Stampa
Categoria: 2020
Visite: 1954

Tipologia: Protocollo di intesa
Data firma: 29 settembre 2020
Validità: Termine emergenza sanitaria
Parti: Autogrill Italia, Nuova Sidap e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, RSA/RSU
Settori: Commercio-Turismo, Autogrill Italia, Nuova Sidap
Fonte: filcams.cgil.it




Il giorno 29 settembre 2020, in Roma presso il Centro Congressi Cavour, Via Cavour n. 50/a, si sono incontrati: Autogrill Italia spa e Nuova Sidap srl […] (di seguito, anche solo “le Aziende”); le Segreterie Nazionali delle OO.SS. di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil […], (di seguito, anche solo le “OO.SS.”), con la partecipazione delle RSA/RSU e delle strutture territoriali
L’Azienda e le OO.SS. sono congiuntamente definite le “Parti”

Premesso che
- è tuttora in corso l’emergenza sanitaria derivante dalla diffusione del Covid-19 che ha comportato significativi impatti sulle attività delle Aziende;
- è interesse delle Parti individuare soluzioni comuni per la gestione della predetta emergenza.
Ciò premesso si conviene quanto segue:

1) Relazioni sindacali
Le Parti, con il presente accordo, intendono riaffermare il valore strategico delle relazioni sindacali a tutti i livelli, caratterizzate da un costante e proficuo dialogo e confronto, finalizzati a favorire intese efficaci e funzionali all’individuazione di soluzioni idonee per i Collaboratori e per l’Azienda, con la partecipazione ed il coinvolgimento attivo delle strutture territoriali e delle RSA/RSU.
Pur confermandosi i livelli di confronto, secondo le materie e competenze così come regolate dal CCNL Pubblici Esercizi, Ristorazione Collettiva e Commerciale e Turismo e previste dal CIA vigente, si conviene di rafforzare e valorizzare il confronto a livello di punto vendita / territoriale, al fine di gestire / affrontare la situazione straordinaria correlata alla congiuntura in corso e garantire la piena applicazione della presente intesa nonché della contrattazione integrativa aziendale e delle intese locali vigenti.
In particolare, alla luce del modificatosi quadro di mercato, grande attenzione andrà posta all’equilibrio tra i flussi di clientela e il presidio delle diverse aree di vendita delle unità produttive, anche al fine di garantire una piena funzionalità delle diverse unità produttive e delle loro articolazioni interne, a condizioni di lavoro che assicurino la salute e la sicurezza dei lavoratori. Anche nei periodi di maggior intensificazione di lavoro si adotteranno soluzioni che consentano l’applicazione integrale delle norme contenute nel contratto integrativo aziendale in materia di turnazioni e fruizione di ferie/permessi nonché, in presenza di ammortizzatori sociali, riducendo l'utilizzo degli stessi e applicando in ogni caso meccanismi di equa rotazione tra gli addetti.
Le Parti ribadiscono, infine, il livello nazionale di confronto non solo ai fini dell’espletamento dei diritti annuali di informazione come previsti dal CIA ma, anche e soprattutto, quale sede privilegiata per la ricerca di soluzioni di carattere generale atte a favorire il rilancio dell’impresa e la gestione della presente crisi.

2) Livelli occupazionali
L’Azienda intende consolidare e sviluppare la propria presenza sul territorio italiano, attraverso la partecipazione a gare e la negoziazione di accordi commerciali, in particolare sul canale autostradale nonché all’interno degli aeroporti e delle stazioni ferroviarie, compatibilmente con gli impatti e con le tempistiche correlate al procrastinarsi dell’emergenza sanitaria.
Al termine del divieto di licenziamento previsto dall’art. 14 del D.L. 104/2020 e anche in assenza di ulteriori provvedimenti di divieto, l’Azienda sino al 31 dicembre 2021 si impegna a gestire eventuali esuberi occupazionali anche con l’utilizzo degli ammortizzatori sociali specifici per la gestione dell'emergenza sanitaria e, se necessario, attraverso gli strumenti ordinari di integrazione salariale, pertanto senza effettuare procedure di mobilità ex L. 223/91.

3) Salute e sicurezza sul lavoro
Le Parti intendono ribadire la priorità della salute e sicurezza dei propri collaboratori, specialmente nella gestione della situazione straordinaria in atto, rafforzando in tal senso il ruolo strategico del Comitato per la gestione dell’emergenza Covid-19 costituito in data 6 maggio 2020 e che rimarrà attivo per tutta la durata dell’emergenza.
In considerazione di quanto disposto al punto 1) del presente Protocollo, le Parti si impegnano a confrontarsi in tema di salute e sicurezza nell'ambito dei previsti incontri.

***

Il presente Protocollo, ferme le previsioni cui al punto 2) che precede, troverà applicazione sino al termine dell’emergenza sanitaria.
Le Parti si incontreranno nel mese di ottobre 2021 per valutare la situazione economica dell’azienda e le misure in atto, anche alla luce dell’evoluzione dell’emergenza sanitaria.