Stampa
Categoria: Normativa regionale
Visite: 5299

Regione Sardegna
Deliberazione 23 ottobre 2012, n. 42/46

Oggetto: Formazione specifica dei lavoratori e dei preposti ai sensi dell’art. 37 D.Lgs. n. 81/2008. Erogazione in modalità e-learning. Provvedimenti attuativi.

L’Assessore del Lavoro ricorda che ai sensi dell’art. 37 comma 2 del D.Lgs. n. 9 aprile 2008 n. 81, la Conferenza Stato-Regioni ha approvato in data 21 dicembre 2011 l’accordo che disciplina la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione dei lavoratori in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

L’Assessore sottolinea l’opportunità di utilizzare la modalità di apprendimento e-learning, prevista al punto 3 del succitato accordo, sia per quanto concerne la formazione generale di tutti i lavoratori, sia per quanto attiene alla formazione specifica, in quanto l’adozione di tale metodologia di apprendimento per un piano formativo di grandi dimensioni come quello regionale consente la realizzazione di economie finanziarie e una semplificazione organizzativa rispetto alla formazione d’aula. Attualmente infatti è in corso la formazione dei Responsabili, degli Addetti all’emergenza e dei preposti dell’Amministrazione regionale, mentre occorre procedere all’espletamento della formazione di oltre 4.000 lavoratori regionali entro i tempi indicati dall’accordo succitato, entro l’11 gennaio 2013.

L’Assessore precisa che mentre la metodologia di apprendimento e-learning è consentita dall’accordo per la formazione generale dei lavoratori, per la formazione specifica dei lavoratori e dei preposti deve essere stabilita in specifici progetti formativi sperimentali previsti da Regioni e Province Autonome nei loro atti di recepimento dell’accordo medesimo.

Pertanto l’Assessore propone che l’accordo venga recepito e che anche in Sardegna possano essere realizzati dei progetti formativi sperimentali destinati ai lavoratori e ai preposti non solo dell’Amministrazione regionale ma anche di tutti gli Enti e imprese site in Sardegna, pubblici e privati, considerata la rilevanza della tematica in questione.

I progetti sperimentali di formazione specifica, conclude l’Assessore, dovranno avere delle caratteristiche peculiari in termini di numerosità di partecipanti e di dislocazione territoriale: in particolare dovranno essere rivolti ad almeno 10 lavoratori e preposti, operanti in più strutture.

La Giunta regionale, condividendo quanto rappresentato e proposto dall’Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale, visto il parere favorevole di legittimità del Direttore generale dell’Assessorato del Lavoro

DELIBERA

di approvare quanto proposto dall’Assessore del Lavoro, della Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Il Direttore Generale
Gabriella Massidda
Il Presidente
Ugo Cappellacci