Stampa
Categoria: 2011
Visite: 3011

Tipologia: Metalmeccanici, Sapa profili
Data firma: 10 maggio 2011
Validità: 01.01.2011 - 31.12.2013
Parti: Sapa Profili srl e Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm-Uil e RSU
Settori: Metalmeccanici, Sapa Profili
Fonte: FIOM-CGIL

Sommario:

Premessa
Sistema delle relazioni industriali
Piano strategico/politiche industriali
Occupazione e mercato del lavoro
Professionalità/inquadramenti
Ambiente e sicurezza
Malattia
Miglioramento indennità
Premio di risultato
Efficienza e risparmio energetico
Decorrenza e durata
Allegati
Allegato 1 Accordo 10 maggio 2011 PDR Sapa 2011 - 2013
Allegato 2 Accordo del 10 maggio 2011 Sperimentazione premio di risultato 2011

Ipotesi di Accordo - Contratto integrativo Sapa Profili S.r.l.

Premessa
Le parti confermano che il presente accordo integrativo è complementare a quanto previsto dalla contrattazione di secondo livello già esistente (a partire dal verbale di accordo del 9 marzo 2007 sul trasferimento del ramo di azienda e tutti gli accordi successivi sottoscritti in ogni sito); tale patrimonio contrattuale si intende confermato, salvo quanto specificamente modificato dal presente accordo.
I diversi istituti saranno applicati ai lavoratori assunti a tempo determinato (inteso come rapporto diretto con Sapa) ed indeterminato in forza ed in attività in tutti i siti Sapa Profili Srl in Italia, salvo per le parti espressamente rimandate alla discussione e/o definizione specifica nei singoli siti della Società.

Sistema delle relazioni industriali
Seguendo quanto già definito negli accordi in essere si conferma l'incontro annuale di verifica, sia a livello centrale che di singolo sito produttivo. Qualora risultasse necessario, si prevede la possibilità di un secondo incontro di verifica su richiesta delle OO.SS.
Per quanto riguarda l'impianto del Coordinamento nazionale delle RSU, costituito con l'accordo del 14 dicembre 2007, e prorogato in data 15 gennaio 2009, con le relative agibilità e modalità di funzionamento, si conferma la validità dello stesso.
Le parti si danno reciprocamente atto che qualora il gruppo Sapa dovesse espandersi attraverso l'acquisizione degli stabilimenti della controllata Autocar oggi in affitto, la presenza in Coordinamento sarà estesa anche alla rappresentanza di questi ultimi.
L'Azienda provvederà entro il mese di aprile 2011 a rendere agibile una postazione informatica nel locale delle RSU di tutti gli stabilimenti. Sarà prevista l'apertura di specifici account aziendali di posta elettronica dedicati alle RSU di ogni sito della Società.
Resta inteso che la Direzione Aziendale si riserva di verificare l'applicazione di filtri alla navigazione in rete e verso i siti esterni che non siano legati alle esigenze proprie della attività sindacale. Sono fatte salve tutte le azioni, disciplinari, civili e penali direttamente derivanti da responsabilità legate in qualsiasi modo ad un uso improprio dello strumento messo a disposizione.

Piano strategico/politiche industriali
In una situazione nazionale ed internazionale complessa sia dal punto di vista economico che finanziario, quale quella attuale, la Società conferma la volontà di attuare un piano strategico capace di affrontare e superare l'attuale contesto. In particolare il piano, in continua evoluzione, prevede:
- investimenti in tecnologia di processo e di prodotto, finalizzati all'innovazione, alla compatibilità ambientale, all'uso razionale di tutte le risorse, a partire da quelle energetiche, per le diverse realtà produttive della Società.
- il costante aggiornamento delle missioni dei singoli siti, valorizzando le eccellenze di ciascuno di essi compatibilmente con l'evoluzione del proprio mercato di riferimento, sia nazionale che internazionale.
- che la Società, nel corso dell'incontro annuale previsto per illustrare l'andamento dell'azienda, fornisca un'informativa avente ad oggetto l'organico di riferimento dei singoli siti italiani.
- che le parti condividano, per garantire il corretto equilibro tra forza lavoro ed andamento economico-finanziario della Società, un percorso di stabilizzazione da applicare alla forza lavoro con contratto atipico e che tale percorso interesserà le aree che necessitano di inserimenti di lunga durata, per un numero di lavoratori rispondenti alla effettiva richiesta strutturale dei singoli siti.
- che si conferma tale impegno in particolare per la sede di Fossanova e che esso è da intendersi del tutto eccezionale essendo legato ad una riorganizzazione interna dello Stabilimento che ha ridotto in maniera sensibile il proprio organico nel biennio 2009-2010. Tale riduzione è da imputarsi ai numerosi pre-pensionamenti volontari di lavoratori che hanno fruito dei vantaggi contributivi previsti da una sentenza passata in giudicato in materia di amianto.
- che, a fronte di quanto concordato ai punti che precedono, restano comunque fatte salve le normali operazioni di inserimento, trasformazione e-o assunzione diretta insite nel ciclo produttivo di Sapa Profili e-o legate al normale turn-over.
- che la Società conferma la massima attenzione, in particolare per il sito di Bolzano, al contenimento delle attività decentrate o assegnate all'indotto.

Occupazione e mercato del lavoro
Si conferma che il contratto di lavoro subordinato, è stipulato di regola a tempo indeterminato. Per quanto riguarda l'utilizzo delle forme di lavoro atipico, nel rispetto delle vigenti norme in materia, si conviene:
- l'impegno al contenimento del ricorso alle forme contrattuali diverse da quella a tempo indeterminato entro il limite del 10% della forza complessiva di Sapa Italia;
[…]
- che al fine di prevedere adeguati percorsi di formazione la Società, compatibilmente con l'andamento generale, si impegna a considerare eventualmente tra le forme di ingresso al lavoro, altre forme contrattuali fra cui il contratto di apprendistato e quello di inserimento.
Resta inteso che i punti di cui alle alinee del capitolo "Piano strategico \ politiche industriali" relativi agli organici di riferimento e quelli del capitolo "Occupazione e mercato del lavoro" saranno verificati e gestiti attraverso incontri trimestrali con la RSU dei singoli siti.

Ambiente e sicurezza
L'azienda conferma la massima attenzione alle problematiche inerenti ambiente e sicurezza.
In questo quadro, verrà ulteriormente perfezionato il sistema di verifiche periodiche tra RLS e preposti aziendali ai vari livelli, al fine di mettere al centro la prevenzione di qualsiasi tipo di infortuni, prendendo in considerazione non solo le casistiche e le modalità degli infortuni, ma anche, a livello statistico, le segnalazioni di anomalie o pericoli potenziali di incidenti, attivando un meccanismo virtuoso che tenda al miglioramento continuo della sicurezza negli ambienti di lavoro e contemporaneamente della attenzione agli impatti ambientali anche esterni.
Al fine di mantenere i già alti risultati qualitativi e quantitativi raggiunti nella gestione ed innovazione delle disposizioni legate alla sicurezza e all'ambiente la Società si impegna a garantire annualmente la più idonea formazione in materia agli addetti EHS su ogni sito della Società.
In applicazione di queste procedure andranno attivate tutte le azioni di formazione, informazione, coinvolgimento del personale, a partire da quello neo assunto, con qualsiasi tipologia contrattuale. In particolare in presenza di nuovi investimenti su impianti e tecnologie, si terranno specifici momenti di confronto.
Nell'ambito delle riunioni del coordinamento nazionale, in almeno uno degli incontri nazionali, sia nella parte riservata al coordinamento sindacale, sia nell'incontro con la delegazione aziendale, verranno prese in esame le problematiche della sicurezza in ogni sito produttivo.

Malattia
La Direzione Aziendale ha sempre seguito con la massima diligenza i casi di malattia particolarmente gravi e a tal proposito conferma che continuerà, come fatto sino ad ora, a valutare con la massima attenzione i casi di superamento del periodo di comporto contrattualmente previsto quando si verificano dette patologie. L'obiettivo è quello che possano essere maggiormente tutelati i lavoratori che si trovano in questa sfortunata circostanza.

Premio di risultato
Le Parti si danno reciprocamente atto del valore del PDR come strumento ideato e strutturato per premiare i lavoratori al raggiungimento di risultati positivi.
Con riferimento alla situazione attuale di mercato e tenendo conto dei precedenti accordi in materia, che si intendono superati in ogni loro parte, L'azienda Sapa Profili S.r.l. e le OO.SS. riunite in Coordinamento Nazionale definiscono di seguito gli indicatori da adottare per la valutazione e quantificazione del Premio di Risultato 2011-2013.
Gli indicatori di riferimento e le relative percentuali di peso sul pay-out totale sono le seguenti:
[…]
3. TRR (Total Recordable Rate): è un indicatore di sicurezza dei Siti che prende e a riferimento indicatori del Gruppo Sapa relativi al numero di infortuni registrabili.
Il peso percentuale complessivo di questo indicatore del PDR è del 10%.
[…]

Sapa Profili srl
Fiom-Cgil Nazionale
Fim-Cisl Nazionale
Uilm-Uil Nazionale
Segreterie Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil Territoriali
RSU Sapa Profili srl

Fossanova, 10 maggio 2011