Stampa
Categoria: Approfondimenti
Visite: 2141

Nuova pagina 1

ANMIL

 

3° Rapporto ANMIL sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

Anno 2019

 

Indice
La mission e le istanze di ANMIL nel solco della salute e della sicurezza sul lavoro P
di Zoello Forni, Presidente Nazionale ANMIL Onlus
Premessa
di Sandro Giovannelli, Direttore Generale ANMIL
Executive Summary
di Maria Giovannone, Responsabile Ufficio Salute e Sicurezza ANMIL
SEZIONE I
L’ANDAMENTO DI INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI A LIVELLO INTERNAZIONALE, EUROPEO E NAZIONALE E I NUMERI DELL’EMERGENZA “COVID-19”
CAPITOLO I - DISOCCUPAZIONE, INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI: IL PANORAMA GLOBALE, EUROPEO E ITALIANO, NUMERI ALLA MANO
1.Premessa
2.Impiego e disoccupazione nel mondo: il Rapporto OIL
3.Gli infortuni sul lavoro in Europa: i dati Eurostat ed EU-OSHA
4.Infortuni e malattie in Italia: i dati dell’INAIL
5.Ispezioni e sanzioni: i dati dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro
CAPITOLO II - I NUMERI DELLA PANDEMIA IN ITALIA E NEL MONDO: CONTAGI E CONSEGUENZE DEL LOCKDOWN
1.Premessa
2.L’andamento globale dei contagi
3.Il trend dei contagi in Europa e in Italia, tra cluster e aree Covid-free “
4.L’impatto del virus sulla mortalità in Italia
5.Le conseguenze del lockdown: lavoratori a maggior rischio contagio e crisi occupazionale
6.L’equiparazione del contagio a infortunio sul lavoro in Italia: le denunce pervenute all’INAIL
SEZIONE II
IL QUADRO FENOMENOLOGICO DEL MONDO DEL LAVORO e LE SOLUZIONI NORMATIVE IN AMBITO INTERNAZIONALE, EUROPEO E NAZIONALE
CAPITOLO III - LE TUTELE DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO A LIVELLO INTERNAZIONALE
1.Premessa
2.Il centenario dell’OIL tra iniziative e analisi del mondo del lavoro
2.1.La nuova Convenzione sulla eliminazione della violenza e delle molestie sul lavoro “
3.I rischi per i diritti dei lavoratori e la soluzione dello sviluppo sostenibile
3.1.L’impegno dell’OIL e i limiti della governance globale sulle tutele dei lavoratori “
4.Le tutele dei lavoratori attraverso gli strumenti internazionali “
4.1.Le clausole sociali negli accordi di libero scambio… -
4.1.1.Le recenti evoluzioni contenutistiche delle clausole sociali: gli accordi UE con Canada, Stati Uniti e Giappone “ 60
4.1.2.Le procedure di risoluzione delle controversie: limiti e recenti evoluzioni
5....e gli Accordi-quadro tra imprese e sindacati
5.1.La Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI) e i suoi strumenti
5.2.Il ruolo della negoziazione: gli Accordi-quadro internazionali (AQI) ed europei (AQE)
5.2.1.Contenuti e procedure di enforcement
CAPITOLO IV - DIGITALIZZAZIONE E TRANS-NAZIONALIZZAZIONE DEL LAVORO, LAVORI ATIPICI, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO
1.Premessa
2.Gli anniversari europei come momento di riflessione
3.Il dibattito e le prime soluzioni sulla tutela dei lavori della gig economy
4.I rischi correlati alla “organizzazione del lavoro 4.0”: la risposta del Legislatore europeo
4.1.La riorganizzazione degli organismi europei preposte alla tutela dei lavoratori:
le agenzie tripartite e l’Autorità europea del lavoro
4.2.La tutela del lavoro transfrontaliero nel mercato unico
4.2.1.La direttiva (UE) 2018/957 sul distacco dei lavoratori
4.2.2.Il company law package contro le società di comodo
4.2.3.La protezione sociale per i lavoratori mobili, atipici e autonomi
4.3.Condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili: la direttiva (UE) 2019/1152
4.4.La maggiore conciliazione vita-lavoro: la nuova direttiva (UE) 2019/1158 e le novità in ambito nazionale
4.4.1.Il congedo parentale non matura le ferie: la controversa sentenza della Corte di giustizia UE
4.4.2.Le novità sul fronte del welfare aziendale
4.5Whistleblowing: la direttiva (UE) 2019/1937 e le modifiche nazionali alla procedura di segnalazione
5.La tutela dei lavoratori come utilizzatori finali: la nuova vigilanza del mercato europeo
SEZIONE III
LO SCENARIO PREVENZIONISTICO NAZIONALE
CAPITOLO V - DALLA PROGRAMMAZIONE DELLA TUTELA DELLA SSL ALLE NOVITÀ IN MATERIA DI NORMATIVA TECNICA, ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA E REINSERIMENTO LAVORATIVO
1.Premessa “ 106
2.La programmazione in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro
2.1.L’Intesa tra Confindustria e Cgil, Cisl, Uil, sui temi della salute e sicurezza sul lavoro
2.2.Prospettive di modifica della disciplina prevenzionistica
3.Le novità in materia di assicurazione obbligatoria
4.Le maggiorazioni delle sanzioni del Testo Unico e le altre novità in materia sanzionatoria
5.L’evoluzione della normativa tecnica di SSL
6.Le novità in tema di reinserimento e integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro
CAPITOLO VI - LA RIORGANIZZAZIONE DELL’ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO E LE SUE INDICAZIONI IN MATERIA DI VIGILANZA
1. Premessa “
2. l potenziamento e la riorganizzazione degli uffici dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro
3.La programmazione dell’attività di vigilanza
4.Linee d’indirizzo e direttive di carattere operativo dell’INL in materia ispettiva
5.Chiarimenti per le attività del personale ispettivo con esposizioni sporadiche di debole intensità all’amianto
SEZIONE IV
AMBITI E SETTORI DI ATTIVITÀ
CAPITOLO VII - APPALTI
1.Premessa
2.Interventi di semplificazione in materia di appalti pubblici
3.La notifica preliminare dei cantieri temporanei e mobili
4.I rischi di caduta dall’alto: normativa regionale e orientamento giurisprudenziale
5.La normativa regionale, i chiarimenti amministrativi e le pubblicazioni sulla sicurezza nei cantieri

CAPITOLO VIII - LA SICUREZZA DEI TRASPORTI E DEI LAVORATORI DEL SETTORE
1. Premessa
2. La tutela dei lavoratori del trasporto su strada in ambito europeo
2.1.Le proposte de “L’Europa in movimento”
2.1.1.Proposta in materia di riposi giornalieri e settimanali e di tachigrafi
2.1.2.Proposta in materia di organizzazione dell’orario di lavoro e distacco dei conducenti
2.1.3.Proposta per la promozione di un mercato unico del trasporto più equo
2.1.4.Proposta in materia di sicurezza dei veicoli
2.2.Gli altri interventi legislativi UE in materia
3.La tutela dei lavoratori del trasporto aereo attraverso gli interventi per la sicurezza aerea in ambito europeo
4.La tutela dei lavoratori del trasporto ferroviario attraverso gli interventi per la sicurezza ferroviaria in ambito europeo
5.La normativa nazionale per il trasporto di persone
CAPITOLO IX - LA SICUREZZA DEL LAVORO NEL SETTORE MARITTIMO
1.Premessa
2.La tutela dei lavoratori del trasporto marittimo in ambito europeo e nazionale
3.I requisiti tecnici per le navi adibite alla navigazione interna
4.La formazione del personale marittimo
5.Il trasporto via mare di merci pericolose
6.Chiarimenti operativi per il settore della navigazione marittima
7.Gli infortuni nel settore marittimo-portuale
SEZIONE V
RISCHI PARTICOLARI
CAPITOLO X - SOSTANZE PERICOLOSE
1. Premessa
2. Verso una strategia dell’Unione per una politica sostenibile in materia di sostanze chimiche
3.5° elenco dei valori limite di esposizione professionale ex direttiva 98/24/CE
4.Le principali novità sul regolamento REACH
4.1.Le novità su restrizioni, esenzioni, metodi di prova e registrazione
4.2.La registrazione REACH delle sostanze in nanoforme
4.3.Le novità dall’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA)
4.4.Il processo di autorizzazione REACH: il monito della CGUE e le critiche sollevate
5.Il processo di revisione della direttiva 2004/37/CE sulle sostanze cancerogene e mutagene
6.Le nuove regole europee sui fertilizzanti: i limiti per il cadmio
7.Le modifiche al regolamento CLP
8.La nuova direttiva sugli agenti biologici
9.Le modifiche alla convenzione di Stoccolma e la stretta UE sugli inquinanti organici persistenti (Pop)
10.Le novità europee e nazionali sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE)
11.Attività di controllo sull’applicazione del regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) e del regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP)
12.Ispezioni degli stabilimenti di soglia inferiore a rischio di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose
13.Prevenzione dei tumori professionali legati all’esposizioni alla radioattività naturale derivante dal gas Radon
CAPITOLO XI - PREVENZIONE INCENDI
1. Premessa
2. Le modifiche al Codice di prevenzione incendi
3.Sicurezza per Vigili del Fuoco, Polizia di Stato e Soccorso Pubblico: il Regolamento per l’applicazione del d.lgs. n. 81\2008

4.Novità normative nazionali ed europee
5.Distribuzione di carburanti gassosi: Gas di Petrolio Liquefatti, Idrogeno e Metano
6.La prevenzione incendi verso pubblici esercizi, attività commerciali e unità abitative
7.Disposizioni e prassi riguardanti il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
SEZIONE VI
L’EMERGENZA “COVID-19” E IL SUO IMPATTO SUL MONDO DEL LAVORO
CAPITOLO XII - LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI AL CENTRO DELLA PANDEMIA: IL QUADRO INTERNAZIONALE ED EUROPEO...
1. Premessa
2. 2.“Covid-19” e mondo del lavoro: la necessità di una governance globale
2.1.Le questioni globali sulla gestione della salute e sicurezza e sull’adozione di nuove modalità di organizzazione del lavoro: dagli studi agli strumenti pratici
2.2.L’allarme globale sulla tutela dei lavoratori più vulnerabili
2.2.1.Dal diritto alla salute alla protezione sociale dei vulnerable workers
3.Le misure emergenziali nazionali per la tutela della salute dei lavoratori nel mondo: un’analisi comparata
3.1. Le disposizioni degli ordinamenti costituzionali per la gestione delle emergenze sanitarie
3.2. Uno sguardo anche all’ordinamento costituzionale italiano
3.3. Le misure di salute e sicurezza sul lavoro durante la Fase 1: la prevalenza dell’approccio soft
3.4. Le misure emergenziali sull’organizzazione del lavoro per la tutela della salute e la maggiore conciliazione vita-lavoro
3.5. Le misure nazionali per la tutela dei lavoratori contagiati, sospetti contagiati o a rischio
4.Le azioni dell’Unione europea a tutela della salute di cittadini e lavoratori
4.1. L’approvvigionamento di DPI e dispositivi medici tra i beni essenziali
4.2. La direttiva (UE) 2020/739: il Covid-19 tra gli agenti biologici della direttiva 2000/54/CE
4.3. La libera circolazione di cittadini e lavoratori durante la pandemia
4.4. Le principali misure di sostegno a imprese, occupazione e reddito dei lavoratori europei
4.4.1.Il regolamento (UE) 2020/672: il fondo SURE a tutela dell’occupazione
4.4.2. L’iniziativa della Commissione a garanzia di un livello minimo salariale:
uno strumento per affrontare la crisi socioeconomica
CAPITOLO XIII - ...E QUELLO NAZIONALE
1. Premessa
2. L’impiego del lavoro agile nel contesto emergenziale italiano
3.I Dispositivi di Protezione Individuale: normativa nazionale e ruolo dell’INAIL
4.Le misure di prevenzione nei Protocolli e nelle Linee guida
5.Le sanzioni e l’attività ispettiva
6.Il riconoscimento della malattia-infortunio nella normativa e nella prassi
6.1.Il ruolo dell’INAIL e la responsabilità per il datore di lavoro
7.La sorveglianza sanitaria e il ruolo del medico competente nel periodo di emergenza da Coronavirus
8.La formazione prevenzionistica: dalla sospensione alle diverse modalità di erogazione alla luce delle indicazioni ministeriali
9.Sospensione dei versamenti dei premi assicurativi INAIL

 

 


PER RICHIESTA VOLUME: https://www.anmil.it/news/sono-disponibili-la-versione-digitale-e-lexecutive-summary-del-3-rapporto-anmil-sulla-salute-e-sulla-sicurezza-nei-luoghi-di-lavoro/

Settembre 2020
L'edizione è stata curata ed editata da ANMIL Onlus.
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo elettronico, meccanico, in fotocopia, su disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’editore