È opinione condivisa che i territori economicamente avanzati non debbano perseguire obiettivi di sviluppo economico tout court, bensì occorre valutarli anche in un’ottica di sostenibilità, sia ambientale sia sociale.

L’integrazione crescente tra le attività di Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte, confermata dalla firma, il 12 novembre 2009, di un protocollo d’intesa triennale in materia di sviluppo economico e competitività territoriale, rappresenta quindi un percorso strategico e di successo. Il protocollo individua come prioritarie, per l’aumento della competitività delle imprese e dei territori, diverse aree di intervento congiunto fra enti camerali e amministrazione regionale: internazionalizzazione, Euroregione Alpi Mediterraneo, innovazione e R&S, infrastrutture, ricerca economica, artigianato, promozione delle eccellenze agroalimentari, imprenditoria femminile, turismo, semplificazione amministrativa, regolazione del mercato, conciliazione e tutela dei consumatori. Oltre a questi, il protocollo prevede una collaborazione congiunta sul tema dell’Etica e responsabilità e, in particolar modo, sulla della Responsabilità Sociale d’Impresa CSR come fattore di sviluppo sostenibile del territorio e delle imprese.

Maggiori informazioni sono reperibili sul sito web di tale iniziative, all’interno del quale è possibile trovare una raccolta delle buone pratiche già presenti sul territorio, ma soprattutto di casi e modelli replicabili (http://www.csrpiemonte.it/vetrina_imprese/buone_prassi.htm).

 

Lavoro, Imprenditoria, Formazione/Istruzione, Politiche sociali, Impresa sociale, Attività internazionali/cooperazione

 

PUGLIA

Regione Puglia

 

1) Interventi normativi e atti programmatici

Si segnalano atti normativi e di indirizzo con i quali la Regione Puglia ha inteso sostenere la diffusione della RSI in vari ambiti.

 

  1. Legge regionale 10 luglio 2006, n. 19 “Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini di Puglia”. All’interno di un quadro sistematico di promozione della qualità della vita delle famiglie, all’art. 28 prevede di promuovere, anche con iniziative di carattere sperimentale la “Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e armonizzazione dei tempi delle città”. Il comma 2 dell’art. 21 della l.r. n. 19/2006 prevede, inoltre, che “La Regione promuove la diffusione della cultura della responsabilità sociale di impresa nel tessuto imprenditoriale pugliese, anche con azioni sperimentali, e definisce un sistema di incentivi che promuovano il contributo delle imprese al sostegno di iniziative di utilità sociale”;
  2. Legge regionale 21 marzo 2007, n. 7 “Norme per le politiche di genere e i servizi di conciliazione vita-lavoro in Puglia” approvata dalla Regione Puglia per dare un ulteriore impulso normativo e amministrativo al sistema delle tutele in termini di pari opportunità tra uomini e donne e, ancora, qualità della vita. In particolare, l’art. 26 della legge, ai commi 1 e 2 reca i seguenti impegni per la Regione: “1. La Regione promuove presso il sistema imprenditoriale pugliese l’adozione di piani per l’uguaglianza di genere nelle imprese, in grado di declinare il principio di responsabilità sociale secondo principi di pari opportunità, producendo elementi di innovazione del modello imprenditoriale. Tali piani sono elaborati con il concorso delle associazioni sindacali e datoriali e da queste monitorati. 2. La Giunta regionale promuove politiche premiali per le imprese che adottino tali piani attribuendo il “marchio di genere” secondo modalità definite dalla Giunta regionale.”
  3. Con D.G.R. n. 1176 del 24.05.2011 è stato approvato il II Piano di azione per le famiglie “Famiglie al futuro” nell’ottica di perseguire la valorizzazione delle famiglie pugliesi e migliorare strategicamente l’integrazione delle risorse disponibili. In occasione dell’approvazione del predetto II Piano è stato adottato il Manuale per l’attribuzione del “Marchio Famiglie al futuro” quale strumento finalizzato, in generale, alla valorizzazione del tessuto economico-produttivo e tecnico-amministrativo in un’ottica di conciliazione vita-lavoro e, in particolare, al riconoscimento di una garanzia di qualità, nonché all’attribuzione di una certificazione (il marchio di genere, appunto) per le imprese e i diversi contesti produttivi di beni e servizi, che attesti specifica attenzione alle esigenze e al valore delle famiglie.

 

Lavoro, Imprenditoria, Politiche sociali

PUGLIA

Regione Puglia

Consigliera regionale di parità

 

2) Progetto “Impresa conciliante: Pari opportunità nelle aziende pugliesi”

Il progetto, predisposto ed attivato dalla Consigliera regionale di parità - destinataria dei Rapporti biennali sul Personale maschile e femminile delle aziende con più di 100 dipendenti (art. 46 del dlgs.198/2006), prevede:

  • la sensibilizzazione nei confronti di tutte le aziende del territorio pugliese (anche attraverso la rete delle Consigliere provinciali di Parità) alla sottoscrizione della Carta delle Pari Opportunità e Uguaglianza nel Lavoro (sottoscritta da parti sociali e datoriali e rete delle Consigliere nel 2009);
  • la somministrazione di un questionario a tutte le imprese pugliesi medio-grandi per verificare l’assetto delle misure di conciliazione eventualmente esistenti sul territorio e una ricerca, metodo CATI, alle aziende da 50 a 99 dipendenti;
  • la creazione di un Tavolo regionale in grado di accompagnare (anche con appositi incontri informativi-formativi) la contrattazione collettiva di II livello in termini sociali e di conciliazione;
  • l’istituzione di un elenco di consulenti aziendali per la conciliazione da mettere a disposizione delle aziende (piani di maternità, piani di conciliazione, ecc.).

 

Lavoro, Imprenditoria, Politiche sociali

PUGLIA

Regione Puglia

Servizio regionale Politiche di Benessere sociale e pari opportunità

 

3) Fondo per la Flessibilità nel lavoro

La Regione Puglia ha reso operativo, dal giugno del 2011, il Fondo per la Flessibilità nel lavoro costituito presso tre Enti Bilaterali: Artigianato, Commercio, Turismo e l’Ordine degli Avvocati di Bari, risultati idonei alla selezione effettuata con avviso pubblico.

La costituzione del Fondo rappresenta una prima sperimentazione nazionale scaturita dalla volontà di  rispondere al bisogno di conciliazione vita-lavoro delle lavoratrici e lavoratori che hanno necessità sia di maggiore flessibilità negli orari di lavoro, sia di servizi versatili e di qualità in grado di semplificare la gestione degli impegni professionali e dei carichi di cura familiare. Il Fondo integra le misure già previste dalla legislazione e dalla contrattazione collettiva nazionali in tema di sostegno al reddito in caso di astensione per la cura di familiari, con contributi diretti alle persone occupate nelle imprese aderenti ai rispettivi enti bilaterali e alle avvocate/i iscritti all’Ordine di Bari. La selezione dei destinatari finali degli interventi avviene tramite avviso che ciascun ente/ordine dovrà predisporre al proprio interno.

Alcuni esempi di interventi finanziabili con il Fondo: sostegno alla contribuzione per il part time, integrazione al reddito per congedo parentale, integrazione al reddito per astensione facoltativa a seguito di maternità. Nel caso degli avvocati, sono previste anche misure innovative per gli iscritti all’Ordine, fra cui, a titolo esemplificativo, l’integrazione della base di reddito per il calcolo dell’indennità di maternità, così da innalzare l’indennità stessa delle giovani professioniste.

Sono 1,7 milioni di euro le risorse totali messe a disposizione del Fondo. Ogni ente disporrà di 375 mila euro rese disponibili dalla Regione a cui si aggiungono 50 mila euro di cofinanziamento.

Lavoro, Imprenditoria, Politiche sociali.

TOSCANA

Imprenditoria

1) SA-RETE – Network di imprese responsabili

L'Associazione Sa-Rete Onlus è stata fondata da quattro piccole imprese toscane certificate SA8000 per avviare una piattaforma multidisciplinare e multiservizi rivolta alle imprese socialmente responsabili, sì da valorizzare i loro percorsi ed interagire in maniera sinergica e costruttiva con i principali attori del territorio di riferimento.

Sa-Rete si rivolge a tutte le aziende italiane socialmente responsabili ma anche ad enti e persone fisiche che ne condividano gli obiettivi e le finalità.

Attraverso la creazione di banche dati condivise e la misurazione delle attività relative ai vari processi, si mettono in rete i propri sistemi di gestione aziendale, elaborando proposte concrete di applicazione, miglioramento e creazione di partnership.

L’Associazione, partendo dalla comune esperienza degli associati sulla responsabilità sociale d’impresa, attestata anche in alcuni casi dalla certificazione SA8000, aspira a creare occasioni di condivisione e promozione di buone prassi, confronto e monitoraggio di processi gestionali. Attraverso il Network Etico, l’Associazione vuole promuovere i concetti alla base della certificazione etica e della RSI tali quali la tutela dei diritti dei lavoratori, un salario degno, la libertà di associazione, la contrattazione collettiva, la salute e la sicurezza ed il divieto di discriminazione sul luogo di lavoro.

Imprenditoria

TOSCANA

COMPARTO CHIMICO –ASSINDUSTRIA LIVORNO

INFO: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

2) Bilancio sociale del comparto chimico di Livorno Esperienza avviata nel 2000 da 12 imprese appartenenti al settore della chimica (petrolchimica) di Livorno che riconoscono nel percorso di rendicontazione comune l’approccio più appropriato per confrontarsi con gli stakeholder sulle modalità di gestione del proprio impatto sociale ed ambientale sul territorio, con l'obiettivo di migliorare la comunicazione e il dialogo sociale con tutti gli stakeholder, per condividere e ricercare le iniziative  più appropriate per il consolidamento e lo sviluppo dell'industria sul territorio.

Il Bilancio sociale si è caratterizzato come uno strumento di comunicazione innovativo  per conoscere le aziende del Comparto chimico e petrolifero della Provincia, moderno ed efficace per rafforzare il legame del sistema industriale con il territorio. Grazie ad esso si è lavorato sulla rendicontazione delle performance economiche e sociali, con focus specifici in merito alle criticità del territorio livornese.

Imprenditoria, Organizzazione e bilancio

TOSCANA

Regione Toscana

Direzione Generale – Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese

Direzione generale Organizzazione e risorse

Settore Tributi e sanzioni

 

3) Premialità  e agevolazioni fiscali per le imprese con strumenti o pratiche di RSI

Nella procedura di valutazione delle domande di contributo, le imprese con certificazioni di responsabilità sociali e/o ambientali o con bilanci di sostenibilità asseverati alle linee guida ufficiali, ottengono punteggi di premialità ai fini della stesura della graduatoria finale. Punteggi premiali sono riconosciuti anche ad imprese che, in assenza di strumenti formali quali quelli sopra citati, abbiano realizzato azioni di responsabilità sociale in tema di pari opportunità ed uguaglianza di genere (es. iniziative in tema di flessibilità e conciliazione vita/lavoro) abbiano contribuito alla riduzione del proprio impatto ambientale, alla qualificazione del personale, abbiano assunto disoccupati di lunga durata,  etc..

Le imprese con certificazione SA8000; ISO14001 e registrazione EMAS hanno inoltre una  riduzione dell’aliquota Irap nelle seguenti modalità:

Aliquota base statale: 3,9%

Aliquote regionali:

n  3.21% per le imprese certificate EMAS

n  3.53% per le imprese certificate ISO14001

n  3.44% per le imprese certificare SA8000

 

Tra le varie esperienze realizzate si ritiene interessante e replicabile quanto realizzato, perché collocabile nel  tema del c.d. “premio di mercato”. Si ritiene infatti che ai fini dell’Action plan nazionale partire da esperienza già realizzate in tema di premialità ed agevolazioni (da inserire anche nel macrotema degli appalti) costituisca la modalità più semplice e più efficace.

 

Lavoro, Imprenditoria

 

MARCHE

P.F. Servizi per l’Impiego, Mercato del lavoro, Crisi occupazionali e produttive

Rossella Bugatti

Tel. 071 8063427 – fax 071 8063220

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Imprenditoria e Lavoro

1) Progetto SIRM (Sistema Impresa Responsabile della Regione Marche)

Il progetto SIRM (Sistema Impresa Responsabile della Regione Marche) è nato dalla necessità di implementare la Responsabilità sociale delle imprese presenti sul territorio regionale aumentando, nel contempo, la loro competitività e dinamicità; per far ciò si rendeva necessario sviluppare processi di crescita economica sostenibile, migliorare la qualità dell’occupazione, aumentando la coesione sociale, introdurre un elemento innovativo nella cultura imprenditoriale marchigiana, tale da dirigerla verso un’ottica socialmente responsabile e rivolgerla maggiormente a tutti i portatori di interesse (Stakeholder). In questo modo, infatti, si iniziava a trasformare il concetto di profitto allargandone il suo significato.

Il progetto si è articolato in 4 Macrofasi:

  1. Redazione del progetto esecutivo;
  2. Creazione degli organi, studio ed elaborazione di un disciplinare di responsabilità sociale;
  3. Formazione di auditor di responsabilità sociale e sperimentazione del disciplinare;
  4. Adeguamento delle imprese pilota all’utilizzo di prassi responsabili e comunicazione.

Le aziende, tutte medio piccole, destinatarie della sperimentazione (n. 19) hanno risposto positivamente al progetto. Tre i settori scelti per la sperimentazione: edile - impiantistico, viti-vinicolo e turistico – alberghiero; si sono riscontrati interesse e sensibilità per le tematiche introdotte, collaborazione nello svolgimento delle attività, riconoscimento del valore e dei vantaggi connessi alla Responsabilità Sociale. Sono emerse le pratiche quotidiane di comportamenti socialmente responsabili, adottati dalla direzione anche in maniera inconsapevole.  Alcune imprese, naturalmente, necessitavano di essere maggiormente sensibilizzate sull’importanza e sul valore delle tematiche presentate. Positivo è stato il risultato della sperimentazione in rapporto al perseguimento degli obiettivi generali del progetto stesso, ovvero: elaborare strategie ed approcci innovativi alla promozione delle risorse umane e delle variabili di competitività, in grado di valorizzare la Responsabilità Sociale delle Imprese come fattore strategico di sviluppo aziendale e territoriale.

MARCHE

P.F. Servizi per l’Impiego, Mercato del lavoro, Crisi occupazionali e produttive

Rossella Bugatti

Tel. 071 8063427 – fax 071 8063220

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Imprenditoria, Lavoro

2) Progetto “Imprese Responsabili delle Marche – I.Re.M.”

Si tratta di un programma di RSI finalizzato a favorire la crescita della competitività, in particolare delle Piccole e Medie Imprese (PMI), oltre che la qualità ambientale e sociale del territorio marchigiano, attraverso un approccio strategico di lungo periodo basato sulla gestione delle relazioni con tutti gli stakeholder e in un'ottica di crescita sostenibile.

Le fasi principali del progetto sono state:

  • Analisi contesto e rivisitazione degli strumenti e della metodologia realizzata nella precedente sperimentazione (progetto SIRM)
  • Coinvolgimento stakeholder territoriali (Forum regionale + Incontri provinciali)
  • Analisi delle buone prassi a livello nazionale
  • Individuazione delle aziende per la fase sperimentale e coinvolgimento delle stesse
  • Costruzione di un modello per l’impresa socialmente responsabile delle Marche
  • Individuazione di un processo di riconoscimento/premiante
  • Comunicazione e diffusione dei risultati

Il progetto si basa su alcuni elementi (o strumenti) fondamentali:

  • Codice di comportamento per le PMI marchigiane: definisce i principi di comportamento etico, sociale e ambientale attinenti al territorio, alle comunità locali e alle logiche di rete-filiera, rispetto ai quali specificare i singoli comportamenti responsabili da assumere
  • Linee Guida regionali: contribuiscono all’adozione di un metodo condiviso di gestione e comunicazione della RSI, ed hanno l’obiettivo di diffondere la cultura della trasparenza e di favorire la costruzione di un dialogo permanente tra imprese, territorio e portatori di interesse
  • Procedura di adesione al sistema regionale I.Re.M.: fasi e modalità operative da seguire per aderire alla banca-dati delle imprese socialmente responsabili della Regione Marche

Il progetto ha visto il coinvolgimento diretto, attraverso una fase di sperimentazione, di 42 aziende marchigiane, per la maggior parte piccole imprese (con meno di 50 dipendenti) appartenenti ai settori tipici marchigiani (calzaturiero, alimentare, metalmeccanico, del mobile, ecc.). Alle quali tramite un’attività di assistenza tecnica:

  • è stata presentata la RSI
  • è stato presentato il progetto I.Re.M.
  • è stata effettuata un’analisi di check-up volta a valutare tramite interviste il profilo di Responsabilità Sociale dell’azienda e il posizionamento rispetto ai temi della RSI; in particolare, sono stati valutati i seguenti aspetti: anagrafica dell’azienda, livello di conoscenza della RSI, iniziative attuate in campo sociale e ambientali, comunicazione delle iniziative, considerazioni e suggerimenti per lo sviluppo del sistema I.Re.M.
  • sono stati illustrati singolarmente gli indicatori di Responsabilità Sociale necessari alla compilazione del “Cruscotto di Sostenibilità”

Sulla base dei risultati emersi a seguito dell’analisi di check-up è stato fornito anche un supporto tecnico alle aziende al fine di rendere possibile la rendicontazione di tutti gli indicatori previsti per il loro livello e per altri indicatori opzionali ritenuti utili a comunicare nel modo migliore e più completo possibile il loro profilo di sostenibilità. Sono stati elaborati gli indicatori e per ciascuna azienda che avesse restituito le schede raccolta dati compilate in modo adeguato per il raggiungimento del livello minimo previsto (Livello A, Livello B o Livello C) è stato predisposto un Cruscotto di Sostenibilità. Il Cruscotto ha la funzione di strumento di reporting interno per il monitoraggio delle performance di sostenibilità e dei rischi ad esse correlati, anche una funzione di strumento di comunicazione esterna del profilo e delle performance di sostenibilità dell’azienda.

Sono stati definiti alcuni strumenti di incentivo per l’adozione di comportamenti socialmente responsabili e l’adesione al “costituendo” sistema I.Re.M:

1)       forme di finanziamento specifiche per quelle imprese che dimostrano adeguati livelli di responsabilità sociale;

2) concessione di sgravi fiscali;

3)       sistemi premianti nei bandi pubblici di riconoscimento dei percorsi di RSI intrapresi;

4)       specifiche attività di sensibilizzazione dei consumatori sulla RSI.

Sono state anche individuate alcune linee evolutive:

-       adesione delle aziende al sistema basata su un modello specifico (Linee guida, Codice di comportamento, Disciplinare tecnico e Procedura di Adesione)

-       formalizzazione del sistema

-       istituzione di un organo terzo, di supervisione, sul funzionamento del sistema stesso

-       creazione del marchio regionale delle Imprese Responsabili Regione Marche (I.Re.M.)

-       definizione del sistema premiante

VENETO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Regione Veneto – Direzione Formazione

Unioncamere del Veneto

 

1) “Veneto e imprese: un futuro responsabile. Buone pratiche di Responsabilità Sociale d’Impresa in Veneto”

Nel 2006 è stato approvato il Protocollo d’intesa per la CSR tra Regione del Veneto e Unioncamere

del Veneto per sviluppare in modo sinergico azioni finalizzate a promuovere, sensibilizzare, informare e formare sulla cultura ed i principi della CSR, favorendo l’integrazione di tali principi all’interno della normale gestione d’impresa. Con la firma è nato il Progetto CSR Veneto ed è stato istituito il Forum veneto Multistakeholder composto dai rappresentanti regionali delle parti sociali, delle istituzioni ed altre organizzazioni attive sul tema CSR.

Grazie al grande interesse riscosso e ai risultati ottenuti, nel settembre 2009 la Regione del Veneto

e Unioncamere del Veneto hanno rinnovato per il successivo triennio.

Attraverso questa collaborazione sono state realizzate una serie di attività. In particolare:

  • I Requisiti minimi di Responsabilità Sociale d’Impresa: definiti dal Forum Veneto Multistakeholder, esperienza assolutamente innovativa in Italia e in Europa, hanno l’obiettivo di permettere alle imprese, con il supporto di una Griglia di Autovalutazione, di valutare il proprio grado di Responsabilità Sociale d’Impresa e, in futuro, di ottenere incentivi regionali.
  • Sulla base dei requisiti minimi a marzo 2009 è stato pubblicato “Veneto e imprese: un futuro responsabile – Buone pratiche di Responsabilità Sociale d’Impresa” che racconta e offre visibilità ad alcune best practice di CSR realizzate da imprese venete di diverse dimensioni e settori
  • La Promozione della cultura e dei principi della CSR attraverso incontri con imprenditori, operatori e cittadini interessati.
  • Il Progetto Scuole & CSR, che coinvolge alcuni istituti tecnici superiori veneti nei temi della CSR con attività di formazione ai docenti e laboratori creativi per gli studenti.
  • Attività di formazione sulla CSR per gli operatori intermediari e i manager del settore pubblico e privato attraverso metodologie innovative ed interdisciplinari.

 

È possibile scaricare la pubblicazione “Veneto e imprese: un futuro responsabile Buone pratiche di Responsabilità Sociale d’Impresa in Veneto” , a cura di Unioncamere e Regione del Veneto, che raccoglie le buone pratiche di 23 imprese mostrando esempi pratici di come adempiere ai requisiti minimi http://www.unioncameredelveneto.it/userfiles/ID209__Buonepratiche_bassa.pdf.

 

Imprenditoria