Regione Autonoma della Sardegna
Verbale della riunione semestrale arti, comma 4 del DPCM 2007 della Commissione “Organismo Provinciale di Cagliari”.
 

Data: 08.03.2022
Ora inizio: 10:38
Ora fine: 11:52


Ordine del giorno:
- Adozione e attuazione del Piano Operativo Integrato di Vigilanza e Prevenzione anno 2022;
- Varie ed eventuali.

Componenti Presenti:
Dott. Giorgio Marraccini Direttore Servizio SpresalASSL Cagliari
Dott.ssa Irene Rosaria Cammarata Direttore dell’ispettorato Territoriale del Lavoro Cagliari - Oristano
Dott.ssa Alessandra Zini Area Manageriale vigilanza ispettiva INPS
Ing. Riccardo Balestrieri INAIL EX ISPESL
Isp. Roberto Usai Ispettorato Provinciale del Lavoro
Isp. Sandro Porcedda Ispettorato Provinciale del Lavoro
Dott. Mario Malvestuto Grilli INAIL
Dott. Alberto Pinna INAIL
Ing.Maurizio Meleddu Dirig. Ing.Servizio Spresal ASSL Cagliari
Dott.ssa Luciana Deplano Dirig. Med. Servizio Spresal ASSL Cagliari

Componenti Assenti:
Rappresentante Com. Provinciale Vigili del Fuoco

Alle ore 10:38 il Dott. Giorgio Marraccini dà il benvenuto a tutti i componenti che partecipano all’incontro.
In ossequio all’ordine del giorno indicato nella lettera di convocazione, si evidenzia la necessità di dover adottare un Regolamento che disciplini il funzionamento dell’organismo Provinciale di Cagliari (che si allega al presente verbale), nonché una procedura condivisa nell’esecuzione delle ispezioni esterne.
Il Dott. Marraccini propone di mantenere, almeno in questa prima porzione dell’anno, le medesime procedure adottate negli anni scorsi, eccezione fatta per la convocazione semestrale. Sul punto, si evidenzia che da quest’anno, le competenze attribuite al Servizio Spresal e all’ispettorato del Lavoro sono equiparate per quanto concerne il ruolo del Presidente.
Per quanto sopra, si conviene che per tutto l’anno 2022 la sede dell’organismo Provinciale sarà quella del Servizio Spresal di Cagliari, che si farà carico delle formalità relative alla convocazione delle riunioni.
Le ispezioni verranno poste in essere, come di consueto, dal personale tecnico afferente a ciascun Ente, nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa di settore. Nell’eventualità di compresenza in un luogo d: lavoro eviteranno di esercitare le medesime competenze.
In presenza di segnalazioni cc.dd. generiche (ovvero quelle che riportano dati, dettagli generici e, talvolta, anonimi) sarebbe opportuno, preliminarmente, procedere chiedendo direttamente al segnalante le dovute spiegazioni e/o integrazioni.
Qualora siano disponibili dettagli e\o elementi che risultano utili per il buon esito dei successivi sopralluoghi, è auspicabile la condivisione tempestiva delle informazioni.
Si rileva che la maggioranza delle attività ispettive svolte dal Servizio Spresal di Cagliari riguardano il Settore Edilizia ed il Settore Amianto che operano nell’ambito territoriale corrisponde a tutta la Provincia di Cagliari. Considerato che a tutt’oggi risultano operative in tutta la Provincia molte imprese (più di 33.000), si programma di scegliere almeno un cantiere da ispezionare per ciascun Comune.
Per quanto concerne le modalità operative da utilizzare per le attività ispettive coordinate in edilizia ed in considerazione degli effetti della nuova normativa che prevede il completo coordinamento delle attività di vigilanza tra Spresal e ITL in tutti i settori produttivi, l’Ing. Meleddu del Servizio Spresal propone, in accordo con le indicazioni contenute nel Piano Operativo di Vigilanza e Prevenzione Anno 2022, adottato dal Comitato Regionale di Coordinamento nella seduta del 27 gennaio 2022, di utilizzare il criterio di ripartizione delle notifiche preliminari con periodicità bimestrale, senza alcuna divisione territoriale, attivando uno scambio diretto di informazioni tra i due Enti di vigilanza.
Per il settore edile si stabilisce che:
• nei casi di accertata ispezione, precedentemente effettuata da un altro organo di vigilanza e documentata da apposito verbale di sopralluogo, non si procederà con l'ispezione del cantiere e/o con la verifica documentale, salvo evidenti violazioni riscontrabili “a vista”;
• è sempre possibile portare avanti l'ispezione per la sola parte amministrativa da parte dell'ITL;
• verranno mantenute le reciproche comunicazioni post-ispezione dei cantieri edili;
• le richieste di intervento verranno processate direttamente dall'organo di vigilanza che le riceve. Per quelle relativa a segnalazioni di criticità di natura contrattuale e/o amministrativa verranno eseguite esclusivamente dall’ITL;
• in presenza di problematiche particolari c/o che coinvolgono più Enti, si può valutare e programmare un’ispezione congiunta.
Negli altri comparti, sempre in accordo con le indicazioni contenute nel citato Piano Operativo di Vigilanza e Prevenzione Anno 2022, si stabilisce di utilizzare come criterio di coordinamento, la comunicazione reciproca attivando uno scambio diretto di informazioni tra i due Enti di vigilanza. Si stabilisce inoltre, come previsto per il comparto edile che:
1. nell’ipotesi in cui un Ente accerterà che l’azienda oggetto di controllo è stata già in precedenza ispezionata da un altro organo di vigilanza e documentata da apposito verbale di sopralluogo, non si procederà con l’ispezione c/o con la verifica documentale, ad eccezione di palesi violazioni accertabili a vista e fermo restando le verifiche in materia
giuslavoristica da parte dell’ITL;
2. le richieste di intervento verranno portate avanti dall'organo di vigilanza che le riceve, tranne nel caso in cui emergano problematiche giuslavoristiche, poiché in tal caso le richieste verranno espletate solo dall'ITL o saranno valutate caso per caso congiuntamente dai rispettivi Direttori degli organi di vigilanza interessati;
In ogni caso si concorda che gli Enti collaboreranno attivamente, ottimizzando le sinergie operative anche al fine di un potenziamento dell'attività di vigilanza, e si adopereranno per evitare duplicazioni e sovrapposizioni di interventi.
Al fine di migliorare e rendere maggiormente efficiente tutti gli aspetti afferenti all’attività ispettiva si evidenzia l’importanza nella condivisione delle informazioni o degli studi di settore tramite, anche, confronti informali tra Enti.
Sul punto si rileva, che nel sito istituzionale dell’INAIL risulta reperibile c consultabile una banca dati che esamina svariati argomenti. Si condivide l’intento di coinvolgimento degli altri Enti (anche con l’attivazione di una mail-list), qualora vengano effettuati approfondimenti su nuovi argomenti. Si auspica, infine, che gli ispettori vengano coinvolti a partecipare all’esposizione degli argomenti trattati, direttamente dall’estensore che ha eseguito le studio e/o la ricerca.
Al termine della discussione, alle ore 11:52, viene dichiarata la chiusura dei lavori con la previsione di un prossimo aggiornamento dei lavori al mese di giugno 2022.
Si demanda, pertanto, all'ufficio Segreteria S.Pre.S.A.L. l’onere di trasmettere il presente documento all'ufficio Operativo del Comitato Regionale di Coordinamento.