Stampa
Categoria: Approfondimenti
Visite: 1787

INAIL

Raffaele Sabatino, Daniela Freda, Antonella Pireddu, Stefano Baldassarini, Stefano Manna, Mara Lombardi, Nicolò Sciarretta, Mauro Caciolai, Piergiacomo Cancelliere, Filippo Cosi, Vincenzo Cascioli
 


il codice di prevenzione incendi
La progettazione antincendio

Applicazioni pratiche nell’ambito del d.m. 3 agosto 2015 e s.m.i.

luglio 2018

 

Indice

Prefazione
1. Obiettivi
2. La progettazione antincendio
2.1 L’approccio prescrittivo
2.2 L’approccio prestazionale e la Fire Safety Engineering
3. Il Codice di prevenzione incendi
4. La struttura del Codice
5. Campo di applicazione del Codice
6. La progettazione antincendio per le attività normate e non
7. I principi generali e il nuovo ruolo del progettista
8. La logica del Codice
9. La strategia antincendio
Reazione al fuoco S.1
Resistenza al fuoco S.2
Compartimentazione S.3
Esodo S.4
Gestione della sicurezza antincendio S.5
Controllo dell’incendio S.6
Rivelazione ed allarme S.7
Controllo di fumi e calore S.8
Operatività antincendio S.9
Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio S.10
10. L’applicazione del Codice: un primo bilancio
La progettazione antincendio in un edificio adibito ad uffici
1. Descrizione dell’attività
2. Contestualizzazione dell’attività in relazione alla prevenzione incendi
3. Obiettivi dello studio
4. La normativa applicabile
4.1 La “vecchia” RTV (d.m. 22 febbraio 2006)
4.2 La “nuova” RTV (d.m.i. 8 giugno 2016)
5. Illustrazione dell’edificio oggetto dello studio
5.1 Descrizione geometrica e funzionale degli spazi
5.2 Stralci degli elaborati grafici del sito
6. Il progetto antincendio secondo il d.m. 22 febbraio 2006
6.1 Le caratteristiche dell’edificio dal punto di vista dell’antincendio
6.1.1 Classificazione degli uffici
6.1.2 Ubicazione dell’edificio e accesso all’area
6.1.3 Separazioni e comunicazioni
6.1.4 Resistenza al fuoco
6.1.5 Reazione al fuoco
6.1.6 Compartimentazione
6.1.7 Misure per l’evacuazione in caso di emergenza
6.1.8 Capacità di deflusso
6.1.9 Sistema di vie di uscita
6.1.10 Numero delle uscite
6.1.11 Larghezza delle vie di uscita
6.1.12 Lunghezza delle vie di uscita
6.1.13 Porte
6.1.14 Scale
6.1.15 Impianti di sollevamento
6.1.16 Aerazione
6.1.17 Attività accessorie
6.1.18 Servizi tecnologici
6.1.19 Impianti elettrici
6.1.20 Mezzi ed impianti di estinzione degli incendi
6.1.21 Impianti di rivelazione, segnalazione e allarme
6.1.22 Segnaletica di sicurezza
6.1.23 Organizzazione e gestione della sicurezza antincendio
6.2 Le correlazioni con altre attività soggette ai sensi del d.p.r. 1 agosto 2011 n. 151
7. Il progetto antincendio secondo il d.m.i. 8 giugno 2016
7.1 Introduzione
7.2 Classificazione degli uffici
7.3 La progettazione ai sensi del Codice
7.4 Determinazione dei profili di rischio
7.5 Strategia antincendio
7.5.1 Reazione al fuoco
7.5.2 Resistenza al fuoco
7.5.3 Compartimentazione
7.5.4 Esodo
7.5.5 Gestione sicurezza antincendio
7.5.6 Controllo dell’incendio
7.5.7 Rivelazione ed allarme
7.5.8 Controllo fumi e calore
7.5.9 Operatività antincendio
7.5.10 Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio
8. Progettare con la F.S.E. - approfondimento sulla modellazione dell’esodo
8.1 Considerazioni generali sullo studio dell’esodo
8.2 Aggregazione dei modelli di simulazione con quelli di incendio
8.3 Scenari di esodo differenziati per comportamento degli occupanti in caso di emergenza
8.4 Calcolo della durata dell’esodo
8.5 Elenco rappresentazioni grafiche
Conclusioni
La progettazione antincendio in un’autorimessa
1. Descrizione dell’attività
2. Contestualizzazione dell’attività in relazione alla prevenzione incendi
3. Obiettivi dello studio
4. La normativa applicabile
4.1 La “vecchia” RTV (d.m. 1 febbraio 1986)
4.2 La “nuova” RTV (d.m. 21 febbraio 2017)
5. Illustrazione dell’autorimessa oggetto dello studio
5.1 Descrizione geometrica e funzionale degli spazi
5.2 Stralci degli elaborati grafici del sito
6. Il progetto antincendio secondo il d.m. 1 febbraio 1986
6.1 Le caratteristiche dell’autorimessa dal punto di vista dell’antincendio
6.1.1 Classificazione dell’autorimessa
6.1.2 Isolamento
6.1.3 Altezza dei piani
6.1.4 Superficie specifica di parcamento
6.1.5 Strutture dei locali
6.1.6 Comunicazioni
6.1.7 Sezionamenti e compartimentazioni
6.1.8 Accessi
6.1.9 Pavimenti
6.1.10 Ventilazione
6.1.11 Misure per lo sfollamento delle persone in caso di emergenza
6.1.12 Impianti elettrici
6.1.13 Mezzi ed impianti di protezione ed estinzione degli incendi
6.1.14 Norme di esercizio
7. Il progetto antincendio secondo il d.m. 21 febbraio 2017
7.1 Introduzione
7.2 Classificazione dell’autorimessa
7.3 La progettazione ai sensi del Codice
7.4 Determinazione dei profili di rischio
7.5 Strategia antincendio
7.5.1 Reazione al fuoco
7.5.2 Resistenza al fuoco
7.5.3 Compartimentazione
7.5.4 Esodo
7.5.5 Gestione sicurezza antincendio
7.5.6 Controllo dell’incendio
7.5.7 Rivelazione ed allarme
7.5.8 Controllo fumi e calore
7.5.9 Operatività antincendio
7.5.10 Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio
8. Progettare una soluzione alternativa con la F.S.E. - applicazione dei metodi M.1, M.2 e M.3
8.1 Considerazioni generali sullo studio della modellazione fluidodinamica
8.2 Studio della soluzione alternativa per il corridoio cieco
8.3 Verifica del corridoio cieco con utilizzo di un modello di campo
8.4 Calcolo di ASET
Conclusioni
Riferimenti normativi principali
Glossario di prevenzione incendi
Bibliografia
Fonti immagini

 

 


Fonte: inail.it
© 2018 Inail
Le pubblicazioni vengono distribuite gratuitamente e ne è quindi vietata la vendita nonché la riproduzione con qualsiasi mezzo. È consentita solo la citazione con l’indicazione della fonte.