Stampa
Categoria: Normativa regionale
Visite: 3322

Regione Friuli Venezia Giulia
Delibera 30 dicembre 2014, n. 2618
Programma regionale di formazione alla sicurezza ai sensi dell’art. 11, comma 1, punto b) del dlgs 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni-variazioni.

In riferimento all'oggetto, la Giunta Regionale ha discusso e deliberato quanto segue:
Premesso che:
Nella seduta del 20 novembre 2008, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome ha sancito un accordo finalizzato all’adozione di misure atte a diffondere la cultura della sicurezza ed a realizzare una campagna straordinaria di formazione;
A tali fini è stato previsto il riparto finanziario, fra le Regioni e le Province autonome, di risorse derivanti dai fondi di cui all’articolo 11, comma 7 del Decreto legislativo del 9 aprile 2008, n. 81 e finalizzate alla realizzazione di attività formative nell’ambito della sicurezza e salute sui luoghi di lavoro. Tale riparto ha determinato la destinazione, a favore della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia della somma di euro 922.000,00. Il citato accordo prevede un cofinanziamento regionale pari ad almeno il 30% del finanziamento nazionale. A ciò si è provveduto, per una somma pari a euro 276.600,00, con la legge regionale di assestamento del bilancio 2009 e del bilancio pluriennale per gli anni 2009/2011 dell’estate 2009;
In tal modo le risorse finanziarie complessivamente disponibili per la realizzazione delle attività formative previste dall’accordo sono pari a euro 1.198.600,00;
La Regione ha presentato il programma al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali il 21 luglio 2009; in data 9 ottobre 2009, detto Ministero ha comunicato l’approvazione del programma e l’adozione degli atti per il trasferimento del finanziamento di euro 922.000,00;
Con deliberazione della Giunta regionale n. 86/2010 è stato emanato un avviso finalizzato all’individuazione dei soggetti cui affidare la realizzazione delle attività formative;
Con la stessa deliberazione è stato definito come segue il riparto delle risorse finanziarie complessivamente disponibili nell’ambito delle aree di attività previste dal menzionato accordo del 20 novembre 2008:

1) Presidi e insegnati delle scuole superiori

€ 119.860 (10,0%)

2) Lavoratori stranieri

€ 209.755 (17,5%)

3) Lavoratori con meno di due anni di esperienza nell’esercizio delle proprie mansioni o attività

€ 299.650 (25,0%)

4) Lavoratori stagionali del settore agricolo

€ 119.860 (10,0%)

5) Datori di lavoro delle piccole e medie imprese, piccoli imprenditori di cui all’articolo 2083 CC e lavoratori autonomi

€ 209.755 (17,5%)

6) Rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza

€ 119.860 (10,0%)

7) Lavoratori degli uffici appalti del comparto degli Enti locali del Friuli Venezia Giulia

€ 119.860 (10,0%)

Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 17 dicembre 2009 è stata assegnata alla Regione l’ulteriore somma di euro 415.000 per la prosecuzione della attività formative di cui al menzionato accordo del 20 novembre 2008 ed a valere sulle risorse di cui all’articolo 11, comma 7 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
In base a quanto previsto dal suddetto decreto del 17 dicembre 2009, la Regione ha assicurato un cofinanziamento pari al 15% dell’assegnazione statale (euro 62.250);
Con deliberazione della Giunta regionale n. 2629 dd. 29/12/2011, tenuto con delle aree di attività indicate dal decreto del 17 dicembre 2009 (cinque delle sette previste dal programma originario) e dello stato di avanzamento del programma previsto dalla DGR 86/2010, è stata stabilita come segue la destinazione delle ulteriori risorse disponibili (complessivamente pari ad euro 477.250,00 / per comodità di lettura e confronto si mantiene la numerazione attribuita col primo intervento):

1) Presidi e insegnati delle scuole superiori

€ //

2) Lavoratori stranieri

€ 85.905 (18,0%)

3) Lavoratori con meno di due anni di esperienza nell’esercizio delle proprie mansioni o attività

€ 28.635 (6,0%)

4) Lavoratori stagionali del settore agricolo

€ //

5) Datori di lavoro delle piccole e medie imprese, piccoli imprenditori di cui all’articolo 2083 CC e lavoratori autonomi

€ 76.360 (16,0%)

6) Rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza

€ 286.350 (60,0%)

7) Lavoratori degli uffici appalti del comparto degli Enti locali del Friuli Venezia Giulia

€ //

I soggetti individuati a seguito dell’Avviso emanato con DGR 86/2010 hanno presentato prototipi formativi distinti per ciascuna delle aree di attività individuate. A seguito delle indicazioni emerse in sede di Comitato regionale di coordinamento per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro sono stati poi presentati ulteriori prototipi formativi di carattere trasversale, in tema di valutazione dei rischi e di tutela della specificità di genere;
Al 30 novembre 2014 risultano realizzati 240 interventi seminariali (di 4 ore ciascuno) e 67 percorsi formativi (di durata variabile 16/24/28/32 ore); agli interventi seminariali hanno partecipato 4264 persone, mentre i percorsi formativi sono stati frequentati da 652 persone, per un totale di 4916 partecipanti; la relativa spesa ammonta ad euro 1.039.041,22; nella tabella 1) allegata i dati di realizzazione e di spesa sono esposti suddivisi per area di attività; si nota che sono esauriti i fondi per le aree di intervento 1) e 7), mentre per le altre aree vi è disponibilità sufficiente per proseguire l’attività; si nota inoltre che nell’area di intervento 4 (lavoratori stagionali del settore agricolo) è stato realizzato un solo percorso e si evidenzia che ciò è dovuto principalmente alla difficoltà di intercettare i destinatari nei periodi in cui non lavorano ed alla difficoltà degli stessi a partecipare attività formative nei periodi in cui lavorano;
Atteso e considerato che:
In data 29 marzo 2012 il Comitato regionale di coordinamento per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro istituito ed operante nell’ambito della Direzione centrale competente in materia di salute, integrazione socio sanitaria e politiche sociali, ha approvato un ulteriore programma per la formazione in materia di sicurezza, che prevede una spesa complessiva di euro 481.550,00 e con riferimento al quale:
- il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha assegnato alla Regione un finanziamento di euro 337.000,00, cui vanno aggiunti euro 50.550,00 di cofinanziamento regionale obbligatoria; entrambe le somme sono stanziate nel bilancio regionale ai capitoli S/4026 e S/4027; il finanziamento di cui si tratta è finalizzato alla realizzazione dei progetti formativi previsti dall’articolo 11, comma 1, punto b), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
- l’INAIL ha assegnato alla Regione un finanziamento di euro 94.000,00 stanziato al capitolo S/4099 del bilancio regionale;
Il programma approvato dal Comitato regionale di coordinamento per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro, come integrato a seguito degli accordi intervenuti in sede di Comitato di Pilotaggio INAIL FVG dd. 04/07/2012, prevede l’ampliamento dell’attività dei soggetti selezionati in base all’Avviso emanato con DGR 86/2010 con riferimento alle seguenti aree di intervento già previste (per comodità di lettura e confronto si mantiene la numerazione attribuita col primo intervento), cui vanno aggiunte le due nuove aree individuate dal Ministero:

1) Presidi e insegnati delle scuole superiori

€ //

2) Lavoratori stranieri

€ //

3) Lavoratori con meno di due anni di esperienza nell’esercizio delle proprie mansioni o attività

€ 77.000 (16,0%)

4) Lavoratori stagionali del settore agricolo

€ //

5) Datori di lavoro delle piccole e medie imprese, piccoli imprenditori di cui all’articolo 2083 CC e lavoratori autonomi

€ 77.000 (16,0%)

6) Rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza

€ 96.550 (20,0%)

7) Lavoratori degli uffici appalti del comparto degli Enti locali del Friuli Venezia Giulia

€ 77.000 (16,0%)

8) Lavoratori di età inferiore ai 25 anni

€ 77.000 (16,0%)

9) Lavoratori di età superiore ai 50 anni

€ 77.000 (16,0%)

Nella tabella 2) allegata i finanziamenti previsti sono riepilogati per aree di intervento.
Per la realizzazione delle attività nelle nuove aree di intervento il programma prevede di ampliare l’attività dei soggetti già individuati a seguito della deliberazione giuntale n. 86/2010
Ravvisata l’opportunità di modificare ed integrare il programma di attività previsto dalle deliberazioni giuntali n. 86/2010 e n. 2629/2011 secondo quanto previsto dal programma integrativo approvato in data 29 marzo 2012 dal Comitato regionale di coordinamento per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro istituito ed operante nell’ambito della Direzione centrale competente in materia di salute, integrazione socio sanitaria e politiche sociali, e in data 4 luglio 2012 dal Comitato di pilotaggio previsto dal Protocollo di intesa tra Regione Friuli Venezia Giulia e INAIL FVG, con specifico riferimento al rifinanziamento delle attività formative / informative già previste ed all’impostazione e realizzazione di attività formative / informative a favore dei nuovi destinatari individuati dal programma integrativo;
Ritenuto pertanto di autorizzare la struttura regionale competente in materia di formazione professionale, cui è stato a suo tempo affidata la gestione amministrativo contabile dell’attività di cui si tratta:
- ad integrare nei termini ricavabili dalla tabella 2) i limiti di spesa relativi alle attività formative rivolte ai destinatari già individuati nel programma di cui alle deliberazioni giuntali n. 86/2010 e n. 2629/2011;
- a richiedere ai soggetti attuatori individuati a seguito della DGR 86/2010 la predisposizione di progetti formativi da erogare a catalogo ai lavoratori di età inferiore ai 25 anni ed a quelli di età superiore ai 50 anni nei limiti di spesa indicati nella tabella 2) allegata, ripartendo gli stessi limiti di spesa in parti uguali tra i soggetti attuatori disponibili a realizzare le nuove attività;
su proposta dell’Assessore regionale al lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca,
la Giunta regionale, all’unanimità,

delibera

1) di prendere atto dello stato di attuazione del programma regionale di formazione alla sicurezza di cui alle deliberazioni giuntali n. 86/2010 e n. 2629/2011, come esposto nella tabella 1) allegata quale parte integrante della presente deliberazione;
2) di prendere atto che, a seguito dell’assegnazione di nuovi finanziamenti da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e da parte dell’INAIL, è stato elaborato un programma integrativo approvato in data 29 marzo 2012 dal Comitato regionale di coordinamento per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro istituito ed operante nell’ambito della Direzione centrale competente in materia di salute, integrazione socio sanitaria e politiche sociali, e in data 4 luglio 2012 dal Comitato di pilotaggio previsto dal Protocollo di intesa tra Regione Friuli Venezia Giulia e INAIL FVG; di prendere atto altresì che il programma complessivo ed i relativi finanziamenti sono riepilogati nella tabella 2) allegata quale parte integrante della presente deliberazione;
3) di prevedere la prosecuzione del programma di cui alle deliberazioni n. 86/2010 e n. 2629/2011, come modificato dal programma integrativo di cui al punto 2), autorizzando il Servizio programmazione e gestione interventi formativi della Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca:
a) ad integrare nei termini ricavabili dalla tabella 2) allegata i limiti di spesa relativi alle attività formative rivolte ai destinatari già individuati nel programma di cui alle deliberazioni giuntali n. 86/2010 e n. 2629/2011;
b) a richiedere ai soggetti attuatori individuati a seguito della DGR 86/2010 la predisposizione di progetti formativi da erogare a catalogo ai lavoratori di età inferiore ai 25 anni ed a quelli di età superiore ai 50 anni nei limiti di spesa indicati nella tabella 2) allegata, ripartendo gli stessi limiti di spesa in parti uguali tra i soggetti attuatori disponibili a realizzare le nuove attività.

IL PRESIDENTE

IL SEGRETARIO GENERALE

Allegati