Stampa
Categoria: Accordi e codici (art. 6, comma 8, lett. h)
Visite: 5285
Presidenza del Consiglio dei Ministri
IL MINISTRO PER LE PARI OPPORTUNITÀ
INAIL
Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro
IL PRESIDENTE


PROTOCOLLO DI INTESA
TRA
IL MINISTERO DELLE PARI OPPORTUNITÀ
E
L’ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

PREMESSO CHE

■ Il Ministero per le Pari Opportunità promuove una politica fondata su un concetto moderno di pari opportunità anche alla luce delle convenzioni e dei trattati internazionali, ed esercita funzioni di programmazione, indirizzo e coordinamento, di tutte le iniziative, anche normative, nelle materie concernenti la promozione di pari opportunità fra uomini e donne, nonché la prevenzione e rimozione di ogni forma e causa di discriminazione; 

■ Il Ministero per le Pari Opportunità ha promosso diverse iniziative, anche normative, volte a rimuovere concretamente gli ostacoli che ancora oggi esistono nel nostro Paese per la piena affermazione dei diritti delle donne;
■ come pure ha posto in essere azioni intese a promuovere l’attribuzione di poteri e responsabilità alle donne e per valorizzarne la presenza nei luoghi decisionali;

■ Il Ministero per le Pari opportunità promuove una politica di conciliazione tra famiglia e lavoro che consenta di coniugare le aspirazioni lavorative e professionali con le esigenze familiari. In tal senso ha provveduto a predisporre un Piano Nazionale per gli Asili Nido con l’obiettivo di fornire alle famiglie un supporto attraverso una rete di strutture diversificate (asili-nido, servizi integrativi) sul territorio adattabili alle differenti esigenze, oltre la sperimentazione di micro-nidi all’interno dei luoghi di lavoro pubblici e privati. Con la legge Finanziaria del 2003 è stato istituito, infatti, il Fondo di rotazione per il finanziamento dei datori di lavoro che realizzano nei luoghi di lavoro servizi di asilo nido e micro-nidi. Il collegato alla legge Finanziaria 2004 ha, inoltre, previsto una semplificazione della procedura amministrativa relativa all’istituzione di asili nido nei condomini;

■ Il Ministero per le Pari Opportunità ha curato il recepimento della Direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica, con particolare riferimento all’accesso all’occupazione, all’assistenza sanitaria e al sistema delle prestazioni sociali. In attuazione di tale Direttiva, recepita con con D. L.vo n. 215 del 9 luglio 2003, è stato istituito, presso il Dipartimento per le Pari Opportunità, un Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza e l’origine etnica, con funzioni di controllo e garanzia delle parità di trattamento e dell’operatività degli strumenti di tutela;

■ Il Ministero per le Pari Opportunità, ha curato il recepimento della Direttiva 2000/78 /CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro. In attuazione di tale Direttiva il D.L.vo n. 216 del 9 luglio 2003 provvede alla tutela dell’accesso all’occupazione, al lavoro, all’orientamento professionale contro ogni forma di discriminazione legata a religione, convinzioni personali, handicap, età e tendenze sessuali e legittima il ruolo delle rappresentanze sindacali ad agire eventualmente in giudizio in nome e per conto dei soggetti passivi della discriminazione;

■ Il Ministero per le Pari Opportunità sta provvedendo al recepimento della Direttiva 2002/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 settembre 2002, che ribadisce la condanna ad ogni forma di discriminazione diretta o indiretta fondata sul sesso per quanto attiene le condizioni di accesso al lavoro, la promozione, la formazione professionale e, attraverso gli Stati membri dell’U.E., incoraggia i datori di lavoro a prevenire le molestie sul luogo di lavoro, riaffermando il principio della parità fra uomini e donne quale “compito” e “obiettivo” della Comunità.

■ L’INAIL, nel quadro delle Pubbliche Amministrazioni, esplica la sua funzione istituzionale attuando politiche di welfare attivo, connotate da spinte innovative che si concretano nella tutela integrale del lavoratore: dalla prevenzione, all’indennizzo, alla cura ed alla riabilitazione, fino al reinserimento dell’infortunato nella vita sociale e lavorativa;

■ L’INAIL, forte di una lunga esperienza di attenzione alla persona, ha puntato e punta ad innescare un circuito di eccellenza in tutti gli ambiti della propria attività, ivi compreso quello interno, con lo scopo di realizzare le migliori condizioni di benessere organizzativo nel lavoro, anche attraverso la valorizzazione delle differenze delle risorse umane in un’ottica di genere;

■ L’INAIL prendendo coscienza della prevalenza della componente femminile del proprio personale, si è orientato, da tempo, per attivare una politica di pari opportunità che garantisca sia il pieno sviluppo delle risorse umane, che l’efficienza dell’Istituto stesso;

■ In sintonia con l’atteggiamento di estrema attenzione alle problematiche del proprio personale, l’INAIL ha costituito, al proprio interno, fin dal 1990, il Comitato per le Pari Opportunità;

■ Il Comitato per le Pari Opportunità dell’Inail, fin dai primi anni di attività, ha attuato progetti e azioni positive per favorire il passaggio dalla parità alla uguaglianza sostanziale, intervenendo attivamente su tematiche di rilevanza sociale e lavorativa, quali la conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare, il riequilibrio delle presenze femminili nelle carriere, la tutela della salute nei luoghi di lavoro, lo sviluppo delle risorse umane;

CONSIDERATO CHE

■ Il Comitato per le Pari Opportunità dell’Inail si propone di implementare e rafforzare i progetti e le azioni positive per attuare esempi di buone prassi che investano a tutto campo l’attività dell’Istituto, secondo una politica di mainstreaming;

■ Il Comitato per le Pari Opportunità dell’INAIL ha individuato cinque macro aree di intervento nell’ambito delle quali proporre azioni positive :
♦ Conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare
♦ Riequilibrio della presenza femminile nelle carriere
♦ Salute e sicurezza sul lavoro
♦ Dignità e autostima
♦ Comunicazione

■ il Ministero per le Pari Opportunità e l’INAIL hanno instaurato un rapporto di intensa collaborazione finalizzata a promuovere, nell’ambito degli organismi istituzionali, una cultura attenta alla differenza di genere e funzionale a scelte orientate al miglioramento di competenze e capacità in grado di favorire il riequilibrio delle carriere;

■ il decreto legislativo n. 196/2000 ha istituito la “Rete Nazionale delle Consigliere di Parità” con il compito di rafforzare le funzioni delle consigliere di parità, accrescerne l’efficacia e favorire lo scambio di informazioni e buone prassi;

■ che con Decreto Ministeriale del 4-12-2003 si è proceduto alla nomina della Consigliera Nazionale di Parità.

LE PARTI CONVENGONO

■ Il Ministero per le Pari Opportunità e l’INAIL si impegnano a sviluppare un’azione di collaborazione e coordinamento volta alla definizione di un comune progetto di sperimentazione di comunicazione e crescita culturale ed organizzativa per creare in INAIL una “best practice” di riferimento nell’area cruciale della valorizzazione delle differenze di genere e del pieno sviluppo ed utilizzo delle grandi risorse del “lavoro al femminile”, non solo per la Pubblica Amministrazione, ma come modello generale anche per le imprese private;

■ Il Ministero per le Pari Opportunità e l’INAIL, anche tramite il Comitato per le pari Opportunità, danno vita ad un progetto globale denominato “EOWYN” che consiste nello sviluppo di una forma di collaborazione strutturata che si avvia con la sottoscrizione del presente protocollo;

■ L’INAIL, assume l’impegno di attuare e sperimentare al proprio interno progetti ed azioni positive costituendo così un laboratorio di buone pratiche, che possa essere punto di riferimento per la valorizzazione delle differenze di genere e per il pieno sviluppo ed utilizzo delle grandi risorse del lavoro al femminile, non solo per la Pubblica Amministrazione ma come modello generale nel mondo del lavoro;

■ L’INAIL definisce la propria attività progettuale nelle cinque macro aree di intervento individuate dal Comitato per le Pari Opportunità ed indicate in premessa, in modo da coprire, con una politica trasversale, più settori di interesse e collocandosi come punto di riferimento per analoghe iniziative da attuare nel mondo del lavoro;

■ I progetti e le azioni positive che l’INAIL, su iniziativa del Comitato Pari Opportunità, si propone di realizzare nell’ambito del progetto globale “EOWYN” -dei quali le schede tecniche che si allegano formano parte integrante del presente Protocollo e forniscono gli elementi di base-, saranno compresi nelle seguenti macro aree di intervento:

“ANTARES” : investe l’area della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare;
Le politiche di “conciliazione” tra vita e lavoro rappresentano per l’INAIL un obiettivo primario. Dal punto di vista organizzativo il principale nodo da sciogliere — a parte quello culturale- è rappresentato dal basso livello di strutturazione dei servizi per la prima infanzia. Accanto a questo si colloca la bassa utilizzazione di forme tecnologiche (telelavoro) e di flessibilità che consentano alle donne di considerare la maternità “complementare” e non “antagonista” dei percorsi di carriera .

All’interno di ANTARES si intendono realizzare i progetti:
“Maternità e lunghe assenze”: ha come scopo l’informazione costante ed il reinserimento pieno e rapido del personale assente per maternità o per necessità di cura famigliare;
“Flessibilità lavorativa”: intende predisporre una proposta, condivisa con la Direzione Risorse Umane e le Organizzazioni Sindacali, per la sperimentazione di tutte le forme di flessibilità lavorativa, anche le più innovative (banca delle ore, job sharing, orari personalizzati, part time). La flessibilità, finalizzata alla riduzione dello stress dei dipendenti, può consentire soluzioni modulabili al conflitto tra famiglia e carriera;
“Asili nido, baby parking e ludoteche”: è un piano per la realizzazione in primo luogo di micronidi aziendali nelle realtà lavorative ove se ne evidenzi la necessità; si ipotizza anche la realizzazione sperimentale di baby parking e ludoteche in considerazione delle realtà ambientali e territoriali;
♦ “Telelavoro”: il telelavoro è già una realtà sperimentale nell’INAIL. Il nuovo progetto intende ampliare la sperimentazione sulla base dei risultati ottenuti.;

“ALTAIR”. affronta la problematica del riequilibrio della presenza femminile nelle carriere.
All’interno di “ALTAIR” si intendono attuare:
♦ “Donne e carriera. mission possible”: progetto per il sostegno alle donne nei percorsi di carriera tramite interventi conoscitivi e formativi.
♦ “Simulatore interattivo pari opportunità”. prodotto informatico con contenuto informativo storico-normativo e formativo in materia di pari opportunità. L’obiettivo è stimolare l’autoconsapevolezza, sia negli uomini che nelle donne, dei fattori soggettivi, limitanti o autolimitanti, per il pieno dispiegarsi delle pari opportunità anche mediante una autovalutazione assistita attraverso computer;

“GEMMA”: riguarda l’area della salute e della sicurezza sul lavoro.
All’interno di “GEMMA” si intendono attuare
♦ “Donna, Salute e lavoro”: in un’area intrinsecamente legata alla missione dell’Istituto, il progetto si propone di allargare le conoscenze dei rischi da lavoro per la donna e di renderle disponibili per favorire un accesso “sicuro al lavoro” per le professionalità al femminile. La “salute riproduttiva”, che costituisce uno dei più importanti fattori di differenza di genere nel trattamento antinfortunistico e per la prevenzione delle tecnopatie, sarà punto qualificante del progetto.
“Banca dati al femminile”: si tratta di un sottosistema della banca dati INAIL, in parte già realizzata, che consente di effettuare analisi statistiche per valutare e monitorare al “femminile” i fenomeni infortunistici o legati alle tecnopatie.

“ANDROMEDA”: attinente all’area della dignità e della autostima;
Il benessere psico-fisico della persona nella sua interezza è tema di particolare importanza. Riconoscendo il miglioramento della qualità della vita come momento essenziale, l’INAIL adotta una decisa azione contro le molestie sessuali.
In quest’ambito si intende dare piena attuazione al “Codice di condotta contro le molestie sessuali”.
Si intendono poi sostenere tutte quelle azioni e le politiche di formazione del personale che promuovano l’autostima e la consapevolezza dei diritti e delle opportunità, in modo da consentire una piena espressione sia della femminilità che della professionalità.

“VEGA ”: area della comunicazione.
La comunicazione rappresenta un momento fondamentale per la diffusione della cultura delle pari opportunità e per stimolare la partecipazione del personale sulle problematiche delle differenze di genere.
Comprende:
“Sito Internet e Intranet del Comitato per le pari opportunità”,
“Convention”: realizzazione di un convegno per la promozione e la conoscenza delle “best practice” attuate;
“Piano di informazione” all’interno dell’Istituto diretto a tutto il personale, a partire dai Dirigenti generali, per la diffusione delle informazioni sulle azioni positive attuate;
“Questionario” per una indagine conoscitiva sulle ricadute degli interventi in atto sul personale

■ Per il raggiungimento degli obiettivi del presente Protocollo, il Ministero per le Pari Opportunità s’impegna a:
- offrire sostegno per individuare e definire criteri di valutazione, selezione e sviluppo dei progetti, coerenti con l’ottica di genere;
- sostenere e dare visibilità alle attività progettuali provvedendo così a diffondere nella pratica una cultura di pari opportunità che costituisca esempio per altre realtà lavorative;
- collaborare per individuare campi di intervento nuovi e diversi rispetto a quelli convenuti all’interno dei quali l’INAIL si attivi per promuovere politiche di pari opportunità;
- elaborare metodologie e strumenti che consentano alle istituzioni di analizzare, nell’ottica di genere, i contesti socio-economici di riferimento e individuare i bisogni formativi della popolazione lavorativa;
- favorire l’informazione e la comunicazione tra le istituzioni e i diversi soggetti impegnati sulle problematiche di genere mettendo a disposizione delle istituzioni stesse, secondo modalità e forme da definire congiuntamente, i servizi attivati per la diffusione e il coordinamento delle politiche di mainstreaming e pari opportunità di genere.
- predisporre l’accesso ad uno spazio informatico nell’ambito del sito web del Ministero per le Pari Opportunità affinché si acceda ai servizi della rete telematica “Rete delle pari opportunità”, al fine di consentire uno scambio ed un confronto di proposte e strumenti operativi in materia di pari opportunità.

L’INAIL potrà a sua volta contribuire a supportare il Ministero nella sua attività di promozione mettendo a disposizione le proprie strutture e il proprio know how:
- intensificando il sostegno ad interventi mirati allo sviluppo della cultura di genere nei relativi contesti di riferimento;
- elaborando e diffondendo materiale di supporto per la realizzazione del mainstreaming di genere in percorsi di formazione;

■ Per l’attuazione del presente Protocollo il monitoraggio, il sostegno e la promozione delle attività previste, le parti concordano sulla costituzione di una Commissione al fine di mantenere un contatto permanente, realizzato, anche, mediante incontri bilaterali che si terranno secondo un calendario annuale da definire. In tali incontri verranno, altresì, concordati tutti gli elementi relativi alla programmazione e alla progettazione operativa degli impegni da sviluppare.
La Commissione è presieduta dalla Consigliera Nazionale di Parità, da due rappresentanti del Ministro delle Pari Opportunità e due rappresentanti dell’INAIL;

■ Alla collaborazione stabile che si instaura con il presente Protocollo potranno essere ammesse, di comune accordo altri Enti, pubblici o privati, tramite ulteriori, specifiche intese e /o convenzioni, allo scopo di rimuovere ostacoli alle pari opportunità, di favorire una equilibrata partecipazione di donne e uomini alla formazione e a percorsi professionali;

■ Il presente protocollo ha durata biennale.

Roma, 12 ottobre 2004

Il Presidente dell’INAIL

Il Ministro per le Pari Opportunità


Fonte: Ministero del lavoro e delle politiche sociali