Stampa
Categoria: 2020
Visite: 3950

Tipologia: Accordo Interconfederale
Data firma: 23 marzo 2020
Parti: Unimpresa, Ebinforma, Confail
Settori: P.M.I.
Fonte: hunimpresa.it


Comportamenti da assumere per il contenimento del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro
Accordo Interconfederale 23 Marzo 2020


Comportamenti corretti, da seguire giornalmente, per il contenimento del virus COVID-19


 

Cartello da apporre alla timbratrice / front desk
Registrazione degli ingressi e uscite
Contaminazione:
il contatto su superfici contaminate e il successivo portarsi le dita alla bocca, al naso o agli occhi, rappresenta una potenziale via di contagio, così come il formarsi di assembramenti nei pressi della macchinetta.
Al fine di evitare quanto sopra riportato, sono obbligatori i successivi comportamenti.
Prima di timbrare, recarsi in bagno per lavarsi le mani, avendo cura di rispettare le istruzioni di lavaggio esposte all'interno dei bagni stessi. Solo dopo, recarsi presso la timbratrice.
Divieto di avvicinarsi a meno di un metro dal lavoratore che sta timbrando e, se in coda in attesa di timbrare, dal lavoratore precedente.
Dopo aver timbrato, non sostare nei pressi della timbratrice in modo da non formare Assembramenti.
Durante la giornata di lavoro, rispettare le seguenti indicazioni:
Rimanere ad un metro di distanza degli altri lavoratori. Se questo non fosse possibile, utilizzare idonee misure anti-contagio e di prevenzione;
Non scambiarsi baci, abbraccio strette di mano;
Lavarsi frequentemente le mani rispettando la procedura di lavaggio affissa all'interno dei servizi igienici;
Se possibile, detergere periodicamente la propria postazione di lavoro; Non toccarsi occhi, bocca e naso con le mani. Se necessario, usare fazzoletti monouso da gettare in appositi contenitori dopo ogni utilizzo.

Cartello da esporre presso i distributori automatici

Fruizione dei distributori automatici
Contaminazione:
il contatto su superfici contaminate e il successivo portarsi le dita alla bocca, al naso o agli occhi, rappresenta una potenziale via di contagio, così come il formarsi di assembramenti nei pressi della macchinetta
Al fine di evitare quanto sopra riportato, sono obbligatori i successivi comportamenti:
Prima di accedere al distributore, recarsi in bagno per lavarsi le mani, avendo cura di rispettare le istruzioni di lavaggio esposte all'interno dei bagni stessi. Solo dopo, recarsi presso il distributore automatico.
Divieto di avvicinarsi a meno di un metro dagli altri lavoratori che stanno usufruendo del distributore, o stanno consumando quanto prelevato. Qualora gli spazi non permettessero di rispettare tali distanze, rimanere all'esterno dell'area di ristoro avendo cura di mantenere la distanza di almeno un metro dagli altri lavoratori in coda.
Dopo aver prelevato la bevanda o il cibo, non sostare nei pressi del distributore ma posizionarsi ad una distanza di almeno un metro dalla macchinetta, e dagli altri lavoratori che stanno consumando cibi e/o bevande.
Una volta terminato, abbandonare l'area break per permettere la fruizione in sicurezza da parte di altri lavoratori.

Cartello da apporre all'ingresso degli spogliatoi
Fruizione degli spogliatoi e delle docce
Visto il momento di particolare gravita, anche l'uso degli spogliatoi e in particolare delle docce può rappresentare un pericolo di contagio.
Contaminazione:
il contatto su superfici contaminate e il successivo portarsi le dita alla bocca, al naso o agli occhi, rappresenta una potenziale via di contagio, così come il formarsi di assembramenti all'interno dello spogliatoio.
Al fine di evitare quanto sopra riportato, sono obbligatori i successivi comportamenti
Divieto di avvicinarsi a meno di un metro da altre persone che stanno frequentando lo spogliatoio;
Qualora gli spazi non permettessero di mantenere questa distanza, rimanere all'esterno, avendo cura di mantenere la distanza di almeno un metro dagli altri lavoratori in coda;
Nell'uso delle panche o delle sedie, rimanere a distanza di un metro dagli altri lavoratori;
Qualora si usino le docce prima far scorrere l'acqua avendo cura di indirizzare il getto sull'intera superficie laterale della doccia;
Non utilizzare una doccia, quando quella immediatamente a fianco viene impiegata da un altro lavoratore;
Una volta terminata la fruizione dello spogliatoio abbandonare l'ambiente in modo da consentire la fruizione da parte degli altri lavoratori.

Cartello da apporre nella zona di carico e scarico
Consegna e prelievo di materiale
Contaminazione:

il contatto su superfici contaminate del materiale trasportato o della documentazione fornita, e il successivo portarsi le dita alla bocca, al naso o agli occhi, rappresenta una potenziale via di contagio, cosi come il formarsi di assembramenti nell'area di consegna / spedizione.
Al fine di evitare quanto sopra riportato, sono obbligatori i successivi comportamenti:
Una volta scesi dal mezzo di trasporto igienizzarsi le mani usando gel idro alcolico (concentrazione minima di alcol 60%) o altro sistema equivalente.
Divieto di avvicinarsi a meno di un metro da altre persone che stanno aspettando di scaricare o caricare, o dai lavoratori dell'azienda impegnati nelle attività di carico e scarico.
Non scendere dal mezzo se non esclusivamente per il tempo strettamente necessario per aprire i portelloni o il telone.
E fatto divieto di entrare in qualsiasi locale aziendale. Le bolle e il materiale di piccole dimensioni vanno lasciati negli appositi alloggiamenti indicati.
Qualora sia necessario l'uso di mezzi, richiedere l'intervento del personale avendo cura di rimanere all'interno della cabina di guida per l'intera durata delle operazioni
Dopo aver terminato abbandonare lo spazio di carico e scarico.
Durante la giornata di lavoro, rispettare le seguenti indicazioni:
• Rimanere ad un metro di distanza degli altri lavoratori. Se questo non fosse possibile, utilizzare idonee misure anti-contagio e di prevenzione;
• Non scambiarsi baci, abbracci o strette di mano;
• Lavarsi frequentemente le mani rispettando la procedura di lavaggio affissa all'interno dei servizi igienici;
• Se possibile, detergere periodicamente la propria postazione di lavoro;
• Non toccarsi occhi, bocca e naso con le mani. Se necessario, usare fazzoletti monouso da gettare in appositi contenitori dopo ogni utilizzo.

Strumenti operativi per il datore di lavoro
Il D.lgs. 81/08 (Testo unico sulla sicurezza) ha lo scopo di garantire che il Datore di Lavoro di ogni azienda, si preoccupi di assicurare ai propri lavoratori il lavoro in sicurezza e a tal fine, individui e valuti tutti i possibili rischi presenti in azienda al fine di definire le misure da mettere in atto per abbattere e, dove non sia possibile, ridurre i livelli di rischio.
Istruzioni per il controllo della temperatura con termometro ad infrarossi:
Prima di misurare la temperatura con il termometro a infrarossi, una buona prassi e quella di lasciare ambientare il dispositivo nell'ambiente di utilizzo, normalmente sono sufficienti 15 minuti;
I termometri a infrarossi sono sensibili a campi magnetici e umidità, ed e indispensabile che siano allontanati da telefoni cellulari;
La persona controllata deve rimanere ferma per tutto il tempo necessario per rilevare la temperatura;
Le medesime precauzioni devono essere adottate anche per il personale esterno all'azienda (es. impresa di pulizie, visitatori, trasportatori).
In caso di riunioni, prediligere mezzi di videoconferenza (es. skype) oppure ogni partecipante e invitato ad attuare le misure di prevenzione igienica di carattere generale.

Strumenti operativi per il datore di lavoro
Diffusione delle informazioni provenienti dalle Istituzioni e inerenti all'individuazione di sintomi. Questo avviene mediante l'affissione di cartellonistica su tutti gli accessi e le aree di pertinenza aziendale.
Riferimenti da contattare in presenza di condizioni di rischio.
Norme igieniche volte a ridurre il rischio di diffusione, in particolare, all'interno di tutti i servizi igienici, mediante affissione di idonea cartellonistica.
Norme igieniche volte a ridurre il rischio di diffusione, durante la fruizione dei locali spogliatoio (se presenti) mediante l'affissione di idonea cartellonistica.
Norme igieniche volte a ridurre il rischio di diffusione, durante la fruizione dei locali amministrativi e di produzione.
L'informazione riguarda anche tutti “gli esterni” che, a qualsiasi titolo, accedono alle strutture aziendali.

Procedura per la sanificazione degli ambienti di lavoro Sanificazione degli ambienti non sanitari
Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossi DPI (filtrante respiratorio FFP2 o FFP3, protezione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lunghe, e seguire le misure indicate per la rimozione in sicurezza dei DPI - svestizione). Dopo l'uso, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto.
lista non omnicomprensiva delle superfici da sottoporre a trattamento:

  • Scrivanie

  • Porte

  • Sedie

  • Muri

  • Schermi

  • Finestre

  • Tavoli

  • Maniglie

  • Tastiere

  • Telecomandi

  • Pulsantiere

  • Interruttori

  • Telefoni

  • Tutte le altre superfici esposte

Gestione prodotti esposti
Provvedere alla rifornitura degli scaffali sempre prima dell'apertura al pubblico.
Per la rifornitura dei beni alimentari sugli scaffali e nei banchi frigoriferi durante l'orario di apertura al pubblico, procedere quando effettivamente necessario e cercando di limitare il numero di persone presenti in corsia.
Limitare al minimo indispensabile la quantità di merce fresca esposta ai banconi serviti (salumi, formaggi, panetteria, ecc.).

Reparto produttivo
Limitare al minimo indispensabile gli spostamenti tra le postazioni di lavoro.
Preferire le istruzioni scritte rispetto alle istruzioni di tipo verbale.
Nel caso di lavoro a turni, ad inizio e fine turno, procedere alla sanificazione delle superfici della postazione di lavoro.

Reparto arrivi / spedizioni
Predisporre il materiale da spedire in apposita area e anche in possibilità di mantenimento della distanza di rispetto, limitare al minimo indispensabile il personale addetto.
Utilizzare la propria penna invece di usare quella del “fattorino” e/o corriere.

Verbale di consegna DPI

 

Check list controllo
Sezione 1

• Massimo utilizzo del lavoro agile per le attività che possono essere svolte presso il proprio domicilio.
• Sospensione delle attività dei reparti aziendali non Indispensabili.
• Applicazione protocollo anti-contagio.
• Rispetto della distanza di 1 metro.
• Uso della maschera quando non sia possibile rispettare la distanza di 1 metro.
• Incentivazione delle operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro (anche utilizzando ammortizzatori sociali).
• Limitare al massimo gli spostamenti all'interno delle sedi di lavoro.
• Contingentare l'accesso agli spazi comuni.
Sezione 2
• Differenziazione degli orari di ingresso, uscita e pause. Affissione di cartellonistica anti-contagio.
• Eliminazione degli spostamenti tra aree di competenza diverse.
• Verifica delle distanze di 1 metro tra un operatore e l'altro, in particolare tra un operatore e chi gli sta dietro.
• Rispetto della distanza di 1 metro in reception, rispetto a chi viene accolto.
• Eliminazione degli accessi dall'esterno o adozione della procedura di autorizzazione / anti-contagio.
• Presenza di igienizzante per le mani nei bagni.
• Svolgimento del lavoro in appalto solo in orari dove non sono presenti operatori.
• Sanificazione della postazione e delle attrezzature prima dell'inizio del turno.
• Sanificazione dei bagni più volte al giorno.
• Sanificazione delle aree break dopo gli intervalli di fruizione definiti.
• L'ufficio personale è informato su come comportarsi in caso di notizia di positività.

In data ___/________ /___________ il sottoscritto _________________________
ha effettuato il sopralluogo del sito, provvedendo a compilare la presente check list.

Per i lavoratori

A. All'ingresso tutte le persone si devono sottoporre a controllo della temperatura tramite termometri “laser” (il limite di accettabilità e di 37.5°C).
B. Successivamente all'ingresso in azienda persona deve procedere alla disinfezione delle mani con gel idroalcolici con concentrazione di alcol di almeno il 60% vedi di seguito procedura.
C. Predisporre appositi contenitori richiudibili per la raccolta e il successivo smaltimento di eventuali fazzoletti e/o salviette e/o panni utilizzati per le diverse attività di igiene personale e di pulizia delle postazioni di lavoro o delle superfici degli ambienti.
D. Nel caso di mense aziendali, prevedere una turnazione per la fruizione del servizio.
E. Adeguata diffusione di materiali informativi per l'igiene delle mani, l'igiene respiratoria e il distanziamento.
F. Non toccarsi il volto occhi mani e bocca a meno che le mani non siano state appena lavate

Procedura di lavaggio mani con formulazione a base alcolica

1. Versare pochi millilitri di soluzione nel palmo scegliendo se possibile la formulazione in gel;
2. Sfregare il palmo destro sul dorso della mano sinistra con le dita intrecciate e viceversa;
3. Sfregare a palmo a palmo con le dita intrecciate;
4. Frizionare il dorso delle dita con il palmo della mano con le dita interbloccate;
5. Strofinare la punta delle dita di ogni mano contro il palmo della mano opposta;
6. Sfregare fino a completa asciugatura.
7. La frizione con soluzione alcolica deve durare complessivamente 30¬40 secondi.
Una volta asciutte, le tue mani sono sicure.

Possibilità di distanza > 1 metro
1. Procedere alla disinfezione della postazione di lavoro (mouse o altro dispositivo di puntamento; tastiera; monitor, telefono e scrivania) con idonei prodotti disinfettanti e/o salviette igienizzanti (a base alcolica);
2. All'ingresso di eventuali visitatori, rappresentanti, fornitori, collaboratori sottoporre la procedura di lavaggio mani,
A conclusione dell'attività lavorativa procedere all'ulteriore disinfezione della postazione lavorativa. (mouse o altro dispositivo di puntamento; tastiera; monitor e scrivania)

Impossibilità di distanza > 1 metro
1. Procedere alla disinfezione della postazione di lavoro (mouse o altro dispositivo di puntamento; tastiera; monitor, telefono e scrivania) con idonei prodotti disinfettanti e/o salviette igienizzanti (a base alcolica).
2. All'ingresso di eventuali visitatori, rappresentanti, fornitori, collaboratori sottoporre la procedura di lavaggio mani.
3. Uso dello “sfalsamento nello spazio di lavoro” tra i diversi lavoratori. (es. Presenza in alternanza mattina / pomeriggio)
4. A conclusione dell'attività lavorativa procedere all'ulteriore disinfezione della postazione Lavorativa. (mouse o altro dispositivo di puntamento; tastiera; monitor e scrivania)
5. Uso di dispositivi anti-contagio. (es. mascherine, occhiali di protezione con lente panoramica)

Gestione dell'attività di cassa
Ove presenti, suggerire vivamente agli avventori, i sistemi autonomi di pagamento della spesa (computer portatili di negozio, casse automatiche, ecc.).
In caso di presenza di sistemi di spesa veloce e autonoma, provvedere alla disinfezione dei dispositivi prima del successivo posizionamento degli stessi nelle postazioni di ricarica.
In presenza di nastro trasportatore alla cassa, far posizionare la merce in capo al nastro, tenendo il cliente a debita distanza dalla cassa.
In presenza di cassa semplice (senza nastro trasportatore), far posizionare la merce nei pressi della stessa al cliente e chiedergli di tenersi a distanza di sicurezza sino al momento del pagamento.

Attività di servizio al banco
Consegnare la merce sul bancone e non direttamente nelle mani del cliente.

Informazioni importanti sul virus COVID-19
Il periodo di incubazione rappresenta il periodo di tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi clinici. Si stima attualmente che vari fra 2 e 11giorni, fino ad un massimo di14 giorni.
I sintomi più comuni di sono febbre, stanchezza e tosse secca. Alcuni pazienti possono presentare indolenzimento e dolori muscolari, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea. Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.
Alcune persone si infettano ma non sviluppano alcun sintomo. Generalmente i sintomi sono lievi, soprattutto nei bambini e nei giovani adulti, e a inizio lento. Circa 1 su 5 persone con COVID-19 si ammala gravemente e presenta difficoltà respiratorie.
Il DPCM dell'8 marzo 2020 raccomanda a tutte le persone anziane o affette da una o più patologie croniche o con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessita e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Modalità di trasmissione del virus COVID-19
Il nuovo Coronavirus e un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite:
1. la saliva, tossendo e starnutendo.
2. contatti diretti personali.
3. le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi.
Normalmente le malattie respiratorie non si trasmettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche ed evitando il contatto fra alimenti crudi e cotti.
Studi sono in corso per comprendere meglio le modalità di trasmissione del virus.
Poiché la trasmissione può avvenire attraverso oggetti contaminati, e sempre buona norma, per prevenire infezioni, anche respiratorie, lavarsi frequentemente e accuratamente le mani, dopo aver toccato oggetti e superfici potenzialmente sporchi, prima di portarle al viso, agli occhi e alla bocca.
E comunque buona norma, per prevenire infezioni, anche respiratorie, il lavaggio frequente e accurato delle mani, dopo aver toccato oggetti e superfici potenzialmente sporchi, prima di portarle al viso, agli occhi e alla bocca.

I sintomi del virus COVID-19
I sintomi più comuni di un'infezione da coronavirus nell'uomo includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.
I coronavirus umani comuni di solito causano malattie del tratto respiratorio superiore da lievi a moderate, come il raffreddore, che durano per un breve periodo di tempo.
I sintomi possono includere:
■ Naso che cola
■ Mal di testa
■ Tosse
■ Gola infiammata
■ Febbre
■ Una sensazione generale di malessere
Come altre malattie respiratorie, l'infezione da nuovo coronavirus può causare sintomi lievi con raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie.

Numeri verdi ragionali
Le Regioni hanno attivato numeri dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia:
 

Basilicata: 800 99 66 88
Calabria: 800 76 76 76
Campania: 800 90 96 99
Emilia-Romagna: 800 033 033
Friuli Venezia Giulia: 800 500 300
Lazio: 800 11 88 00
Lombardia: 800 89 45 45
Marche: 800 93 66 77
Piemonte: 800 19 20 20
attivo 24 ore su 24
800 333 444 attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 20

Provincia autonoma di Trento:
800 867 388
Provincia autonoma di Bolzano:
800 751 751
Puglia: 800 713 931
Sardegna: 800 311 377
Sicilia: 800 45 87 87
Toscana: 800 55 60 60
Umbria: 800 63 63 63
Val d'Aosta: 800 122 121
Veneto: 800 462 340