Stampa
Categoria: 1986
Visite: 6820

Tipologia: Protocollo di intesa
Data firma: 6 maggio 1986
Parti: OO.AA. Artigianato, Cgil, Cisl, Uil
Settori: TAC (Tessile, Abbigliamento, Calzature), Artigianato
Fonte: CNEL


Protocollo d'intesa 6 maggio 1986.

Premesso:
• che si sono conclusi gli incontri in attuazione della normativa contrattuale relativa al sistema di informazioni prevista dal CCNL dei dipendenti da imprese artigiane dei settori Tessile, Abbigliamento, Calzaturiero (CCNL 6.6.84 - titolo II);
• che negli incontri effettuati sono stati presi in esame in particolare l'andamento economico e occupazionale dei comparti produttivi e lo stato di applicazione territoriale del CCNL;
• che fra le parti, in prima analisi, si sia verificato che l'applicazione del contratto di lavoro si è estesa durante l'attuale vigenza rispetto alle precedenti;
rimangono aree territoriali dove i fenomeni di inapplicazione del CCNL investono numerose aziende; tale realtà trova origine, oltre che nella dialettica sociale, in fattori inerenti la debolezza delle strutture aziendali e del tessuto socio-economico complessivo. Essendo le parti comunemente interessate a rimuovere le suddette situazioni, in quanto costituiscono trattamenti economico/nominativi ingiusti per i lavoratori e contemporaneamente fenomeni di concorrenza sleale fra le imprese.
Si concorda:
1. che il livello d'intervento principale, anche in relazione alle nuove competenze assegnate alle Regioni dalla legge n. 483/85, debba essere quello regionale;
2. di promuovere pertanto una serie di incontri tra le rispettive strutture regionali (o territoriali) finalizzati a:
a) verificare l'andamento occupazionale nel settore con particolare riferimento a:
- apprendistato (dato sull'andamento del l'applicazione della normativa contrattuale);
- formazione professionale;
- contratti di formazione lavoro;
- mobilità finalizzata anche al recupero occupazionale;
b) realizzare una rilevazione sullo stato di applicazione del CCNL e intervenire, anche con azioni congiunte, per rimuovere le condizioni che diano luogo a situazioni di non rispetto contrattuale;
c) individuare forme di sperimentazione affinché le Associazioni artigiane sviluppino iniziative, per le imprese che operano conto terzi, tendenti a realizzare criteri, strumenti e regole comuni per rafforzare sul mercato l'autonomia delle imprese anche in rapporto ai costi-commesse;
d) presentare congiuntamente, qualora si raggiungano posizioni comuni, proposte alle Regioni finalizzate alla qualificazione degli interventi di politica settoriale (credito, formazione professionale servizi reali alle imprese, ecc.) dando attuazione alla normativa contrattuale (art. 7, titolo II, parte Generale, CCNL 6.6.84 settore TAC), il quale prevede che tra i requisiti necessari ad ottenere agevolazioni pubbliche debba essere previsto quello dell'impegno al rispetto del CCNL e delle leggi in materia di lavoro;
e) il calendario degli incontri sarà stabilito di comune accordo e in alcune Regioni, al fine di avviare positivamente il confronto, potrà essere utile la presenza anche delle strutture nazionali;
3. di costituire una Commissione per affrontare le questioni inerenti il lavoro a domicilio.