Stampa
Categoria: 2015
Visite: 2898

Tipologia: Accordo
Data firma: 9 aprile 2015
Validità: 09.04.15 - 31.12.2016
Parti: Number 1 Logistics Group/Unione Parmense degli Industriali e Coordinamento Nazionale delle RSU/Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil
Settori: Agroindustriale, Number 1
Fonte: uila.eu

Sommario:

Premessa
Sistema di relazioni sindacali e diritto di informazione
Formazione
Organizzazione del lavoro
Appalti
Premio variabile ad obiettivi (P.V.O.)
Valore del P.V.O.
Modalità di erogazione
Welfare - fondo di assistenza sanitaria Number 1
Decorrenza e durata

Verbale di accordo

Addì 9 aprile 2015, in Parma, presso la sede dell'Unione Parmense degli industriali, tra la società Number 1 Logistics Group spa […], assistita dalla […] Unione Parmense degli Industriali, e i lavoratori dipendenti, rappresentate dal Coordinamento Nazionale delle RSU, assistite da Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil nazionali […], si è convenuto quanto segue:

Premessa
Nei corso degli ultimi anni il mercato logistico italiano è stato caratterizzato da due principali fenomeni: lo sviluppo di operatori logistici internazionali con ulteriore concentrazione degli operatori, sia grazie ad acquisizioni sia attraverso l'uscita di operatori regionali di minori dimensioni, l’aumentata concentrazione della Grande Distribuzione Organizzata (GDO), con la conseguente centralizzazione dei processi di distribuzione locale, che comporta continue ricadute sul sistema di distribuzione secondario gestito dalla società.
Quanto sopra ha comportato una fortissima competizione sul fronte delle tariffe alle aziende clienti e ha significativamente modificato l'equilibrio e la profittabilità del mercato italiano.
In tale difficile quadro, Number1 ha continuato a proporsi come operatore logistico focalizzato principalmente sul settore "grocery", attraverso una gamma di servizi superiori alla media.
Ciò non ha però consentito alla società di ottenere risultati in linea con le aspettative, a causa di tariffe di mercato in diminuzione e costi difficilmente comprimibili.
Inoltre, la progressiva modifica del portafoglio clienti vede la società sempre più tesa a competere in ambiti dove il fattore prezzo diviene l’elemento critico discriminante. Nel periodo di vigenza del presente contratto, la società pertanto, dovrà focalizzarsi sull'acquisizione sostenibile di ulteriori Clienti nel mercato dei beni di largo consumo e dovrà competere attraverso la ricerca di un’importante riposizionamento strategico, in particolare perseguendo un significativo recupero di efficienza che permetta di sviluppare un equilibrio costo/servizio in linea con le esigenze di competitività sopradescritte.

Sistema di relazioni sindacali e diritto di informazione
Si conferma che la realizzazione delle strategie aziendali richiede, oltre all'impegno dell'intera organizzazione, anche un sistema di relazioni in grado di comprendere la realtà di una società di servizi logistici. In questo senso, il sistema di relazioni industriali si conferma pertanto come ambito nel quale azienda e rappresentanti dei lavoratori si confrontano, scambiandosi le necessarie informazioni ed aggiornamenti su strategie, obiettivi e risultati aziendali, con modalità orientate alla risoluzione delle specifiche problematiche operative.
Coerentemente a quanto sopra, sono confermati per il triennio di vigenza del presente contratto gli accordi in essere a livello aziendale ed a livello di sito.
Le parti ribadiscono che l'impianto del sistema sarà oggetto di monitoraggio periodico al fine di verificare la rispondenza alle reciproche esigenze di miglioramento del sistema delle relazioni.

Formazione
La formazione rappresenta un importante investimento nello sviluppo delle conoscenze dei lavoratori e nel miglioramento degli aspetti comportamentali. La formazione dovrà pertanto avvenire in funzione di esigenze concrete, dipendenti da necessità di business, dall'introduzione di nuovi sistemi, dalla modifica sostanziale di processi o in ottemperanza alla normativa vigente, gli specifici progetti saranno oggetto di esame con le RSU competenti
Le principali aree rimarranno anche per il triennio 2014-2016 la formazione alla qualità, la formazione alla prevenzione e sicurezza del lavoro nonché la formazione professionale.
Su richiesta del lavoratore, l'Azienda fornirà al medesimo un documento che certifichi la formazione d'aula effettuata.
Per la formazione che si porrà in essere le parti concordano sull’opportunità di ricorrere alla formazione finanziata nonché a Fondimpresa.

Organizzazione del lavoro
Si ribadisce, che l'organizzazione del lavoro, nel pieno rispetto delle norme di legge e di contratto collettivo nazionale, dovrà assicurare la flessibilità, l'efficienza e la rapidità necessarie, a supporto degli obiettivi aziendali. Infatti, le caratteristiche del business possono comportare la rapida acquisizione, ma anche la perdita di Clienti e la necessità di dare implementazione in tempo reale a progetti tesi a migliorare l'efficienza e/o il servizio della rete distributiva.
Si conferma, dunque, che dovrà essere colta ogni opportunità per allineare l'organizzazione aziendale al modello di business logistico, attraverso la focalizzazione dei dipendenti diretti sulle attività chiave e a maggior valore aggiunto. In particolare, le parti confermano che, previo esame congiunto, le attività dei dipendenti addetti all'attività di movimentazione saranno riorganizzate sempre più su attività di controllo e di verifica della qualità del servizio, anche attraverso, ove fosse necessario, ad azioni di riqualificazione.

Appalti
Nel quadro normativo in essere, viene confermata dalle Parti l'importanza e la centralità del lavoro dipendente circa le attività chiave per il funzionamento dell'organizzazione. La società ribadisce la massima attenzione a pretendere il rispetto dalle società appaltatrici della disciplina legislativa, previdenziale, assicurativa, di igiene e sicurezza del lavoro e delle norme contrattuali confederali del settore merceologico cui appartengono le aziende appaltatrici stesse.
A richiesta del Coordinamento, delle RSU o delle Organizzazioni Sindacali firmatarie del presente Accordo, verrà data informazione sulle attività oggetto di appalto. Per le situazioni rilevanti, l'Azienda esaminerà le possibili conseguenze con la RSU o con le OO.SS. interessate.