Stampa
Categoria: 2012
Visite: 3220

Tipologia: Verbale di incontro
Data firma: 15 febbraio 2012
Parti: Anas e Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilpa-Anas, Sada-Confsal, Snala-Cisal, Ugl
Settori: Edilizia-Trasporti, Anas
Fonte: FIT-CISL


Verbale di incontro, 15 febbraio 2012

Il giorno 15 febbraio 2012, presso la sede Anas di via Pianciani 16, si sono incontrati i rappresentanti dell'azienda con le Segreterie Nazionali Filt Cgil, Fit Cisl Uilpa Anas, Sada Confsal, Snala Cisal, Ugl, dando seguito alla richiesta di incontro del 27 gennaio 2012.
In avvio di confronto le Parti, prendendo in considerazione il quadro normativo di riferimento hanno effettuato una ampia ed approfondita disamina sugli ultimi provvedimenti legislativi che hanno interessato l'Anas, soffermandosi soprattutto sugli emendamenti discussi in merito al D.L. n. 216 del 29 dicembre 2011, attualmente in fase di conversione.
Le parti hanno preso quindi atto dell'avvenuta approvazione della proroga del termine per l'adozione del relativo statuto della costituenda Agenzia per le Infrastrutture stradali e autostradali al 31 luglio 2012, confermando da tale data il subentro della stessa ad Anas nelle competenze e funzioni fissate già dall'art. 36 del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011, convertito in legge n. 111 del 15 luglio 2011.
In merito alla discussione svolta, le Parti
A) si sono date reciprocamente atto delle notevoli difficoltà gestionali e delle conseguenze sugli assetti organizzativi che si presenterebbero nell'immediato futuro, qualora dovesse confermarsi il quadro legislativo complessivo; a tale proposito le OO.SS. hanno rappresentato, nell'ambito dell'esercizio, il rischio di un progressivo depauperamento delle risorse impegnate, con conseguente abbassamento del livello di servizio offerto all'utenza stradale ed un aggravio delle responsabilità civili e penali per i dipendenti, in merito al quale le parti stesse si sono riservate uno specifico approfondimento relativamente agli oneri delle coperture assicurative a carico dei dipendenti e all'ipotesi di costituzione di un fondo specifico a garanzia degli interessati;
B) hanno confermato la necessità di una modifica del quadro normativo di riferimento, utile per correggere i limiti imposti dalla norma anche sull'implementazione del personale impegnato nelle attività di polizia stradale, manutenzione, intervento e sorveglianza della rete stradale;
C) hanno convenuto, nell'ambito della discussione tesa a garantire ai dipendenti interessati dal trasferimento nella costituenda Agenzia per le infrastrutture stradali e autostradali, la necessità di fornire le tutele in ordine al trattamento economico ed all'inquadramento professionale, agli organici in forza presso le strutture dell'Ispettorato di Vigilanza delle Concessioni Autostradali.
Nel prosieguo dell'incontro l'azienda ha rappresentato quindi, i dati dell'organico al 31 dicembre 2011 secondo le diverse suddivisioni in base alla tipologia del rapporto di lavoro, distinto tra tempo indeterminato e determinato, alla durata della prestazione lavorativa ed alla allocazione delle risorse aziendali, al fine di consentire, nell'ambito della trattativa avviata, una puntuale disamina sulla consistenza degli organici nel periodo di riferimento.
Il confronto è proseguito sull'analisi delle attività finalizzate al reclutamento del personale avvenute nell'anno 2011, in speciale modo nel Compartimento della Viabilità per l'Umbria e nel Compartimento della Viabilità per l'Emilia Romagna in cui la Società ha fatto ricorso al mercato esterno del lavoro per sopperire alle esigenze di risorse collegate all'intensificarsi delle attività nella stagione invernale. Su tale argomento le organizzazioni sindacali hanno ribadito le osservazioni critiche già avanzate in riferimento ai processi di esternalizzazione recentemente avviati ed i costi relativi e di verificare le procedure di reclutamento adottate.
L'azienda ha quindi illustrato la situazione attinente le selezioni interne, sia per quanto riguarda i passaggi orizzontali che quelli verticali avvenuti nell'anno 2011 presso la Direzione Generale e gli Uffici territoriali, riservandosi per una riunione successiva, al termine del lavoro istruttorio in corso, da definirsi entro il mese di marzo, le previsioni di impegno per l'esercizio 2012. A tale proposito è stato rappresentato come siano stati selezionati complessivamente 570 candidati dei quali 240 riconosciuti idonei.
Alla luce delle considerazioni sopra riportate circa la complessità del momento aziendale, definito dalle recenti evoluzioni normative e dalle conseguenze in atto, dal quale risulta confermata la centralità strategica delle attività che ricadono sull'esercizio ed il presidio della rete gestita, sia come interventi di sorveglianza e pronto intervento, sia attraverso l'effettuazione della manutenzione delle infrastrutture, le parti hanno convenuto di procedere ad una prossima definizione di un protocollo di intesa attraverso il quale definire in maniera organica gli impatti organizzativi e gli impegni economici riferibili all'attività dell'esercizio conseguenti all'implementazione del Road Management Tool System (RMT) ed alla e messa in opera di impianti, apparati e strumenti di videosorveglianza fissa e mobile sulla rete aziendale di competenza.
A tal fine, le parti hanno condiviso la necessità di procedere ad una prossima calendarizzazione entro il mese di marzo sulle seguenti tematiche:
- esercizio;
- formazione.
Anche al fine di favorire il processo di formazione del personale interessato, le parti hanno condiviso la data del 30 marzo p.v. quale proroga per la scadenza del mandato dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, fermo restando che fino al momento della individuazione dei nuovi RLS resteranno in carica gli attuali RLS.
Le OO.SS. si impegnano quindi ad attivare, e l'Anas ad agevolare, le procedure destinate ad
esperire tale individuazione presso tutte le unità produttive entro il 30 aprile 2012.
L'Anas si impegna ad attivare tempestivamente il necessario percorso di formazione per i nuovi
RLS.
Le OO.SS. convenute hanno rappresentato la evidenza di elementi di criticità nella corresponsione degli emolumenti legati all'ex art. 18, evidenziando il ritardo nella liquidazione di alcune istanze giunte al completamento del percorso documentale. In merito a tale problematica, l'azienda si è impegnata ad una tempestiva analisi delle criticità segnalate, finalizzata ad una pronta risoluzione delle stesse.
Si allega al presente verbale, il testo dell'accordo attinente la detassazione sulle componenti accessorie della retribuzione riguardante tutti i dipendenti in relazioni e ad incrementi di produttività per il periodo di imposta relativo all'anno 2012.