Stampa
Categoria: 2015
Visite: 4737

Tipologia: CCNL
Data firma: 22 luglio 2015
Validità: 01.09.2015 - 31.12.2018
Parti: Aninsei, Confindustria Federvarie e Flc-Cgil, Cisl-Scuola, Uil-Scuola, Snals-Confsal
Settori: Servizi, Scuola privata
Fonte: aninsei.it

Sommario:

Ipotesi di accordo
Proprietà riservata
Parte prima
Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Premessa
Capo A - Le relazioni sindacali
Art. 1 - Relazioni sindacali
Art. 2 - Procedure per il rinnovo dei CCNL
Art. 3 - Ente Bilaterale Nazionale
Art. 4 - Osservatorio Nazionale
Art. 5 - Commissione Paritetica Nazionale e Regionale
Art. 6 - Composizione delle controversie in sede sindacale
Art. 7 - Pari opportunità
Art. 8 - Tirocini ibernativi e stage
Art. 9 - Ammortizzatori sociali e contratti di solidarietà difensivi
Art. 10 - Previdenza complementare
Art. 11 - Igiene e sicurezza del lavoro
Capo B -I diritti sindacali
Art. 12 - Informazione
Art. 13 - Rappresentanza sindacale
Art. 14 - Ritenute per sciopero
Art. 15 - Ritenute sindacali
Art. 16 - Assemblea
Art. 17 - Permessi per Dirigenti Sindacali provinciali, regionali e nazionali
Art. 18 - Affissioni
Art. 19 - Costituzione delle RSU
Titolo II Livelli di contrattazione
Art. 20 - Secondo Livello di Contrattazione
Art. 21 - Durata e decorrenza degli Accordi di Secondo livello ed elemento perequativo di garanzia retributiva
Titolo III I rapporti di lavoro
Art. 22 - Durata del rapporto di lavoro
Art. 23 - Apprendistato
Art. 24 - Apprendistato professionalizzante
Art. 25 - Somministrazione di lavoro
Art. 26 - Collaborazioni organizzate dal committente
Parte seconda
Titolo I Sfera di applicazione

Art. 1 - Sfera di applicazione del CCNL
Art. 2 - Decorrenza e durata
Art. 3 - Inscindibilità delle norme contrattuali
Art. 4 - Ambito del rapporto
Titolo II Classificazione
Art. 5 - Classificazione
Art. 6 - Mutamenti di qualifica
Art. 7 - Mansioni promiscue
Titolo III Assunzione in servizio
Art. 8 - Assunzione
Art. 9 - Tirocinio e stage
Art. 10 - Assunzione personale in servizio nella scuola statale
Art. 11 - Periodo di prova
Art. 12 - Part-time
Art. 13 - Reimpiego
Art. 14 - Trasferimento di Istituto o di suo ramo di azienda
Titolo IV Trattamento economico e previdenziale
Art. 15 - Retribuzione mensile
Art. 16 - Prospetto paga
Art. 17 - Tredicesima mensilità
Art. 18 - Retribuzione tabellare
Art. 19 - Indennità di contingenza
Art. 20 - Salario d'anzianità
Art. 21 - Commissione d’esame
Art. 22 - Indennità di funzione
Art. 23 - Determinazione della quota giornaliera e della quota oraria
Art. 24 - Sostituzione di lavoratori assenti
Art. 25 - Supplente personale docente
Art. 26 - Trattamento previdenziale
Titolo V Trattamento convittuale

Art. 27 - Trattamento convittuale
Art. 28 - Vitto e alloggio
Titolo VI Durata del lavoro
Art. 29 - Orario di lavoro
Art. 30 - Autonomia, sostegno e recupero
Art. 31 - Prolungamento orario
Art. 32 - Completamento d'orario
Art. 33 - Riduzione d'orario
Art. 34 - Lavoro notturno, festivo, straordinario
Art. 35 - Ferie
Art. 36 - Festività soppresse
Art. 37 - Riposo settimanale
Titolo VII Sospensione del rapporto di lavoro

Art. 38 - Assenze per malattia e infortunio non sul lavoro
Art. 39 - Aspettativa per malattia
Art. 40 - Infortunio sul lavoro
Art. 41 - Lavoratori affetti da patologie oncologiche
Art. 42 - Permessi per lavoratori invalidi
Art. 43 - Congedo matrimoniale
Art. 44 - Tutela della maternità e della paternità
Art. 45 - Servizio militare
Art. 46 - Aspettativa e permeasi per cariche pubbliche elettive e sindacali
Art. 47 - Congedi per eventi e cause particolari.
Art. 48 - Diritto allo studio
Art. 49 - Diritto alla crescita professionale
Art. 50 - Permessi retribuiti
Art. 51 - Permessi non retribuiti
Art. 52 - Permessi elettorali
Art. 53 - Aspettativa
Titolo VIII Risoluzione del rapporto di lavoro
Art. 54 - Preavviso di licenziamento e dimissioni
Art. 55 - Risoluzione per sopravvenuta inidoneità permanente
Art. 56 - Risoluzione del rapporto di lavoro
Art. 57 - Decesso del lavoratore
Art. 58 - Licenziamento per mancanze
Art. 59 - Disciplina dei licenziamenti individuali
Art. 60 - Disciplina dei licenziamenti collettivi e plurimi e per riduzione di personale
Art. 61 - Formulazione delle graduatorie
Art. 62 - Restituzione di documenti
Art. 63 - Trattamento di fine rapporto
Titolo IX Regolamento di istituto e norme disciplinari
Art. 64 - Regolamento interno
Art. 65 - Doveri del lavoratore
Art. 66 - Provvedimenti disciplinari
Art. 67 - Tentativo di conciliazione
Art. 68 - Rinvio alle leggi
Allegati
Allegato n. 1 Inquadramento normativo e retributivo del personale dipendente da istituti associati ed aderenti all’Aninsei che opera nelle attività di formazione professionale in regime di accreditamento e finanziamento di cui al decreto interministeriale del 29.11.2007
Allegato n. 2 Contratti di solidarietà difensivi nelle istituzioni scolastiche aderenti all’Aninsei
Allegato n. 3 Sicurezza e salute dei lavoratori nelle istituzioni scolastiche
Allegato n. 4 Corsi di formazione rivolti ai rappresentanti per la sicurezza di cui al D.lgs. 81/08
Allegato n. 5 Tentativo di conciliazione in sede sindacale
Allegato n. 6 Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa
Allegato n. 7 Ammortizzatori sociali in deroga
Allegato n. 8 Tutela maternità e paternità

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Aninsei per il personale della scuola non statale, 1 settembre 2015 -31 dicembre 2018

Ipotesi di accordo Aninsei Confindustria Federvarie Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals-Confsal
Il giorno 22 luglio 2015 in Roma presso la sede dell’Aninsei - Confindustria Federvarie, 1’Aninsei - Confindustria Federvarie […], e la Flc Cgil […], la Cisl Scuola […], la Uil Scuola […], lo Snals-Confsal […], hanno firmato la seguente ipotesi di CCNL 2015-2018 che disciplina il trattamento normativo ed economico per il personale direttivo, docente, educativo, amministrativo, tecnico ed ausiliario occupato nelle scuole non statali.

Parte prima
Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali
Premessa

Il presente CCNL viene stipulato in coerenza con i principi e le norme contenuti negli Accordi Interconfederali in particolare le parti;
- si danno atto, in nome proprio e per conto degli Istituti da essi rappresentati aderenti ai CCNL e delle Rappresentanze dei lavoratori, che la condizione necessaria per il consolidamento delle relazioni e dei diritti sindacali concordati è la loro puntuale osservanza dei diversi livelli;
- si impegnano a rispettare e a far rispettare le norme del CCNL;
- confermano la validità del metodo del confronto che, attraverso un processo di reciproche informazioni su organizzazione del lavoro e funzionamento dei servizi, consenta intese e azioni convergenti sulle materie in questione, oggetto di informazione;
- concordano sulla opportunità di definire momenti di incontro per procedere congiuntamente ad esami e valutazioni in ordine alle problematiche del settore, alle prospettive di sviluppo, ai processi di ristrutturazione e di aggiornamento,
L’Aninsei conferma come proprio impegno prioritario la salvaguardia dell'occupazione, considerandolo correlativo al mantenimento delle strutture operative
Le OO.SS. della scuola dichiarano la disponibilità dei lavoratori nella salvaguardia dei diritti acquisiti, a fornire un contributo al rilancio e alla qualificazione delle strutture operative.
Le relazioni sindacali, nel rispetto delle distinzioni delle responsabilità degli Istituti, e dei Sindacati, sono ordinate in modo coerente con l'obiettivo di migliorare le condizioni di lavoro e di favorire la crescita professionale al fine di incrementare e mantenere elevate l’efficacia e l'efficienza dei servizi erogati alla collettività.
Il predetto obiettivo comporta la necessità di assicurare stabili relazioni sindacali, che si articolano nei seguenti modelli relazionali: concertazione, in formazione, bilaterali tali rapporto concordato tra le parti è quello della concertazione, mirante a definite un'architettura di relazioni fatta di un confronto ove, nel rispetto dei reciproci ruoli e responsabilità, gli Istituti e le Organizzazioni Sindacali di categoria unitariamente possano affrontare la complessità degli aspetti attinenti il sistema della scuola non statale.
Tale rapporto ha come obiettivo l'innovazione e lo sviluppo qualitativo degli Istituti, attraverso anche l’istituzione di apposite strutture operative, di cui ai successivi articoli.
Le parti ribadiscono, infine, la convinzione che la migliore gestione della frateria dell'igiene e sicurezza sul lavoro sia realizzabile attraverso l'applicazione delle norme di riferimento e di quanto previsto dal CCNL. Le OO.SS, della scuola ribadiscono unitariamente, da patte loro, la disponibilità dei lavoratori nella salvaguardia dei diritti acquisiti a fornite un contributo al rilancio degli Istituti nella convinzione che solamente gestioni economicamente sane e competitive consentano ai lavoratori di avere le garanzie per la continuità dell'impiego, nonché la salvaguardia dei livelli occupazionali.
Il presente CCNL è stato stipulato sulla base della presente premessa che ne costituisce parte integrante.

Capo A - Le relazioni sindacali
Art. 1 - Relazioni sindacali

Le relazioni sindacai, nel rispetto dei ruoli e delle rispettive responsabilità delle Scuole non statali e dei Sindacati, perseguono l'obiettivo di contemperare l'interesse dei dipendenti al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla crescita professionale con l’esigenza di incrementare l'efficacia e l'efficienza dei servizi
Operativamente, gli Istituti e le OO.SS. della scuola concordano sulla necessità di istituire:
- l'Ente Bilaterale;
- l'Osservatorio;
• la Commissione Paritetica-Bilaterale.

Art. 3 - Ente Bilaterale Nazionale
Nell'ottica di favorire l’evoluzione del sistema scolastico non statale laico, le OO.SS, della scuola e l’Aninsei firmatarie del presente CCNL hanno deciso di fare della bilateralità uno dei fattoti strategici delle loro relazioni, nel rispetto delle reciproche autonomie, confermando e ribadendo il ruolo fondamentale e propulsivo della contrattazione.
L'Ente Bilaterale è sede di concertazione, atta a prefigurare la realizzazione di una struttura di indirizzo e coordinamento del settore della scuola non statale laica.
Nell'ambito di tali relazioni, le parti hanno deciso di costituire un Ente Bilaterale Nazionale della scuola non statale laica per la gestione di particolari aspetti della vita degli Istituti e per la tutela dei lavoratori in essi occupati In tale contesto le parti si impegnano in una azione comune verso le istituzioni anche al fine di promuovere una legislazione di sostegno al sistema degli Enti Bilaterali.
L'attività dell'Ente bilaterale Nazionale è regolamentata da statuto e per CCNL.
L’Ente Bilaterale Nazionale ha i seguenti scopi;
- incentivare e promuovere studi e ricerche sul settore;
- promuovere e progettare iniziative in materia di formazione continua, formazione e riqualificazione professionale dei dipendenti, anche in collaborazione con le istituzioni nazionali, europee, internazionali, nonché con altri organismi orientati al medesimi scopi;
- istituire e gestire l’Osservatorio Nazionale, di cui al successivo paragrafo, nonché coordinare l’attività degli osservatori regionali;
- seguire lo sviluppo dei rapporti di lavoro nel settore nell’ambito delle norme stabilite dalla legislazione e delle intese tra le parti sociali;
- promuovere studi e ricerche relativi alla materia della salute e della sicurezza sul lavoro nell'ambito delle norme stabilite dalla legislazione e dalla contrattazione collettiva nonché assumere funzioni operative in materia, previe specifiche intese tra le parti sociali;
- attuare gli altri compiti che le parti, a livello di contrattazione collettiva nazionale e regionale, decideranno congiuntamente di attribuire all’Ente Bilaterale Nazionale e Regionale;
- promuovere forme di previdenza complementare.
[…]

Art. 4 - Osservatorio Nazionale
Le parti convengono di costituire, nell’ambito dell’Ente Bilaterale Nazionale, l’Osservatorio Nazionale permanente, allo scopo di individuare scelte atte alla soluzione dei problemi economici, sociali e occupazionali del settore e ad orientare l’azione dei propri rappresentanti nella consapevolezza dell’importanza dello sviluppo di relazioni di tipo partecipativo finalizzate alla prevenzione del conflitto.
Le iniziative di studio, ricerche ed indagini promosse congiuntamente possono essere avviate dopo intese fra le parti, valutando anche la possibilità di utilizzare i finanziamenti nazionali e comunitari disponibili.
Nell'ambito degli osservatori sono costituite le seguenti sezioni:
a - Ambiente, igiene e sicurezza
Le parti, riconfermando il comune impegno per la massima sicurezza sul lavoro convengono, anche alla luce dell'esperienza realizzata, di sviluppare ulteriormente l'attività della presente Sezione dell’Osservatorio Nazionale e Regionale. A tal fine, la Sezione ambiente e sicurezza persegue i seguenti obiettivi:
- migliorate ed intensificare l'azione di orientamento degli Istituti, delle Commissioni ambiente/RLS, delle RSA e dei lavoratori verso criteri di gestione delle problematiche ambientali e della sicurezza sul lavoro improntati alla partecipazione;
- predisporre: linee guida e moduli formativi adeguati alle peculiarità settoriali valutando anche l'esigenza di collegamento con l’Organismo Bilaterale Interconfederale;
- confrontare i reciproci orientamenti a fronte dell'evoluzione della normativa nazionale e comunitaria sull’ambiente e la sicurezza.
b - Formazione
[…]
e - Formazione e qualificazione professionale
[…]
d - Sezione Mercato del Lavoro
Si propone in particolare di monitorare, al fine di valutarne il grado e le modalità di applicazione, il ricorso ai contratti a termine, ai contratti di fornitura di lavoro temporaneo, all'apprendistato, ai contratti di inserimento lavorativo, ai contratti a tempo parziale.
e - Norma transitoria
Le parti convengono di demandare le materie e le competenze proprie dell’Ente Bilaterale, fino alla costituzione dello stesso, alla Commissione Paritetica Nazionale di cui al successivo articolo 5.

Art. 5 - Commissione Paritetica Nazionale e Regionale
a - Commissione Paritetica Nazionale
La Commissione Paritetica costituisce, a tutti i livelli l’organo preposto a garantire il rispetto delle intese intercorse e l’aggiornamento del CCNL in materia di classificazione del personale, contrattazione decentrata, composizione delle controversie.
Tale Commissione è costituita dalle parti firmatarie del presente CCNL per:
- esaminate l'andamento dell’occupazione nel settore Scuola non statale laica, con particolare riferimento a quella giovanile;
- esaminare tutte le controversie di interpretazione e di applicazione di interi istituti o di singole clausole contrattuali;
- individuare, se necessarie, figure professionali non previste dall'attuale classificazione;
- porre in discussione qualsiasi altro argomento congiuntamente accettato;
- concordare eventuali modifiche delle norme del CCNL qualora intervenissero modifiche strutturali della Scuola e/o degli esami disposti dalle autorità scolastiche e dalla legislazione del lavoro.
La Segreteria della Commissione Paritetica ha sede presso l'Aninsei o presso altra sede accettata dalle parti.
L'Aninsei provvede alla verbalizzatone delle riunioni e delle deliberazioni assunte, che dovranno essere sottoscritte dai componenti della Commissione stessa.
La Commissione Paritetica Nazionale si riunisce su istanza presentata dall’Associazione Aninsei o dalle Organizzazioni Sindacali facenti capo alle predette associazioni nazionali firmatarie del presente CCNL La data della convocazione sarà fissata, d’accordo fra le patti, entro 15 giorni dalla presentazione dell’istanza e l'intera procedura deve esaurirsi entro i 30 giorni successivi.
La Commissione, prima di deliberare, può convocare le parti in controversia pei acquisire ogni informatone e osservazione utile all’esame della controversia dell'argomento.
Le deliberazioni della Commissione Paritetica sono trasmesse in copia alle parti interessate, alle quali incombe l'obbligo di uniformarvisi.
In pendenza di procedure presso la Commissione, le OO.SS. della scuola e le parti interessate non potranno prendere alcun’altra iniziativa sindacale né legale.
La Commissione Paritetica Nazionale assume anche i compiti in materia di igiene e sicurezza.
b - Commissione Paritetica Regionale
La Commissione Paritetica Regionale costituisce l'organo preposto a garantire:
- il rispetto delle intese intercorse e degli accordi sottoscritti a livello nazionale;
- l'attuazione delle norme sancite dalla contrattazione decentrata;
- la composizione delle controversie.
In relazione alla definizione delle norme di costituzione e di funzionamento della Commissione Paritetica Regionale, le parti convengono quanto segue;
- l'organismo sarà formato da un rappresentante di ogni Organizzazione Sindacale firmataria del presente accordo e dall'Aninsei;
- l'organismo è convocalo su richiesta di una delle parti firmatarie del presente CCNL ed è presieduto, a turno, da un rappresentante delle OO.SS, della scuola e dall'Aninsei.
Compiti della Commissione Paritetica Regionale:
- verificare l'esatta applicazione dell'Art. 22.1 parte prima del presente CCNL e perciò delle assunzioni di personale docente a tempo determinato;
- esanimare le controversie inerenti l'applicazione contrattuale ed in particolare l’applicazione della L. 428/90 e della L. 223/91 e delle relative procedure;
[…]
- monitorare l'andamento dell’occupazione con particolare riguardo all'utilizzazione dell’apprendistato professionalizzante da parte delle istituzioni scolastiche adenti all’Aninsei ai sensi di quanto previsto dall’Art. 24 parte prima del presente CCNL
La Commissione Paritetica Regionale è la sede istituzionale per contrattazione decentrata di cui all'Art. 20 parte prima del presente CCNL.
La Commissione si costituisce ed opera con le modalità previste nei Regolamento allegalo come parte integrarne del presente CCNL.
La Commissione Paritetica Regionale assume anche i compiti in materia di igiene e sicurezza.

Art. 7 - Pari opportunità
In attuazione delle leggi nazionali e tenendo conto delle proposte formulate dai comitati per le pari opportunità, vanno attivate misure per favorire effettive pari opportunità nelle condizioni di lavoro e di sviluppo professionale, che tengano conto anche della posizione delle lavoratrici in seno alla famiglia, con particolare riferimento a:
- accesso e modalità di svolgimento dei corsi di aggiornamento, garantendo quote di partecipazione non inferiori al 50% dei partecipanti ai corsi al personale femminile;
- flessibilità degli orari di lavoro in rapporto alle esigenze delle donne;
- perseguimento di un effettivo equilibrio di posizioni funzionali a parità di requisiti professionali.

Art. 8 - Tirocini ibernativi e stage
Qualora se ne riscontri l'opportunità con separati accordi collettivi, le patti firmatarie del presente CCNL potranno disciplinare l’applicazione agli istituti di innovazioni legislative finalizzate all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, quali, ad esempio, tirocini formativi e di orientamento, stage, borse lavoro.

Art. 11 - Igiene e sicurezza del lavoro
Le parti ribadiscono la convinzione che la migliore gestione della materia dell'igiene e sicurezza sul lavoro sia realizzabile attraverso la applicazione di soluzioni condivise ed attuabili. Pertanto in tutti i casi di insorgenza di controversie relative alla applicazione delle norme riguardanti i diritti di rappresentanza, informazione e formazione previsti dalle norme vigenti e dagli accordi sottoscritti, le parti interessate, il datore di lavoro, il lavoratore o i loro rappresentanti, si impegnano ad adire l'organismo paritetico competente al fine di riceverne, ove possibile, una soluzione concordata.
Per tutto ciò che riguarda le modalità di elezione del RLS, gli organismi paritetici, la formazione, i permessi, le attribuzioni e i diritti, le modalità di consultazione, le riunioni periodiche, l'informazione e la documentazione interna, le parti fanno esplicito riferimento agli accordi, parte integrante del presente CCNL, allegati n. 3 e 4.

Capo B -I diritti sindacali
Art. 12 - Informazione

Al fine di ricercare ogni contributo di partecipazione al miglioramento ed alla efficienza del servizio, l’Aninsei e le scuole/istituti garantiscono una costante informazione preventiva alle OO.SS. della scuola firmatarie del presente CCNL nazionali e territoriali, firmatarie e alle RSA sugli atti che riguardano il personale dipendente, l'organizzazione del lavoro ed il funzionamento dei servizi e la gestione del personale.

Art. 13 - Rappresentanza sindacale
Su iniziativa del dipendenti stessi si costituiscono negli Istituti, rappresentanze sindacali aderenti alle Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale e firmatarie del presente CCNL, ai sensi della L. 300/70.
[…]

Art. 16 - Assemblea
I dipendenti degli Istituii potranno riunirsi all'interno dell'Istituto di appartenenza, in locali idonei indicati dalla Direzione o in altre sedi esterne su indicazione delle OO.SS. della scuola territoriali firmatarie del presente CCNL.
L'assemblea viene convocata dalle RSA e/o dalle OO.SS. della scuola territoriali firmatarie del presente CCNL in orario di lavoro per un massimo di 10 ore nell'unno scolastico
[…]
Il diritto di partecipazione è per ciascun lavoratore di 10 ore in orario di lavoro per anno scolastico con corresponsione della normale retribuzione. […]

Art. 18 - Affissioni
I RR.SS.AA. o, in mancanza, le OO.SS. della scuola firmatarie del presente CCNL potranno affiggere, in appositi spazi predisposti e indicati dalla Direzione e ad essi accessibili e ben visibili a tutti i lavoratoti, comunicati, pubblicazioni e testi di interesse sindacale.

Art. 19 - Costituzione delle RSU
Per quanto alla costituzione delle RSU si fa riferimento al Testo Unico sulla rappresentanza del gennaio 2014, sottoscritto dalle OO.SS. Cgil-Cisl-Uil e Confsal e alla successiva convenzione stipulata con l'Inps il 16 marzo 2015.
L'Aninsei si impegna a consentire la piena attuazione delle clausole e istituti previsti dal protocollo di accordo che prevede la costituzione delle RSU e dunque a consentire e facilitare con idonea predisposizione di mezzi l’elezione della rappresentanza sindacale unitaria nonché a riconoscere alle costituite RSU diritti e prerogative già pertinenti alle rappresentanze sindacali dei sindacati firmatari del presente protocollo di accordo e di tutti quelli che ad esso vorranno aderire esplicitamente.

Titolo II Livelli di contrattazione
Art. 20 - Secondo Livello di Contrattazione

Il CCNL costituisce il complesso normativo generale, nonché il quadro dei principi e dei criteri cui riferisce la contrattazione regionale.
Tra l’Aninsei e le OO.SS. della scuola firmatarie del presente CCNL, è prevista la contrattazione decentrata, su base regionale, di secondo livello per le materie riguardanti in particolare:
[…]
- materie previste dagli articoli del presente CCNL;
[…] Nell’ambito della contrattazione decentrata a livello regionale al fine di armonizzare le esigenze didattico-organizzative degli istituti, le parti individuano le seguenti materie che vengono delegate alle RSA/RSU o in assenza alle OO.SS. firmatarie del presente CCNL che concorrono alla definizione del contratto integrativo di istituto con riferimento:
- distribuzione dell’orario di lavoro e turnazione per il personale non docente;
- criteri di distribuzione dell'orario di lavoro del personale docente ed educativo;
- criteri di distribuzione delle ferie per il personale non docente ed educativo;
- eventuali indennità temporanee a figure non previste e non obbligatorie per legge:
[…]
- organizzazione del lavoro del personale;
[…]
La contrattazione di Istituto decentrata deve riguardare materie e istituti diversi e non ripetitivi rispetto a quelli retributivi propri del CCNL.
[…]
Sono titolari della contrattazione integrativa e decentrata d'istituto le RSA se presenti o le OO.SS. della scuola territoriali firmatarie del presente CCNL.
Le norme del presente articolo si applicano anche in istituti con meno di 15 dipendenti, qualora tra le parti si ravvisi la necessità congiunta di giungere alla definizione di accordi decentrati per il migliore funzionamento della struttura scolastica.

Titolo III I rapporti di lavoro
Art. 22 - Durata del rapporto di lavoro

Il rapporto di lavoro del personale dipendente dalle istituzioni di cui al successivo articolo 1 parte seconda, “Sfera di applicazione”, è di natura subordinata a tempo indeterminato. È consentito il contratto a tempo determinato stipulato ai sensi del Dlgs 81/15 e nel rispetto delle successive norme contrattuali.
22.1 - Apposizione del termine
[…]
È consentito il ricorso al contratto a tempo determinato in particolare per:
- l’intensificazione dell'attività lavorativa in determinali periodo dell'anno (campi scuola, colonie, ecc.);
- punte di più intensa attività amministrativa, burocratico-gestionale, tecnica connessa alla sostituzione, alla modifica, all'adempimento del sistema informativo, all’inserimento di nuove procedure informative generali o di settore ovvero di sistemi diversi di contabilità e di controllo di gestione;
- l’esecuzione di un'opera o di un servizio definiti o predeterminati nel tempo;
- sostituire anche parzialmente lavoratori in servizio nell'istituto, dilaniati a svolgere funzioni di coordinamento all’interno dell’istituto stesso,
- la partecipazione a progetti di lavoro socialmente utili;
- l'assistenza specifica in campo di prevenzione e sicurezza sul lavoro,
- personale docente non abilitato. Ai sensi della Lettera circolare MIUR prot. 2668 del 29/10/2001 in casi particolari di effettiva carenza di personale abilitato, debitamente confermata dagli Uffici Scolastici Regionali, i gestori delle scuole paritarie potranno conferire incarichi a tempo determinato a personale fornito solo del prescritto titolo di studio, in analogia a quanto previsto per le scuole statali.
[…]
22.2 - Percentuale massima di lavoratori assunti con contratto a termine
Nel rispetto di quanto previsto dal comma 1 dell’art. 23 del Decreto legislativo n. 81/2015 la percentuale massima dei contratti a tempo determinalo non potrà superate il 30% del personale in servizio presso l'istituto, salvo diversa regolamentazione stabilita in sede di contrattazione decentrata. Qualora se ne ravvisi la necessità, con accordo integrativo stipulato con le RSA/RSU e/o le OO.SS. della scuola territoriali firmatarie del presente CCNL, la percentuale massima dei lavoratori da assumere con contratto a termine, di cui al successivo comma, può essere elevata in funzione delle specifiche esigenze della Scuola.
22.3 - Contratti a termine di carattere sostitutivo
Oltre la percentuale massima di cui al precedente comma 22.2, è consentito il ricorso al contratto a tempo determinato a fronte di ragioni di carattere sostitutivo, in particolare nei casi previsti dalla ex L. 230/62, ovvero in sostituzione di lavoratori assenti per malattia, maternità, servizio militare, aspettative in genere e in tutti i casi in cui il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto di lavoro.
22.4 - Divieti della stipula di contratti a termine
Non e ammessa l'assunzione di personale a tempo determinato:
[…]
- da parte degli istituti che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi ai sensi del Dlgs 81/08, e successive modificazioni cd integrazioni.
22.5 - Disciplina della proroga
[…]
22.6 - Scadenza dei termine.
[…]
22.7 - Successione dei contratti
[…]
22.8 - Criteri di computo
I lavoratori con contratto a tempo determinato sono computabili ai fini di cui all’Art. 35 della L. 300/70 nelle modalità di cui all'art. 27 del DLgs 81/15.
22.9 - Esclusioni
Sono esclusi dal campo di applicazione del presente accordo sui contratti a termine, in quanto già disciplinati da specifiche normative ed intese tra le parti:
- i contratti di lavoro somministrato;
- i contratti di apprendistato;
- le attività di stages e tirocinio.
22.10 - Principio di non discriminazione
Al lavoratore assunto con contratto a tempo determinato spettano le ferie e la 13ma mensilità, il TFR e ogni altro trattamento in atto per i lavoratori con contratto a tempo indeterminato
22.11 - Formazione
Il lavoratore assunto con contratto a tempo determinato deve ricevere una formazione sufficiente ed adeguata alle caratteristiche delle mansioni oggetto del contratto, al fine di prevenire rischi specifici connessi alla esecuzione del lavoro ai sensi del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni
22.12 - Diritto di precedenza e informazione
[…]

Art. 23 - Apprendistato
L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.
Le OO.SS. della scuola firmatarie del presente CCNL e l'Aninsei, considerata la revisione e la razionalizzazione dei rapporti di lavoro con contenuto formativo in conformità con le direttive dell1 Unione Europea, alla luce delle nuove normative introdotte dal DLgs 81/15 dalla l. 196/97 e dal Dlgs 276/03, riconoscono nell'istituto dell'apprendistato uno strumento utile per l1acqiiisizione delle competente necessarie allo svolgimento della prestazione lavorativa ed un percorso orientato tra sistema scolastico e mondo del lavoro, reso a favorire l'incremento dell'occupazione giovanile.
Il contratto di apprendistato è definito dalla vigente normativa secondo le seguenti tipologie:
a) apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore;
b) apprendistato professionalizzante;
c) apprendistato di alta formazione e ricerca
Le Parti concordano la presente disciplina sperimentale del solo istituto dell'apprendistato definito “professionalizzante” di cui alla precedente lettera b), per consentire lo sviluppo di concrete opportunità occupazionali, mentre per quanto riguarda le altre forme di apprendistato le parti si impegnano ad incontrarsi per successivi approfondimenti nel quadro normativo generale.

Art. 24 - Apprendistato professionalizzante
Il contratto di apprendistato è stipulato in forma scritta e deve contenere, in forma sintetica, il piano formativo individuale.
I contratti di apprendistato sono soggetti al preventivo visto della Commissione paritetica regionale di cui all'Art. 5.b, da rilasciate entro 15 gg dalla convocazione della Commissione.
Il piano formativo individuale contiene i percorsi formativi ed uno viluppo di competenze diverse ed ulteriori, anche di tipo integrativo, rispetto a quelle già maturate dal lavoratore.
24.1 - Assunzione
Gli Istituti aderenti all'Aninsei possono assumere con contratto di apprendistato professionalizzante, i giovani di età compresa trai 18 e i 30 anni non compiuti. Nonché, ai sensi dell'art. 47, comma 4, del Dlgs 81/15, i lavoratori beneficiari di indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione indipendentemente dal limite di età.
24.2- Il Tutor
Qualora sia prevista la presenta di un tutore, la funzione potrà essere ricoperta anche da un lavoratore dipendente in possesso dei requisiti professionali richiesti,
[…]
24.3 - Durata e modalità di erogazione della formazione
Ai sensi dell’art. 44 del Dlgs 81/15, comma 2 la durata di erogazione della formazione varia da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 36 mesi.
Il piano individuale formativo ha la durata complessiva di 120 ore nell'arco dei 36 mesi e rapportata e riproporzionata in caso di contratti di apprendistato di durata inferiore a 36 mesi.
24.4 - Obblighi del datore di lavoro
[…]
24.5 - Periodo di prova
[…]
24.6 - La formazione dell'apprendista
La formazione effettuata e la qualificazione professionale contrattuale eventualmente acquisita, le competenze acquisite ai fini del proseguimento degli studi devono essere registrati sul libretto formativo del cittadino di cui all’art. 2, comma 1, lettera i), del decreto legislativo n. 276/2003.
Le attività di formazione degli apprendisti, la loro struttura e articolazione, sono regolamentate dal DM del Lavoro del 8 aprile 1998 di applicazione delle norme di cui all’Art. 10 della L. 196/97 ed è interna ai sensi della legislazione vigente.
24.3 - Trattamento economico
L'apprendista ha diritto, per l'intera durata del periodo di apprendistato, compresi gli eventuali periodi di formazione esterna all'azienda, allo stesso trattamento normativo previsto dal presente CCNL per i lavoratori della qualifica per la quale egli compie il tirocinio […]

Art. 25 - Somministrazione di lavoro
Il contratto di somministrazione di lavoro può essere attivato, nel rispetto dell’Accordo interconfederale del 16 aprile 1998 e successivi rinnovi.

Art. 26 - Collaborazioni organizzate dal committente
In ragione delle articolari esigente produttive ed organizzative del settore nel rispetto di quanto previsto dalla lettera a), comma 2, art. 2 del DLgs 81 /15 e in coerenza con la L. 62/00, gli istituti aderenti all’Aninsei possono stipulare, nell’ambito della propria offerta formativa, contratti di collaborazione coordinata e continuativa nel rispetto delle norme fissate dall’Allegato n. 6, parte integrante del presente CCNL.

Parte seconda
Titolo I Sfera di applicazione
Art. 1 - Sfera di applicazione del CCNL

Il presente CCNL Collettivo Nazionale di Lavoro contempla, disciplina e tutela in maniera unitaria i rapporti di lavoro a tempo indeterminato tra le imprese educative, formative o scolastiche paritarie e non paritarie di Enti o privali che svolgono attività in Italia e all'estero qui di seguito specificate, ed il relativo personale dipendente:
• accademie di arte drammatica
• accademie di belle arri
• asili nido, micro-nidi, spazi baby, aree attrezzate per l'infanzia e ludoteche
• conservatori di musica
• convitti
• corsi di adornamento e formazione continua
• corsi di cultura vari
• corsi di doposcuola
• corsi di preparazione universitaria
• scuole dell’infanzia
• scuole di danza
• scuole e corsi di italiano per stranieri
• scuole di musica
• scuole e corsi a distanza
• scuole e corsi di attività integrative scolastiche
• scuole e corsi di formazione professionale senza finanziamento pubblico
• scuole e corsi di istruzione professionale
• scuole e corsi di libera arte
• scuole e corsi di lingue
• scuole e corsi di preparazione agli esami
• scuole e corsi parauniversitari e accademie
• scuole e corsi post-secondari
• scuole interpreti e traduttori e per mediatori linguistici
• scuole per corrispondenza
• scuole e corsi postuniversitari
• scuole primarie
• scuole secondarie di I e II grado
• scuole speciali per minori
• università private
Ogni attività collegata alle precedenti e ad essa pertinente, quali convitti, studentati e colonie e compresa nello stesso titolo.
La normativa del presente CCNL, da applicare integralmente al personale a tempo indeterminato, va esteso, per quanta compatibile con le disposizioni di legge, al personale con rapporto di lavoro a tempo determinato.
L’applicazione del presente CCNL da parte di Enti o privati gestori di attività educative, formative e scolastiche comporta l'adesione all’Aninsei. Alcune specifiche norme contrattuali, sottoposte al controllo degli Organismi paritetici, sono applicabili ai soli Istituti associati all’Aninsei.
Gli Istituti non associati che intendono fare riferimento al presente CCNL, per la regolamentazione dei rapporti di lavoro con il proprio personale di pendente, pur con le esclusioni sopra indicate, devono darne comunicazione a tutte le parti stipulanti il presente CCNL.

Titolo III Assunzione in servizio
Art. 8 - Assunzione

[…]
All’atto dell'assunzione il lavoratore produrrà i seguenti documenti;
[…]
- certificato di sana e robusta costituzione e idoneità allo svolgimento delle mansioni assegnate;
[…]

Art. 9 - Tirocinio e stage
L'attività di tirocinio autorizzata dalla competente autorità scolastica, e derivante da accordi o convenzioni con altri enti o soggetti pubblici e privati non comporta per il tirocinante ai fini del presente CCNL alcun riconoscimento normativo e/o economico, ma solo la valutazione per la quale il tirocinio stesso è istituito.
Non è consentito adibire il tirocinante ad attività lavorativa con responsabilità diretta.
Lo stage è regolato dalla l. 236/93 e dalla L. 196/97 e viene attivato in tutti i casi in cui il Gestore riterrà di assumere la necessaria intesa con l’Agenzia del lavoro regionale o altri soggetti a cui spetta l’avviamento al lavoro.

Art. 12 - Part-time
a - Norme di carattere generale
Ai sensi del DLgs 61/00, del DLgs 100/01 e della L. 247/07 e del DLgs 81/15, gli Istituti possono procedere ad assunzioni con rapporto di lavoro subordinato a tempo parziale per prestazioni di attività ad orario inferiore rispetto a quello ordinario previsto dal presente CCNL e/o per periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese o dell'anno.
[…]
b - Lavoro supplementare.
[…]
c - Clausole elastiche
[…]

Titolo V Trattamento convittuale
Art. 27 - Trattamento convittuale

L'Istituto ha la facoltà di richiedere al personale, salvo adesione del lavoratore, di vivere nell'istituto.
Il vitto sarà quello stabilito per la comunità.
Gli alloggi saranno disposti in camere singole ove le strutture lo consentano.
Detti servizi verranno pagati dagli interessati [...]

Art. 28 - Vitto e alloggio
[…]
Il tempo della fruizione del pasto per il personale che effettua assistenza è vigilanza durante il momento della refezione è considerato orario di lavoro.

Titolo VI Durata del lavoro
Art. 29 - Orario di lavoro

L’orario di lavoro è per:
Personale Area I di
• 38 ore settimanali per:
- personale ATA dell’Area prima livelli I, II, III, IV e V e personale direttivo dell’Area terza livelli VIII A e VIII B
• 34 ore settimanali convenzionali pari a un monte ore annuo di 1767 ore per:
- coordinatori e tutor (IV livello)
• 34 ore settimanali per:
- modelli viventiooged
Personale Area II di
• 36 ore settimanali per:
- educatori di asilo nido
- operatori di ludoteca
- educatori di convitto
• istruttori in attività parascolastiche sportive e colonie
- assistenti sociali
L’orario di lavoro si intende comprensivo di tutte le attività connesse alla loro funzione,
• 34 ore settimanali per:
- docenti di scuola dell’infanzia (IV livello)
• 24 ore settimanali per;
- docenti di scuola primaria (V livello)
- lettori di lingua madre in totale o parziale presenza di docenti.
• 23 ore settimanali convenzionali pari a un monte ore annuo di 1196 ore per:
- docenti inquadrati al IV livello e al V livello impegnati in:
- corsi liberi e di preparazione agli esami;
- corsi liberi d'arte, di cultura varia, di danza, di estetica e di acconciatura;
- in doposcuola, in attività integrative scolastiche;
- corsi per corrispondenza;
- corsi a distanza;
- corsi di istruzione professionale;
- corsi di lingue;
• 21 ore settimanali convenzionali pari a un monte ore annuo di 1091 ore per:
- docenti inquadrati al VII livello impegnati in:
- scuole e corsi per interpreti e traduttori
- scuole e corsi post-secondari
- istituti para-universitari
- scuole speciali per minori,
- accademie di belle arti, di danza, di arte drammatica e conservatori di musica.
• 18 ore settimanali
- per i docenti in scuole secondarie di I grado e II grado paritarie e non paritarie, con l’esclusione fra queste ultime dei corsi di preparazione agli esami, che insegnino materie per le quali sia richiesto il diploma di laurea e l’abilitazione all’insegnamento (VI livello);
- per i docenti di educazione fisica, tecnica, artistica e musicale (VI livello);
- per i docenti in scuole secondarie di I e II grado legalmente riconosciute che insegnino materie per le quali sia richiesto il diploma di scuola secondaria di secondo grado.
Oltre all’orario di insegnamento e alle attività strettamente collegate il personale docente delle scuole dell'infanzia, primarie, delle scuole secondarie di I e II grado paritarie e non paritarie, è tenuto ad effettuare tutte le attività accessorie connesso con il normale funzionamento della scuola per un numero di ore non superiore alle 110 nell'anno, quali:
a) colloqui con i genitori;
b) consigli di classe;
e) scrutini periodici e finali;
d) riunioni interdisciplinari dei vari corsi;
e) attività di aggiornamento e programmazione;
f) sostituzione di docenti assenti senza congruo preavviso e attività di sostegno;
g) collegio dei docenti,
Tale numero viene ridotto a 60 ore annue massime per i docenti a orario inferiore o uguale alla metà dell'orario contrattuale.
Le ore eccedenti il numero massimo previsto per ogni docente nell'anno scolastico saranno retribuite, senza maggiorazione alcuna, in un’unica soluzione con la retribuzione del mese di settembre in base alla quota oraria mensile in atto al mese di agosto.
[…]

Art. 30 - Autonomia, sostegno e recupero
Per far fronte ad esigenze relative alla programmazione didattica, attuata nell’ambito dell’autonomia scolastica, ed alle attività di sostegno, in orario non curricolare, ai docenti delle scuole paritarie secondarie di I e II grado potranno essere richieste ore eccedenti l’orario settimanale contrattuale nel limite complessivo di un terzo dello stesso e comunque non superiore a due ore settimanali per le attività di sostegno per la stessa disciplina.
A fronte di tale prestazione di ore aggiuntive, l’Istituto riconoscerà una pari riduzione di ore in altro periodo dell’anno scolastico di attività didattica ovvero giornate di ferie aggiuntive. Le due ore settimanali per attività di sostegno sono ridotte ad un’ora per lavoratoti con orario settimanale inferiore alla metà dell’orario settimanale pieno.
Resta comunque fermo quanto disposto nel successivo articolo 31 parte seconda sul prolungamento di orario.

Art. 31 - Prolungamento orario
Al personale docente con 18 ore settimanali di insegnamento può essere richiesto un orario settimanale di lezioni superiore fino a 24 ore settimanali. Al personale docente in scuole primarie con 24 ore settimanali di insegnamento può essere richiesto un orario settimanale di lezioni superiore fino a 32 ore settimanali.
Al personale docente in scuole dell’infanzia con 34 ore settimanali può essere richiesto un orario settimanale di lezioni superiore fino a 38 ore settimanali.
Agli educatori di convitto con 36 ore settimanali può essere richiesto un orario settimanale di lezioni superiore fino a 40 ore settimanali.
[..]

Art. 34 - Lavoro notturno, festivo, straordinario
È considerato lavoro notturno quello effettuato dopo le ore 22 e sino alle 6 antimeridiane; per gli istituti che svolgono corsi serali protraentisi oltre le ore 22.00, sono considerate notturne le ore a partire dall’ora in cui terminano usualmente le lezioni.
È considerato lavoro festivo il lavoro prestato nelle domeniche e nei giorni di festività nazionali.
È considerato lavoro straordinario quello prestato a fronte di ragioni di carattere eccezionale, legati a particolari esigenze di servizio non ricorrenti e non programmabili e oltre i limiti dell'orario contrattuale di lavoro ed espressamente assegnato dal legale rappresentante dell'istituto o dal preside, se delegato.
Il personale è tenuto, salvo comprovati motivi di impedimento, al lavoro straordinario, quando richiesto, nei limiti stabiliti dal presente CCNL. Non sarà riconosciuto e retribuito il lavoro straordinario che non sia stato autorizzato. Al personale non docente potrà essere richiesto lavoro straordinario fino a un massimo di 120 ore all'anno
Al personale docente con monte ore annuo dei livelli IV, V e VII potranno essere richieste nel corso dell'anno scolastico prestazioni straordinarie fino ad un terzo dell’assegnazione ordinaria annuale risultante dal rispettivo contratto individuale di lavoro.
[…]
Per il personale non docente dei livelli I, II, III e IV le ore di lavoro straordinarie, a richiesta del dipendente, possono essere compensate con ore libere da fruire entro il mese successivo con modalità compatibili con l'organizzazione e le esigenze dell'istituto,
[…]

Art. 35 - Ferie
[…]
Le ferie sono irrinunciabili.
[…]

Art. 37 - Riposo settimanale
Tutto il personale godrà di 24 ore di riposo settimanale normalmente coincidente con la domenica, salvo esigenze di servizio nel qual caso il riposo verrà fruito in altro giorno.

Titolo VII Sospensione del rapporto di lavoro
Art. 41 - Lavoratori affetti da patologie oncologiche

Ai sensi dell’articolo 12 bis del DLgs 61/00, i lavoratoli affetti da patologie oncologiche, per i quali residui una ridotta capacità lavorativa, anche a causa degli effetti invalidanti di terapie salvavita, accertata da una commissione medica istituita presso l'azienda unità sanitaria locale territorialmente competente, hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in lavoro a tempo parziale cosi come previsto all’Art. 12 parte seconda.
L’organizzazione del tempo di lavoro deve essere pianificata tenendo prioritariamente conto delle esigenze individuali specifiche del dipendente.
Su richiesto del lavoratore, il rapporto di lavoro a tempo parziale deve essere trasformato nuovamente in rapporto di lavoro a tempo pieno. Restano in ogni caso salve disposizioni più favorevoli per il prestatore di lavoro.

Art. 42 - Permessi per lavoratori invalidi
Ai lavoratori cui sia stata riconosciuta una invalidità civile superiore al cinquanta per cento sono riconosciuti 30 giorni ad anno scolastico (anche non continuativi) di congedo retribuito per cure mediche connesse con lo stato di invalidità debitamente documentate (Art. 26 L. 118/71 e Art. 10 DLgs 509/88). Tali permessi sono aggiuntivi al periodo di malattia di cui all’Art. 38 parte seconda.

Art. 44 - Tutela della maternità e della paternità
a - Norme di carattere generale
A tutti i dipendenti si applicano le disposizioni legislative ed economiche in materia di tutela e di sostegno della maternità e della paternità previste dal Dlgs 151/01 e DLgs 80/15, a cui si fa espressamente riferimento per quanto non previsto nel presente CCNL e stabilito nel presente articolo. […]
Per quanto riguarda l’intera disciplina del presente articolo si fa riferimento all’Allegato n. 8 parte integrante del presente CCNL.

Titolo VIII Risoluzione del rapporto di lavoro
Art. 55 - Risoluzione per sopravvenuta inidoneità permanente

Il rapporto di lavoro può essere risolto per sopravvenuta inidoneità permanente che impedisca il pieno svolgimento dell'attività stabilita contrattualmente.

Titolo IX Regolamento di istituto e norme disciplinari
Art. 64 - Regolamento interno

Il regolamento interno predisposto dall'istituto, ove esista, deve essere poi- lato a conoscenza dei lavoratori all’atto dell'assunzione e comunque messo a disposizione per la consultazione. Esso non può contenete norme in contrasto con il presente CCNL e con la vigente legislazione. Ciò vale anche per le eventuali successive modifiche.

Art. 65 - Doveri del lavoratore
I dipendenti hanno l'obbligo di osservare i doveri propri del rapporto di lavoro subordinato.
In particolare, data la peculiarità del servizio scolastico, e fatto obbligo a tutti i lavoratori:
a) di esplicare le proprie mansioni in conformità del livello e della qualifica conferita;
b) di osservare l'orario di servizio;
[…]
d) di rispettare e far rispettare agli alunni il regolamento interno dell'istituto;
[…]
h) di usare e conservare con cura strumenti e materiali affidatigli.
[…]

Art. 66 - Provvedimenti disciplinari
Fermo restando quanto previsto al precedente Art. 58 parte seconda presente CCNL, le infrazioni alle norme del CCNL possono essere punite a seconda della gravità dei fatti, con i seguenti provvedimenti disciplinari:
- richiamo verbale;
- richiamo scritto;
- multa non superiore all'importo di 4 ore di retribuzione base da versare secondo legge;
- sospensione dal lavoro e dalla retribuzione fino ad un massimo di 6 gg. di effettivo lavoro (6/26).
- licenziamento disciplinare.
[…]

Art. 68 - Rinvio alle leggi
Per quarto non previsto dal presente CCNL si fa esplicito riferimento alle norme contenute nella L. 300/70, nella L. 604/66, nella L. 108/90 e nella L. 223/51 e successive modifiche e integrazioni

Allegati
Allegato n. 3 Sicurezza e salute dei lavoratori nelle istituzioni scolastiche

Le parti
Visto il DLgs 81/08 che fissa sia 1 principi generali per la tutela della salute e la sicurezza, che la rappresentanza dei lavoratori nei posti di lavoro, demandando alla contrattazione collettiva la definizione degli aspetti applicativi;
Considerato che le patti intendono definire tali aspetti applicativi, in base agli orientamenti di partecipazione che hanno ispirato le direttive della CEE;
Ravvisata 1’opportunità di definite i temi concernenti la rappresentanza dei lavoratori sulla sicurezza e la salute, le sue modalità d'esercizio nei posti di lavoro, la formazione della rappresentanza e la costituzione, a norma del DLgs 81/08, degli organismi paritetici territoriali;
Ritenuto che la logica, che fonda i rapporti tra le parti nella materia in questione, è quella di superare posizioni conflittuali, ed ispirarsi a criteri di partecipazione;
convengono quanto segue:
Parte prima Il Rappresentante per la sicurezza
L'Art. 47 del DLgs 81/08 stabilisce che in tutte le aziende o unità produttive e eletto o designato il rappresentante per 3a sicurezza, fissa ì criteri per la sua individuazione, e prevede il rinvio alla contrattazione collettiva per la definizione di altri parametri, in tema di diritti, formazione e strumenti per l'attuazione degli incarichi
I luoghi di lavoro debbono essere strutturati tenendo conto di eventuali portatori di handicap.
A - Istituti fino a quindici dipendenti
1) Negli istituti di ogni ordine e grado, dove si esercitano attività educative, di istruzione, convitti, studentati, collegi, nonché centri sportivi e culturali aderenti all’Aninsei aventi fino a quindici dipendenti, il rappresentante viene eletto dal lavoratori al loro interno.
La riunione dei lavoratori deve essere esclusivamente dedicata a tale funzione
Altre modalità per reiezione delle RLS possono essere individuate dagli organismi paritetici territoriali previsti dal CCNL.
2) L’elezione si svolge a suffragio universale diretto e a scrutinio segreto, anche per candidature concorrenti.
Hanno diritto al voto tutti i lavoratori iscritti si libro matricola e possono essere eletti tutti quelli con contratto a tempo indeterminato.
Risulterà eletto il lavoratore che ha ottenuto il maggior numero di voti. In caso di parità risulterà eletto colui che ha maggiore anzianità di servizio.
Prima della votazione, i lavoratori nominano tra di loro il segretario del seggio elettorale, il quale, a seguito dello spoglio delle schede, provvede a redigere il verbale dell'elezione che viene comunicato subito al datore di lavoro.
L’incarico ha la durata di tre anni
3) Al rappresentante per la sicurezza spettano, per lo svolgimento dell'incarico previsto a norma dell’art. 50 del DLgs 81 /2008, negli istituti che occupano fino a 15 dipendenti, permessi retribuiti pari a 12 ore annue. Per l'espletamento degli adempimenti previsti dall’Art. 50 DLgs. 81 /2008, lettere b), e), d), g), i) ed 1), non viene utilizzato il predetto monte ore.
Ricevuto il verbale d’elezione, il datore di lavoro comunica il nome dell'eletto, quale rappresentante per la sicurezza, alla Commissione Paritetica Regionale e questa alla Commissione paritetica Nazionale.
B - Istituti con più di 15 dipendenti
1) Negli istituti che occupano più di 15 il rappresentante per la sicurezza viene designato dai lavoratori tra i componenti della RSA o RSU se presenti. (cfr. Art. 47 c. 4)
I permessi di cui al comma precedente sono pari a 18 ore annue per gli istituti con numero di dipendenti da 16 a 60; pari a 24 ore annue per gli istituti con più di 60 dipendenti,
2) Negli istituti con più di quindici dipendenti il rappresentante per la sicurezza è eletto o designato dai lavoratori nell'ambito delle rappresentanze sindacali aziendali In assenza di tali rappresentanze, è eletto direttamente dai lavoratori al loro interno, secondo le modalità di cui al punto 2 (cfr. Art. 47, comma 3). Nel caso di dimissioni, o di mancata accettazione dell’elezione subentrano, come rappresentante per la sicurezza, e in via subordinata, i lavoratori che hanno ottenuto più voti durante l'elezione. In questo caso allo stesso spettano le sole ore di permesso previste per la sua funzione.
Il verbale con il nominativo del rappresentante per la sicurezza deve essere comunicato alla direzione dell’istituto, che informerà la Commissione Paritetica Regionale e quella Nazionale, presso la quale si terrà il relativo elenco.
C - Attribuzioni del rappresentante per la sicurezza (Art. 50 DLgs 81/2008)
1) Il diritto di accesso ai luoghi di lavoro viene esercitato nel rispetto delle esigenze di istituto, in accordo con il gestore, e con le limitazioni previste dalla legge.
Il rappresentante per la sicurezza segnala preventivamente le visite che intende effettuare negli ambienti di lavoro.
2) La consultazione del rappresentante per la sicurezza, è prevista a carico del datore di lavoro, ai sensi e per gli effetti dell’Art. 50 del DLgs 81/2008 deve essere svolta in modo da garantire la sua tempestività ed effettività, fornendo tutti gli strumenti necessari.
Il verbale della consultazione deve riportare le osservazioni e le proposte formulate dal rappresentante, il quale conferma l'avvenuta consultandone, apponendo la propria firma sul verbale.
3) Il rappresentante per la sicurezza ha diritto di ricevere le informazioni e le documentazioni di cui all'art. 50, comma 1, lett. e) e f) del DLgs 81/2008. Ha diritto inoltre di consultare la relazione sulla valutazione dei rischi, di cui all’art. 28 comma 2, conservato presso l'istituto a norma dell’Art. 28 comma 3. Il datore di lavoro fornisce, anche su istanza del rappresentante, le informazioni e la documentazione richiesta secondo quanto previsto dalla normativa.
Per informazioni, inerenti l'organizzazione e gli ambienti di lavoro, si intendono quelle concernenti l'istituto, per gli aspetti relativi all’igiene ed alla sicurezza del lavoro
Il rappresentante, ricevute le documentazioni e le notizie, è tenuto a fame un uso strettamente connesso alla sua funzione, nel rispetto della riservatezza.
4) Il rappresentante per la sicurezza ha diritto ad un'adeguata formazione prevista al comma 10 lettera G dell'Art. 50 del DLgs 81/2008 Tale formazione, a carico del datore di lavoro, verrà realizzata attraverso permessi retribuiti aggiuntivi, rispetto a quelli già previsti per la normale attività, deve prevedere un programma utile, adeguato alle sue funzioni e deve contenere:
- conoscenze generali su doveri e diritti previsti dalla normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro;
- conoscenze generali sui rischi delle attività e sulle relative misure di prevenzione e protezione;
- metodologie sulla valutazione del rischio;
- metodologie minime di comunicazione,
La durata dei corsi di formazione è di 32 ore. Il datore di lavoro, in caso di rilevanti innovazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori provvederà all’integrazione della formazione.
5) Negli istituti con più di quindici dipendenti il datore di lavoro indice, almeno una volta l'anno, una riunione in merito alla valutazione sulle condizioni generali di sicurezza. La riunione, alla quale partecipano i soggetti di cui all'Art. 35, comma 1 del DLgs 81/2008, viene convocata, mediante atto scritto, con almeno 5 giorni lavorativi di preavviso.
Il rappresentante per la sicurezza può richiedere la convocazione della riunione periodica in presenza di gravi e motivate situazioni di rischio o di palesi variazioni delle condizioni di prevenzioni presenti nell'istituto.
Della riunione viene redatto relativo verbale.
Parte seconda Organismi Paritetici
Le parti contraenti, nel mettere in atto quanto disposto dallo Art. 2 del DLgs 81/2008, fermo restando quanto previsto dal comma lettera e) dello stesso articolo e del successivo Art. 51, concordano quanto segue:
1. Commissione Paritetica Nazionale
La commissione Paritetica Nazionale assume anche compiti in materia di igiene e sicurezza, e precisamente:
- promuove la costituzione di organismi paritetici regionali, (sezioni specifiche aggiuntive paritetiche) e coordina la loro attività;
- organizza seminari ed altre attività complementari dei componenti gli organismi paritetici regionali;
- definisce le linee guida ed i comportamenti comuni in materia di igiene e sicurezza sul lavoro;
- valuta eventuali esperienze ed intese già operanti nel settore, che siano di riferimento per gli organismi paritetici regionale, anche in relazione alla attuazione di progetti formativi in ambito locale;
- promuove e coordina interventi formativi, attivando canali di finanziamento da parte dell’Unione Europea e di altri Enti pubblici Nazionali e Comunitari;
- favorisce Io scambio di informazioni e valutazioni sugli aspetti applicativi della vigente normativa e delle iniziative delle Amministrazioni pubbliche;
- approfondisce le proposte di, normative comunitarie e nazionali, allo scopo di individuare eventuali posizioni comuni da prospettare al Governo, al Parlamento alle Amministrazioni competenti.
2. Commissione Paritetica Regionale
Entro 180 giorni, dalla data del presente accordo a livello regionale, le Commissioni Paritetiche Regionali, coordinate con la Commissione Paritetica Nazionale, assumono, anche il compito di promuovete iniziative formative in tema di prevenzione,
A tal fine la Commissione Paritetica Nazionale di sua iniziativa, o su proposta delle Commissioni Paritetiche regionali, elabora progetti formativi in materia di prevenzione, igiene e sicurezza del lavoro, Tali progetti formativi, elaborati in sintonia con le linee guida e le indicazioni di carattere generale concordate in seno alla Commissione Paritetica Nazionale, vengono comunicati alla Commissione Paritetica regionale.
La Commissione Paritetica Regionale, onde favorire la realizzazione delle iniziative proposte, oltre a tenere rapporti con l'Ente Regione e gli altri soggetti istituzionali e non, operanti in materia di salute, sicurezza e prevenzione può, di sua iniziativa, promuovere direttamente l'organizzazione di corsi o giornate formative specifiche.
Parte terza Composizione delle controversie
Fondamentale importanza, per una gestione condivisa e non conflittuale sulle materie della formazione e della rappresentanza nella prevenzione sul lavoro, assume in base al Dlgs 81/2008, la costituzione di organismi paritetici per la “composizione” di possibili conflitti.
Tali Organismi infatti rappresentano la puma istanza di risoluzione di controversie insorte nella “applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione previsti dalle nonne vigenti”.
Le Commissioni Paritetiche Regionali agiscono come organismi paritetici al quali sono attribuite le funzioni di composizione in base al DLgs 81/2008. In particolare spetta ad esse:
• informare i soggetti interessati ai temi della salute e della sicurezza;
• tenere un elenco comprendente tutti i nominativi dei rappresentanti per la sicurezza eletti o designati nelle istituzioni scolastiche del territorio di competenza dell’organismo;
• trasferire i dati sopracitati alla Commissione Paritetica Nazionale.
Le parti ribadiscono la convinzione che la questione della materia della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, sia realizzabile con soluzioni condivise ed attuabili.
Pertanto, in tutti i casi di controversie, relative all'applicazione delle norme sui diritti di rappresentanza, informazione e formazione, previsti dalle norme vigenti, le parti interessate (il datore di lavoro, i lavoratori o i loro rappresentanti) si impegnano ad adire la Commissione Paritetica Regionale al fine di riceverne, ove possibile, una soluzione concordata.
La parte che ricotte alla Commissione Paritetica Regionale, ne informa le altre parti interessate.
Per quanto non previsto dal presente Accordo si rinvia alla normativa vigente.

Allegato n. 4 Corsi di formazione rivolti ai rappresentanti per la sicurezza di cui al D.lgs. 81/08
Le parti
Visto il DLgs 81/08 che fissa sia i principi generali per la tutela della salute e la sicurezza, che la rappresentanza dei lavoratoti nei posti di lavoro, demandando alla contrattazione collettiva la definizione degli aspetti applicativi;
Visto l’Accordo Allegato n. 3 al CCNL;
Vista la lettera E, punto 3 bis, dei citato accordo nazionale che attribuisce al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza il diritto/dovere ad una adeguata formazione per l'espletamento dei compiti connessi alla funzione;
Visto il Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 16 gennaio 1997 sulla “individuazione dei contenuti minimi della formazione dei lavoratori, dei rappresentanti per la sicurezza e dei datori di lavoro che possono svolgere direttamente i compiti propri del responsabile del servizio di prevenzione e protezione”;
convengono quanto segue:
A - Modalità del corso di formazione per i RLS
1. Tutti i lavoratori eletti o designati secondo le modalità indicate Accordo Nazionale, sono tenuti a partecipare ad un corso di formazione della durata minima di 32 ore sulle materie concernenti l'incarico.
2. Il corso di formazione, i cui costi sono a carico dei datori di lavoro, porrà essere organizzato anche su base provinciale e/o regionale.
3. La durata minima del corso e di 32 ore, ripartite su non meno di 5 giorni lavorativi Il RLS è dispensato dallo svolgere attività lavorativa per la durata dell'intero corso. Qualora le ore di durata del corso fossero superiori all’orario settimanale individuale, le ore eccedenti vengono considerate come ore di permessi retribuiti aggiuntivi a quelli previsti dal vigente CCNL.
4. Per la durata dell'intero corso spetta al RLS la normale retribuzione e il rimborso delle spese di trasporto pubblico/collettivo sostenute per la frequenza.
5. In caso di assenza dal corso, per motivi non dipendenti dalla volontà del RLS e comunque previsti dal vigente CCNL, il RLS sarà chiamato ad un eventuale successivo corso, con rimborso delle spese di viaggio, secondo quanto riportato al punto 4.
B - Contenuti minimi in materia di formazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e ruolo degli organismi paritetici.
La salute sui posti di lavoro è il risultato di un'azione congiunta, frutto della collaborazione tra le parti coinvolte. Per attuare concretamente tale principio, i1 presente accordo prevede interventi di formazione rivolti sia ai lavoratori che ai rappresentanti per la sicurezza.
Per i contenuti minimi della formazione dei Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, le parti, nel rispetto di quanto all’Art. 1 del Decreto Ministeriale del 16 gennaio 1997, indicano nel successivo schema le specifiche materie oggetto del corso di formazione, che potranno comportate integrazioni e approfondimenti secondo i particolari indirizzi didattici di ciascun istituto.
Il Dlgs 81/08 assegna agli Organismi paritetici un ruolo fondamentale e centrale per quanto riguarda la promozione e la progettazione della formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti, tanto da far assumere agli organismi stessi un importante ruolo di monitoraggio nelle varie fasi del processo formativo e pertanto è opportuno che vengano attivati e ricercati i necessari ed idonei collegamenti con tutte quelle strutture pubbliche e private, che potranno contribuire ai vari livelli alla realizzazione del percorso formativo, cosi come definito ai punti 1 e 2 della Seconda Parte dell'Accordo Nazionale dell'11 aprile 1997.
Schema formativo per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
1. Aspetti applicativi della nuova normativa;
2. Aspetti giuridici generali
2.1. i principi costituzionali e civilisti
2.2. i soggetti destinatari delle normative
- datore di lavoro
- lavoratore
- rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
- dirigente
- responsabile del servizio di prevenzione e protezione
- preposto
- modico competente,
2.3. I principali obblighi di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Le misure di prevenzione in generale.
2.4. I diritti e gli strumenti partecipativi dei Lavoratori: informazione, formazione, consultazione ecc.
2.5. Le funzioni di vigilanza.
3. Le norme di igiene e sicurezza del lavoro.
3.1. Le normative previgenti al DLgs 81/08; L. 123/07; DLgs 626/94; DPR 547/55, DPR 303/56 ecc., in generale, Direttive comunitarie;
3.2. il D.Lgs. 81/08
3.3. la L. 123/07
3.4. definizione ed individuazione dei fattori di rischio
3.5. la valutazione del rischio: significato e procedure
3.6. individuazione delle misure di prevenzione (tecniche, organizzati procedurali)
4. La rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza
4.1. Aspetti normativi dell'attività di rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza: DLgs 81/08
4.2. Risorse informative aziendali, accesso ed utilizzo
4.3. Il ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nella logica partecipativa e nel quadro delle relazioni sindacali,
4.4. l'accordo di comparto e la sua applicazione.
5. Nozioni di tecniche delle comunicazioni
Alla fine del corso, sarà rilasciato al Rappresentante dei lavoratoli per la sicurezza un attestato comprovante l'avvenuta formazione, nel rispetto delle vigenti norme in materia. L’attestazione è depositata in originale presso la direzione dell'istituto. Gli elenchi dei partecipanti al corso saranno depositati presso la Commissione Paritetica Regionale e da questa inviati alla Commissione Paritetica Nazionale.
C- La docenza
Le parti concordano che lo svolgimento della docenza in ordine alle materie i cui contenuti vertono su diritti e doveri del Rappresentante per la sicurezza dei lavoratori, di cui ai punti 4) e 5), possa essere affidata a docenti segnalati dalle OO.SS. della scuola, firmatarie del CCNL, che comunicheranno ì nominativi entro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente Accordo alla Commissione Paritetica Nazionale, che li trasmetterà alle Commissioni Paritetiche Regionali per competenza,
D - Obblighi del datore di lavoro
I lavoratori, anche attraverso l'intervento dei loro RLS, devono ricevere, secondo il dispositivo legislativo, una formazione adeguata.
Le materie oggetto della formazione dei lavoratori sono:
1) i rischi riferiti al posto di lavoro ed alle mansioni nonché possibili danni e le conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione.
2) Nozioni relative ai diritti e doveri dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sui posti di lavoro.
3) Cenni di tecnica della comunicazione interpersonale in relazione al ruolo partecipativo.
4) Materie previste dall'accordo nazionale.