Stampa
Categoria: 2021
Visite: 1172

Tipologia: Accordo
Data firma: 27 aprile 2021
Parti: Noovle e Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, Ugl Telecomunicazioni, RSU
Settori: Servizi-TLC, Noovle
Fonte: fistelveneto.cisl.it

Sommario:

 

Premessa
1. Prosecuzione del lavoro agile
2. Inclusione
3. Buono pasto
4. Dotazioni informatiche e connettività
5. Permessi, ritardi e prestazioni straordinarie

 

6. Disconnessione
7. Diritti sindacali
8. Sicurezza sul lavoro e tutela antinfortunistica
9. Formazione
10. Sistema di relazioni sindacali
11. Disposizioni finali


Verbale di Accordo

Roma, 27 aprile 2021, tra Noovle spa e le Organizzazioni Sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, Ugl Telecomunicazioni, unitamente alle RSU Noovle

Premesso che:
a) le Parti ritengono che il ricorso al lavoro agile sia un fattore abilitante dello sviluppo della digitalizzazione, del miglioramento della produttività, di valorizzazione delle professionalità, di promozione della sostenibilità sociale, economica e ambientale che favorisce - tra l’altro - la conciliazione tra i tempi di lavoro e la vita personale, con particolare attenzione alle esigenze di cura familiare;
b) Tim con le Organizzazioni Sindacali hanno definito con l’Accordo sottoscritto il 18 luglio 2019, nell’ambito della contrattazione di secondo livello di Tim spa, l’introduzione strutturale del ricorso alla modalità agile di prestazione lavorativa fra quelle in essere in Azienda;
c) la necessità di fronteggiare l’emergenza epidemiologica riferita al virus COVID 19 ha spinto le Parti a sperimentare ulteriori remotizzazioni relative ad attività che erano state escluse dall’ambito di applicazione dell’accordo Tim spa del 17 febbraio 2020 anche grazie alle normative speciali emanate dal Governo;
d) Tim spa e Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, Ugl Telecomunicazioni, in data 28 aprile 2020, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa, a valere per il Gruppo Tim, recante le misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus COVID 19;
e) tra le previsioni contenute nel Protocollo d’Intesa, il ricorso al lavoro agile continua a costituire il principale strumento di prevenzione in grado di garantire allo stesso tempo la tutela della salute - riducendo gli spostamenti, l’uso dei mezzi pubblici e le occasioni di contatto ravvicinato - e la continuità dei servizi di comunicazione nel Paese in un momento di grande difficoltà per il business aziendale e per l'economia nazionale;
f) le Parti condividono l’intento di valorizzare l’esperienza fin qui vissuta, sperimentando nuovi modelli di organizzazione del lavoro, orientati alla flessibilità del luogo di lavoro e alla ricerca di un nuovo equilibrio tra lavoro e vita privata, tra esigenze organizzative ed aspettative delle persone, tra efficienza produttiva e autonomia professionale;
g) negli scorsi mesi sono stati effettuati studi di fattibilità del Progetto Desk Sharing da applicare in Tim e nelle aziende del Gruppo quale forma evoluta ed innovativa di gestione degli ambienti di lavoro che si fonda su un modello di svolgimento della prestazione caratterizzato dall’alternanza tra il lavoro in sede e il lavoro agile, favorendo la produttività e la collaborazione, garantendo anche un uso più efficiente degli immobili. Tale modello necessita di un adeguamento strutturale degli stabili aziendali che sarà realizzato progressivamente, comportando una ridefinizione complessiva degli spazi;
h) Tim, nel corso dell’incontro del 28 luglio 2020 ha illustrato a Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom- Uil, Ugl Telecomunicazioni e al Coordinamento Nazionale delle RSU di Tim le caratteristiche del progetto Desk Sharing, i contenuti del Piano Spazi di Tim per il 2020 e i punti principali del nuovo modello organizzativo di lavoro che l’Azienda intende applicare a partire dall’avvio della fase sperimentale da disciplinare con specifico accordo;
i) il giorno 30 luglio 2020 è stato sottoscritto da Assotelecomunicazioni-Asstel e le Organizzazioni Sindacali, il Protocollo Principi e Linee Guida per il Nuovo Lavoro Agile nella Filiera delle Telecomunicazioni;
j) con gli Accordi del 4 agosto 2020 e del 11 dicembre 2020 siglati da Tim spa e da Slc- Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, Ugl Telecomunicazioni e il Coordinamento Nazionale delle RSU Tim sono state definite le modalità di svolgimento della prestazione per una fase transitoria, dal termine della disciplina speciale sul lavoro agile all’avvio dell’accordo sperimentale previsto al termine dell’obbligo di applicazione dei Protocolli Covid;
Si conviene quanto segue
Le Premesse sono parte integrante del presente accordo.

1. Prosecuzione del lavoro agile
Fermo restando il perimetro organizzativo ad oggi abilitato a svolgere lavoro agile, successivamente, al termine dello stato di emergenza e della disciplina speciale del lavoro agile (ad oggi fissato al 31 luglio 2021) e fino al termine di applicazione dei Protocolli Covid, sono definite le seguenti modalità di svolgimento della prestazione da applicare - previa sottoscrizione dell’accordo individuale - prioritariamente al personale operante presso le sedi delle 6 città interessate dal progetto desk sharing (Roma, Milano, Torino, Bari, Napoli, Palermo) e successivamente in via graduale sulle altre sedi:
a) per ogni settimana, 4 giorni da remoto presso un luogo all’esterno dei locali aziendali ed 1 giorno presso la sede aziendale;
b) su base mensile, il 75% presso un luogo all’esterno dei locali aziendali e il 25% presso la sede aziendale (ad esempio una settimana al mese) negli ambiti organizzativi nei quali le attività svolte sono etero organizzate ed è indispensabile garantire il presidio in specifici archi orari di cui all’art. 16 dell’accordo sperimentale Tim del 4 agosto 2020;
c) in caso di mancata sottoscrizione dell’accordo individuale al termine dello stato di emergenza e della disciplina speciale del lavoro agile, lo svolgimento della prestazione lavorativa avverrà sempre in sede.

2. Inclusione
Al fine di prevenire eventuali forme di isolamento rispetto alla dimensione ordinaria della vita lavorativa e confermando la massima attenzione alle questioni di genere, Noovle si impegna a promuovere azioni positive e buone pratiche che prevedono periodici momenti di comunicazione ed interazione con coordinatori e colleghi. Particolare attenzione sarà dedicata ai colleghi che affrontano situazioni di difficoltà nell’organizzazione quotidiana delle attività lavorative.

3. Buono pasto
Per le giornate di lavoro prestate in modalità agile viene riconosciuto il buono pasto laddove ricorrano le condizioni di cui all’accordo Tim del 4 dicembre 2019. Tale previsione è estesa anche al personale che opera in telelavoro.

4. Dotazioni informatiche e connettività
I dipendenti possono prendere in carico alcune delle dotazioni d’ufficio (monitor, tastiera, mouse, docking station, sedia) per utilizzarle dal luogo dove stanno svolgendo la propria prestazione lavorativa giornaliera, a seguito dell’emergenza COVID 19.

5. Permessi, ritardi e prestazioni straordinarie
Durante le giornate lavorative in modalità agile, in ragione della peculiarità della modalità di esecuzione del rapporto di lavoro e dei presupposti su cui tale modalità si fonda, è escluso il ricorso al lavoro supplementare/straordinario.
Per il personale operante su turni verranno avviate le verifiche tecniche propedeutiche all’applicazione della disciplina dei ritardi in compensazione e franchigia, nonché il recupero dei permessi Mamma e Papà e dei permessi a recupero di cui all’accordo Tim del 18 luglio 2019 anche in lavoro agile.

6. Disconnessione
Nell’ottica di promuovere il benessere e la conciliazione vita e lavoro dei dipendenti favorendo il rispetto del confine tra gli spazi personali e quelli professionali, sono individuati e diffusi tramite l’intranet aziendale alcuni comportamenti di “buona convivenza virtuale” che assicurino, al di fuori delle fasce lavorative, il diritto alla disconnessione dagli strumenti tecnologici di lavoro. Le Parti, in relazione alle caratteristiche del core business aziendale, intendono definire delle modalità di disconnessione che non ricorrano a meccanismi automatici ma a comportamenti caratterizzati dal senso di responsabilità del singolo lavoratore, dei colleghi e dei responsabili, restando inteso che durante le interruzioni temporanee e autorizzate (es. pausa pranzo) il lavoratore non sarà tenuto a ricevere o visualizzare eventuali comunicazioni aziendali.
Al riguardo si indicano, a titolo meramente esemplificativo, l’utilizzo dell’opzione di invio “ritardato recapito”, la pianificazione di riunioni nel rispetto delle normali fasce lavorative, la puntuale pianificazione della propria agenda attraverso il Google Calendar, etc..
Il diritto alla disconnessione sarà comunque esercitato impostando l’apposito status dell’applicativo informatico di messaggistica istantanea aziendale (Google Calendar/Google Workspace) al di fuori della fascia oraria in cui viene resa la prestazione in lavoro agile.
La prestazione lavorativa sarà eseguita entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale derivanti dalla legge nonché dalla contrattazione collettiva di categoria e aziendale tempo per tempo vigenti.

7. Diritti sindacali
Le Parti si impegnano a garantire il riconoscimento dell’esercizio da remoto dei medesimi diritti e libertà sindacali spettanti ai dipendenti che prestano la loro attività nelle sedi aziendali. In particolare, assicurando alle Organizzazioni Sindacali stipulanti la presente intesa, idonei ambienti informatici messi a disposizione dall’Azienda che consentano:
a) la consultazione dei testi e comunicati inerenti materie di interesse sindacale attraverso una bacheca elettronica;
b) lo svolgimento delle assemblee sindacali ex art. 20 della Legge n. 300/70, indette in orario di lavoro, anche con la possibilità di espletare l’esercizio del voto da remoto, ferma restando la disciplina tempo per tempo vigente che regola la materia e l’obbligo di registrare tempestivamente l’assenza con l’inserimento dell’apposito titolo giustificativo nei sistemi, secondo le modalità indicate dall’Azienda.

8. Sicurezza sul lavoro e tutela antinfortunistica
In materia di Sicurezza sul lavoro e assicurazione obbligatoria per gli infortuni e le malattie professionali, si rinvia a quanto previsto rispettivamente dagli articoli 22 e 23 della Legge n. 81 del 22 maggio 2017.

9. Formazione
Nell’ottica di accompagnare il nuovo modello organizzativo del lavoro agile, Noovle promuoverà percorsi formativi che supportino sia il consolidamento di competenze digitali che il rafforzamento di soft skill utili per gestire con una migliore efficacia la nuova realtà lavorativa. a) L’attività formativa orientata al cambio di paradigma, prevede attività articolate su due filoni di intervento: uno dedicato a responsabili e coordinatori, l’altro a tutte le persone coinvolte nel lavoro agile. La formazione sarà svolta interamente “in presenza” tramite aule virtuali (webinar e seminari) durante l’orario di lavoro. Per i responsabili e coordinatori, le iniziative formative si propongono di accelerare il cambiamento culturale richiesto dal nuovo modello.
b) Per tutto il restante personale, gli interventi sono finalizzati a semplificare le modalità di interazione, potenziando il know how tecnico, la capacità di operare in autonomia e innovando il sistema di gestione delle relazioni.
Sui temi della sicurezza, ai sensi dell'art. 22 della Legge n. 81 del 22 maggio 2017, sarà messo a disposizione un corso di formazione on line riguardante le specifiche logiche, finalità e modalità di svolgimento della prestazione in lavoro agile, comprensivo di una sezione dedicata all'approfondimento dei temi della sicurezza dei lavoratori.

10. Sistema di relazioni sindacali
Le verifiche sugli impatti della riorganizzazione dei siti aziendali e sull’avanzamento del piano spazi saranno effettuate tramite un confronto costante.
In caso di formale richiesta di verifica urgente espressa da una delle Parti stipulanti la presente intesa, le stesse si impegnano ad incontrarsi entro 7 giorni dalla ricezione della richiesta, per l’analisi delle criticità riscontrate e l’individuazione tempestiva di eventuali correttivi.

11. Disposizioni finali
A supporto del nuovo modello organizzativo agile, basato su autonomia e responsabilità professionale di tutti i dipendenti, nell’ottica di dare maggior impulso all’uso dei servizi digitali come lavoratori e come cittadini, le Parti intendono promuovere la diffusione tra i lavoratori delle connessioni broadband. A tale scopo Noovle proporrà ai propri dipendenti condizioni ulteriormente migliorative per l’adesione all’offerta Tim SUPER e Tim SMART a loro riservata, riducendo del 30% l’attuale importo.
Inoltre, è stata stipulata una convenzione con la società di distribuzione energetica Pulsee che prevede condizioni di favore per i dipendenti del Gruppo Tim sui costi del gas e dell’energia elettrica, sulla intranet sono disponibili le modalità di adesione.