Stampa
Categoria: Normativa regionale
Visite: 867

Regione Umbria
Deliberazione della Giunta Regionale 22 dicembre 2021, n. 1335.
Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche - Edizione 2021. Elenco regionale dei costi per la sicurezza dei lavoratori - Edizione 2021. Approvazione.
B.U.R. 5 gennaio 2022, n. 1 – S.O. n. 4

LA GIUNTA REGIONALE

Visto il documento istruttorio concernente l’argomento in oggetto: “Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche - Edizione 2021. Elenco regionale dei costi per la sicurezza dei lavoratori - Edizione 2021. Approvazione.” e la conseguente proposta dell’assessore Enrico Melasecche Germini;
Visto il D.Lgs. n. 50/2016, art. 23 comma 7;
Vista la L.R. n. 3 del 21 gennaio 2010;
Vista la D.G.R. n. 744 del 2 luglio 2018 di nomina della Commissione Tecnica e della Segreteria Tecnica;
Visto il D.P.G.R. n. 35 del 6 luglio 2018 di nomina della Commissione Tecnica;
Visto il D.P.G.R. n. 25 del 27 maggio 2019 di nomina del Presidente della Commissione Tecnica;
Visto il D.Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 e ss.mm.ii.;
Preso atto:
a) del parere favorevole di regolarità tecnica e amministrativa reso dal responsabile del procedimento;
b) del parere favorevole sotto il profilo della legittimità espresso dal dirigente competente;
c) del parere favorevole del direttore in merito alla coerenza dell’atto proposto con gli indirizzi e gli obiettivi assegnati alla Direzione stessa;
Vista la legge regionale 1 febbraio 2005, n. 2 e la normativa attuativa della stessa;
Visto il regolamento interno di questa Giunta;
A voti unanimi espressi nei modi di legge,
 

DELIBERA
per le motivazioni contenute nel documento istruttorio che è parte integrante e sostanziale della presente deliberazione

1) di prendere atto della proposta della Commissione Tecnica istituita a norma dell’art. 14 della L.R. n. 3/2010, di aggiornamento dell’“Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche”, derivante dalle analisi dei prezzi elaborate e relative voci collegate, comprensivo delle avvertenze generali e delle norme di misurazione;
2) di prendere atto, altresì, della proposta della Commissione Tecnica istituita a norma dell’art. 14 della L.R. n. 3/2010, di aggiornamento dell’“Elenco regionale dei costi per la sicurezza”;
3) di prendere atto che sono state aggiunte nuove voci e soppresse voci obsolete o ritenute non più congrue;
4) di prendere atto che sono state apportate modifiche a voci e/o sottovoci, anche in relazione a modifiche normative e regolamentari;
5) di dare atto che i documenti riguardanti le sedute dalla Commissione Tecnica, sono depositati presso il Servizio Opere e lavori pubblici, osservatorio contratti pubblici, ricostruzione post sisma;
6) di approvare l’“Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche” - edizione 2021 e l’Elenco regionale dei costi per la sicurezza - edizione 2021, allegato quale parte integrante e sostanziale al presente atto;
7) di stabilire che le Stazioni appaltanti, per la redazione dei progetti di opere pubbliche, adottano l’Elenco regionale dei prezzi edizione 2021 e l’Elenco dei costi per la sicurezza edizione 2021 con decorrenza dalla data di pubblicazione nel B.U.R. della presente delibera;
8) di stabilire che, nella redazione dei computi realizzati con il presente Elenco prezzi - Edizione 2021 - le Stazioni appaltanti del territorio regionale e i progettisti, per la determinazione dell’importo dell’appalto e dei successivi importi contrattuali, applicano un coefficiente moltiplicatore di 1,017 all’importo lavori determinato secondo i prezzi indicati;
9) di stabilire che il coefficiente moltiplicatore pari a 1,017 si applica anche ai costi della sicurezza di cui all’Elenco regionale dei costi per la sicurezza - edizione 2021;
10) di stabilire, altresì, che l’elenco prezzi edizione 2019 può essere transitoriamente utilizzato fino al 30 giugno 2022 per i progetti a base di gara la cui approvazione sia intervenuta entro tale data;
11) di stabilire che la data di cui al punto 6 della D.G.R. n. 569 del 7 giugno 2011 è prorogata fino al 30 giugno 2023;
12) di stabilire che, a titolo di ristoro, le Stazioni appaltanti del territorio regionale, su richiesta motivata dell’Operatore economico, potranno applicare un coefficiente moltiplicatore di 1,017 a tutti i S.A.L. maturati durante tutto il periodo dell’emergenza da COVID-19, per gli interventi che utilizzano le edizioni dell’Elenco prezzi della Regione Umbria precedenti all’edizione 2021;
13) di stabilire che il coefficiente moltiplicatore, di cui al punto 12 che precede, non si applica ai costi della sicurezza;
14) di pubblicare l’elenco integralmente nel sito internet della Giunta regionale: www.operepubbliche.regione. umbria.it;
15) di pubblicare il dataset relativo all’elenco prezzi edizione 2021 in formato aperto sul sito “OPEN DATA” della Regione Umbria;
16) di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria.
 

La Presidente
TESEI

(su proposta dell’assessore Melasecche Germini)
 

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

Oggetto: Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche - Edizione 2021. Elenco regionale dei costi per la sicurezza dei lavoratori - Edizione 2021. Approvazione.


Visto:
17) il decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 “Attuazione delle Direttive nn. 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture” e ss.mm.ii;
18) che l’art. 12 della legge regionale n. 3/2010 prevede che la Giunta regionale, al fine di coordinare l’attività tec-nico-amministrativa dei soggetti aggiudicatori, nonché a supporto degli operatori e della qualificazione dell’intero sistema, approva l’elenco regionale dei prezzi e dei costi per la sicurezza delle opere pubbliche;
19) la D.G.R. n 569 del 7 giugno 2011;
20) la D.G.R. n. 423 del 27 maggio 2020 recante “Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche - Edizione 2019. Elenco regionale dei costi per la sicurezza dei lavoratori - Edizione 2019. Approvazione e designazione del presidente della Commissione Tecnica.”;
21) il D.P.G.R. n. 35 del 6 luglio 2018 di nomina della Commissione Tecnica;
22) il D.P.G.R. n. 80 dell’11 settembre 2020 di nomina del Presidente della Commissione Tecnica e di sostituzione di alcuni componenti;
Considerato che:
23) in data 8 giugno 2021 si è tenuta la prima riunione della Commissione Tecnica per procedere all’aggiornamento dell’Elenco prezzi edizione 2021, valido per l’anno 2022;
24) la Commissione Tecnica si è riunita complessivamente in 4 sedute, e precisamente in data 8 giugno 2021, 22 settembre 2021, 28 ottobre 2021 e, infine, il 20 dicembre 2021;
25) nel corso delle sedute della Segreteria Tecnica e della Commissione sono stati analizzati i prezzi elementari edili, degli impianti, della manodopera, dei trasporti e dei noli che sono posti a base della costruzione dei costi delle lavorazioni che compongono l’elenco dei prezzi;
26) i prezzi analizzati dalla Segreteria Tecnica, sulla base di puntuali indagini di mercato, hanno tenuto conto delle rilevazioni di prodotti e materiali regolati da listini tenendo conto dello sconto medio, praticato alle aziende del settore, di una fornitura media del materiale di un cantiere di media difficoltà;
27) le rilevazioni sono state chiuse in data 15 dicembre 2021, così come stabilito dalla Commissione Tecnica, la quale rilevando le incertezze derivanti dalla continua oscillazione del mercato delle materie prime, ha ritenuto di estendere il monitoraggio quanto più possibile a ridosso dell’entrata in vigore dell’Elenco prezzi in modo da cogliere le ultime variazioni del mercato attuale;
28) le rilevazioni effettuate hanno mostrato che la maggior parte dei listini hanno subito fluttuazioni rilevanti che, si ritiene, continueranno anche nell’anno 2022;
29) il costo della manodopera, sia del comparto edile che metalmeccanico, mostra una situazione sostanzialmente stabile.
Atteso che
30) con D.G.R. n. 997 del 28 ottobre 2020 si è stabilito fra l’altro che “8) , a titolo di ristoro, le Stazioni appaltanti del territorio regionale, su richiesta motivata dell’Operatore economico, potranno applicare un coefficiente moltiplicatore di 1,017 a tutti i S.A.L. maturati durante tutto il periodo dell’emergenza da COVID-19, per gli interventi che utilizzano l’Elenco prezzi della Regione Umbria di qualsiasi edizione” e che “; il coefficiente moltiplicatore, di cui al punto 8) che precede, non si applica ai costi della sicurezza”.
Considerato che il coefficiente suddetto derivava dall’aumento delle spese generali portate dal 15% al 17% ed era concesso per ristorare le plusvalenze degli oneri della sicurezza a carico delle imprese che avevano contratti aperti prima della imprevedibile situazione pandemica ed emergenziale e che tale necessità è venuta a mancare.
Considerato però che la situazione di eccezionale gravità che si sta verificando in relazione alla fluttuazione dei costi dei prodotti da costruzione, con conseguente difficoltà delle imprese negli approvvigionamenti, e concreto rischio di rallentare o, peggio, sospendere la realizzazione degli investimenti pubblici e inoltre la difficoltà di reperimento di manodopera qualificata a causa dei ripetuti lockdown che hanno determinato la chiusura dei cantieri e la riconversione della forza lavoro verso settori che garantivano comunque una remunerazione adeguata comporta a carico delle imprese un ingente impegno organizzativo e conseguente sforzo economico che va a gravare sulle spese generali che le imprese sostengono per eseguire l’appalto.
Ritenuto quindi che è necessario riconoscere un costo delle spese generali, con cui sono calcolati i prezzi all’interno dell’Elenco prezzi, pari al 17% e considerato che i prezzi all’interno dell’Elenco prezzi sono calcolati secondo spese generali pari al 15% si ritiene necessario proporre che nella redazione dei computi realizzati con l’Elenco prezzi - Edizione 2021 le Stazioni appaltanti del territorio regionale e i progettisti, per la determinazione dell’importo dell’appalto e dei successivi importi contrattuali, applicano un coefficiente moltiplicatore di 1,017 all’importo lavori determinato secondo i prezzi indicati. Il coefficiente moltiplicatore si applica anche ai costi della sicurezza. in quanto le fluttuazioni riguardano in maniera specifica anche il settore dei ponteggi.
Considerato che:
31) in sede di Commissione Infrastrutture, mobilità e governo del territorio della Conferenza delle Regioni e Province autonome l’assessore della Regione Umbria ha posto la problematica dell’aumento del costo dei materiali da costruzione che sta investendo sia il settore delle opere pubbliche che quelle private legate al “Superbonus 110%”, con conseguente difficoltà delle imprese esecutrici e delle stazioni appaltanti nella gestione ed esecuzione dei contratti ed il concreto rischio di un rallentamento o addirittura una paralisi delle opere pubbliche, in previsione anche degli investimenti provenienti dal PNRR;
32) la Conferenza delle Regioni si è pronunciata segnalando al Governo ed al Ministero delle Infrastrutture tale problematica con la richiesta, a seguito di due specifiche note, di apertura di un tavolo tecnico per individuare e condividere soluzioni operative;
33) la costituzione del Fondo nazionale presso il MIMS per la compensazione della variazione dei prezzi subiti da contratti in corso di esecuzione, eseguiti e contabilizzati entro il 30 giugno 2021 (art.1-septies legge n. 106/2021), norma voluta dalla stessa Conferenza delle Regioni, affronta purtroppo solo una parte del problema. Mancano infatti, indicazioni sulla gestione e realizzazione delle opere avviate dopo il primo semestre 2021 e quelle future, stante il perdurare degli aumenti;
34) gli assessori alle infrastrutture, ritenendo necessaria l’interlocuzione con il MIMS e l’apertura di un tavolo tecnico congiunto, hanno convenuto di trovare al più presto una soluzione unitaria che tuteli il comparto delle Regioni con l’emanazione, entro il 31 dicembre 2021, dei prezzari di propria competenza. I prezzari, infatti, richiamati dalla norma rappresentano gli strumenti di riferimento per la progettazione e la stima delle opere pubbliche;
35) a seguito delle indicazioni assunte in seno al Consiglio Direttivo di Itaca nella seduta del 14 ottobre 2021, è stata promossa l’attivazione del tavolo tecnico in materia di prezzari presso Itaca con l’obiettivo di analizzare e condividere la definizione, rilevazione e monitoraggio delle voci prezzo dei prodotti più significativi che hanno ottenuto il maggior rialzo, anche al fine di evitare un’azione disordinata tra le stesse amministrazioni regionali per fronteggiare il tema del “caro materiali”;
36) a tal fine è stato creato un gruppo di lavoro che sta predisponendo un documento, si pone l’obiettivo di proporre delle prime indicazioni operative utili a fare fronte alle problematiche del caro materiali nella redazione degli Elenchi prezzi regionali dei materiali edili e da costruzione;
- nelle more dell’approvazione del documento in conferenza delle Regioni la Commissione Tecnica ha comunque ritenuto di approvare e pubblicare l’Elenco prezzi edizione 2021 riservandosi di monitorare eventuali ulteriori aumenti o diminuzioni dei prezzi posti a base delle analisi anche in collaborazione con il suddetto gruppo di lavoro costituito presso ITACA.
Tutto ciò premesso si propone alla Giunta regionale:

Omissis
(Vedasi dispositivo deliberazione)

 

Allegato
Elenco regionale dei prezzi e dei costi minimi della manodopera per lavori edili, impianti tecnologici, infrastrutture a rete, lavori stradali e impianti sportivi per l’esecuzione di opere pubbliche - Elenco regionale dei costi per la sicurezza - Edizione 2021