Stampa
Categoria: 1996
Visite: 3935

Tipologia: CIRL
Data firma: 14 febbraio 1996
Validità: 01.02.1996 - 31.12.1998
Parti: Cna, Confartigianato e Filtea-Cgil, Filta-Cisl, Uilta-Uil
Settori: Tessili, Pulitintolavanderie, Artigianato, FVG
Fonte: cnel.it

Sommario:

  Premessa
1. Osservatorio
2. Orario di lavoro - Flessibilità e part-time
3. Ambiente e sicurezza
  4. Salario
5. Previdenza complementare
6. Quota contrattuale
7. Decorrenza e durata

Contratto Integrativo regionale di Lavoro per il personale dipendente delle Imprese Artigiane del settore Pulitintolavanderie del Friuli-Venezia Giulia

Il 14 febbraio 1996 tra Cna, Confartigianato e Filtea/Cgil, Filta/Cisl, Uilta/Uil, per concordare l'ipotesi di accordo necessaria per la stipula del primo Contratto Integrativo regionale di Lavoro per il personale dipendente delle Imprese Artigiane del settore Pulitintolavanderie del Friuli-Venezia Giulia, in esecuzione dell'Accordo Interconfederale Nazionale del 3.8 e 3.12.1992, con le seguenti premesse:

• Visto l'art. 11 del CCNL di settore, nella parte in cui prevede il livello regionale di trattativa;
• valutata l'importanza dell'Artigianato nella Regione Friuli-Venezia Giulia che rappresenta un polo determinante per lo sviluppo dell'economia generale del Paese;
• Constatato il valore fondamentale della contrattazione autonoma nell'artigianato; a tali fini le parti convengono sulla attivazione di un sistema che renda più efficienti i rapporti sindacali in atto anche con il coinvolgimento, per quanto di competenza, degli strumenti Bilaterali di cui le stesse dispongono, nonché per quanto possibile, avvalendosi dei potenziali appoggi ed interventi pubblici, al fine di pervenire ad una maggiore conoscenza delle problematiche che investono il settore e finalizzate al raggiungimento di tangibili risultati sui versanti dell'occupazione, della formazione, della sicurezza degli addetti, nonché di un adeguato sviluppo delle imprese artigiane anche attraverso una capillare reciproca ricerca che consenta di realizzare, attraverso una più equa riforma, dei sistemi fiscali e creditizi.
A tal fine viene stabilito quanto segue:

1. Osservatorio
1. Nell'ambito del sistema informativo ed in attuazione di quanto previsto all'art. 7 del CCNL, le parti ravvisano l'estrema necessità di attivare un osservatorio regionale per la monitorizzazione delle dinamiche articolate in ogni settore produttivo dell'artigianato, ivi comprese le Pulitintolavanderie, agganciandolo e quindi potendo fruire delle provvidenze pubbliche, allo scopo già disposte, in ambito regionale quali fonti di riferimento reperite tramite l'ESA, l'Agenzia Regionale del Lavoro, le Camere di Commercio, l'INPS, con il possibile coinvolgimento ritenuto determinante dell'EBIART. In particolare saranno oggetto di acquisizione dell'Osservatorio, informazioni costantemente aggiornate relative a:
• dati sulla consistenza numerica delle imprese (natalità/cessazioni) e degli addetti;
• dati sull'andamento del Mercato del Lavoro, disaggregati sui flussi occupazionali con riferimento all'apprendistato, CFL, lavoro a domicilio, contratti a termine, occupazione femminile, salari;
• dati sull'ampliamento del flusso di formazioni da attingere nei confronti degli Enti Pubblici, sia per quanto attiene le possibilità occupazionali che per la conoscenza di gare d'appalto, benefici creditizi, formazione professionale, ecc.;
• dati relativi alla Formazione Professionale con evidenziazione delle ore finanziate dai vari Organismi preposti in Regione, disaggregati ove possibile per sesso e inquadramento necessari per l'individuazione e la sperimentazione di percorsi formativi finalizzati al miglioramento delle professionalità secondo le esigenze delle strutture, delle Pulitintolavanderie, presenti nel territorio. Sulla base dei fabbisogni formativi rilevati, saranno presentate al Fondo per la formazione dell'EBIART, specifiche proposte formative finalizzate ad un processo di riqualificazione degli addetti del settore delle Pulitintolavanderie;
• dati attinenti all'evoluzione della situazione ambientale ed in materia di sicurezza e igiene sul lavoro;
• dati relativi all'andamento del settore nella regione, attraverso l'esame e l'analisi del PIL regionale e del valore aggiunto per addetto;
• interventi relativi al settore delle Pulitintolavanderie da parte dei Fondi EBIART (Sostegno al reddito e CFL):
In tale ottica le parti stipulanti convengono a livello regionale di costituire entro il 31.12.1996 una Commissione Paritetica composta da rappresentanti delle OO.AA. e delle OO.SS., con il compito di approfondire, valutare ed attuare le tematiche sopra riportate al fine di garantire al più presto l'attivazione delle funzioni attribuite all'Osservatorio.
Detta Commissione avrà altresì il compito di analizzare la concreta possibilità di realizzazione di progettualità positive inerenti la professionalità femminile anche mediante l'utilizzo di risorse allo scopo previste dalla L. 125/91.
La Commissione, per espletare un lavoro costruttivo, si avvarrà delle informazioni dell'EBIART.

2. Orario di lavoro - Flessibilità e part-time
Opportuna conoscenza monitorizzazione della situazione nella realtà produttiva delle imprese, atta a favorire l'utilizzo degli strumenti derivanti dagli istituti del part-time e della flessibilità già contrattualmente previsti, dovrà formare oggetto di attento esame delle parti mediante adeguati interventi laddove ne emerga la necessità.

3. Ambiente e sicurezza
Le parti convengono che si debba produrre il massimo sforzo per la realizzazione dell'ottimale applicazione delle norme CEE in materia esistenti e per quanto concerne l'individuazione e l'attivazione della forma di rappresentanza dei lavoratori ritenuta più consona e razionale per la sicurezza e l'ambiente, così come previsto dal D.lgs. n. 626/94 e come dai relativi Accordi Interconfederali Nazionali.