Stampa
Categoria: Documentazione istituzionale
Visite: 4490

INAIL

LA PROGETTAZIONE DELLA SICUREZZA NEL CANTIERE

Edizione 2015


INDICE

CAPITOLO 1 - ASPETTI GENERALI
1.1 La normativa
1.2 I cantieri edili
1.3 I soggetti destinatari

1.3.1 Definizioni legali dei soggetti (art. 89 del d.lgs. 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.)
1.4 Gli obblighi e i relativi adempimenti
1.5 I coordinatori in materia di sicurezza e di salute
1.6 Le sanzioni
1.7 Flow chart

CAPITOLO 2 - LA PIANIFICAZIONE DEI LAVORI
2.1 La pianificazione della sicurezza nel cantiere (PSC, PSS e POS)
2.1.1 Piano di sicurezza e di coordinamento - PSC
2.1.2 Piano di sicurezza sostitutivo - PSS
2.1.3 Piano operativo di sicurezza - POS
2.2 Le attività lavorative nel cantiere
2.3 La rappresentazione del programma dei lavori
2.4 Il diagramma di GANTT
2.5 Il diagramma di PERT
CAPITOLO 3 - L'ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

3.1 Il progetto del cantiere
3.2 Le diverse tipologie di cantieri
3.3 La sistemazione delle aree di cantiere
3.4 Le interazioni del cantiere con il sito ed il contesto ambientale
3.4.1. Caratteristiche intrinseche all'area di cantiere
3.4.2 Sottoservizi e sovraservizi
3.5 La viabilità di cantiere
3.5.1 Viabilità esterna di collegamento al cantiere
3.5.2 Viabilità interna del cantiere
3.6 Gli impianti di cantiere
3.6.1 Impianto elettrico
3.6.2 Impianto di terra
3.6.3 Impianto di protezione contro le scariche atmosferiche
3.6.4 Impianto di illuminazione
3.6.5 Impianto idrico-sanitario
3.6.6 Impianto dell'aria compressa
3.6.7 Impianto antincendio
3.7 Gli apparecchi di sollevamento
3.7.1 Sistemi di presa
3.7.2 Funi di sollevamento
3.7.3 Carrucole
3.7.4 Paranchi
3.7.5 Elevatori
3.7.6 Piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE)
3.7.7 Piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne (PLAC)
3.7.8 Gru girevoli
3.7.9 Gru a torre
3.7.10 Gru mobili/autogru
3.7.11 Verifiche sugli apparecchi di sollevamento
3.7.12 Formazione specifica dei lavoratori
3.8 La logistica di cantiere
3.8.1 Spogliatoi
3.8.2 Servizi igienici
3.8.3 Docce
3.8.4 Locali di riposo, di refezione e dormitori
3.8.5 Locali uffici
3.8.6 Caratteristiche costruttive generali
3.9 Le di aree produzione e di deposito
3.9.1 Aree per la produzione
3.9.2 Area per la produzione del CLS e delle malte, in genere
3.9.3 Area per la preparazione delle casserature
3.9.4 Area per la preparazione del ferro
3.9.5 Aree di deposito
3.9.6 Area per gli stoccaggi temporanei di materiale costituito da forniture varie
3.9.7 Area per il deposito temporaneo dei materiali di rifiuto
3.10 La realizzazione del layout di cantiere
3.11 La documentazione essenziale da tenere in cantiere

CAPITOLO 4 - IL PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO
4.1 Generalità
4.1.1 Progettazione
4.1.2 Esecuzione
4.1.3 Notifica preliminare
4.2 La valutazione dei rischi
4.2.1 Principi di analisi dei rischi
4.2.2 Riduzione del rischio
4.3 La procedura di valutazione dei rischi del CPT di Torino e INAIL Piemonte
4.3.1 Premessa
4.3.2 Individuazione dei rischi
4.3.3 Stima del rischio
4.4 La procedura di valutazione dei rischi proposta
4.5 Le schede di supporto
4.6 Le misure di prevenzione e protezione
4.6.1 Recinzione del cantiere
4.6.2 Opere provvisionali
4.6.3 Ponteggi
4.6.4 Trabattelli
4.6.5 PI.M.U.S.
4.7 I dispositivi di protezione collettivi e individuali
4.7.1 DPI
4.7.2 DPC
4.8 Le interferenze tra le lavorazioni e loro coordinamento
4.9 Le misure antincendio e di primo soccorso
4.9.1 Organizzazione del cantiere ai fini antincendio
4.9.2 Primo soccorso
4.10 La segnaletica di cantiere
4.10.1 Cartello di cantiere
4.10.2 Cantiere stradale
4.11 La stima dei costi per la sicurezza
4.12 Le schede della sicurezza di fase
4.13 Il fascicolo con le caratteristiche del cantiere (FO)
4.13.1 Contenuti del fascicolo previsti dall'allegato XVI
4.13.2 Allegato II al documento UE 26 maggio 1993
CAPITOLO 5 - PSC E POS: PROPOSTA DI MODELLI APPLICATIVI
5.1 I nuovi modelli semplificati di POS, PSC, PSS e FO
5.2 La proposta di modelli applicativi
5.3 Un modello di PSC
5.4 Un modello di POS
BIBLIOGRAFIA


© 2015 INAIL
La pubblicazione viene distribuita gratuitamente e ne è quindi vietata la vendita nonché la riproduzione con qualsiasi mezzo. È consentita solo la citazione con l'indicazione della fonte
marzo 2015
Fonte: inail.it