Stampa
Categoria: 2021
Visite: 923

Tipologia: Accordo
Data firma: 29 aprile 2021
Validità: 31 luglio 2021
Parti: Istat e Flc-Cgil, Cisl Scuola, Fed. Uil Scuola Rua, Snals-Confsal, Fgu-Gilda-Unams
Comparti: P.A., Istat
Fonte: istat.flcgil.it


Verbale di confronto fra Amministrazione e Organizzazioni Sindacali rappresentative per l’aggiornamento dei criteri generali della fase di ripresa delle attività produttive in presenza e della disciplina della prestazione lavorativa in modalità agile in relazione alla diffusione del virus COVID-19, adottati in esecuzione del DPCM del 18 ottobre 2020 e del DM del Ministro per la pubblica amministrazione del 19 ottobre 2020.

In data 29 aprile 2021, la delegazione trattante dell’Istat […], e i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali rappresentative hanno avviato un confronto, finalizzato all’aggiornamento dei criteri generali della fase di ripresa delle attività produttive in presenza e della disciplina della prestazione lavorativa in modalità agile in relazione alla diffusione del virus COVID-19, adottati in esecuzione del DPCM del 18 ottobre 2020 e del DM del Ministro per la pubblica amministrazione del 19 ottobre 2020.
Le parti esaminano e analizzano, oltre ai richiamati provvedimenti governativi, il Verbale di confronto sottoscritto in data 27 gennaio 2021, nonché:
- il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;
- il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19» e in particolare l'articolo 1, comma 16-septies, che definisce alla lettera a) la Zona bianca, alla lettera b) la Zona arancione, alla lettera c) la Zona rossa e alla lettera d) la Zona gialla;
- il decreto-legge 1 aprile 2021, n. 44, recante: «Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici»;
Preso atto che il D.L. 22 aprile 2021, n. 52 (c.d. Decreto Riaperture) ha prorogato fino al 31 luglio 2021 lo stato di emergenza ed il termine per l'utilizzo della procedura semplificata di comunicazione dello smart working di cui all'art. 90, commi 3 e 4, del D.L. 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni in L. 17 luglio 2020, n. 77.
In merito al citato Verbale di confronto, le parti concordano di confermare e prorogare tutte le disposizioni, le misure ed i termini ivi contenuti, nonché le modifiche ivi apportate al precedente Verbale di confronto fino alla data del 31 luglio 2021.
Per l’effetto, le parti si danno atto e concordano sulla necessità di prorogare fino al 31 luglio 2021 le misure contenute nella Deliberazione n. DOP 69/2021 del 29 gennaio 2021
Le parti concordano sulla necessità di procedere quanto prima ad un confronto sulle modalità e le regole della sperimentazione del lavoro agile prevista nel Piano organizzativo del lavoro agile (POLA) che avrà inizio al termine dello stato di emergenza e che è stato oggetto di esame e discussione nell’ambito dell’Organismo paritetico per l’innovazione.