Stampa
Categoria: Prassi amministrativa
Visite: 1686

Ministero dell’istruzione
Dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali
Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie

 

Alle Istituzioni scolastiche ed educative statali
LORO E-MAIL
Ai Revisori dei conti delle Istituzioni scolastiche ed educative statali per il tramite della Istituzione scolastica
LORO E-MAIL
e, p.c.
Ai Direttori generali e Dirigenti responsabili degli Uffici Scolastici
Regionali
LORO E-MAIL
Alle OO.SS.
LORO E-MAIL


Oggetto: Art. 31 del D.L. 22 marzo 2021, n. 41 “c.d. Decreto sostegni” - “Misure per favorire l’attività didattica e per il recupero delle competenze e della socialità delle studentesse e degli studenti nell’emergenza Covid-19”. Prime indicazioni per le Istituzioni scolastiche ed educative statali

Nel perdurare dello stato di emergenza sanitaria ed economica connessa alla diffusione ed al contenimento del COVID-19, il Governo è da ultimo intervenuto, con il D.L. 22 marzo 2021, n. 41 (c.d. “Decreto sostegni”), introducendo nuove iniziative a favore della ripresa del Paese, una parte delle quali riguarda il sistema Istruzione.
A tal proposito, con l’obiettivo di garantire l’efficacia del servizio scolastico nei confronti degli alunni e delle famiglie, nel rispetto dei protocolli di sicurezza adottati dagli organi competenti, nonché di supportare le Istituzioni scolastiche nella gestione del periodo emergenziale, la presente comunicazione intende fornire prime indicazioni rispetto all’applicazione del Decreto in parola.
In particolare, l’art. 31, comma 1, del D.L. 41/2021 ha previsto l’incremento di 150 milioni di euro, nell’anno 2021, del Fondo per il funzionamento delle Istituzioni scolastiche di cui all'articolo 1, comma 601, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
Il predetto incremento è volto a consentire alle Istituzioni scolastiche di porre in essere tutte le misure di intervento necessarie a garantire la sicurezza negli ambienti scolastici, tramite la dotazione di materiale e strumenti di sicurezza, il potenziamento delle attività di inclusione degli alunni con disabilità, disturbi specifici di apprendimento ed altri bisogni educativi speciali. Le risorse finanziarie anzidette, inoltre, possono essere utilizzate anche per la prosecuzione del servizio di assistenza psicologica e/o pedagogica rivolto a studenti e personale scolastico, in relazione alla prevenzione e al trattamento dei disagi e delle conseguenze derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, nonché per servizi medico-sanitari volti a supportare le Istituzioni scolastiche nella gestione dell’emergenza epidemiologica.
Si precisa che, per quanto concerne le risorse di cui all’art. 31, comma 6, del D.L. 41/2021, che incrementano la dotazione del Fondo per l'arricchimento e l'ampliamento dell'offerta formativa e per gli interventi perequativi, di cui all'articolo 1 della legge 18 dicembre 1997, n. 440, verranno fornite successive indicazioni anche mediante apposito decreto del Ministro dell’Istruzione, che sarà adottato di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il quale stabilirà i criteri e le modalità di riparto delle medesime risorse.
Ciò premesso, con la presente nota si intendono fornire prime istruzioni operative rispetto all’utilizzo delle risorse di cui all’articolo 31, comma 1, del Decreto in oggetto, con particolare riferimento alle seguenti tematiche:

I. Risorse art. 31, comma 1, del D.L. 41/2021
I.I - Finalità di utilizzo delle risorse e relative categorie merceologiche
I.II -Assegnazione, programmazione e contabilizzazione delle risorse
I.III -Procedure per l’affidamento delle risorse e tempistiche di utilizzo

II. Controlli di regolarità amministrativo contabile dei Revisori dei conti
III. Servizio di assistenza Help Desk Amministrativo Contabile (HDAC) (art. 31, comma 2)


Indicazioni operative
I. Risorse art. 31, comma 1, del D.L. 41/2021

I.I - Finalità di utilizzo delle risorse e relative categorie merceologiche
L’art. 31, comma 1, definisce le specifiche finalità per le quali può essere utilizzato l’incremento del Fondo per il funzionamento delle Istituzioni scolastiche.
Il predetto incremento, in particolare, è destinato all’acquisto, sulla base delle effettive e specifiche esigenze rilevate dalle singole Istituzioni scolastiche statali in relazione alla situazione concreta da affrontare, di:
a) dispositivi di protezione e materiali per l’igiene individuale e degli ambienti, nonché di ogni altro materiale, anche di consumo, il cui impiego sia riconducibile all’emergenza epidemiologica da COVID-19 sulla base delle effettive necessità della singola Istituzione scolastica (a titolo meramente esemplificativo: dispositivi di areazione e ventilazione, prodotti di igiene degli ambienti, termo scanner, pannelli in plexiglass, kit pronto soccorso, macchinari per pulizie);
b) specifici servizi professionali per il supporto e l’assistenza psicologica e/o pedagogica, da rivolgere in particolar modo a studentesse e studenti, oltre che al personale scolastico, in relazione alla prevenzione e al trattamento dei disagi e delle conseguenze derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19. Si precisa che tali risorse possono essere utilizzate anche per finanziare servizi di supporto psicologico e/o pedagogico già attivati in precedenza, per la quota relativa al periodo gennaio-giugno 2021, ferme restando le procedure operative di cui alle note MI n. 1746/2020 e n. 23072/2020;
c) servizi medico-sanitari, ivi compreso il servizio di sorveglianza sanitaria, volti a supportare le Istituzioni scolastiche nella gestione dell’emergenza epidemiologica, nelle attività inerenti alla somministrazione facoltativa di test diagnostici alla popolazione scolastica di riferimento e all’espletamento delle attività di tracciamento dei contatti nell’ambito della indagine epidemiologica, anche allo scopo di svolgere una funzione efficace e tempestiva di collaborazione e raccordo con i competenti Dipartimenti di prevenzione delle Aziende sanitarie locali. Per quanto afferisce a tale misura, si evidenzia la necessità di garantire il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali (Reg.UE 679/2016 e D.Lgs. 196/2003, come modificato dal D.Lgs. 101/2018);
d) dispositivi e materiali destinati al potenziamento delle attività di inclusione degli studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento ed altri bisogni educativi speciali.


I.II - Assegnazione, programmazione e contabilizzazione delle risorse
Il competente Ufficio della Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie del Ministero dell’istruzione, ai sensi dell’art. 31, comma 3, del D.L. 41/2021, provvede in data odierna alla comunicazione ed assegnazione delle risorse di cui al comma 1 del medesimo articolo. Le risorse sono assegnate alle scuole sulla base dei criteri e parametri vigenti (cfr. decreto ministeriale n. 834 del 15 ottobre 2015) per la ripartizione del Fondo per il funzionamento delle Istituzioni scolastiche di cui all’articolo 1, comma 601, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, ai sensi dell’art. 31, comma 2, del D.L. 41/2021.
Ciò premesso, si riportano di seguito prime indicazioni per una corretta contabilizzazione delle risorse finanziarie in oggetto. In particolare, a seguito della comunicazione ed assegnazione delle risorse da parte del competente Ufficio del Ministero dell’istruzione, le Istituzioni scolastiche provvedono a:
• accertare le somme in esame, in conto competenza, nell’Aggregato “03 Finanziamento dallo Stato”, Voce “06 Altri Finanziamenti vincolati dallo Stato”, sotto-voce “Risorse ex art. 31, comma 1, D.L. 41/2021”;
o imputare le risorse in entrata nelle diverse destinazioni di spesa in funzione delle finalità di utilizzo delle risorse medesime e rispetto agli interventi da attivare. A titolo meramente esemplificativo, qualora si decida di attivare un intervento che preveda l’acquisto di prodotti di igiene degli ambienti, lo stesso andrà imputato nella categoria “A01 - Funzionamento generale e decoro della scuola”, scheda di destinazione “Risorse ex art. 31, comma 1, lettera a) D.L. 41/2021”;
• allocare le spese per natura, secondo la sezione spese del piano dei conti (si ricorda che tutte le schede devono risultare in pareggio);
• monitorare l’avanzamento dei singoli interventi e curare le ordinarie operazioni di registrazioni contabili.
Si rimette alla discrezionalità della singola Istituzione scolastica la possibilità di aumentare con risorse proprie la dotazione di uno o più interventi da attivare con le risorse di cui all’art. 31, comma 1, del D.L. 41/2021, ferma la necessità di mantenere una contabilità separata ai fini della rendicontazione. Nel caso in cui, invece, una scuola abbia già attivato o concluso interventi coerenti con le finalità dell’art. 31, comma 1, del D.L. 41/2021, le relative coperture non potranno essere integrate con quelle del decreto in oggetto per aumentare la dotazione dell’intervento, ma dovranno essere utilizzati per differenti progettualità.
 

I.III - Procedure per l’affidamento delle risorse e tempistiche di utilizzo
Per quanto concerne le procedure di affidamento dei beni e servizi oggetto della disposizione in esame, si rinvia alle indicazioni contenute nel Quaderno n. 1 “Istruzioni di carattere generale relative all'applicazione del Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. 50/2016)”,¹ aggiornato a novembre 2020, e, in particolare, nell’Allegato 17, avente ad oggetto la “Tabella riepilogativa delle principali previsioni contenute nel D.L. Semplificazioni, in materia di procedure di affidamento di servizi, forniture e lavori”.
Fatto salvo quanto sopra, le Istituzioni scolastiche ed educative statali provvedono entro il 31 dicembre 2021 alla realizzazione degli interventi o al completamento delle procedure di affidamento degli interventi, anche tramite il coinvolgimento, secondo principi di trasparenza e nel rispetto della normativa vigente, di enti del terzo settore e imprese sociali.

II. Controlli di regolarità amministrativo contabile dei Revisori dei conti
Con particolare riferimento ai controlli di regolarità amministrativo-contabile svolti dai Revisori dei conti in rappresentanza del Ministero dell’istruzione e del Ministero dell’Economia e delle Finanze, si rappresenta che, ai sensi dell’art. 31, comma 4, del D.L. 41/2021, “I revisori dei conti delle istituzioni scolastiche svolgono controlli successivi sull’utilizzo delle risorse finanziarie di cui al presente articolo in relazione alle finalità in esso stabilite, ai sensi dell’art. 51, comma 4, primo periodo, del decreto interministeriale 28 agosto 2018, n. 129 e secondo indicazioni del Ministero dell’istruzione, sentito il Ministero dell’economia e delle finanze ”. I controlli, pertanto, avverranno a consuntivo ed avranno ad oggetto il rispetto delle finalità di utilizzo delle risorse stanziate all’art. 31, comma 1, del D.L. 41/2021 e delle ordinarie procedure amministrativo-contabili previste nel D.I. 129/2018 e nella normativa primaria.

III. Servizio di assistenza Help Desk Amministrativo Contabile (HDAC)
Da ultimo, si rappresenta, che, come previsto dal comma 2 della norma in oggetto, il servizio Help Desk Amministrativo Contabile (HDAC) - canale ufficiale di assistenza, consulenza e comunicazione fra l'Amministrazione e le Istituzioni scolastiche su tematiche amministrativo contabili - continuerà ad essere regolarmente attivo, al fine di garantire un supporto costante alle scuole.
La Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie ha attivato, all’interno del servizio suddetto, un’apposita sezione dedicata alla gestione delle risorse relative al “Decreto sostegni”. Pertanto, i dirigenti scolastici, i direttori dei servizi generali ed amministrativi e il personale amministrativo abilitato su tutto il territorio nazionale potranno formulare richieste di chiarimento o di supporto alle quali saranno fornite risposte tempestive ed efficaci su tematiche di natura amministrativa, contabile e gestionale collegate all’attuazione delle misure richiamate nella presente nota e, più in generale, alla gestione della situazione emergenziale.
Tramite il servizio HDAC è, inoltre, possibile consultare le FAQ e i documenti messi a disposizione dal Ministero nonché usufruire di appositi oggetti multimediali su diverse tematiche d’interesse. È possibile accedere al servizio HDAC tramite il seguente percorso: “SIDI Applicazioni SIDI Gestione Finanziario Contabile Help Desk Amministrativo Contabile”.
Infine, si ricorda che con nota prot. n. 7144 del 25 marzo 2021 è stata prevista un’assegnazione di 1.000 euro per ciascuna Istituzione scolastica, finalizzata all’acquisto di almeno un defibrillatore semiautomatico (DAE), strumento fondamentale per consentire un pronto intervento qualora si verifichino casi di arresto cardiaco improvviso tra il personale scolastico o gli alunni. Nel dettaglio, l’Istituzione scolastica potrà, laddove non si fosse già provveduto, acquistare detti defibrillatori ovvero rinnovare le dotazioni strumentali già a disposizione. Nel caso in cui l’Istituzione scolastica fosse già provvista di adeguate strumentazioni salvavita, le risorse in esame potranno essere destinate all’acquisto di beni o servizi finalizzati a garantire la salute del personale e degli alunni (ad esempio, per l'attivazione di corsi di formazione certificati all’utilizzo del defibrillatore).
Si ringrazia per l’impegno profuso durante questa lunga fase di emergenza e si resta a disposizione per ogni ulteriore utile iniziativa di supporto amministrativo ed operativo che l’Amministrazione potrà fornire alle Istituzioni scolastiche autonome, in un’ottica di fattiva collaborazione e nell’interesse di assicurare il diritto all’istruzione e il corretto funzionamento del sistema.
Un caro saluto

IL CAPO DIPARTIMENTO
Dott.ssa Giovanna BODA


¹ Il Quaderno n. 1 è consultabile al seguente link: https://www.miur.gov.it/web/guest/pubblicazioni/-/asset publisher/6Ya1FS4E4QJw/content/istruzioni-di-carattere-generale-relative-all-applicazione-del-codice.