Stampa
Categoria: 2020
Visite: 2775

Tipologia: Intesa quadro
Data firma: 18 marzo 2020
Parti: FCA N.V. e Fim-Cisl, Uilm-Uil, Fismic, Uglm, Aqcfr, Fiom-Cgil
Settori: Metalmeccanici, Automotive, FCA
Fonte: fiom-cgil.it


Intesa quadro per l’utilizzo della cassa per far fronte all’emergenza Covid-19

Il 18 marzo 2020, tra FCA N.V., in nome proprio e in nome e per conto delle società del Gruppo, e le Segreterie nazionali delle OO.SS. Fim-Cisl, Uilm-Uil, Fismic, Uglm, Aqcfr e Fiom-Cgil

Premesso che:
♦ il Paese da alcune settimane è pesantemente colpito dalla diffusione del contagio da Coronavirus (Covid-19);
- per far fronte a tale gravissima emergenza sanitaria il Governo ha tra l'altro emanato, tramite una serie di decreti straordinari, un pacchetto di misure volte a contenere la diffusione del virus, anche attraverso eccezionali limitazioni alla libera circolazione dei cittadini;
- pur non decretando la fermata integrale delle attività Industriali e produttive, Il Governo ha Indicato specifiche misure a tutela della salute e della sicurezza del lavoratori, da adottarsi da parte delle aziende nei luoghi di lavoro, indicandole quali condizioni da attivare per poter proseguire un'attività lavorativa e produttiva ridotta rispetto alla normalità;
- l'Azienda si era già nel frattempo attivata per implementare, d'Intesa con le Organizzazioni sindacali, tutte le misure atte a minimizzare i rischi di contagio nell'ambito dell'attività lavorativa delle società del Gruppo FCA, misure riportate a titolo esemplificativo in allegato A alla presente Intesa;
- a partire dal 24 febbraio u.s., la drammatica diffusione del contagio ha iniziato a contrarre in maniera progressivamente sempre più significativa la domanda di mercato, con conseguente necessità, da parte delle aziende del Gruppo FCA, di ridurre progressivamente l'attività, sia nei siti produttivi sia negli altri enti aziendali,
tutto ciò premesso, in relazione alla gravissima emergenza sopra descritta e in applicazione del decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020, le Parti convengono sulla necessità di applicare lo strumento della cassa integrazione ordinaria "emergenza Covid 19" prevista dal suddetto decreto in riferimento alle sospensioni e riduzioni dell'attività lavorativa che hanno Interessato e Interesseranno gli stabilimenti e gli enti delle società del Gruppo FCA. Allo scopo di monitorare congiuntamente l'evoluzione della suddetta cassa integrazione l’Azienda fornirà alle Segreterie nazionali delle OO.SS. firmatarie del presente accordo un prospetto del complesso delle sospensioni e delle riduzioni dell'attività lavorativa previste, curandone il tempestivo aggiornamento.
Ai sensi dell'art. 20, comma 1, del D.L. 17 marzo 2020 n. 18 nelle unità produttive già interessate dal trattamento di integrazione straordinario la concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale in oggetto sospende e sostituisce il precedente trattamento straordinario.
Nelle singole unità produttive interessate saranno espletate le procedure di consultazione sindacale cosi come previste dal suddetto decreto: a tale fine l'esame congiunto svolto in via telematica sarà effettuato tramite call conference.
Letto, confermato e sottoscritto

Allegato A
Misure atte a minimizzare i rischi di contagio nell’ambito dell’attività lavorativa delle società del Gruppo FCA


Generali
- Informazione ai lavoratori riguardo alle norme generali health & safety emanate dall'Autorità sanitaria
- Procedure di sanificazione per servizi Igienici, mense, ambienti di lavoro e diffusa messa a disposizione di disinfettanti In punti dedicati
- Piano d'azione per la gestione dei casi di Infezione

Visitatori
- Accesso sospeso se non per casi eccezionali dì business (previo screening tramite questionario e con assoggettamento alle stesse restrizioni previste peri dipendenti)

Mensa
- Max 2 persone per tavolo in diagonale
- Rispetto di un metro di distanza tra persone in coda
- Revisione dei turni mensa, con eliminazione della sovrapposizione tra turni
- Raccomandata la fruizione del "box lunch"

Trasporti
- Richiesta ufficiale al Pubblici servizi di attivare una nuova programmazione dei mezzi per rispettare il metro di distanza

Pause collettive
- Revisione e diluizione, al fine di ridurre il numero di persone contemporaneamente in pausa
- Attivazione di pause a scorrimento in specifiche aree

Organizzazione del lavoro
- Mappatura delle postazioni di lavoro al fine del rispetto del metro di distanza tra i lavoratori
- Revisione delle postazioni di lavoro al fine di rispettare il metro di distanza tra i lavoratori
- Rifornimento di mascherine e altri dispositivi anti contagio da assegnare per le situazioni critiche
- Smartworking per Il personale non direttamente collegato alla produzione