Stampa
Categoria: Normativa statale
Visite: 11883

Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997 - Definizione dei casi di riduzione della frequenza della visita degli ambienti di lavoro da parte del medico competente.


Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 27 del 3 febbraio 1997


 


Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale,
il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato e
il Ministro della sanità:

Visto l'art. 4, comma 10, lettera b ), del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626 e successive modifiche, il quale prevede che per le piccole e medie aziende possono essere definiti i casi in cui è possibile la riduzione a una sola volta all'anno della visita di cui all'art. 17, comma 1, lettera h ), degli ambienti di lavoro da parte del medico competente, ferma restando l'obbligatorietà di visite ulteriori, allorché si modificano le situazioni di rischio;
Sentita la commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e per l'igiene del lavoro;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20, recante disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti;

D e c r e t a n o :

Articolo 1

Per le aziende ovvero unità produttive di cui all'allegato I del decreto legislativo n. 626/1994, così come integrato dal decreto legislativo n. 242/1996, è ridotto ad una volta l'anno l'obbligo della visita di cui all'art. 17, comma 1, lettera h ), degli ambienti di lavoro da parte del medico competente, erma restando l'obbligatorietà di visite ulteriori, allorchè si modifichino le situazioni di rischio.

Articolo 2

Per le aziende di cui ai punti 1, 2 e 3 dell'allegato I del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626 e successive modifiche, con un numero di addetti oltre il limite di cui all'art. 1 e fino a 200, la frequenza della visita degli ambienti di lavoro da parte del medico competente prevista dall'art. 17, comma 1, lettera h ), può essere ridotta ad una volta all'anno, in presenza di una valutazione congiunta del datore di lavoro, del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del medico competente e del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Il datore di lavoro produce una dichiarazione in tal senso, da custodire presso l'azienda ovvero l'unità produttiva. Qualora dovesse ritenersi modificata la situazione di rischio da parte di uno dei componenti il gruppo di valutazione, il datore di lavoro dovrà provvedere a rettificare la precedente dichiarazione.