Stampa
Categoria: Guide alla lettura - Interpelli
Visite: 3719

 

Interpello n. 13 del 24 ottobre 2013

Guida alla lettura” a cura di Michela Bramucci Andreani

SOMMARIO: Oggetto - Soggetto interpellante - Quesito - Risposta - Normativa di riferimento

Oggetto

Obbligo di formazione, informazione ed addestramento per i lavoratori a domicilio.

Soggetto interpellante

Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

Quesito

Se per i lavoratori a domicilio, che risultano dipendenti di un'azienda, ma che hanno come luogo di lavoro la propria abitazione, il datore di lavoro debba fornire a proprie spese tutta l'informazione, la formazione e l'addestramento previsto per i lavoratori dal d.lgs. n. 81/2008, in particolare la formazione prevista dai recenti accordi Stato-Regioni e la formazione per addetto al primo soccorso e addetto all'antincendio. Inoltre il C.N.I. chiede di sapere se l'abitazione del lavoratore sia da considerarsi a tutti gli effetti un luogo di lavoro, cosi come definito dal d.lgs. n. 81/2008, e debba pertanto essere oggetto di valutazione dei rischi, da parte del datore di lavoro.

Risposta

Il datore di lavoro è tenuto a fornire un'adeguata informazione e formazione nel rispetto di quanto previsto dall'accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 e non anche quella specifica per il primo soccorso e antincendio. Inoltre il domicilio non è considerato luogo di lavoro, ai sensi dell'art. 62 del d.lgs. n. 81/2008.

Normativa di riferimento

D.lgs. n. 81/2008: art. 3, c. 9, art. 36 e 37, art. 62; accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Legge 877/73.