Stampa
Categoria: 2020
Visite: 2018

Tipologia: Protocollo e Comitato Covid
Data firma: 4 giugno 2020
Parti: Alliance Healthcare Italia e Uiltucs, Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil
Settori: Commercio, Alliance Healthcare Italia
Fonte: filcams.cgil.it


Verbale di incontro Alliance Healthcare Italia - Sindacati per emergenza covid

Il giorno Giovedì 4 Giugno, alle ore 10:00 è stata convocata ed organizzata una riunione tra i rappresentanti sindacali nazionali e Alliance Healthcare Italia Hanno partecipato: […] il Sindacato Uiltucs - Nazionale, […] il Sindacato Fisascat - Cisl Nazionale, […] il Sindacato Filcams Cgil - Nazionale […] il Sindacato Filcams Cgil - Monza Brianza […] il Sindacato Filcams Cgil - Carpi […] il Sindacato Filcams Cgil - Firenze […] Filcams Cgil - Catania, ***- RSPP Gruppo AHI, ***- Consulente Sicurezza e privacy Gruppo AHI, gli RLS: ***, ***, i Rappresentanti Sindacali: ***, ***, ***, ***
 

Ordine del giorno: emergenza covid, applicazione del protocollo del 24 aprile, verifica delle integrazioni

Verbale dell'incontro:
La riunione si è svolta in videoconferenza, tramite il sistema fornito dall'azienda (piattaforma Microsoft Teams) È stato necessario attendere alcuni partecipanti ai quali era stata data comunicazione di orario leggermente differente. Con la presenza di tutti i partecipanti la riunione ha avuto inizio.
Gli intervenuti si sono presentati per nome, funzione e ruolo.
L'azienda, per voce dell'RSPP, ***, ha presentato le iniziative che l'azienda ha intrapreso per fronteggiare l'emergenza covid-19, ripercorrendo per tappe i singoli momenti da febbraio 2020 alla data odierna.
Sono state presentate le misure attuate per consentire la prosecuzione delle attività indispensabili durante il periodo denominato FASE 1 di chiusura generalizzata
Sono state presentate le misure attuate per la FASE-2 di ripresa delle attività, da prima limitate ai contesti autorizzati e, più di recente, di carattere generalizzato.
In particolare sono stati illustrati:
• Costituzione del gruppo di lavoro e della unità di crisi per la gestione dell'emergenza
• l'aggiornamento del documento di valutazione dei rischi;
• l'attivazione del lavoro a distanza e la definizione delle attività non procrastinabili o non remotizzabili
• le comunicazioni inviate a tutti i lavoratori relative ai comportamenti sicuri da attuare per minimizzare il rischio di contagio
• le regole di ingresso in azienda
• la cartellonistica affissa nei luoghi di lavoro
• le comunicazioni affisse in bacheca
• le regole per la segnalazione e la gestione delle fragilità individuali
• le misure di sanificazione dei locali, sia iniziali che quotidiane, l'aerazione dei locali;
• le misure di sanificazione personale organizzate in azienda e la dotazione di sanificanti per le mani
• le misure di protezione quali la dotazione di mascherine, sia per il personale addetto alle lavorazioni ordinarie, sia per il personale più esposto addetto alle misure di temperatura, all'arrivo merci e alla gestione delle emergenze;
• la formazione erogata a tutto il personale in materia di covid tramite un corso on line e poi tramite le diverse riunioni avvenute con i Responsabili di magazzino che aggiornavano il Personale ogniqualvolta c'erano degli aggiornamenti in merito ai protocolli da attuare.
• il coinvolgimento degli RLS e dei medici competenti
• la gestione dei fornitori e partner che lavorano nei magazzini AHI;
• la gestione delle aree break e aree comuni
• la gestione delle riunioni e dei visitatori
• le misure a tutela dei dati personali trattati a seguito dell'emergenza covid
Sono stati illustrati i differenti passaggi e adeguamenti intercorsi dovuti al mutamento del quadro normativo e stratificazione di DPCM ed ordinanze regionali
Gli RLS hanno singolarmente commentato i punti esposti confermando quanto illustrato
e la concreta attuazione delle misure descritte
I rappresentanti sindacali hanno chiesto alcuni approfondimenti sul tema del numero degli RLS e sul loro livello di coinvolgimento nel processo decisionale.
La riunione si è conclusa con l'intenzione di verbalizzare quanto detto e condividerne i 3 contenuti a stretto giro.
Allegato al presente verbale, documento di Costituzione del Comitato Covid-19 concordato tra le parti.

OGGETTO: Verbale di costituzione del Comitato per l'applicazione e la verifica delle regole del Protocollo di regolamentazione per la riduzione del contagio da COVID-19.

In relazione al Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro, si costituisce il Comitato per l'applicazione ed il monitoraggio delle norme ivi contenute, Comitato valido per tutte le società del Gruppo Alliance Healthcare Italia spa.
Il Comitato è composto da:
• Direttore Generale - ***
• Direttore Risorse Umane - ***
• RSPP - ***
• Medico Competente - ***
• Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza:
***
***
***
***
***
***
***
***
• DPO - ***
• RSA/RSU aziendali
• Rappresentanze sindacali:
*** - Filcams Cgil Nazionale
*** - Fisascat Nazionale
*** - Uiltucs Nazionale
*** - Filcams Cgil Carpi
*** - Filcams Cgil Catania
*** - Filcams Cgil Firenze
*** - Filcams Cgil Monza Brianza
Sono di supporto e coinvolti:
• Addetti alla gestione delle emergenze (limitatamente alla gestione degli ingressi)
• Tutte le altre funzioni aziendali se coinvolte dal comitato.
Il Comitato è chiamato a monitorare e sorvegliare l'attuazione delle seguenti disposizioni:
- Protocollo: il comitato istituisce ed aggiorna il protocollo aziendale interno anti contagio. Il comitato valuta l'applicabilità dei protocolli in vigore presso aziende clienti qualora sia necessario operare in esterno.
- Informazione: controllare che sia stata affissa l'Informativa ai lavoratori, la cartellonistica covid e controllare i luoghi dell'affissione, che siano quelli maggiormente visibili da tutto il personale dell'azienda.
- Modalità di accesso dei fornitori esterni: Individuare modalità di accesso allo scopo di evitare il più possibile il contatto tra personale interno e fornitori esterni, autisti e visitatori (ad esempio ingressi differenziati, orari prestabiliti, aree e servizi igienici dedicati). Al personale esterno non è consentito l'accesso agli uffici per nessun motivo.
- Pulizia e sanificazione in azienda - Il Comitato valuta le modalità per garantire la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica di tutti gli ambienti di lavoro, delle postazioni di lavoro comprese le tastiere, schermi, display touch, mouse, maniglie, organi di comando.
- Precauzioni igieniche personali - Il Comitato individua modalità per mettere a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani perché è obbligatorio che tutte le persone 5 presenti in azienda adottino tutte le precauzioni igieniche, in particolare per le mani.
- Dispositivi di protezione individuale - Il Comitato, vista la situazione di emergenza, può autorizzare l'uso di mascherine non certificate, autocostruite o emergenziali. Viene elaborato il Protocollo che disciplina l'uso delle mascherine e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici, eccetera) quando la tipologia di lavoro imponga di lavorare a distanza interpersonale minore di un metro.
- Gestione spazi comuni - Il comitato individua modalità per l'accesso agli spazi comuni in modo da consentire il mantenimento della distanza di sicurezza di 1 metro tra le persone che li occupano. Inoltre, dovranno essere previste una permanenza ridotta e una ventilazione continua.
- Organizzazione del lavoro - il comitato suggerisce modifiche organizzative tali da favorire l'assenza di contagio: turnazione, trasferte, smart working e rimodulazione dei livelli produttivi.
- Gestione entrata e uscita dei dipendenti: il comitato elabora procedure per evitare assembramenti, favorendo orari di ingresso e di uscita scaglionati dedicando, ove è possibile, una porta di ingresso e una di uscita.
- Spostamenti interni, riunioni e eventi interni - il comitato elabora procedure per limitare gli spostamenti all'interno dell'azienda, limitando al minimo indispensabile il movimento tra aree, limitando le riunioni di lavoro in presenza
- Gestione di una persona sintomatica in azienda - Il comitato elabora le modalità per la gestione di soggetti che manifestano sintomi durante l'orario di lavoro.
- Sorveglianza Sanitaria / Medico Competente - Il comitato attua misure per permettere al medico competente di segnalare situazioni di particolare fragilità e patologie attuali o pregresse dei dipendenti e l'azienda provvede alla loro tutela
- Privacy - il comitato realizza il proprio mandato nel più rigoroso rispetto della normativa lavoristica (Statuto dei Lavoratori) e delle norme in materia di Protezione dei dati Personali (GDPR)

Luogo: Roma
Data: 4 giugno 2020