Regione Liguria
Deliberazione della Giunta Regionale 23 maggio 2024, n. 500
Approvazione del documento “Disposizioni applicative in attuazione degli articoli 3 c.2, art. 7 c.1 e c.11, art.22 c.3, art. 24 c.5, art. 37 c.3 e art. 43 c.2 della legge regionale 10 luglio 2020 n. 15 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali e norme relative alla tumulazione degli animali di affezione” con relativa modulistica.
B.U.R. 12 giugno 2024, n. 24

LA GIUNTA REGIONALE

VISTI:
• il Regolamento UE n. 576/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013 relativo ai movimenti a carattere non commerciale di animali da compagnia;
• la legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante “Istituzione del servizio sanitario nazionale”;
• la legge 30 marzo 2001, n. 130 “Disposizioni in materia di cremazione e dispersione ceneri”;
• la legge 4 novembre 2010 n. 201 “Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, nonché norme di adeguamento dell’ordinamento interno”;
• il d.lgs 502/1992 “Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421”;
• il D.P.R. 285/1990 “Approvazione del Regolamento di Polizia Mortuaria”;
• il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 febbraio 2003 “Recepimento dell’accordo Stato-Regioni recante disposizioni in materia di benessere degli animali da compagnia e pet therapy del 6 febbraio 2003”;
• la legge regionale 7 dicembre 2006, n. 41 “Riordino del Servizio Sanitario Regionale”;
• la legge regionale 4 luglio 2007 n. 24 “Disposizioni in materia di cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri”;
• la legge regionale 22 dicembre 2015 n. 25 “norme in materia di cimiteri per animali”;
• la legge regionale 29 luglio 2016, n. 17 “Istituzione dell’azienda ligure sanitaria della Regione Liguria (A.Li.Sa.) e indirizzi per il riordino delle disposizioni regionali in materia sanitaria e sociosanitaria”;
• la legge regionale 3 luglio 2017, n. 15 “Adeguamento della legislazione regionale in materia di attività edilizia alla disciplina statale dei titoli abilitativi edilizi”;
• la legge regionale 10 luglio 2020, n. 15 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali e norme relative alla tumulazione degli animali di affezione”;
• il Regolamento regionale in materia di cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri ai sensi dell’articolo 6 della legge regionale 4 luglio 2007, n. 24 (disposizioni in materia di cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri).
• il Regolamento regionale di attuazione ai sensi dell’art. 3 della l.r. 22 dicembre 2015 n. 25 , “norme in materia di cimiteri per animali” n. 3 emanato il 27 ottobre 2017;
VISTI INOLTRE:
• La D.G.R. n. 28 del 22 gennaio 2010 ad oggetto “Approvazione nuovo modello di accreditamento degli organismi formativi della Regione Liguria e avviso perla presentazione delle domande di accreditamento degli organismi che svolgono attività di formazione professionale nella Regione Liguria;
• il D.D.G. n. 6160 del 19 settembre 2023 ad oggetto “Istituzione del Gruppo di Lavoro tecnico regionale per l’attuazione di quanto previsto al comma 3, ad esclusione del punto c), della L.r. 15/2020 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri, cimiteriali e norme relative alla tumulazione degli animali da affezione”;
• il successivo D.D.G. n. 1448 del 27 febbraio 2024 ad oggetto “Modifica dei componenti del Gruppo di Lavoro tecnico regionale per l’attuazione di quanto previsto al comma 3, ad esclusione del punto c), della L.R. 15/2020 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri, cimiteriali enorme relative alla tumulazione degli animali da affezione”.
PRESO ATTO che il già citato D.D.G. 6160/2023 attribuisce al Gruppo di Lavoro tecnico funzioni di consultazione, condivisione e formulazione di linee di indirizzo per l’attuazione della citata L.r. n. 15/2020, in particolare per gli art. 3 c.2,; art. 7 c.1 e c.11; art. 15; art.22 c.3.; art.24 c. 5; art.37 c.3 e art. 43 c.2, volte a garantire la salvaguardia della salute e dell’igiene pubblica, nel rispetto della dignità e delle convinzioni religiose e culturali di ogni persona, a tutela degli interessi degli utenti e dei servizi stessi e ad assicurare la continuità del rapporto affettivo tra i proprietari ed i loro animali deceduti, garantendo sempre la tutela della salute della comunità e dell’ambiente;
PRESO ATTO altresì che il Gruppo di lavoro tecnico regionale nelle riunioni del 26/04/2024 e del 10/05/2024 ha approvato il documento “Disposizioni applicative in attuazione degli articoli 3 c.2, art. 7 c.1 e c.11, art.22 c.3, art. 24 c.5, art. 37 c.3 e art. 43 c.2 della legge regionale 10 luglio 2020 n 15 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali e norme relative alla tumulazione degli animali di affezione” con relativa modulistica, formulando le linee di indirizzo per l’attuazione della legge succitata con particolare riguardo :
I. ai requisiti strutturali dei cimiteri e dei crematori, dei rispettivi ambiti di accoglienza e le relative norme gestionali;
II. ai requisiti delle strutture destinate al servizio obitoriale e, sentite le categorie, le relative norme gestionali;
III. ai requisiti dei mezzi di trasporto funebre e delle autorimesse;
IV. ai requisiti strutturali, gestionali e professionali e formativi per l’esercizio dell’attività funebre;
V. alle caratteristiche e le modalità di realizzazione delle cappelle private e delle tumulazioni privilegiate fuori dai cimiteri;
VI. all’elenco delle malattie infettive che richiedono particolari prescrizioni per la sepoltura o per la cremazione;
VII. alla modulistica unificata da adottare;
DATO ATTO che con l’approvazione del documento suddetto, in particolare:
1. vengono stabilite le procedure per l’iscrizione all’elenco regionale delle imprese che esercitano l’attività funebre, dei responsabili e degli addetti, come previsto dall’ art 6 c. 2 lett. e, della L.R. 15/2020;
2. vengono stabiliti i criteri per lo svolgimento dei corsi regionali di formazione per il personale delle imprese che esercitano l’attività funebre e per il settore cimiteriale e che verranno erogati da organismi formativi accreditati.
RITENUTO opportuno approvare il documento “Disposizioni applicative in attuazione degli articoli 3 c.2, art. 7 c.1 e c.11, art.22 c.3, art. 24 c.5, art. 37 c.3 e art. 43 c.2 della legge regionale 10 luglio 2020 n 15 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali e norme relative alla tumulazione degli animali di affezione” con relativa modulistica adottato dal citato Gruppo di lavoro tecnico regionale ed allegato al presente provvedimento quale sua parte integrante e sostanziale;
DATO ATTO che dal presente provvedimento non derivano oneri per il bilancio regionale:
SU PROPOSTA dell’Assessore alla Sanità Angelo Gratarola,
 

DELIBERA

per le motivazioni indicate in premessa, che si intendono qui integralmente richiamate:
1. di approvare il documento “Disposizioni applicative in attuazione degli articoli 3 c.2, art. 7 c.1 e c.11, art.22 c.3, art. 24 c.5, art. 37 c.3 e art. 43 c.2 della legge regionale 10 luglio 2020 n 15 “Disciplina in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali e norme relative alla tumulazione degli animali di affezione” con relativa modulistica”, allegato 1 alla presente delibera quale sua parte integrante e sostanziale, in quanto rispondente alla finalità di formulare linee di indirizzo per l’attuazione della citata L.R. n. 15/2020 come indicato dall’ art. 3 c.2;
2. di dare atto che dal presente provvedimento non derivano oneri per il bilancio regionale;
3. di notificare il presente provvedimento ad ANCI Liguria, alle AA.SS.LL e ai comuni liguri ed alle Associazioni di settore;
4. di disporre la pubblicazione per estratto del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria;
5. di pubblicare il presente provvedimento nel sito web regionale.
Avverso il presente provvedimento è possibile proporre ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale della Liguria entro 60 giorni o, alternativamente, ricorso amministrativo straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla notifica, comunicazione o pubblicazione dello stesso.
 

IL SEGRETARIO
Roberta Rossi

Allegati