Stampa
Categoria: 1996
Visite: 3050

Tipologia: Accordo integrativo aziendale
Data firma: 1 marzo 1996
Parti: Norma e RSU/Fim-Fiom-Uilm, Fiom-Cgil
Settori: Metalmeccanici, PMI, Norma Casalecchio di R. (Bo)
Fonte: contrattazione.cgil.it

Sommario
:

Informazioni e organizzazione del lavoro
Ambiente e sicurezza
Turno domenicale
Previdenza integrativa
Aspettative
Inquadramento professionale
Aumenti retributivi
Vigenza contrattuale

Oggi, 1/03/96, fra la Direzione Aziendale della Norma spa […] e le Rappresentanze Sindacali Unitarie della stessa, assistite da Fim-Fiom-Uilm […], della Fiom-Cgil, si è convenuto di sottoscrivere il presente accordo integrativo aziendale.

Informazioni e organizzazione del lavoro
La Direzione Aziendale si è detta disponibile a fornire tutte le informazioni necessarie sugli effetti derivanti da programmi produttivi e da interventi di innovazione tecnologica, laddove gli stessi vadano ad incidere considerevolmente sulla qualità del prodotto, sull'organizzazione del lavoro, sull'occupazione e sulle professionalità.
La Direzione Aziendale si è detta disponibile ad istituire una Commissione Tecnica Bilaterale (CTB) - formata esclusivamente da personale interno all'azienda - quale sede di valutazione congiunta sugli effetti derivanti dai programmi produttivi e dagli interventi di innovazione tecnologica, laddove gli stessi abbiano delle ripercussioni sulla qualità del prodotto, sull'organizzazione del lavoro, sull'occupazione e sulle professionalità. Questo al fine di poter proporre interventi (come primo obiettivo la riorganizzazione dell'officina nel 1996), formulare proposte e idee, nonché poter affrontare e risolvere problematiche aziendali che dovessero verificarsi.
Del lavoro svolto dalla CTB dovrà comunque essere investita la Direzione Aziendale.

Ambiente e sicurezza
Per tutto quanto riguarda il RLS si rimanda alle disposizioni di cui al DLG. 626/94 e all'Accordo Interconfederale 27/10/95 sottoscritto fra Confapi e Cgil, Cisl e Uil.

Turno domenicale
L'Azienda provvederà al superamento del turno effettuato nel pomeriggio della domenica una volta che le condizioni produttive e di mercato non comportino più una concreta ed effettiva esigenza di effettuazione dello stesso, oppure vengano verificate percorribili soluzioni tecnico/organizzative in tal senso.