Stampa
Categoria: Cassazione civile
Visite: 538

Cassazione Civile, Sez. Lav., 21 luglio 2022, n. 22848 - L'omessa tenuta del registro infortuni di cui all'art. 4, c. 5, lett. o, d.lgs. n. 626/1994 può essere sanzionata solo dalla ASL territorialmente competente e non anche dall'Ispettorato del lavoro


 

 

Presidente: GARRI FABRIZIA
Relatore: DI PAOLA LUIGI Data pubblicazione: 21/07/2022
 

Considerato che:
con l'unico articolato motivo i ricorrenti - denunciando violazione e/o falsa applicazione degli artt. 12 e 15 delle preleggi, 6, comma 1, lett. m), e 21, comma 1, della l. n. 833 del 1978, 13 e 18 della l. n. 689 del 1981, 3 del d.l. n. 463 del 1983, conv. dalla l. n. 638 del 1983, 4, 23, 89 e 98 del d.lgs. n. 626 del 1994, 1, 7 e 13 del d.lgs. n. 124 del 2004, in relazione all'art. 360, primo comma, n. 3, c.p.c. - si dolgono che il giudice di appello abbia riconosciuto la competenza esclusiva della ASL ad emettere l'ordinanza ingiunzione e non anche quella concorrente della DTL, avuto riguardo, in particolare, alle disposizioni di cui agli artt. 3 del d.l. n. 463 del 1983 (ove è previsto, tra l'altro, che agli addetti alla vigilanza presso gli ispettorati del lavoro "sono conferiti i poteri: a) di accedere a tutti i locali delle aziende, agli stabilimenti, ai laboratori, ai cantieri ed altri luoghi di lavoro, per esaminare i libri di matricola e paga, i documenti equipollenti ed ogni altra documentazione, compresa quella contabile, che abbia diretta o indiretta pertinenza con l'assolvimento degli obblighi contributivi e l'erogazione delle prestazioni") e 7 del d.lgs. n. 124 del 2004 (ove è previsto, tra l'altro, che "Il personale ispettivo ha compiti di: a) vigilare sull'esecuzione di tutte le leggi in materia di livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale, di tutela dei rapporti di lavoro e di legislazione sociale ovunque sia prestata attività di lavoro a prescindere dallo schema contrattuale, tipico o atipico, di volta in volta utilizzato ...; f) compiere le funzioni che a esso vengono demandate da disposizioni legislative o regolamentari o delegate dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali").
 

Ritenuto che:
il motivo va disatteso, poiché la tenuta sul luogo di lavoro del prescritto registro infortuni di cui all'art. 4, comma 5, lett. o, del d.lgs. n. 626 del 1994, "ratione temporis" applicabile, costituisce, ai sensi della prima parte di detto comma, misura necessaria "per la sicurezza e la salute dei lavoratori"; e, a tale riguardo, l'art. 23 del citato d.lgs. (così come modificato dall'art. 10 del d.lgs. n. 242 del 1996) prevede, per quanto qui interessa, che "1. La vigilanza sull'applicazione della legislazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro é svolta dalla unità sanitaria locale e, per quanto di specifica competenza, dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonché, per il settore minerario, dal Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato, e per le industrie estrattive di seconda categoria e le acque minerali e termali dalle regioni e province autonome di Trento e di Bolzano. 2. Ferme restando le competenze in materia di vigilanza attribuite dalla legislazione vigente all'ispettorato del lavoro, per attività lavorative comportanti rischi particolarmente elevati, da individuare con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale e della sanità, sentita la Commissione consultiva permanente, l'attività di vigilanza sull'applicazione della legislazione in materia di sicurezza può essere esercitata anche dall'ispettorato del lavoro che ne informa preventivamente il servizio di prevenzione e sicurezza dell'unità sanitaria locale competente per territorio";
l'inequivoco dato letterale della disposizione è nel senso che la vigilanza sull'applicazione della legislazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro - comportante consequenzialmente la relativa potestà sanzionatoria - é svolta dalla unità sanitaria locale, salvo una competenza concorrente (esplicitata dal termine "anche") dell'ispettorato, attinente alla sola vigilanza relativa ad attività tassative da individuarsi appositamente;
pertanto, avuto riguardo al contenuto della predetta disposizione, non è lecito ipotizzare, in materia - anche in difetto di particolari ragioni logiche -, una competenza dell'ispettorato affiancata a quella della ASL, neppure desumibile dalle norme indicate in ricorso, le quali investono il predetto ispettorato di funzioni generali di vigilanza, lasciate ferme dall'inciso posto ad apertura del riportato comma 2 dell'art. 23 del d.lgs. n. 626 del 1994, nel cui ambito è tuttavia ritagliata, nel campo della sicurezza e della salute dei lavoratori, una competenza di settore facente capo esclusivamente alla ASL;
in conclusione, va affermato che l'omessa tenuta del c.d. registro degli infortuni di cui all'art. 4, comma 5, lett. o, del d.lgs. n. 626 del 1994 ("ratione temporis" applicabile) può essere sanzionata solo dalla ASL territorialmente competente e non anche dall'ispettorato del lavoro;
nulla sulle spese, in difetto di prova della tempestiva notifica del controricorso;
ai sensi dell'art. 13, comma 1 quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, va dato atto della non sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma del comma 1 bis dello stesso art. 13.
 

P.Q.M.
 

rigetta il ricorso; nulla sulle spese.
Ai sensi dell'art. 13, comma 1 quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, dà atto della non sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del comma 1 bis dello stesso articolo 13.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 12 aprile 2022.