Stampa
Categoria: 2021
Visite: 979

Tipologia: Accordo
Data firma: 18 marzo 2021
Parti: Società Autostrade per l’Italia e Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Sla-Cisal, Ugl Viabilità
Settori: Trasporti, ASPI
Fonte: cnel.it


Verbale di accordo

Il giorno 18 marzo 2021 si sono incontrati: la Società Autostrade per l’Italia, le Segreterie nazionali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Sla - Cisal, Ugl Viabilità, nell’ambito di quanto stabilito nel verbale di accordo del 13 ottobre 2020 sul lavoro agile.
Le parti hanno approfondito in particolare il diritto alla disconnessione, tenuto conto che questo aspetto, nel particolare momento storico in cui di nuovo è ripartita l’emergenza epidemiologica e la chiusura delle scuole, è quello che appare - nell’ambito delle questioni relative alla genitorialità - sicuramente il più critico.
In questo quadro generale, fermo rimanendo quanto già sancito in materia di diritto alla disconnessione nel precedente accordo del 13 ottobre 2020, le parti concordano:
- a partire dal 22 marzo p.v., in via sperimentale e per la durata di un mese, l'azienda riconoscerà al personale non operativo in lavoro da remoto il diritto alla disconnessione per un massimo di 1,5 ore giornaliere per assistere i figli nella didattica a distanza. Tale diritto potrà essere esercitato nella fascia oraria mattutina, dalle ore 08.00 alle ore 13.00, per ogni giorno della settimana. Eventuali richieste di modifiche da parte del lavoratore, rispetto alla collocazione oraria sopra indicata, saranno discusse e analizzate con il proprio responsabile e la struttura HR.
- i dipendenti interessati dovranno darne comunicazione al proprio responsabile e alla struttura HR di riferimento, entro le 24 ore antecedenti all'inizio della fruizione del diritto alla disconnessione sopra sancito, possibilmente con un piano settimanale.
- resta ovviamente fermo che il dipendente, nella prestazione lavorativa in lavoro agile, dovrà osservare il proprio normale orario di lavoro; rimangono confermati gli accordi collettivi esistenti in ogni singola unità produttiva in materia di flessibilità oraria.
La presente intesa si muove nel segno della bi-genitorialità, a sostegno dei dipendenti genitori per consentire loro di assistere i figli nella didattica a distanza, nell’ottica di ricercare soluzioni che possano concretamente dare senso e sostanza al più generale diritto alla disconnessione. Al termine del periodo di sperimentazione le parti si incontreranno per un’analisi complessiva dei risultati raggiunti e per valutare la soddisfazione dei dipendenti all’iniziativa, al fine di verificare una possibile estensione temporale del progetto e/o ulteriori azioni di miglioramento della conciliazione vita - lavoro.