Stampa
Categoria: Normativa regionale
Visite: 3505

Regione Emilia-Romagna
Deliberazione della Giunta Regionale 23 luglio 2013, n. 1019
Approvazione dell'avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'Azione “Sicurezza nei cantieri della ricostruzione”- procedura just in time di cui al “Piano della formazione per la sicurezza”
B.U.R. 14 agosto 2013, n. 241

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:
- il Regolamento n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006, relativo al Fondo sociale Europeo e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1784/1999;
- il Regolamento n. 396/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 maggio 2009 che modifica il regolamento n. 1081/2006 relativo al Fondo sociale Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE;
- il Regolamento n. 1083/2006 del Consiglio dell’11 luglio 2006, recante le disposizioni generali sul Fondo Europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale Europeo e sul Fondo di coesione, e che abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999;
- il Regolamento n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
- il Regolamento n. 539/2010 del parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale Europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
- il Regolamento n. 1828/2006 della Commissione dell’8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/06 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale Europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/06 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di sviluppo regionale;
- il Regolamento 846/2009 della Commissione del 1° settembre 2009, che modifica il Reg. n. 1828/2006 che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/06 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale Europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/06 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di sviluppo regionale;
- la deliberazione del C.I.P.E. n. 36 del 15/6/2007 (pubblicata sulla GU n. 241 del 16/10/2007) concernente “Definizione dei criteri di cofinanziamento nazionale degli interventi socio strutturali comunitari per il periodo di programmazione 2007/2013”;
- la decisione comunitaria di approvazione del Quadro Strategico Nazionale n. C(2007) 3329 del 13/07/2007;
- il decreto del Presidente della Repubblica n. 196 del 3/10/2008 “Regolamento di esecuzione del Regolamento (CE) 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 294 del 17/12/2008;
Vista in particolare la seguente disciplina sugli aiuti di stato:
- delibera di Giunta regionale 332/07 con la quale la Regione ha disciplinato gli aiuti di Stato di importanza minore (de minimis) in attuazione del Regolamento CE 1998/2006;
- delibera di Giunta regionale 1915/09 che modifica la DGR 1968/08 “Approvazione nuovo regime di aiuti alla formazione a seguito del Regolamento (CE) N. 800/2008”;
- Regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006 Applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione dei prodotti agricoli.
Richiamate:
- la decisione di approvazione C(2007)5327 del 26/10/2007 del “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione da parte della Commissione Europea;
- la decisione C(2011)7957 del 10/11/2011 recante modifica della decisione C(2007)5327 del 26/10/2007 che adotta il Programma Operativo per regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione della Regione Emilia-Romagna CCI2007IT052PO002;
- la decisione C(2013)2789 del 13/05/2013 recante modifica della decisione C(2007)5327 del 26/10/2007 che adotta il Programma Operativo per regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione della Regione Emilia-Romagna CCI2007IT052PO002;
- la delibera di Giunta regionale n. 1681 del 12/11/2007 recante “POR FSE Emilia-Romagna obiettivo 2 “Competitività regionale ed occupazione” 2007-2013 - Presa d’atto della decisione di approvazione della Commissione Europea ed individuazione dell’Autorità di Gestione e delle relative funzioni e degli Organismi Intermedi”;
- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 101 dell’1/3/2007 “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione. (Proposta della Giunta regionale in data 12/2/2007, n. 159”;
- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 38 del 29/03/2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013. (Proposta della Giunta regionale in data 7/3/2011, n. 296)”;
Visti:
- la L.R. n. 12 del 30 giugno 2003, “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” ed in particolare l’art. 13 “Finanziamento dei soggetti e delle attività”;
- la L.R. n. 17 dell'1 agosto 2005, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del Lavoro”;
- la L.R. n. 2 del 2 marzo 2009 “Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile”;
- il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e ss.mm.;
- il Decreto Interministeriale 22 dicembre 2010, che provvede al riparto delle risorse di cui all’art. 11 comma 1 lett. b) del Decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81 e alla individuazione delle priorità per il finanziamento di attività di formazione;
Viste:
- la legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” in particolare l’art. 11;
- la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e succ. mod.;
- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art. 3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;
Visti infine:
- Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 1 giugno 2012 “Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari a favore dei contribuenti colpiti dal sisma del 20 maggio 2012, verificatosi nelle province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo”;
- Decreto-Legge del 6 giugno 2012, n. 74 così come convertito con L. 122/12 “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012”;
Richiamate le proprie deliberazioni:
- n. 177 del 10/2/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.ii;
- n. 105 del 1/2/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla Deliberazione della Giunta regionale 14/2/2005, n. 265” e s.m.i.;
- n. 532 del 18/04/2011 “Accordo fra Regione e Province dell’Emilia-Romagna per il coordinamento della programmazione 2011/2013 per il sistema formativo e per il Lavoro (L.R. 12/03 – L.R. 17/05)”;
- n.105 del 6/2/2012 “Integrazione accordo tra Regione Emilia- Romagna e Province di cui alla Delibera di Giunta Regionale n. 532/2011”;
- n. 141 del 11/2/2013 “Integrazione accordo tra Regione Emilia-Romagna e Province di cui alla delibera di Giunta regionale n.532/2011. Anno 2013”;
- 389/13 “Aggiornamento elenco degli organismi accreditati di cui alle DGR. 1620/12, e n. 90/2013 dell'elenco degli organismi accreditati per l'obbligo d'istruzione ai sensi della DGR 2046/10”;
Richiamate in particolare le proprie deliberazioni:
- n. 731 del 30 maggio 2011 “Approvazione del “Piano della formazione per la sicurezza” e degli strumenti per la sua attuazione: l'avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'attuazione di azioni sperimentali a valenza regionale e i requisiti e modalità di selezione delle operazioni a valenza provinciale”;
- 1790/12 “Approvazione dell'avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'attuazione di azioni a valenza regionale di cui al “Piano della formazione per la sicurezza” approvato con DGR. 731/11”;
- 679/ 13 “Approvazione e finanziamento operazioni a valere sull'azione 1 della DGR 1790/12 “approvazione dell'avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'attuazione di azioni a valenza regionale di cui al “piano della formazione per la sicurezza” approvato con DGR n. 731/2011”;
- Proposta GPG/2013/734 del 23/5/2013 “Approvazione e finanziamento operazioni a valere sulle azioni 2 e 3 della DGR 1790/12 “approvazione dell'avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'attuazione di azioni a valenza regionale di cui al “piano della formazione per la sicurezza” approvato con DGR 731/11”.
II provvedimento”;
Vista la Determinazione Dirigenziale n. 3885/2013 “Programmazione FSE 2007-2013: indicazioni sulla chiusura del programma operativo, tempistica e adempimenti”;
Considerato che nell’Avviso di cui all'Allegato 1), parte integrante e sostanziale della citata deliberazione n. 1790/2012, sono state indicate le azioni finanziabili e le relative risorse disponibili come di seguito riportato:
- Azione 1) “Sicurezza nei cantieri della ricostruzione” per Euro 1.522.852,00;
- Azione 2) “Sicurezza nell’allestimento e realizzazioni di eventi” per Euro 300.000,00;
- Azione 3) “Modelli di organizzazione e gestione anche in rete della sicurezza” per Euro 800.000,00;
per un totale di Euro 2.622.852,00 risorse nazionali art. 11 lettera B Dlgs 81/08 – Attuazione articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e risorse nazionali a cofinanziamento;
Dato atto altresì che:
- con le proprie sopra richiamate deliberazioni 679/13 e Proposta GPG/2013/734 del 23/5/2013 si è proceduto all’approvazione delle operazioni pervenute a valere sulle azioni 1, 2 e 3 dell’Avviso sopra citato per un finanziamento pubblico complessivo approvato di Euro 1.758.040,80;
- sulla base di quanto indicato al precedente alinea, le risorse residue già programmate con l’Avviso sopra citato sono pari a Euro 864.811,00 - risorse nazionali art. 11 lettera B Dlgs 81/08
– Attuazione articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e risorse nazionali a cofinanziamento;
Rilevato che la strategia comunitaria 2007-2012 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro di cui alla richiamata Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo COM(2007)62 pone tra gli obiettivi principali il mutamento dei comportamenti dei lavoratori e la diffusione presso i datori di lavoro di approcci orientati alla salute e invita gli Stati membri all’integrazione della salute e della sicurezza nei programmi di istruzione e formazione;
Considerato che la Regione Emilia-Romagna intende, in attuazione del “Piano della formazione per la sicurezza” di cui alla deliberazione di Giunta regionale 731/11 e con riferimento alla citata deliberazione 1790/12:
- contribuire a creare e diffondere la cultura della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e la promozione del benessere dei lavoratori;
- favorire l’acquisizione di maggiore consapevolezza dei problemi legati alla salute e sicurezza sul lavoro e la comprensione del valore dell’impegno verso la sicurezza;
- promuovere il cambiamento dei modelli comportamentali di lavoratori e datori di lavoro, nonché abitudini di vita che migliorino le condizioni di salute in generale;
Considerato altresì che si intende proseguire nell’attuazione del suddetto Piano mantenendo una linea di intervento che accompagni la ricostruzione delle aree colpite dal sisma rendendo disponibili interventi per la sicurezza nei cantieri;
Ritenuto pertanto sulla base di quanto sopra esposto di procedere all’approvazione dell’”Avviso pubblico di chiamata di operazioni per l’attuazione dell’azione “sicurezza nei cantieri della ricostruzione”- procedura just in time - di cui al “Piano della formazione per la sicurezza”, Allegato A) parte integrante e sostanziale al presente provvedimento, dando atto che:
- le operazioni dovranno essere presentate secondo le modalità e i termini riportati nell’Avviso stesso;
- la valutazione delle operazioni, verrà effettuata dal Nucleo di valutazione regionale interno all’Assessorato, nominato con Determinazione del Direttore Generale Cultura, Formazione e Lavoro, 562/13, con il supporto, nella fase di pre-istruttoria tecnica, di ERVET SpA;
- di destinare, per la realizzazione delle iniziative afferenti all’Avviso stesso, risorse nazionali ex art. 11 comma 1 lettera B. DLgs 81/08 e ss.mm. e risorse nazionali a cofinanziamento, per Euro 864.811,00;
Viste:
- la legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” in particolare l’art. 11;
- la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e succ. mod.;
- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art. 3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;
Visto il DLgs 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;
Richiamate le Leggi Regionali:
- 40/01 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;
- 43/01 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” ss.mm;
- 19/12 “Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell'art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l'approvazione del Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013 e del Bilancio pluriennale 2013-2015”;
- 20/12 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2013 e del Bilancio pluriennale 2013-2015”;
Viste le proprie deliberazioni:
- 1057/06 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;
- 1663/06 “Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;
-.2416/08 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali.
Adempimenti conseguenti alla delibera 999/08. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07” e ss.mm;
- 1377/10 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali” così come rettificata dalla deliberazione 1950/10;
- 2060/10 “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;
- 1222/11 recante “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;
- 1642/11 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professionali istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;
- 221/12 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;
Dato atto del parere allegato;
Su proposta dell’Assessore competente per materia;

a voti unanimi e palesi
delibera:

1) di approvare, per le motivazioni espresse in premessa, e che qui si intendono integralmente riportate, l’”Avviso pubblico di chiamata di operazioni per l’attuazione dell’azione “sicurezza nei cantieri della ricostruzione”- procedura just in time- di cui al “Piano della formazione per la sicurezza”, Allegato A), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
2) di prevedere, per la realizzazione delle iniziative afferenti all’Avviso che si approva con il presente provvedimento, risorse nazionali art. 11 lettera B Dlgs 81/08 - Attuazione articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e risorse nazionali a cofinanziamento, per Euro 864.811,00;
3) di prevedere inoltre che, per quanto riguarda l’utilizzo delle risorse, gli enti attuatori dovranno rispettare le norme di pubblicità, informazione, gestione e rendicontazione del Fondo Sociale Europeo al fine di effettuare operazioni di overbooking a sostegno dell’indice di realizzazione sulle risorse del Programma operativo per l’intervento comunitario del FSE ai fini dell’obiettivo 2 “Competitività regionale e occupazione” della Regione Emilia-Romagna;
4) di stabilire che la valutazione delle operazioni di cui all’Allegato A), verrà effettuata dal Nucleo di valutazione regionale interno all’Assessorato nominato con Determinazione del Direttore generale Cultura, Formazione e Lavoro 562/13, con il supporto, nella fase di pre-istruttoria tecnica, di ERVET SpA.;
5) di pubblicare la presente deliberazione, unitamente all’Allegato A) parte integrante e sostanziale della stessa, nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Allegati