Stampa
Categoria: 1980
Visite: 6874

Tipologia: CCNL
Data firma: 9 luglio 1980
Validità: 01.01.1980 - 31.12.1982
Parti: Aia e Fnita-Cisl, Federbraccianti-Cgil, Uisba-Uil, Sandez, Confederdia
Settori: Agroindustriale, Zootecnia
Fonte: AIA

Sommario:

Art. 1 Oggetto e durata del contratto
Art. 2 Occupazione e mobilità
Art. 3 Assunzioni
Art. 4 Periodo di prova
Art. 5 Inquadramento del personale - Mansioni
Dichiarazione a verbale
Art. 6 Promozioni
Art. 7 Livelli iniziali di inquadramento
Art. 8 Mutamenti di mansioni e sostituzione di personale assente
Art. 9 Assunzione a termine
Art. 10 Orario di lavoro
Art. 11 Rimborso spese agli assistenti zootecnici, agli addetti al controlli e al servizi di vigilanza e al fecondatori
Art. 12 Riposo settimanale
Art. 13 Festività nazionali e infrasettimanali
Art. 14 Lavoro straordinario
Art. 15 Retribuzione
Art. 16 Tredicesima e quattordicesima mensilità
Art. 17 Aumenti periodici per anzianità di servizio
Art. 18 Indennità speciali
Art. 19 Abiti di lavoro
Art. 20 Ferie
Art. 21 Permessi ordinari, congedo matrimoniale, aspettative
Art. 22 Permessi per corsi professionali e di studio
Art. 23 Servizio militare
Art. 24 Missioni
Art. 25 Trattamento economico in caso di malattia ed infortunio
Art. 26 Tutela della maternità - Assicurazioni sociali - Assegni familiari
Art. 27 Ambiente di lavoro e tutela della salute
Art. 28 Doveri del personale dipendente
Art. 29 Provvedimenti disciplinari
Art. 30 Risoluzione del rapporto di lavoro
Art. 31 Preavviso di risoluzione del rapporto
Art. 32 Risoluzione immediata del rapporto
Art. 33 Indennità di anzianità
Art. 34 Indennità di anzianità per la risoluzione del rapporto in caso di morte del dipendente
Art. 35 Anzianità convenzionale
Art. 36 Cessazione e trasformazione dell'associazione, consorzio ed ente zootecnico
Art. 37 Informativa sui programmi di attività
• Piani di attività
• Incontri regionali
Art. 38 Controversie
Art. 39 Diritto di affissione
Art. 40 Delegato sindacale aziendale
Art. 41 Tutela del delegato sindacale aziendale
Art. 42 Permessi sindacali
Art. 43 Trattenute contributi sindacali per delega
Art. 44 Diritto di assemblea
Art. 45 Condizioni di miglior favore - Rispetto del contratto
Norme transitorie e finali
Tabella - Stipendi minimi mensili lordi
Accordo nazionale di scala mobile per i dipendenti dalle organizzazioni degli allevatori, consorzi ed enti zootecnici

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti dalle organizzazioni degli allevatori, consorzi ed enti zootecnici 9 luglio 1980
(sostituisce il CCNL 2 dicembre 1977)
Accordo nazionale di scala mobile per i dipendenti dalle organizzazioni degli allevatori, consorzi ed enti zootecnici 18 luglio 1969
(sostituisce l'ANSM 13 aprile 1967) non disdettato

L'anno 1980, il giorno 9 luglio in Roma, nella sede dell'Associazione Italiana Allevatori, in Via Tomassetti, 9 tra l'Associazione Italiana Allevatori, in nome e per conto proprio e delle Organizzazioni associate […] e la Fnita-Cisl […], la Federbraccianti-Cgil […], la Uisba-Uil […], il Sandez (Sindacato Autonomo Nazionale Dipendenti Enti Zootecnici) […], la Confederdia (Confederazione Generale Italiana dei Dirigenti ed Impiegati dell'Agricoltura) […], si è stipulato il presente contratto collettivo nazionale di lavoro per i Dipendenti dalle Organizzazioni degli Allevatori, Consorzi ed Enti Zootecnici, il quale sostituisce il CCNL 2 dicembre 1977.

Art. 1 Oggetto e durata del contratto
Il presente contratto collettivo nazionale dì lavoro regola i rapporti di lavoro tra le Organizzazioni degli allevatori, Consorzi ed Enti Zootecnici ed i loro dipendenti. Esso ha efficacia per tutto il territorio nazionale e sostituisce il CCNL 2 dicembre 1977.
[…]

Art. 2 Occupazione e mobilità
Gli attuali livelli occupazionali vengono garantiti, il personale che cessa la propria attività verrà sostituito nel caso in cui le esigenze di attività rimangano inalterate.
Viene previsto l'inserimento di nuove unità lavorative in relazione all'allargamento dell'attività e dove è possibile anche con la realizzazione di contratti di formazione lavoro nell'ambito dell'occupazione giovanile.
Per quanto attiene appalti e affidamenti di incarichi, si fa riferimento alle norme vigenti, mentre si auspica, dove esistono le condizioni idonee per organizzare il servizio nell'ambiente associativo, che si costituiscano e si utilizzino le strutture necessarie.
[…]

Art. 3 Assunzioni
[…]
Per l'assunzione sono richiesti i seguenti documenti:
[…]
e) certificato di idoneità fisica.
[…]
Il personale di nuova assunzione può essere sottoposto a visita medica da parte del sanitario di fiducia del datore di lavoro.
[…]

Dichiarazione a verbale
L'Associazione Italiana Allevatori fa constatare che ogni Organizzazione degli Allevatori, Consorzio ed Ente zootecnico, sia a livello centrale che nazionale, regionale e provinciale attua i fini istituzionali in base ai compiti statutari e, pertanto, ciascuno di essi determina l'organico del personale in base alle conseguenti esigenze operative. Le Organizzazioni di cui sopra comunicheranno gli organici delle singole associazioni alle rispettive RSA.

Art. 8 Mutamenti di mansioni e sostituzione di personale assente
Il dipendente è tenuto a disimpegnare, dietro richiesta del datore di lavoro, mansioni diverse ma equivalenti a quelle già assegnategli, senza peggioramento del trattamento economico e senza pregiudizio della sua posizione e del suo prestigio.
[…]

Art. 9 Assunzione a termine
L'assunzione del personale può avvenire con contratto di lavoro e tempo determinato, giustificato dalla specialità del rapporto e soltanto nei seguenti casi:
a) stagionalità o saltuarietà del lavoro;
b) sostituzione di dipendenti assenti con diritto al mantenimento del posto;
c) assunzione per una definita opera.
L'apposizione del termine è priva di effetto se non risulta da atto scritto.
[…]
Ai dipendenti con assunzione a termine si applicano le norme ed ogni trattamento previsti dal presente contratto, in proporzione al periodo lavorativo prestato e sempre che non siano obiettivamente incompatibili con la durata del contratto a termine […]

Art. 10 Orario di lavoro
L'orario di lavoro non può superare le 40 ore settimanali per tutti i dipendenti e di regola viene distribuito in cinque giorni.
Nella giornata di sabato l'orario non può superare le cinque ore.
Per i controllori zootecnici, fermo restando quanto previsto al primo comma, l'orario dì lavoro è determinato in considerazione delle discontinuità delle prestazioni e tenuto conto delle diversità di ambiente e condizioni di lavoro esistenti, secondo il numero dei capi di bestiame affidati e le relative mansioni. E' comunque esclusa la prestazione dell'attività lavorativa per l'effettuazione dei controlli funzionali nei giorni festivi. Eventuali eccezioni relative al controllo del bestiame ovino e di particolari zone montane dovranno essere concordate in sede aziendale con le RSA.
Ad ogni controllore della produzione lattiera dovrà essere assegnato un numero massimo di animali in lattazione, tale che il controllo sia eseguito a norma del Regolamento ufficiale dei controlli funzionali.
La norma ordinaria giornaliera di lavoro del controllore degli animali da latte (bovini, bufalini, ovini, ecc.) non può contemplare più di due mungiture giornaliere. Qualora la giornata lavorativa comprenda anche una terza mungitura, il tempo di lavoro attribuibile a questa mungitura dovrà essere retribuito come lavoro straordinario ancorché esso rientri nell'orario stabilito dal primo comma.
Per il personale del Centro meccanografico addetto al funzionamento delle macchine è in facoltà del datore di lavoro di distribuire l'orario di lavoro settimanale in turni giornalieri a carattere continuativo di uniforme durata. Normalmente possono essere effettuati due turni giornalieri che non potranno essere iniziati prima delle ore sette né cessare dopo le ore ventuno e trenta. In caso di necessità di lavoro può essere effettuato un terzo turno che non ricada in regolari turni periodici, l'ora di inizio del quale verrà stabilita dal datore di lavoro in accordo con le RSA. A questo turno, comunque, devono essere adibiti almeno due dipendenti contemporaneamente. Tra la fine di un turno e l'inizio di un turno seguente il dipendente dovrà fruire di un intervallo di almeno dieci ore.
Data la particolare natura del loro lavoro, agli addetti alle macchine meccanografiche è concesso durante il turno un intervallo minimo di trenta minuti.
Ai turni possono essere adibiti anche dipendenti non addetti alle macchine, il cui lavoro sia strettamente necessario per il funzionamento del Centro.
La distribuzione dell'orario di lavoro ed eventuali forme di flessibilità devono essere concordate con le RSA.
Dichiarazione a verbale
Le parti contraenti si impegnano ad intervenire presso le singole associazioni, là ove si presentino le necessità, affinché mettano a disposizione un locale idoneo per la consumazione dei pasti caldi per il personale anche mediante eventuali convenzioni con locali o mense aziendali vicine.

Art. 12 Riposo settimanale
Al personale è dovuto un riposo settimanale di 24 ore consecutive in coincidenza con la domenica.

Art. 14 Lavoro straordinario
[…]
La prestazione di lavoro straordinario, nei limiti previsti dalla legge, non può essere rifiutata dal dipendente nei casi di assoluta necessità. Comunque è stabilita la limitazione dello stesso nel numero massimo di 150 ore annue.
[…]

Art. 19 Abiti di lavoro
Al personale addetto al Centro meccanografico, ai laboratori di analisi, agli addetti ai controlli ed ai fecondatori, verranno forniti ogni anno due abiti di lavoro (tuta o camice) e gli stivali necessari.

Art. 20 Ferie
[…]
Le ferie costituiscono un diritto inderogabile ed irrinunciabile del dipendente.
[…]

Art. 26 Tutela della maternità - Assicurazioni sociali - Assegni familiari
Valgono le disposizioni di legge in vigore.

Art. 27 Ambiente di lavoro e tutela della salute
Per l'eventuale individuazione di misure relative alla tutela della salute degli addetti ai laboratori di analisi e dei centri meccanografici potrà essere richiesto, anche su segnalazione delle RSA, l'intervento dei centri di medicina preventiva e degli altri enti pubblici esistenti, tecnici e sanitari. Al personale addetto ai controlli funzionali, ai laboratori di analisi ed ai centri meccanografici sarà concessa una giornata di permesso annuale retribuita per una visita medica di controllo.

Art. 28 Doveri del personale dipendente
Il personale deve tenere una condotta costantemente informata ai principi di disciplina, di dignità e moralità.
Il personale ha il dovere di dare, nella esplicazione della propria attività di lavoro, una collaborazione attiva ed intensa secondo le norme del presente contratto e le direttive del datore di lavoro o di chi per esso e di osservare il segreto di ufficio.
Al personale è fatto divieto:
a) di svolgere attività comunque contraria agli interessi del datore di lavoro e incompatibile con i doveri d'ufficio e di servizio;
[…]
c) di allontanarsi arbitrariamente dal servizio.

Art. 29 Provvedimenti disciplinari
I provvedimenti disciplinari sono:
a) il rimprovero verbale;
b) il biasimo scritto;
c) la multa non superiore a 4 ore dello stipendio minimo tabellare;
d) la sospensione dal servizio e dalla retribuzione per un periodo non superiore a 10 giorni;
e) il licenziamento in tronco,
I provvedimenti disciplinari vengono applicati in relazione alla gravità e alla recidività della mancanza e al grado di colpa senza riguardo all'ordine nel quale sono elencati nel presente articolo.
Quando sia richiesto dalla natura della mancanza e dalla necessità di accertamenti in conseguenza della medesima, il datore di lavoro può disporre l'allontanamento dal servizio del dipendente per il tempo necessario, ferma restando la regolare corresponsione della retribuzione.
[…]
Il licenziamento in tronco di cui alla lettera e) si applica per una mancanza così grave da non consentire la prosecuzione anche provvisoria del rapporto.
[…]

Art. 32 Risoluzione immediata del rapporto
[…]
Sono da considerarsi giuste cause dì licenziamento le seguenti:
a) minacce, ingiurie gravi, violenze e vie di fatto;
b) disonestà nel disimpegno delle proprie mansioni;
c) recidività, fermo restando per quanto previsto dall'articolo 7 della legge 20 maggio 1970, n. 300, in mancanze gravi che abbiano dato luogo alla applicazione di provvedimenti disciplinari.
Sono da considerarsi tra le giuste cause di dimissioni le seguenti:
a) minacce, ingiurie, violenze e vie di fatto;
[…]

Art. 37 Informativa sui programmi di attività
L'Aia fornirà alle Organizzazioni Sindacali firmatarie del presente contratto nel corso di appositi incontri da tenersi comunque entro l'ultimo quadrimestre dell'anno informazioni relativamente ai programmi di attività nazionale e regionale articolati per settore al fine di realizzare un coordinato sviluppo del settore zootecnico tenendo presenti anche i problemi del miglioramento dei livelli occupazionali.

Piani di attività
I programmi di attività delle singole Associazioni articolati per settore, per numero e tipo di capi saranno oggetto di informativa e di illustrazione in incontri da tenersi di norma a livello regionale. Tali programmi saranno indirizzati all'estensione e qualificazione dell'attività (controllo mungitrici, F.A., alimentazione del bestiame, zone collinari e montane, ecc.) e per adeguare le strutture alle esigenze di assistenza e di servizi necessari alle aziende e al comparto zootecnico, nel quadro delle direttive e degli obiettivi programmatici regionali.

Incontri regionali
«Nel rispetto delle linee stabilite dal CCNL, le parti firmatarie si incontreranno a livello regionale (ad eccezione dell'Aia e delle Associazioni Nazionali dì Razza, che provvederanno aziendalmente) per l'esame e la soluzione concordata di problemi posti sulle seguenti materie: occupazione e mobilità; organizzazione del lavoro; eventuali profili professionali specifici ed integrativi; ambiente di lavoro; distribuzione dell'orario di lavoro e delle ferie; individuazione dei corsi di qualificazione professionale; individuazione ed eliminazione dei problemi relativi ad eventuali lavorazioni nocive».

Art. 38 Controversie
Qualora insorga controversia tra le parti per l'applicazione del presente contratto o di quello individuale, le Organizzazioni provinciali delle parti contraenti, su richiesta di una delle parti o di entrambe, si adopereranno per raggiungere la conciliazione.
Le controversie di carattere collettivo, che dovessero insorgere in sede di applicazione e di interpretazione del presente contratto, saranno deferite alle Organizzazioni sindacali contraenti per raggiungere la conciliazione
Ai fini di cui ai precedenti commi, le parti interessate si dovranno riunire entro 15 giorni dalle richieste pervenute e redigere apposito verbale per ogni riunione.

Art. 39 Diritto di affissione
Le rappresentanze sindacali dei dipendenti hanno diritto di affiggere, su appositi spazi, che il datore di lavoro ha l'obbligo di predisporre in locali accessibili a tutti i dipendenti all'interno delle sedi, pubblicazioni, testi e comunicazioni inerenti a materie di interesse sindacale.

Art. 40 Delegato sindacale aziendale
I dipendenti hanno diritto di eleggere, in ogni Organizzazione zootecnica, un delegato sindacale aziendale nell'ambito dì ciascuna delle Organizzazioni dei dipendenti firmatarie del presente contratto.
L'elezione dei delegati dovrà avvenire mediante riunione unica dei dipendenti dell'Organizzazione zootecnica o mediante riunione separata per i singoli raggruppamenti sindacali.
[…]
Il delegato ha i seguenti compiti:
a) vigilare e intervenire presso il datore di lavoro per la esatta applicazione delle norme del contratto collettivo nazionale di lavoro, con particolare riguardo alle qualifiche ed alle mansioni del personale, nonché per l'esatta osservanza delle norme di legislazione sull'igiene e sicurezza del lavoro;
b) esprimere pareri e trattare con il datore di lavoro sulle materie espressamente indicate dal contratto; come ad esempio distribuzione dell'orario di lavoro, delle ferie, ecc.;
c) prestare assistenza in tutti i casi nei quali ne venga fatta richiesta da parte dei dipendenti interessati;
d) esaminare e discutere preventivamente i programmi annuali dì attività dell'Organizzazione zootecnica.

Art. 44 Diritto di assemblea
I dipendenti hanno diritto di riunirsi nell'ambito della Organizzazione in cui prestano la loro opera, in locali messi a disposizione dall'Organizzazione stessa, fuori l'orario di lavoro nonché durante l'orario di lavoro nei limiti di dodici ore annue regolarmente retribuite.
Le riunioni sono indette, singolarmente o congiuntamente, su materie di interesse sindacale e del lavoro e per la elezione dei delegati sindacali.
[…]

Art. 45 Condizioni di miglior favore - Rispetto del contratto
Le condizioni di miglior favore eventualmente esistenti e derivanti da accordi individuali o plurimi o da consuetudini locali o da contratti e accordi provinciali e interprovinciali stipulati tra le parti contraenti vengono salvaguardate ad ogni effetto.
Le partì si impegnano ad intervenire per assicurare il rispetto della applicazione del contratto sia nelle parti economiche, che normative.
I contratti integrativi provinciali, interprovinciali, o regionali non possono derogare dalle norme previste nel presente contratto.
Per tutto quanto non regolato dal presente contratto valgono le disposizioni di legge in vigore.