Stampa
Categoria: 2014
Visite: 4269

Tipologia: Protocollo di intesa
Data firma: 11 luglio 2014
Parti: Italsarc scpa/Ance Cosenza/Confindustria Cosenza e Fillea-Cgil, Filca-Cisl, Feneal-Uil
Settori: Edilizia-Grandi opere, A3
Fonte: filleacgil.it

Sommario
:

1 - Premessa
2 - Sistema di relazioni
3 - Materie di relazioni
4 - Normativa applicabile
5 - Organizzazione del lavoro
6 - Mercato del lavoro
7 - Sicurezza e prevenzione
8 - Affidamenti a terzi e sub affidamenti
9 - Logistica di cantiere

Protocollo di intesa per la realizzazione dei lavori di "Ammodernamento ed adeguamento al tipo l/a dal km 153+400 al km 173+900 Macrolotto 3 parte 2ª Autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria"

In Cosenza, addì 11 luglio 2014 presso la sede di Ance Cosenza - Sezione Costruttori Edili di Confindustria Cosenza in Via Tocci 2/C, tra il Contraente Generale Italsarc scpa […] con l'assistenza […] di Ance Cosenza/Confindustria Cosenza; e Organizzazioni Sindacali, di seguito per brevità denominate “OO.SS.”, qui rappresentate da: Segreterie Nazionali di Fillea Cgil / Filca Cisl / Feneal Uil […], Segreterie Territoriali di Fillea Cgil Calabria e Comprensorio Sibari Pollino Tirreno / Filca Cisl Cosenza / Feneal Uil Cosenza […]

1 - Premessa
L'incontro si tiene con riferimento al Protocollo d'Intesa sottoscritto tra Anas spa e le OO.SS. in data 21/01/2003 e in data 12.6.2006;
L'Italsarc scpa è costituita dalle imprese Cmb soc. cooperativa e Ghella spa ha acquisito i lavori per l'Ammodernamento ed adeguamento al tipo l/a dal km 153+400 al km 173+900 Macrolotto 3 parte 2ª dell'Autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria"
La citata commessa ricade, interamente, nella sola Provincia di Cosenza;
La realizzazione dell'opera, costituisce un momento di estrema importanza non solo per quanto riguarda il sistema delle comunicazioni e trasporti del sistema autostradale nazionale ma anche per quanto attiene i risvolti economici, sociali ed occupazionali delle aree interessate dai lavori;
Le difficoltà tecniche, accentuate da una operatività in presenza di traffico, collegate all'opera da realizzare con tempi e costi strettamente definiti, richiederanno uno sforzo tecnico-organizzativo assai rilevante, indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi prefissati in un contesto che garantisca il rigoroso rispetto delle prescrizioni di legge;
I firmatari, unitamente al Committente ed alle Autorità Pubbliche competenti, sono impegnati nell'adozione di tutte le possibili misure volte ad evitare infiltrazioni della criminalità organizzata, in qualsiasi forma possano essere poste in essere nella fase produttiva connessa.
Italsarc scpa e le Organizzazioni Sindacali individuano nel presente Protocollo di Intesa un documento che impegna le parti, a decorrere dalla data di sottoscrizione, alla corretta applicazione degli argomenti di seguito trattati ma soprattutto determina una opportunità affinché il metodo di confronto costante fra Italsarc scpa e Organizzazioni Sindacali Nazionali e Territoriali sia con efficienza realizzato;
Le parti intendono realizzare un efficace sistema di informazioni e relazioni sindacali necessarie alla realizzazione delle opere, con particolare attenzione ai problemi dell'occupazione, dell'organizzazione del lavoro, delle strutture dei cantieri, della sicurezza ed igiene, tali problematiche meritano la massima attenzione delle parti firmatarie, affinché le interlocuzioni e le relazioni sindacali riescano a comporre l'insorgere di situazioni che abbiano a riflettersi negativamente sulla attività realizzativa dell'opera; 
Tutte le imprese, a qualsiasi titolo coinvolte dalla realizzazione dell'opera, dovranno rispettare quanto previsto in materia di lavoro dalle vigenti norme di legge e di contratto collettivo applicato in relazione alla categoria prevalente enunciata nel Contratto di Affidamento o Sub Affidamento.
Tutto ciò premesso si conviene quanto segue:
Le premesse fanno parte integrante del presente protocollo d'intesa.
Il presente protocollo d'intesa vincola le parti firmatarie al rispetto ed alla gestione in ogni livello come definito al successivo capitolo "Sistema di relazioni".
Per "Affidatari" le parti intendono ogni fase di lavoro o servizi o forniture affidate da Italsarc scpa a terzi con riferimento a quanto previsto dal D.Lgs. 20 agosto 2002 n. 190 ed alla Legge 19 marzo 1990 n. 55 con successive abbinate modifiche e integrazioni.
Italsarc scpa si impegna a far applicare i contenuti del presente protocollo agli "Affidatari" e questi agli eventuali "Sub affidatari".
Copia del presente protocollo sarà allegato ai contratti di affidamento e sub affidamento.

2 - Sistema di relazioni
Le parti convengono di stabilire un sistema di relazioni così articolato:
Livello nazionale
- Segreterie Nazionali Feneal Uil - Filca Cisl - Fillea Cgil;
- Italsarc scpa con eventuale assistenza della Associazione Nazionale Costruttori Edili (Ance).
Livello territoriale e di cantiere
- Segreterie Regionali e Territoriali Feneal Uil - Filca Cisl - Fillea Cgil;
- Ufficio della sede operativa della Italsarc scpa con eventuale assistenza della Associazione Nazionale Costruttori Edili (Ance) sede di Cosenza.
- Rappresentanze sindacali - RSU di cantiere.

3 - Materie di relazioni
Nell'ambito del sistema generale di informazioni, articolato su livelli nazionale e territoriale, le materie oggetto di analisi e di trattazione saranno le seguenti:
Livello nazionale
Le parti si incontreranno, su richiesta di una delle parti per una verifica delle problematiche con particolare riferimento a:
- informazione sullo stato di avanzamento dell'opera ed i tempi di realizzazione;
- situazione occupazionale e previsioni;
- stato dei rapporti con le istituzioni e con gli Enti Bilaterali istituzionali;
- informativa sulla applicazione inerente la sicurezza ed igiene del lavoro, nonché un quadro generale degli infortuni eventualmente verificatisi;
- informazioni sugli affidamenti ed eventuali sub affidatari;
- eventuale conciliazione dei conflitti non definiti a livello territoriale.
Livello territoriale e di cantiere
Le parti si incontreranno, di norma trimestralmente o su richiesta di una delle ^ parti, per una verifica delle problematiche con particolare riferimento a:
- Sicurezza, igiene del lavoro e rapporti con i CTP;
- Sessioni informative sull'andamento dei lavori, sulla forza lavoro complessivamente in essere;
- Programmi occupazionali dei cantieri, formazione dei lavoratori e rapporti con le Scuole Edili;
- Problematiche relative alle condizioni logistiche dei lavoratori;
- regimi di orario di lavoro, turni di lavoro, regimi di compensazione di riposi e ferie, individuazione degli eventuali periodi di chiusura collettiva per ferie aziendali;
- Informazioni sullo stato degli affidamenti e dei relativi sub affidatari a qualunque titolo coinvolti nella realizzazione dell'opera;
Qualora sorgano conflitti a livello di cantiere e o di unità produttiva, le parti convengono di convocare, entro 48 ore, riunioni con la RSU - se costituita – ovvero con le organizzazioni territoriali, per esaminare le problematiche insorte prima di attuare eventuali azioni sindacali compresa la sospensione delle attività.
Le Modalità attuative dell'agibilità ai cantieri delle OOSS territoriali, comunque garantite, verranno definite e concordate in un apposito incontro tra le parti.

4 - Normativa applicabile
Nell'ambito delle attività previste per la realizzazione dei lavori di "Ammodernamento ed adeguamento al tipo l/a dal km 153+400 al km 173+900 Macrolotto 3 parte 2ª Autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria" potranno essere applicate le disposizioni contrattuali previste dal:
• Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per le Imprese Edili ed Affini e successive modificazioni per le imprese industriali;
• Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per le Imprese Edili ed Affini e successive modificazioni per le imprese industriali COOP
• Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per le Imprese Edili ed Affini e successive modificazioni per le imprese industriali PMI
• Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per le Imprese Edili ed Affini e successive modificazioni per le imprese industriali Artigiani
• Contratto Integrativo Provinciale e Regionale per i lavoratori del settore dell'edilizia di Cosenza;
• Contratti Collettivi Nazionali dei settori di appartenenza per i lavoratori occupati in imprese che non fanno parte del settore edile.
Oltre alle norme e disposizioni definite dal:
• Sistemi degli Enti Bilaterali Contrattuali (Cassa Edile, Scuola Edile, CTP) della provincia di Cosenza ed Edilcassa Regionale;
• applicazione a tutta la filiera del cantiere della normativa “cantieri temporanei e mobili" del testo unico sicurezza 81/08 e successive modifiche e integrazioni.
• Protocollo legalità sottoscritto in data 18 dicembre 2013 tra Prefettura - U.t.C di Cosenza, Anas spa ed il Contraente Generale Italsarc scpa.

5 - Organizzazione del lavoro
Tenuto conto che la realizzazione del tratto stradale è di rilevante importanza per il sistema delle comunicazioni e che la specializzazione delle opere comporta una frequenza prevedibile di interruzioni delle attuali strade pubbliche con tempi di esecuzione definiti ed autorizzati esclusivamente da Autorità esterne, le parti, in relazione alle esigenze produttive che si presenteranno, verificheranno l'esistenza di presupposti sul ricorso a forme di flessibilità previste dai CCNL e dagli integrativi provinciali applicati.
In questa sede, in deroga al contratto integrativo provinciale di Cosenza, Le Parti si danno atto che le lavorazioni potranno svolgersi, previo accordo tra le parti a livello territoriale che ne definiscano le modalità, con turni che coprano le 24 ore 7 giorni su sette, nel rispetto della normativa vigente in materia di orari di lavoro (D.Lgs 66/2003)
Le parti si danno atto che potranno essere attuati, regimi di orario settimanale, e/o plurisettimanale, a squadre definite, sistemi ed orari con turni di lavoro alternati, a ciclo continuo, avvicendati o notturni, individuando anche modalità di rientro periodico dei lavoratori nei luoghi di provenienza, attraverso (dove operativamente possibile) forme flessibili dell'orario di lavoro e relative compensazioni.

6 - Mercato del lavoro
Visto quanto previsto dal Protocollo di Legalità sottoscritto in data 18/12/2013 le parti convengono che l'avvio dei lavori costituirà occasione per dare concreta risposta alle esigenze sociali del mercato del lavoro locale. Il Contraente Generale, pertanto, promuoverà tutte le iniziative opportune affinché venga favorita l'assunzione – in quantità e qualità professionale adeguate alle oggettive peculiarità ed esigenze tecnico - produttive ed organizzative del cantiere - di lavoratori iscritti nelle liste di disoccupazione e o di mobilità delle circoscrizioni ove ha sede l'unità produttiva.
In ogni caso per competenze professionali specialistiche, la ricerca, la selezione e l'assunzione di manodopera e di tecnici specializzati potrà interessare tutto il territori nazionale.
Le parti valuteranno altresì, la possibilità di favorire l'inserimento dei lavoratori di primo ingresso nel settore delle costruzioni, nel rispetto delle vigenti norme di legge, compatibilmente con le esigenze tecnico produttive ed organizzative delle imprese.
Le attività di formazione verranno svolte in collaborazione con i relativi Enti Bilaterali di settore, competenti per territorio.
Le parti concordano, al fine di favorire l'inserimento di lavoratori iscritti nelle liste di disoccupazione e o di mobilità delle circoscrizioni ove ha sede l'unità produttiva, di attivare gli Enti Bilaterali (Scuola Edile e CTP) per effettuare corsi di formazione- informazione che favoriscano il miglioramento delle competenze professionali dei lavoratori ed il miglioramento delle conoscenze in materia di sicurezza e prevenzione.
Gli Enti Bilaterali di settore comunicheranno i nominativi dei partecipanti ai corsi di formazione ed i nominativi di coloro che acquisiranno particolari abilitazioni professionali saranno portati a conoscenza delle imprese impegnate nella realizzazione dell'opera.

7 - Sicurezza e prevenzione
Le parti ribadiscono che l'applicazione ed il rispetto di tutta la normativa esistente in materia di sicurezza, igiene e prevenzione, costituirà un punto qualificante ed irrinunciabile dell'organizzazione di cantiere.
Nell'ambito di incontri periodici tra la Italsarc scpa e le Organizzazioni Sindacali Nazionali su richiesta delle parti, verranno esaminati ed approfonditi temi riguardanti:
- le azioni di monitoraggio e prevenzione;
- la sorveglianza sanitaria;
- l'informazione, la formazione e l'addestramento dei lavoratori;
- l'attuazione dei piani di sicurezza;
- l'applicazione delle norme di cui al TUS D.Lgs. n. 81 del 9/04/2008.
- l'adeguatezza dei presidi sanitari pubblici di pronto intervento ed emergenza nelle vicinanze del cantiere.
Le parti effettueranno durante la riunione annuale un esame congiunto dei risultati delle azioni compiute in tema di sicurezza ed esamineranno i dati statistici sull'andamento infortunistico, delle malattie professionali, degli accertamenti sanitari e delle visite ispettive.
In relazione a quanto sopra Italsarc scpa svolgerà le eventuali azioni di promozione e di coordinamento consultivo nei confronti delle imprese affidatane e/o sub affidatarie al fine della migliore omogeneizzazione ed attuare le misure di igiene e sicurezza.
Il Contraente Generale e le imprese affidatane e/o sub-affidatarie realizzeranno l'opera ottemperando a quanto prescritto dalla vigente normativa in materia.
In particolare Italsarc scpa in qualità di Contraente Generale, con struttura dedicata:
- vigilerà sulla sicurezza nell'attuazione dei lavori di costruzione;
- monitorerà l'applicazione e l'aggiornamento dei piani di sicurezza e di coordinamento;
- promuoverà con le imprese affidatane e/o sub affidatane la collaborazione e la reciproca informazione;
- verificherà l'attuazione di quanto previsto dalla normativa in vigore.
In conformità alle disposizioni di legge le parti verificheranno che ogni singolo affidatario predisponga tutti gli adempimenti e le misure definite dalla Legge in materia di sicurezza ed igiene del lavoro, verrà posta particolare attenzione affinché a tutti i lavoratori, comunque impegnati nei lavori affidati, venga eseguita la sorveglianza sanitaria secondo quanto previsto, per ogni mansione, dal protocollo sanitario del medico competente.
Le parti concordano di attivare gli Enti Bilaterali (Scuola Edile e CTP) senza ulteriore aggravio di costi in relazione alla formazione di base per Italsarc e per le aziende affidatane e o sub-affidatarie, per utilizzare le competenze maturate da questi nella formazione professionale e nella prevenzione infortunistica.
Le parti concordano, altresì di attivare gli Enti Bilaterali (Scuola Edile e CTP) per Italsarc e per le aziende affidatane e o sub-affidatarie per effettuare corsi di formazione-informazione che favoriscano il miglioramento delle competenze professionali dei lavoratori ed il miglioramento delle conoscenze in materia di sicurezza e prevenzione.
La formazione potrà essere effettuata anche attivando ulteriori fonti e misure di finanziamento (fondi interprofessionali, etc.).
Ai lavoratori assunti da Italsarc scpa verrà assicurata la fornitura dei DPI, ivi compresa la dotazione di idoneo vestiario da lavoro ad alta visibilità, sia estivo che invernale, nel pieno rispetto di quanto previsto dai CCNL di settore e dai Contratti Integrativi Territoriali.
Stessa dotazione dovrà essere assicurata dagli affidatari e o sub-affidatari ai lavoratori impegnati nell'opera.
I programmi di formazione relativi ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e quelli per singoli lavoratori nell'ambito di quanto previsto dal CCNL del settore delle costruzioni saranno concordate e saranno svolte in collaborazione con il CTP e la Scuola Edile della provincia di Cosenza
Data la complessità delle attività produttive ed i riflessi della stessa sul piano della sicurezza delle maestranze, degli impianti, delle opere realizzate, e degli utenti dell'autostrada le parti si impegnano a definire un piano di intervento per garantire la sicurezza durante le sospensioni dal lavoro per qualsiasi motivo.

8 - Affidamenti a terzi e sub affidamenti
Le parti si danno atto che, in forza del contratto a Contraente Generale Italsarc scpa potrà affidare ad imprese terze lavori ed opere per l'intera realizzazione del progetto.
Le imprese affidatane e sub-affidatarie dovranno applicare nei confronti dei loro dipendenti impegnati nell'esecuzione dei lavori, le norme previste dalla contrattazione nazionale e territoriale prevista dal loro CCNL, compreso il presente protocollo d'intesa.
Quanto sopra verrà attuato mediante l'inserimento, nelle condizioni contrattuali di lavori ed opere, di apposite clausole di salvaguardia per le eventuali violazioni degli impegni normativi e contrattuali che dovessero verificarsi.
Le parti si impegnano a verificare che le imprese affidatane e/o sub affidatane dei lavori garantiscano i diritti dei propri dipendenti. Qualora si dovessero riscontrare delle violazioni il Contraente Generale interverrà nei confronti dell'affidatario dei lavori per far cessare immediatamente ogni atto o azione contraria ai principi, agli scopi e agli intenti del presente protocollo.
Italsarc scpa in qualità di Contraente Generale, in materia di procedure di assunzione e contrasto al lavoro nero ed alla sicurezza, garantirà un sistema efficace controllo sulla forca lavoro occupata nel cantiere. Ad ogni lavoratore (compresi lavoratori autonomi), prima dell'accesso in cantiere, sarà consegnato un idoneo cartellino identificativo da tenere sempre ben esposto in ottemperanza alle norme di legge, alle procedure sulla sicurezza ed allo scopo di evitare che nei siti lavorativi abbiano accesso persone non autorizzate e senza regolare rapporto di lavoro ed assicurativo e dovrà contenere:
• la ragione sociale dell'impresa e la partita iva,
• il nome ed il cognome, la fotografia,
• il luogo e la data di nascita,
• la data di assunzione,
• il numero del cartellino e la data di emissione
Nell'ambito degli incontri periodici previsti con le Organizzazioni Sindacali, Nazionali e Territoriali, Italsarc presenterà un quadro complessivo di tutta la forza lavoro presente sul cantiere, suddiviso per imprese affidatane ed altre imprese in sub affidamento.
Il Contraente Generale Italsarc si impegna se richiesto dalle Organizzazioni sindacali Territoriali, ogni qual volta gli affidatari e/o sub affidatari intervengano in cantiere per la prima volta a convocare entro 15 giorni una riunione conoscitiva - informativa.
Le parti si impegnano inoltre a far si che vengano verificate le seguenti condizioni:
a) Disciplina normativa e contrattuale affidatari e/o sub affidatari che svolgono le lavorazioni riconducibili al settore delle costruzioni.
È fatto obbligo alle impresa che svolgono attività di:
- costruzioni edili,
- costruzioni idrauliche,
- movimento di terra,
- cave di prestito,
- costruzioni stradali e ferroviarie, costruzioni di ponti e viadotti, costruzioni sotterranee, costruzioni di linee e condotte,
- produzione e distribuzione di calcestruzzo preconfezionato,
- produzione e fornitura con posa in opera di strutture in ferro per c.a.
di applicare o far applicare integralmente nei confronti di tutti i lavoratori dipendenti impegnati nella esecuzione dell'appalto il trattamento economico e normativo stabilito dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro per i lavoratori dipendenti da imprese edili in vigore e ove previsto, con gli accordi integrativi del medesimo, vigenti nella provincia di Cosenza ove verranno eseguiti i lavori, ivi compresa l'iscrizione dei lavoratori stessi ed il versamento delle relative contribuzioni alla Cassa Edile, alla Scuola Edile ed al Comitato Tecnico Paritetico con le modalità previste all'ultimo capoverso del capitolo "Normativa applicabile" ad eccezione di quanto previsto dall'Art. 21 del CCNL in vigore.
b) Disciplina di salvaguardia delle condizioni economiche e contrattuali.
Italsarc scpa in qualità di Contraente Generale, vincolerà il pagamento degli stati di avanzamento dei lavori eseguiti dagli affidatari e sub affidatari ed il relativo saldo finale alla verifica del DURC ed al pagamento dei salari e o stipendi, compresi gli oneri fiscali, previdenziali ed assicurativi e dove previsto al pagamento dei versamenti alla Cassa Edile.
In particolare, Italsarc scpa richiederà, fra i requisiti che le imprese affidatane e sub-affidatarie dei lavori per la realizzazione dell'opera dovranno avere, la presentazione del Documento di Regolarità Contributiva (DURC) aggiornato e di quant'altro meglio specificato nei contratti di affidamento e o sub-affidamento. imprese affidatarie di lavori che chiederanno l'autorizzazione ad Italsarc scpa a sub-affidare lavori, servizi o forniture, dovranno a loro volta allegare, alla richiesta di autorizzazione, il DURC aggiornato e di quant'altro meglio specificato nei contratti di affidamento e o sub-affidamento.
Infine Italsarc scpa, per la liquidazione dei SAL e del saldo finale dei lavori e/o dello svincolo delle somme poste a garanzia, chiederà alle imprese affidatarie e, per loro tramite, alle imprese autorizzate al sub-affidamento di lavori, servizi o forniture la copia, conforme all'originale, del DURC aggiornato all'epoca della medesima richiesta.
Qualora vengano riscontrate inadempienze agli obblighi normativi e contrattuali di cui sopra, Italsarc scpa in qualità di Contraente Generale si avvarrà della disciplina contrattuale definita a livello di affidamento, salvaguardando le competenze dei lavoratori nel rispetto del CCNL e della normativa di legge in materia.
In particolare Italsarc inviterà l'impresa affidataria/subaffidataria interessata dalla violazione a regolarizzare la sua posizione nei termini indicati contrattualmente. Trascorso tale termine si provvederà ad attivare le relative misure di tutela contrattualmente previste, nonché quelle contenute nel presente Protocollo.
c) Disciplina di salvaguardia da criminalità organizzata ed infiltrazioni malavitose.
Italsarc scpa in qualità di Contraente Generale, in osservanza di quanto indicato dal Ministero degli interni e dal Comitato di Coordinamento per l'Alta Sorveglianza delle Grandi Opere per la prevenzione e l'esame dei fenomeni di criminalità organizzata ed infiltrazioni mafiose è impegnata, unitamente alle Organizzazioni Sindacali, nella prevenzione del rischio di infiltrazione criminale.
A tal proposito ha sottoscritto in data 18 dicembre 2013 con la Prefettura di Cosenza, Anas spa un Protocollo di legalità ai fini della prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata.
Tale protocollo costituisce l'elemento fondamentale sul quale costruire le procedure interne volte ad attivare le ricognizioni e le analisi per la protezione e l'incremento dell'integrità aziendale e della filiera produttiva relativa al lavoro.
Il protocollo di legalità sopra richiamato è parte integrante del presente accordo.
Italsarc scpa comunicherà, alle OOSS nell'ambito degli incontri periodici previsti, il monitoraggio dell'attività.
Le Organizzazioni Sindacali si impegnano, a sua volta, a collaborare sulle verifiche sulle attività contenute nel suddetto Protocollo.

9 - Logistica di cantiere
Italsarc scpa provvederà, per i lavoratori alle proprie dipendenze, che non possono rientrare agevolmente alla propria abitazione in base alla notevole distanza casa - lavoro:
• all'allestimento di alloggiamenti di cantiere - rispondenti alle norme di legge e dei vigenti regolamenti in materia di igiene.
• all'implementazione di un sistema di viaggi di rientro alla propria abitazione del personale residente fuori regione.
Le parti si incontreranno a livello territoriale per definire le modalità applicative di quanto sopra.
Per i lavoratori di imprese affidatane e sub affidatane, Italsarc scpa in qualità di Contraente Generale, verificherà che venga applicata la normativa in materia di servizi (alloggi, mensa, ambiente di lavoro) prevista dal CCNL di appartenenza di cui al punto "Normativa applicabile" del presente accordo.