Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626 (artt. 1-29)

E-mail Stampa PDF

DECRETO LEGISLATIVO 19 settembre 1994, n. 626

Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 95/63/CE, 97/42/CE, 98/24/CE, 99/38/CE, 99/92/CE, 2001/45/CE e 2003/10/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro.

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 12-11-1994 Suppl. Ordinario n.141

Il testo che segue è trascritto come modificato dalle seguenti normative:
Legge 29 dicembre 2000, n. 422;
D.L. 12 novembre 2001, n. 402;
Dlgs. 2 febbraio 2002, n. 25;
Legge 3 febbraio 2003, n. 14;
Dlgs. 12 giugno 2003, n. 233;
D.Lgs. 23 giugno 2003, n. 195;
D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235;
Legge 18 aprile 2005, n. 62;
D.Lgs 10 aprile 2006, n. 195
D.Lgs 25 luglio 2006, n. 257.
Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finananziaria 2007). 

Il presente D. Lgs. è abrogato dall'articolo 304 del D.Lgs. 81/2008, coordinato con il D.Lgs. 106/2009, fermo restando quanto previsto dall'articolo 3, comma 3, e dall'articolo 306, comma 2, del medesimo decreto.

Note e commenti:

Gatti P., Zanella E., Ruvolo M., 626 e dintorni. Testo integrato e coordinato 2007
Giuseppe Marando, Il sistema vigente del diritto della sicurezza del lavoro
Pierguido Soprani, Sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro
Luigi Montuschi, Ambiente, salute e sicurezza. Per una gestione integrata dei rischi da lavoro
Chiara Lazzari, Obblighi e poteri dei coordinatori in materia di sicurezza;
Arianna Arganese, Sicurezza sul lavoro: i nuovi compiti e poteri degli organismi paritetici
;
Vania Contrafatto, Le nuove responsabilità in materia di sicurezza nell’organizzazione degli appalti

Vania Contrafatto, sicurezza e salute dei lavoratori alla luce del D.Lgs. 81/2008;



Giurisprudenza collegata:Cass. Civ. 9808/1997; Trib. Mondovì, 2002; Cass. Pen. 6804/2002; Pretura di Trento, 25 gennaio 1999Cass. Pen. 14192/2006 ; Cass. Pen. 12370/2005; Cass. Pen. 14192/2005Cass. Pen. 47249/2005 ; Cass. Pen. 36981/2005Cass. Pen. 33308/2005Cass. Pen. 11351/2005 ; TAR Lombardia, 4686/2005Cass. Pen. 26122/2005 ; Cass. Pen. 13251/2005 ; Cass. Pen. 39268/2004 ; Cass. Pen. 20272/2006 ; Cass. Pen. 28146/2006 ; Cass. Civ. 19965/2006 ; Parere del Consiglio di Stato 9/11/2005Cass.Pen. 29229/2005; Cass. Pen. 36339/2005; Tribunale di Nola 28/2/2006; Cass. Pen. 20220/2006; Cass. Pen. 29869/2006 ; Cass. Pen. 37576/2006Cass. Pen. 29180/2007; Corte Cost. 399/96; Cass. pen. 212/1999; Cass. Pen. 34912/2007; Cass. Pen. 39567/2007; Cass. pen. 32236/2007; Cass. pen. 34995/2007Cass. Pen. 21593/2007; Cass. Pen. 6277/2007 Cass. Pen. 4063/2007; Cass. Civ. 11622/2007;  Cass. Pen. 47173/2007; Trib. Taranto 408/2007; Cass.Pen. 35137/2007Cass. Pen. 37397/2007; Cass. Pen. 15226/2007Cass. Pen. 12738/2008;Cass. Pen. 6281/2007; Corte di Giustizia C-504/06; Cass. Pen. 25288/2008; Corte CE, C- 74/95 e C-129/95; Cass. Pen. 15247/2008Cass.Pen. 27442/2008; Cass. Pen. 45020/2008; Cass. Pen. 47485/2008 Cass. Pen. 26539/2008 Cass. Pen. 37997/2008; Cass. Civ. 9477/2009; Cass. Civ. 6682/2009Cass. Pen. 39513/2008 Cass. Civ. 5163/2009Cass. Pen. 4650/2009; Cass: pen. 6613/2009; Cass. Pen. 23090/2008; Cass. Pen. 14918/2008;Cass. Pen. 40796/2008; Cass. Civ. 11071/2008; Cass. Pen. 17218/2009; Cass. Pen. 19099/2009; Cass.Pen. 23929/2009Cass. Pen. 20454/2009; Cass. Pen. 25946/2009; Cass. Pen. 27443/2009; Cass. Pen. 26684/2009Corte di Giustizia CE, C-504/06;Cass. Pen. 10348/2009; Cass. Pen. 1831/2009; Cass. Pen. 44591/2009Cass. Pen. 1490/2010Cass. Pen. 1834/2010; Cass. Pen. 4917/2010;Cass. Pen. 6694/2010; T.A.R. Lazio 3258/2010; Cass. Pen. 8641/2010; Tribunale di Modena 26 gennaio 2010;Cass. Pen. 15081/2010; Cass. Pen. 2477/2010; Cass. Pen. 1841/2010Cass. Pen. 9951/2010; Trib. Benevento, 7 gennaio 2010; Cass. Pen. 4930/2010; Cass. Pen. 18149/2010; Cass. Civ. 17649/2010; Corte d'Appello di Bologna, 31 marzo 2010;  Corte di Appello, 08 giugno 2010; Cass. Civ. 21698/2010Cass. Pen. 44858/2010; Cass. Pen. 1237/2011;Cass. Pen. 2464/2010; Cass. Pen. 8839/2011; Cass. Pen. 9381/2011;Corte di Appello 11 febbraio 2011; Cass. Pen. 19312/2011; Cass. Pen. 17443/2011;Cass. Civ. 10018/2011; Cass. Pen. 20576/2011;Cass. Pen. 22334/2011; Cass. Pen. 34426/2011; Trib. Roma, 22 aprile 2011; Tribunale di Milano, 27 settembre 2002; Cass. Pen. 28898/2011; Cass. Pen. 28921/2011; Cass. Pen. 28892/2011; Cass. Pen. 35204/2011; Corte di Appello di Firenze, 19 settembre 2011; Cass. Pen. 35412/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Civ. 21694/2011; Cass. Civ. 21042/2011; Trib. di Bergamo, 7 ottobre 2011, n. 846; Cass. Pen. 45022/2011; Cass. Civ. 28205/2011; Corte di Appello di Firenze, 11 novembre 2011; Cass. Civ. 944/2012; Trib. Pisa, Sez. Pen, 1756/2011; Cass. Civ. 3033/2012; Cass. Pen. 10704/2012; Cass. Civ. 5241/2012; Cass. Civ. 4649/2012; Trib. di Monza, 03 settembre 2012; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Trib. Milano, 27 febbraio 2012; Cass. Pen. 13964/2012; Cass. Pen. 15206/2012; Cass. Pen. 18139/2012; Cass. Pen. 2709/2012; TAR Molise 145/2012; Cass. Civ. 9704/2012; Cass. Pen. 25155/2012; Cass. Civ. 11677/2012; Cass. Pen. 25154/2012; Cass. Pen. 21937/2012; Cass. Pen. 32422/2012; Cass. Pen. 33598/2012; Cass. Pen. 34141/2012; Cass. Pen. 34759/2012; Cass. Pen. 36262/2012; Cass. Pen. 16812/2012; Cass. Pen. 38104/2012; Cass. Pen. 39830/2012; Cass. Civ. 18927/2012; T.A.R. Abruzzo-l'Aquila 467/2012; Cass. Civ. 1694/2013; Cass. Civ. 2605/2013; Cass. Pen. 4489/2013; Cass. Civ. 2512/2013; Cass. Civ. 4207/2013; T.A.R. Lazio Roma 421/2013; Trib. Bologna 13 novembre 2012; Trib. di Roma, 10 gennaio 2013; Trib. di Torino, 10 gennaio 2013; Cass. Pen. 4519/2013; Trib. di Brescia, 2359/2013; Cass. Civ. 18615/2013; Cass. Pen. 36398/2013; Cass. Civ. 23068/2013; Tribunale di Trapani 2892/2013; Cass. Pen. 36400/2013; Cass. Civ. 27127/2013; Cass. Pen. 37738/2013; Cass. Pen. 49402/2013; Corte di Appello Palermo, 26 settembre 2013; Corte di Appello di Torino, 3541/2014; Cass. Civ. 1477/2014; Cass. Civ. 2455/2014; Cass. Pen. 2862/2014; Cass. Civ. 2625/2014; Cass. Pen. 3684/2014; Cass. Civ. 8804/2014; Cass. Civ. 16367/2014; Cass. Pen. 18459/2014; Cass. Pen. 19487/2014; Cass. Pen. 21242/2014; Cass. Civ. 13745/2014; Cass. Pen. 22664/2014; Trib. di Como 270/2014; Cass. Pen. 29276/2014; Cass. Pen. 36268/2014; Cass. Pen. 36348/2014; Cass. Pen. 36348/2014; Cass. Pen. 38343/2014; Cass. Pen. 39516/2014; Cass. Pen. 46437/2014; Cass. Pen. 46438/2014; Cass. Civ. 2679/2015; Cass. Pen. 3272/2015; Cass. Civ. 3442/2015; Cass. Pen. 4365/2015; Cass. Pen. 8531/2015; Cass. Pen. 14167/2015; Cass. Civ. 7388/2015; Cass. Pen. 19758/2015; Cass. Civ. 9564/2015; Cass. Pen. 21270/2015; Cass. Pen. 22369/2015; Cass. Pen. 24826/2015; Cass. Civ. 12340/2015; Cass. Pen. 27183/2015; Cass. Pen. 28613/2015; Cass. Pen. 29875/2015; Cass. Pen. 31224/2015; Cass. Pen. 34701/2015; Cass. Pen. 35336/2015; Cass. Pen. 35534/2015; Cass. Pen. 36040/2015; Cass. Pen. 36882/2015; Cass. Pen. 37595/2015; Cass. Pen. 38346/2015;Cass. Pen. 38551/2015; Cass. Pen. 41486/2015; Cass. Pen. 43013/2015; Cass. Pen. 44131/2015; Cass. Civ. 24538/2015; Cass. Pen. 48376/2015; Cass. Pen. 50204/2015; Cass. Pen. 90/2016; Cass. Civ. 287/2016; Cass. Pen. 1036/2016; Cass. Pen. 7903/2016; Cass. Pen. 8883/2016; Cass. Pen. 12235/2016; Cass. Pen. 12224/2016; Cass. Civ. 6775/2016; Cass. Pen. 16620/2016; Cass. Civ. 9948/2016; Cass. Civ. 10342/2016;

 

Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003Verbale di Accordo tra Ass. industriali vetro e sindacati 1/3/1996 ; Accordo nel settore tessile - RLS ; Verbale di accordo Aziende del gas municipalizzato - RLS ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996 ; Accordo Federchimica, Farmindustria, Intersind 20/9/1995 ;

 

 


D.Lgs.19 sett.1994, n. 626 (artt. 1-29) D.Lgs.19 sett.1994, n. 626 (artt. 30-59) D.Lgs.19 sett.1994, n. 626 (artt. 59_bis-98)

 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la legge 19 febbraio 1992, n. 142, ed in particolare l'articolo 43, recante delega al Governo per l'attuazione delle direttive del Consiglio 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE in materia di sicurezza e salute dei lavoratori durante il lavoro;

Vista la legge 22 febbraio 1994, n. 146, recante proroga del termine della delega legislativa contemplata dall'art. 43 della citata legge n. 142 del 1992, nonché delega al Governo per l'attuazione delle direttive particolari già adottate, ai sensi dell'art. 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE, successivamente alla medesima legge 19 febbraio 1992, n. 142;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 7 luglio 1994;

Acquisiti i pareri delle competenti commissioni permanenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 16 settembre 1994;

Sulla proposta del Ministro per il coordinamento delle politiche dell'Unione europea, di concerto con i Ministri degli affari esteri, di grazia e giustizia, del tesoro, del lavoro e della previdenza sociale, della sanità, dell'industria, del commercio e dell'artigianato, dell'interno e per la funzione pubblica e gli affari regionali;

Emana il seguente decreto legislativo:

TITOLO I

Capo I
DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 1. Campo di applicazione

1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori durante il lavoro, in tutti i settori di attività privati o pubblici.

2. Nei riguardi delle Forze armate e di Polizia, dei servizi di protezione civile, nonchè nell'ambito delle strutture giudiziarie, penitenziarie, di quelle destinate per finalità istituzionali alle attività degli organi con compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica, delle università, degli istituti di istruzione universitaria, degli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, degli archivi, delle biblioteche, dei musei e delle aree archeologiche dello Stato, delle rappresentanze diplomatiche e consolari, e dei mezzi di trasporto aerei e marittimi, le norme del presente decreto sono applicate tenendo conto delle particolari esigenze connesse al servizio espletato, individuate con decreto del Ministro competente di concerto con i Ministri del lavoro e della previdenza sociale, della sanità e della funzione pubblica.

3. Nei riguardi dei lavoratori di cui alla legge 18 dicembre 1973, n. 877, nonchè dei lavoratori con rapporto contrattuale privato di portierato, le norme del presente decreto si applicano nei casi espressamente previsti.

4. Le disposizioni di cui al presente decreto, si applicano nelle regioni a statuto speciale e nelle province autonome di Trento e Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e relative norme di attuazione.

4-bis. Il datore di lavoro che esercita le attività di cui ai commi 1, 2, 3 e 4 e, nell'ambito delle rispettive attribuzioni e competenze, i dirigenti e i preposti che dirigono o sovraintendono le stesse attività, sono tenuti all'osservanza delle disposizioni del presente decreto.

4-ter. Nell'ambito degli adempimenti previsti dal presente decreto, il datore di lavoro non può delegare quelli previsti dall'art. 4, commi 1, 2, 4, lettera a), e 11 primo periodo.

Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 25944/2003; Cass.Pen. 29229/2005; Cass. Pen. 12370/2005; Cass. Pen. 40287/2006 ; Corte Cost. 399/96; Cass. Pen. 47173/2007; Cass. Pen. 37397/2007; Cass. Civ. 11928/2008Cass. Pen. 8620/2008; Cass. Pen. 7709/2007;Cass. Civ. 27480/2008;
Cass. Pen. 40783/2008; Cass. Pen. 47370/2008; Cass. Pen. 14918/2008 ; Cass: pen. 6613/2009; Cass. Pen. 1502/2010; Cass. Pen. 34804/2010; Cass.Pen. 34774/2010;Trib. Trento, 07 febbraio 2011;Cass. Pen. 22334/2011; Tribunale di Trento, 18 luglio 2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Pen. 17846/2012; Cass. Pen. 17074/2012; Cass. Pen. 41063/2012; Trib. di Rovereto, 21 giugno 2012; Cass. Pen. 43811/2012; Cass. Pen. 48230/2012; Cass. Pen. 4534/2013; Cass. Pen. 10327/2013; Cass. Pen. 10611/2013; Cass. Pen. 15881/2013; Cass. Pen. 7071/2014; Cass. Pen. 22964/2014; Cass. Pen. 33417/2014; Cass. Pen. 38100/2014; Cass. Pen. 3278/2015; Cass. Civ. 7388/2015; Cass. Pen. 18083/2015; Cass. Pen. 18085/2015; Cass. Pen. 31223/2015; Cass. Pen. 8872/2016;



Art. 2. Definizioni

1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intendono per:
a) lavoratore: persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari, con rapporto di lavoro subordinato anche speciale. Sono equiparati i soci lavoratori di cooperative o di società, anche di fatto, che prestino la loro attività per conto delle società e degli enti stessi, e gli utenti dei servizi di orientamento o di formazione scolastica, universitaria e professionale avviati presso datori di lavoro per agevolare o per perfezionare le loro scelte professionali. Sono altresì equiparati gli allievi degli istituti di istruzione ed universitari e i partecipanti a corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, macchine, apparecchi ed attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici. I soggetti di cui al precedente periodo non vengono computati ai fini della determinazione del numero di lavoratori dal quale il presente decreto fa discendere particolari obblighi;
b) datore di lavoro: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'organizzazione dell'impresa, ha la responsabilità dell'impresa stessa ovvero dell'unità produttiva, quale definita ai sensi della lettera i), in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa. Nelle pubbliche amministrazioni di cui all'art. 1, comma 2, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest'ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale;
c) servizio di prevenzione e protezione dai rischi: insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all'azienda finalizzati all'attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali nell'azienda, ovvero unità produttiva;
d) medico competente: medico in possesso di uno dei seguenti titoli:
1) specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia ed igiene del lavoro o in clinica del lavoro o in igiene e medicina preventiva o in medicina legale e delle assicurazioni ed altre specializzazioni individuate, ove necessario, con decreto del Ministro della sanità di concerto con il Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica;
2) docenza o libera docenza, in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia ed igiene del lavoro;
3) autorizzazione di cui all'art. 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;
e) responsabile del servizio di prevenzione e protezione: persona designata dal datore di lavoro in possesso delle capacita' e dei requisiti professionali di cui all'articolo 8-bis;
f) rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: persona, ovvero persone, eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro, di seguito denominato rappresentante per la sicurezza;
g) prevenzione: il complesso delle disposizioni o misure adottate o previste in tutte le fasi dell'attività lavorativa per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell'integrità dell'ambiente esterno;
h) agente: l'agente chimico, fisico o biologico, presente durante il lavoro e potenzialmente dannoso per la salute;
i) unità produttiva: stabilimento o struttura finalizzata alla produzione di beni o servizi, dotata di autonomia finanziaria e tecnico funzionale.

Giurisprudenza collegata:Cass. Pen. 6804/2002;Cass. Pen. 34464/2003Cass. Pen. 25944/2003; Cass. Pen. 41707/2004; Cass. Pen. 47249/2005 ; Cass. Pen. 12370/2005; Cass. Pen. 11351/2005Cass. Pen. 39268/2004 ; Cass. Civ. 19965/2006; Cass. Pen. 20220/2006; Cass. Pen. 29869/2006;Cass.Pen. 35137/2007; Cass. Pen. 34912/2007;Cass. Pen. 47137/2007; Cass. pen. 34995/2007; Cass. Pen. 47173/2007; Cass. Pen. 37397/2007; Cass. Pen. 15226/2007; Cass. Pen. 47370/2008;Cass. Civ. 27480/2008; Cass. Pen. 8604/2008; Cass. Pen. 29543/2009; Corte di Appello di Trento, 19/2010Corte di Appello di Trieste, 18 maggio 2010;Cass. Pen. 6806/2011;Cass. Pen. 8839/2011;Cass. Pen. 16311/2011;Cass. Pen. 17443/2011;Cass. Pen. 22334/2011; Cass. Pen. 22541/2011; Tribunale di Milano, 27 settembre 2002; Cass. Pen. 31575/2011; Cass. Pen. 35204/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 39266/2011; Corte di Appello di Firenze, 128/2012; Cass. Pen. 40892/2012; Cass. Pen. 41981/2012; Cass. Pen. 43811/2012; Cass. Pen. 44834/2012; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Pen. 1715/2013; Cass. Pen. 3283/2013; Cass. Pen. 37761/2013; Cass. Pen. 39158/2013; Cass. Pen. 6749/2013; Cass. Pen. 4968/2014; Cass. Civ. 9870/2014; Cass. Pen. 36476/2014; Cass. Pen. 53035/2014; Cass. Pen. 6723/2015; Cass. Pen. 18083/2015; Cass. Pen. 27173/2015; Cass. Pen. 38346/2015;

Note e commenti: Chiara Lazzari, Obblighi e poteri dei coordinatori in materia di Sicurezza ;


Art. 3. Misure generali di tutela

1. Le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori sono:
a) valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza;
b) eliminazione dei rischi in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico e, ove ciò non è possibile, loro riduzione al minimo;
c) riduzione dei rischi alla fonte;
d) programmazione della prevenzione mirando ad un complesso che integra in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive ed organizzative dell'azienda nonchè l'influenza dei fattori dell'ambiente di lavoro;
e) sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso;
f) rispetto dei principi ergonomici nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, anche per attenuare il lavoro monotono e quello ripetitivo;
g) priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale;
h) limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio;
i) utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici, sui luoghi di lavoro;
l) controllo sanitario dei lavoratori in funzione dei rischi specifici;
m) allontanamento del lavoratore dall'esposizione a rischio, per motivi sanitari inerenti la sua persona;
n) misure igieniche;
o) misure di protezione collettiva ed individuale;
p) misure di emergenza da attuare in caso di pronto soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave ed immediato;
q) uso di segnali di avvertimento e di sicurezza;
r) regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchine ed impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti;
s) informazione, formazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori ovvero dei loro rappresentanti, sulle questioni riguardanti la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro;
t) istruzioni adeguate ai lavoratori.

2. Le misure relative alla sicurezza, all'igiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori.

Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 25944/2003; Cass. Pen. 24290/2005Cass.Pen. 29229/2005; Cass. Civ. 19965/2006; Cass. Pen. 3011/2007; Cass. Pen. 3502/2007;Cass. Pen. 18881/2008Cass. Civ. 11928/2008; Cass. Pen. 45020/2008Cass. Civ. 9689/2009Cass. Pen. 10293/2009 Cass. Civ. 5163/2009Cass. Pen. 36889/2009;T.A.R. Toscana 494/2009Corte di Appello di Trento, 19/2010; Cass. Pen. 4930/2010; Cass. Pen. 34830/2010; Cass. Civ. 21203/2010;Cass. Pen. 1237/2011;T.A.R. 237/2011; Cass. Pen. 8277/2011;Corte di Appello di Milano, 13 aprile 2011; Trib. Roma, 24 maggio 2011; Trib. Monza 05 maggio 2011; Cass. Pen. 27738/2011; Cass. Pen. 33282/2011; Corte di Appello di Firenze, 19 settembre 2011; Cass. Pen. 38771/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 47476/2011; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Pen. 32748/2012; Corte di Appello di Lecce Taranto, 16 maggio 2012; Cass. Civ. 2605/2013; Cass. Pen. 11063/2013; Cass. Pen. 31304/2013; Cass. Civ. 19081/2013; Cass. Pen. 36398/2013; Cass. Pen. 1511/2014; Cass. Pen. 10898/2014; Cass. Pen. 12377/2014; Cass. Pen. 18459/2014; Cass. Pen. 16247/2014; Cass. Pen. 27615/2014; Cass. Pen. 29276/2014; Cass. Pen. 29877/2014; Cass. Pen. 44107/2014; Cass. Pen. 51781/2014; Cass. Pen. 53035/2014; Cass. Civ. 7388/2015; Cass. Pen. 26263/2015; Cass. Civ. 14492/2015; Cass. Pen. 33779/2015; Cass. Pen. 35534/2015; Cass. Pen. 43425/2015; Cass. Pen. 44131/2015; Cass. Civ. 23784/2015;

 


Contratti e relazioni sindacali collegati: Accordo nel settore tessile - RLS;

Note e commenti: Chiara Lazzari, Obblighi e poteri dei coordinatori in materia di Sicurezza;




Art. 4. Obblighi del datore di lavoro, del dirigente e del preposto

1. Il datore di lavoro, in relazione alla natura dell'attività dell'azienda ovvero dell'unità produttiva, valuta tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonchè nella sistemazione dei luoghi di lavoro.

2. All'esito della valutazione di cui al comma 1, il datore di lavoro elabora un documento contenente:
a) una relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;
b) l'individuazione delle misure di prevenzione e di protezione e dei dispositivi di protezione individuale, conseguente alla valutazione di cui alla lettera a);
c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza.

3. Il documento è custodito presso l'azienda ovvero l'unità produttiva.

4. Il datore di lavoro:
a) designa il responsabile del servizio di prevenzione e protezione interno o esterno all'azienda secondo le regole di cui all'art. 8;
b) designa gli addetti al servizio di prevenzione e protezione interno o esterno all'azienda secondo le regole di cui all'art. 8;
c) nomina, nei casi previsti dall'art. 16, il medico competente.

5. Il datore di lavoro adotta le misure necessarie per la sicurezza e la salute dei lavoratori, e in particolare:
a) designa preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza;
b) aggiorna le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e della sicurezza del lavoro, ovvero in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione;
c) nell'affidare i compiti ai lavoratori tiene conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza;
d) fornisce ai lavoratori i necessari e idonei dispostivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione;
e) prende le misure appropriate affinchè soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico;
f) richiede l'osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonchè delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione;
g) richiede l'osservanza da parte del medico competente degli obblighi previsti dal presente decreto, informandolo sui processi e sui rischi connessi all'attività produttiva;
h) adotta le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dà istruzioni affinchè i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;
i) informa il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;
l) si astiene, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato;
m) permette ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante per la sicurezza, l'applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute e consente al rappresentante per la sicurezza di accedere alle informazioni ed alla documentazione aziendale di cui all'art. 19, comma 1, lettera e);
n) prende appropriati provvedimenti per evitare che le misure tecniche adottate possano causare rischi per la salute della popolazione o deteriorare l'ambiente esterno;
o) tiene un registro nel quale sono annotati cronologicamente gli infortuni sul lavoro che comportano un'assenza dal lavoro di almeno un giorno. Nel registro sono annotati il nome, il cognome, la qualifica professionale dell'infortunato, le cause e le circostanze dell'infortunio, nonchè la data di abbandono e di ripresa del lavoro. Il registro è redatto conformemente al modello approvato con decreto dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale, sentita la Commissione consultiva permanente, di cui all'art. 393 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547, e successive modifiche, ed è conservato sul luogo di lavoro, a disposizione dell'organo di vigilanza. Fino all'emanazione di tale decreto il registro è redatto in conformità ai modelli già disciplinati dalle leggi vigenti;
p) consulta il rappresentante per la sicurezza nei casi previsti dall'art. 19, comma 1, lettere b), c) e d);
q) adotta le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell'evacuazione dei lavoratori, nonchè per il caso di pericolo grave e immediato. Tali misure devono essere adeguate alla natura dell'attività, alle dimensioni dell'azienda, ovvero dell'unità produttiva, e al numero delle persone presenti.

6. Il datore di lavoro effettua la valutazione di cui al comma 1 ed elabora il documento di cui al comma 2 in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e con il medico competente, nei casi in cui sia obbligatoria la sorveglianza sanitaria, previa consultazione del rappresentante per la sicurezza.

7. La valutazione di cui al comma 1 e il documento di cui al comma 2 sono rielaborati in occasione di modifiche del processo produttivo significative ai fini della sicurezza e della salute dei lavoratori.

8. Il datore di lavoro custodisce, presso l'azienda ovvero l'unità produttiva, la cartella sanitaria e di rischio del lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria, con salvaguardia del segreto professionale, e ne consegna copia al lavoratore stesso al momento della risoluzione del rapporto di lavoro, ovvero quando lo stesso ne fa richiesta.

9. Per le piccole e medie aziende, con uno o più decreti da emanarsi entro il 31 marzo 1996 da parte dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale, dell'industria, del commercio e dell'artigianato e della sanità, sentita la commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e per l'igiene del lavoro, in relazione alla natura dei rischi e alle dimensioni dell'azienda, sono definite procedure standardizzate per gli adempimenti documentali di cui al presente articolo. Tali disposizioni non si applicano alle attività industriali di cui all'art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio 1988, n. 175, e successive modifiche, soggette all'obbligo di dichiarazione o notifica ai sensi degli articoli 4 e 6 del decreto stesso, alle centrali termoelettriche, agli impianti e laboratori nucleari, alle aziende estrattive ed altre attività minerarie, alle aziende per la fabbricazione e il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni, e alle strutture di ricovero e cura sia pubbliche sia private.

10. Per le medesime aziende di cui al comma 9, primo periodo, con uno o più decreti dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale, dell'industria, del commercio e dell'artigianato e della sanità, sentita la commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e per l'igiene del lavoro, possono essere altresì definiti:
a) i casi relativi a ipotesi di scarsa pericolosità, nei quali è possibile lo svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione in aziende ovvero unità produttive che impiegano un numero di addetti superiore a quello indicato nell'allegato I;
b) i casi in cui è possibile la riduzione a una sola volta all'anno della visita di cui all'art. 17, lettera h), degli ambienti di lavoro da parte del medico competente, ferma restando l'obbligatorietà di visite ulteriori, allorchè si modificano le situazioni di rischio.

11. Fatta eccezione per le aziende indicate nella nota [1] dell'allegato I, il datore di lavoro delle aziende familiari nonchè delle aziende che occupano fino a dieci addetti non è soggetto agli obblighi di cui ai commi 2 e 3, ma è tenuto comunque ad autocertificare per iscritto l'avvenuta effettuazione della valutazione dei rischi e l'adempimento degli obblighi ad essa collegati. L'autocertificazione deve essere inviata al rappresentante per la sicurezza. Sono in ogni caso soggette agli obblighi di cui ai commi 2 e 3 le aziende familiari nonchè le aziende che occupano fino a dieci addetti, soggette a particolari fattori di rischio, individuate nell'ambito di specifici settori produttivi con uno o più decreti del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri della sanità, dell'industria, del commercio e dell'artigianato, delle risorse agricole alimentari e forestali e dell'interno, per quanto di rispettiva competenza.

12. Gli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare, ai sensi del presente decreto, la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici, ivi comprese le istituzioni scolastiche ed educative, restano a carico dell'amministrazione tenuta, per effetto di norme o convenzioni, alla loro fornitura e manutenzione. In tal caso gli obblighi previsti dal presente decreto, relativamente ai predetti interventi, si intendono assolti, da parte dei dirigenti o funzionari preposti agli uffici interessati, con la richiesta del loro adempimento all'amministrazione competente o al soggetto che ne ha l'obbligo giuridico.

Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 6804/2002; Cass. Pen. 500/2002; Cass. Pen. 25944/2003; Cass. civ. 7328/2004; Cass. Pen. 12370/2005;   Cass. pen. 20595/2005Cass.Pen. 29229/2005; Cass. pen. 14192/2005Cass. Pen. 47249/2005Cass. Pen. 47363/2005Cass. Pen. 34415/2005Cass. Pen. 36981/2005Cass. Pen. 33308/2005 ; Cass. Pen. 11351/2005 ; Cass. Pen. 39268/2004 ; Cass. Pen. 18319/2003 ; Cass. Pen. 28350/2006 ; Tribunale di Nola 28/2/2006 ; Cass. Pen. 37576/2006 ; Cass. Pen. 40287/2006 ; Cass. Pen. 41943/2006 ; Corte Cost. 399/96;Cass. pen. 212/1999; Cass. Pen. 21593/2007; Cass. Pen. 6277/2007; Cass. Pen. 3011/2007; Cass. Pen. 4063/2007; Cass. Pen. 47173/2007; Cass. Pen. 802/2007; Cass. Pen. 35671/2007; Cass. Pen. 37397/2007; Cass.Pen. 15234/2008; Cass. Pen. 8620/2008; Cass. Pen. 27420/2008; Cass.Pen. 15247/2008; Cass. Pen. 38009/2008; Cass.Pen. 39888/2008; Cass. Pen. 37997/2008; Cass. Pen. 40783/2008;  Cass. Civ. 27480/2008; Cass. Pen. 37079/2008; Cass. Pen. 36470/2008; Cass. Pen. n.48295/2008; Cass.Pen. 43840/2008 Cass. Pen. 45073/2008; Cass. Pen. 45020/2008; Cass. Pen. 47485/2008 Cass. Pen. 26539/2008Cass.Pen. 42131/2008;Cass. Pen. 40796/2008Cass. Pen. 25648/2008; Cass. Pen. 8604/2008;  Cass. Civ. 11928/2008Cass. Pen. 13953/2008Cass. Pen. 1833/2009;   Cass. Civ. 5163/2009; Cass. Pen. 22822/2009; Cass: pen. 6613/2009;Cass. Pen. 40582/2009Cass. Pen. 1825/2009Cass.Pen. 6195/2009; Cass.Pen. 6884/2009; Cass. Pen. 17218/2009; Cass. Pen. 20454/2009; Cass. Pen. 40561/2009Cass. Pen. 40886/2009; Cass. Pen. 27819/2009; Cass. Pen. 41823/2009Cass. Pen. 46678/2009Tribunale di Cassino 7 luglio 2009; Cass. Pen. 1490/2010; Cass. Pen. 1834/2010; Tribunale Terni, 20 maggio 2009; Tribunale Roma, 21 luglio 2009; Cass. Pen. 1831/2009; Cass. Pen. 48573/2009Cass. Pen. 4917/2010; Cass. Pen. 45860/2010; Cass. Pen. 37840/2009; Tribunale di Monza, 11 gennaio 2010;Cass. Pen. 10448/2010;Tribunale di Genova,18 febbraio 2010; Tribunale di L'Aquila, 19 gennaio 2010Cass. Pen. 11262/2010Cass. Pen. 7292/2010;Cass. Pen. 7691/2010; Cass. Pen. 45860/2010; Cass. Pen. 12402/2010;Cass. Pen. 3587/2010; Corte di Appello Milano, 17 febbraio 2010Corte di Appello di Milano, 4 febbraio 2010;   Corte di Appello di Milano, 10 febbraio 2010Corte di Appello di Trento, 19/2010; Cass. Pen. 4930/2010; Cass. Pen. 14504/2010; Cass. Pen. 1841/2010; Cass. Pen. 14499/2010; Cass. Pen. 8622/2010Cass. Pen. 18149/2010; Cass. Pen. 15640/2010Cass. Pen. 14305/2010; Cass. Pen. 34771/2010; Cass. Pen. 34529/2010; Cass. Pen. 17574/2010;Cass. Civ. 21698/2010; Cass. Pen. 6202/2010;Cass. Civ. 21203/2010; Cass. Pen. 37923/2010; Cass. Pen. 38691/2010; Cass. Pen. 38700/2010Corte di Appello di Trieste, 18 maggio 2010; Cass. Pen. 44861/2010; Trib. Novara, 26 ottobre 2010;Cass. Pen. 1237/2011; Cass. Pen. 1856/2011; Cass. Pen. 2336/2011;Cass.Pen. 2565/2011; Cass.Pen. 1791/2011;Cass. Pen. 5013/2011; Cass. Pen. 104/2011;Cass. Pen. 6806/2011; T.A.R. 237/2011; Cass. Pen. 8277/2011;Cass. Pen. 8839/2011;Cass. Pen. 5018/2011;Trib. Trento, 07 febbraio 2011;Trib. Napoli, 04 febbraio 2011;Corte di Appello di Trento, 18 marzo 2011;Cass. Pen. 17214/2011; Cass. Pen. 104/2011; Cass. Pen. 17443/2011;Cass. Pen. 18514/2011; Cass. Civ. 10018/2011; Cass. Pen. 20576/2011;Cass. Pen. 22541/2011;Cass. Pen. 21575/2011; Cass. Pen. 22178/2011;Corte di Appello di Milano, 13 aprile 2011;Cass. Pen. 24280/2011; Cass. Pen. 23968/2011; Tribunale di Milano, 27 settembre 2002; Cass. Pen. 24544/2011; C.d.S. 4105/2011; Cass. Pen. 28779/2011; Cass. Pen. 27738/2011; Cass. Pen. 28921/2011; Cass. Pen. 28897/2011; Cass. Pen. 28892/2011; Tribunale di Trento, 21 giugno 2011; Cass. Pen. 31571/2011; Cass. Pen. 35204/2011; Cass. Pen. 34727/2011; Cass. Pen. 34727/2011; Corte di Appello di Firenze, 19 settembre 2011; Cass. Pen. 36605/2011; Tribunale di Trento, 18 luglio 2011; Cass. Pen. 38209/2011; Cass. Pen. 38791/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 39266/2011; Cass. Pen. 35209/2011; Cass. Pen. 42018/2011; Cass. Pen. 42083/2011; Corte di Appello di Trieste, 15 luglio 2011; Cass. Pen. 43628/2011; Cass. Pen. 45022/2011; Cass. Pen. 46340/2011; Corte di Appello di Trento, 23 novembre 2011; Tribunale di Aosta, 27 settembre 2011; Cass. Pen. 47793/2011; Cass. Pen. 46819/2011; Cass. Pen. 47866/2011; Cass. Pen. 47864/2011; Cass. Pen. 626/2012Cass. Pen. 1445/2012; Trib. di Roma, 30 maggio 2012; Cass. Pen. 1372/2012; Cass. Pen. 6854/2012; Cass. Pen. 3999/2012; Cass. Pen. 3947/2012; Cass. Pen. 6998/2012; Cass. Pen. 8015/2012; Cass. Pen. 6643/2012; Cass. Pen. 10704/2012; Cass. Civ. 5241/2012; Cass. Pen. 4412/2012; Trib. Milano, 27 febbraio 2012; Cass. Pen. 13952/2012; Cass. Pen. 16888/2012; Cass. Pen. 16890/2012; Cass. Pen. 15748/2012; Tribunale di Trento, 11 febbraio 2012; Trib. Bologna, 16 luglio 2012; Cass. Pen. 19602/2012; Cass. Pen. 21204/2012; Cass. Pen. 25145/2012; Cass. Pen. 25739/2012; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Pen. 27934/2012; Cass. Pen. 28353/2012; Cass. Pen. 23630/2012; Cass. Pen. 34246/2012; Cass. Pen. 32422/2012; Cass. Pen. 33567/2012; Cass. Pen. 34141/2012; Corte di Appello di Lecce Taranto, 16 maggio 2012; Cass. Pen. 35921/2012; Cass. Pen. 36262/2012; Cass. Pen. 36277/2012; Cass. Civ. 16474/2012; Cass. Pen. 37314/2012; Cass. Pen. 38104/2012;Cass. Pen. 40894/2012; Trib. Nuoro, 05 maggio 2012; Trib. di Rovereto, 21 giugno 2012; Cass. Pen. 42489/2012; Cass. Pen. 43811/2012; Cass. Pen. 44834/2012; Corte di appello di Roma, 05 settembre 2012; Cass. Pen. 46215/2012; Trib. Trieste, 29 giugno 2012; Cass. Pen. 48230/2012; Cass. Pen. 48231/2012; CdS 6340/2012; Cass. Pen. 48791/2012; Trib. Nuoro, 14 luglio 2012; Corte di Appello di Napoli, 9 gennaio 2013; Cass. Pen. 189/2013; Cass. Civ. 1694/2013; Cass. Pen. 1715/2013; Cass. Pen. 2302/2013; Cass. Pen. 2569/2013; Cass. Pen. 2578/2013; Cass. Civ. 2605/2013; Cass. Pen. 3117/2013; Cass. Pen. 3278/2013; Cass. Pen. 4507/2013; Cass. Pen. 9505/2013; Cass. Pen. 10319/2013Cass. Pen. 10327/2013; Cass. Pen. 11062/2013; Cass. Pen. 15881/2013; Cass. Pen. 13731/2013; Cass. Pen. 16266/2013; Cass. Pen. 20128/2013; Cass. Pen. 21628/2013; Cass. Pen. 26420/2013; Cass. Pen. 31304/2013; Cass. Pen. 35827/2013; Cass. Pen. 37738/2013; Cass. Pen. 38129/2013; Cass. Pen. 38643/2013; Cass. Pen. 39491/2013; Cass. Pen. 43080/2013; Cass. Civ. 25392/2013; Cass. Pen. 46706/2013; Cass. Pen. 1511/2014; Cass. Pen. 1870/2014; Cass. Pen. 2343/2014; Cass. Pen. 5029/2014; Cass. Pen. 12377/2014; Cass. Pen. 14547/2014; Cass. Pen. 19487/2014; Cass. Pen. 20682/2014; Cass. Pen. 21241/2014; Cass. Pen. 22964/2014; Cass. Pen. 22965/2014; Cass. Pen. 24616/2014; Cass. Pen. 23620/2014; Cass. Pen. 27615/2014; Cass. Pen. 25213/2014; Cass. Pen. 25222/2014; Trib. di Sondrio 102/2014; Cass. Pen. 29276/2014; Cass. Pen. 29877/2014; Cass. Pen. 36248/2014; Cass. Pen. 36257/2014; Cass. Pen. 36348/2014; Cass. Pen. 36438/2014; Cass. Pen. 36452/2014; Cass. Pen. 36476/2014; Cass. Pen. 36510/2014; Cass. Pen. 38100/2014; Cass. Pen. 42309/2014; Trib. Milano, 7017/2014; Cass. Pen. 42317/2014; Cass. Pen. 46438/2014; Cass. Pen. 47018/2014; Cass. Pen. 49725/2014; Cass. Pen. 49734/2014; Cass. Pen. 51781/2014; Cass. Pen. 52442/2014; Cass. Pen. 53035/2014; Cass. Pen. 1996/2015; Cass. Pen. 2177/2015; Cass. Pen. 3266/2015; Cass. Pen. 3272/2015; Cass. Pen. 3797/2015; Cass. Pen. 4361/2015; Cass. Pen. 5983/2015; Cass. Pen. 7960/2015; Cass. Pen. 14010/2015; Cass. Pen. 14167/2015; Corte di Appello Torino, 20 maggio 2015; Cass. Civ. 7388/2015; Cass. Pen. 15172/2015; Cass. Pen. 16389/2015; Cass. Pen. 17119/2015; Cass. Pen. 18083/2015; Cass. Pen. 18085/2015; Cass. Civ. 9564/2015; Cass. Pen. 21256/2015; Cass. Pen. 21304/2015; Cass. Pen. 22028/2015; Cass. Pen. 22813/2015; Cass. Pen. 24452/2015; Cass. Pen. 24460/2015; Cass. Pen. 24826/2015; Cass. Pen. 26263/2015; Cass. Pen. 26288/2015; Cass. Pen. 26292/2015; Cass. Pen. 26993/2015; Cass. Pen. 27120/2015; Cass. Pen. 27182/2015; Cass. Civ. 14492/2015; Cass. Pen. 16084/2015; Cass. Pen. 30349/2015; Cass. Pen. 31223/2015; Cass. Pen. 34701/2015; Cass. Pen. 35336/2015; Corte di appello di Milano, 8128/2015; Cass. Pen. 40065/2015; Cass. Pen. 43013/2015; Cass. Pen. 43425/2015; Cass. Civ. 23784/2015; Cass. Pen. 47002/2015; Cass. Pen. 46991/2015; Cass. Pen. 48376/2015; Cass. Pen. 49349/2015; Cass. Pen. 51190/2015; Cass. Pen. 2544/2016; Cass. Pen. 4347/2016; Cass. Pen. 4973/2016; Cass. Pen. 4987/2016; Cass. Pen.9571/2016; Cass. Pen. 12223/2016; Cass. Pen. 12257/2016; Cass. Civ. 6775/2016; Cass. Pen. 16620/2016; Cass. Pen. 20068/2016;

 


Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003 ; Accordo nel settore tessile - RLS ; Verbale di accordo Aziende del gas municipalizzato - RLS ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996; Cass. Pen. 36605/2011; Cass. Pen. 14787/2014;

 



Note e commenti: Luciano Angelini, I preposti.
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, I minori al lavoro.
Chiara Lazzari, Obblighi e poteri dei coordinatori in materia di Sicurezza.

Riferimenti normativi successivi: D.M. 05/12/1996 ;



Art. 5. Obblighi dei lavoratori

1. Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione ed alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro.

2. In particolare i lavoratori:
a) osservano le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale;
b) utilizzano correttamente i macchinari, le apparecchiature, gli utensili, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e le altre attrezzature di lavoro, nonchè i dispositivi di sicurezza;
c) utilizzano in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione;
d) segnalano immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dispositivi di cui alle lettere b) e c), nonchè le altre eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;
e) non rimuovono o modificano senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo;
f) non compiono di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori;
g) si sottopongono ai controlli sanitari previsti nei loro confronti;
h) contribuiscono, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all'adempimento di tutti gli obblighi imposti dall'autorità competente o comunque necessari per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro.

Giurisprudenza collegataCass. pen. 20145/2001; Cass. Pen. 25944/2003; Cass. pen. 20595/2005; Cass. Pen. 47249/2005; Cass. Pen. 37397/2007;Cass. Pen. 6281/2007; Cass. Pen. 38002/2008; Cass. Pen. 45020/2008; Cass. Pen. 13953/2008;   Cass.Pen. 6195/2009; Cass. Civ. 9698/2009; Cass. Pen. 15009/2009; Cass. Pen. 20454/2009;Cass. Pen. 41791/2009; Cass. Pen. 3587/2010; Corte di Appello di Milano, 10 febbraio 2010; Cass.Pen. 34774/2010; Cass. Pen. 35749/2010Corte di Appello di Trieste, 18 maggio 2010; Cass. Pen. 42469/2010;Trib. Novara, 26 ottobre 2010;Cass. Pen. 1237/2011;Cass. Pen. 8296/2011;Tribunale di L'Aquila, 28 gennaio 2011;Cass. Pen., 19566/2011;Cass. Pen. 23292/2011; Cass. Pen. 27738/2011; Cass. Pen. 28897/2011; Cass. Pen. 33285/2011; Cass. Pen. 42083/2011; Cass. Civ. 16474/2012; Cass. Civ. 18469/2012; Cass. Civ. 12201/2011; Cass. Pen. 24544/2011; Cass. Pen. 35204/2011; Cass. Pen. 21204/2012; Cass. Pen. 36262/2012; Cass. Pen. 11451/2013; Cass. Civ. 10553/2013; Trib. di Taranto, 06 febbraio 2013Cass. Pen. 14450/2013; Cass. Pen. 39158/2013; Cass. Pen. 1511/2014; Cass. Pen. 18436/2014; Trib. di Sondrio 102/2014; Cass. Pen. 22964/2014; Cass. Pen. 36277/2014; Cass. Pen. 36452/2014; Trib. Milano, 7017/2014; Cass. Pen. 44806/2014; Cass. Pen. 15172/2015; Cass. Pen. 19543/2015; Cass. Pen. 24452/2015; Cass. Pen. 29794/2015; Cass. Pen. 29798/2015; Cass. Pen. 34704/2015; Cass. Pen. 34818/2015; Cass. Pen. 43358/2015; Cass. Pen. 4973/2016; Cass. Pen. 9558/2016; Cass. Pen. 16620/2016;





Contratti e relazioni sindacali collegati: Accordo nel settore tessile - RLS ;


Art. 6. Obblighi dei progettisti, dei fabbricanti, dei fornitori e degli installatori

 

1. I progettisti dei luoghi o posti di lavoro e degli impianti rispettano i principi generali di prevenzione in materia di sicurezza e di salute al momento delle scelte progettuali e tecniche e scelgono macchine nonchè dispositivi di protezione rispondenti ai requisiti essenziali di sicurezza previsti nelle disposizioni legislative e regolamentari vigenti.

2. Sono vietati la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di macchine, di attrezzature di lavoro e di impianti non rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di sicurezza. Chiunque concede in locazione finanziaria beni assoggettati a forme di certificazione o di omologazione obbligatoria è tenuto a che gli stessi siano accompagnati dalle previste certificazioni o dagli altri documenti previsti dalla legge.

3. Gli installatori e montatori di impianti, macchine o altri mezzi tecnici devono attenersi alle norme di sicurezza e di igiene del lavoro, nonchè alle istruzioni fornite dai rispettivi fabbricanti dei macchinari e degli altri mezzi tecnici per la parte di loro competenza.

Giurisprudenza Collegata: Cass. Pen. 25944/2003; Cass. Pen. 20471/2007; Cass. Pen. 3011/2007; Cass. Pen. 6280/2007; Cass. Pen. 47485/2008; Cass. Pen. 13866/2009 Cass. Pen. 36889/2009;   Cass.Pen. 34774/2010; Tribunale di Pinerolo, 23 settembre 2010; Cass. Pen. 3095/2011; Cass. Pen. 16436/2011;Cass. Pen. 19312/2011;Cass. Pen. 21032/2011; Cass. Pen. 23430/2011; Cass. Pen. 32119/2011; Cass. Pen. 33285/2011; Corte di Appello di L'Aquila, 14 settembre 2011; Cass. Pen. 46024/2011; Corte di Appello di Trento, 14 settembre 2011; Corte di Appello di Firenze, 11 novembre 2011; Cass. Pen. 47866/2011; Trib. di Monza 19 gennaio 2012; Cass. Pen. 13553/2012; Cass. Pen. 18139/2012; Cass. Pen. 19416/2012; Corte di Appello di Firenze, Sez. 3, 15 marzo 2012; Trib. Bologna, 16 luglio 2012; Cass. Pen. 35920/2012; Cass. Pen. 43435/2012; Cass. Pen. 47613/2012; Cass. Pen. 11445/2013Trib. Como 129/2013; Cass. Pen. 11487/2013; Cass. Pen. 18639/2013; Cass. Pen. 25986/2013; Cass. Pen. 26970/2013; Cass. Pen. 40590/2013; Cass. Pen. 11160/2014; Cass. Pen. 16247/2014; Cass. Pen. 29276/2014; Cass. Pen. 49670/2014; Cass. Pen. 14150/2015; Cass. Pen. 16390/2015; Cass. Pen. 19758/2015; Cass. Pen. 49349/2015; Cass. Pen. 4334/2016; Cass. Pen. 9558/2016;

 

Art. 7. Contratto di appalto o contratto d'opera


1. Il datore di lavoro, in caso di affidamento dei lavori ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell’ambito dell’intero ciclo produttivo dell’azienda medesima:
a) verifica, anche attraverso l'iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato, l'idoneità tecnico-professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori da affidare in appalto o contratto d'opera;
b) fornisce agli stessi soggetti dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività.

2. Nell'ipotesi di cui al comma 1 i datori di lavoro:
a) cooperano all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto;
b) coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva.

3. Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione ed il coordinamento di cui al comma 2. Tale obbligo non si estende ai rischi specifici propri dell'attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi.

3-bis. L’imprenditore committente risponde in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali ulteriori subappaltatori, per tutti i danni per i quali il lavoratore, dipendente dall’appaltatore o dal subappaltatore, non risulti indennizzato ad opera dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro.

 



Giurisprudenza collegata:

Cass. Pen. 31549/2002; Cass. Pen. 25944/2003Cass. Pen. 2946/2004 ; Cass. Pen. 31296/2005 ; Cass. Pen. 11351/2005 ; Cass. Pen. 3447/2004 ; Cass. Pen. 22823/2006; Cass. pen. 2604/2006; Cass. Pen. 37588/2007; Cass. Pen. 3502/2007;Cass. Pen. 15226/2007; Cass. Pen. 18881/2008; Cass. Pen. 37997/2008; Cass.Pen. 15247/2008; Cass.Pen. 41815/2008; Cass. Pen. 37079/2008;  Cass. Pen. 12348/2008; Cass. Civ. 45/2009; Cass. Pen. 47370/2008Cass. Civ. 11928/2008; Cass. Pen. 41187/2008; Cass. Pen. 46207/2008;Cass. Pen. 1825/2009; Cass.Pen. 42131/2008; Cass.Pen. 28529/2008Cass. Pen. 12673/2009; Cass. Pen. 23090/2008; Cass.Pen. 6884/2009Cass. Pen. 26115/2008; Cass. Pen. 14440/2009; Cass. Pen. 23604/2009Cass. Pen. 28197/2009; Cass. Pen. 46744/2009; Cass. Pen. 40561/2009Cass. Pen. 32204/2009; Cass. Pen. 25946/2009; Cass. Pen. 27443/2009; Cass. Pen. 26684/2009 Cass. Pen. 40865/2009; Cass. Pen. 45931/2009; Cass. Pen. 34327/2009; Cass. Pen. 36857/2009; Cass. Pen. 48328/2009Cass. Pen. 44591/2009; Cass. Pen. 1490/2010;Cass. Pen. 41791/2009;Cass. Pen. 37840/2009;Cass. Pen. 10348/2009; Tribunale di Monza, 11 gennaio 2010Cass. Pen. 45860/2010 Cass. Pen. 4925/2010Corte di Appello di Milano, 10 febbraio 2010; Cass. Pen. 9951/2010; Cass. Pen. 16140/2010; Tribunale di Napoli, 14 luglio 2010; Cass. Pen. 37600/2010;  Cass. Pen. 37583/2010;  Cass. Pen. 40499/2010Corte di Appello di Trieste, 18 maggio 2010; Cass. Pen. 41074/2010;Cass. Pen. 32144/2010; Cass. Pen. 99/2011;Trib. Novara, 26 ottobre 2010; Cass. Pen. 2567/2011Cass. Pen. 115/2011;Cass. Pen. 5013/2011;Cass. Pen. 6806/2011; Cass. Pen. 8277/2011;Cass. Pen. 5032/2011;Cass. Pen. 10656/2011; Cass. Pen. 13744/2011;Cass. Pen. 15000/2011;Trib. Napoli, 04 febbraio 2011;Tribunale di L'Aquila, 28 gennaio 2011;Cass. Pen. 44881/2011;Cass. Pen. 15562/2011; Cass. Pen. 19311/2011; Corte di Appello di Milano, 13 aprile 2011; Cass. Pen. 23336/2011; Cass. Pen. 23316/2011; Cass. Pen. 24817/2011; Cass. Pen. 27738/2011; Cass. Pen. 32119/2011; Cass. Pen. 34727/2011; Cass. Pen. 34727/2011Cass. Pen. 36605/2011; Cass. Pen. 35412/2011; Cass. Pen. 38209/2011; Cass. Pen. 38785/2011; Cass. Pen. 38785/2011; Cass. Pen. 3563/2012; Cass. Pen. 5420/2012; Cass. Pen. 6389/2012; Cass. Civ. 4482/2012; Tribunale di Trento, 11 febbraio 2012; Cass. Pen. 17846/2012; Cass. Civ. 8686/2012; Cass. Civ. 9441/2012; Cass. Pen. 21842/2012; Cass. Pen. 27045/2012; Cass. Pen. 32343/2012; Cass. Pen. 32422/2012; Cass. Pen. 34141/2012; Cass. Pen. 36284/2012; Cass. Pen. 35909/2012; Cass. Pen. 37325/2012; Cass. Pen. 37334/2012; Cass. Civ. 18469/2012; Cass. Pen. 42494/2012; Cass. Pen. 43805/2012; Trib. Ivrea, 01 agosto 2012; Cass. Pen. 1713/2013; Cass. Pen. 1715/2013; Cass. Civ. 1873/2013; Cass. Pen. 2285/2013; Cass. Pen. 4486/2013; Cass. Pen. 5465/2013Trib. Como 129/2013; Cass. Pen. 5473/2013; Cass. Pen. 10608/2013; Cass. Civ. 14207/2013; Cass. Pen. 15683/2013; Cass. Pen. 18568/2013; Cass. Pen. 28167/2013; Cass. Civ. 17178/2013; Cass. Pen. 23670/2013; Cass. Pen. 35827/2013; Cass. Civ. 19081/2013; Cass. Pen. 36398/2013; Cass. Pen. 38643/2013; Cass. Pen. 41831/2013; Cass. Civ. 22739/2013; Cass. Pen. 1511/2014; Cass. Pen. 22964/2014; Cass. Pen. 25213/2014; Cass. Civ. 25758/2013; Cass. Pen. 39158/2013; Cass. Pen. 37738/2013; Cass. Pen. 44482/2013; Cass. Pen. 46761/2013; Cass. Pen. 18459/2014; Cass. Pen. 19487/2014; Cass. Pen. 22286/2014; Cass. Pen. 30483/2014; Cass. Pen. 29276/2014; Cass. Pen. 36268/2014; Cass. Pen. 36438/2014; Cass. Pen. 36510/2014; Trib. Milano, 7017/2014; Cass. Pen. 44107/2014; Cass. Pen. 49725/2014Cass. Pen. 52455/2014; Cass. Pen. 3265/2015; Cass. Pen. 3278/2015; Cass. Pen. 3804/2015; Cass. Pen. 3937/2015; Cass. Pen. 5857/2015; Cass. Pen.  6394/2015; Cass. Pen. 9864/2015; Trib. ReggioEmilia 346/2015; Cass. Pen. 12228/2015; Cass. Pen. 14150/2015; Cass. Pen. 14157/2015; Cass. Pen. 14167/2015; Cass. Pen. 15696/2015; Cass. Pen. 18073/2015; Cass. Pen. 18085/2015; Cass. Pen. 22369/2015; Cass. Pen. 22813/2015; Cass. Pen. 29798/2015; Cass. Pen. 29906/2015; Cass. Pen. 31000/2015; Cass. Pen. 34083/2015; Cass. Pen. 34704/2015; Cass. Pen. 34818/2015; Cass. Pen. 35534/2015; Cass. Pen. 36024/2015; Cass. Pen. 43013/2015; Cass. Pen. 44131/2015; Cass. Pen. 46991/2015; Cass. Pen. 16/2016; Cass. Civ. 287/2016; Cass. Pen. 1836/2016; Cass. Pen.9571/2016; Cass. Pen. 10177/2016; Cass. Pen. 10187/2016; Cass. Pen. 12224/2016; Cass. Pen. 14770/2016;

 

 


Note e commenti: Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Salute e sicurezza dei lavoratori in tema d'appalto.
Chiara Lazzari, Obblighi e poteri dei coordinatori in materia di Sicurezza.

 

Capo II
SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Art. 8. Servizio di prevenzione e protezione

 



1. Salvo quanto previsto dall'art. 10, il datore di lavoro organizza all'interno dell'azienda, ovvero dell'unità produttiva, il servizio di prevenzione e protezione, o incarica persone o servizi esterni all'azienda, secondo le regole di cui al presente articolo.

2. Il datore di lavoro designa all'interno dell'azienda ovvero dell'unità produttiva, una o più persone da lui dipendenti per l'espletamento dei compiti di cui all'articolo 9, tra cui il responsabile del servizio in possesso delle capacita' e dei requisiti professionali di cui all'articolo 8-bis, previa consultazione del rappresentante per la sicurezza.

3. I dipendenti di cui al comma 2 devono essere in numero sufficiente, possedere le capacità necessarie e disporre di mezzi e di tempo adeguati per lo svolgimento dei compiti loro assegnati. Essi non possono subire pregiudizio a causa dell'attività svolta nell'espletamento del proprio incarico.

4. Salvo quanto previsto dal comma 2, il datore di lavoro può avvalersi di persone esterne all'azienda in possesso delle conoscenze professionali necessarie per integrare l'azione di prevenzione o protezione.

5. L'organizzazione del servizio di prevenzione e protezione all'interno dell'azienda, ovvero dell'unità produttiva, è comunque obbligatoria nei seguenti casi:
a) nelle aziende industriali di cui all'art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio 1988, n. 175 e successive modifiche, soggette all'obbligo di dichiarazione o notifica, ai sensi degli articoli 4 e 6 del decreto stesso;
b) nelle centrali termoelettriche;
c) negli impianti e laboratori nucleari;
d) nelle aziende per la fabbricazione e il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni;
e) nelle aziende industriali con oltre duecento dipendenti;
f) nelle industrie estrattive con oltre cinquanta lavoratori dipendenti;
g) nelle strutture di ricovero e cura sia pubbliche sia private.

6. Salvo quanto previsto dal comma 5, se le capacità dei dipendenti all'interno dell'azienda ovvero dell'unità produttiva sono insufficienti, il datore di lavoro deve far ricorso a persone o servizi esterni all'azienda, previa consultazione del rappresentante per la sicurezza.

7. Il servizio esterno deve essere adeguato alle caratteristiche dell'azienda, ovvero unità produttiva, a favore della quale è chiamato a prestare la propria opera, anche con riferimento al numero degli operatori.

8. Il responsabile del servizio esterno deve possedere le capacita' e dei requisiti professionali di cui all'articolo 8-bis.

9. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, con decreto di concerto con i Ministri della sanità e dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sentita la commissione consultiva permanente, può individuare specifici requisiti, modalità e procedure, per la certificazione dei servizi, nonché il numero minimo degli operatori di cui ai commi 3 e 7.

10. Qualora il datore di lavoro ricorra a persone o servizi esterni egli non è per questo liberato dalla propria responsabilità in materia.

11. Il datore di lavoro comunica all'ispettorato del lavoro e alle unità sanitarie locali territorialmente competenti il nominativo della persona designata come responsabile del servizio di prevenzione e protezione interno ovvero esterno all'azienda. Tale comunicazione è corredata da una dichiarazione nella quale si attesti con riferimento alle persone designate:
a) i compiti svolti in materia di prevenzione e protezione;
b) il periodo nel quale tali compiti sono stati svolti;
c) il curriculum professionale.

 

 



Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 25944/2003; Cass. Pen. 47363/2005 ; Cass. Pen. 36981/2005 ; Cass. Pen. 11351/2005 ; Cass. Civ. 19965/2006 ; Cass. Pen. 41943/2006 ; Cass. Pen. 41947/2006; Cass. pen. 212/1999; Cass. Pen. 39567/2007; Cass. Pen. 6277/2007; Cass. Pen. 3483/2007;Cass. Pen. 15226/2007; Cass. Pen. 19523/2008; Cass. Pen. 27420/2008;  Cass. Civ. 11928/2008; Cass. Pen. 25288/2008Cass. Pen. 39513/2008; Cass. Pen. 14918/2008 ; Cass: pen. 6613/2009; Cass.Pen. 23929/2009; Cass. Pen. 46744/2009Cass. Pen. 7691/2010;Cass. Pen. 11264/2010; Cass. Pen. 3587/2010; Cass. Pen. 11262/2010; Cass. Pen. 11582/2010; Cass. Pen. 16134/2010; Cass. Pen. 4930/2010; Cass. Pen. 15640/2010;   Corte di Appello di Trieste, 18 maggio 2010; Cass. Pen. 45359/2010; Tribunale di Milano, 27 settembre 2002; Cass. Pen. 36612/2011; Corte di Appello di Firenze, 19 settembre 2011; Cass. Pen. 36605/2011; Cass. Pen. 3999/2012; Cass. Pen. 25535/2012; Cass. Pen. 37334/2012; Trib. di Rovereto, 21 giugno 2012; Cass. Pen. 43435/2012; Cass. Pen. 49031/2012; Cass. Civ. 2605/2013; Cass. Pen. 10327/2013; Cass. Pen. 11492/2013; Cass. Pen. 26420/2013; Cass. Pen. 35115/2013; Cass. Pen. 40605/2013; Cass. Pen. 50605/2013; Cass. Pen. 4968/2014; Cass. Pen. 20682/2014; Cass. Pen. 23620/2014; Cass. Pen. 36476/2014; Cass. Pen. 3804/2015; Cass. Pen. 5983/2015; Cass. Pen. 26263/2015; Cass. Pen. 26993/2015; Cass. Pen. 34704/2015; Cass. Pen. 48376/2015;

 

 



Art. 8-bis. Capacita' e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni o esterni

1. Le capacita' ed i requisiti professionali dei responsabili e degli addetti ai servizi di prevenzione e protezione interni o esterni devono essere adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita' lavorative.

2. Per lo svolgimento delle funzioni da parte dei soggetti di cui al comma 1, e' necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore ed essere inoltre in possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell'apprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita' lavorative. In sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono individuati gli indirizzi ed i requisiti minimi dei corsi.

3. I corsi di formazione di cui al comma 2 sono organizzati dalle regioni e province autonome, dalle universita', dall'ISPESL, dall'INAIL, dall'Istituto italiano di medicina sociale, dal Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, dall'amministrazione della Difesa, dalla Scuolasuperiore della pubblica amministrazione, dalle associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori o dagli organismi paritetici. Altri soggetti formatori possono essere individuati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.

4. Per lo svolgimento della funzione di responsabile del servizio prevenzione e protezione, oltre ai requisiti di cui al comma 2, e' necessario possedere un attestato di frequenza, con verifica dell'apprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attivita' tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali.

5. I responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione sono tenuti a frequentare corsi di aggiornamento secondo indirizzi definiti in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, con cadenza almeno quinquennale.

6. Coloro che sono in possesso di laurea triennale di "Ingegneria della sicurezza e protezione" o di "Scienze della sicurezza e protezione" o di "Tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro" sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione di cui al comma 2.

7. E' fatto salvo l'articolo 10.

8. Gli organismi statali di formazione pubblici, previsti al comma 3, organizzano i corsi di formazione secondo tariffe, determinate sulla base del costo effettivo del servizio, da stabilire, con le relative modalita' di versamento, con decreto del Ministro competente per materia, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

9. Le amministrazioni pubbliche di cui al presente decreto, organizzano i corsi di formazione nei limiti delle risorse finanziarie proprie o con le maggiori entrate derivanti dall'espletamento di dette attivita' a carico dei partecipanti.

10. La partecipazione del personale delle pubbliche amministrazioni ai corsi di formazione di cui al presente articolo e' disposta nei limiti delle risorse destinate dalla legislazione vigente alla formazione del personale medesimo

 

Giurisprudenza Collegata: Cass.Pen. 47374/2008Cass. Civ. 11928/2008; Cass. Pen. 1834/2010; Cass. Pen. 16134/2010Cass. Pen. 2557/2011;Cass. Pen. 17443/2011; Cass. Pen. 37334/2012; Cass. Pen. 11492/2013; Cass. Pen. 20682/2014; Cass. Pen. 27006/2015;

 


Art. 9. Compiti del servizio di prevenzione e protezione

1. Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi professionali provvede:
a) all'individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all'individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell'organizzazione aziendale;
b) ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive e i sistemi di cui all'art. 4, comma 2, lettera b) e i sistemi di controllo di tali misure;
c) ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;
d) a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;
e) a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e di sicurezza di cui all'art. 11;
f) a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all'art. 21.

2. Il datore di lavoro fornisce ai servizi di prevenzione e protezione informazioni in merito a:
a) la natura dei rischi; b) l'organizzazione del lavoro, la programmazione e l'attuazione delle misure preventive e protettive;
c) la descrizione degli impianti e dei processi produttivi;
d) i dati del registro degli infortuni e delle malattie professionali;
e) le prescrizioni degli organi di vigilanza.

3. I componenti del servizio di prevenzione e protezione e i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza sono tenuti al segreto in ordine ai processi lavorativi di cui vengono a conoscenza nell'esercizio delle funzioni di cui al presente decreto.

4. Il servizio di prevenzione e protezione è utilizzato dal datore di lavoro.



Giurisprudenza collegataPretura di Trento, 25 gennaio 1999; Cass. Pen. 25944/2003; Cass. Pen. 47363/2005 ; Cass. Pen. 41947/2006; Cass. Pen. 39567/2007; Cass. Pen. 6277/2007; Cass. Pen. 3483/2007; Cass. Pen. 15226/2007; Cass. Pen. 27420/2008; Cass. Civ. 11928/2008; Cass. Pen. 25288/2008; Cass. Pen. 40783/2008; Cass. Pen. 1825/2009; Cass: pen. 6613/2009; Cass.Pen. 23929/2009; Cass. Pen. 1834/2010; Cass. Pen. 7691/2010;Cass. Pen. 3587/2010;   Cass. Pen. 11582/2010; Cass. Pen. 9951/2010; Cass. Pen. 16134/2010; Cass. Pen. 15640/2010; Cass. Pen. 37804/2010;Cass. Pen. 45359/2010; Trib. Novara, 26 ottobre 2010Cass. Pen. 17443/2011;Cass. Pen. 19311/2011; Tribunale di Milano, 27 settembre 2002; Cass. Pen. 27738/2011; Corte di Appello di Firenze, 19 settembre 2011; Cass. Pen. 37334/2012; Trib. di Rovereto, 21 giugno 2012; Cass. Pen. 43435/2012; Cass. Civ. 21135/2012; Corte di appello di Roma, 05 settembre 2012; Cass. Pen. 48219/2012; Cass. Pen. 10327/2013; Cass. Pen. 26970/2013; Cass. Pen. 40605/2013; Cass. Pen. 46706/2013; Cass. Pen. 50605/2013; Cass. Pen. 4968/2014; Cass. Pen. 36476/2014; Cass. Pen. 5983/2015; Cass. Pen. 26993/2015; Cass. Pen. 27006/2015; Cass. Pen. 34704/2015; Cass. Pen. 48376/2015; Cass. Pen. 49349/2015;

 

 

 

Art. 10. Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi

1. Il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi nonchè di prevenzione incendi e di evacuazione, nei casi previsti nell'allegato I, dandone preventiva informazione al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ed alle condizioni di cui ai commi successivi. Esso può avvalersi della facoltà di cui all'art. 8, comma 4.

2. Il datore di lavoro che intende svolgere i compiti di cui al comma 1, deve frequentare apposito corso di formazione in materia di sicurezza e salute sul luogo di lavoro, promosso anche dalle associazioni dei datori di lavoro e trasmettere all'organo di vigilanza competente per territorio:
a) una dichiarazione attestante la capacità di svolgimento dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi;
b) una dichiarazione attestante gli adempimenti di cui all'art. 4, commi 1, 2, 3 e 11;
c) una relazione sull'andamento degli infortuni e delle malattie professionali della propria azienda elaborata in base ai dati degli ultimi tre anni del registro infortuni o, in mancanza dello stesso, di analoga documentazione prevista dalla legislazione vigente;
d) l'attestazione di frequenza del corso di formazione in materia di sicurezza e salute sul luogo di lavoro.

Giurisprudenza collegata: Cass. Civ. 19965/2006 ; Cass. Pen. 39513/2008;   Cass. Pen. 38771/2011; Cass. Pen. 49349/2015;


Art. 11. Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi

1. Nelle aziende, ovvero unità produttive, che occupano più di 15 dipendenti, il datore di lavoro, direttamente o tramite il servizio di prevenzione e protezione dai rischi, indice almeno una volta all'anno una riunione cui partecipano:
a) il datore di lavoro o un suo rappresentante;
b) il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;
c) il medico competente ove previsto;
d) il rappresentante per la sicurezza.

2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all'esame dei partecipanti:
a) il documento, di cui all'art. 4, commi 2 e 3;
b) l'idoneità dei mezzi di protezione individuale;
c) i programmi di informazione e formazione dei lavoratori ai fini della sicurezza e della protezione della loro salute.

3. La riunione ha altresì luogo in occasione di eventuali significative variazioni delle condizioni di esposizione al rischio, compresa la programmazione e l'introduzione di nuove tecnologie che hanno riflessi sulla sicurezza e salute dei lavoratori.

4. Nelle aziende, ovvero unità produttive, che occupano fino a 15 dipendenti, nelle ipotesi di cui al comma 3, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza può chiedere la convocazione di una apposita riunione.

5. Il datore di lavoro, anche tramite il servizio di prevenzione e protezione dai rischi, provvede alla redazione del verbale della riunione che è tenuto a disposizione dei partecipanti per la sua consultazione.

Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 11351/2005; Cass. Pen. 19099/2009Cass. Pen. 11262/2010;   Cass. Pen. 11582/2010; Trib. Monza 05 maggio 2011; Trib. di Rovereto, 21 giugno 2012; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Pen. 4507/2013Cass. Pen. 40065/2015;

Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003 ; Accordo nel settore tessile - RLS ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996 ;

Capo III
PREVENZIONE INCENDI, EVACUAZIONE DEI LAVORATORI, PRONTO SOCCORSO

 

Art. 12. Disposizioni generali

1. Ai fini degli adempimenti di cui all'art. 4, comma 5, lettera q), il datore di lavoro:
a) organizza i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di pronto soccorso, salvataggio, lotta antincendio e gestione dell'emergenza;
b) designa preventivamente i lavoratori incaricati di attuare le misure di cui all'art. 4, comma 5, lettera a);
c) informa tutti i lavoratori che possono essere esposti ad un pericolo grave ed immediato circa le misure predisposte ed i comportamenti da adottare;
d) programma gli interventi, prende i provvedimenti e dà istruzioni affinchè i lavoratori possano, in caso di pericolo grave ed immediato che non può essere evitato, cessare la loro attività, ovvero mettersi al sicuro, abbandonando immediatamente il luogo di lavoro;
e) prende i provvedimenti necessari affinchè qualsiasi lavoratore, in caso di pericolo grave ed immediato per la propria sicurezza ovvero per quella di altre persone e nell'impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, possa prendere le misure adeguate per evitare le conseguenze di tale pericolo, tenendo conto delle sue conoscenze e dei mezzi tecnici disponibili.

2. Ai fini delle designazioni di cui al comma 1, lettera b), il datore di lavoro tiene conto delle dimensioni dell'azienda ovvero dei rischi specifici dell'azienda ovvero dell'unità produttiva.

3. I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione. Essi devono essere formati, essere in numero sufficiente e disporre di attrezzature adeguate, tenendo conto delle dimensioni ovvero dei rischi specifici dell'azienda ovvero dell'unità produttiva.

4. Il datore di lavoro deve, salvo eccezioni debitamente motivate, astenersi dal chiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato.

Giurisprudenza collegataCass. Pen. 34415/2005 ; Cass. Pen. 36981/2005; Cass. pen. 32236/2007; Cass.Pen. 43840/2008; Cass. Pen., 19566/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 26420/2013; Cass. Pen. 27615/2014; Cass. Pen. 29276/2014; Cass. Pen. 1996/2015; Cass. Pen. 35534/2015;



Art. 13. Prevenzione incendi

1. Fermo restando quanto previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577, i Ministri dell'interno, del lavoro e della previdenza sociale, in relazione al tipo di attività, al numero dei lavoratori occupati ed ai fattori di rischio, adottano uno o più decreti nei quali sono definiti:
a) i criteri diretti ad individuare:
1) misure intese ad evitare l'insorgere di un incendio e a limitarne le conseguenze qualora esso si verifichi;
2) misure precauzionali di esercizio;
3) metodi di controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio;
4) criteri per la gestione delle emergenze;
b) le caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio di cui all'art. 12, compresi i requisiti del personale addetto e la sua formazione.

2. Per il settore minerario il decreto di cui al comma 1 è adottato dai Ministri dell'interno, del lavoro e della previdenza sociale e dell'industria, del commercio e dell'artigianato.

Giurisprudenza Collegata: Cass.Pen. 39964/2009;Cass. Pen. 1237/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 27615/2014; Cass. Pen. 29276/2014;

Art. 14. Diritti dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato

1. Il lavoratore che, in caso di pericolo grave, immediato e che non può essere evitato, si allontana dal posto di lavoro ovvero da una zona pericolosa, non può subire pregiudizio alcuno e deve essere protetto da qualsiasi conseguenza dannosa.

2. Il lavoratore che, in caso di pericolo grave e immediato e nell'impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, prende misure per evitare le conseguenze di tale pericolo, non può subire pregiudizio per tale azione, a meno che non abbia commesso una grave negligenza.

 

 

Giurisprudenza Collegata: Cass. Pen. 1237/2011; Cass. Pen. 49349/2015;

 

 



Art. 15. Pronto soccorso

1. Il datore di lavoro, tenendo conto della natura dell'attività e delle dimensioni dell'azienda ovvero dell'unità produttiva, sentito il medico competente ove previsto, prende i provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza, tenendo conto delle altre eventuali persone presenti sui luoghi di lavoro e stabilendo i necessari rapporti con i servizi esterni, anche per il trasporto dei lavoratori infortunati.
2. Il datore di lavoro, qualora non vi provveda direttamente, designa uno o più lavoratori incaricati dell'attuazione dei provvedimenti di cui al comma 1.

3. Le caratteristiche minime delle attrezzature di pronto soccorso, i requisiti del personale addetto e la sua formazione sono individuati in relazione alla natura dell'attività, al numero dei lavoratori occupati e ai fattori di rischio, con decreto dei Ministri della sanità, del lavoro e della previdenza sociale, della funzione pubblica e dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sentita la commissione consultiva permanente e il Consiglio superiore di sanità.

4. Fino all'emanazione del decreto di cui al comma 3 si applicano le disposizioni vigenti in materia.

 

Giurisprudenza Collegata: Cass.Pen. 6884/2009Cass. Civ. 7318/2013; Cass. Pen. 3266/2015;

 

Capo IV
SORVEGLIANZA SANITARIA

 

 

Art. 16. Contenuto della sorveglianza sanitaria

1. La sorveglianza sanitaria è effettuata nei casi previsti dalla normativa vigente.

2. La sorveglianza di cui al comma 1 è effettuata dal medico competente e comprende:
a) accertamenti preventivi intesi a constatare l'assenza di controindicazioni al lavoro cui i lavoratori sono destinati, ai fini della valutazione della loro idoneità alla mansione specifica;
b) accertamenti periodici per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica.

3. Gli accertamenti di cui al comma 2 comprendono esami clinici e biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio ritenuti necessari dal medico competente.

Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 24290/2005; Cass. Pen. 13161/2005; Parere del Consiglio di Stato 9/11/2005Cass. Pen. 20220/2006; Cass. Pen. 26539/2008; Cass. Civ. 27480/2008; Cass. Civ. 8921/2009; Tribunale di L'Aquila, 19 gennaio 2010; Corte di Appello, 08 giugno 2010;Cass. Civ. 10018/2011; Cass. Pen. 20273/2012; CdS 6340/2012; Cass. Civ. 25072/2013; Cass. Civ. 23784/2015;



Art. 17. Il medico competente

1. Il medico competente:
a) collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione di cui all'art. 8, sulla base della specifica conoscenza dell'organizzazione dell'azienda ovvero dell'unità produttiva e delle situazioni di rischio, alla predisposizione dell'attuazione delle misure per la tutela della salute e dell'integrità psico-fisica dei lavoratori;
b) effettua gli accertamenti sanitari di cui all'art. 16;
c) esprime i giudizi di idoneità alla mansione specifica al lavoro, di cui all'art. 16;
d) istituisce ed aggiorna, sotto la propria responsabilità, per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria, una cartella sanitaria e di rischio da custodire presso il datore di lavoro con salvaguardia del segreto professionale;
e) fornisce informazioni ai lavoratori sul significato degli accertamenti sanitari cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell'attività che comporta l'esposizione a tali agenti. Fornisce altresì, a richiesta, informazioni analoghe ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
f) informa ogni lavoratore interessato dei risultati degli accertamenti sanitari di cui alla lettera B) e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria;
g) comunica, in occasione delle riunioni di cui all'art. 11, ai rappresentanti per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi degli accertamenti clinici e strumentali effettuati e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati;
h) congiuntamente al responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi, visita gli ambienti di lavoro almeno due volte all'anno e partecipa alla programmazione del controllo dell'esposizione dei lavoratori i cui risultati gli sono forniti con tempestività ai fini delle valutazioni e dei pareri di competenza;
i) fatti salvi i controlli sanitari di cui alla lettera b), effettua le visite mediche richieste dal lavoratore qualora tale richiesta sia correlata ai rischi professionali;
l) collabora con il datore di lavoro alla predisposizione del servizio di pronto soccorso di cui all'art. 15; m) collabora all'attività di formazione e informazione di cui al capo VI.

2. Il medico competente può avvalersi, per motivate ragioni, della collaborazione di medici specialisti scelti dal datore di lavoro che ne sopporta gli oneri.

3. Qualora il medico competente, a seguito degli accertamenti di cui all'art. 16, comma 2, esprima un giudizio sull'inidoneità parziale o temporanea o totale del lavoratore, ne informa per iscritto il datore di lavoro e il lavoratore.

4. Avverso il giudizio di cui al comma 3 è ammesso ricorso, entro trenta giorni dalla data di comunicazione del giudizio medesimo, all'organo di vigilanza territorialmente competente che dispone, dopo eventuali ulteriori accertamenti, la conferma, la modifica o la revoca del giudizio stesso.

5. Il medico competente svolge la propria opera in qualità di:
a) dipendente da una struttura esterna pubblica o privata convenzionata con l'imprenditore per lo svolgimento dei compiti di cui al presente capo; b) libero professionista;
c) dipendente del datore di lavoro.

6. Qualora il medico competente sia dipendente del datore di lavoro, questi gli fornisce i mezzi e gli assicura le condizioni necessarie per lo svolgimento dei suoi compiti.

7. Il dipendente di una struttura pubblica non può svolgere l'attività di medico competente qualora esplichi attività di vigilanza.

Giurisprudenza collegata: Cass. Pen. 24290/2005; Cass. Pen. 13161/2005; Parere del Consiglio di Stato 9/11/2005; Cass. Pen. 20220/2006; Cass. Pen. 12738/2008Cass. Pen. 19099/2009; Tribunale di Trieste, 16 aprile 2010; Cass.Civ. 2114/2011;Cass. Civ. 10018/2011; Cass. Civ. 16780/2011; Cass. Civ. 9033/2012; CdS 6340/2012; Cass. Civ. 23068/2013; Cass. Civ. 25392/2013;


 

Capo V
CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI

Art. 18. Rappresentante per la sicurezza

1. In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato il rappresentante per la sicurezza.

2. Nelle aziende, o unità produttive, che occupano sino a 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza è eletto direttamente dai lavoratori al loro interno. Nelle aziende che occupano fino a 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza può essere individuato per più aziende nell'ambito territoriale ovvero del comparto produttivo. Esso può essere designato o eletto dai lavoratori nell'ambito delle rappresentanze sindacali, così come definite dalla contrattazione collettiva di riferimento.

3. Nelle aziende, ovvero unità produttive, con più di 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza è eletto o designato dai lavoratori nell'ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza di tali rappresentanze, è eletto dai lavoratori dell'azienda al loro interno.

4. Il numero, le modalità di designazione o di elezione del rappresentante per la sicurezza, nonchè il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per l'espletamento delle funzioni, sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva.

5. In caso di mancato accordo nella contrattazione collettiva di cui al comma 4, il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sentite le parti, stabilisce con proprio decreto, da emanarsi entro tre mesi dalla comunicazione del mancato accordo, gli standards relativi alle materie di cui al comma 4. Per le amministrazioni pubbliche provvede il Ministro per la funzione pubblica sentite la organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

6. In ogni caso il numero minimo dei rappresentanti di cui al comma 1 è il seguente:
a) un rappresentante nelle aziende ovvero unità produttive sino a 200 dipendenti;
b) tre rappresentanti nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a 1.000 dipendenti;
c) sei rappresentanti in tutte le altre aziende ovvero unità produttive.

7. Le modalità e i contenuti specifici della formazione del rappresentante per la sicurezza sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale di categoria con il rispetto dei contenuti minimi previsti dal decreto di cui all'art. 22, comma 7.

Giurisprudenza collegata: Cass. Civ. 19965/2006 ; Corte Cost. 399/96;Cass. Pen. 9917/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 26420/2013; Cass. Pen. 26970/2013; Cass. Pen. 27162/2015; Cass. Civ. 17511/2015;


Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003 ; Accordo nel settore tessile - RLS ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996 ; Accordo Federchimica, Farmindustria, Intersind 20/9/1995 ;


Art. 19. Attribuzioni del rappresentante per la sicurezza

1. Il rappresentante per la sicurezza:
a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;
b) è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell'azienda ovvero unità produttiva;
c) è consultato sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione, all'attività di prevenzione incendi, al pronto soccorso, alla evacuazione dei lavoratori;
d) è consultato in merito all'organizzazione della formazione di cui all'art. 22, comma 5;
e) riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonchè quelle inerenti le sostanze e i preparati pericolosi, le macchine, gli impianti, l'organizzazione e gli ambienti di lavoro, gli infortuni e le malattie professionali;
f) riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;
g) riceve una formazione adeguata, comunque non inferiore a quella prevista dall'art. 22;
h) promuove l'elaborazione, l'individuazione e l'attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l'integrità fisica dei lavoratori;
i) formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti;
l) partecipa alla riunione periodica di cui all'art. 11;
m) fa proposte in merito all'attività di prevenzione;
n) avverte il responsabile dell'azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività;
o) può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non sono idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.

2. Il rappresentante per la sicurezza deve disporre del tempo necessario allo svolgimento dell'incarico senza perdita di retribuzione, nonchè dei mezzi necessari per l'esercizio delle funzioni e delle facoltà riconosciutegli.

3. Le modalità per l'esercizio delle funzioni di cui al comma 1 sono stabilite in sede di contrattazione collettiva nazionale.

4. Il rappresentante per la sicurezza non può subire pregiudizio alcuno a causa delle svolgimento della propria attività e nei suoi confronti si applicano le stesse tutele previste dalla legge per le rappresentanze sindacali.

5. Il rappresentante per la sicurezza ha accesso, per l'espletamento della sua funzione, al documento di cui all'art. 4, commi 2 e 3, nonchè al registro degli infortuni sul lavoro di cui all'art. 4, comma 5, lettera o).

Giurisprudenza collegata: Cass. Civ. 19965/2006 ; Corte Cost. 399/96;Tribunale di Modena 26 gennaio 2010; Cass. Pen. 9917/2011;


Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003 ; Verbale di Accordo tra Ass. industriali vetro e sindacati 1/3/1996 ; Accordo nel settore tessile - RLS ; Verbale di accordo Aziende del gas municipalizzato - RLS ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996 ; Accordo Federchimica, Farmindustria, Intersind 20/9/1995 ; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Civ. 16474/2012; Cass. Pen. 40605/2013; Cass. Civ. 25392/2013;


Art. 20. Organismi paritetici

1. A livello territoriale sono costituiti organismi paritetici tra le organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori, con funzioni di orientamento e di promozione di iniziative formative nei confronti dei lavoratori. Tali organismi sono inoltre prima istanza di riferimento in merito a controversie sorte sull'applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione, previsti dalle norme vigenti.

2. Sono fatti salvi, ai fini del comma 1, gli organismi bilaterali o partecipativi previsti da accordi interconfederali, di categoria, nazionali, territoriali o aziendali.

3. Agli effetti dell'art. 10 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, gli organismi di cui al comma 1 sono parificati alla rappresentanza indicata nel medesimo articolo.

Giurisprudenza Collegata: Cass. Pen. 41187/2008;Cass. Pen. 9917/2011; Trib. Monza 05 maggio 2011; Cass. Pen. 35921/2012; Cass. Civ. 25392/2013; Cass. Pen. 27162/2015; Cass. Pen. 49349/2015;

Note e Commenti: Arganese Arianna, Sicurezza sul lavoro: i nuovi compiti e poteri degli organismi paritetici;


Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003 ; Accordo nel settore tessile - RLS ;

Capo VI
INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI

 

 

 

Art. 21. Informazione dei lavoratori

1. Il datore di lavoro provvede affinchè ciascun lavoratore riceva un'adeguata informazione su:
a) i rischi per la sicurezza e la salute connessi all'attività dell'impresa in generale;
b) le misure e le attività di protezione e prevenzione adottate;
c) i rischi specifici cui è esposto in relazione all'attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia;
d) i pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica;
e) le procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l'evacuazione dei lavoratori;
f) il responsabile del servizio di prevenzione e protezione ed il medico competente;
g) i nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di cui agli articoli 12 e 15.

2. Il datore di lavoro fornisce le informazioni di cui al comma 1, lettere a), b), c), anche ai lavoratori di cui all'art. 1, comma 3.

Giurisprudenza collegata: Pretura di Trento, 25 gennaio 1999Cass. pen. 18638/2004;   Cass. civ. 7328/2004Cass. pen. 10353/2006 ;  Cass. Pen. 36981/2005 ; Cass. Pen. 47137/2007;Cass. Pen. 6281/2007; Cass.Pen. 39888/2008; Cass. Pen. 41187/2008; Cass. Pen. 13953/2008;Cass. Pen. 40796/2008;   Cass. Pen. 15009/2009; Cass.Pen. 23929/2009 ; Cass. Pen. 44890/2009Cass. Pen. 22822/2009 Cass. Pen. 1831/2009; Cass. Pen. 41823/2009; Tribunale Roma, 21 luglio 2009;Cass. Pen. 4917/2010; Cass. Pen. 6694/2010;Cass. Pen. 10448/2010; Corte di Appello di Milano, 4 febbraio 2010Cass. Pen. 11262/2010Cass. Pen. 9951/2010; Cass. Pen. 4930/2010; Cass. Pen. 34771/2010;   T.A.R. 35028/2010;Cass. Pen. 1856/2011;Cass. Pen. 8257/2011;Tribunale di Campobasso, 21 marzo 2011;Cass. Pen. 17214/2011; Cass. Pen. 28921/2011; Cass. Pen. 31569/2011; Cass. Pen. 36612/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 43022/2011; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Civ. 1401/2012; Cass. Pen. 3999/2012; Cass. Pen. 19452/2012; Cass. Pen. 21850/2012; Cass. Pen. 21842/2012; Cass. Pen. 24085/2012; Cass. Pen. 23630/2012; Trib. Ivrea, 01 agosto 2012; Trib. Nuoro, 14 luglio 2012; Corte di Appello di Napoli, 9 gennaio 2013; Cass. Pen. 2564/2013; Cass. Civ. 8861/2013; Cass. Pen. 9454/2013; Cass. Pen. 10327/2013; Cass. Pen. 13731/2013; Cass. Pen. 20970/2013; Cass. Pen. 18639/2013; Cass. Pen. 24764/2013; Cass. Pen. 44482/2013; Cass. Pen. 1471/2014; Cass. Pen. 5029/2014; Cass. Pen. 14787/2014; Cass. Pen. 24616/2014; Cass. Pen. 25222/2014; Cass. Pen. 46820/2014; Cass. Pen. 7960/2015; Cass. Pen. 9864/2015; Cass. Pen. 17163/2015; Cass. Pen. 18083/2015; Cass. Pen. 21256/2015; Cass. Pen. 22849/2015; Cass. Pen. 24460/2015; Cass. Pen. 29908/2015; Cass. Pen. 36882/2015; Cass. Pen. 49349/2015; Cass. Pen. 8591/2016;



 



Contratti e relazioni Sindacali collegati: Verbale di Accordo tra Ass. industriali vetro e sindacati 1/3/1996 ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996 ; Accordo Federchimica, Farmindustria, Intersind 20/9/1995 ;

Note e commenti: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, I minori al lavoro ;


Art. 22. Formazione dei lavoratori

1. Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore, ivi compresi i lavoratori di cui all'art. 1, comma 3, riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e di salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro ed alle proprie mansioni.

2. La formazione deve avvenire in occasione:
a) dell'assunzione;
b) del trasferimento o cambiamento di mansioni;
c) dell'introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi.

3. La formazione deve essere periodicamente ripetuta in relazione all'evoluzione dei rischi ovvero all'insorgenza di nuovi rischi.

4. Il rappresentante per la sicurezza ha diritto ad una formazione particolare in materia di salute e sicurezza, concernente la normativa in materia di sicurezza e salute e i rischi specifici esistenti nel proprio ambito di rappresentanza, tale da assicurargli adeguate nozioni sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi.

5. I lavoratori incaricati dell'attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza devono essere adeguatamente formati.

6. La formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti di cui al comma 4 deve avvenire, in collaborazione con gli organismi paritetici di cui all'art. 20, durante l'orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori.

7. I Ministri del lavoro e della previdenza sociale e della sanità, sentita la commissione consultiva permanente, possono stabilire i contenuti minimi della formazione dei lavoratori, dei rappresentanti per la sicurezza e dei datori di lavoro di cui all'art. 10, comma 3, tenendo anche conto delle dimensioni e della tipologia delle imprese.

Giurisprudenza collegata: Cass. civ. 7328/2004; Cass. Pen. 20220/2006; Cass. Pen. 47137/2007; Cass. Pen. 4063/2007; Cass. Pen. 6281/2007; Cass.Pen. 39888/2008; Cass.Pen. 43117/2008; Cass. Pen. 23604/2009;Cass. Pen. 20454/2009 Cass. Pen. 44890/2009; Cass. Pen. 1831/2009; Tribunale Roma, 21 luglio 2009;Cass. Pen. 4917/2010;Cass. Pen. 6694/2010; Cass. Pen. 10448/2010;Tribunale di L'Aquila, 19 gennaio 2010;Cass.Pen. 39964/2009Cass. Pen. 46744/2009;  Cass. Pen. 22822/2009Cass. Pen. 3587/2010; Cass. Pen. 4922/2010Corte di Appello di Milano, 4 febbraio 2010Cass. Pen. 11262/2010Cass. Pen. 9951/2010; Cass. Pen. 13247/2010; Cass. Pen. 34771/2010; Cass.Pen. 34774/2010; Tribunale di Ivrea, 31 marzo 2010; Corte d'Appello di Bologna, 10 marzo 2010;Tribunale di Milano, 4339/2010; Cass. Pen. 6202/2010;  Cass. Pen. 38700/2010;Trib. Novara, 26 ottobre 2010;Cass. Pen. 1856/2011; Cass. Pen. 8257/2011Tribunale di Campobasso, 21 marzo 2011;Cass. Pen. 16086/2011; Cass. Pen. 16087/2011;Cass. Pen. 17214/2011; Cass. Pen. 23270/2011; Cass. Pen. 23314/2011; Cass. Pen. 24547/2011; Trib. Monza 05 maggio 2011; Cass. Pen. 28800/2011; Cass. Pen. 31569/2011; Cass. Civ. 16780/2011; Cass. Pen. 36612/2011; Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Pen. 43022/2011; Trib. Taranto 13 agosto 2012; Cass. Pen. 626/2012; Cass. Civ. 1401/2012; Cass. Pen. 3999/2012; Cass. Pen. 7611/2012; Cass. Pen. 7904/2012; Cass. Pen. 19452/2012; Cass. Pen. 21850/2012; Cass. Pen. 24085/2012; Cass. Pen. 23630/2012; Tribunale di Monza, 14 maggio 2012; Corte di appello di Firenze, 23 aprile 2012; Trib. Ivrea, 01 agosto 2012; Trib. Nuoro, 14 luglio 2012; Corte di Appello di Napoli, 9 gennaio 2013; Cass. Pen. 3283/2013; Cass. Pen. 3837/2013; Cass. Civ. 8861/2013; Cass. Pen. 9454/2013; Cass. Pen. 10319/2013; Cass. Pen. 13731/2013; Cass. Pen. 18639/2013; Cass. Pen. 20970/2013; Cass. Pen. 24764/2013; Cass. Pen. 40605/2013; Cass. Pen. 43080/2013; Cass. Pen. 50605/2013; Cass. Pen. 1471/2014; Cass. Pen. 14787/2014; Cass. Pen. 24616/2014; Cass. Pen. 25222/2014; Cass. Pen. 37312/2014; Cass. Pen. 43846/2014; Cass. Pen. 46438/2014; Cass. Pen. 46820/2014; Cass. Pen. 7960/2015; Cass. Pen. 9864/2015; Cass. Pen. 17163/2015; Cass. Pen. 18083/2015; Cass. Pen. 21256/2015; Cass. Pen. 24460/2015; Cass. Pen. 29908/2015; Cass. Pen. 36882/2015; Cass. Pen. 49349/2015; Cass. Pen. 8591/2016; Cass. Pen.9571/2016;

 

 

 

 

 

Contratti e relazioni Sindacali collegati: Accordo integrativo Poste italiane 16/9/2003 ; Verbale di Accordo tra Ass. industriali vetro e sindacati 1/3/1996 ; Accordo comparto agricolo 18/12/1996 ; Accordo Federchimica, Farmindustria, Intersind 20/9/1995 Cass. Pen. 11264/2010;

 

Capo VII
DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Art. 23. Vigilanza

1. La vigilanza sull'applicazione della legislazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro è svolta dall'Unità sanitaria locale e, per quanto di specifica competenza, dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonchè, per il settore minerario, dal Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato, e per le industrie estrattive di seconda categoria e le acque minerali e termali dalle regioni e province autonome di Trento e di Bolzano.

2. Ferme restando le competenze in materia di vigilanza attribuite dalla legislazione vigente all'Ispettorato del lavoro, per attività lavorative comportanti rischi particolarmente elevati, da individuare con decreto del Presidente del consiglio dei ministri, su proposta dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale e della sanità, sentita la commissione consultiva permanente, l'attività di vigilanza sull'applicazione della legislazione in materia di sicurezza può essere esercitata anche dall'Ispettorato del lavoro che ne informa preventivamente il servizio di prevenzione e sicurezza dell'Unità sanitaria locale competente per territorio.

3. Il decreto di cui al comma 2 è emanato entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

4. Restano ferme le competenze in materia di sicurezza e salute dei lavoratori attribuite dalle disposizioni vigenti agli uffici di sanità aerea e marittima e alle autorità marittime, portuali ed aeroportuali, per quanto riguarda la sicurezza dei lavoratori a bordo di navi e di aeromobili ed in ambito portuale ed aeroportuale, ed ai servizi sanitari e tecnici istituiti per le Forze armate e per le forze di polizia; i predetti servizi sono competenti altresì per le aree riservate o operative e per quelle che presentano analoghe esigenze da individuarsi, anche per quel che riguarda le modalità di attuazione, con decreto del Ministro competente di concerto con i Ministri del lavoro e della previdenza sociale e della sanità. L'amministrazione della giustizia può avvalersi dei servizi istituiti per le Forze armate e di polizia, anche mediante convenzione con i rispettivi Ministeri, nonchè dei servizi istituiti con riferimento alle strutture penitenziarie.

 

Giurisprudenza Collegata: Tribunale di Torino, Seconda Corte di Assise, 14 novembre 2011; Cass. Civ. 25392/2013;



Art. 24. Informazione, consulenza, assistenza

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, il Ministero dell'interno tramite le strutture del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, l'Istituto superiore per la prevenzione e sicurezza sul lavoro, anche mediante i propri dipartimenti periferici, il Ministero del lavoro e della previdenza sociale, per mezzo degli Ispettorati del lavoro, il Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato, per il settore estrattivo, tramite gli uffici della direzione generale delle miniere, l'Istituto italiano di medicina sociale, l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e gli enti di patronato svolgono attività di informazione, consulenza e assistenza in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, in particolare nei confronti delle imprese artigiane e delle piccole e medie imprese delle rispettive associazioni dei datori di lavoro.

2. L'attività di consulenza non può essere prestata dai soggetti che svolgono attività di controllo e di vigilanza.

Giurisprudenza Collegata: Cass. Pen. 41187/2008;


Art. 25. Coordinamento

1. Con atto di indirizzo e coordinamento, da emanarsi, su proposta dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale e della sanità, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono individuati criteri al fine di assicurare unità ed omogeneità di comportamenti in tutto il territorio nazionale nell'applicazione delle disposizioni in materia di sicurezza e salute dei lavoratori e di radioprotezione.

Art. 26. Commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e l'igiene del lavoro

1. L'art. 393 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547, è sostituito dal seguente: "Art. 393. (Costituzione della commissione). 1. Presso il Ministero del lavoro e della previdenza sociale è istituita una commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e per l'igiene del lavoro. Essa è presieduta dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale o dal direttore generale della Direzione generale dei rapporti di lavoro da lui delegato, ed è composta da:
a) cinque funzionari esperti designati dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di cui tre ispettori del lavoro, laureati uno in ingegneria, uno in medicina e chirurgia e uno in chimica o fisica;
b) il direttore e tre funzionari dell'Istituto superiore per la prevenzione e sicurezza del lavoro;
c) un funzionario dell'Istituto superiore di sanità;
d) il direttore generale competente del Ministero della sanità ed un funzionario per ciascuno dei seguenti Ministeri: industria; commercio ed artigianato; interno; difesa; trasporti; risorse agricole, alimentari e forestali; ambiente e della Presidenza del consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica e degli affari regionali; ;
e) sei rappresentanti delle regioni e province autonome designati dalla Conferenza Stato-regioni;
f) un rappresentante dei seguenti organismi: Istituto nazionale assicurazioni e infortuni sul lavoro; Corpo nazionale dei vigili del fuoco; Consiglio nazionale delle ricerche; UNI; CEI; Agenzia nazionale protezione ambiente; Istituto italiano di medicina sociale;
g) otto esperti nominati dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale su designazione delle organizzazioni sindacali dei lavoratori maggiormente rappresentative a livello nazionale;
h) otto esperti nominati dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale su designazione delle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro, anche dell'artigianato e della piccola e media impresa maggiormente rappresentative a livello nazionale;
i) un esperto nominato dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale su designazione delle organizzazioni sindacali dei dirigenti d'azienda maggiormente rappresentative a livello nazionale. Ai predetti componenti, per le riunioni o giornate di lavoro, non spetta il gettone di presenza di cui al decreto del Presidente della Repubblica 11 gennaio 1956, n. 5, e successive modificazioni.

2. Per ogni rappresentante effettivo è designato un membro supplente.

3. All'inizio di ogni mandato la commissione può istituire comitati speciali permanenti dei quali determina la composizione e la funzione.

4. La commissione può chiamare a far parte dei comitati di cui al comma 3 persone particolarmente esperte, anche su designazione delle associazioni professionali, dell'università e degli enti di ricerca, in relazione alle materie trattate.

5. Le funzioni inerenti alla segreteria della commissione sono disimpegnate da due funzionari del Ministero del lavoro e della previdenza sociale.

6. I componenti della commissione consultiva permanente ed i segretari sono nominati con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale su designazione degli organismi competenti e durano in carica tre anni.".

2. L'art. 394 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547, è sostituito dal seguente: "Art. 394. (Compiti della commissione). 1. La commissione consultiva permanente ha il compito di:
a) esaminare i problemi applicativi della normativa in materia di sicurezza e salute sul posto di lavoro e predisporre una relazione annuale al riguardo;
b) formulare proposte per lo sviluppo e il perfezionamento della legislazione vigente e per il suo coordinamento con altre disposizioni concernenti la sicurezza e la protezione della salute dei lavoratori, nonchè per il coordinamento degli organi preposti alla vigilanza;
c) esaminare le problematiche evidenziate dai comitati regionali sulle misure preventive e di controllo dei rischi adottate nei luoghi di lavoro;
d) proporre linee guida applicative della normativa di sicurezza;
e) esprimere parere sugli adeguamenti di natura strettamente tecnica relativi alla normativa CEE da attuare a livello nazionale;
f) esprimere parere sulle richieste di deroga previste dall'art. 48 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;
g) esprimere parere sulle richieste di deroga previste dall'art. 8 del decreto legislativo 25 gennaio 1992, n. 77;
h) esprimere parere sul riconoscimento della conformità alle vigenti norme per la sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro di mezzi e sistemi di sicurezza;
i) esprimere il parere sui ricorsi avverso le disposizioni impartite dagli ispettori del lavoro nell'esercizio della vigilanza, sulle attività comportanti rischi particolarmente elevati, individuate ai sensi dell'art. 43, comma 1, lettera g), n. 4, della legge 19 febbraio 1991, n. 142, secondo le modalità di cui all'art. 402;
l) esprimere parere, su richiesta del Ministero del lavoro e della previdenza sociale o del Ministero della sanità o delle regioni, su qualsiasi questione relativa alla sicurezza del lavoro e alla protezione della salute dei lavoratori.

2. La relazione di cui al comma precedente, lettera a), è resa pubblica ed è trasmessa alle commissioni parlamentari competenti ed ai presidenti delle regioni.

3. La commissione, per l'espletamento dei suoi compiti, può chiedere dati o promuovere indagini e, su richiesta o autorizzazione del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, effettuare sopralluoghi.".

3. L'art. 395 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547, è soppresso.


Art. 27. Comitati regionali di coordinamento

1. Con atto di indirizzo e coordinamento, da emanarsi entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sentita la Conferenza Stato-regioni, su proposta dei Ministri del lavoro e della previdenza sociale e della sanità, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, sono individuati criteri generali relativi all'individuazione di organi operanti nella materia della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro al fine di realizzare uniformità di interventi ed il necessario raccordo con la commissione consultiva permanente.

2. Alle riunioni della Conferenza Stato-regioni, convocate per i pareri di cui al comma 1, partecipano i rappresentanti dell'ANCI, dell'UPI e dell'UNICEM.



Art. 28. Adeguamenti al progresso tecnico

1. Con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri della sanità e dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sentita la commissione consultiva permanente:
a) è riconosciuta la conformità alle vigenti norme per la sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro di mezzi e sistemi di sicurezza;
b) si dà attuazione alle direttive in materia di sicurezza e salute dei lavoratori sul luogo di lavoro della Comunità europea per le parti in cui modificano modalità esecutive e caratteristiche di ordine tecnico di altre direttive già recepite nell'ordinamento nazionale;
c) si provvede all'adeguamento della normativa di natura strettamente tecnica e degli allegati al presente decreto in relazione al progresso tecnologico.

Capo VIII
STATISTICHE DEGLI INFORTUNI E DELLE MALATTIE PROFESSIONALI

Art. 29. Statistiche degli infortuni e delle malattie professionali

1. L'INAIL e l'ISPESL si forniscono reciprocamente i dati relativi agli infortuni ed alle malattie professionali anche con strumenti telematici.

2. L'ISPESL e l'INAIL indicono una conferenza permanente di servizio per assicurare il necessario coordinamento in relazione a quanto previsto dall'art. 8, comma 3, del decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517, nonchè per verificare l'adeguatezza dei sistemi di prevenzione ed assicurativi, e per studiare e proporre soluzioni normative e tecniche atte a ridurre il fenomeno degli infortuni e delle malattie professionali.

3. I criteri per la raccolta ed elaborazione delle informazioni relative ai rischi e ai danni derivanti da infortunio durante l'attività lavorativa sono individuati nelle norme UNI, riguardanti i parametri per la classificazione dei casi di infortunio, ed i criteri per il calcolo degli indici di frequenza e gravità e loro successivi aggiornamenti.

4. Con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale e del Ministro della sanità, sentita la commissione consultiva permanente, possono essere individuati criteri integrativi di quelli di cui al comma 3 in relazione a particolari rischi.

5. I criteri per la raccolta e l'elaborazione delle informazioni relative ai rischi e ai danni derivanti dalle malattie professionali, nonchè ad altre malattie e forme patologiche eziologicamente collegate al lavoro, sono individuati con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale e del Ministro della sanità, sentita la commissione consultiva permanente, sulla base delle norme di buona tecnica.


Nota
Articolo modificato dal  D.Lgs. 257/2006:

Art. 3.
Sanzioni

1. All'articolo 89 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, dopo le parole: «49-quinquies, commi 1 e 6;» sono inserite le seguenti: «59-quinquies, commi 1 e 3;»;
b) al comma 2, lettera a), dopo le parole: «56, comma 2; 58;» sono inserite le seguenti: «59-sexies, commi 1, 2 e 4; 59-septies; 59-nonies, comma 1; 59-decies; 59-undecies; 59-duodecies, commi da 1 a 4; 59-terdecies; 59-quaterdecies; 59-quinquiesdecies, commi 1, 2 e 3; 59-sexiesdecies, commi 1, secondo periodo, e 2;»;
c) al comma 2, lettera b), dopo le parole: «56, comma 1; 57;» sono inserite le seguenti: «59-quater, comma 1; 59-octies;»;
d) al comma 2, dopo la lettera b-bis), e' aggiunta la seguente: «b-ter) con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda da euro 250 a euro 1.000 per la violazione degli articoli 59-sexies, comma 3, e 59-duodecies, commi 5 e 7.»;
e) al comma 3, dopo le parole: «11;» sono inserite le seguenti: «59-nonies, comma 3; 59-sexiesdecies, commi 3 e 4;».

http://olympus.uniurb.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5860:cassazione-penale-sez-4-07-settembre-2011-n-33285&catid=17:cassazione-penale&Itemid=60