Stampa
Categoria: 1936
Visite: 5142

Tipologia: Contratto regolamentazione apprendistato
Data firma: 1 febbraio 1936
Validità: 01.02.1936*
Parti: Federazione Nazionale Fascista degli Esercenti l’industria Grafica ed Affini e Federazione Nazionale Fascista dei Lavoratori della Carta e Stampa
Settori: Poligrafici e spettacolo, Industria grafica, Apprendistato
Fonte: G.U. 27 ottobre 1936, n. 250, p. II

Sommario:
Contratto collettivo per la regolamentazione dell’apprendistato e delle terze categorie operaie dipendenti dalla industria grafica, 1 febbraio 1936
Contratto collettivo relativo all’apprendistato e alle terze categorie operaie nell’industria grafica (legatrici e libraie) integrativo del contratto nazionale 1° febbraio 1936, 10 maggio 1937


Contratto collettivo per la regolamentazione dell’apprendistato e delle terze categorie operaie dipendenti dalla industria grafica, 1 febbraio 1936 (G.U. 27 ottobre 1936, n. 250, p. II)

Addì 1° febbraio 1936-XIV, in Roma, tra la Federazione Nazionale Fascista degli Esercenti l’industria Grafica ed Affini [...] e la Federazione Nazionale Fascista dei Lavoratori della Carta e Stampa [...], prese in esame le questioni relative alle terze categorie operaie ed alla regolamentazione dell’apprendistato, si è convenuto di integrare l’art. 20 del contratto nazionale, stipulato il 10 marzo 1931 per gli operai addetti all’industria grafica ed affini, con le seguenti norme:
Terza categoria:
1) Il periodi di appartenenza alla terza categoria è così fissato:
Tipografi:
a) compositori a mano e impressori: quattro anni;
b) compositori a macchina: quattro anni.
[...]
c) fonditori alla monotype: come i compositori a macchina.
Litografi:
а) trasportatori: cinque anni;
b) stampatori litografi: cinque anni;
Fotoincisori:
Fotografi, Stampatori, Fotoincisori, Ritoccatori: cinque anni.
Legatori:
Legatori e librai: quattro anni.
Rotocalcografi e fototipisti: cinque anni.
Stereogalvanotipisti: quattro anni.
[...]
Apprendisti:
1) Per essere ammessi negli stabilimenti gli apprendisti dovranno dimostrare di possedere:
a) l’età prescritta dalla legge;
b) il certificato di superato esame dei tre corsi delle scuole secondarie di avviamento al lavoro o corsi equipollenti. Per le apprendiste mettifoglio, legatrici e libraie, sarà necessaria invece la sola licenza elementare;
c) il certificato di sana costituzione fisica.
Agli apprendisti è fatto obbligo di frequentare, ove esistono, i corsi serali istituiti per le varie categorie presso le scuole professionali riconosciute dagli Organi Corporativi. Gli industriali terranno conto di tale obbligo.
Gli apprendisti, ivi compresi quelli provenienti dagli Istituti di beneficienza e dagli Istituti privati, e gli appartenenti alla terza categoria, cambiando azienda, a dimostrazione della loro anzianità, dovranno sempre presentare il libretto paga che sarà loro rilasciato dall’azienda stessa, attestante il periodo di tirocinio compiuto e la retribuzione percepita.
2) La durata dell’apprendistato è così fissata:
Tipografi:
a) compositori a mano e impressori: cinque anni;
b) compositori a macchina: cinque anni di apprendistato di compositore a mano. Per i provenienti dalla 1a e 2a categoria dei compositori a mano: sei mesi di apprendistato con la paga della categoria inferiore a quella di provenienza;
c) fonditori alla monotype: come i compositori a macchina;
d) tastieriste: due anni;
e) tastieristi: due anni. Per i provenienti dalla 1a e 2a categoria dei compositori a mano: sei mesi di apprendistato con la paga della categoria inferiore a quella di provenienza.
f) mettifoglio: un anno.
Litografi:
a) disegnatori cromisti e incisori litografi: sette anni;
b) trasportatori e stampatori litografi: sei anni;
c) tiraprove: cinque anni;
b) mettifoglio e levafoglio: un anno.
Fotoincisori:
a) fotografi, stampatori, fotoincisori, ritoccatori: cinque anni;
b) torcolieri: quattro anni;
c) montatori e fresatori: due anni.
Legatori:
a) legatori e librai: quattro anni.;
b) rigatori e lineatori: quattro anni.
Xilografi: sette anni.
Rotocalcografi e fototipisti: cinque anni.
Incisori di musica: sette anni. 
Stereogalvanotipisti: quattro anni.
Fonditori di caratteri da stampa: cinque anni.
[...]
3) La limitazione numerica degli apprendisti è cosi stabilita:
Tipografi:
Un apprendista fino a quattro operai, successivamente uno ogni tre operai.
Legatori:
Un apprendista fino a tre operai, successivamente due ogni tre operai.
Per tutte le altre categorie:
Un apprendista fino a tre operai, successivamente uno ogni due operai.
4) Agli effetti dalla durata dell’apprendistato, nel computo si cumuleranno i periodi del servizio prestato presso i vari stabilimenti e, superati nel cumulo i periodi dì durata stabiliti col presente articolo, gli apprendisti in servizio verranno assegnati alla terza categoria.
Norma transitoria.
Le condizioni riferentisi alla limitazione numerica degli apprendisti, andranno in vigore, con logica gradualità, non oltre un anno dalla data di stipulazione dell’accordo.
Le altre condizioni riguardanti l’apprendistato andranno in vigore:
а) non oltre il 1° agosto 1935 per gli apprendisti che abbiano superato di due anni la durata dell’apprendistato fissata per le varie specialità;
b) non oltre il 1° febbraio 1937 per gli apprendisti che abbiano superata la data stessa di un periodo inferiore a due anni.
[...]
Il presente accordo entra in vigore col giorno 1° febbraio 1936- XIV ed avrà la stessa durata del patto nazionale stipulato il 10 marzo 1931 per i dipendenti delle Aziende industriali grafiche ed affini, di cui forma parte integrante.

Contratto collettivo relativo all’apprendistato e alle terze categorie operaie nell’industria grafica (legatrici e libraie) integrativo del contratto nazionale 1° febbraio 1936, 10 maggio 1937 (G.U. 29 settembre 1937, n. 227, p. II)

L’anno 1937-XV addì 10 maggio in Roma, tra la Federazione Nazionale Fascista degli Esercenti l’industria Grafica ed Affini [...] e la Federazione Nazionale Fascista dei Lavoratori della Carta e Stampa [...] ad integrazione del contratto collettivo nazionale 1° febbraio 1936-XIV per la regolamentazione dell’apprendistato grafico e delle terze categorie operaie dipendenti dall’industria grafica, pubblicato nel supplemento del Boll. Uff. del Ministero delle Corporazioni in data 31 ottobre 1936, Fase. 142, alleg. 907, per quanto riguarda la categoria delle legatrici e libraie si stabilisce quanto segue:
а) Durata dell’apprendistato anni 3;
b) Permanenza in terza categoria anni 2;
[...]
Operaie legatrici e librarie di prima categoria sono coloro che a regola d’arte sanno eseguire qualunque lavoro di piegatura, cucitura ed allestimento in genere, inteso questo nel senso che le legatrici possono anche essere adibite alla messa in coperta degli opuscoli e pubblicazioni cuciti con la copertina ed alle cesoie e circolari in genere.
a) Limitazione: una apprendista per ogni operaia, fino a cinque; successivamente tre apprendista per due operaie.
Il presente accordo andrà in vigore a tutti gli effetti il 1° giugno 1938-XVI, ad eccezione delle apprendiste che abbiano superato di due anni la durata fissata per l’apprendistato, per le quali il passaggio alle terze categorie esistenti o di nuova creazione avverrà il 1° dicembre 1937-XVI.