Stampa
Categoria: 2020
Visite: 1724

Tipologia: Protocollo di sicurezza
Data: 3 settembre 2020 (rev.)
Settori: Istruzione privata, PerFormat
Fonte: performat.it


Protocollo di sicurezza aziendale anticontagio COVID-19

Premessa

PerFormat srl, in relazione alle situazioni di pericolo venutesi a creare con la diffusione del COVID- 19 ed in conformità alle recenti disposizioni legislative, adotta tutte le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del nuovo virus negli ambienti di lavoro, disciplinando con il presente piano tutte le misure di sicurezza che devono essere adottate dai propri Utenti (dipendenti, collaboratori, clienti e altre figure che entrano negli ambienti).

Obiettivo del piano
Obiettivo del presente piano è rendere l'ambiente di lavoro un luogo sicuro in cui gli Utenti possano svolgere le attività lavorative e formative. A tal riguardo, vengono forniti tutti gli accorgimenti necessari che devono essere adottati per contrastare la diffusione del COVID-19.

Informazione
PerFormat informa tutti gli Utenti circa le disposizioni di sicurezza, affiggendo all'ingresso e nei luoghi maggiormente visibili dei locali aziendali, appositi depliants informativi.
In particolare, le informazioni riguardano:
o l'obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l'autorità sanitaria;
o la consapevolezza e l'accettazione del fatto di non poter fare ingresso o di poter permanere nei locali e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all'ingresso, sussistano le condizioni di pericolo (sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, ecc.);
o l'impegno a rispettare tutte le disposizioni delle autorità e di PerFormat nel fare accesso nei locali (in particolare, mantenere la distanza di sicurezza, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell'igiene);
o l'impegno a informare tempestivamente e responsabilmente il datore di lavoro della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l'espletamento della prestazione lavorativa, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti.
PerFormat fornisce una informazione adeguata sulla base delle mansioni e dei contesti lavorativi, con particolare riferimento al complesso delle misure adottate cui gli Utenti devono attenersi in particolare sul corretto utilizzo dei DPI per contribuire a prevenire ogni possibile forma di diffusione di contagio.

Modalità di accesso in azienda
Per l'accesso agli ambienti di PerFormat, allo scopo di rendere più efficiente il distanziamento sociale si provvede, ove possibile, a separare i flussi in entrata ed in uscita, comunque separare i due flussi all'interno del medesimo unico varco. Tutto questo allo scopo di evitare assembramenti all'ingresso o all'uscita. Gli Utenti, prima dell'accesso ai locali, vengono sottoposti al controllo della temperatura corporea, in presenza di situazioni di temperatura oltre i 37,5 la persona non viene ammessa ad accedere ai locali.
Tutte le persone che a qualsiasi titolo hanno accesso ai locali di PerFormat sono state informate che chi intende fare ingresso presso gli ambienti di PerFormat avrà precluso tale accesso nel caso in cui negli ultimi 14 giorni abbia avuto contatti con soggetti risultati positivi al COVID-19 o provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell'OMS.
L'ingresso in azienda di persone già risultate positivi all'infezione da COVID-19 dovrà essere preceduto da una preventiva comunicazione avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.
In caso di lavoratore positivo al COVID-19 guarito, oltre ai due tamponi negativi e alla certificazione della USL, deve essere effettuata la visita da parte del medico competente prima della riammissione al lavoro a prescindere dal periodo di assenza quindi anche se inferiore a 60 giorni. Qualora, per prevenire l'attivazione di focolai epidemici, nelle aree maggiormente colpite dal virus, l'autorità sanitaria competente disponga misure aggiuntive specifiche, come ad esempio, l'esecuzione del tampone per i lavoratori, il datore di lavoro fornirà la massima collaborazione.
Al momento dell'ingresso in struttura, gli Utenti dovranno provvedere alla sanificazione delle mani, tramite l'apposito dispenser reso disponibile e poi iniziare le proprie attività. Alla struttura si accede indossando mascherina protettiva e negli stessi ambienti è obbligo mantenere la distanza minima di sicurezza di almeno 1,0 mt. Si fa presente che la mascherina potrà essere rimossa raggiunta la postazione di lavoro se non in presenza di altre persone. L'Azienda provvede ad una riorganizzazione dell'attività. Sono vietati assembramenti di persone davanti alla porta di ingresso dei locali aziendali.

Modalità di accesso dei fornitori esterni
PerFormat ha limitato l'acceso ai propri ambienti agli esterni, favorendo il contatto telefonico o tramite mail. L'eventuale accesso avviene sempre su appuntamento telefonico scaglionando gli stessi in maniera da ridurre le occasioni di contatto.
Per i fornitori e i corrieri è consentito effettuare la consegna di materiale e/o oggetti a patto che questa avvenga al di fuori della porta di ingresso agli ambienti di lavoro, in maniera da ridurre le situazioni di contatto con il personale.
I fornitori che debbano necessariamente espletare le proprie attività all'interno della sede, sono tenuti a mantenere rigorosamente la distanza di sicurezza di almeno 1,80 mt. e ad indossare appositi dispositivi di sicurezza.
Non è consentito ai fornitori l'utilizzo dei servizi igienici e delle attrezzature presenti presso gli ambienti di PerFormat.

Attività formativa
È possibile la realizzazione delle attività di formazione in gruppo in presenza, organizzando gli spazi in maniera da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli Allievi e di 2 metri con il Docente. Tutti gli utenti (docenti, discenti, tutor d'aula ecc.), considerata la condivisione prolungata del medesimo ambiente, dovranno indossare la mascherina a protezione delle vie respiratorie per tutta la durata delle attività e procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idroalcoliche. Il Docente può fare ricorso eventualmente ad una visiera trasparente. PerFormat rende disponibile la soluzione idroalcolica per l'igiene delle mani per gli Utenti anche in più punti degli spazi dedicati all'attività, in particolare all'entrata e in prossimità dei servizi igienici e promuove l'utilizzo frequente. Viene predisposto e mantenuto l'elenco dei soggetti che hanno partecipato alle attività per un periodo di 14 giorni, al fine di consentire alle strutture sanitarie competenti di individuare eventuali contatti.
L'attività viene svolta adottando un'organizzazione in ambienti strutturati con i partecipanti alle attività formative suddivisi in gruppi in modo da organizzare l'attività in base ai bisogni del gruppo e allo stesso tempo di garantire maggiormente il distanziamento fisico attraverso un sistema che prevede per ogni gruppo l'impiego degli stessi operatori così da garantire, in caso di contagio la circoscrizione e la non diffusione del virus.
Performat garantisce la regolare pulizia e disinfezione degli ambienti, in ogni caso al termine di ogni attività di un gruppo di Utenti, con particolare attenzione alle superfici più frequentemente toccate, ai servizi igienici e alle parti comuni (es. aree ristoro, tastiere dei distributori automatici di bevande e snack), eventuali strumenti e attrezzature dovranno essere puliti e disinfettati ad ogni cambio di utente; in ogni caso viene garantita una adeguata disinfezione ad ogni fine giornata. Viene favorito il ricambio d'aria negli ambienti interni. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell'aria; se ciò non fosse tecnicamente possibile, vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d'aria naturale e in ogni caso va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell'aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell'Istituto Superiore di Sanità.

Gestione spazi comuni
PerFormat, coadiuvato dal Comitato interno per l'applicazione del Protocollo, è tenuto ad adottare prescrizioni specifiche e puntuali anche per la gestione degli spazi comuni quali, aree ristoro, aree fumatori, distributori di bevande e/o snack, ecc. In questi casi è opportuno che l'accesso a queste aree sia contingentato e che gli Utenti vi rimangano per il tempo strettamente necessario (garantendo sempre la distanza di sicurezza di 1 metro tra le persone). L'attenzione degli Utenti al rispetto delle misure messe in atto può essere oggetto di specifica informazione, ma anche segnaletica orizzontale e verticale in prossimità delle aree suddette.

Principi generali d'igiene e pulizia
Considerando che l'infezione virale si realizza per droplets (goccioline di saliva emesse tossendo, starnutendo o parlando) o per contatto (toccare, abbracciare, dare la mano o anche toccando bocca, naso o occhi con le mani precedentemente contaminate), le misure di prevenzione applicate da PerFormat per l'attività svolta, valide per gli Utenti sono le seguenti:
• si raccomanda la frequente pulizia delle mani con mezzi detergenti idonei in maniera non frettolosa, con particolare attenzione durante il cambio attività, dopo l'uso dei servizi e l'eventuale consumo di alimenti;
• non toccare occhi, naso e bocca se non si è prima lavato le mani;
• coprire con il gomito flesso o con fazzoletti di carta la bocca ed il naso quando si starnutisce o si tossisce;
• pulire frequentemente le superfici con le quali si possa andare a contatto
• arieggiare frequentemente i locali.
• mantenere il distanziamento fisico di almeno un metro dalle altre persone.
• evitare i contatti stretti e prolungati con persone con sintomi influenzali;
Allo scopo sono posizionati, in punti facilmente accessibili e visibili, i detergenti per le mani come pure materiale informativo sulle modalità di lavaggio delle mani con soluzione alcolica.

Pulizia e sanificazione
Pulizia Ordinaria
Le operazioni di pulizia approfondita degli spazi comuni come dei materiali e/o oggetti utilizzati nell'attività, con particolare attenzione alle superfici toccate di frequente, quali superfici di muri, porte e finestre, tavoli, sedie, utilizzando apposite soluzioni a base di ipoclorito di sodio allo 0,5% di cloro attivo. I servizi igienici sono oggetto di particolare opera di pulizia a base di ipoclorito di sodio allo 0,5% di cloro attivo oppure soluzione a base alcolica al 70 % o altri prodotti virucidi autorizzati seguendo le istruzioni d'uso fornite dal produttore. Le attività di pulizia verranno eseguite alla chiusura della sede nelle giornate di utilizzo e ne verrà tenuta apposita registrazione cartacea da parte della ditta specializzata.
In particolare, ai dipendenti è richiesto di collaborare alla disinfezione quotidiana della propria area di lavoro, tastiere, stampanti, schermi touch, mouse con adeguati prodotti di pulizia messi a disposizione dall'Azienda. Viene raccomandata la frequente ventilazione degli uffici.
Pulizia Straordinaria
Va tenuto in considerazione il fatto che i coronavirus, quale lo stesso SARS-CoV-2, possono teoricamente persistere su superfici inanimate diversi giorni in dipendenza della matrice/materiale, della concentrazione, della temperatura e dell'umidità, anche se non è accertato vi persistano in forma vitale e in quantità sufficiente a trasmettere la malattia. Attività di pulizia straordinari dei locali compresi i bagni è prevista al bisogno.
Ciò premesso, nel caso in cui si verifichi la presenza di una persona COVID-19 positiva all'interno dei locali della struttura, viene interdetto l'ingresso all'interno del/degli ambiente/i interessati e si procede alla loro pulizia e alla sanificazione, mediante interventi di detersione e successiva disinfezione secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute, ad opera di ditte specializzate che effettuino l'intervento nel più breve tempo possibile e rilascino le relative certificazioni di corretta sanificazione.

Precauzioni igieniche personali
L'Azienda ribadisce tutte le indicazioni circa le precauzioni igieniche e in particolare:
• si raccomanda la frequente pulizia delle mani con mezzi detergenti idonei
• non toccare occhi, naso e bocca se non si è lavato le mani;
• coprire con il gomito flesso o con fazzoletti di carta la bocca ed il naso quando si starnutisce o si tossisce;
• porre attenzione all'igiene delle superfici;
• evitare i contatti stretti e prolungati con persone con sintomi influenzali;
È obbligatorio che le persone presenti in azienda adottino tutte le precauzioni igieniche, in particolare per le mani.
L'Azienda mette a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani, posizionati in punti facilmente accessibili dai dipendenti ed ha sottolineato l'obbligatorietà nell'adottare tutte le precauzioni.

Dispositivi di protezione individuale
L'adozione delle misure di igiene e dei dispositivi di protezione individuale indicati nel presente Protocollo è fondamentale per questi motivi:
✓ Al personale presente in azienda è richiesto di indossare i dispositivi di protezione individuali (mascherina chirurgica monouso conforme a quanto previsto dall'OMS e/o dall'Autorità Sanitaria, guanti monouso).
✓ La mascherina può essere tolta solo nel caso in cui il lavoratore si trovi da solo alla propria postazione. Nel caso in cui nella stanza lavorino 2 persone, è obbligatorio indossare la mascherina.
✓ È raccomandata la pulizia frequente delle mani con acqua e sapone (60 secondi) e l'utilizzo del gel igienizzante, reso disponibile.
✓ È raccomandata la ventilazione frequente degli uffici.
✓ È vietato l'uso promiscuo di bottiglie, bicchieri ecc.
✓ Si raccomanda di fare attenzione a non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.
✓ Si ricorda di starnutire e/o tossire in un fazzoletto o nella piega del gomito evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie.
Qualora il lavoro imponga di lavorare a distanza interpersonale minore di 1,0 metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative è comunque necessario l'uso delle mascherine e altri dispositivi di protezione (guanti). conformi alle disposizioni delle autorità scientifiche e sanitarie.
È previsto, per tutti i lavoratori che condividono spazi comuni, l'utilizzo di una mascherina chirurgica, come normato dal DL n. 9 (art. 34) in combinato con il DL n. 18 (art 16 c. 1)

Organizzazione aziendale
In riferimento al DPCM 11 marzo 2020, punto 7, limitatamente al periodo della emergenza dovuta al COVID-19, l'Azienda potrà, avendo a riferimento quanto previsto dai CCNL, disporre la chiusura degli uffici o, comunque, di quelli dei quali è possibile il funzionamento mediante il ricorso allo smart work, o comunque a distanza.
Inoltre, l'Azienda può mettere in essere le seguenti misure:
✓ utilizzare lo smart working per tutte quelle attività che possono essere svolte presso il domicilio o a distanza, nel caso vengano utilizzati ammortizzatori sociali, anche in deroga, valutare sempre la possibilità di assicurare che gli stessi riguardino l'intera compagine aziendale, se del caso anche con opportune rotazioni;
✓ utilizzare in via prioritaria gli ammortizzatori sociali disponibili nel rispetto degli istituti contrattuali generalmente finalizzati a consentire l'astensione dal lavoro senza perdita della retribuzione;
✓ nel caso l'utilizzo degli istituti di cui sopra non risulti sufficiente, si utilizzeranno i periodi di ferie arretrati e non ancora fruiti;
✓ sospendere e annullare tutte le trasferte/viaggi di lavoro, anche se già concordate o organizzate;
✓ vengono favoriti orari di ingresso/uscita scaglionati in modo da evitare il più possibile contatti nelle zone comuni;
✓ viene garantita la presenza di detergenti segnalati da apposite indicazioni.

Gestione di una persona sintomatica in azienda
Nel caso in cui una persona presente in azienda sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse, lo deve dichiarare immediatamente all'azienda, si dovrà procedere al suo isolamento in base alle disposizioni dell'autorità sanitaria e a quello degli altri presenti nei locali. L'Azienda procede immediatamente ad avvertire le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il COVID-19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute.
L'Azienda collabora con le Autorità sanitarie per la definizione degli eventuali “contatti stretti” di una persona presente in azienda che sia stata riscontrata positiva al tampone COVID-19. Ciò al fine di permettere alle autorità di applicare le necessarie e opportune misure di quarantena. Nel periodo dell'indagine, l'Azienda potrà chiedere agli eventuali possibili contatti stretti di lasciare cautelativamente i locali, secondo le indicazioni dell'Autorità sanitaria.
La persona, al momento dell'isolamento, deve essere subito dotato ove già non lo fosse, di mascherina chirurgica.

Sorveglianza Sanitaria/Medico Competente
L'Azienda ha informato i propri dipendenti con ipersuscettibilità rispetto alla infezione da SARS-
COV-9 (coronavirus), di dichiarare al MC l'eventuale appartenenza alle seguenti categorie:
✓ le persone anziane (>70 anni);
✓ le persone con problemi cardiaci;
✓ le persone con ipertensione;
✓ le persone con diabete;
✓ le persone immunodepresse (per patologia congenita o acquisita o in trattamento con farmaci immunosoppressori, quali i trapiantati);
✓ le persone con broncopneumopatie croniche ostruttive di grado medio-severo.
I lavoratori sono informati di dover tempestivamente contattare il Medico Competente nel caso abbiano particolari patologie o fragilità da segnalare (sia attuali che pregresse). L'Azienda provvede alla loro tutela nel rispetto della privacy ed il Medico Competente applicherà le indicazioni delle Autorità Sanitarie.
Il medico competente segnala all'azienda situazioni di particolare fragilità e patologie attuali o pregresse dei dipendenti e l'azienda provvede alla loro tutela nel rispetto della privacy.
Il medico competente applicherà le indicazioni delle Autorità Sanitarie. Il medico competente, in considerazione del suo ruolo nella valutazione dei rischi e nella sorveglia sanitaria, potrà suggerire l'adozione di eventuali mezzi diagnostici qualora ritenuti utili al fine del contenimento della diffusione del virus e della salute dei lavoratori.
Alla ripresa delle attività, è opportuno che sia coinvolto il medico competente per le identificazioni dei soggetti con particolari situazioni di fragilità e per il reinserimento lavorativo di soggetti con pregressa infezione da COVID 19. È raccomandabile che la sorveglianza sanitaria ponga particolare attenzione ai soggetti fragili anche in relazione all'età. Per il reintegro progressivo di lavoratori dopo l'infezione da COVID19, il medico competente, previa presentazione di certificazione di avvenuta negativizzazione del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza, effettua la visita medica precedente alla ripresa del lavoro, a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore ai sessanta giorni continuativi, al fine di verificare l'idoneità alla mansione” (Dlgs 81/08 e s.m.i, art. 41, c. 2 lett. e-ter), anche per valutare profili specifici di rischiosità e comunque indipendentemente dalla durata dell'assenza per malattia.

Aggiornamento del protocollo di regolamentazione
È costituito in Azienda un Comitato per l'applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione di cui ne fanno parte: il Datore di Lavoro (***), il medico del lavoro (***) e l'RSPP (***).

Segnaletica
Di seguito è riportata la segnaletica per l'applicazione del presente protocollo che può essere stampata e utilizzata secondo necessità.
La segnaletica proposta è la seguente:
• Dieci comportamenti da seguire
• No assembramento
• Evitare affollamenti in fila
• Mantenere la distanza di 1 m
• Uso Ascensore
• Lavare le mani
• Igienizzare le mani
• Coprire la bocca e il naso
• No abbracci e strette di mani
• Disinfettare le superfici
• Soccorsi.

…omissis…