Stampa
Categoria: Normativa regionale
Visite: 3549

Regione Lazio
Deliberazione 30 dicembre 2013, n. 512
Attuazione dell'Accordo Stato - Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano del 22 febbraio 2012, concernente l'individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi e i requisiti minimi di validità della formazione, in attuazione dell'art. 73, co. 5, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.
B.U.R. 16 gennaio 2014, n. 5

LA GIUNTA REGIONALE
SU PROPOSTA DELL’ASSESSORE AL LAVORO
di concerto
CON L’ASSESSORE ALLA FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA’, DIRITTO ALLO STUDIO

VISTI:
- l’art. 117 della Costituzione;
- il decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 "Definizione e ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano ed unificazione, per le materie ed i compiti di interesse comune delle regioni, delle province e dei comuni, con la Conferenza Stato-città ed autonomie locali";
- il decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 “Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e di mercato del lavoro di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30” e s.m.i.;
- il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" (Testo Unico sulla Sicurezza) e s.m.i., in particolare gli art. 6, co. 8, lett. m-bis), 71, co. 7 e 73;
- lo Statuto della Regione Lazio;
- la legge regionale 25 febbraio 1992, n. 23 “Ordinamento della formazione professionale” e s.m.i.;
- la legge regionale 14 agosto 1999, n. 14 “Organizzazione delle funzioni a livello regionale e locale per la realizzazione del decentramento amministrativo”;
- il regolamento regionale 6 settembre 2002, n. 1 “Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi della Giunta Regionale” e s.m.i.;
- l’Intesa adottata in Conferenza Stato - Regioni e Province autonome del 20 marzo 2008 per la definizione degli standard minimi del nuovo sistema di accreditamento delle strutture formative per la qualità dei servizi;
- l’Accordo adottato in Conferenza Stato-Regioni e Province autonome del 22 febbraio 2012 concernente “l’individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è prevista una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per riconoscere tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi e i requisiti minimi di validità della formazione ai sensi dell’art. 73, co. 5, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81” e s.m.i. (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 12 marzo 2012, n. 60 - S.O. n. 47) di seguito denominato “Accordo”;
- il decreto interministeriale 10 ottobre 2005 “Approvazione del modello di Libretto formativo del cittadino, ai sensi del d.lgs.10 settembre 2003, n. 276, art. 2, co. 1, lett. i)”;
- il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali 3 dicembre 2008 che istituisce la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ai sensi dell’art. 6, co. 1, d.lgs. n. 81/2008 e s.m.i.;
- il decreto interministeriale 6 marzo 2013 per la definizione dei criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro ai sensi dell’art. 6, co. 8, lett. m-bis) del d.lgs. n. 81/2008 e s.m.i.;
- le Circolari del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 11 marzo 2013, n. 12 e 10 giugno 2013, n. 21 concernenti chiarimenti in merito all’Accordo del 22 febbraio 2012;
- la deliberazione della Giunta regionale 4 giugno 1996, n. 4572 recante “Direttive attuative della legge regionale n. 23/92 - Titolo V: «Autorizzazione allo svolgimento dei corsi privati non finanziati». Art. 39, 40, 41 e 42. Modalità di procedure per la presentazione delle domande, per lo svolgimento e chiusura delle attività formative non finanziate” e s.m.i.;
- la deliberazione della Giunta regionale 29 novembre 2007, n. 968 “Revoca D.G.R. 21 novembre 2002, n. 1510 e D.G.R. 20 dicembre 2002, n. 1687. Approvazione della nuova Direttiva Accreditamento dei soggetti che erogano attività di formazione e di orientamento nella Regione Lazio” e s.m.i.;
- la deliberazione della Giunta regionale 1 giugno 2012, n. 269 concernente “Direttiva Regionale per lo svolgimento, la rendicontazione e il controllo delle attività cofinanziate con il Fondo Sociale Europeo e altri Fondi”;
- la determinazione dirigenziale 17 settembre 2012, n. B06163 concernente “Approvazione della Direttiva Regionale per lo svolgimento, la rendicontazione e il controllo delle attività cofinanziate con il Fondo Sociale Europeo e altri Fondi";
PREMESSO CHE:
- il citato Accordo è entrato in vigore il 12 marzo 2013;
- i lavoratori che alla data di entrata in vigore del predetto Accordo incaricati dell’uso delle attrezzature di cui all’allegato A della presente deliberazione, devono frequentare i corsi di formazione previsti entro 24 mesi dall’entrata in vigore dell’Accordo medesimo;
RITENUTO NECESSARIO:
- attuare l’Accordo e individuare, in particolare, le procedure per il riconoscimento della formazione erogata dai soggetti formatori di cui alle lett. f), g) e h), punto 1, lett. B), del citato Accordo;
- approvare l’Allegato A “Attuazione dell’Accordo adottato dalla Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 22 febbraio 2012 sull’abilitazione di operatori conduttori di attrezzature di lavoro, in applicazione dell’art. 73, co. 5, del d.lgs. n. 81/2008 e s.m.i.”, che forma parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
- riconoscere i corsi di formazione e di aggiornamento oggetto del presente atto, erogati da soggetti formatori di cui alle lettere g) e h), punto 1, lett. B) dell’Accordo nel periodo transitorio tra l’entrata in vigore dell’Accordo stesso e l’approvazione del presente provvedimento, purché realizzati in conformità alle disposizioni dell’Accordo medesimo;
ESPERITA la procedura di concertazione in data 6 settembre 20 e in data 8 novembre 2013;

 

DELIBERA

1. di attuare l’Accordo adottato il 22 febbraio 2012, in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, concernente i corsi di formazione per le attrezzature di lavoro per la cui utilizzazione è richiesta una specifica abilitazione degli operatori e le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, in attuazione dell’art. 73, co. 5, del d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.;
2. di approvare l’Allegato A “Attuazione dell’Accordo adottato dalla Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 22 febbraio 2012 sull’abilitazione di operatori conduttori di attrezzature di lavoro, in applicazione dell’art. 73, co. 5, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.”, che forma parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
3. di riconoscere i corsi di formazione e di aggiornamento oggetto del presente atto, erogati da soggetti formatori di cui alle lettere g) e h), punto 1, lett. B) dell’Accordo nel periodo transitorio tra l’entrata in vigore dell’Accordo stesso e l’approvazione del presente provvedimento, purché realizzati in conformità alle disposizioni dell’Accordo medesimo.
La presente deliberazione sarà pubblicata sul B.U.R.L. e sul sito web istituzionale www.portalavoro.regione.lazio.it.
Il provvedimento entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sul sito web istituzionale www.portalavoro.regione.lazio.it fatto salvo il possesso del requisito di cui all’art. 5, co. 8, dell’Allegato A del presente provvedimento.
Il Presidente pone ai voti, a norma di legge, il su esteso schema di deliberazione che risulta approvato all’unanimità.
 

Allegato