Stampa
Categoria: Normativa regionale
Visite: 1245

Regione Lombardia
Deliberazione 2 agosto 2022, n. XI/6869
Piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA GIUNTA

VISTI:
• la Strategia UE per la salute e sicurezza sul lavoro 2021-2027 “Quadro strategico dell'UE in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro 2021-2027”, che prescrive di “migliorare la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali”, nei tre obiettivi fondamentali e trasversali per i prossimi anni;
• il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”;
• l’intesa tra il Governo, le Regioni Province Autonome di Trento e Bolzano, Rep. Atti n. 127/CSR del 6 agosto 2020 “Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025”;
• la L.R. 30 dicembre 2009, n. 33 “Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità” la quale, all’art. 5 comma 7 lett. h) tra le “Funzioni della Regione” cita “la promozione della crescita di una cultura della salute attraverso la diffusione di conoscenze e di informazioni in grado di accrescere la capacità individuale e collettiva di autotutela nei confronti delle malattie e dei rischi presenti negli ambienti di vita e di lavoro” ed al titolo VI “Norme in materia di prevenzione e promozione della salute” ed in particolare nell’art. 55 comma 2, tra le “Finalità” enuncia che “in attuazione del piano nazionale e regionale sono realizzati interventi finalizzati ... ad eliminare e contenere i rischi per la salute dei singoli e della collettività”;
• la DGR 10 luglio 2018, n. 64 “Programma regionale di sviluppo della XI legislatura”;
• la DGR 18 ottobre 2021, n. 5389 e la DGR 15 febbraio 2022, n. 2395 “Piano Regionale della Prevenzione 2021-2025”
RICHIAMATI i seguenti provvedimenti adottati dalla Giunta Regionale in attuazione alla pianificazione delle attività di promozione della salute e sicurezza in ambienti di lavoro:
DGR n. VIII/6918 del 2 aprile 2008
DGR n. IX/1821 del 8 giugno 2011
DGR n. X/1104 del 20 dicembre 2013
DGR n. XI/164 del 29 maggio 2018
• DGR n. XI / 2464 del 18 novembre 2019
• DGR n. XI/5389 del 18 ottobre 2021 coi quali si è provveduto a:
• promuovere l’attività del Comitato Regionale di Coordinamento (ex art. 7 D.Lgs 81/08) per la realizzazione di programmi di prevenzione e controllo condivisi con parti sociali ed istituzioni con competenze in materia tutela della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro;
• definire intese tra i diversi enti del Sistema Integrato della Prevenzione a potenziamento dell’attività di prevenzione;
• definire ed attuare programmi di informazione, assistenza, formazione e controllo con focalizzazione sulle aree e i settori lavorativi a priorità di intervento, individuati in base a criteri di graduazione del rischio;
• promuovere il cambiamento dei comportamenti dei lavoratori, integrando la cultura della sicurezza e salute sul lavoro nei curricula scolastici delle scuole di ogni ordine e grado, e valorizzando modelli di apprendimento, di conoscenza, di acquisizione di competenze e abilità in materia di sicurezza e salute sul lavoro in assetto lavorativo;
• innovare l’attività di controllo attraverso l’introduzione del Piano Mirato di Prevenzione, supportando in tal modo le imprese che hanno un gap di conoscenze e capacità in materia SSL, e così strutturando un nuovo modello proattivo di intervento che coniuga assistenza e vigilanza.
CONSIDERATO che Regione Lombardia intende sottoscrivere Intesa con i Rappresentanti del Partenariato economico-sociale, istituzionale e degli Enti preposti all'attuazione e alla vigilanza della normativa in materia di sicurezza, per confermare il valore dell’azione di prevenzione nei luoghi di lavoro condotta nell’ultimo quinquennio e l’esigenza di rafforzare politiche integrando alla materia di salute e sicurezza sul lavoro sinergie del più vasto campo della legalità;
CONSIDERATO che, nell’area della prevenzione, con l’istituzione del Sistema Nazionale di Prevenzione Sanitaria (SNPS), la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro è ricompresa come parte del nuovo assetto istituzionale sistemico per la prevenzione in ambito sanitario, ambientale e climatico, in linea con un approccio integrato (One Health) e con una visione olistica (Planetary Health) (Piano Nazionale Investimenti Complementari (PNC): Investimento 1: Salute, Ambiente, Biodiversità e Clima, punto 1.4.1);
CONSIDERATO altresì che il Piano Regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro intende assicurare il raggiungimento degli obiettivi trasversali e specifici già individuati nel MO4 Infortuni e incidenti sul lavoro, malattie professionali del Piano Regionale della Prevenzione 2020-2025, e altresì monitorarne il raggiungimento con i relativi indicatori.
PRESO ATTO che i contenuti del Piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sono stati condivisi con istituzioni e le parti sociali rappresentate in Cabina di regia e nel Comitato Regionale di Coordinamento ex art. 7 D.Lgs. 81/08;
VISTI i fondi derivanti dagli introiti delle sanzioni (ex d.lgs 758/1994) riscossi dalle ATS ed incassati da Regione su Conto Corrente Bancario della Banca d’Italia n.306689 che alimenta il capitolo di bilancio 11981 istituito in attuazione dell’art.13, comma 6 del d.lgs 81/2008 e smi, corrispondenti a € 21.464.849,17, disponibili al capitolo 11982 per Euro 6.728.863,30 a valere dell’esercizio 2022 e per Euro 14.735.985,87 attualmente impegnati a favore della GSA (imp. 2021/35652 e imp. 2020/19774):

ANNO

IMPORTO

CAPITOLO

CAUSALE EFFETTIVA

2020

€ 8.685.616,25

11982

EXTRAFONDO 2021 - SANZIONI EX L. 81/2008 (COMP. 2019)

2021

€ 6.050.369,62

11982

EXTRAFONDO 2021 - SANZIONI EX L. 81/2008 (COMP. 2020)

2022

€ 6.728.863,30

11982

EXTRAFONDO 2021 - SANZIONI EX L. 81/2008 (COMP. 2021)

TOTALE

€ 21.464.849,17

   

POSTO che detti fondi, in coerenza con dell’art.13, comma 6 del d.lgs 81/2008 e smi, saranno utilizzati per sostenere iniziative nei seguenti ambiti: sorveglianza epidemiologica di rischi e danni associati ad esposizioni professionali; supporto delle attività degli SPSAL mediante acquisizione di personale aggiuntivo e investimenti; attività di promozione della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro; attività di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro; miglioramento dell’operatività e della riconoscibilità dei Servizi PSAL mediante l’acquisizione di dotazioni, capi di abbigliamento e segni di riconoscimento del personale, previa regolamentazione Regionale;
PRESO ATTO dei lavori per l’adeguamento delle dotazioni organiche del sistema SPSAL (svolti in coerenza con le indicazioni inserite nel Patto per la Salute e nell’atto di indirizzo per l’anno 2022 del Ministero della Salute), condotti a livello nazionale da AGENAS - Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, in coordinamento con talune Regioni, tra cui la Regione Lombardia, che hanno individuato i profili professionali ritenuti essenziali per l’erogazione delle prestazioni previste, anche in considerazione dei Livelli Essenziali di Assistenza di cui al DPCM 12 gennaio 2017 (Area C: Sorveglianza, prevenzione e tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro);
RITENUTO, nelle more del suddetto adeguamento, di procedere all’acquisizione di circa 100 figure professionali (medici del lavoro, tecnici della prevenzione, assistenti sanitarie, chimici, fisici, ingegneri, statistici, psicologi) per una spesa di circa 5 milioni di Euro/anno per un biennio.
VISTI, altresì, i finanziamenti finalizzati a potenziare le attività di prevenzione nei luoghi di lavoro mediante il reclutamento straordinario di dirigenti medici e tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro con contratti di lavoro a tempo indeterminato, nel rispetto della normativa nazionale vigente (DL 73/2021, convertito con modificazioni dalla L 106/2021).

RISORSE 2022 (ART 50 DL 73/2021 )

 €10.000.000

% ACCESSO 2021 DI RL

16,78%

QUOTA 2022 RL

€ 1.678.000

DATO ATTO che la somma di Euro 1.678.000,00 è già stata interamente assegnata alle ATS con Decreto Presidenza n. 1492 dell’11.2.2022 “ASSEGNAZIONE, A FAVORE DELLE ATS, ASST, FONDAZIONI IRCCS, INRCA DI CASATENOVO, AREU E AGENZIA DI CONTROLLO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO LOMBARDO DELLE RISORSE DESTINATE AL FINANZIAMENTO DI PARTE CORRENTE DEL F.S.R. PER L’ESERCIZIO 2022”;
PRECISATO CHE le risorse economiche per potenziare le attività di prevenzione nei luoghi di lavoro mediante il reclutamento straordinario di dirigenti medici e tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro con contratti di lavoro a tempo indeterminato sono previste nella DGR “Determinazioni in merito alle assunzioni da parte delle aziende e degli Enti del SSR per l’attuazione della L.R. 14 Dicembre 2021 n. 22”, in approvazione contestuale in data odierna;
PRESO ATTO che la DG Welfare nella redazione del Piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro si è avvalsa del contributo delle Direzioni Generali: DG Sviluppo Economico, DG Sicurezza, DG Agricoltura, Alimentazione e sistemi verdi, DG Istruzione, Università, Ricerca, innovazione e Semplificazione, che sono parte integrante delle “collaborazioni” esplicitate nel Piano medesimo;
VISTA la proposta di Piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, allegato 1 al presente atto quale parte integrante, elaborata in esito al percorso di partecipazione agito dalla DG Welfare;
VISTA l’articolazione organizzativa prevista per l’attuazione del presente Piano, ovvero del MO4 del PRP, che prevede l’istituzione di specifici Tavoli Tecnici funzionali alla realizzazione degli obiettivi dei Programmi Predefiniti del PRP e, segnatamente:
Tavolo Tecnico Agenti Fisici - stress da calore - coordinatore: Prof. G. De Vito (Università degli Studi di Milano Bicocca)
Tavolo Tecnico Agricoltura - coordinatrice: Dr.ssa S. Savi (ATS Milano Città Metropolitana)
Tavolo Tecnico Esposizione ad agenti biologici, nello specifico al virus SARS-COV-2- Coordinatori: Dott. F. Blanc (OCSE), Ing. A. Paladini (ATS Brescia)
Tavolo Tecnico Rischio Cancerogeno professionale - Coordinatore: Prof. D. M. Cavallo (Università dell’Insubria)
Tavolo Tecnico Costruzioni - Coordinatori: Dr. P. Reguzzoni (Università dell’Insubria), dr. M. Morone (ATS Milano Città Metropolitana)
Tavolo Tecnico Patologie professionali dell’apparato muscolo-scheletrico - Coordinatrice: Dott.sa O. Menoni (IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico)
Tavolo Tecnico Rischio Stress lavoro-correlato - Coordinatore: Dott. R. Latocca (ASST Monza)
RITENUTO di:
• valutare positivamente la proposta di Piano regionale in quanto pienamente rispondente alle finalità, agli obiettivi, alle strategie e alle indicazioni di governo regionale;
• affidare alla Direzione Generale Welfare il coordinamento, il monitoraggio e la verifica delle azioni previste dal Piano regionale;
• demandare a successivi provvedimenti delle Direzioni competenti l’attuazione di interventi e l’assunzione dei relativi impegni di spesa;
• prevederne la pubblicazione sul BURL e sul sito web della Direzione Generale Salute, ai fini della diffusione dell’atto;
A voti unanimi, espressi nelle forme di legge;
 

DELIBERA

Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente riportate:
1. di approvare il Piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, allegato 1 al presente atto quale parte integrante, nonché gli allegati A, B, C, D, quali parti integranti del presente atto;
2. di affidare alla Direzione Generale Welfare - Unità Organizzativa Prevenzione, il coordinamento, il monitoraggio e la verifica delle azioni previste dal Piano regionale;
3. nelle more dell’adeguamento delle dotazioni organiche del sistema SPSAL, sulla base degli esiti del lavoro coordinato a livello nazionale da AGENAS - Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, di procedere all’acquisizione di circa 100 figure professionali (medici del lavoro, tecnici della prevenzione, assistenti sanitarie, chimici, fisici, ingegneri, statistici, psicologi) per una spesa di circa 5 milioni di Euro/anno per un biennio;
4. di destinare i fondi derivanti dagli introiti delle sanzioni (ex d.lgs 758/1994) pari ad € 21.464.849,17, disponibili al capitolo 11982 per € 6.728.863,30 a valere dell’esercizio 2022 e per Euro 14.735.985,87 attualmente impegnati a favore della GSA (imp. 2021/35652 e imp. 2020/19774, per sostenere iniziative nei seguenti ambiti: sorveglianza epidemiologica di rischi e danni associati ad esposizioni professionali; supporto delle attività degli SPSAL mediante acquisizione di personale aggiuntivo e investimenti; attività di promozione della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro; attività di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro; miglioramento dell’operatività e della riconoscibilità dei Servizi PSAL mediante l’acquisizione di dotazioni, capi di abbigliamento e segni di riconoscimento del personale, previa regolamentazione Regionale;
5. di utilizzare i finanziamenti di cui alla normativa nazionale vigente (DL 73/2021, convertito con modificazioni dalla L 106/2021) per potenziare le attività di prevenzione nei luoghi di lavoro mediante il reclutamento straordinario di dirigenti medici e tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro con contratti di lavoro a tempo indeterminato;
6. di precisare che i finanziamenti di cui alla normativa nazionale vigente (DL 73/2021, convertito con modificazioni dalla L 106/2021), pari ad Euro 1.678.000,00 già assegnati alle ATS con Decreto Presidenza n. 1492 dell’11.2.2022 “ASSEGNAZIONE, A FAVORE DELLE ATS, ASST, FONDAZIONI IRCCS, INRCA DI CASATENOVO, AREU E AGENZIA DI CONTROLLO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO LOMBARDO DELLE RISORSE DESTINATE AL FINANZIAMENTO DI PARTE CORRENTE DEL F.S.R. PER L’ESERCIZIO 2022”, sono destinati al potenziamento delle attività di prevenzione nei luoghi di lavoro mediante il reclutamento straordinario di dirigenti medici e tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro con contratti di lavoro a tempo indeterminato;
7. di dare atto che le risorse economiche per potenziare le attività di prevenzione nei luoghi di lavoro mediante il reclutamento straordinario di dirigenti medici e tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro con contratti di lavoro a tempo indeterminato sono previste nella DGR “Determinazioni in merito alle assunzioni da parte delle aziende e degli Enti del SSR per l’attuazione della L.R. 14 Dicembre 2021 n. 22”, in approvazione contestuale in data odierna;
8. di approvare l’articolazione organizzativa prevista per l’attuazione del presente Piano, ovvero del MO4 del PRP, che prevede l’istituzione di specifici Tavoli Tecnici funzionali alla realizzazione degli obiettivi dei Programmi Predefiniti del PRP e segnatamente:
■ Tavolo Tecnico Agenti Fisici - stress da calore - coordinatore: Prof. G. De Vito (Università degli Studi di Milano Bicocca)
■ Tavolo Tecnico Agricoltura - coordinatrice: Dr.ssa S. Savi (ATS Milano Città Metropolitana)
■ Tavolo Tecnico Esposizione ad agenti biologici, nello specifico al virus SARS-COV-2- Coordinatori: Dott. F. Blanc (OCSE), Ing. A. Paladini (ATS Brescia)
■ Tavolo Tecnico Rischio Cancerogeno professionale - Coordinatore: Prof. D. M. Cavallo (Università dell’Insubria)
■ Tavolo Tecnico Costruzioni - Coordinatori: Dr. P. Reguzzoni (Università dell’Insubria), dr. M. Morone (ATS Milano Città Metropolitana)
■ Tavolo Tecnico Patologie professionali dell’apparato muscolo-scheletrico - Coordinatrice: Dott.sa O. Menoni (IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico)
■ Tavolo Tecnico Rischio Stress lavoro-correlato - Coordinatore: Dott. R. Latocca (ASST Monza)
9. di disporre la pubblicazione del presente atto sul BURL e sul sito web della Regione Lombardia e della Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia.
 

IL SEGRETARIO
ENRICO GASPARINI


Allegato 1 “PIANO REGIONALE 2022-2025 PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO”
Allegato A
Allegato B
Allegato C
Allegato D