Stampa
Categoria: 1996
Visite: 3336

Tipologia: Accordo Integrativo
Data firma: 26 febbraio 1996
Parti: Poligrafici il Borgo, Conti Editore/Api Bologna e CdF/Filis
Settori: Poligrafici e Spettacolo, Editoria, Poligrafici il Borgo e Conti Editore S.Lazzaro di S. (Bo)
Fonte: hcontrattazione.cgil.it


Verbale di accordo, Bologna, 26/02/96

Tra le Direzioni della Poligrafici il Borgo e della Conti Editore assistite dall'Api di Bologna e i dipendenti delle due Società, rappresentati dal CdF e assistiti dalla Filis Provinciale si è raggiunta la seguente intesa:

Premesso che la Conti Editore spa ha dato seguito agli accordi per l'introduzione dei nuovi sistemi redazionali con modalità e caratteristiche illustrate con documento a data 16 Marzo 1995, l'attività di fotocomposizione e revisione delle testate dell'Editore, oggi ancora in parte affidata alla Poligrafici il Borgo, verrà gradatamente a cessare entro i prossimi 7 mesi.
In conseguenza di ciò la Poligrafici il Borgo dovrà cessare l'attività produttiva del reparto fotocomposizione e revisione che opera ormai unicamente per la commessa di composizione dei tre settimanali della Conti Editore.
Al fine di evitare situazioni di esubero del personale della composizione e revisione e scongiurare la messa in mobilità delle 31 unità lavorative attualmente impiegate è stato concordato un piano di riconversione professionale di questo personale e la destinazione ad altre fasi produttive del processo. Orientativamente, il ricollocamento del personale avverrà come indicato.
Al fine di permettere poi l'effettivo impiego in produzione è stata concordata una nuova strutturazione dei turni del reparto rotative e un conseguente adeguamento del sistema produttivo.
1. Al fine di incrementare la capacità produttiva del Reparto Stampa è stato concordato di adottare da Lunedì 4 Marzo 1996 il seguente schema di orari di turnazione:
1° Turno 01-07 dal lunedì al sabato pari a 36 ore settimanali
2° Turno 07-13 dal lunedì al sabato pari a 36 ore settimanali
3° Turno 13-19 dal lunedì al sabato pari a 36 ore settimanali
4° Turno 19-01 dal lunedì al venerdì pari a 30 ore settimanali
5° Turno 07-15 dal lunedì al martedì e dalle 07 alle 13 dal mercoledì al sabato pari a 40 ore settimanali
6° Turno 15-23 dal lunedì al martedì e dalle 13 alle 19 dal mercoledì al sabato pari a 40 ore settimanali
7° Turno 23-07 dal lunedì al martedì e dalle 19 alle 01 dal mercoledì al venerdì pari a 34 ore settimanali.
L'orario medio settimanale lavorativo sarà di 36 ore. In tale orario sono comprese fino a concorrenza tutte le riduzioni dell'orario di lavoro attualmente definite a livello di CCNL e di precedenti accordi aziendali comprensive delle riduzioni previste per l'allacciamento turni.
Il lavoratore che prestasse integralmente la sua attività lavorativa maturerà il diritto, per ciascuna settimana di lavoro effettivo integralmente prestato, alla corresponsione di 2 ore retribuite a regime ordinario o accantonate per il recupero, riproporzionate per prestazioni inferiori alla settimana. Le ore così maturate potranno essere utilizzate per la compensazione con eventuali ore mancanti.
Il lavoratore potrà scegliere , una volta all'anno entro Dicembre a valere per l'anno successivo, se accantonare le quote di riduzione orario per fruirne come riposi compensativi, o se trasformarle in retribuzione.
La scelta dell'accantonamento dovrà essere limitata al 50% degli aventi diritto, ed i riposi, programmati con la Direzione, saranno distribuiti su tutto l'arco dell'anno escluso il periodo di ferie collettive. Il numero dei lavoratori assenti contemporaneamente a tale titolo dovrà essere equidistribuito, avendo riguardo alle esigenze di completamento degli organici.
Vengono confermate le maggiorazioni turno vigenti in azienda, tranne per il reparto Stampa e Fotolitoincisa dove la maggiorazione per lavoro notturno passa dall'attuale 37% (35,61%) al 41% (39,45). Per il sabato a partire dalle ore 12 sarà applicata la maggiorazione prevista per il turno notturno, anche per le ore in straordinario, per gli operatori coinvolti dalla riorganizzazione degli orari.
Le riduzioni dell'orario di lavoro concordate saranno riassorbite a fronte di riduzioni dell'orario introdotte a qualsiasi titolo contrattuale o di legge.
2. Realizzate tali modifiche organizzative, considerate indispensabili dalle parti, le Aziende adotteranno tutti i provvedimenti possibili a tutela degli attuali occupati.
3. Per quanto riguarda il reimpiego di personale femminile nei reparti dove si effettuano prestazioni notturne, al fine di permettere una organizzazione personale alle interessate, le stesse inizieranno ad effettuare i turni notturni dopo 6 mesi dalla firma del presente accordo e dalla comunicazione del cambio reparto. Per il personale assunto precedentemente alla data in cui venne siglato l'accordo sulla deroga al divieto del lavoro notturno al personale femminile, permane il criterio della volontarietà.
4. Organici in litostampa
Gli organici di macchina fissati netti sono stabiliti in 5 unità nell'impianto T3 e in 4 unità nell'impianto MAN. Nel turno notturno, con una presenza prevista di uno o due equipaggi, verrà aggiunta 1 unità, di notte sono cioè garantite le 5 unità.
L'organico lordo viene definito in percentuale sull'organico netto complessivo di reparto ed è pari al 18%.
A fronte del riordino organizzativo indicato la Direzione manifesta l'intenzione di valutare l'opportunità di significativi investimenti industriali.
Al completamento del piano le parti si reincontreranno per valutare eventuali eccedenze occupazionali che dovessero risultare per qualsiasi ragione non reimpiegabili, per programmare il ricorso anche ad altri istituti contrattualmente previsti, quale ad esempio il part-time, così come si potrà ridiscutere il periodo di fruizione feriale, nel caso in cui il problema occupazionale non avesse trovato piena soluzione.
Le parti si impegnano a reincontrarsi per esaminare lo stato di avanzamento del piano esposto e gli effetti della riconversione nell'ambito della qualificazione professionale; verrà inoltre reso operante un tavolo per affrontare concretamente tecnicamente i singoli casi.
Nota a verbale
La concreta attuazione delle modifiche organizzative previste dall'accordo del 26/2/96 consentono alle Aziende di adottare i seguenti provvedimenti a tutela della maggior parte degli attuali occupati:
1 blocco del turn-over in entrambe le Società con l'eccezione per particolari professionalità,
2 reimpiego delle unità lavorative utili nei servizi editoriali della Casa Editrice Conti sulla base delle attuali e future esigenze, (stimate ora in 11 unità), avuto riguardo alla normativa regolante le pari opportunità;
3 reimpiego indicativamente di due unità lavorative nel reparto fotoincisa;
4 reimpiego indicativamente di una unità lavorativa Ufficio Tecnico;
5 reimpiego nelle aree di stampa, legatoria e spedizione della Poligrafici il Borgo, orientativamente 3 unità in Stampa e 6 unità in Legatoria e Spedizione.
Allegato al verbale di accordo 26/02/96
[...]