Stampa
Categoria: 2020
Visite: 2215

Tipologia: Atto di Costituzione del Comitato
Data firma: 29 maggio 2020
Comparti: P.A., Istruzione, CPIA Alba 2
Fonte: cnmm162004.regel.it


Atto di Costituzione del Comitato per la stipula, l'applicazione e la verifica delle regole del protocollo del rischio anti-contagio.

Il Dirigente Scolastico,
In applicazione dei contenuti del Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID 19 negli ambienti di lavoro del 14 marzo 2020 (di seguito Protocollo condiviso), siglato quale attuazione delle misure indicate nel DPCM dell'11 marzo 2020 (oggi non più vigente);
nel rispetto di quanto disposto dal DL del 17 marzo 2020, n.18, cd. Cura Italia (convertito in Legge n. 27 del 24 aprile);
al fine di favorire le attenzioni per procedere alla stipula e alla successiva applicazione di un corretto ed esaustivo Protocollo di sicurezza anti-contagio, come confermato dal DPCM del 10 aprile u.s.;
tenendo conto delle integrazioni, previste e sottoscritte, in data 24 aprile u.s., dalle Parti sociali, già sottoscrittrici del Protocollo condiviso, di intesa e dietro invito (come per la stipula del testo iniziale), del Presidente del Consiglio dei Ministri e i ministri competenti per materia (economia, lavoro e politiche sociali, sviluppo economico, salute);
Considerato che la stipula, l'applicazione e la verifica del Protocollo di sicurezza anti-contagio è affidata ad un Comitato (da costituire a tale fine), nel quale è prevista la partecipazione delle rappresentanze sindacali e dell'RLS;
Costituisce
Il Comitato per la stipula, l'applicazione e la verifica delle regole del protocollo del rischio anti-contagio, costituito dal Dirigente ***, dalla DSGA ***, dal RSPP ***, dal MC *** e dal DPO ***, con la partecipazione di RLS e RSU dell'Istituto.
Tale comitato procederà alla stipula del Protocollo di sicurezza anti-contagio.
Alla luce, poi, del Protocollo anti-contagio, il Comitato dovrà:
- svolgere una valutazione dei rischi (aggiornando di seguito il DVR), tenendo conto degli interventi di prevenzione e tutela, delineati nel Protocollo, a carattere permanente, oltre la fase emergenziale, che modificano l'assetto organizzativo, gestionale, strutturale, incidendo sui processi lavorativi, produttivi e sui rapporti contrattuali;
- aggiornare i DUVRI, sulla base delle misure previste con gli appaltatori;
- garantire l'applicazione degli interventi previsti e curare la verifica del rispetto delle regole introdotte, salvaguardando non solo la tutela della salute delle lavoratrici e lavoratori, ma anche la sicurezza e il non verificarsi di forme di discriminazione, dirette e indirette, rifuggendo qualsiasi forma di penalizzazione, sul fronte economico, sociale, familiare, andando a comprimere e a sacrificare il rispetto e la dignità delle persone e la loro centralità nel lavoro.

Alba, 29 maggio 2020