Stampa
Categoria: Prassi amministrativa
Visite: 6877

Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali
CORPO FORESTALE DELLO STATO
ISPETTORATO GENERALE
Servizio III
Divisione 8A

 

Roma, 11 marzo 2014

 

 

Ai Servizi IV, V e VI
SEDE

 

 

Ai Comandi Regionali del C.F.S.
LORO SEDI

 

 

Alla Scuola del C.F.S.
CITTADUCALE

 

 

Alle Divisioni 4^ , 9^, 10^, 11^
SEDE

 

 

All’Ufficio per la Biodiversità
SEDE

 

 

E, p.c., all’Ufficio Relazioni Sindacali
SEDE


Prot. n. 750

Oggetto: Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e s.m.i. Sistema di gestione integrata della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per gli operatori del Corpo forestale dello Stato - Servizio di prevenzione e protezione

Il quadro normativo in oggetto impone la costituzione di un Sistema di gestione permanente e organico diretto all’individuazione, alla valutazione, alla riduzione e al controllo costante dei fattori di rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori.

Nell’ambito di questa Amministrazione, in relazione alla natura dei servizi e al coordinamento delle misure di prevenzione, detto Sistema risulta di particolare complessità.

Il Corpo forestale dello Stato, a causa degli onerosi vincoli di bilancio imposti dalle recenti disposizioni sul contenimento della spesa per l’acquisto di beni e servizi, ha inteso pertanto avviare un processo di coordinamento e monitoraggio uniforme finalizzato al puntuale adempimento delle disposizioni sulla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché al miglioramento del benessere e del comfort lavorativo e della specificità dei processi lavorativi di questa Amministrazione.

In particolare appare necessario porre in essere il quadro degli adempimenti, conformemente alla dimensione delle strutture, con la presenza di una stabile organizzazione di supporto in grado di garantire l’ottemperanza alle disposizioni per ogni singolo Datore di lavoro, di monitorare costantemente e aggiornare i Documenti di valutazione dei rischi e i piani per la gestione delle emergenze, delle varie strutture, in modo uniforme, di adottare le idonee misure tecniche, di adeguare costantemente i processi organizzativi interni con la definizione delle regole e delle procedure di sicurezza, nonché con i meccanismi di sorveglianza sulla loro applicazione.

Sulla base di queste premesse l’Amministrazione ha già avviato le iniziative necessarie per garantire ai singoli Datori di lavoro l’assistenza per gli adempimenti previsti dal Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, prioritariamente finalizzati al Servizio di prevenzione e protezione e al Documento di valutazione di rischi.

In particolare, nel corso dell’anno 2013, nell’ambito del IV Corso di formazione iniziale per i Commissari del Corpo forestale dello Stato, si è provveduto a qualificare gli stessi in qualità di Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione attraverso un apposito corso di formazione svolto dall’INAIL, tenuto conto delle esigenze di riservatezza e segretezza per le quali, in una Forza di Polizia, non si può prescindere dalla tutela delle informazioni riguardanti i compiti istituzionali, la tutela dell’ordine, della sicurezza e della incolumità pubblica ovvero il contrasto alla criminalità.

A tale scopo, gli Uffici in indirizzo, che ancora non si avvalgono di proprio personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 32 del D.Lgs. n. 81/2008, vorranno comunicare con cortese urgenza le risorse umane cui preporre al Servizio di prevenzione e protezione, nel numero di una unità per Datore di lavoro, che saranno avviate ad apposito percorso formativo.

Inoltre, per le stesse ragioni di unicità di gestione, nonché di riservatezza e segretezza, ai sensi delle vigenti norme unificate per la protezione e tutela delle informazioni classificate e la tutela del segreto di Stato, di cui ai decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 febbraio 2006 e 8 aprile 2008 e successive modifiche o integrazioni, nonché la tutela degli atti e documenti comunque sottratti all’accesso, a norma dell’articolo 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, i Datori di lavoro dell’Amministrazione avranno cura di predisporre il Documento di valutazione dei rischi, tenuto conto che per gli operatori del Corpo forestale dello Stato detto documento rappresenta la base su cui costruire l’intero Sistema indicato in oggetto.

Per tale attività, considerata la valenza strategica che il D.V.R. assume nel quadro dell’intero Sistema, questo Ispettorato Generale fornirà ogni utile collaborazione di indirizzo, di supporto e di assistenza ai Datori di lavoro incaricati.

Rispetto ad altri "lavori", nel Documento di valutazione dei rischi di una struttura destinata ad operare nel settore della legalità, della sicurezza e del soccorso pubblico, è necessario aggiungere alla rilevazione del rischio ordinario, come indicato dal legislatore, la valutazione di tutti quei rischi connessi alle effettive peculiarità organizzative, ivi comprese quelle per la tutela della salute e della sicurezza del personale nel corso di operazioni e attività condotte.

In questo quadro si pone il rapporto di collaborazione, in via di definizione, tra questa Amministrazione e la Direzione Centrale di Sanità del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, per l’assicurazione dell’attività di sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41 del Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonché di supporto all’attività di vigilanza di cui all’articolo 13, comma 1-bis, dello stesso testo normativo, prestata, a tal fine, da medici dei ruoli professionali della Polizia di Stato.

Non meno importante per dette attività, in capo ai Datori di lavoro, risulterà anche il qualificato e responsabile contributo dei Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, per meglio definire i fattori di rischio correlati a tutti i processi lavorativi di competenza del Corpo forestale dello Stato.

Ai fini di una proficua interlocuzione intesa ad assolvere ai compiti a ciascuno demandati dalle vigenti disposizioni, si comunica agli Uffici in indirizzo che sono stati incaricati, quali referenti per l’attività di cui trattasi, il Commissario Capo ing. Massimo Pippoletti (recapito telefonico 06***, indirizzo di posta elettronica m.pippoletti@***) e il Commissario Capo dott. Andrea Gumina (recapito telefonico 06***, indirizzo di posta elettronica a.gumina@***), entrambi in servizio presso la Divisione 8 di questo Ispettorato Generale.

IL CAPO
DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO
Cesare Patrone