Stampa
Categoria: 2011
Visite: 2133

Tipologia: Accordo integrativo
Data firma: 8 settembre 2011
Validità: 01.01.2011 - 31.12.2013
Parti: Lindt/Unione Industriali e RSU/Flai-Cgil, Fai-Cisl
Settori: Agroindustriale, Lindt
Fonte: flai.lombardia.it

Sommario:

  Premessa
Relazioni industriali
Appalti
Occupazione
Formazione continua e inquadramenti professionali
Orari di lavoro
  Sicurezza e tutela della salute
Diritti e tutele
Armonizzazione dei trattamenti retributivi
Durata e validità
Allegato

Verbale di accordo

Il giorno 8 settembre 2011, presso la sede dell'Unione degli Industriali della Provincia di Varese, tra Lindt & Sprungli spa […], assistita dall'Unione degli Industriali della Provincia di Varese […] e la RSU aziendale, la Flai Cgil di Varese […], la Fai Cisl di Varese […], è stato raggiunto il presente contratto integrativo aziendale relativo al triennio 2011-2013.

Premessa
Lindt & Sprungli spa conferma la volontà di continuare a perseguire una strategia di crescita continua, con la finalità di aumentare i propri standard di competitività all'interno di un mercato in costante evoluzione e di valorizzare l'apporto dei lavoratori al raggiungimento di tali obiettivi.
Linee guida fondamentali di tale percorso sono rappresentate dalle politiche di valorizzazione del proprio marchio, dal miglioramento della qualità dei prodotti, dal miglioramento delle garanzie di sicurezza alimentare ed ambientale.
Sulla base di quanto sopra le parti convengono quanto segue.

Relazioni industriali
Le parti, ferma restando l'autonomia dell'attività imprenditoriale e le relative distinte responsabilità dell'azienda e delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, ritengono che il metodo del confronto rappresenti uno strumento utile per conseguire un continuo miglioramento della competitività aziendale, condizione indispensabile affinché Lindt mantenga e rafforzi il proprio ruolo sul mercato.
Alla luce degli scenari del mercato in cui si trova ad operare l'azienda, caratterizzato dalla richiesta di standard di efficienza e produttività sempre più elevati, le parti ritengono che tali processi debbano continuare ad essere governati da un sistema di relazioni costruttivo, basato sul dialogo e sulla partecipazione, nel rispetto dei reciproci ruoli.
A tal fine Azienda ed RSU si incontreranno settimanalmente, di norma nella giornata del venerdì, per esaminare congiuntamente le necessità legate alla evoluzione dei mercati, le ricadute sui processi produttivi e le relative problematiche avanzate dai lavoratori.
Entro il mese di febbraio, verranno fornite informazioni relative al consuntivo dell'anno precedente, al budget previsto per l'anno, agli investimenti programmati, ad eventuali modifiche all'organizzazione del lavoro, alla situazione ad alle prospettive occupazionali, all'andamento delle campagne di vendita stagionali. Al fine di favorire un confronto costruttivo i dati verranno consegnati 7 giorni prima dell'incontro.
Entro il mese di aprile / maggio verranno fornite, normalmente con la presenza dell'amministratore delegato, informazioni relative al posizionamento di Lindt nel mercato dì riferimento, alla quota di mercato rispetto ai competitors e, più in generale, relativamente alle prospettive, industriali e commerciali, di medio e lungo termine, anche in relazione a quanto formalizzato negli incontri del comitato aziendale europeo.
[…]

Appalti
Nel ribadire quanto previsto dall'art. 4 del CCNL, le parti convengono che, qualora, al fine di perseguire il miglioramento delle condizioni di efficienza ed efficacia, Lindt intenda affidare a società specializzate lo svolgimento di specifiche lavorazioni o fasi di esse, tra azienda ed RSU avrà luogo un confronto preventivo volto ad approfondirne le motivazioni ed esaminarne gli eventuali riflessi sull'occupazione di Lindt.
Relativamente alle attività in essere l'azienda fornirà, entro il mese di settembre 2011, informazioni consuntive relativamente alle attività in appalto, con particolare riferimento all'art. 26 decreto 81 ed in riferimento al contratto di lavoro applicato dalle stesse.
In riferimento alle attività appaltande stante il rispetto della procedura di informazione preventiva di cui sopra, Lindt riconferma le disposizione dell'art. 26 decreto 81 del 2008 nel rapporto con le aziende appaltatrici, e nondimeno il rispetto da parte delle stesse dei CCNL di riferimento.
L'Azienda fornirà alla RSU, pertanto, all'inizio di ogni anno informazioni consuntive relative agli appalti ed ai CCNL applicati dagli appaltatori.

Orari di lavoro
Nel perseguimento dei suoi obiettivi di implementazione dei risultati aziendali Lindt è impegnata a realizzare rilevanti miglioramenti dei suoi processi con un continuo aggiornamento degli standard produttivi sia in termini di efficienza sia in relazione all'organizzazione del lavoro.
[…]
Le parti convengono, inoltre, che verrà effettuata Comunicazione trimestrale alla RSU inerente al numero delle ore di straordinario complessivamente effettuate reparto per reparto.
[…]
Con l'obiettivo di agevolare il personale che necessiti di cambio di turno, l'Azienda comunicherà alla RSU, nel mese di febbraio e nel mese di ottobre, quali saranno le aree di lavoro destinate a "polmone" di manodopera dalle quali attingere personale da spostare. Tali sostituzioni verranno effettuate con personale di pari professionalità e mansione.
Sarà possibile estendere l'orario flessibile in entrata ed in uscita per i lavoratori che sulla base della tipologia e dell'organizzazione di lavoro ne possono usufruire.
Contratto a part-time […]
Entro la fine dell'anno 2011, le Parti si incontreranno per definire le modalità applicative dell'istituto della banca delle ore.

Sicurezza e tutela della salute
In materia di sicurezza ed igiene sul lavoro le parti si danno atto della necessità di perseguire un elevato livello di consapevolezza tra tutti coloro, comunque coinvolti nella gestione applicazione e rispetto del sistema di sicurezza, inteso quale strumento per conseguire i risultati più utili al miglioramento dell'ambiente di lavoro, quale elemento di supporto alla tutela dei lavoratori.
A tal fine è stato istituito il processo informatizzato di segnalazione dei rischi. Il processo chiamato "Valuto" concede l'opportunità a tutto il personale di stabilimento di poter segnalare situazioni di pericolo, mancati infortuni, e soluzioni a situazioni potenzialmente pericolose e di accedere ad informazioni e procedure di sicurezza sul lavoro. L'RSPP e gli RLS avranno il compito di monitorare le segnalazioni ricevute tramite il sistema, fissando dei momenti di condivisione delle segnalazioni sopra menzionate.
Occorre tenere alto l'impegno sulle problematiche in materia di ambiente e sicurezza sul lavoro, al fine della realizzazione di procedure e comportamenti di lavoro sicuro con l'obiettivo di "infortuni e malattie professionali zero". In attuazione dell'art. 2, comma 1. lett. o del Testo Unico, le parti si incontreranno semestralmente per confrontarsi sui dati infortunistici, sulle condizioni di sicurezza del lavoro, organizzazione del lavoro e relativi carichi e delle sue relazioni con le procedure antinfortunistiche.
Le parti condividono di effettuare un'ora all'anno di assemblea retribuita da tenersi a cura della Direzione Operations, RSPP ed RLS, con il contributo del medico competente, al fine di fornire un'informazione/formazione ai lavoratori, reparto per reparto. Verranno trattati i temi della salute e della sicurezza, al fine di evidenziare e discuterne lo stato e proporre possibili miglioramenti alla stessa.
Formazione in materia di sicurezza sul lavoro
In materia di formazione sulla sicurezza sul lavoro le parti hanno definito i principali elementi su cui ritengono opportuno si debba fondare la sua concreta attuazione in Lindt, secondo modalità da specificarsi in sede aziendale.
Verranno individuati i criteri di progettazione, programmazione e realizzazione dell'informazione e formazione di tutti i lavoratori in materia di salute e sicurezza, previste rispettivamente dagli artt. 36 e 37 del Testo Unico Sicurezza (D.Lgs. 81/2008) e successive modificazioni;

Diritti e tutele
Al fine di incentivare la piena integrazione e la parità di diritti dei lavoratori diversamente abili all'interno del processo produttivo, entro il mese di settembre 2011 verrà costituita una commissione specifica composta da: Direzione Risorse, Umane, 1 membro RSU, 1 membro RLS, Responsabile Produzione, medico di fabbrica e RSPP.
La commissione avrà il compito di esaminare le mansioni, affrontare le problematiche operative e proporre possibili soluzioni al corretto inserimento/ professionale.
Con l'entrata in vigore del presente accordo, L'azienda e le Rappresentanze sindacali, al fine di tutelare il supporto alla famiglia ed alla maternità, concordano un contributo "Asilo Nido" per i figli di dipendenti, fino a 3 anni di età. Al fine di poter utilizzare tale contributo, pari a € 150 mensili netti, i dipendenti dovranno presentare idonea iscrizione del figlio all'asilo nido. Nel caso in cui entrambe I genitori lavorino in Lindt, il contributo verrà riconosciuto soltanto ad 1 di essi.
Al fine di agevolare il ricongiungimento familiare nei Paesi d'origine dei lavoratori extracomunitari, assunti con contratto a tempo indeterminato, l'Azienda accoglierà, salvo diverse esigenze tecnico-organizzative, le richieste, in tal senso motivate, dei singoli lavoratori di usufruire dei periodi di assenza dal lavoro con l'utilizzo di ferie o permessi. La domanda dovrà essere formulata entro il mese di febbraio dell'anno stesso.
Ai lavoratori extra-comunitari, assunti con contratto a tempo indeterminato, l'azienda agevolerà la frequenza a corsi di lingua italiana.
L'Azienda conferma la possibilità di utilizzo della lavanderia a tutto il personale dei reparti pasta base e modellaggio. Tale diritto spetterà inoltre al personale trasferito da diverso reparto ai reparti sopra menzionati per un periodo superiore ai 2 mesi continuativi.
L'Azienda conferma inoltre di dare comunicazione alle RSU in occasione di trasferimenti di personale da un reparto ad un altro, nel caso il trasferimento stesso risulti superiore ad 1 mese. L'Azienda formalizzerà al lavoratore l'avvenuto spostamento, qualora superiore a 2 mesi continuativi.
Al fine di agevolare l'inserimento e l'aggiornamento del personale di produzione assente per un periodo prolungato dal lavoro, di almeno 5 mesi ininterrotti, (Esempio per maternità), verrà effettuata durante il primo giorno di rientro al lavoro la formazione "on the job".
[…]