Stampa
Categoria: 2010
Visite: 10696

Tipologia: Atto di indirizzo
Data firma: 30 giugno 2010
Parti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai e Cgil, Cisl, Uil
Settori: Artigianato
Fonte: EBAP-Piemonte

Sommario:
Atto di indirizzo sulla bilateralità
Verbale Comitato Esecutivo del 12 Maggio 2010


Atto di indirizzo sulla bilateralità

Le sottoscritte Parti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai e Cgil, Cisl, Uil concordano il presente Atto di indirizzo alla bilateralità:

1) A partire dal 1° luglio 2010 le aziende verseranno i contributi alla Bilateralità attraverso uno specifico codice tributi inserito all'interno del modello F24 predisposto dall'Agenzia delle Entrate. Il contributo, pari ad Euro 125 annui per ogni lavoratore dipendente, anche a tempo determinato, sarà frazionato in 12 quote mensili ciascuna delle quali di importo pari a 10,42 €. Per i lavoratori part-time con orario di lavoro fino alle 20 ore settimanali la quota è ridotta del 50%,

2) Con il versamento attraverso il nuovo meccanismo di raccolta, le imprese saranno considerate in regola per quanto attiene ai 29 € di cui al punto 5), lettera e), delle quote evidenziate nella delibera Ebna del 12 maggio 2010.

3) In caso di elezione del rappresentante interno alla sicurezza, a fronte di formale richiesta da parte dell'azienda e di invio all'Ebna della necessaria documentazione, l'importo relativo sarà riaccreditato all'azienda avente diritto. Le parti si incontreranno tempestivamente all'insorgere di eventuali problematiche sul punto.

4) Le risorse relative al punto 5, lettere a), b), e), della delibera Ebna del 12 maggio 2010 saranno contabilizzate separatamente sulla base degli accordi in essere a livello regionale e, ove non esistenti tali accordi, le stesse saranno contabilizzate separatamente rispetto al resto delle risorse raccolte.

5) La delibera approvata dal Comitato Esecutivo dell'Ebna in data 12 maggio 2010 e relativa alla bilateralità costituisce parte integrante del presente Atto di indirizzo.

6) Le parti si incontreranno entro il 30 giugno 2011 per la verifica dello stato di attuazione del nuovo sistema.

Norma Transitoria
Al fine di consentire la necessaria gradualità per il passaggio dal vecchio al nuovo meccanismo, le aziende in regola con in contributi alla bilateralità sulla base delle disposizioni vigenti alla data del 1° luglio 2010, continueranno a seguire i meccanismi e gli importi previsti fino alla data del 31/12/2010.

Roma, 30 giugno 2010


Verbale Comitato Esecutivo del 12 Maggio 2010

Il giorno 12 maggio 2010, presso la sede Ebna in Roma, Via Santa Croce in Gerusalemme 63, si è riunito il Comitato Esecutivo dell'Ente Bilaterale Nazionale Artigianato per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:
1) Applicazione Convenzione INPS prevista dalla Bilateralità
2) Varie ed eventuali

Il Presidente Giovanmaria Rizzi apre la riunione alle ore 10,30 e, considerato che sono presenti i signori: Giuseppe Briano, Agostino Benassi, Marcello Guardianelli, Pasquale Inglisano, Vincenzo Lacorte, Franco Lago, Stefano Di Niola e Leonardo Luchetti nonché, il sig. Pasquale Donzi componente del Collegio dei Sindaci Revisori, che sono assenti giustificati i signori Cristina Bandinelli, Emanuele Berretti e Paolo Preti, dichiara valida la riunione e atta a deliberare.

Il Presidente propone che il sig. Stefano Di Niola venga nominato Segretario della riunione: messa in votazione, la proposta è approvata con una sola astensione.

Il Presidente comunica che è stato invitato a partecipare alla riunione il signor Valter Recchia, Direttore dell'Ente.

Sul 1° punto all'odg. il Presidente illustra ai presenti la seguente proposta di delibera:

"Il giorno 12 maggio 2010 si è riunito il Comitato Esecutivo dell'Ente Bilaterale Nazionale dell'Artigianato - Ebna - che ha deliberato quanto segue:

Premesso che
1. la bilateralità prevista dagli accordi e dai contratti collettivi dell'artigianato è un sistema che coinvolge tutte le imprese aderenti e non aderenti alle associazioni di categoria in quanto eroga prestazioni di welfare contrattuale che sono indispensabili a completare il trattamento economico e normativo del lavoratore previsto all'interno dei contratti collettivi di categoria;
2. le prestazioni presenti nei sistemi di bilateralità nazionale e regionale rappresentano un diritto contrattuale di ogni singolo lavoratore il quale matura, esclusivamente nei confronti delle imprese non aderenti e non versanti al sistema bilaterale, il diritto alla erogazione diretta da parte dell'impresa datrice di lavoro di prestazioni equivalenti a quelle erogate dagli Enti bilaterali nazionale, regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano;
3. l'impresa, aderendo alla bilateralità ed ottemperando ai relativi obblighi contributivi, assolve ogni suo obbligo in materia nei confronti dei lavoratori; le prestazioni erogate dagli enti bilaterali saranno fruibili fino a concorrenza delle risorse disponibili specificamente dedicate ad ogni singola prestazione;
4. a decorrere dal 1° luglio 2010, le imprese non aderenti alla bilateralità e che non versano il relativo contributo dovranno erogare al lavoratore una quota di retribuzione pari ad € 25,00 lordi mensili per tredici mensilità. Tale importo, che sarà escluso dalla base di calcolo del TFR, dovrà essere erogato con cadenza mensile al lavoratore e mantiene carattere aggiuntivo rispetto alle prestazioni dovute ad ogni singolo lavoratore in adempimento dell'obbligo di cui al punto 2;
5. a partire dal 1° luglio 2010 saranno conseguentemente avviati gli istituti previsti dalla bilateralità, sulla base degli accordi e dei contratti collettivi nazionali rinnovati ed in corso di rinnovo, i cui contributi definiti ed indicati dalle parti, di seguito evidenziati, rappresentano una quota omnicomprensiva costituente la somma degli importi annui determinati sulla base delle percentuali adottate e calcolate su un imponibile medio di 12.500 Euro, ferme restando le intese regionali in materia e la possibilità, a tale livello, di prevedere importi superiori:

a) Rappresentanza Sindacale 0,10% -12,5 €
b) Rappresentante Territoriale Sicurezza e Formazione Sicurezza 0,15% - 18,75 €
c) Ente Bilaterale Nazionale 0,01% - 1,25 €
d) Rappresentanza imprese 0,25% - 31,25 €
e) Fondo sostegno al reddito 0,49% - 61,25 €

(questo importo è comprensivo dei 29 € stabiliti ai sensi della legislazione vigente e della quota relativa alla gestione)
6. viene prevista, al fine di razionalizzare il sistema e rilanciare la bilateralità a partire dall'Ente bilaterale nazionale, una raccolta delle risorse attraverso un meccanismo semplificato, meno oneroso, più efficiente e trasparente, che consenta di migliorare le prestazioni erogate. Tale meccanismo prevede che la riscossione dei contributi avvenga tramite F24 secondo le modalità stabilite da un'apposita convenzione tipo con l'Inps, che viene allegata al presente verbale;
7. le Parti sociali istitutive dell'Ebna hanno individuato nell'Ente Bilaterale Nazionale il soggetto idoneo a dare concreta attuazione alla convenzione in questione attraverso l'apertura di 21 conti correnti bancari con la seguente denominazione:

C/C Valle d'Aosta, C/C Piemonte, C/C Lombardia, C/C Trento; C/C Bolzano; C/C Friuli Venezia Giulia; C/C Veneto; C/C Liguria; C/C Emilia Romagna; C/C Toscana; C/C Marche; C/C Umbria; C/C Lazio; C/C Abruzzo; C/C Molise; C/C Campania; C/C Puglia; C/C Basilicata; C/C Calabria; C/C Sardegna; C/C Sicilia.

8. Le modalità di movimentazione e di riconciliazione dei contributi versati sui conti sono quelle che le parti sociali indicheranno all'Ebna e non potranno in alcun modo essere modificate, in parte o in tutto, dall'Ebna, se non previo specifico accordo di tutte le parti sociali medesime.

Tutto ciò premesso,

Delibera
1. L'applicazione della premessa costituisce oggetto della presente delibera;
2. L'apertura di 21 conti correnti bancari con la denominazione sopra indicata, sui quali far confluire le risorse di cui al precedente punto 5, che saranno raccolte tramite INPS/F24;
3. Le risorse raccolte confluiranno in ciascuno dei suddetti conti correnti denominati a seconda della Regione o Provincia autonoma di provenienza dei contributi stessi;
4. dalle risorse raccolte per ciascuna regione nel conto corrente di pertinenza, verranno, in maniera automatica, trasferiti: per le lettere a), b), ed e) sulla base delle indicazioni delle parti sociali regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano, per la lettera c) all'Ente Bilaterale Nazionale e per la lettera d) del punto 5 della presente delibera all'apposito conto corrente indicato dalle Organizzazioni artigiane."

che viene approvata all'unanimità per alzata di mano.

omissis

Il Presidente, alle ore 12,00, non essendo rilevata l'esigenza di discutere su altre questioni, legge e pone in votazione il presente verbale che viene approvato all'unanimità.

La seduta è tolta alle ore 12,05.

Il Segretario
Stefano Di Niola

Il Presidente
Giovanmaria Rizzi